Anci rivista i nomi degli italiani citta per citta
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Anci rivista i nomi degli italiani citta per citta

on

  • 1,315 views

I NOMI DEGLI ITALIANI, COME CAMBIA L'ONOMASTICA CITTÀ PER CITTÀ

I NOMI DEGLI ITALIANI, COME CAMBIA L'ONOMASTICA CITTÀ PER CITTÀ

Statistics

Views

Total Views
1,315
Views on SlideShare
970
Embed Views
345

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

2 Embeds 345

http://www.mnews.it 341
http://www.google.it 4

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Anci rivista i nomi degli italiani citta per citta Document Transcript

  • 1. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI Gli italiani cambiano nome. Soprattutto le italiane. Un’indagine inedita no, non è maria è francesca I nomi degli italiani stanno cambiando e Mario Rossi è l’”uomo qualunque” di una generazione ormai lontana. Da una ricerca sui dati delle anagrafi comunali dei capoluoghi di provincia emerge che in campo maschile i “grandi” nomi del Novecento resistono al Sud, ma tra i femminili la moda travolge tutto e tutti e le città meridionali si uniformano alle metropoli del Centro Nord novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 29 29 12/12/13 09:36
  • 2. AnciRivista a cura di L Enzo Caffarelli a nostra inchiesta sui nomi degli italiani si occupa non soltanto dei nomi dei nuovi nati, cioè delle classifiche di frequenza dell’ultimo o degli ultimi anni, ma della popolazione complessiva nei vari comuni. E a differenza di chi nel passato ha analizzato i nomi di tutti gli italiani, riporta i dati aggiornati delle Anagrafi comunali e non quelli tratti dagli utenti telefonici che necessariamente sottostimano la popolazione. Dalle Anagrafi dei comuni, dunque, sono stati raccolti i dati, suddivisi per genere maschile e femminile, sia dell’insieme dei residenti, sia dei nati nell’ultimo anno di cui sono disponibile per La lenta dinamica dei mutamenti. Da Nord a Sud, passando per il Centro, Giuseppe e Maria fanno sempre più fatica a mantenere il primato plessivamente, in Italia? “Mario Rossi” è ancora il binomio dell’italiano qualunque per la sua alta diffusione? Le note differenze onomastiche tra Centro-nord e Sud sono confermate? 12 mesi, il 2012. E il confronto tra le due liste rappresenta uno dei motivi di maggior interesse della ricerca. All’inizio dell’inchiesta ci si chiedeva: i nomi oggi di moda erano già presenti nei vari comuni, hanno cioè una loro tradizione radicata nelle città, oppure sono del tutto innovativi? Giuseppe e Maria sono ancora i numeri uno, com- A leggere certe pubblicità dove appaiono carte di credito, ricevute e moduli da compilare o le istruzioni per crearsi un indirizzo e-mail o per votare... si trova ancora il solito esempio: Mario Rossi. In realtà Mario Rossi non è mai stata la coppia nome-cognome più diffusa in Italia; quando se ne cominciò a parlare, a metà del Novecento, il primato era conteso tra Giuseppe Rossi nel Centro-nord e Giuseppe Russo nel Meridione (dove Rossi è rarissimo). Poi, in realtà, ogni regione e ogni città ha il suo “uomo qualunque”. Ma ora è ufficiale: perché, se Rossi è ancora di poco il numero uno in alcune regioni del Nord e in tutte le regioni del Centro, Mario non è più il nome più diffuso in nessuna regione, provincia o città italiana: 9º a Roma, 10º a Trieste, 11º a Napoli, 12º a Venezia e a Cagliari, 15º a Milano, 16º a Torino e a Firenze, 24º a Palermo, 25º a Bologna, oltre il 25º posto altrove. I primatisti del Novecento – anche Giuseppe, Giovanni, Antonio, Luigi, Pietro, Carlo, Salvatore, Vincenzo, Franco, Domenico, Angelo hanno ridotto le loro presenze e i nuovi primatisti nella popolazione generale (attenzione: nulla a che vedere con le classifiche dei nuovi nati dell’ultimo o del penultimo anno) si chiamano soprattutto Andrea, Marco, Alessandro, Luca e vedremo quali altri. L’unica continuità tra Novecento e terzo Millennio è dato, tra i nomi maschili, da Francesco e in alcune aree da Antonio. In campo femminile Maria è ancora il nome che individua più italiane, ma negli ultimi anni la sua frequenza tra le nuove generazioni è stata modesta: così che gli inseguitori si avvicinano. Nelle maggiori città il podio è lo stesso: Maria, Anna e Francesca. Ma con varie eccezioni. “Mario Rossi” è del tutto tramontato L’analisi nei principali Comuni: popolazione complessiva Sofia è dal 2010 il numero uno in Italia per le nuove nate. Ha scalzato Giulia dopo vent’anni di primato. In precedenza, per secoli, ha dominato Maria davan30 novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 30 12/12/13 09:36
  • 3. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI Un’inchiesta mai realizzata prima nell’anagrafe di sessanta capoluoghi di provincia, basata su dati reali ti ad Anna, Giuseppina, Antonietta, Rosa, Angela... Oggi dietro le due primatiste si contendono i posti d’onore nomi in lieve discesa –  Chiara, Sara, Martina, Giorgia – e nomi in piena ascesa – Aurora, Gaia, Alice e soprattutto Emma. Tra i maschi Francesco detiene il primato dall’inizio del secolo e la popolarità di Papa Bergoglio, che ha scelto il nome del santo di Assisi come fanno attualmente circa 9mila famiglie l’anno, ha dato un ulteriore spinta nel corso del 2013. In dati dell’Istat, cui si riferiscono i valori nazionali, non dicono però nulla delle differenti situazioni locali. Consideriamo allora i primi nomi nel totale dei residenti dei vari comuni e successi- vamente confrontiamoli con quelli più frequenti nel 2012 (tabelle 1 e 2). Nella popolazione complessiva, Andrea ha superato Giuseppe e gli altri ex numeri uno in numerosi comuni italiani, e risulta nel 2013 primatista in 24 tra i 60 comuni trattati nella nostra inchiesta e tra i primi 5 in 46 città. Anche Marco e Francesco hanno superato Giuseppe, che vanta 17 primati (contro i 6 di Francesco e i 3 di Marco), ma un numero assai inferiore di piazzamenti. Giuseppe resiste soprattutto nel Sud e in città dove forte è stata l’emigrazione dal Meridione. L’altro nome, a parte un singolo primato di Alessandro, con un alto numero di primi posti (9) è An- tonio, anche in questo caso nel Sud. Si noti, nel caso di Giuseppe e di Antonio, i pochi piazzamenti; come dire: o sono i più frequenti o non figurano neppure tra i primi 3 o i primi 5. Non è un dato trascurabile, perché è una spia del divario tra Centro-nord e Sud; qui sono ancora i nomi dominanti, lì si sono allontanati dalla vetta. Complessivamente, nella popolazione generale dei 60 municipi presi in esame, i nomi maschili che raggiungono il 1º posto sono 6, e quelli che figurano almeno una volta nel quintetto di testa non più di 17. Il maggior numero di 2i posti va a Marco, per i 3i piazzamenti spicca Alessandro, per presenze complessive nella terna dei più frequenti, il record è di Francesco. In campo femminile, il terzo nome che si è imposto in gran parte d’Italia dopo Maria e Anna è ormai Francesca. Maria mantiene un primato schiacciante. 56 primi posti e 4 secondi su 60 comuni (anche se i valori assoluti delle TABELLA 1 I 10 nomi più frequenti in 10 grandi comuni italiani, nella popolazione complessiva (a sinistra) e tra i nati nel 2012 (a destra) TORINO TORINO Maschi residenti numero 1. Giuseppe 2. Francesco 3. Antonio 4. Andrea 5. Marco 6. Giovanni 7. Alessandro 8. Roberto 9. Luca 10. Paolo 15050 10617 9878 9092 8945 8864 8177 7167 6009 5602 posiz. 2012 44 7 46 3 22 41 1 60 8 36 Primatisti 2012 Alessandro Lorenzo Andrea Gabriele Matteo Mattia Francesco Luca Leonardo Riccardo 134 124 104 97 94 86 81 75 70 70 MILANO Maschi residenti 1. Giuseppe 2. Andrea 3. Francesco 4. Marco 5. Alessandro 6. Antonio 7. Giovanni 8. Roberto 9. Luca 10. Stefano Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Elena 5. Giuseppina 6. Laura 7. Angela 8. Anna Maria 9. Rosa 10. Paola numero posiz. 2012 15051 7428 7043 5852 5345 5243 5083 4982 4711 4688 36 23 19 16 – 68 – 105 280 280 numero posiz. 2012 14533 9464 9182 7680 6806 6006 5985 5655 5631 4613 39 18 19 59 13 104 7 138 16 170 Primatisti 2012 Sofia Giulia Martina Emma Sara Giorgia Gaia Chiara Aurora Ginevra TORINO numero posiz. 2012 13566 12544 12397 12016 11578 9988 9274 8565 8429 7381 43 2 9 20 1 35 18 55 14 29 Primatisti 2012 Alessandro Andrea Matteo Lorenzo Leonardo Tommaso Riccardo Mattia Francesco Pietro 182 158 141 140 135 116 110 108 106 94 Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Laura 5. Elena 6. Paola 7. Giulia 8. Silvia 9. Chiara 10. Angela Primatisti 2012 Giulia Sofia Alice Emma Martina Giorgia Beatrice Sara Viola Camilla novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 31 133 117 72 67 65 65 60 56 56 55 170 155 96 96 95 86 83 80 76 68 31 12/12/13 09:36
  • 4. AnciRivista Il confronto tra i nomi dei residenti e quelli dei neonati segna la direzione del cambiamento portatrici in alcuni casi sono stati avvicinati da quelli di altri nomi). Maria non occupa il 1º posto solo a Napoli e a Caserta (in Campania, com’è noto, la straordinaria diffusione di nomi mariani e di composti con Maria determinano una maggiore frammentazione delle singole forme), e inoltre a Tempio Pausania e a Livorno, superata rispettivamente da Giovanna e da Francesca. Anna è il 2º nome italiano per frequenza e i dati odierni mostrano che al 3º posto si è saldamente insediato Francesca; netto è il distacco con chi segue: Laura, Paola, Elena, Giuseppina (conteggiato come nome distinto da Giuseppa), Giulia, ecc. Il maggior numero di 2i posti va appunto ad Anna, quello dei 3i a Francesca. Sono dunque soltanto 4 i nomi di donna che occupano un 1º posto e 26 quelli che figu- rano almeno una volta nella terna dei più frequenti nella popolazione di un comune. L’analisi nei principali Comuni: i nati nel 2012 Tra i maschi nati nel 2012 i primati nei comuni presi in considerazione si ripartiscono tra 13 nomi, ma con netta prevalenza di Alessandro e Lorenzo, seguito da Leonardo, Andrea e Matteo. Quanto a distribuzione geografica, Alessandro è più settentrionale, con 14 su 17 primati nel Nord d’Italia, da Torino a Trieste. I primati di Lorenzo si distribuiscono tra Nord e soprattutto Centro; centro-settentrionali sono anche i 7 di Leonardo e i 7 di Matteo; quelli di Andrea si dividono tra il Nord e la Sicilia; VENEZIA Maschi residenti 1. Andrea 2. Marco 3. Alessandro 4. Roberto 5. Francesco 6. Paolo 7. Giovanni 8. Stefano 9. Giuseppe 10. Giorgio TORINO numero posiz. 2012 3447 3257 2765 2663 2576 2532 2512 2173 2102 2067 4 9 5 – 18 88 12 56 48 40 Femmine residenti Primatisti 2012 Lorenzo Mattia Matteo Andrea Alessandro Leonardo Nicolò Gabriele Marco Davide 31 30 27 23 22 22 22 21 21 20 BOLOGNA Maschi residenti 1. Andrea 2. Marco 3. Francesco 4. Giuseppe 5. Alessandro 6. Stefano 7. Luca 8. Giovanni 9. Paolo 10. Roberto 32 meridionali, invece, 3 su 4 per Francesco e 2 sardi su 3 per Cagliari. I nomi tradizionali, quelli che hanno dominato fino alla seconda metà del Novecento, resistono in pochi casi, degni di menzione: Giuseppe è il più numeroso per i nuovi nati a Crotone e a Reggio Calabria, Antonio a Napoli. Il Sud non è altrettanto tradizionalista in campo femminile, dove il 1º posto si distribuisce soprattutto tra Sofia, Giulia, Emma, e non deve sorprendere se per esempio nel 2012 a Crotone prevale Giorgia, a Napoli Gaia e a Palermo Sofia come in numerosi comuni settentrionali. Detto che Giorgia spicca in comuni meridionali ed Emma nel Centro-nord, tra Sofia e Giulia non si notano nette differenze territoriali, perché si distribuiscono equamente tra Nord, Centro, Sud e Isole. A questo punto possiamo confrontare le classifiche della popolazione in generale con quella dei nuovi nati nel 2012. A Milano (vedi tabella 1 anche per i comuni seguenti) tra la classifica di tutta la popolazione residente e i nati nel 2012 i nomi condivisi fra i primi 10 sono appena 4, tre maschili (Andrea, 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Elena 5. Laura 6. Paola 7. Silvia 8. Giulia 9. Daniela 10. Chiara numero posiz. 2012 4194 2404 2007 1936 1859 1827 1646 1587 1527 1479 22 6 29 13 13 – 104 1 104 13 numero posiz. 2012 5059 4037 3247 2968 2596 2548 2297 2084 1988 1979 36 8 27 97 17 24 72 2 72 7 Primatisti 2012 Giulia Emma Sara Aurora Sofia Anna Gaia Alice Margherita Matilde 32 23 22 19 19 16 15 14 13 13 TORINO numero posiz. 2012 4825 4459 4012 3928 3784 3306 3189 3134 3122 3109 4 16 5 29 1 21 12 22 45 45 Femmine residenti Primatisti 2012 Alessandro Lorenzo Matteo Andrea Francesco Leonardo Mattia Riccardo Davide Tommaso 54 44 42 40 39 37 32 31 30 30 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Paola 5. Elena 6. Laura 7. Silvia 8. Giulia 9. Daniela 10. Chiara Primatisti 2012 Sofia Giulia Alice Sara Emma Viola Chiara Anna Giorgia Bianca 52 41 35 29 26 25 22 21 20 18 novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 32 12/12/13 09:36
