Your SlideShare is downloading. ×
0
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
So l italia   pres parte 1
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

So l italia pres parte 1

512

Published on

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
512
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Un Hub interconnesso per la diffusione in Italia del Management e del Pensiero del XXI secolo Progetto per la costituzione della community italiana dellaSociety for Organizational Learning fondata a Boston da Peter Senge Parte 1 work in progress – 13 ottobre 2011
  • 2. IndicePARTE 1 – IL CONTESTO1. Levoluzione del Management del XXI secolo2. Le origini e levoluzione dei nuovi paradigmi di pensiero3. Core Practices : Learning Organization e Theory U4. La Costellazione Internazionale di Organizzazioni e Metodologie intorno a SoL
  • 3. IndicePARTE 2 - IL PROGETTO5. SoL Italia : La Community6. SoL Italia : Scenari, Strategia, Operations7. SoL Italia : I Grandi Progetti per Domani
  • 4.  LEvoluzione delManagement del XXI secolo2009 - Manifesto MIX : dopo 100 anni la fine del Management Scientifico
  • 5. Albert Einstein“Non si può risolvereun problemacon lo stessolivello diconsapevolezzache lo haoriginato”
  • 6. Think different “Questo film lo dedichiamo ai folli, agli anticonformisti, ai ribelli, ai piantagrane, a tutti coloro che vedono le cose in modo diverso. Costoro non amano le regole, specie i regolamenti, e non hanno alcun rispetto per lo status quo. Potete citarli, essere in disaccordo con loro, potete glorificarli o denigrarli, ma l’unica che non potete mai fare è ignorarli, perché riescono a cambiare le cose, perché fanno progredire l’umanità, e mentre qualcuno potrebbe definirli folli, noi ne vediamo il genio. Perché solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo lo cambiano davvero!” Dedicato a Noi !
  • 7. Il sole sorge o tramonta ?Il Pensiero generale viene sempre dietro alla Realtà,mentre le AVANGUARDIE spesso la anticipano …… e considerate questo con riferimento al MANAGEMENT
  • 8. World is Changing !Seagram building – New York 1958 Mantenere la stabilità e l’ordine Ridurre la complessità Razionalità Controllo emozioni e sentimenti Spazio cartesiano Massima efficienza Catena di montaggio Organizzazione tayloristicaRAZIONALISMO
  • 9. World is Changing !Museo Guggenheim - Bilbao – 1997 Forme disperse, ma correlate Rete Dinamismo Ordine emergente e transitorio Creatività e innovazione Contaminazione Complessità in divenire Imprevedibilità TEORIA DELLA COMPLESSITA
  • 10. Gary Hamel : Il Futuro del management Se un dirigente degli anni Sessanta fosse catapultato dalla macchina del tempo in un’azienda dei nostri giorni si troverebbe a vagare spaesato tra nuove tecnologie, prodotti, sistemi, modelli di comunicazione, fino a quando... qualcuno gli illustrasse gli stili di management in uso. Gli stessi che conosceva e applicava ai suoi tempi. Uguali. Immutati. Il futuro del management evidenzia ciò che tutti sanno ma nessuno ammette: il modo in cui si gestiscono le aziende è sorpassato, e il management deve svecchiarsi e cambiare per non fallire le sfide del nuovo secolo.
  • 11. Gary Hamel : Il Futuro del management Il modello organizzativo centrato su controllo ed efficienza non è più sufficiente in un mondo in cui adattabilità e creatività sono i motori del successo. L’autentica innovazione non è quella di prodotto, di processo o di strategia. Il vantaggio competitivo che dura più a lungo è quello che deriva dall’innovazione del modo di gestire le aziende, e proprio questo, dunque, è necessario cambiare.
