Jazz ulisse 56-60

319
-1

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
319
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Jazz ulisse 56-60

  1. 1. NEW YORK I MUSICISTI ITALIANI che scoprirono l’America I La storia di un rapporto di reciproche musicisti italiani hanno avuto, nel corso del Ventesi- influenze, in un gioco di rimandi e di fertile mo secolo, un ruolo importante nello scenario mu- sicale americano. Nella prima parte del ’900 come contiguità. Ad ottobre, per il Columbus eroi e orgoglio di una nazione di migranti e rappre- Day, all’Italian Jazz Days Festival sentanti di eccellenza di una tradizione di primo pia- di New York il confronto si rinnova. no nella storia della musica. Negli ultimi decenni migranti essi stessi, non più per la stretta necessità di trovare un lavoro, ma spinti dall’urgenza di sviluppare la propria crea- DI LUCA NOSTRO tività. Non più famiglie che sperano di ricostruire la loro 56 n Ulisse Agosto 2011
  2. 2. NEW YORK Italian musicians discover America The history of a cultural exchange, full of cross-references and fertile relationships. For Columbus Day in October, the Italian Jazz Days Festival in New York will provide a chance to renew and strengthen cultural bonds. D uring the 20th century, Ital- aria E lucevan le stelle from Tosca in ian musicians played an im- his Avalon”. portant role in the American The second channel, the one that music scene. In the early 1900s, they concerns us here, is popular music, were like heroes, the pride of a nation jazz in particular. In the southern Unit- of migrants, and representatives of a ed States, in the New Orleans area, tradition of excellence in the history the community of Italian immigrants of music. In the last decades, they no in the early years of the last century longer migrated for the pure neces- was large and industrious. The cor- sity of finding a job, but were driven net player Nick LaRocca played a by the urge to develop their creativi- leading role in the controversial birth ty. These were not families hoping to of jazz, whose origins are hazy, with rebuild their little Italy in New York, but the first recording in 1917 of a jazz more mobile and footloose individu- song, Tiger Rag. In later years it be- als longing to mingle with their peers. came one of the most famous stan- In the early part of its recent his- dards (the best-known versions are tory, American music was greatly in- by Art Tatum and Louis Armstrong). fluenced by European music, par- Together with another Italian-Amer- ticularly Italian. The first American ican, the drummer Tony Sbarbaro, musicals were nothing but lighter ver- La Rocca was one of the Original sions of Italian opera and French op- Dixie Jass (later Jazz) Band. If the eretta of the 1800s. “Italian music paternity of Tiger Rag is controver- spread to New York and then sial, Ciacca reminds us that the mu- throughout the U.S. by way of two sicologist Alan Lomax (appointed by channels”, says Antonio Ciacca, jazz Roosevelt to direct ethnomusico- pianist, composer and teacher of logical research on the origins of jazz) Business of Jazz at the prestigious had it from Jelly Roll Morton that Tiger Juilliard School. For four years he has Rag was a blend of folk dances from been the Director of Planning for Jazz southern Italy, like the quadrille. at Lincoln Center, directed by the These were all condensed in the rag, © LAURA RONCHI/GETTY IMAGES New York 1943: jam session con Duke Ellington trumpeter Wynton Marsalis, one of which goes in two, like many of the al piano e altri jazzisti tra i quali Dizzy Gillespie the most influential figures in Amer- dances La Rocca had heard as a alla tromba e Mezz Mezzrow al clarinetto. ican jazz. “The first channel was art child in New Orleans. New York, 1943: jam session with Duke Ellington music, performed on the stage of the After the war, the rapport between on piano, Dizzy Gillespie on trumpet Metropolitan, and its three main ex- Italian and American music was re- and Mezz Mezzrow on clarinet. ponents were: Enrico Caruso, star versed. “After being liberated by the of the first real explosion in the mu- Americans, we went from being an sic industry in 1901 when his record- exporting country to being an im- ing of Leoncavallo’s I Pagliacci sold porting country. Renato Carosone ispiccola Italia a New York