  • 5. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI FIRENZE Maschi residenti 1. Andrea 2. Marco 3. Alessandro 4. Francesco 5. Lorenzo 6. Paolo 7. Roberto 8. Stefano 9. Giovanni 10. Massimo TORINO numero posiz. 2012 5090 4841 4652 4564 3983 3659 3290 3187 3109 2555 6 18 5 8 1 47 53 60 20 39 Femmine residenti Primatisti 2012 Lorenzo Niccolò Leonardo Matteo Alessandro Andrea Pietro Francesco Tommaso Diego 62 59 40 40 38 36 30 29 29 28 ROMA Maschi residenti 1. Giuseppe 2. Francesco 3. Alessandro 4. Antonio 5. Marco 6. Andrea 7. Roberto 8. Giovanni 9. Mario 10. Stefano 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Laura 5. Paola 6. Elena 7. Silvia 8. Giulia 9. Anna Maria 10. Chiara numero posiz. 2012 3841 3696 3504 3243 2684 2612 2555 2432 2123 2112 48 15 32 138 – 10 55 1 – 13 numero posiz. 2012 77860 45496 40025 34373 29150 28921 27331 24710 24587 23317 51 36 22 96 114 1 55 164 54 14 Primatisti 2012 Giulia Sofia Sara Emma Bianca Matilde Viola Alice Ginevra Elena TORINO numero posiz. 2012 59939 57662 52829 52752 51092 46727 43154 41378 39133 35270 52 2 4 46 22 7 53 35 68 41 Primatisti 2012 Lorenzo Francesco Matteo Alessandro Gabriele Leonardo Andrea Mattia Valerio Davide Francesco e Alessandro) e uno femminile (Giulia). Se poi confrontiamo la popolazione complessiva di Milano con quella di Napoli, tra i maschili le coincidenze sono 4 (Giuseppe, Francesco, Antonio e Giovanni) e tra le femmine 3 (Maria, Anna e Francesca). Se confrontiamo sempre Napoli e Milano, ma tra i nati e le nate nel 2012, i nomi condivisi sono ancora 4 maschili (Alessandro, Andrea, Lorenzo e Francesco) e 4 femminili (Giulia, Sofia, Martina e Sara). A Roma tra la classifica generale e quella dei nuovi nati divergono 7 nomi su 10 maschili e 9 su 10 tra le donne; dunque il rinnovamento è più sensibile che a Milano. Soltanto Giulia, primatista a Roma da quasi trent’anni, è giunto fino al 6º posto nella popolazione generale. Proviamo a misurare la lista della capitale con quella di Palermo: tra i primi 10 della classifica generale le analogie sono 6 tra i maschi e 3 tra le femmine; tra i 10 del 2012, 5 maschili e 4 femminili (da segnalare che nel capoluogo siciliano, sommando a Gabriele le presenze di Gabriel, si avrebbe il 1º posto per i nuovi nati). A Torino tra i maschi sono in comu- 772 639 626 622 574 565 474 448 430 407 Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Annamaria 5. Paola 6. Giulia 7. Laura 8. Daniela 9. Alessandra 10. Elena ne tra i primi 10 – popolazione generale e nati nel 2012 – 4 nomi; nessuno invece in campo femminile, che si impone come nettamente il più innovativo. Al posto di Maria, Anna, Francesca, Elena, Giuseppina, Laura, Angela, Anna Maria, Rosa e Paola, ecco Sofia, Giulia, Martina, Emma, Sara, Giorgia, Gaia, Chiara, Aurora e Ginevra. Le tabelle 1 e 2 mostrano le notevoli differenze tra la popolazione generale e i nuovi nati anche a Venezia e a Firenze. Nella città lagunare la presenza di Giulia e di Chiara tra i primi 10 della lista di tutti i residenti testimonia che questi due nomi si sono diffusi più precocemente che altrove; il 6º posto di Anna tra le nate nel 2012 indica il ritorno di questo nome, 2º al solo Maria nel XX secolo, non ancora realizzatosi in altre parti d’Italia. Nel capoluogo toscano il primato, sempre nella classifica generale, dei nomi dominanti negli ultimi decenni indica un rinnovamento precoce: e infatti alcuni tra i classici del Novecento sono già fuori dai primi, come Giuseppe e Mario. Peraltro. nella graduatoria dei nati nel 2012 spicca la 2ª posizione di Niccolò che cresce a livello Primatisti 2012 Giulia Sofia Emma Aurora Sara Viola Giorgia Gaia Ginevra Elisa 708 684 415 383 371 366 348 346 333 331 nazionale, la 7ª di Pietro che anticipa il ritorno del nome del primo papa e la 10ª di Diego, nome che pare destinato anche altrove a salire fino a questi livelli. Molte le curiosità che emergono dall’analisi di singoli comuni. Per esempio nel Sud: al contrario di quanto si possa pensare, tra le città che hanno completamente rinnovato il repertorio femminile dei primi 10 (tabella 1) ci sono Reggio Calabria, Palermo e Cagliari. Mentre L’Aquila, sempre in campo femminile, presenta un’ascesa netta dei “nuovi” nomi nella classifica generale; alle spalle dei soliti Maria, Anna e Francesca, i ranghi dal 4 al 7 sono occupati da Chiara, Sara, Giulia e Alessandra, ossia da donne che vanno nella stragrande maggioranza da 0 a 30 anni (come, poco più in basso, Martina, Elisa, Ilaria ed Eleonora); e tra i primi 20 figurano anche Federica, Valentina e Alessia; inoltre nomi propri soprattutto delle 4050enni come Paola, Antonella, Stefania, Silvia, Roberta, Claudia, Patrizia. Se ne può dedurre che anche L’Aquila sia uno dei comuni che ha precorso le mode negli ultimi decenni del XX secolo. Lo stesso non può dirsi nella città abruznovembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 33 38 37 33 31 28 28 23 23 23 22 33 12/12/13 09:36
  • 6. AnciRivista NAPOLI Maschi residenti TORINO numero posiz. 2012 31471 23587 22941 22476 17967 15315 15226 14621 13911 11030 1 3 5 6 2 13 12 10 20 24 1. Antonio 2. Vincenzo 3. Giuseppe 4. Salvatore 5. Francesco 6. Giovanni 7. Luigi 8. Ciro 9. Gennaro 10. Pasquale Femmine residenti Primatisti 2012 Antonio Francesco Vincenzo Andrea Giuseppe Salvatore Christian Alessandro Lorenzo Ciro 211 190 174 161 156 150 126 122 113 112 REGGIO CALABRIA Maschi residenti 1. Giuseppe 2. Francesco 3. Antonino 4. Domenico 5. Antonio 6. Giovanni 7. Vincenzo 8. Demetrio 9. Paolo 10. Pasquale posiz. 2012 33341 28393 14167 10100 9675 9655 9542 9338 9090 8356 10 12 71 71 104 88 53 43 38 3 numero posiz. 2012 5103 3391 3080 2352 2025 1995 1846 1732 1719 1453 21 13 93 23 93 93 53 93 40 – Primatisti 2012 Gaia Giulia Francesca Chiara Sofia Martina Aurora Federica Sara Anna 131 122 112 107 107 99 84 82 76 75 TORINO numero posiz. 2012 6834 5253 4739 4444 3099 2984 2197 1954 1944 1637 1 3 4 6 7 9 15 18 8 21 zese in campo maschile, dove Antonio, Francesco e Giuseppe sono tra i primi 4 e Andrea è soltanto 9º. Le mode onomastiche e i nomi in grande scesa o discesa... Che cosa resta di nomi numerosi nei primi decenni del Novecento e poi tabuizzati dalla storia, come Adolfo o Benito? A Torino Benito occupa ancora la 140ª posizione con 375 portatori, tutti o quasi evidentemente anziani; Adolfo è 264º con 149 presenze, cioè quante pressappoco ne contano Nekulai, Karim, Brahim, Luigino, Zakaria, Walid, Germano, Secondo e Hamza e meno di Victor, Pasqualino, Salah, Rayan, Abdellah, Yassine, Hamid e Aziz... Anche questi dati segnalano come sia cambiata l’Italia. Curiosità a parte, i nomi di persona vanno di moda, come il taglio e il colore dei capelli, la lunghezza dei vestiti e la forma delle scarpe. Sembra strano, ma almeno da metà Ottocento è così. Escono allo scoperto, s’impongono, poi i 34 1. Anna 2. Maria 3. Carmela 4. Giuseppina 5. Antonietta 6. Concetta 7. Rosa 8. Assunta 9. Rita 10. Francesca numero Femmine residenti Primatisti 2012 Giuseppe Andrea Francesco Antonino Alessandro Domenico Antonio Paolo Giovanni Gabriele 47 37 37 33 24 22 19 19 16 15 1. Maria 2. Francesca 3. Caterina 4. Angela 5. Giovanna 6. Antonia 7. Domenica 8. Carmela 9. Anna 10. Giuseppa bimbi che li portano diventano adulti e anziani e i loro nomi non piacciono più come un tempo, salvo tornare di moda dopo poco più d’un secolo. Ecco allora che se si confrontano le classifiche di frequenza dei nati in diversi periodi di tempo si trovano nomi in gran parte differenti ed ecco che il confronto tra la popolazione residente complessiva di un comune e le leve anagrafiche dell’ultimo anno completo, il 2012, permette di misurare quali siano gli odierni nomi di moda. Ma quanto sono veloci le mode dei nomi? In realtà non ci sono regole fisse. Una parabola ciclica regolare indica, in Italia come in altre nazioni, che devono passare dai 110 ai 130 anni circa perché un nome torni ai vertici della popolarità. Il caso di Emma in tutto il mondo ne è la miglior prova. Tra i primissimi anche in Italia alla fine del XIX secolo, dietro Maria e pochi altri, poi via via cresciuto con l’età elle portatrici, avvertito come tipico di gente adulta e infine anziana, associato dunque a generazioni differenti dalle bambine e, per costoro, caduto nell’oblio. Poi dagli anni 90 del XX secolo e massimamente nel XXI Primatisti 2012 Sofia Giulia Gaia Chiara Giorgia Sara Aurora Martina Alessia Noemi 33 28 19 17 17 16 15 13 11 11 Emma è tornato alla grande ribalta. Non c’è un modello, ossia un personaggio celebre (o una figlia di tale personaggio) che abbia ispirato la moda. Semmai se ne può individuare qualche precursore. Eppure oggi circa 5mila famiglie l’anno scelgono Emma per le loro figlie e, come sempre, il nome si usa nelle fiction o come nome d’arte, come per la cantante di successo Emma (Marrone) che per seguire la moda ha accorciato il suo nome anagrafico, Emmanuela. La generazione di Emma è grosso modo la stessa che ha riportato in auge Beatrice, Carlotta, Virginia, Camilla, Bianca... Mentre tra i nomi maschili gli ann ’80 hanno segnato il riemergere prepotente di nomi dal peso storico, ottocenteschi ma di tradizione anche tardomedievale. Fino a trent’anni fa erano associabili solo a persone anziane i vari Matteo e Mattia, Nicola e Niccolò, Leonardo e Riccardo, Filippo e Leonardo, Tommaso e Gabriele, che oggi invece individuano centinaia di migliaia di bambini, adolescenti e giovani adulti. Però in altri casi le mode durano a lungo: i nuovi dominatori maschili, quelli che hanno preso il posto di Giu- novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 34 12/12/13 09:36
