• Save
Progetto Under25
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Progetto Under25

on

  • 1,968 views

La presentazione di Valeria Benincasa dedicata a Pier Vittorio Tondelli

La presentazione di Valeria Benincasa dedicata a Pier Vittorio Tondelli

Statistics

Views

Total Views
1,968
Views on SlideShare
1,805
Embed Views
163

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

4 Embeds 163

http://editoria.let.uniroma1.it 155
http://ludam.com 4
http://www.slideshare.net 3
http://66.102.1.113 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Progetto Under25 Presentation Transcript

  • 1. PROGETTO UNDER 25 Pier Vittorio Tondelli
  • 2. CHI E’ PIER VITTORIO TONDELLI?
    • Nato a Correggio nel 1955, Tondelli fu scrittore e giornalista degli anni ‘80’90, il primo romanzo pubblicato nel 1980: “Altri libertini” venne sequestrato per oscenità e poi assolto dal tribunale, è giudicato dalla critica una delle opere migliori degli ultimi anni e ha imposto Tondelli tra i nuovi autori italiani più letti anche all’estero.
    • Tra le sue opere si ricordano:
    • Pao Pao, 1982: sigla che sta per Picchetto Armato Ordinario, esplicita evocazione dell’esperienza in caserma
    • Rimini, 1985
    • Un weekend post moderno, 1990: raccolta di saggi e articoli
    %
  • 3.
    • Oltre al ruolo di scrittore, in Tondelli, è predominante quello di “animatore culturale” per la narrazione di modi d’essere, culture e tendenze interpretanti la crisi degli anni ’80
    • “ La fine del post moderno”
    • Il post moderno è un periodo catalogabile tra il 1974 e il 2004, caratterizzato dall’universo massmediologico e la comunicazione di massa che portano alla nascita di un “postmodernismo retorico” (riciclo di stili, linguaggi e forme letterarie del passato) e di un “postmodernismo mimetico” (rappresentazione di una realtà vuota, caotica, priva di direzioni)
    • Il pubblico diventa mero consumatore di libri merci di cui non è compartecipe, partecipa all’evento ma non ne è protagonista attivo > le regole di marketing sono in rapporto con il lettore solo per lo spettacolo e la propaganda > crisi della critica
  • 4.
    • Non essendoci più un canone letterario, un codice di riferimento, di conseguenza viene a mancare la comunicazione autore lettore.
    • Fine delle riviste: luogo di incontro scontro di idee tra scrittori più o meno autorevoli ma comunque punto di riferimento per il pubblico dei lettori.
    • Crisi della critica: bloccata dalla barriera generazionale che non consentiva di osservare la vera realtà, e non solo quella apparente, dei giovani non più iperpoliticizzati ma rifondati sulla moda, sulla musica, sull’arte, sui viaggi e sulle nuove esperienze generazionali microcosmo giovanile.
    CAMBIA LA SOCIETA’ E CAMBIANO I RUOLI
  • 5. TONDELLI: SCOUTING E TUTORING
    • Ricerca dell’autenticità come ricerca di sé = scrittura non come mestiere ma come vocazione di intima necessità.
    • Necessità di aggiornarsi rispetto alla contemporaneità, svecchiare la produzione narrativa ricercando nuove tendenze “GLI SCARTI”: rispetto alla norma omologante gli scarti generazionali sono deviazione e non uniformità.
    • PROGETTO UNDER 25 : Nato come laboratorio, progetto collettivo sulla creatività giovanile, ipotesi socio-culturale e indagine
    • letteraria lunghezza d’onda collettiva di riti, disagi, voci e linguaggi nuovi.
    • “ La scrittura è comunicazione e la pubblicazione è l’atto finale del confronto”.
  • 6. CONSIGLI TECNICI
    • SCRITTURA: espressione del proprio vissuto.
    • RISCRITTURA: esercizio di stile.
    • LETTURA: strumento di ricerca e crescita.