ma individui più mobili e sciolti millions of copies; Arturo Toscanini, the most obvious example, as his who promoted Verdi and opera; and beautiful songs are written, arrangedche non chiedono altro se non di mischiarsi con la mas- Giacomo Puccini, whose Madama and performed in the style of Fatssa dei loro pari. Butterfly so impressed audiences Waller”. Other traditions, such as È noto che nella prima parte della sua storia recente that Benny Goodman and others Brazilian, freer from American influ-la musica americana è stata notevolmente influenzata dal- wrote jazz versions based on it, in- ence but still originating from Africa,la musica europea e italiana in particolare. Il primo musi- cluding the famous Poor Butterfly by played a primary role in the develop- Raymond Hubbell. In 1921 the singer ment of jazz from the ‘50s onwards.cal americano non è altro che una versione più leggera Al Jolson was forced to pay $25,000, How can we define Italian jazz anddell’opera italiana e dell’operetta francese dell’800. «La a huge sum at the time, to Puccini the impact of Italian musicians in Newmusica italiana si è propagata a New York e poi negli Sta- himself, for having plagiarised the York today? Antonio Ciacca provoca- Agosto 2011 Ulisse n 57
  3. 3. g New York © CREATIVE COMMONS/FLICKR4JAZZ © CREATIVE COMMONS/GFHDICKINSON Si suona e si balla al Central Park. Playing and dancing in Central Park. ti Uniti attraverso due canali», afferma An- tonio Ciacca, pianista jazz, compositore e docente di Economia dello Spettacolo alla prestigiosa Juilliard School, oltre ad esse- re, da quattro anni, Direttore della Pro- grammazione del Jazz al Lincoln Center, di- © CREATIVE COMMONS/GJNAIRN retto dal trombettista Wynton Marsalis, una delle personalità più influenti del jazz ame- ricano. «Il primo è quello colto, che si mani- festa sulle tavole del Metropolitan, i cui prin- cipali riferimenti sono tre: Enrico Caruso,tively contends that Italian jazz doesn’t distinctions between various musical grounding in ethnic traditions, finds its in music of such continuous interac-exist. Although it has incorporated many styles. First of all, while it’s true that not own identity and its status in the con- tion as jazz, especially where this mu-musical styles (from bossa nova to rock everyone has swing, it’s also true that temporary world, not confused with jazz sic has a strong tradition. Ciacca, theto ethnic music), “jazz remains an ad- improvisation is not exclusive to jazz, but strongly related to it. artistic director of the event organisedjective rather than a noun, a way to play as many think. Improvisation has al- As for the impact of Italian musicians by the Italian Institute of Culture anda song. Any song can be transformed ways existed, from polyphony on, and in New York, we find an answer at the Jazz at Lincoln Center, tirelessly dividesinto a jazz tune, if three elements are not only as a compositional tool (think third edition of the Italian Jazz Days his time between his increasingly in-present: swing, blues and improvisa- theme and variations), and still exists in Festival which begins on Columbus tense activity as a pianist, teaching attion. A musician is a jazzer if he knows many types of music, from rock to eth- Day in early October 2011, at Dizzy’s Juilliard and organising festivals andhis instrument, can improvise, knows nic. From a musical point of view it’s Club, the Setai Hotel, Small’s in New concerts. “Only here here can you dohow to swing and knows Thelonius risky to attribute these experiences to York, and the Trumpets Jazz Club in all these things at once, at a high lev-Monk and Duke Ellington. If you have jazz alone, though this is common for Montclair, New Jersey. Many musicians el. Even in jazz, whether in small clubsall this you can play jazz, and many Ital- reasons of commercial and recording from Italy and Italians living in New York or large concert venues like Jazz at Lin-ians do it very well”. classification. This point having been appear alongside some of their most coln Center, one of the few institutions At first glance this definition seems clarified, improvised Italian music, with important American peers. The audi- in the world to employ a Director ofnarrow, but it helps to clarify some of the its natural inclination for melody and its ence has always played a decisive role Programming year round”.58 n Ulisse Agosto 2011