  • 7. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI seppe, Giovanni, Antonio, Pietro, Luigi... (che tuttavia non sono affatto spariti), risultano sulla breccia da mezzo secolo: Andrea su tutti, a ruota Marco, Alessandro e Luca. E infine ci sono i sempreverdi, nomi che non cavalcano una parabola, ma restano sull’onda con alti e bassi: è il caso di Anna, di Laura, di Elena e parzialmente di Giulia, se si esclude lo straordinario successo che l’ha portata ad essere il nº 1 in Italia dal 1991 al 2010. I nomi degli emigrati italiani Non bisogna pensare che i nomi appartengano storicamente soltanto a quella parte d’Italia in cui primeggiano PALERMO Maschi residenti 1. Giuseppe 2. Salvatore 3. Francesco 4. Giovanni 5. Antonino 6. Vincenzo 7. Pietro 8. Andrea 9. Marco 10. Alessandro TORINO numero posiz. 2012 26589 19971 15549 12289 12814 10378 7350 5605 5589 5560 4 5 3 10 10 13 22 1 14 8 Femmine residenti Primatisti 2012 Andrea Gabriele Francesco Giuseppe Salvatore Mattia Riccardo Alessandro Gabriel Antonino 161 140 111 93 84 74 70 67 67 62 CAGLIARI Maschi residenti 1. Antonio 2. Francesco 3. Andrea 4. Alessandro 5. Marco 6. Giuseppe 7. Giovanni 8. Roberto 9. Stefano 10. Paolo oggi. Per esempio Assunta e Annunziata, dal Novecento in poi caratterizzatisi come meridionali, nell’Ottocento erano tra i più diffusi a Firenze e altrove nel Centro-nord. Però è vero che esistono specialità locali che tali sono sempre state e che si sono spostate solo con i loro portatori, nell’ambito dei grandi flussi migratori. Ecco perché i maggiori terminali delle migrazioni dal Sud – Torino, Milano, Genova, Roma – si presentano con alte frequenze di nomi come Salvatore o Pasquale o Gaetano o Rocco o Vito o Carmelo o Rosario o Carmine, e di altri ancor più connotati, come il siciliano e calabrese Antonino (2.027 oggi a Torino), il palermitano e agrigentino Calogero (556), e i napoletani Gennaro (476) e Ciro (450), sempre nel capoluogo piemontese. A Milano si contano 3.210 Carmela, 1.519 Concetta, 1.235 Vincenza, 1.172 Filomena, 1.103 Rosaria, 799 Domenica, 752 Assunta, ecc. che non sono certo poche e sono presenti soprattutto tra gli emigrati dal Sud e i loro discendenti. A Roma i numeri risultano ancora più elevati: Carmela è il 51º nome in assoluto con 10.185 presenze, Concetta è il 67º con 7.903, As- 1. Maria 2. Rosalia 3. Giuseppa 4. Francesca 5. Giovanna 6. Rosa 7. Anna 8. Angela 9. Antonina 10. Caterina numero posiz. 2012 17344 11250 10986 9416 7766 7640 6783 6174 5501 5137 21 59 72 22 65 91 27 43 259 91 numero posiz. 2012 1906 1904 1454 1202 1183 1088 1069 1008 960 960 24 11 15 65 – – – – – – Primatisti 2012 Sofia Giulia Aurora Giorgia Gaia Marta Martina Chiara Greta Ginevra TORINO numero posiz. 2012 2299 2275 2146 1974 1963 1923 1753 1698 1352 1343 43 4 11 3 14 33 14 43 – 43 Femmine residenti Primatisti 2012 Riccardo Lorenzo Alessandro Francesco Tommaso Gabriele Federico Mattia Leonardo Davide 19 19 18 16 16 16 15 15 15 12 1. Maria 2. Francesca 3. Anna 4. Alessandra 5. Paola 6. Anna Maria 7. Giovanna 8. Daniela 9. Rita 10. Roberta Primatisti 2012 Sofia Emma Giulia Viola Chiara Alice Beatrice Martina Eleonora Elisa novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 35 117 108 106 101 84 75 72 70 60 49 20 17 16 15 14 11 11 10 10 10 35 12/12/13 09:36
  • 8. AnciRivista TABELLA 2 I 5 nomi più frequenti in altri 50 comuni italiani, nella popolazione complessiva (a sinistra) e tra i nati nel 2012 (a destra) ALESSANDRIA Maschi residenti 1. Giuseppe 2. Giovanni 3. Andrea 4. Marco 5. Roberto Femmine residenti 1. Maria 2. Francesca 3. Anna 4. Giuseppina 5. Giovanna AREZZO numero 1495 1030 992 960 913 – 32 9 15 – numero – 26 – – – Alessandro Matteo Leonardo Luca Lorenzo/Francesco posiz. 2012 1337 655 633 598 597 Maschi residenti Primatisti 2012 posiz. 2012 17 16 12 12 11 Primatisti 2012 Sofia Emma Giulia Martina Alice/Gaia/Aurora Femmine residenti 15 12 11 9 6 AOSTA Maschi residenti 1. Giuseppe 2. Francesco 3. Andrea 4. Marco 5. Antonio Femmine residenti 1. Maria 2. Francesca 3. Anna 4. Elena 5. Giulia 1. Maria 2. Francesca 3. Laura 4. Anna 5. Elena posiz. 2012 1392 1349 1250 1177 1011 10 4 24 9 13 numero posiz. 2012 1219 885 795 766 732 62 10 – 10 10 numero posiz. 2012 1189 818 748 725 700 44 6 34 9 44 numero posiz. 2012 1186 534 524 446 420 – 10 23 – – Primatisti 2012 Leonardo Matteo Riccardo Francesco Lorenzo 18 16 16 15 15 Primatisti 2012 Emma Sofia Viola Martina Giulia/Sara 16 15 14 10 8 ASTI numero posiz. 2012 415 357 340 305 304 22 9 1 4 22 numero posiz. 2012 385 213 200 190 171 23 7 23 23 7 Maschi residenti Primatisti 2012 Andrea Leonardo Lorenzo Emanuele Marco 7 5 5 4 4 Emma Matilde Alice Giada Margherita Melissa e Gioele: le micromode regionali anticipano il successo nazionale? Ci sono poi nomi che si diffondono in un’area limitata del territorio italiano, senza una precisa motivazione. Difficile dire, per esempio, perché oggi Melissa sia assegnato con grande frequenza alle nuove nate a Napoli, in Calabria e 1. Giuseppe 2. Andrea 3. Marco 4. Francesco 5. Giovanni Femmine residenti Primatisti 2012 sunta il 68º con 7.828, Annunziata il 107º con 4.986; anche Pasqualina, Santa, Maria Concetta, Rosalia e Immacolata contano intorno alle 2mila portatrici residenti a Roma; nella popolazione maschile, Salvatore è 34º con 17.243 portatori, Antonino è 73º con 61.57, Vito 97º con 3.629, Rocco 100º con 3.580, Carmelo 113º con 3.060, Rosario 128º con 2.585 e così via. 36 1. Andrea 2. Francesco 3. Marco 4. Alessandro 5. Luca numero 4 4 3 3 3 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Giuseppina 5. Paola in Sicilia, insomma nel Meridione (che come detto, in campo femminile innova e come!) o perché Gioele abbia una certa fortuna in Piemonte e in Liguria e altrove, ma solo nel Nord. Sicuramente le motivazioni dei nomi locali non sono più quelle religiose, legate principalmente al culto locale di un santo. Ci si chiede se diverranno prima o poi successi nazionali. Per Melissa è molto probabile, essendo già tra i primi 30 a livello nazionale (e, tra parentesi, è il primo tra le nuove bambine albanesi), per Gioele un po’ meno. La storia dice per esempio che Sabrina negli anni 50 diffusosi quasi soltanto in Toscana, è esploso negli anni ’60 in tutta Italia. Fabiana, fortunato in Campania negli ultimi vent’anni, è rimasto grosso modo dov’era. Da Firenze e dintorni ha iniziato da alcuni anni la sua espansione anche Niccolò, (nella forma non toscana Nicolò è nel 2012 tra i primi Primatisti 2012 Alessandro Matteo Mattia Riccardo Nicolò 14 14 11 11 10 Primatisti 2012 Sofia Emma Martina Rebecca Alice/Giulia 16 9 9 9 8 30 in Italia) ma lo stesso non accade per Lapo, Duccio, Neri e Michelangelo, mentre per Cosimo, con motivazioni storiche differenti, il capoluogo toscano si accosta ora alla tradizione tarantina per questo nome mediceo e – semplice coincidenza? – del famoso santo medico (Cosma). Roma conta tra i primi 100 nomi tipici della classicità che in genere restano a diffusione locale, in primo luogo Flavia, Lavinia, Flaminia, Livia e Lucrezia. Due rebus per le anagrafi: Asia e Andrea femminile Gli ufficiali dello Stato civile si sono sentiti rivolgere da migliaia di cittadini, negli ultimi vent’anni, due richieste frequentissime che li hanno posti in imbarazzo: iscrivere la figlia neonata col novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 36 12/12/13 09:36
  • 9. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI nome di Asia o col nome di Andrea. I nomi geografici sono proibiti per legge, insieme ai cognomi usati come nomi e ai nomi ridicoli. Nel rispetto della norma, alcuni hanno rifiutato l’iscrizione di Asia e nei primi tempi i genitori si sono arresi: è noto che il regista Dario Argento dovette accontentarsi di chiamare ufficialmente Aria la figlia, la nota attrice Asia Argento. In realtà si può sostenere che Asia sia la forma accorciata di Adelasia, Eufrasia o altri nomi personali e che il nome del continente derivi in fondo da una ninfa... Più complesso il caso di Andrea femminile, giunto in tribunale e nel 2013 “sdoganato” da una sentenza della Corte di Cassazione. Andrea è infatti prevalentemente maschile in Italia – ma non in altre lingue anche a noi vicine, come il tedesco e lo spagnolo – e si sosteneva che imporlo a cittadine di sesso femmi- BELLUNO Maschi residenti 1. Marco 2. Andrea 3. Giovanni 4. Francesco 5. Paolo Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Laura 5. Paola BRINDISI numero posiz. 2012 414 413 386 375 369 11 3 11 11 – numero posiz. 2012 Primatisti 2012 604 384 289 286 282 11 2 – 2 – Maschi residenti Primatisti 2012 Rebecca Anna Eleonora Arianna/Aurora Beatrice/ Chiara/Sara/Sofia Davide Lorenzo Andrea Riccardo Giacomo 7 7 6 5 4 1. Andrea 2. Marco 3. Luca 4. Alessandro 5. Roberto Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Laura 4. Francesca 5. Elena 1. Antonio 2. Francesco 3. Giuseppe 4. Cosimo 5. Giovanni Femmine residenti 6 5 5 9 3 BOLZANO Maschi residenti nile avrebbe ingenerato imbarazzanti confusioni. Forse non tutti sanno che nel Medioevo e agli inizi dell’Era moderna Andrea in Italia era un tipico nome ambigenere. A lungo gli ufficiali di stato civile hanno cercato di convincere i genitori a imporre Andrea soltanto come primo o secondo elemento di un composto con un altro nome chiaramente femminile. La vicenda sembra superata. Sta di fatto che dal censimento Anci si contano oggi a Roma 1.592 Asia (ossia oltre 4 volte quante ce n’erano in tutta Italia vent’anni fa) e 638 Andrea, nonché oltre mille Andrea + secondo nome (e perfino 5 Asia Andrea) e tra le nate nel 2012, 92 sono le Asia (e 3 le Andrea). A Milano si registrano 167 Asia e 120 Andrea nella popolazione complessiva; a Torino 237 Asia e 72 Andrea; a Napoli 175 Asia e 100 Andrea. Del resto non sembra a tutti evidente che Mattia sia un nome maschile, oggi tra i primi 7 per frequenza in Italia? Eppure a Reggio Calabria si registrano 173 Mattia femmine e il nome è tra i 100 più fre- 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Lucia 5. Angela numero posiz. 2012 3010 2215 1954 1728 1238 7 1 11 56 30 numero posiz. 2012 2400 2199 1136 968 731 34 61 17 61 34 numero posiz. 2012 2100 1906 1855 1397 1222 2 3 1 13 6 numero posiz. 2012 1928 1816 980 723 691 17 28 17 8 17 Primatisti 2012 Francesco Alessandro Samuele Andrea Gabriele/Lorenzo Primatisti 2012 Giorgia Giulia Sofia Melissa Sara 15 15 15 13 11 CASERTA numero posiz. 2012 1071 938 877 820 758 9 9 9 3 82 numero posiz. 2012 1404 1020 610 562 532 36 3 65 65 36 Maschi residenti Primatisti 2012 Gabriel Leonardo Alessandro Davide Matteo 13 12 11 10 9 Femmine residenti Primatisti 2012 Giulia Emma Anna Martina Sofia 1. Antonio 2. Giuseppe 3. Francesco 4. Vincenzo 5. Giovanni 14 11 9 9 9 1. Anna 2. Maria 3. Rosa 4. Francesca 5. Angela Primatisti 2012 Francesco Antonio Alessandro Giuseppe Matteo 17 15 9 9 8 Primatisti 2012 Giulia Giorgia Chiara Giada Martina novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 37 19 18 15 14 13 12 8 7 7 7 37 12/12/13 09:36