  • 12. World is Changing ! SHAREHOLDER Complementor Supplier IMPRESA 1.0 Customer con POWERDominio informativoDominio organizzativo PERSONALE Competitor
  • 13. World is Changing ! SHAREHOLDER Complementor Supplier IMPRESA 2.0 con EMPOWERMENT Customer ? Competitor PERSONALE Governo di un ECOSISTEMA
  • 14. Management, Scienza e Filosofia nel XXI secoloPossiamo affermare che da alcuni decenni, diciamo dalla caduta delmuro di Berlino, le grandi imprese multinazionali sono diventate, difatto, le massime istituzioni del Mondo.Infatti non esistono ancora organizzazioni politiche di livello globale, e leorganizzazioni istituzional di livello mondiale, come lONU, in primis nonhanno neanche da lontano i poteri di una grande impresa globale. Bastipensare che i controversi rapporti tra Cina e U.S. sono per non più di unquarto sul piano politico tra governi, e per oltre tre quarti sono su quellodegli interessi economici tra imprese.Detto questo, ci rendiamo conto che il Management come disciplina,come categoria dei saperi, va forse posto oggi in cima a tutti, come erauna volta per la filosofia o per la religione o il diritto, perchè è dalManagement che dipende il modo come funzionano le imprese, edi conseguenza il modo come impattano nel mondo e modificano ilmondo?
  • 15. Management, Scienza e Filosofia nel XXI secoloLa crisi del 2008 ha segnato un punto di svolta eaccelerazione nella riflessione, già in corso, sullainadeguatazza e sulla necessità di superamento delmanagement tradizionale, operante tuttora nel 80%almeno delle imprese e delle altre organizzazioni delmondo (pubbliche o no-profit, di solito meno progreditedelle imprese in quanto a nuove tecnologie gestionali).Il management tradizionale ha ormai circa 100 anni e sibasa su un impianto filosofico, cartesiano enewtoniano, di tipo razionalista, lineare, meccanicisticoe riduzionista, che ha alcuni secoli, ed è oggi ampiamenteinsufficiante ad affrontare la complessità del mondo attuale.
  • 16. Management 1.0 : una tecnologia matura<<Il management 1.0 ha fallito! Dobbiamo reinventare il Management. Quale legge decreta che la nostra organizzazione deve essere burocratica, inerziale e politicizzata o che la vita nella stessa deve deve essere dis- energizzante, scoraggiante e spesso addirittura noiosa? Nessuna legge che conosciamo. Allora perché non costruire organizzazioni che sono così resistenti, inventiva, stimolante e socialmente responsabili, come le persone che lavorano al loro interno? Perché no, anzi. Questa è la missione del MIX>>.
  • 17. Eric Fromm<< True freedom is not theabsence of structure – lettingpeople go off and dowhatever they want – butrather a clear structure thatenables people to workwithin establishedboundaries in a autonomousand creative way >>
  • 18. Management ...the technologyof humanaccomplishment
  • 19. MIX – Management Innovation ExchangeIl movimento MIX è stato promosso Gary Hamel e i 35 della “Renegade Brigade, tra i quali Peter Senge.I sei principi base del Manifesto del MIX del 2010:Cura lAnima,Scatena Capacità,Favorisci il rinnovamento,Allarga le menti,Distribuisci il potere,Cerca lequilibrio.
  • 20. Dimensione dellefficacia manageriale Amplificare lo sforzo Innovazione Manageriale Passione Creatività Iniziativa Management 2.0 Intelletto Diligenza taylorismo Obbedienza Aggregare lo sforzo (Connessione e Collaborazione)
  • 21. Il MIX valorizza lintelligenza creativa collettivaLa valorizzazione della“intelligenza creativa collettiva”oggi incarnata da concetti come :“open enterprise”“community management”“creative class”“crowd-sourcing”“co-creazione di valore”“innovation through collaboration”
  • 22. Il MIX precorre imprese con modelli a rete
  • 23. Centralità spostata dalla macchina alluomo
  • 24. Da dominio a collaborazione
  • 25. Inversione del rapporto soldi-intelligenza
  • 26. Le 4 dimensioni e gli 8 principi Principi Principi tradizionali alternativi Gestione delle Burocrazia Emergenza attività Gestione delle Gerarchia Visione collettiva decisioni Gestione degli Allineamento Obliquità obiettivi SCOPI Gestione della Estrinseca Intrinseca motivazione individuale
  • 27. Le 4 dimensioni e gli 8 principiBurocrazia : è un mezzo per Emergenza : è uncoordinare attività economiche coordinamento spontaneo diusando regole formali e attività ottenuto attraverso ilprocedure per assicurare comportamento interessato deiconformità di comportamento e diversi attorigenerare output consistentiGerarchia : è un modo di Visione collettiva : suggeriscestrutturare il lavoro che ai che in certe condizioni lunionemanager legittima autorità sui di esperienze di un granloro subordinati e rinforza numero di persone producequesto potere su di loro a previsioni più accurate eprescindere dai suoi valore, decisioni migliori di quelle di undalle loro esperienze e piccolo gruppo di esperticonsapevolezze
  • 28. Le 4 dimensioni e gli 8 principiAllineamento : il principio Obliquità : il principiostabilisce che in un contesto stabilisce che gli obiettividi business tutti i dipendenti sono spesso raggiuntilavorano direttamente verso meglio quando perseguiti inlo stesso obiettivo comune. modo indiretto.Motivazione estrinseca : Motivazione intrinseca :viene da fuori della persona, viene dai ritorni dellattività inper esempio denaro, se stessa, come suonare ilcoercizione, punizioni. piano, passeggiare in campagna, o comporre un puzzle.
