Marchi sportivi e contratti merchandising

3,357 views

Published on

MARCHI SPORTIVI E CONTRATTI COMMERCIALI
Il marchio sportivo e il contratto di merchandising
Autore Avvocato Cristiano Novazio
Convegno Ancona, 28 Gennaio 2012
per informazioni
cristiano.novazio@sportslawrc.com

Published in: Sports
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
3,357
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Marchi sportivi e contratti merchandising

  1. 1. Avv. Cristiano Novazio CENTRO STUDI DIRITTO SPORT (Milano)cristiano.novazio@sportslawrc.com - cristiano.novazio@csdirsport.com Con la collaborazione di Dott. Edoardo Revello (Centro Studi Diritto Sport)
  2. 2. IL MARCHIO SPORTIVO1) I marchi sportivi sono validi marchi di impresa?2) I marchi sportivi sono influenzati dalla disciplina regolamentare sportiva?3) I marchi sportivi sono influenzati dalla disciplina statuale?4) I marchi sportivi recanti un nome geografico sono registrabili come marchi?5) I colori delle squadre di calcio sono registrabili come marchi? CENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  3. 3. I marchi sportivi sono validi marchi di impresa?I marchi delle società sportive > marchi atipiciIl marchio deve assolvere alla funzione di contrassegno atto a identificareagli occhi dei consumatori i prodotti o i servizi di una impresa e adistinguerli da quelli analoghi o affini di altre imprese.Problema > qual è il prodotto o il servizio provenienti dalle società sportive.Giurisprudenza > qualificato i marchi delle società sportive come validimarchi di servizio, in quanto destinati a contraddistingue attività sportive(cfr. Pret. Venezia 15 novembre 1989 e Trib. Palermo 2 luglio 1988).CENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  4. 4. Il marchio sportivo è influenzato dalla disciplina regolamentare sportiva? Il marchio si inserisce nel contesto regolamentare sportivoControllo esterno alle società:art. 5 Regolamento delle divise da giuocoart. 22 Statuto Lega Calcio SerieCENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  5. 5. Il marchio sportivo è influenzato dalla disciplina statuale? D.lgs. 131/2010 > i Comuni potranno ottenere il riconoscimento di un marchio da utilizzare per valorizzare commercialmente il patrimonio culturale, storico, architettonico ed ambientale del proprio territorio interferenze e confusione con il marchio sportivo che molto spesso ricalca gli emblemi della città di appartenenza auspicabile la conclusione di specifici accordi tra club ed gli enti localiCENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  6. 6. I marchi sportivi recanti un nome geografico sono registrabili come marchi?CASO FIORENTINAL’art. 13 Codice propr. ind. e int. > non registrabili come marchi i segnidesignanti la provenienza geografica dei servizi e prodotti.SOLUZIONI:SECONDARY MEANING (prevista dal codice)MARCHIO COMPLESSO (di elaborazione giurisprudenziale)CENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  7. 7. I colori delle squadre di calcio sono registrabili come marchi?Importanza dei colori per un club sportivo > RICONOSCIBILITA’Art. 7 del Codice propr. ind. e int. contempla tra i segni suscettibili diregistrazione “le combinazioni e le tonalità cromatiche”.Questa norma deve essere intesa in senso restrittivoCENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  8. 8. SFRUTTAMENTO COMMERCIALE DEL MARCHIOPer essere competitivi in tale settore i clubs devono ampliare il proprio mercato con strategie finalizzate all’internazionalizzazione del proprio marchio:1. partecipare a competizioni internazionali2. organizzare stages, corsi estivi e tours per potere rafforzare il proprio brand in mercati emergenti3. aumentare la propria visibilità attraverso il Internet4. acquistare giocatori stranieri e di fama internazionaleCENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  9. 9. MODELLI DI BUSINESS SPORTIVO Strategie per commercializzazione di marchi sportivi società controllate che dipendono dalle Leghe società controllate che dipendono dai club (es. Man Utd) accordi di licensing con aziende terzeCENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  10. 