  • 10. AnciRivista COMO Maschi residenti 1. Giuseppe 2. Andrea 2. Marco 4. Francesco 5. Alessandro Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Laura 5. Elena CROTONE numero posiz. 2012 1066 988 988 909 835 1 2 19 7 1 Maschi residenti Primatisti 2012 Alessandro Andrea Federico Leonardo Lorenzo/Riccardo 14 11 10 10 10 numero posiz. 2012 Primatisti 2012 1667 – Giulia 13 909 2 Anna 8 626 25 Martina 8 623 – Aurora 7 571 25 Sofia 7 CREMONA Maschi residenti 1. Giuseppe 2. Andrea 3. Marco 4. Alessandro 5. Giovanni Femmine residenti 1. Maria 2. Laura 3. Anna 4. Francesca 5. Giuseppina Femmine residenti 1. Maria 2. Francesca 3. Giuseppina 4. Rosa 5. Teresa posiz. 2012 2476 2082 1869 1079 925 4 3 1 9 15 numero posiz. 2012 1626 815 694 570 558 24 6 46 – 46 numero posiz. 2012 806 693 690 675 599 31 3 31 41 5 numero posiz. 2012 846 524 440 432 408 13 2 – 19 5 Primatisti 2012 Giuseppe Alessandro Antonio Francesco Andrea 20 14 1 12 9 Primatisti 2012 Giorgia Gaia Giulia Marta Sara 11 8 8 7 7 CUNEO numero posiz. 2012 886 739 716 650 645 – 1 – 4 10 numero posiz. 2012 908 478 473 473 465 21 – 21 13 – quenti, più di Fabiana, Rosanna, Isabella, Graziella, Michela, Monica, Luisa, Cinzia, Arianna, Jessica, Marta o Donatella... Il caso Matteo, ossia: Francesco è davvero il numero uno per i nuovi nati? In numerosi comuni italiani – e complessivamente nel Paese –  il nome maschile imposto con maggiore frequenza nel XXI secolo è Francesco. Però tra i primi 10, e talvolta tra i primi 5, troviamo Matteo e Mattia. A Novara occupano i primi due posti, a Ravenna e a Reggio Emilia il 2º e il 3º. Tornati di moda solo da poco decenni, sono due varianti dello stesso nome ebraico, già conviventi nella Bibbia e poi in greco e in latino. Il significato è tipicamente teoforico: “dono di Dio”. Se sommati, varrebbero quasi il doppio di Francesco, di Lorenzo, di Alessandro. Ma pos38 1. Francesco 2. Antonio 3. Giuseppe 4. Salvatore 5. Domenico numero Maschi residenti Primatisti 2012 Andrea Matteo Riccardo Alessandro Mattia 10 9 9 8 8 1. Giuseppe 2. Andrea 3. Marco 4. Giovanni 5. Francesco 12 9 8 6 5 1. Maria 2. Anna 3. Anna Maria 4. Margherita 5. Francesca Femmine residenti Primatisti 2012 Sofia Giulia Sara Aurora Chiara/Giorgia siamo sommarli? I punti di vista sono tre. Da quello strettamente statistico no, perché ogni variante va considerata a parte, perfino Annamaria e Anna Maria e tutti quei nomi che possono presentare un’acca o una consonante in più o in meno. Dal punto di vista storico ed etimologico neppure, perché si creerebbe molta confusione: basti ricordare che per esempio hanno la medesima origine Marco e Martino, Ivan e Giovanni, Elisabetta e Isabella, Luigi, Ludovico e Alvise e sono la traduzione l’uno dell’altro Ginevra e Jennifer, mentre non sono neppure parenti tra loro Marta e Martina, Enzo e Vincenzo, Eva ed Evelina, ecc. Infine, conta la percezione della gente: è ovvio che tutti ritengono Sara e Sarah la stessa cosa, ma quanti considerano Matteo e Mattia un unico nome in due forme e quanti li valutano nomi distinti? Il caso di Matteo non è il solo. Sommando a Christian le presenze di Cri- Primatisti 2012 Lorenzo Leonardo Andrea Edoardo Francesco/Matteo 10 8 7 7 7 Primatisti 2012 Sofia Anna Alice Sara Francesca/Miriam/Nicole 10 9 8 6 4 stian (ed eventualmente di Cristiano) il nome, da almeno 15 anni tra i primi 30 in Italia, sarebbe salito fino alla 5ª posizione. I nomi degli stranieri di recente immigrazione Nello speciale di Anci Rivista dell’aprile 2012 abbiamo ritratto il nuovo panorama dei cognomi in Italia, caratterizzato, oltre che dalla crescita dei cognomi meridionali nel Nord e nel Centro a motivo di continui flussi migratori, dalla presenza dei nomi di famiglia dei nuovi immigrati stranieri. In quel caso l’alta concentrazione di cognomi in alcune lingue e culture aveva portato a risultati sorprendenti; due cognomi cinesi sui primi 4 a Milano, 7 sui primi 10 a Prato, 2 cognomi indo-pakistani tra i primi 3 a Brescia e così via. novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 38 12/12/13 09:36
  • 11. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI FERRARA Maschi residenti 1. Andrea 2. Marco 3. Luca 4. Alessandro 5. Roberto Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Laura 4. Paola 5. Francesca IMPERIA numero posiz. 2012 1940 1919 1405 1382 1366 3 20 19 14 – numero posiz. 2012 1774 1282 1133 1072 1026 – 7 64 – 16 Maschi residenti Primatisti 2012 Lorenzo Francesco Andrea Pietro Matteo 19 18 17 17 16 Femmine residenti Primatisti 2012 Sofia Giorgia Emma Alice Sara 17 15 13 12 12 GORIZIA Maschi residenti 1. Roberto 2. Marco 3. Alessandro 4. Andrea 5. Paolo Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Laura 4. Francesca 5. Sara 1. Giuseppe 2. Giovanni 3. Marco 4. Francesco 5. Andrea 1. Maria 2. Anna 3. Giovanna 4. Francesca 5. Laura numero posiz. 2012 562 536 531 497 428 – 17 22 22 2 numero posiz. 2012 768 394 334 318 288 26 7 – 26 – numero posiz. 2012 945 904 823 765 755 45 13 26 16 4 numero posiz. 2012 954 738 640 440 429 – 13 17 6 2 Primatisti 2012 Lorenzo Andrea Matteo Leonardo Gabriele/Gioele Primatisti 2012 Giulia Sofia Aurora Elena Gaia 5 5 4 4 4 L’AQUILA numero posiz. 2012 428 416 392 382 346 – 20 7 1 20 numero posiz. 2012 656 402 281 253 213 – 1 25 – 5 Maschi residenti Primatisti 2012 Andrea Francesco Leonardo Matteo Mattia/Nathan 6 5 5 4 3 Femmine residenti Primatisti 2012 Anna Aurora Giorgia/Ginevra Greta/Martina Nicole/Sara 1. Antonio 2. Francesco 3. Marco 4. Giuseppe 5. Alessandro 7 4 4 4 4 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Chiara 5. Sara Primatisti 2012 Matteo Leonardo Alessio Alessandro Federico/Simone 12 12 11 10 10 Primatisti 2012 Sofia Giulia Sara Viola Giorgia novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 39 9 6 6 5 4 16 10 10 9 7 39 12/12/13 09:36
  • 12. AnciRivista LA SPEZIA Maschi residenti 1. Andrea 2. Marco 3. Roberto 4. Alessandro 5. Francesco Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Paola 5. Anna Maria LECCO numero posiz. 2012 1324 1180 1028 1027 1005 8 16 – 4 2 numero posiz. 2012 1119 852 790 760 718 50 29 9 – – Maschi residenti Primatisti 2012 Leonardo Francesco Alessio Alessandro Lorenzo 16 13 12 11 10 Femmine residenti Primatisti 2012 Emma Sofia Giulia Martina Ginevra 13 13 10 9 7 LATINA Maschi residenti 1. Antonio 2. Francesco 3. Alessandro 4. Giuseppe 5. Marco Femmine residenti 1. Maria 2. Francesca 3. Anna 4. Giulia 5. Daniela 40 1. Giuseppe 2. Marco 3. Andrea 4. Giovanni 5. Francesco 1. Maria 2. Anna 2. Francesca 4. Giuseppina 5. Elena numero posiz. 2012 717 655 604 601 544 – 15 1 24 36 numero posiz. 2012 759 435 435 385 370 – 15 10 – 30 numero posiz. 2012 2410 2154 2012 1832 1772 6 25 5 27 – numero posiz. 2012 1523 1295 1235 1194 1133 57 – 1 – 5 Primatisti 2012 Andrea Alessandro Lorenzo Riccardo Matteo 11 10 9 8 7 Primatisti 2012 Giulia Arianna Beatrice Chiara Ginevra/Matilde 10 9 6 5 5 LIVORNO numero posiz. 2012 1781 1744 1743 1707 1671 43 2 7 43 24 numero posiz. 2012 1866 1388 1232 923 815 47 16 76 1 – Maschi residenti Primatisti 2012 Gabriele Francesco Mattia Lorenzo Matteo 30 28 28 27 26 Femmine residenti Primatisti 2012 Giulia Sofia Giorgia Chiara Gaia 1. Andrea 2. Marco 3. Alessandro 4. Francesco 5. Roberto 29 29 20 18 16 1. Francesca 2. Maria 3. Giulia 4. Paola 5. Anna Primatisti 2012 Leonardo Diego Lorenzo Gabriele Alessandro 26 24 23 20 19 Primatisti 2012 Giulia Alice Emma Giorgia Anna 22 21 19 19 17 novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 40 12/12/13 09:36
  • 13. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI Con i nomi personali il tasso di concentrazione è meno elevato, il repertorio è più numeroso e di conseguenza non ci sono nomi cinesi o indiani o arabi o romeni ai primissimi posti. E tuttavia la loro presenza è sensibile. Prendiamo Torino: il 64º della lista è Mohamed e non è un dettaglio se 1.261 cittadini residenti nel capoluogo piemontese portano questo nome; il 77º è Vasile, tipicamente romeno (corrisponde al nostro obsoleto Basilio) con 909 presenze; l’84º e l’89º sono pure romeni, Gheorghe e Constantin (750 e 727 portatori rispettivamente), il 97º è Ahmed (667). Subito dopo i primi 100 ecco la variante Mohammed (649), i romeni Ion (560) e Ioan (524) che valgono entrambi Giovanni; poi l’arabo Omar (503), e ancora i romeni Mihai 501, ossia Michele, Adrian 396, Dumitru 360, cioè Demetrio, Andrei 331, Alexandru 328, Nicolae 319, Florin 317, Ionel 307, che è diminutivo di Giovanni, e poi ancora arabi – Youssef 392, Said 372, Rachid 314, Hassan 302 –, tutti tra i primi 160. A Roma il primo nome completa- La storia siamo noi. Invecchiano Benito e Adolfo. Ecco Mohamed e Costantin. Nomi arabi e nomi romeni. E prima c’erano gli albanesi mente straniero è Mohamed, 148º, però con ben 2.012 portatori (risulta tra i primi 100 anche a Bologna, a Firenze, a Reggio Calabria, ecc.); seguono Vasile 166º (1.685 cittadini romeni), Gheorghe 176º (1.497) e Constantin 192º (1.247). A Milano Omar, nome di molti arabi ma anche di cittadini italiani, è addirittura 30º, con 3.100 presenze; Mohamed è 33º con oltre 2.553; seguono Youssef 54º (2.132), Ahmed 60º (2.004); tra i primi 100, tra le 2.000 e le 1.000 presenze anche Nicholas e Nicolas, Alex, Kevin, Samuel, Alexander, Rayan, Karim, Sebastian, Liam, portati solo in alcuni casi anche da italiani. Anche ad Arezzo tra gli stranieri prevalgono i nomi arabi e quelli romeni (a LODI Maschi residenti 1. Giuseppe 2. Andrea 3. Francesco 4. Giovanni 5. Marco MACERATA numero posiz. 2012 695 515 500 471 457 – 16 8 – 4 Femmine residenti numero posiz. 2012 1. Maria 2. Giuseppina 3. Francesca 4. Angela 5. Elena/Giovanna 778 456 388 339 338 30 – 6 30 16/– Maschi residenti Primatisti 2012 Riccardo Leonardo Tommaso Federico/Giorgio5 Marco/Matteo 8 6 6 17 5 1. Andrea 2. Marco 3. Alessandro 4. Francesco 5. Paolo 8 5 4 4 4 1. Maria 2. Francesca 3. Paola 4. Laura 5. Giulia Femmine residenti Primatisti 2012 Sofia Bianca Arianna Martina Sara LUCCA Maschi residenti 1. Andrea 2. Marco 3. Alessandro 4. Francesco 5. Luca Femmine residenti 1. Maria 2. Francesca 3. Laura 4. Paola 5. Sara volte, questi, identici o quasi ai nomi italiani): Muhammad, Ion, Gheorghe, Marian e Ionel da un lato; Elena, Maria, Mihaela, Mariana e Daniela dall’altro. In campo femminile la diffusione dei nomi stranieri è meno evidente. Quattro le ragioni: presso quasi tutte le comunità straniere le donne sono in minor numero; hanno un patrimonio onomastico più variato; più spesso, per le generazioni nate in Italia, si scelgono nomi italiani; infine, sono più numerosi in campo femminile i nomi identici in varie lingue, per cui è impossibile stabilire quante donne arabe per esempio si chiamino Sara o quanto romene e slave Maria. Bisogna infatti tener conto che, anche in campo maschile, numerosi stranieri numero posiz. 2012 570 545 501 486 417 8 – – 16 30 numero posiz. 2012 767 345 316 310 270 12 – – 27 8 numero posiz. 2012 605 564 526 446 433 3 11 – – 2 numero posiz. 2012 676 487 393 330 320 – 5 17 – 17 Primatisti 2012 Matteo Alessandro Pietro Federico Tommaso Primatisti 2012 Emma Sofia Viola Chiara/Irene Noemi/Sara 7 7 6 4 4 MANTOVA numero posiz. 2012 1216 1210 1083 1070 895 7 8 3 1 11 numero posiz. 2012 766 732 656 648 624 28 28 – 62 6 Maschi residenti Primatisti 2012 Francesco Lorenzo Alessandro Gabriele Tommaso 15 15 14 10 10 Femmine residenti Primatisti 2012 Anna Giulia Sofia Martina Emma 1. Andrea 2. Marco 3. Paolo 4. Francesco 5. Giovanni 15 13 13 12 10 1. Maria 2. Anna 3. Laura 4. Paola 5. Chiara Primatisti 2012 Lorenzo Giovanni Andrea Gabriele/Giacomo Matteo/Riccardo 7 6 5 5 5 Primatisti 2012 Alice Sofia Giulia Matilde Anna/Bianca/Emma novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 41 11 8 8 7 7 7 4 3 3 2 41 12/12/13 09:36
