“eta ellenistica”         o   “ellenisMo”    Nozione modernac. - 31 1836)         (338 a. (Droysen a.c.)                ...
alto ellenisMo         DAL                                    AL      338 a. C.                                168 a. C.Ba...
Basso ellenisMoDAL         AL168 a. C.   31 a. C.            Battaglia di Azio            (Ottaviano sconfigge            ...
alto ellenisMo       ALESSANDRO MAGNO                  Conquista dellImpero            Persiano                  Fusione...
altoellenisMo
Regni ellenisticiEgitto, Macedonia, Siria, Pergamo
ellenisMo      NUOVO SISTEMA DI GOVERNO    Dalle Poleis (città indipendenti, che si     auto-governano, gelose della prop...
ellenisMoLA CULTURA COME “INSTRUMENTUM REGNI”    I sovrani attuano una politica culturale programmata    La cultura serv...
ellenisMoLA CITTÀ: NUOVA IDENTITÀ E FUNZIONE
ellenisMoLA CITTÀ: NUOVA IDENTITÀ E FUNZIONE    Centro di potere e di controllo sul territorio e sulle     masse di conta...
ellenisMo ALESSANDRIA
ellenisMoALESSANDRIA: IL FARO
ellenisMoALESSANDRIA: IL “MUSEO”
ellenisMoALESSANDRIA: LA “BIBLIOTECA”
ellenisMoIL PAPIRO: IL LIBRO DELLEPOCA Diventa il principale mezzo di    diffusione della cultura
ellenisMoALESSANDRIA: MUSEO-BIBLIOTECA      La corte dei sovrani Tolomei: un“tìaso” (circolo chiuso, devoto alleMuse) di i...
ellenisMoLA CULTURA ALLA CORTE DEI TOLOMEI   Importanza attribuita alla tradizione(patrimonio culturale proveniente dalpas...
ellenisMo    LA NUOVA MODALITA DI TRASMISSIONE DELLA CULTURADall’oralità-auralità delle Poleis (etàarcaica – età classica)...
ellenisMo   ORALITA’ – AURALITA’TRASMISSIONE “IMMEDIATA”     (NON-MEDIATA)
ellenisMoSCRITTURA – LETTURATRASMISSIONE MEDIATA
ellenisMo         SCRITTURA-LETTURA-fruizione individuale (lindividualismo è tipicodellellenismo)- assenza fisica del dest...
ellenisMo   LO SCRITTORE ALESSANDRINO- Appartiene alla corte dei Tolomei, vive nel Museo,lavora nella Biblioteca- E allo s...
ellenisMo      IL POETA ALESSANDRINO-E un grande innovatore (creacontaminazioni tra vari generi letterari -mentre prima og...
ellenisMo        IL POETA ALESSANDRINO-E disimpegnato (non tratta temi di impegnocivile o politico, tranne eventuali elogi...
ellenisMo      IL LETTORE ALESSANDRINO- E appassionato (disposto a fare difficili ricercheper trovare i libri)- E ricco (i...
ellenisMo              IL RAPPORTO       SCRITTORE - LETTORE- E un rapporto di complicità (entrambisono accomunati da unam...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

L'età ellenistica

2,005
-1

Published on

3 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,005
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
38
Comments
3
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'età ellenistica