  • 29. Gestione delle attività BUROCRAZIA EMERGENZA
  • 30. Gestione delle decisioni GERARCHIA VISIONE COLLETTIVA
  • 31. Gestione degli obiettivi ALLINEAMENTO OBLIQUITA
  • 32. Gestione della motivazione individuale ESTRINSECA INTRINSECA
  • 33. I due Paradigmi del ManagementMANAGEMENT SCIENTIFICO MANAGEMENT EVOLUTIVO MECCANICISTICO, SISTEMICO, DELLA RIDUZIONISTA COMPLESSITA 1910 2010 2020
  • 34. I due Paradigmi del Management
  • 35. Teoria Tradizionale Realtà EmergenteFinalità Generare valore per i shareholders Autopoiesi attraverso la soddisfazione deglidellimpresa interessi di tutti i stakeholdersOttica Di breve periodo, finanziaria, Di lungo periodo, generale,gestionale valorizzazione asset tangibili Valorizzazione di tutti gli assetPrincipali attori e Manager, burocrazie piramidali, Imprenditori, democrazie delle idee, mercati,relative logiche dominio di oligopoli, proprietà di reti di valore conglomerateModello Meccanicistico, lineare, ordine Complesso, sistemico, ordine-caos
  • 36. Teoria Tradizionale Realtà EmergenteFilosofie di Razionalismo aristotetelico e Relativismo, Teoria dei sistemi, cibernetica,riferimento cartesiano, scienza meccanicistica Teoria della complessità newtonianaVisione Strutturalista, futuro prevedibile come Ricostruzionista, futuro non prevedibile madellambiente trend esterno non soggetto agli influssi possibilità di contribuire a costruirlodi mercato dellimpresaStratedgia Pianificazione strategica Archittetura strategicadimpresa Teorie Y : gerarchica, lineare, Teorie O : diffusa, sistemica, divergente, pro- convergente, reattiva (5 forces di attiva (delta model, blue ocean strategy, house Porter) of innovation, design of business)Leadership, Decisioni conservative, controllo Decisioni evolutive, auto-controllo,controllo e esterno, motivazione estrinseca con motivazione intrinseca dalla visione e daimotivazione premi e punizioni valoriDecisioni basate Potere e specialismo Intelligenza collettivasu
  • 37. Ma se vogliamo guardareoltre le apparenze e lasuperficie e capire chetipo di cambiamentiprofondi ci sono dietro aquelli del management,puo’ essere utile fare unpiccolo viaggio nel mondodelle filosofia e dellascienza … magari unviaggio simile a quellofatto da Peter Senge, OttoScharmer e tutti gli altridel mondo SoL.
  • 38.  Le Origini e lEvoluzionedei Nuovi Paradigmi di Pensiero
  • 39. Albert Einstein<<Il Mondoche abbiamo creatoè un prodottodel nostro pensiero>>.