  • 14. AnciRivista MASSA Maschi residenti 1. Andrea 2. Marco 3. Alessandro 4. Francesco 5. Giuseppe Femmine residenti 1. Maria 2. Francesca 3. Anna 4. Laura 5. Giulia NOVARA numero posiz. 2012 9 9 4 9 37 Lorenzo Leonardo Matteo Alessandro/Gabriele Luca/Tommaso numero posiz. 2012 Primatisti 2012 792 668 585 522 507 18 40 2 – 7 Maschi residenti Primatisti 2012 1098 968 891 806 777 Alice Anna Aurora Sofia Emma/Matilde 15 14 12 10 10 1. Giuseppe 2. Antonino 3. Giovanni 4. Francesco 5. Salvatore Femmine residenti 1. Maria 2. Giuseppa 3. Concetta 4. Giovanna 5. Francesca 40 6 40 8 57 14 11 11 9 7 1. Maria 2. Francesca 3. Anna 4. Laura 5. Giuseppina 1447 804 779 742 681 20 14 14 73 – Primatisti 2012 Matteo Mattia Alessandro Gabriel Riccardo 16 13 11 11 11 Primatisti 2012 Sofia Giulia Greta Sara Matilde/Viola 18 10 8 8 7 OLBIA numero posiz. 2012 10281 6588 6556 5940 4772 6 11 4 3 8 numero posiz. 2012 8824 4513 3635 3531 3201 – – 78 78 39 Maschi residenti Primatisti 2012 Andrea Gabriele Francesco Alessandro Giovanni numero 57 43 31 29 29 1. Antonio 2. Giovanni 3. Salvatore 4. Francesco 5. Giuseppe Femmine residenti numero 47 45 41 30 28 1. Maria 2. Francesca 3. Giovanna 4. Anna 5. Giuseppina 518 492 444 443 301 Primatisti 2012 Giulia Sofia Giorgia Aurora Martina tra quelli nati in Italia portano nomi anagrafici italiani, il che è vero in particolare, ma non solo, per i cinesi. Vediamo l’esempio di Prato. Mentre sui primi 10 cognomi per frequenza ben 8 sono cinesi, tra i nomi personali dei cittadini stranieri nel loro complesso il comune toscano vede in testa Matteo, Andrea e Alessio; Mohamed è 4º, Ahmed 5º, Kevin tipico di bambini e ragazzi dell’Europa orientale e dei cinesi è 6º; poi Marco, Alessandro, Lorenzo, Angelo prima di Mohammed, Arben, Constantin, Rachid; il più frequente cinese è solo 25º, Wei. Tra le femmine ancor meno facile individuare un nome straniero a Prato: nella classifica guidata da Elena, Maria, Angela, Sofia e Cristina, spiccano il romeno Mihaela in 13ª posizione, il cinese Xiaoyan in 17º e l’arabo Fatima in 18ª; tra i primi 32 troviamo anche Xiaohua, Ana, Lili, Xiaoping, Xiaozhen, Jie e Xiaomei. Anche tra gli stranieri ci sono poi i nomi di moda. Tra i maghrebini, e i marocchini in particolare, il 2012 indica in Adam il primo nome (a Torino per esem42 numero posiz. 2012 1593 1196 1192 1162 1097 Femmine residenti numero posiz. 2012 MESSINA Maschi residenti 1. Giuseppe 2. Andrea 3. Marco 4. Francesco 5. Giovanni pio, e a Milano insieme a Omar), 4 volte più numeroso di Mohamed, mentre Malak ha superato Sara tra le femmine. David e Matteo precedono Andrei e Gabriel tra i maschietti romeni, tra le bambine domina invece Alessia (anche nel doppio Alessia Maria). Nelle comunità cinesi a livello nazionale prevalgono da un lato Matteo e Andrea, dall’altro Sofia, Elena ed Elisa, indizio di piena integrazione onomastica. Quanto contano ancora i santi e la tradizione familiare? Nel Sud le tradizioni contano ancora soprattutto in campo maschile. Il nome di famiglia per eccellenza è quello del primogenito, che per lo più ripete quello del nonno paterno. In campo femminile si è più aperti alla sperimentazione, talvolta anche con nomi doppi: l’uno della tradizione (frequente in questa funzione è ancora Maria), l’altro di moda. Uso che 994 809 763 746 717 posiz. 2012 10 29 29 11 8 posiz. 2012 – 4 – – – Primatisti 2012 Riccardo Alessandro Gabriele Andrea Matteo 15 12 11 10 10 Primatisti 2012 Sofia Giulia Giorgia Aurora/Beatrice Francesca/Viola 12 8 7 6 6 riguarda peraltro un po’ tutta Italia, anche nei decenni passati. Va anche detto che il culto dei santi e la tradizione familiare hanno un ruolo minore anche perché si va perdendo la percezione dell’origine e del significato dei vari nomi. Si sceglie un nome perché bello (cioè, in genere, perché è di moda: anche i gusti cambiano col tempo), senza riflettere troppo sul fatto che sia oppure no il nome di un santo molto venerato. Lo stesso vale per nomi ideologici o con valori linguistici non più trasparenti. Diversamente non si spiegherebbe, per esempio, la corsa a mettere il nome Andrea a tante bambine, quando Andrea significa ‘uomo valoroso’, maschile per eccellenza. A stento, insomma, sappiamo che Francesco vuol dire ‘francese’ e che la sua diffusione si deve soprattutto al culto per il santo di Assisi (e in Calabria e in Sicilia per quello di Paola). E qualcuno tradurrà Sofia con ‘sapienza’. Ma per sapere cosa vogliono dire Emma, Federico, Marco, Alice, Sara, Giu- novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 42 12/12/13 09:36
  • 15. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI lia e gli stessi Giovanni, Anna, Giuseppe e Maria, pur così sulla bocca di tutti, occorre un dizionario. E non sempre i linguisti hanno una risposta sicura e univoca. Zero nella casella del 2012: nomi al tramonto Si può avere l’impressione che certi nomi legati alla tradizione religiosa e familiare stiano scomparendo. Questo è vero per alcuni nomi mariani o di santi, anche se specie nel Meridione i “resistenti” non sono pochi. Ma non si creda che per i nomi “laici” sia diverso. E non fanno eccezione quelli che sono stati di grande moda nel Novecento e che pure oggi presentano un’elevata diffusione nella popolazione in generale. Dalle tabelle 1 e 2 possiamo farci un’idea del crollo di nomi ormai tipici solo delle generazioni adulte (o anziane), tanto da risultare in testa alla classifica PADOVA Maschi residenti 1. Andrea 2. Francesco 3. Marco 4. Alessandro 5. Paolo Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Elena 5. Paola PAVIA numero posiz. 2012 2659 2457 2410 2210 2084 8 3 15 1 – numero posiz. 2012 3276 2065 1906 1822 1640 15 5 36 36 93 Maschi residenti Primatisti 2012 Alessandro Leonardo Francesco Tommaso Edoardo/Gabriele 29 25 21 20 19 Femmine residenti Primatisti 2012 Sofia Emma Alice Giulia Anna 26 22 21 21 18 PARMA Maschi residenti 1. Andrea 2. Francesco 3. Marco 4. Giuseppe 5. Alessandro Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Paola 5. Silvia 1. Marco 2. Giuseppe 3. Andrea 4. Francesco 5. Alessandro 1. Maria 2. Francesca 3. Anna 4. Laura 5. Elena numero posiz. 2012 861 835 773 682 666 18 18 6 9 1 numero posiz. 2012 920 575 526 503 476 – – 17 23 – numero posiz. 2012 2636 2017 1871 1618 1465 2 11 18 6 34 numero posiz. 2012 1652 1435 1224 1072 1070 29 39 9 1 80 Primatisti 2012 Alessandro Filippo Riccardo Edoardo Lorenzo Primatisti 2012 Emma Giulia Sofia Alice Martina 14 13 9 8 8 PERUGIA numero posiz. 2012 2645 2145 2058 1968 1869 6 8 17 43 1 numero posiz. 2012 2613 1828 1683 1404 1136 49 5 13 66 38 Maschi residenti Primatisti 2012 Alessandro Leonardo Riccardo Pietro Gabriele 39 29 29 26 22 Femmine residenti Primatisti 2012 Giulia Sofia Emma Alice Anna 1. Francesco 2. Andrea 3. Marco 4. Alessandro 5. Luca 21 21 19 18 16 1. Maria 2. Francesca 3. Anna 4. Giulia 5. Paola Primatisti 2012 Lorenzo Francesco Tommaso Mattia Davide 34 32 32 22 20 Primatisti 2012 Giulia Sofia Emma Giorgia Arianna/Margherita novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 43 11 9 8 7 7 29 29 20 18 17 43 12/12/13 09:36
  • 16. AnciRivista PESARO Maschi residenti 1. Marco 2. Andrea 3. Alessandro 4. Francesco 5. Luca Femmine residenti 1. Maria 2. Francesca 3. Anna 4. Paola 5. Laura PISTOIA numero posiz. 2012 1458 1387 1107 1072 1069 18 3 1 5 7 numero posiz. 2012 1302 833 820 716 702 15 59 7 – 25 Maschi residenti Primatisti 2012 Alessandro Leonardo Andrea Mattia Filippo/Francesco 20 15 13 13 12 Femmine residenti Primatisti 2012 Giulia Vittoria Alice Gaia Matilde/Sofia 17 9 8 8 8 PESCARA Maschi residenti 1. Antonio 2. Francesco 3. Andrea 4. Marco 5. Alessandro Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Paola 5. Giulia 44 1. Andrea 2. Alessandro 3. Marco 4. Francesco 5. Roberto 1. Maria 2. Francesca 3. Giulia 4. Elena 5. Anna numero posiz. 2012 1273 1187 1134 1068 840 4 4 18 14 – numero posiz. 2012 770 753 668 614 611 – 53 1 34 6 numero posiz. 2012 2422 2316 2292 2259 1846 6 14 12 5 1 numero posiz. 2012 1868 1437 1311 1284 1211 70 50 1 18 18 Primatisti 2012 Lorenzo Matteo Tommaso Alessandro Andrea/Giulio 20 20 19 15 15 Primatisti 2012 Giulia Sara Aurora Chiara Matilde 11 9 8 8 8 PRATO numero posiz. 2012 1978 1748 1454 1446 1400 20 3 4 14 1 numero posiz. 2012 1940 1322 1248 836 829 – 24 24 38 2 Maschi residenti Primatisti 2012 Alessandro Lorenzo Francesco Andrea Luca/Matteo 30 23 22 16 14 Femmine residenti Primatisti 2012 Sofia Giulia Beatrice Alice Emma/Martina 1. Andrea 2. Marco 3. Francesco 4. Alessandro 5. Lorenzo 24 18 12 11 10 1. Maria 2. Francesca 3. Giulia 4. Anna 5. Elena Primatisti 2012 Lorenzo Matteo Leonardo Niccolò Alessandro 38 35 25 25 23 Primatisti 2012 Giulia Gaia Alice Chiara Alice/Sofia 29 24 23 20 19 novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 44 12/12/13 09:36
  • 17. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI RAVENNA Maschi residenti 1. Andrea 2. Francesco 3. Giuseppe 4. Marco 5. Roberto Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Paola 5. Laura SIENA numero posiz. 2012 2166 1592 1485 1465 1435 6 4 – 21 – numero posiz. 2012 2009 1456 1209 1056 997 – 2 13 – – Maschi residenti Primatisti 2012 Alessandro Matteo Mattia Francesco Lorenzo 32 24 22 21 20 Femmine residenti Primatisti 2012 Sofia Anna Emma Giorgia Giulia 25 18 14 14 14 REGGIO EMILIA Maschi residenti 1. Andrea 2. Francesco 3. Giuseppe 4. Marco 5. Luca Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Elena 5. Laura 1. Francesco 2. Marco 3. Alessandro 4. Andrea 5. Roberto 1. Maria 2. Anna 3. Laura 4. Francesca 5. Paola numero posiz. 2012 816 699 691 655 502 16 7 11 7 – numero posiz. 2012 600 526 468 458 390 14 14 24 42 – numero posiz. 2012 288 256 213 213 212 2 14 1 – 14 numero posiz. 2012 252 209 176 174 169 – 3 – – – Primatisti 2012 Pietro Lorenzo Mattia Tommaso Diego/Matteo Primatisti 2012 Giulia Sofia Elena Violante Alice/Aurora/Livia 8 8 7 6 5 SONDRIO numero posiz. 2012 1963 1822 1752 1700 1583 7 4 28 13 9 numero posiz. 2012 1907 1497 1324 1113 1029 93 15 10 43 28 Maschi residenti Primatisti 2012 Alessandro Mattia Matteo Francesco Riccardo/Samuele 35 27 26 22 20 Sofia Giulia Martina Emma Matilde 1. Andrea 2. Marco 3. Alessandro 3. Giovanni 5. Luca Femmine residenti Primatisti 2012 generale nei vari comuni, ma spariti tra i nati e le nate del 2012. Sono infatti pari a zero le presenze nel 2012 di nomi che pure figurano tra i primi 10 nella popolazione generale di quello stesso Comune: Giuseppina e Angela a Torino, Roberto e Paola a Venezia, Paola e Anna Maria a Firenze, Giuseppa a Reggio Calabria, Giuseppa e perfino Maria a Messina, Stefano a Cagliari con Giovanna, Daniela, Rita, Roberta, ecc. Per non dire dei comuni con una popolazione minore. Lo zero nel 2012 vale ad Alessandria per quasi tutti i nomi che tra i residenti in generale occupano uno dei primi 5 posti: Giuseppe e Giuseppina, Roberto, Maria, Anna e Giovanna. E vale per Laura ad Arezzo, per Maria, Giuseppina e Paola ad Asti, per Rosa a Crotone, per Daniela a Latina, per Giuseppina a Novara, per Giuseppe e Roberto a Ravenna, per Roberto anche a Ferrara, La Spezia, Livorno, Pistoia, Siena e Terni, per Giuseppe anche a Imperia, Lecco e Lodi, per Paolo a Padova e a Trieste, per Laura e Paola a Viterbo, per Paola e Maria a Ferrara, Livorno e Mantova, per Maria e Giu- 30 23 22 16 16 1. Maria 2. Anna 3. Elena 4. Francesca 5. Paola seppina a Lecco, ancora Maria con Elena e Francesca a Pavia, Paola a Pesaro, Maria e Francesca a Prato, Maria, Paola e Laura a Ravenna, Maria anche a Como, Gorizia, L’Aquila, Lecco, Olbia, Pescara, Pistoia e Sondrio. Non cambia molto se gli stessi nomi dominanti nei decenni scorsi sono stati usati una sola volta nel 2012. È il caso di Rosa e Paola a Torino, Antonio all’Aquila, Angela a Milano, Silvia e Daniela a Venezia, Laura a Firenze, Anna a Latina, Antonina a Palermo, Giuseppina e Teresa a Crotone, Alessandra a Cagliari, Giovanni a Novara, Giuseppe e Giovanni ad Asti, Roberto a Bolzano e a Trieste, Laura e Francesca a Bolzano, Francesca a Pesaro e a Pistoia, Paola a Perugia, Maria a Terni: e la lista è ancora molto lunga. I nomi mariani resistono al Sud Tuttavia tra i numerosissimi nomi del culto mariano – almeno 200 più Primatisti 2012 Alessandro Leonardo Lorenzo Matteo Alessio/Andrea/Davide 3 3 3 3 2 Primatisti 2012 Giulia Sofia Alessia Amelia Anna/Bianca/Emma 6 3 2 2 2 composti – alcuni resistono. Addolorata è 32º a Taranto (e 74º a Napoli); mai tra i primi 100, ed anzi assai più in basso nel Centro-nord; Annunziata occupa la 23ª posizione a Reggio Calabria, la 27ª a Napoli, la 39ª a Taranto, l’81ª a Messina; Assunta è 8º a Napoli, tra i primi 100 a Cagliari, Messina, Pescara e Roma; Bonaria e Maria Bonaria, dal santuario mariano, sono nei primi 50 solo a Cagliari. Carmela figura un po’ dappertutto, ma diverso è il rango: da un lato, 3º a Napoli, 6º a Taranto, 8º a Messina e Reggio Calabria, 15º a Palermo (sempre nella popolazione in generale); dall’altro lato, 97º a Firenze, 89º a Trento, 79º a Bologna, ecc.; nel mezzo, le metropoli destinazione dei maggiori flussi migratori novecenteschi dal Sud: Carmela è infatti 21º a Torino, 37º a Milano, 51º a Roma. Lo stesso vale per Concetta: 3º a Messina, 6º a Napoli, 14º a Palermo, 15º a Reggio Calabria; fuori dai primi 100 a Bologna, Firenze, Venezia, Trieste, Verona, Pescara, ecc.; ma 44º a Torino, 67º a Roma e 78º a Milano. Anche Grazia è molto più novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 45 11 9 9 9 7 45 12/12/13 09:36