  1. 1. “eta ellenistica” o “ellenisMo” Nozione modernac. - 31 1836) (338 a. (Droysen a.c.)  CARATTERISTICHE Estensione dei confini della Civiltà Greca verso lOriente “Cristallizzazione” dei modelli culturali greci: lingua (κοινὴ διάλεκτος, diffusa ovunque, più semplice), tradizione letteraria (filologia), arti figurative
  2. 2. alto ellenisMo DAL AL 338 a. C. 168 a. C.Battaglia di Cheronea Battaglia di Pidna (i(Egemonia macedone Romani sconfiggono e sulla Grecia - fine sottomettono il regnodellindipendenza delle Macedone) Poleis)
  3. 3. Basso ellenisMoDAL AL168 a. C. 31 a. C. Battaglia di Azio (Ottaviano sconfigge Antonio e Cleopatra e conquista il regno di Egitto, lultimo regno ellenistico)
  4. 4. alto ellenisMo ALESSANDRO MAGNO  Conquista dellImpero Persiano  Fusione greci-barbari  Ellenizzazione dellOriente
  5. 5. altoellenisMo
  6. 6. Regni ellenisticiEgitto, Macedonia, Siria, Pergamo
  7. 7. ellenisMo NUOVO SISTEMA DI GOVERNO Dalle Poleis (città indipendenti, che si auto-governano, gelose della propria libertà, pronte a lottare tra loro, con uguaglianza tra i cittadini) ai Regni Ellenistici (potere centralizzato, il sovrano divinizzato, un popolo di sudditi)
  8. 8. ellenisMoLA CULTURA COME “INSTRUMENTUM REGNI” I sovrani attuano una politica culturale programmata La cultura serve a mantenere e rafforzare il potere attraverso la “propaganda” La cultura non è più libera espressione di cittadini coinvolti in prima persona nellesercizio del potere, ma espressione di una elite ristretta, una casta chiusa di “dotti” ed “eruditi”
  9. 9. ellenisMoLA CITTÀ: NUOVA IDENTITÀ E FUNZIONE
  10. 10. ellenisMoLA CITTÀ: NUOVA IDENTITÀ E FUNZIONE Centro di potere e di controllo sul territorio e sulle masse di contadini (come Alessandria, “capitale” del Regno di Egitto) in quanto sede del sovrano e della sua “corte” (intellettuali e funzionari al servizio del sovrano e da lui protetti) Polo di attrazione per una massa di persone in cerca di lavoro Realtà “cosmopolita”: maggioranza della popolazione non greca
  11. 11. ellenisMo ALESSANDRIA
  12. 12. ellenisMoALESSANDRIA: IL FARO
  13. 13. ellenisMoALESSANDRIA: IL “MUSEO”
  14. 14. ellenisMoALESSANDRIA: LA “BIBLIOTECA”
  15. 15. ellenisMoIL PAPIRO: IL LIBRO DELLEPOCA Diventa il principale mezzo di diffusione della cultura
  16. 16. ellenisMoALESSANDRIA: MUSEO-BIBLIOTECA La corte dei sovrani Tolomei: un“tìaso” (circolo chiuso, devoto alleMuse) di intellettuali impegnati aconservare, ricercare e produrre. Vivono nel Museo e lavorano nellaBiblioteca: entrambe istituzioni create econtrollate dai Tolomei.
  17. 17. ellenisMoLA CULTURA ALLA CORTE DEI TOLOMEI Importanza attribuita alla tradizione(patrimonio culturale proveniente dalpassato) Nascita della filologia (studio ericostruzione delle voci autentiche daigrandi autori del passato)
  18. 18. ellenisMo LA NUOVA MODALITA DI TRASMISSIONE DELLA CULTURADall’oralità-auralità delle Poleis (etàarcaica – età classica)alla scrittura-lettura delletà ellenistica
  19. 19. ellenisMo ORALITA’ – AURALITA’TRASMISSIONE “IMMEDIATA” (NON-MEDIATA)
  20. 20. ellenisMoSCRITTURA – LETTURATRASMISSIONE MEDIATA
  21. 21. ellenisMo SCRITTURA-LETTURA-fruizione individuale (lindividualismo è tipicodellellenismo)- assenza fisica del destinatario (lontano nellospazio e nel tempo)- (per lautore-scrittore) maggiore elaborazioneformale (labor limae)- (per il lettore) maggiore necessità di attenzionee riflessione
  22. 22. ellenisMo LO SCRITTORE ALESSANDRINO- Appartiene alla corte dei Tolomei, vive nel Museo,lavora nella Biblioteca- E allo stesso tempo un filologo e un poeta (laletteratura greca del passato era soprattutto inversi)- E colto, “dotto”: studia e conosce bene latradizione e attinge da essa (la sua è una poesia“dotta”, o “erudita”, ricca di citazioni, allusioniletterarie)
  23. 23. ellenisMo IL POETA ALESSANDRINO-E un grande innovatore (creacontaminazioni tra vari generi letterari -mentre prima ogni genere era fisso, legatoad una situazione concreta)-Scrive “in codice”, cioè in un linguaggiopienamente comprensibile solo a chi ha unaconoscenza letteraria altrettanto vasta-
  24. 24. ellenisMo IL POETA ALESSANDRINO-E disimpegnato (non tratta temi di impegnocivile o politico, tranne eventuali elogi al sovrano)-- Riflette sul carattere e sugli scopi che vuole darealla sua poesia (la sua “poetica”) – esprimequeste riflessioni in dichiarazioni programmaticheallinterno delle sue stesse opere (è la prima voltache ciò avviene nella storia della cultura)
  25. 25. ellenisMo IL LETTORE ALESSANDRINO- E appassionato (disposto a fare difficili ricercheper trovare i libri)- E ricco (il libro costava)- E colto (in grado di decifrare i messaggi degliautori)- E un individuo che elabora un suo propriopensiero e ha gusti propri (non un qualsiasimembro della Polis)
  26. 26. ellenisMo IL RAPPORTO SCRITTORE - LETTORE- E un rapporto di complicità (entrambisono accomunati da unampia conoscenzaletteraria “il simile attrae il simile”)- E un rapporto di sfida (l’autore sfida illettore a scovare riferimenti, citazioni eallusioni letterarie)
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×