  • 40. Competizione ... Collaborazione Paradigma del XX secolo Paradigma del XXI secolo
  • 41. Salto di Paradigma
  • 42. 1981 - Fritjof Capra – Il Punto di SvoltaFritjof Capra, uno dei padri del pensiero sistemico edellevoluzionismo applicato alle scienze sociali, denuncia ilimiti e le lacune del sapere convenzionale occidentale.Capra afferma che la scienza newtoniana che ha dominatola cultura occidentale per più di due secoli ed alla qualecontinuano ad ispirarsi non solo le scienze così detteesatte, ma anche numerose scienze umane (come ilmanagement) si fonda su un pensiero lineare e riduttivomesso in crisi, già nei primi decenni del XX secolo, daglisviluppi della nuova fisica in cui sono state fondamentali leintuizioni di Albert Einstein.Solo un superamento del riduzionismo cartesiano ispiratoad una visione olistica ed ecologica del mondo potràaiutarci a scioliere i nodi problematici del nostro tempo.
  • 43. 1981 - Fritijof Capra – Il Punto di SvoltaLe Ere secondo Sorakin Sensistico Idealistico Ideazionale Rinascimento Era Moderna Fioritura Greca Era Medioevale
  • 44. Le basi del Pensiero post-cartesianoTeoria EvoluzionistaTeoria della relativitàTeoria QuantisticaCiberneticaTeoria Generale dei SistemiPsicologia SistemicaDinamica dei SistemiPensiero SistemicoTeoria della ComplessitàEpistemologia della ComplessitàPensiero Integrale
  • 45. Teoria Evoluzionista (Wikipedia)Sin da prima che Charles Darwin, il "padre" del modernoconcetto di evoluzione biologica, pubblicasse la primaedizione de Lorigine delle specie, le posizioni deglistudiosi erano divise in due grandi correnti di pensiero chevedevano, da un lato, una natura dinamica ed in continuocambiamento, dallaltro una natura sostanzialmenteimmutabile.
  • 46. Teoria della Relatività (Wikipedia)In fisica, con il termine relatività si fa riferimentogenericamente alle trasformazioni matematiche che devonoessere applicate alle descrizioni dei fenomeni nelpassaggio tra due sistemi di riferimento in moto relativo.Lespressione teoria della relatività è usata per riferirsi allateoria della relatività speciale e generale che AlbertEinstein ha elaborato tra il 1905 e il 1913, le quali hannocome elemento fondante il principio di relatività.
  • 47. Teoria Quantistica (Wikipedia)La meccanica quantistica è una teoria fisica che si èsviluppata e consolidata nella prima metà del XX secolo,per supplire allinadeguatezza della fisica classica nellospiegare fenomeni e proprietà quali la radiazione di corponero, leffetto fotoelettrico, il calore specifico dei solidi, glispettri atomici, la stabilità degli atomi, leffetto Compton.Nasce da una delle due tendenze rivoluzionarie di Einstein,avviate nel 1905, ma fu sviluppata circa 20 anni dopo dauna equipe di fisici, tra i quali spiccano Niels Bohr esuccessivamente David Bohm per lestensione dei principidella fisica quantistica a tutti i campi delle scienze.
  • 48. Cibernetica (Wikipedia)La cibernetica è la scienza che studia i fenomeni diautoregolazione e comunicazione , sia negli organisminaturali quanto nei sistemi artificiali. La cibernetica si ponedunque come un campo di studi interdisciplinare tra lescienze e lingegneria. Il termine cybernetics fu coniato nel1947 dal matematico statunitense Norbert Wiener,derivandola dal greco Kybernetes (timoniere, pilota).
  • 49. Teoria Generale dei Sistemi (Wikipedia)Tra gli anni quaranta e cinquanta del ventesimo secolo fuelaborata da von Ludwig von Bertalanffy la TeoriaGenerale dei Sistemi, che doveva essere considerata comebase comune per tutte le discipline scientifiche. I concettifondamentali di tale teoria sono lapertura e chiusura deisistemi viventi, dellomeostasi e dellauto-regolazione edellequifinalità.Contribuirono alla Teoria Generale dei Sistemi due studiosicileni, Humberto Maturana e Francisco Varela.