  • 18. AnciRivista TARANTO Maschi residenti TERNI numero posiz. 2012 6555 5354 5215 3827 3532 1 9 5 19 18 numero posiz. 2012 6496 5201 2465 2299 2296 30 19 7 47 66 1. Francesco 2. Giuseppe 3. Antonio 4. Cosimo 5. Giovanni Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Angela 5. Rosa Maschi residenti Primatisti 2012 Francesco Gabriele Andrea Alessandro Antonio/Lorenzo/Mattia 48 41 39 38 28 Femmine residenti Primatisti 2012 Giulia Martina Giorgia Sofia Sara 36 35 34 31 25 TEMPIO PAUSANIA Maschi residenti 1. Antonio 2. Giovanni 3. Salvatore 4. Giuseppe 5. Francesco Femmine residenti 1. Giovanna 2. Maria 3. Anna 4. Francesca 5. Caterina 1. Maria 2. Francesca 3. Anna 4. Paola 5. Giulia posiz. 2012 1472 1449 1334 1276 1147 4 16 11 5 – numero posiz. 2012 1196 989 898 793 756 58 19 8 58 2 numero posiz. 2012 3222 2110 1726 1498 1112 4 7 5 10 33 numero posiz. 2012 2264 1317 1247 1091 1007 21 – 13 21 21 Primatisti 2012 Mattia Tommaso Filippo Francesco Alessandro 22 21 20 18 16 Primatisti 2012 Sofia Giulia Chiara Emma Aurora 19 15 12 10 10 TRAPANI numero posiz. 2012 334 272 257 244 212 1 10 – 10 10 numero posiz. 2012 185 178 154 134 110 – – – 5 5 Maschi residenti Primatisti 2012 Alessandro Antonio Matteo Andrea Angelo/Federico/Mattia 4 4 3 2 2 Elena Giorgia Chiara Emma Adele/Alice È possibile prevedere il futuro onomastico degli italiani? Gli ultimi decenni dimostrano come le città che precorrono le mode onomastiche, e quindi “fanno tendenza”, siano le due metropoli del Nord, Milano e Torino, la capitale Roma e inoltre Venezia e Firenze; nel Meridione, la regione che innova più rapidamente è la Sicilia e occorre dunque tener d’occhio soprattutto Palermo. Nei primi anni ’90, per esempio, dopo due secoli nei quali Maria e Rosalia si contendevano il primato, è balzato improvvisamente in testa Jessica, che non è mai stata prima nelle altri grandi città italiane. Dunque, anche guardando le liste 1. Giuseppe 2. Salvatore 3. Francesco 4. Antonino 5. Vincenzo Femmine residenti Primatisti 2012 frequente nel Meridione che nel Centronord. Immacolata s’incontra i primi 100 solo a Napoli (14º) e a Taranto; Letteria (dalla Madonna della Lettera) esclusivamente a Messina (14º); Nunzia a Napoli (30º), Messina e Palermo. 46 1. Francesco 2. Marco 3. Andrea 4. Alessandro 5. Roberto numero 3 3 2 2 1 1. Maria 2. Giuseppa 3. Francesca 4. Caterina 5. Anna di questi comuni, è possibile prevedere il futuro onomastico degli italiani. Tra i nomi nuovi, in campo femminile, sembrano destinati al grande successo nazionale in pochissimi anni, tra gli altri, Viola, Bianca, Ginevra, Vittoria, Adele, senza dimenticare i ritorni di Anna, Caterina, Teresa e Agata e prima o poi anche di Maria. Se studiamo la classifica di Milano, risultano in grande ascesa Nina, Stella, Mia, Olivia, Eva, Anita, delle quali si ha ancora scarsa traccia altrove. A Firenze possiamo cogliere la crescita di Gemma, Linda, Luna (si noti, come per altri già citati, la crescente preferenza per nomi trasparenti, corrispondenti a un aggettivo o a un sostantivo) e Tessa. Venezia conferma l’attrazione per Linda, Mia e Isabella, grande successo in America. Il repertorio di Roma mette in mostra Eva, Olivia, Anita, Stella, al pari di Milano. Nel Sud si muove rapidamente, come detto, Melissa. In campo maschile si avvicinano alle zone più alte della classifica Diego, Jacopo, Samuele, Nic(c)olò, Giulio, e le Primatisti 2012 Andrea Gabriele Marco Giuseppe Francesco/Samuele 11 10 10 9 8 Primatisti 2012 Giulia Giorgia Sofia Aurora Giada/Martina 16 13 10 9 7 forme straniere quasi identiche a quelle italiane, che appartengono a bambini italiani e non, in testa nettamente Gabriel, poi Samuel, Daniel e ancora Nic(h) olas, Sebastian e Adam. Da Roma si segnala l’ascesa di Tiziano, Giordano, Emiliano, Adriano (si noti l’uscita in -ano), Flavio, Ettore, Gioele (ennesimo nome ebraico in -ele); a Milano quella di Gregorio, Guglielmo, Enea, Achille (altri indizi di recupero dell’epopea classica); Venezia lascia prospettare il successo di Elia, Leone, Tobia; Firenze quello di Arturo, Brando, Damiano. E i nomi italiani sono talvolta i protagonisti di mode internazionali. Sofia ed Emma, i nomi del momento, sono o sono stati nº 1 negli Stati Uniti e in tutti i grandi Paesi anglofoni, dove peraltro sono attualmente presenti nelle classifiche di frequenza tanti nomi italiani quanto non se ne sono forse mai contati, da Isabella ad Anna, da Gabriella ad Angelina, da Arianna ad Adriana, da Gianna a Daniela, da Giuliana e Stella, ecc. novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 46 12/12/13 09:36
  • 19. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI TRENTO Maschi residenti 1. Andrea 2. Marco 3. Paolo 4. Alessandro 5. Stefano Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Elena 5. Laura TRIESTE numero posiz. 2012 1555 1460 1296 1247 1126 5 18 24 68 20 numero posiz. 2012 1351 1109 901 792 778 45 10 30 16 45 Maschi residenti Primatisti 2012 Matteo Alessandro Leonardo Francesco Andrea/Federico/Pietro 21 19 19 14 13 Femmine residenti Primatisti 2012 Sofia Giulia Aurora Alice Sara 16 12 11 10 10 TREVISO Maschi residenti 1. Andrea 2. Francesco 3. Marco 4. Alessandro 5. Giuseppe Femmine residenti 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Paola 5. Laura 1. Andrea 2. Roberto 3. Paolo 4. Alessandro 5. Marco 1. Maria 2. Anna 3. Laura 4. Francesca 5. Elena numero posiz. 2012 2482 2438 2237 2207 1924 10 107 – 1 12 numero posiz. 2012 3623 1722 1533 1461 1314 33 7 65 23 23 numero posiz. 2012 1183 1094 1011 991 974 15 41 1 56 56 numero posiz. 2012 1408 1032 793 778 747 17 4 17 17 – Primatisti 2012 Alessandro Matteo Leonardo Mattia Lorenzo/Simone Primatisti 2012 Sofia Alice Emma Giulia Martina/Sara 27 19 19 18 16 UDINE numero posiz. 2012 1003 996 899 886 817 16 8 16 13 32 numero posiz. 2012 1352 781 721 691 652 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. Maschi residenti Primatisti 2012 Leonardo Lorenzo Riccardo Davide Giacomo/Nicolò/Pietro 13 9 9 8 8 Femmine residenti Primatisti 2012 Emma Giulia Anna Bianca Ginevra 1. Andrea 2. Marco 3. Alessandro 4. Paolo 5. Roberto 10 9 8 8 7 1. Maria 2. Anna 3. Francesca 4. Laura 5. Paola Primatisti 2012 Alessandro Matteo Leonardo Mattia Lorenzo 17 17 14 12 10 Primatisti 2012 Sofia Giulia Margherita Anna Martina novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 47 24 23 21 19 17 16 12 11 9 9 47 12/12/13 09:36
  • 20. AnciRivista I nuovi “Mario Rossi”, Comune per Comune Combinando il nome e il cognome più frequenti nelle rispettive liste anagrafiche, si ottengono le seguenti accoppiate primatiste, che corrispondono all’uomo qualunque di un certo comune. Andrea Rossi è primatista in 7 città tra le 63 considerate (Arezzo, Bologna, Ferrara, Firenze, Livorno, Udine, Vicenza). Andrea, considerando anche altri cognomi, è primatista complessivamente in 26 comuni. Seguono Giuseppe con 18, di cui 4 volte Giuseppe Rossi (ad Alessandria, Milano, Novara e Roma). Poi Antonio con 9 (mai abbinato al cognome Rossi – i suoi primati sono sardi, abruzzesi e meridionali), Francesco con 5 e Marco con 3 (neppure qui con Rossi), Roberto e Alessandro con 1 ciascuno. Alessandria: Giuseppe Rossi Milano: Giuseppe Rossi Roma: Giuseppe Rossi Firenze: Andrea Rossi Napoli: Antonio Esposito Siena: Francesco Rossi Arezzo: Andrea Rossi Gorizia: Roberto Bressan Novara: Giuseppe Rossi Sondrio: Andrea Bordoni Asti: Giuseppe Musso Imperia: Giuseppe Amoretti Olbia: Antonio Deiana Taranto: Francesco Basile Belluno: Marco Da Rold Isernia: Antonio Antenucci Padova: Andrea Schiavon Terni: Francesco Proietti Biella: Andrea Ramella L’Aquila: Antonio Ianni Palermo: Giuseppe Messina Torino: Giuseppe Russo Bologna: Andrea Rossi La Spezia: Andrea Cozzani Parma: Andrea Ferrari Trapani: Giuseppe Messina Bolzano: Andrea Pichler Lecce: Antonio Rizzo Pavia: Marco Sacchi Trento: Andrea Tomasi Brindisi: Antonio Guadalupi Lecco: Giuseppe Colombo Perugia: Francesco Rossi Treviso: Andrea Pavan Cagliari: Antonio Melis Livorno: Andrea Rossi Pesaro: Marco Cecchini Trieste: Andrea Furlan Caserta: Antonio Natale Lodi: Giuseppe Ferrari Pescara: Antonio Di Giovanni Udine: Andrea Rossi Como: Giuseppe Bianchi Lucca: Andrea Bianchi Pistoia: Andrea Capecchi Venezia: Andrea Vianello Cremona: Giuseppe Ferrari Macerata: Andrea Moretti Prato: Andrea Gori Verona: Andrea Ferrari Crotone: Francesco Greco Mantova: Andrea Ferrari Ravenna: Andrea Fabbri Vicenza: Andrea Rossi Cuneo: Giuseppe Dutto Massa: Andrea Ricci Reggio Calabria: Giuseppe Romeo Viterbo: Alessandro Rossi Enna: Giuseppe Cammarata 48 Ferrara: Andrea Rossi Aosta: Giuseppe Mammoliti Messina: Giuseppe Arena Reggio Emilia: Andrea Ferrari novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 48 12/12/13 09:36
  • 21. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI Che fine hanno fatto i nomi di moda degli anni ’50 e ’60? Il secondo dopoguerra ha segnato uno spartiacque notevole nell’onomastica personale italiana. In particolare tra i primi anni ’50 e i primi anni ’70 si sono imposti con forza e rapidità alcuni nomi, tanto maschili quanto femminili, che nell’Ottocento e nella prima metà del Novecento erano quasi spariti. Merito (o colpa) della cinematografia e della canzone americana, della televisione, degli scambi turistici... Limitiamoci ai nomi di donna. È stato il momento di Patrizia, Daniela, Roberta, Paola, Cinzia, Alessandra, Stefania, Barbara, Sabrina, Antonella, Claudia, Silvia, Monica, Loredana, Tiziana, al ritmo di migliaia di nuove nate, ogni anno, per ciascun nome. Prendiamo questi 15 nomi e verifichiamo a quante bambine nate nel 2012 sono stati assegnati nei comuni di Roma, Milano, Torino, Firenze e Venezia (ossia quelli che, almeno dal secondo dopoguerra in poi, fanno più “tendenza”) e inoltre a Napoli a Palermo e a Cagliari. Nate nel 2012 RM MI TO FI VE NA PA CA Alessandra 72 14 11 3 4 37 16 1 Antonella 6 1 2 0 0 3 0 0 Barbara 12 1 1 1 0 0 1 0 Cinzia 0 0 0 0 0 0 2 0 Claudia 111 10 6 1 1 25 20 1 Daniela 12 5 6 2 1 13 2 0 Loredana 2 1 2 0 1 3 3 1 Monica 2 2 3 1 0 6 4 0 22 6 1 0 0 8 4 0 Patrizia 3 1 0 0 0 30 2 0 Roberta 24 7 4 1 1 34 20 0 Sabrina 25 8 10 2 5 27 6 1 Silvia 47 4 17 5 1 6 12 2 Stefania 11 2 3 1 0 5 4 1 Tiziana 2 0 1 0 0 2 2 0 Paola Come si nota, i primi della classe di 40-50-60 anni fa sono per lo più ridotti a valori minimi, quando non a zero presenze per le nuove nate. Maggiore è la resistenza nelle città del Sud, dove quasi tutte le mode sono sfasate di qualche anno rispetto al Centro-nord. Significativa è la sparizione quasi completa di Cinzia, Monica, Tiziana, Barbara, Loredana, Antonella e Patrizia. Non solo i nomi della tradizione locale si riducono dunque: la moda travolge tutto e tutti, con qualche eccezione “sempreverde”. novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 49 49 12/12/13 09:36