    • Non si deve ricercare uno stile alto o aulico ma un racconto emotivo capace di emozionare e di durare nel tempo.
  • 7. IMPEGNO E PROGETTUALITA’ NELLA “GESTIONE” DEI GIOVANI TALENTI CREATIVI
    • Democratizzazione delle scritture giovanili tramite la possibilità di pubblicare autori esordienti: laboratorio di nuove scritture.
    • Divulgazione del progetto attraverso testate di informazione e giornalisti tra cui: Antonio Orlando di “Rockstar” e Claudio Castellani di “Annabella”.
    • Strumento praticabile agli esordienti, ai giovani autori (anche se alcuni non scriveranno più).
    %
  • 8.
    • Rapporto dei giovani con la letteratura, con la lettura, con l’industria editoriale e con la società (temi: emarginazione giovanile, scuola, consumi culturali di massa).
    • Avversità per l’atteggiamento chiuso delle case editrici e per la resa degli editori attorno ai giovani autori.
    • Mondo delle immagini, dei video musicali, subcultura televisiva, cinema, arti figurative, rock e linguaggi originali.
    • Nuova narrativa: anti-accademica e influenzata dal contesto artistico.
  • 9. UNDER 25
    • Unico limite: l’età (per l’organizzazione interna della ricerca).
    • GIOVANI BLUES, 1986: Quotidianità familiare VS Avventura del viaggio. Testi intimisti, generazionali adolescenziali, sperimentali poesie. Decadenza della cultura metropolitana VS Vitalità rigogliosa della provincia italiana. Carattere orale e collettivo.
    • BELLI & PERVERSI, 1987: Degenerazione, comportamenti anormali e socialmente condannati, depravazione specialmente nella sfera sessuale. Bello “socialmente adeguato” VS Perverso “scarto marginale”.
    • Bello + Perverso: dichiarazione di ciò che si è attraverso la scrittura.
    • PAPERGANG, 1990: Linguaggi figurativi delle immagini, introduzione dello sguardo proprio della scrittura femminile, codice letterario unito a quello visivo (tra cui quello fumettistico).
  • 10. PROGETTO LABORATORIO
    • Tre antologie nate come progetto a carattere collettivo di laboratorio e pubblicate su Transeuropa.
    • Non sono semplici raccolte di autori ma veri luoghi di confronto sia di scrittura che di intenzionalità emotive e sociali.
    • Non si mira ad una risonanza massmediatica ma alla possibilità di far conoscere i giovani.
    • Lavoro redazionale di Tondelli per la scelta degli scritti, suo contatto diretto con gli autori insieme ai quali apportava, se necessarie, minime modifiche delle opere.
    • Ruolo di scouting nel ricercare ed analizzare i lavori.
  • 11. ALTRE SERIE EDITORIALI
    • MOUSE TO MOUSE, 1988: Editore Mondadori.
    • Serie editoriale di testi scelti da Tondelli e non “collana”.
    • Moda, pubblicità, arti figurative, spettacolo, rock: per
    • Esprimere i cambiamenti della società e della scrittura.
    • Copertina: paratesto editoriale.
    • Mouse: nuove frontiere della scrittura, tasti – funzioni
    • sostituiti, nuove tecniche per impartire istruzioni al
    • computer.
    • Unici testi pubblicati:“Fotomodella” di Elisabetta Valentini: storia d’amore e
    • ricordo dell’infanzia; “Hotel Oasis” di Gianni De Martino: passione amorosa
    • e storia di un’illusione.
    • “ Da topo a topo” = “cuore a cuore”: scambio, reciprocità, cuore sensibile
    • dell’elettronica.
    %
  • 12.
    • PANTA, Gennaio 1990: editore Bompiani.
    • 1. Progetto editoriale che riunisce una generazione di “giovani scrittori”,
    • nuovi narratori esorditi negli anni ’80 (tra i 30 e i 40 anni).
    • Rivista quadrimestrale di soli racconti a tema monografico con formato tascabile, il primo tema fu: la paura.
    • Responsabili coordinatori: Elisabetta Rasy e Alain Elkann.
  • 13.
    • “ Progetto Under 25”.
    • Valeria Benincasa