  • 50. Psicologia Sistemica (Wikipedia)Con il termine psicologia sistemica si è soliti fare riferimentoa quel complesso di ipotesi e ricerche che, nel tentativo disuperare lottica centrata esclusivamente sullindividuotipica della psicologia tradizionale, fanno riferimento allateoria generale dei sistemi di autori come Ludwig vonBertalanffy e alla cibernetica per lo studio dellacomunicazione e, dunque, della psicologia.Gli autori principali che hanno fondato questo orientamento,a partire dalla fine degli anni 50 al Mental ResearchInstitute di Palo Alto, sono Paul Watzlawick e GregoryBateson.
  • 51. Dinamica dei Sistemi (Wikipedia)Il metodo della Dinamica dei Sistemi è stato creato durantela metà degli anni 50 dal professor Jay Forrester delMassachusetts Institute of Technology (MIT). Nel 1956,Forrester ha accettato una cattedra nella neonata MITSchool of Management. Il suo obiettivo iniziale fu quello dideterminare in che modo il suo background in scienza eingegneria avrebbe potuto aiutare, in qualche modo, circale questioni fondamentali che determinano il successo o ilfallimento delle aziende. Le intuizioni di Forrester nellefondamenta comuni che stanno alla base dellingegneria edel management
  • 52. Pensiero Sistemico (Wikipedia)Il pensiero sistemico trae le sue origini dalla filosofia greca, inparticolare da Aristotele e dai primi pitagorici, i qualiconcentravano le proprie riflessioni sulla forma e sostanza dellecose. Queste riflessioni furono poi riprese nei primi anni del 900da alcuni studiosi che iniziarono ad elaborare alcune teorie sulladicotomia struttura-sistema degli esseri viventi.La prima opera incentrata sul pensiero sistemico fu la Tectologìa,elaborata da Aleksandr Aleksandrovič Bogdanov, la qualerappresentava il primo tentativo di dar vita ad una scienza dellestrutture, basata sulla formulazione di principi di organizzazione,che consentivano di comprendere le strutture dei sistemi viventie non viventi.
  • 53. Teoria della Complessità (Wikipedia)Il termine complessità è ambiguo perché molto ricco di significatie di riferimenti inter- e trans-disciplinari nonché di differenti utilizzinel linguaggio colloquiale, dove la sua connotazione assumevalori positivi o negativi in funzione del contesto. Il termine sicontrappone direttamente al concetto di semplicità e a quello dicomplicatezza. Il principale uso scientifico del termine è comesinonimo di teoria della complessità. Seth Lloyd, fisico del MITe del Santa Fe Institute, nei primi anni 90 classificava trentadueesempi di situazioni che venivano dagli uni o dagli altri definitecomplesse.
  • 54. Teoria della Complessità : Modello Cinefin
  • 55. Epistemologia della Complessità (Wikipedia)Lepistemologia della complessità è una brancadellepistemologia che studia i sistemi complessi ed i fenomeniemergenti associati. Si tratta di una visione interdisciplinaredegli studi che si occupano di sistemi complessi adattivi, teoriadel caos, teoria dei sistemi, intelligenza artificiale, cibernetica,meteorologia, ecologia, fenomeni termodinamici lontani dallostato di equilibrio. Una diffusa convinzione vuole che la scienzadella complessità sia stata fondata verso la fine degli anni 60da parte di studiosi come il chimico Ilya Prigogine ed il fisicoMurray Gell-Mann. Alcuni autori, tuttavia, contestano questavisione e tracciano unevoluzione storica tuttaffatto diversa,che colloca in unepoca molto anteriore i prodromi e la nascitadel pensiero complesso, e attribuiscono a Edgar Morin la suasistematizzazione in sede filosofica
  • 56. Epistemologia della Complessità - E.Morin“Lunica conoscenzache vale è quella chesi alimenta di incertezza,e il solo pensieroche vive è quello chesi mantiene alla temperaturadella propria distruzione”Il Metodo
  • 57. Psicologia Transpersonale (Wikipedia)La psicologia transpersonale è una branca della psicologiail cui studio si estende alle esperienze e agli stadi dicoscienza che trascendono i limiti dellio personale e dellarazionalità convenzionale.Fu Abraham Maslow, uno degli esponenti di spicco dellapsicologia umanistica, a proporre, nel 1968, un ulterioreampliamento delle basi filosofiche e del campo di ricercadella psicologia, per includere anche lo studio degli statinon ordinari di coscienza e delle potenzialità ancorainesplorate della natura umana, considerata come uninsieme aperto e collegato a dimensioni più ampie."