  • 22. AnciRivista I nomi-simbolo dei Comuni del XXI secolo Ecco dove resiste e dove scompare la tradizione Scorrendo le graduatorie dei nomi portati dai cittadini dei vari comuni si notano una certa uniformità ma anche situazioni molto particolari. La particolarità è data da due elementi: esistono nomi diffusi in tutta Italia o quasi, ma che raggiungono alte frequenze in pochissimi comuni; e ci sono nomi tipici e praticamente esclusivi di un dato comune (e del territorio circostante) e che ne caratterizzano in modo inequivocabile la relativa classifica. Vediamo quali sono e quale posizione occupano questi nomi nella popolazione complessiva dei comuni interessati e, in parallelo, quanti sono i nuovi nati o le nuova nate con quello stesso nome, per capire se la tradizione ha speranza di continuare o si va estinguendo. I n campo femminile i nomi tradizionali sembrano quasi scomparsi, con l’eccezione di Napoli, dove resistono non solo Assunta e Immacolata ma, in proporzioni più modeste, anche Fortuna e Mariarca. Lo stesso può dirsi parzialmente per due nome nomi palermitani come Maria Concetta e Rosalia, ma non per Antonina, Francesca Paola, Provvidenza e Girolama, e peraltro il nome della santa patrona passa dal 2º posto assoluto nella popolazione generale al 59º per le nuove nate. Si tenga anche conto che oggi è frequente comune nº residenti posizione il caso di un nome doppio che combina quello tradizionale con un nome di moda. Colpisce nel 2012 il valore per nomi che pure contano oltre 500 o anche 1.000 presenze nella popolazione di un comune: Santa e Letteria a Messina, Co- nati 2012 posizione Alvise Venezia 816 41º 16 17º Angiolo Firenze 127 151º 0 — Aniello Napoli 954 79º 5 96º Annunziato Reggio C. 215 58º 1 77º Berardino L’Aquila 138 58º 1 44º Baldassare Trapani 134 49º 1 48º Calogero Palermo 1523 48º 2 135º Cataldo Taranto 1190 18º 5 37º Ciro Napoli 14621 8º 112 10º Consolato Reggio C. 294 48º 1 77º Cosimo Taranto 1728 4º 12 19º Cristofaro Reggio C. 61 112º 0 — Demetrio Reggio C. 1954 8º 18 8º Dionigi Crotone 100 51º 0 — Domenico Antonio Reggio C 112 90º 0 — Duccio Siena 179 38º 1 31º Efisio Cagliari 545 38º 0 — Eupremio Brindisi 116 72º 0 — 50 novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 50 12/12/13 09:36
  • 23. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI nome comune nº residenti posizione nati 2012 posizione Fortunato Reggio C. 560 26º 5 29º Francesco Antonio Reggio C. 136 79º 1 77º Francesco Paolo Palermo 3602 18º 20 38º Francesco Pio Napoli 1138 72º 43 27º Gavino Olbia 159 38º 0 — Gennaro Napoli 13911 9º 68 20º Giuseppe Antonio Reggio C. 122 85º 0 — Lapo Firenze 688 56º 15 21º Letterio Messina 1349 17º 3 58º Manfredi Palermo 665 83º 22 31º Melchiorre Trapani 39 95º 0 — Michelangelo Palermo 512 94º 1 182º Moreno Perugia 188 74º 0 — Nazareno Macerata 57 70º 0 — Neri Firenze 234 102º 7 39º Pantaleone Crotone 107 47º 0 — Placido Messina 655 39º 1 99º Rosolino Palermo 646 87º 1 182º Santi Messina 795 30º 0 — Stellario Messina 308 68º 0 — Teodoro Brindisi 833 10º 2 41º Addolorata Taranto 743 32º 1 104º Antonina Palermo 5501 9º 1 259º Assunta Napoli 9338 8º 22 43º Bonaria Cagliari 384 50º 0 — Brigida Trapani 172 38º 0 — Consolata Reggio C. 267 58º 0 — Cosima Brindisi 730 6º 0 — Felicia Reggio C. 163 97º 0 — Fortuna Napoli 1340 80º 5 140º Fortunata Reggio C. 608 22º 0 — Francesca Paola Palermo 1705 49º 2 170º Gavina Olbia 109 55º 0 — novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 51 51 12/12/13 09:36
  • 24. AnciRivista nome comune Girolama Palermo Immacolata nº residenti posizione nati 2012 posizione 994 73º 0 — Napoli 6654 14º 12 80º Leonarda Trapani 332 17º 0 — Letteria Messina 1452 14º 0 — Maria Bonaria Cagliari 746 20º 0 — Maria Concetta Palermo 3213 19º 4 112º Mariarca Napoli 1087 94º 6 122º Mattia (femm.) Reggio C. 76 104º 0 — Michelina Caserta 165 55º 0 — Natala Messina 265 74º 0 — Palma Taranto 286 74º 0 — Pietrina Olbia 111 53º 0 — Provvidenza Palermo 2076 36º 2 170º Rosalia Palermo 11250 2º 9 59º Salvatorica Olbia 120 46º 0 — Santa Messina 1154 17º 0 — Saveria Reggio C. 201 76º 0 — Teodora Brindisi 265 38º 0 — Tindara Messina 223 79º 0 — sima a Brindisi, Fortunata a Reggio Calabria, Maria Bonaria a Cagliari, Michelina a Caserta. Soltanto una o due volte ricorrono nel 2012 Antonina a Palermo, dove le donne così chiamate sono oltre 5.500, e Addolorata a Taranto. Questi nomi, in gran parte legati al culto religioso, testimoniano un ulteriore grado di secolarizzazione anche nel Sud e nelle isole e documentano un preciso fat- 52 to onomastico: la frattura di una lunga tradizione nelle scelte, operate ora al di fuori sia della parrocchia che della famiglia (nonostante il fatto che la gran parte dei nomi di moda corrispondono comunque a quello di un santo). In campo maschile la discontinuità con la tradizione è meno evidente. A parte il caso napoletano, dove Aniello e Gennaro perdono terreno ma Ciro e Francesco Pio tengono la media e anzi l’ultimo guadagna posizioni negli ultimi anni (è il nome dedicato al santo Padre Pio da Pietrelcina), sono in ascesa anche Alvise a Venezia (una variante di Luigi), Lapo e Neri a Firenze e Manfredi a Palermo; non cedono Demetrio a Reggio Calabria né Cataldo a Taranto. Ma certo anche qui sorprende l’assenza totale, nel 2012, o la riduzione a 1-2 presenze, di Efisio a Cagliari, Gavino a Olbia, Michelangelo e Rosolino a Palermo, Berardino all’Aquila: nomi che forse dicono poco a chi non vive in quei comuni, dove però contano centinaia di presenze. L’esempio di Messina è eclatante: i quattro nomi Letterio, Santi, Placido, Stellario corrispondono a 3.107 cittadini residenti, di cui appena 4 nati nel 2012! Sono spariti tra i nuovi nati, anche alcuni composti stabili, come i reggini Francesco Antonio, Giuseppe Antonio, Domenico Antonio e anche curiosi scambi di genere, come il frequente Mattia femminile, sempre nella città calabrese. novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 52 12/12/13 09:36
  • 25. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI Come si chiamano i sindaci italiani? La rivincita dei Giuseppe. E di un centinaio di nomi rarissimi Anche senza don Camillo il sindaco è ancora Peppone P iero (Franco Rodolfo) Fassino, sindaco di Torino, condivide il primo nome di battesimo con il sindaco Cecchini di Cattolica-Rn e il sindaco Lodi di Cento-Fe. Giuliano Pisapia con quelli di Bracciano-Rm (Sala) e di Lavagna-Ge (Vaccarezza). Anche i Matteo sono tre: Renzi a Firenze, Macilotti a Chiampo-Vi e Cappelletto a San Stino di Livenza-Ve. Con lo stesso nome di Ignazio Marino c’è soltanto Ignazio Abbate a Modica-Rg. Abbiamo considerato tutti i primi cittadini dei 1.205 comuni italiani con oltre 10mila abitanti (1.157 dopo l’esclusione di quelli in amministrazione straordinaria) e compilato la classifica qui a fianco, che vede Giuseppe nº 1 con 47 sindaci così chiamati. Tra questi, due soli amministrano capoluoghi di provincia: Arezzo (Fanfani) e Carbonia (Casti). La 2ª posizione spetta ad Antonio: 39 comuni e nessun capoluogo (possono aggiungersi 3 Antonello e 3 Antonino). La 3ª a Francesco, con 36 sindaci (e un Francesco Paolo; nessun capoluogo). Seguono, tutti con 32 primi cittadini, Giovanni, Paolo e Roberto. Giovanni si chiamano, tra gli altri, i sindaci di Latina (Di Giorgi) e Treviso (Manildo); ci sono anche 4 Giovanni Battista, in particolare Mongelli a Foggia. Il nome Paolo è quello dei sindaci di Enna (Garofalo), Lecce (Perrone) e Piacenza (Dosi); Roberto è portato dai loro colleghi di Forlì (Balzani), Monza (Scanagatti), Prato (Cenni) e Trieste (Cosolini). E poi Marco, Stefano, Vincenzo, Andrea, Alessandro, ecc. come da classifica. Tra gli Andrea, due nuovi “italiani qualunque”. I sindaci di CasalgrandeRe e di Montepulciano-Si si chiamano, infatti, Andrea Rossi. Siamo poi andati alla ricerca di nomi particolarmente rari, non più in uso (o quasi) per i nuovi nati, ma poco frequenti anche nella popolazione adulta e unici nella lista dei 1.157 sindaci: Ecco un rapido campione: Adalberto (Mosaner, a Riva del Garda-Tn), Alcide (Molte- ni, a Sondrio), Altiero (Lodi, a MentanaRm), Amilcare (Mancusi, a Sarno-Sa), Antimo (Silvestre, a Casandrino-Na), Basilio (Ferrari, a Paola-Cs), Benigno (Calvi, a Inzago-Mi), Cosmo (Mitrano, a Gaeta-Lt), Costanzo (Di Iorio, a Torremaggiore-Fg), Crescenzo (Pallotta, a Ladispoli-Rm), Doriano (Cirri, a Carmignano-Po), Elpidio (Russo, a CasagioveCe), Enio (il sindaco Pavone, a Roseto degli Abruzzi-Te), Ermanno (Schiano, a Bacoli-Na), Esterino (Montino, a Fiumicino-Rm), Furio (Honsell, a Udine), Generoso (Monti, a Tortoreto-Te), Giosuè (Starita, a Torre Annunziata-Na), Iader (Garavina, a Gambettola-Fc), Leone (Gargiulo, a Massa Lubrense-Na). E ancora: Leopoldo (il sindaco Di Girolamo, a Terni), Libero (Ciuffreda, a Chivasso-To), Maino (Benatti, a Mirandola-Mo), Narciso (Buffoni, a Montignoso-Ms), Nazzaro (Pagano, a Casaluce-Ce), Nereo (Destri, a Sant’Ambrogio di Valpolicella-Vr), Onelio (Rambaldi, a Medicina-Bo), Osvaldo (Ciaponi, a Santa Croce sull’Arno-Pi), Pantaleone (il sindaco Annunziata, a PoggiomarinoNa), Sabato (Tenore, a Siano-Sa), Sauro (Testi, a Bucine-Ar), Venanzio (Carpentieri, a Melito di Napoli). Poi ci sono i nomi tipici, molto frequenti in una certa città o provincia ma quasi sconosciuti altrove. È il caso di Alvise (Maniero, sindaco di Mira-Ve), di Aniello (Giugliano, di San Gennaro Vesuviano-Na), di Calogero (Firetto, di Porto Empedocle-Ag), Ippazio (Stefàno, di Taranto), Oronzo (Valzano, di Trepuzzi-Le), Santo (Caruso, di Aci Sant’Antonio-Ct), Umile (Bisignano, proprio a Bisignano-Cs). La classifica dei nomi femminili è molto povera: su 1.157 comuni, i sindaci donna sono appena 93, ossia l’8 per cento. Maria prevale, ma 12 volte su 13 si tratta di un composto (e l’unico che si ripete è Maria Rita); la Maria nome unico (Ferrucci) è primo cittadino a Corsico-Mi. Segue Roberta, poi Daniela, Laura, Lucia e Silvia, i soli nomi con più di 2 presenze. Tra quelli che figurano una sola vol- ta nella lista, si segnalano come tipici di certe aree oppure oggi molto rari: Concetta (Basile Rapisarda, sindaco di Tremestieri Etneo-Ct) e Concettina (Monguzzi, di Lissone-Mb), Domenica (Spinelli, di Coriano-Rn), Eleanna (Ciampolini, di Agliana-Pt), Ersilia (Nobile, di Vieste-Fg), Leoluchina (Savona, di Corleone-Pa), Rosella (Rivolta, di Lentate sul Seveso-Mb), Sirena (Rapattoni, di Cepagatti-Pe) e Tonia (Piccioni, sindaco di Alba Adriatica-Te). Infine, dalla tabella 3, dove sono elencati una sessantina di sindaci di capoluoghi di provincia che hanno partecipato alla nostra inchiesta, si può dedurre che il nome più raro tra i suoi concittadini è quello del sindaco di Sondrio (un solo omonimo), poi quelli dei sindaci di Bologna e di Crotone (due concittadini con lo stesso nome), davanti ai primi cittadini di Perugia, Lecco, Udine, Terni e Caserta. Il nome più banale, sotto il profilo statistico, appartiene al sindaco di Napoli, seguito dai suoi colleghi di Trieste, Firenze, Livorno e Brindisi. novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 53 53 12/12/13 09:36