10. MERCHANDISING SPORTIVO IN ITALIA La via italiana al merchandising è basata sulla commercializzazione di prodotti derivanti da accordi di licenza (licensing). Questi contratti prevedono la concessione in licenza del marchio del club ad aziende interessate alla produzione di beni di largo consumo, a fronte della corresponsione da parte del licenziatario di una percentuale dei ricavi, oltre ad un minimo garantito a favore della società sportiva. Da un alto il licensing è vantaggioso perché, attraverso le royalties, la società è in grado di generare profitti senza sostenere costi per investimenti; dall’altro, si perde il controllo completo sulla qualità del prodotto che viene affidato ad aziende esterne, pur con la necessaria approvazione delle linee guida da seguire.CENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  11. 11. QUESTIONI CONTRATTUALI Prestazioni tipiche delle parti: Licenziante Conferimento della licenza sul marchio Mantenimento del bene immateriale - marchio Licenziatario Pagamento del corrispettivo (royalty)CENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  12. 12. CLAUSOLE CONTRATTUALI RILEVANTI Approvazioni e controlli di qualità Obblighi d’uso e di sfruttamento della licenza Risoluzione contrattuale - coinvolgimento del licenziatario in un’attività contraffattiva - presentazione di dati di rendiconti di vendita inveritieri Durata (minimo 3 anni) Accordi per periodo successivo alla scadenza contrattuale: Clausola sell-offCENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  13. 13. Programma di tutela del marchio (CONTRAFFAZIONE) Chiarire responsabilità e gli oneri dell’attività di anti-contraffazione NO azione giudiziaria diretta del licenziatari > rischi per la validità del marchio Licenziante dovrebbe riservarsi esplicitamente nel contratto l’esclusivo diritto di decidere se e quale azione promuovere in relazione a violazioni o imitazioni del marchio. Il licenziatario potrà essere coinvolto, ma in maniera indiretta Un contratto di merchandising va sempre affiancato da un programma di difesa del marchio licenziato.CENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  14. 14. Il contratto di merchandising: aspetti critici Lotta all’ambush marketing > dell’associazione indebita (non autorizzata) di un brand ad un evento mediatico, generalmente di grande risonanza. Per tutti questi motivi, da alcuni anni, gli organismi internazionali, il CIO, la FIFA e l’UEFA, costringono i governi nazionali, nel cui territorio viene organizzato un evento internazionale, a introdurre norme mirate alla lotta contro tali illeciti fenomeni. Esempi:CENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  15. 15. Tutela del marchio sportivo nella giurisprudenza In attesa di un intervento legislativo in materia (si veda a riguardo la proposta di legge del Senatore Lolli) si può dire che l’esperienza giurisprudenziale rivela l’estrema difficoltà delle Corti allorquando sono chiamate ad affrontare il tema della tutela dei marchi delle società sportive. “marchio forte” e “marchio debole” Per la Corte di Cassazione (Cass. civ., Sez. I, 30.1.1985, n. 573), infatti, sono marchi forti i marchi di fantasia e anche quelli costituiti da parole del linguaggio comune, quando esse, non avendo alcuna aderenza concettuale con i prodotti contraddistinti, assumono particolare valore individualizzante per l’originalità dell’accostamento che si vuole suscitare nella mente dei consumatori con i prodotti delle imprese (nel calcio es. Juventus, Sampdoria, Inter). Per contro i marchi deboli non coincidono perfettamente con i marchi semplicemente descrittivi dei prodotti o indicativi della loro natura o della loro funzione o le parole del linguaggio comune o divenute comuni nel linguaggio commerciale, purché si tratti di parole che abbiano assunto un significato designativo comune e non individualizzante (nel calcio es. Empoli, Verona, Palermo).CENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  16. 16. Casistica giurisprudenziale 1. Caso Salernitana Calcio (Trib. Napoli, sez. specializzata della proprietà intellettuale e industriale - ordinanza Coll. 18 aprile 2006) 2. Caso Spal (Trib. Bologna, sez. specializzata della proprietà intellettuale e industriale - ordinanza del 11 aprile 2007)CENTRO STUDI DIRITTO SPORT
  17. 17. Il marchio sportivo e il contratto di merchandising Grazie per l’attenzione AVV. CRISTIANO NOVAZIO CENTRO STUDI DIRITTO SPORTcristiano.novazio@csdirsport.com - cristiano.novazio@sportslawrc.com

×