  • 58. Pensiero Integrale (Wikipedia)Ken Wilber Jr. (Oklahoma City, 31 gennaio 1949) è unsaggista e filosofo statunitense.È uno dei fondatori del pensiero integrale e fondò lIntegralInstitute nel 1998.Attinge dalla psicologia, la sociologia, la filosofia, lo yoga, ilmisticismo, il postmodernismo, la scienza e la teoria deisistemi per costruire quello che lui chiama una teoriaintegrale della coscienza.
  • 59. Pensiero Integrale - K.WilberI 4 ambiti diapplicazione dellediscipline (es. Theory Ue New leadershipParadigm):- self- others- organization- society
  • 60. Pensiero Integrale - K.Wilber
  • 61.  Core Practices :Learning Organization e Theory U
  • 62. Socrate“Conosci te stesso”“I would trade all of mytechnology for anafternoon with Socrates.”Steve Jobs
  • 63. Blaise Pascal“Essendo tutte le cosecausate e causanti,aiutate e aiutanti,mediate e immediate,e tutte essendo legateda un vincolo naturalee insensibileche unisce le più lontanee le più disparate,ritengo sia impossibileconoscere le partesenza conoscere il tutto,così come è impossibileconoscere il tuttosenza conoscere particolarmente le parti”
  • 64. Arie de Geus Bill O’BrienJoe Forrester David Bohm Brian Arthur Francisco VarelaFritjof Capra Master Nan Huai Chin Ken Wilber
  • 65. Presentazione della SoL <<SoL, the Society for Organizational Learning, is an intentional learning community composed of organizations, individuals, and local SoL communities around the world. A not-for-profit, member- governed corporation, SoL is devoted to the interdependent development of people and their 1991 – 1997 - 2011 institutions in service of inspired performance and meaningful results. SoL serves as a space in whichwww.solonline.org individuals and institutions can create together that which theyhttp://solevolution.ning.com cannot create alone.>>
  • 66. Guiding Principles of SoLDrive to Learn - All human beings are born with an innate, lifelong desire and ability to learn, which should be enhanced by all organizations.Learning is Social - People learn best from and with one another, and participation in learning communities is vital to their effectiveness, well-being and happiness in any work setting.Learning Communities - The capacities and accomplishments of organizations are inseparable from, and dependent on, the capacities of the learning communities which they foster.Aligning with Nature - It is essential that organizations evolve to be in greater harmony with human nature and with the natural world.Core Learning Capabilities - Organizations must develop individual and collective capabilities to understand complex, interdependent issues; engage in reflective, generative conversation; and nurture personal and shared aspirations.Cross-Organizational Collaboration - Learning communities that connect multiple organizations can significantly enhance their capacity for profound individual and organizational change.
  • 67. Ideals of the SoL Community - OurCommitments to Each OtherSubsidiarity - Make no decision and perform no function at a higher or more central level than can be accomplished at a more local level.Inclusiveness - Conduct all deliberations and make all decisions by bodies and methods which reasonably represent all relevant and affected parties.Shared Responsibility - Advance the Purpose in accordance with these Principles in ways which enhance the capacity of the community as a whole, as well as that of each member.Openness - Transcend institutional and intellectual boundaries and roles that limit or diminish learning.Adaptive Governance - Continually conceive, implement, and practice governance concepts and processes which encourage adaptability, diversity, flexibility, and innovation.Intellectual Output - Use research generated by the community in ways that most benefit society.Acknowledgment - Openly and fairly acknowledge intellectual contributions to Concepts, Theories, and Practices, both from within and from outside the community.Participation & Quality - Contribute to and/or participate in research, capacity building, and practice, striving for the highest standards of quality.