  • 26. AnciRivista TABELLA 1 I nomi di battesimo maschili più ricorrenti tra i sindaci dei comuni italiani con oltre 10mila abitanti 1. Giuseppe 2. Antonio 3. Francesco 4. Giovanni 4. Paolo 4. Roberto 7. Marco 47 39 36 32 32 32 24 8. Stefano 9. Vincenzo 10. Andrea 11. Luigi 11. Nicola 13. Alessandro 13. Angelo 23 22 21 20 20 18 18 15. Mario 15. Michele 15. Salvatore 18. Massino 19. Claudio 19. Domenico 19. Luciano 17 17 17 16 15 15 15 22. Giorgio 23. Carlo 23. Pietro 25. Maurizio 25. Pasquale 25. Sergio 14 13 13 12 12 12 TABELLA 2 I nomi di battesimo femminili più ricorrenti tra i sindaci dei comuni italiani con oltre 10mila abitanti 1. Maria 2. Roberta 3. Daniela 3. Laura TABELLA 3 Comune Aosta Arezzo Asti Biella Bologna Bolzano Brindisi Cagliari Caserta Como Cremona Crotone Cuneo Ferrara Firenze Gorizia Imperia L’Aquila La Spezia Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Massa Messina Milano 54 13 4 3 3 3. Lucia 3. Silvia 7. Cristina 7. Loretta 3 3 2 2 7. Marica/-ika 7. Monica 7. Nella 7. Rosa 2 2 2 2 7. Rosalba 7. Rossana 7. Rossella 2 2 2 I sindaci di alcuni capoluoghi di provincia con la posizione che il loro nome occupa nella popolazione del rispettivo comune e con il numero dei concittadini omonimi nome (cognome) posizione Bruno (Giordano) Giuseppe (Fanfani) Fabrizio (Brignolo) Donato (Gentile) Virginio (Merola) Luigi (Spagnolli) Cosimo (Consales) Massimo (Zedda) Pio (Del Gaudio) Mario (Lacini) Oreste (Perri) Peppino (Vallone) Federico (Borgna) Tiziano (Tagliani) Matteo (Renzi) Ettore (Romoli) Carlo (Capacci) Massimo (Cialente) Massimo (Federici) Giovanni (Di Giorgi) Paolo (Perrone) Virginio (Brivio) Alessandro (Cosimi) Simone (Uggetti) Alessandro (Tambellini) Romano (Carancini) Alessandro (Volpi) Renato (Accorinti) Giuliano (Pisapia) 36º 8º 44º 112º 414º 21º 4º 24º 196ª 14º 196º 385º 40º 87º 13º 151º 19º 15º 15º 7º 19º 220º 3º 28º 3º 136º 3º 82º 79º omonimi nel comune 89 857 178 28 2 397 1727 758 12 560 19 2 161 119 2318 14 213 431 565 1200 438 11 2011 159 1082 20 890 304 900 Comune Napoli Novara Olbia Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro Pescara Pistoia Prato Ravenna Roma Siena Sondrio Taranto Terni Torino Trapani Trento Treviso Trieste Udine Venezia Verona Vicenza Viterbo nome (cognome) Luigi (De Magistris) Andrea (Ballarè) Giovanni (Giovannelli) Ivo (Rossi) Leoluca (Orlando) Federico (Pizzarotti) Alessandro (Cattaneo) Wladimiro (Boccali) Luca (Ceriscioli) Luigi (Albore Mascia) Samuele (Bertinelli) Roberto (Cenni) Fabrizio (Matteucci) Ignazio (Marino) Bruno (Valentini) Alcide (Molteni) Ippazio (Stefano) Leopoldo (Di Girolamo) Piero (Fassino) Vito (Damiano) Alessandro (Andreatta) Giovanni (Manildo) Roberto (Cosolini) Furio (Honsell) Giorgio (Orsoni) Flavio (Tosi) Achille (Variati) Leonardo (Michelini) posizione 7º 2º 2º 209º 265º 26º 5º 468º 5º 14ª 51º 9º 47º 197º 51º 329º 200º 301º 72º 7º 4º 6º 2º 294º 10º 58º 249º 25º omonimi nel comune 15225 1195 808 48 43 776 665 5 1068 842 205 1437 388 1196 131 1 35 12 997 812 1246 794 2437 12 2066 433 19 311 novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 54 12/12/13 09:36
  • 27. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI L’opinione di Francesco Sabatini, presidente onorario dell’Accademia della Crusca Cambia la lingua italiana, cambiano i nomi del Belpaese I grande varietà per l’innesto dell’onomastica germanica e greco-bizantina. nomi propri sono parte integrante della lingua di un popolo. Nomi personali, cognomi, soprannomi, toponimi, denominazioni di strade e piazze, nomi di marchi e insegne commerciali, di istituzioni e di oggetti... nascono per lo più da voci del lessico, talvolta tornano ad essere nomi comuni e aggettivi, e seguono le evoluzioni della lingua. Sul panorama odierno dei nomi abbiamo interpellato il linguista e filologo Francesco Sabatini, presidente onorario dell’Accademia della Crusca, professore emerito dell’Università di Roma Tre e autore, tra le sue numerosissime opere, del Dizionario Italiano Disc (in collaborazione con Vittorio Coletti). Professor Sabatini, i nomi personali nei documenti medievali spesso oscillano: Paolo, per esempio, era più spesso Pavolo o Pagolo. Come mai a un certo momento, tranne rare eccezioni, si sono fissati in un’unica forma? Perché in genere ha prevalso la forma toscana colta, tranne qualche caso, la più vicina anche alla forma latina, visto che i nomi di persona venivano spesso trascritti dai notai. Una delle principali questioni della lingua italiana d’oggi è l’ingresso dei forestierismi non adattati... Come mai, allora, tra i nomi personali non siamo invasi da voci straniere e tra i primi 50, per esempio, gli unici non adattati sono C(h)ristian tra i maschi e Nicole tra le femmine? patronato tra i santi o la necessità di rifare il nome del nonno o del padrino. Altri affermano il contrario. Io distinguerei tra le varie classi sociali: una certa attenzione per i nomi di attori/attrici, personaggi pubblici, ecc. è certamente tipica delle classi popolari; la tradizione colta è maggiormente perseguita nelle classi medioalte; e infine, Che cosa guida oggi i genitori nella scelta del nome di un figlio? C’è chi sostiene che i personaggi della tv, dello sport, del cinema, delle canzoni, abbiano un’influenza solo limitata sulle mode e che conti molto meno di un tempo la ricerca di un Francesco Sabatini, presidente onorario della Crusca la tradizione di famiglia si mantiene viva in particolare nell’aristocrazia. In genere si ritiene che attualmente i nomi usati siano molto meno numerosi che in passato, considerando i tanti che sono spariti. È vero? Ogni epoca ha i suoi nomi e il presente ne è molto ricco, forse più che il passato. Direi che possiano notare un bilanciamento: facendo una media nelle abitudini di tutte le classi sociali, nel passato – intendiamo i secoli dal XV al XIX – sopravvivevano nomi legati a culti regionali, oggi via via abbandonati; è subentrata invece la conoscenza di personaggi anche di altri popoli, attraverso cinema, tv, giornalismo, ecc. Se poi risaliamo all’alto Medioevo, si trova una Nell’onomastica esiste una sorta di freno dato dalla grafia e dalla pronuncia. Molti – nelle classi popolari – sarebbero forse attratti da un Francis o da una Hillary, ma non saprebbero poi cavarsela con grafia e pronuncia. Già un Walter crea problemi. Presidente Sabatini, se dovesse scegliere tre o quattro nomi personali, maschili e femminili, che più rappresentano la storia della lingua italiana e l’immagine dell’Italia in genere, quali indicherebbe? Per pura documentazione della nostra storia – non solo linguistica – funzionerebbero Dante, ben diffuso nel passato, mentre è assente presso gli altri popoli; poi Francesco, dal santo di Assisi, rinforzato dagli altri santi omonimi, in particolare quello di Paola per il Sud, a Petrarca, prescindendo dal rilancio odierno; e, ancora, Giovanni, Giuseppe e Annamaria: quest’ultimo non richiama personaggi particolari, ma suona tipicamente italiano e di ogni classe. novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 55 55 12/12/13 09:36
  • 28. AnciRivista A colloquio con Franco Montini, presidente del sindacato dei critici cinematografici Nei nomi del grande schermo la finzione insegue la realtà I l cinema è indicato come una fonte ispiratrice di nomi. Ma anche registi e autori attingono a ricordi e immagini della vita quotidiana per battezzare i loro personaggi. Con qualche incongruenza cronologica e qualche scelta molto banale o molto eccentrica. Ne parliamo con Franco Montini, presidente del Sindacato nazionale critici cinematografici italiani, collaboratore storico de la Repubblica, autore di libri, inchieste e migliaia di recensioni, oltre che organizzatore di festival cinematografici ed eventi culturali e presidente di Made in Italy che da anni organizza rassegne di cinema italiane all’estero. Alla luce della sua espe- rienza di critico cinematografico che ha intervistato e scritto di centinaia di registi, attori, sceneggiatori, quali sono i criteri seguiti per scegliere i nomi dei personaggi di un film? Ovviamente ogni autore segue modalità differenti. Ma tra le scelte più frequenti metterei quelle legate alla realtà. Nomi molto ricorrenti, banali, per personaggi comuni e nomi più rari e ricercati per personaggi che devono distinguersi. Il nome diventa come un vestito, una pettinatura, un modo di parlare, qualcosa che caratterizza il personaggio. Spesso però ci si lascia guidare dall’eufonia, un po’ come capita ai genitori che devono scegliere il nome per il loro nascituro. E poiché sappiamo che non è bello quel che è bello, e 56 spesso neppure quel che piace, bensì quel che è di moda, i personaggi dei film portano nomi alla moda. Un esempio: nel 1972 uscì Lo chiameremo Andrea di Vittorio De Sica, con Nino Manfredi e Mariangela Melato. Ho letto spesso che la grande diffusione del nome Andrea in Italia, negli ultimi decenni, si dovrebbe a quel fortunato titolo. Ma ho anche letto che l’anno prima, nel 1971, Andrea era già il numero uno a Roma e in molte altre città italiane. spettacolo, con i nomi d’arte. Quando Anna Menzio divenne Wanda Osiris scelse un nome allora di gran moda, anche se dopo un secolo è quasi sparito. Quando Maria Luisa Ceciarelli optò per chiamarsi Monica Vitti, Monica era appena arrivato dalla Francia e stava diventando popolarissimo anche in Italia. Oggi c’è una cantante che va per la maggiore, Emma Marrone, ma ha quasi trent’anni e la riscoperta del nome Emma è invece recentissima: infatti il suo vero nome è Emmanuela. Però non si può negare che il film Sabrina abbia contribuito alla diffusione di questo nome in Italia... È verosimile che chiunque, negli anni ’50 almeno, abbia dato quel nome a una Dunque la fiction insegue la realtà anziché viceversa? Direi di sì. Del resto gli sceneggiatori di Lo chiameremo Andrea furono, con Cesare Zavattini, Leonardo Benvenuti e Piero De Berardi, gli stessi che hanno firmato molti film di Carlo Verdone. E Verdone è un altro regista che ha imposto ai suoi personaggi, specie quelli femminili, nomi alla moda, magari più adatti a bambine che non a trentenni o quarantenni, compresa la Jessica di Viaggi di nozze. In fondo è lo stesso che capita, nel mondo dello Franco Montini, presidente del SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani) novembre-dicembre 2 0 1 3 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 56 12/12/13 09:36
  • 29. SPECIALE I NUOVI NOMI DEGLI ITALIANI figlia abbia pensato alla pellicola di Billy Wilder. Ma il film è del 1953 e mi risulta che il boom di Sabrina sia datato 1965-1966. È probabile che, dopo una prima fiammata, le nuove mamme si siano ispirate ad altre bambine con quel nome più che al personaggio interpretato da Audrey Hepburn. ma in tutta la sua carriera. Però un’importante eccezione c’è: in tanti suoi film Alberto Sordi si chiama proprio Alberto. Ritengo che fosse lui stesso ad imporre questa regola per i personaggi che in qualche modo, sia nel bene che nel male, sentiva a lui più vicini. Gli attori prendono par- Oggi il nome femminile te alla scelta del nome dei personaggi che interpretano? dato con più frequenza in Italia è Sofia, ma fino al 2010 è stato Giulia. E tra i maschi prevale dall’inizio del XXI secolo Francesco. Mentre Andrea sta per superare Giuseppe come numero uno nella popolazione in generale. E Maria, in discesa fra le nuove nate, è però il 1º tra le italiane complessivamente In genere no. Ricordo un caso curioso. A Isabella Ferrari fu chiesto quale particolare attenzione fosse stata posta ai suoi nomi, dato che nei 34 film interpretati sino ad allora aveva portato 34 nomi diversi. Non seppe rispondere: non si era mai posto il proble- intese, davanti ad Anna e a Francesca. Cosa le suggeriscono questi dati se relazionati ai personaggi del cinema italiano? Una statistica nel cinema non è stata mai realizzata. Certo, sono nomi tutti ben presenti tra i personaggi di pellicole italiane. Ma non direi che, per esempio in questo 2013, registi e autori si siano ispirati alla moda. Per limitarsi alle donne, ricordo la Beatrice e la Silvia in Bianca come il latte, Letizia nel Principe abusivo, Irene sia in Miele di Valeria Golino che in Viaggio sola di Maria Sole Tognazzi, Augusta in Un giorno devi andare di Giorgio Diritti, Nina e Simonetta in Passione di sinistra di Marco Ponti. Ecco, Nina non è nuovo per il cinema. C’anche un film che si chiama solo così, di Elisa Fuksas. Quali sono i nomi più curiosi o eccentrici imposti a personaggi di film usciti negli ultimi tempi? Forse il Jep Gambardella nella Grande bellezza di Paolo Sorrentino. Ma anche le tre donne Gilda, Olivia e Crocetta di Amiche da morire di Giorgia Farina. O la Layla di Buongiorno papà di Edoardo Leo. Fra tradizione ed esterofilia, insomma. Sino a film in cui l’onomastica è tutto, come Benvenuto presidente! di Riccardo Milani, protagonista l’omonimo di Giuseppe Garibaldi interpretato da Claudio Bisio. novembre-dicembre 2013 29-58 CAFFARELLI-gh.indd 57 57 12/12/13 09:36