  • 68. Visibile e invisibile
  • 69. World is Changing ! Eventi, Azioni Web 2.0 20% 80% Modelli di Business Strategie Enterprise 2.0 Logiche, Principi Valori Etica Era 2.0
  • 70. Pensiero Sistemico “Come le nostre azioni creano la realtà e come possiamo cambiarla”.
  • 71. La vera causa dei problemi Pogo di Walt Kelly : << abbiamo trovato il nemico … … e siamo noi ! >> Prigionieri del sistema, o del nostro modo di pensare ?
  • 72. Peter Senge : The Necessary RevolutionBOLLA ERA POST-INDUSTRIALE ERA INDUSTRIALE DELLA NATURA E DELLUOMO O DELLE MACCHINE Combustibili fossili energia Sole Produzione globalizzata cibo Locale Molta distruzione materiali No distruzione Standardizzazione varietà Diversità Massimo guadagno benessere Relazioni
  • 73. Immagina un mondo nel quale gli eccessi di energia diunattività fossero usati per riscaldarne unaltra. Dove gliedifici necessitano di sempre meno energia intorno alMondo, e dove vengono progettati edifici commercialirigenerativi, quelli che producono più energia di quella checonsumano.Un mondo nel quale prodotti e processi rispettosidellambiente fossero più efficienti di quelli che produconosprechi. Un mondo nel quale grandi imprese comeCostco, Xerox, Nike e numerose altre stanno formandopartnership con organizzazioni ambientaliste e di giustiziasociale per assicurare una migliore cura della Terra eluoghi di vita migliori nel Mondo che si sviluppa.Ora, smetti di immaginare, quel Mondo sta giàemergendo!Peter Senge
  • 74. Peter Senge esordisce nelle sua prefazione scrivendo <<la più grande di tutte le invenzioni dellUomo è la creatività>>, e questo a chiarire che la Teoria U è prima di tutto una metodologia molto profonda per linnovazione di qualsiasi tipo, operativa, di prodotto, di processo, tecnologica, scientifica, filosofica.E lui trova evidente queste genuine e radicali innovazioni che sono il prodotto della creatività soprattutto in luoghi <<where there is magic in the air>> (dove cè magia nellaria) come nel Teatro, nella Musica, nellArte e nello Sport.Nel campo politico-sociale invece non sembra trovarsi molta “magia”, visti i grandi e irrisolti problemi dei nostri tempi come il cambio climatico, la paralisi politica, la corruzione, la fame, la povertà.E individua due strategie di reazione oggi dominanti, tuttaltro che creative ed evolutive, bensì piuttosto retrograde, che sembrano opposte, ma che hanno anche aspetti in comune, e non risolvono più nulla, che definisce <<muddling throw>> e <<fighting back>>.
  • 75. La prima, <<muddling throw>>, tipica dei paesi occidentali di oggi, è un mix tra il preservare lo status quo e la convinzione che il progresso scientifico e le affascinanti nuove tecnologie miglioreranno la nostra vita. Il motto è <<andiamo avanti, andiamo avanti>> a qualunque costo esterno aggiunto.La seconda, <<fighting back>>, è tipica di tutti gli oppositori dellAmerica e della sua politica, ed è quindi un tornare indietro : lo è stato il fondamentalismo statalista da “homo sovieticus”, e lo è stato più di recente il fondamentalismo islamico da “homo religiosus”.Ma guardate che anche la prima reazione è di tipo fondamentalista, ed è il fondamentalismo dell “homo economicus”, per il quale certi risultati economico-finanziari personali e della propria impresa vanno perseguiti “a qualunque costo”, spesso dimenticandosi dellEtica e anche della Legge.Dalla Prefazione di Peter Senge a Theory U
  • 76. Otto Sharmer – Post-industrial world XXI century society A New Leadership A New Science The Rise of the Global Economy : a technological-economic shift The Rise of the Network Society : a relational shift The Rise of a New Consciousness : a cultural-spiritual shift
  • 77. Otto Scharmer – Theory U 1. CO-INIZIARE 5. CO-EVOLVERE Fai attenzione agli altri ed a Fai crescere ecosistemi di che cosa la vita ti chiama a fare innovazione attraverso il vedere ed il fare dall emergente tutto 2. CO-SENTIRE 4. CO-CREARE Vai nel posto dove trovi ciò che Prototipa un microcosmo è più potenziale e ascolta con la del nuovo per esplorare tua mente e il tuo cuore il futuro attraverso il fare ampiamente aperti 3. CO-PRESENCING Ritratta e rifletti, permetti alla conoscenza più profonda di emergere
  • 78. 1. PRENDERE LO SPAZIO : 7. REALIZZARE : Ascolta che cosa la vita ti Suona il “grande violino” chiama a fare sospendere Mente incorporare Aperta 2. OSSERVARE : 6. PROTOTIPARE :Fai attenzione con la tua Integra testa, cuore e mani mente ben aperta Cuore ridirigere Aperto disporre 3. SENTIRE : 5. CRISTALLIZARE : Connettiti col tuo cuore Volontà Accedi al potere dellintenzione Aperta lasciar andare lasciar venire 4. PRESENCING : Connettiti con la fonte più profonda del tuo sé e della tua volontà Chi sono Io? Quale è il mio compito?
  • 79. Territorio : Micro: Meso: Macro: Mundo:Struttura di FARE ATTENZIONE CONVERSARE ORGANIZZARE COORDINAREAttenzione (individuol) (gruppo) (istituzioni) (sistemi globali) Ascolto 1: Caricare : parlare Centralizzata : Gerarchia : caricare con gentilezza ed burocrazia piani centrali, Io-in-me 1.0: consapvolezza pensieri educazione meccanizzata regolazione da ego-sistema abitudinari rispettando le regole Ascolto 2 : Dibattito : esprimere Decentralizzata : Mercato : Io-in-esso Fattivo, focalizzato il proprio pensiero divisionalizzazione competizione 2.0: consapevolezza da sistema oggetto sulloggetto per cambiare le regole Ascolto 3 : Dialogo : domande, A rete: Negoziazione Io-in-te Ascolto riflessioni sulle relazionalità + dialogo : Aggiusta- 3.0: consapevolezza relazionale empatico regole mento reciproco Ascolto 4 : Creatività collettiva : Eco-sistema: Azione collettiva : Ascolto Presencing, flusso, contesto, basata sulla generativo generazione di regole basato sul territorio consapevolezza (ABC) Io-in-ora azione dal tutto4.0: consapevolezza da eco-sistema
  • 80. La Costellazione Internazionale di Organizzazioni intorno a SoL
  • 81. R. Barrett : I 7 livelli della consapevolezza personaleEvoluz. Livello di consapevolezza Strategia Motivazioni/Bisogni servizio SERVIRE : Realizzare il Dedicare la vostra vita al servizio per gli altri 3 vostro destino dando in coerenza col vostro proposito e la vostra indietro al mondo visioneCoesione esterna fare la differenza INTEGRARE : Allinearsi Rendere effettivo il vostro senso di proposito con gli altri che condividono collaborando con altri per fare una differenza lo stesso proposito nel mondo coesione 2 interna AUTOREALIZZARSI : Trovare significato per la vostra vita scoprendo Allinearsi pienamente il vostro proposito e creando una visione del con chi voi siete Futuro che volete creareCoesione interna INDIVIDUALIZZARSI : Abbracciare la vostra individualizzazione in trasformazione Esplorare chi siete modo da diventare un individuo pienamente e i vostri talenti autorealizzato e autentico DIFFERENZIARSI : Iniziare Soddisfare le vostre esigenze di sentirvi bene a separare voi stessi dagli riguardo a voi stessi, la vostra abilità di gestire 1 altri la vita ed essere orgogliosi dei vostri risultati stima di se Padron. stessi CONFORMARSI : Stare Soddisfare le vostre esigenze di appartenenza, sicuri e fedeli al vostro amore e sentirsi accettati da quelli con cuipersonale gruppo interagite nella vita di tutti i giorni relazione Soddisfare le vostre esigenze fisiologiche SOPRAVIVERE : Stare e creare un salutario e sicuro spazio per voi in vita stessi sopravvivenza

×