  4. 4. New York g Antonio Ciacca, al piano, con Billy Drummond, alla batteria, e Steve Kirby, al contrabbasso. Sotto: la Original Dixie Jazz Band. Antonio Ciacca on piano, with Billy Drummond on drums and Steve Kirby on bass. Below: the Original Dixie Jazz Band.protagonista della prima vera esplosio-ne dell’industria discografica quando nel1901 la sua registrazione de I Pagliaccidi Leoncavallo vende l’incredibile nume-ro di un milione di copie; Arturo Tosca-nini che fa conoscere Verdi e il melo-dramma; e Giacomo Puccini, la cui Ma-dama Butterfly impressiona talmente ilpubblico che Benny Goodman, tra gli al-tri, ripropone versioni jazz ad essa ispi-rate come la famosa Poor Butterfly, scrit-ta da Raymond Hubbell. Addirittura il © ALAN NAHIGIANcantante Al Jolson, nel 1921, è costret-to a sborsare l’enorme somma, per queltempo, di 25.000 dollari, allo stesso Puc-cini, per aver plagiato l’aria E lucevan lestelle della Tosca nella sua Avalon». che il musicologo Alan Lomax (incaricato di condurre ricerche et- Il secondo canale è quello della musica popolare, del jazz nomusicologiche sulle origini del jazz da Roosevelt) ricevette dain particolare. Nel Sud degli Stati Uniti, nella zona di New Orle- Jelly Roll Morton la testimonianza che Tiger Rag fosse un insie-ans, nei primi anni del secolo scorso la comunità degli immigra- me di danze popolari del Sud Italia, come la quadriglia. Il tuttoti italiani era molto nutrita ed operosa. Il cornettista Nick La Roc- condensato nel rag, il cui andamento è in due tempi, come mol-ca, nella controversa nascita del jazz, le cui origini storiche so- te delle danze popolari che lo stesso La Rocca aveva ascoltatono nebulose, ha avuto il merito di partecipare da protagonista nel nella sua infanzia a New Orleans.1917 alla prima registrazione di un brano jazz, Tiger Rag, desti- Nel dopoguerra i rapporti tra musica italiana e americana innato a diventare negli anni successivi uno dei più famosi stan- qualche modo si invertono. «Da Paese esportatore, dopo esse-dards (celebri le versioni di Art Tatum e Louis Armstrong). Insie- re stati liberati dagli Stati Uniti, diventiamo Paese importatore.me ad un altro italo americano, il batterista Tony Sbarbaro, era Renato Carosone ne è l’esempio più evi-uno degli elementi dell’Original Dixie Jass (poi Jazz) Band e, se dente, essendo le sue bellissime can-anche la paternità di Tiger Rag è controversa, Ciacca ci ricorda zoni scritte, arrangiate ed esegui- Jazz is not the stepchild of classi- cal music. During the swing era of the ‘30s, audiences were won over by the great orchestras of Paul Whiteman (featuring Bix Beiderbecke), Duke Ellington and others. With the end of the Swing Era, jazz groups condensed group. Many Europeans think jazz was into quintets and consequently lost born with Parker, and had always been much in the structure of the arrange- based solely on improvisation rather ments, which worked best with great than on more complex and organised improvisers like Charlie Parker. Monk structures and larger ensembles. To went back to giving a lot of space to paraphrase Igor Stravinsky, in Chron- arranging in his compositions. Charlie icle of My Life, in music once you’ve Parker was inspired by the John Kir- constructed it, and put it all in order, by Sextet, which in turn tried to recre- everything is said and done. ate the big band ensemble in a small Luca Nostro Agosto 2011 Ulisse n 59
  5. 5. g New York Renato Carosone. ritrova una sua identità speci- Sotto: la locandina dell’Italian fica e un suo statuto nella con- Jazz Days Festival. temporaneità, senza confon- Renato Carosone. dersi con il jazz, ma avendo Below: poster for the Italian Jazz Days Festival. con essa una fertile contiguità. Per ciò che riguarda l’im-te nello stile di Fats Waller». patto dei musicisti italiani aMentre altre tradizioni, come New York una risposta ci po-quella brasiliana, più libere dal- trà arrivare nel corso della ter-l’influenza americana ma sem- za edizione del Italian Jazzpre originate dal continente afri- Days Festival in scena i primicano, svolgono un ruolo pri- di ottobre 2011, in occasionemario nello sviluppo del jazz del Columbus Day a Newdagli anni ’50 in poi. York, al Dizzy’s Club, al Setai E oggi che definizione pos- Hotel, allo Small’s e al Trum-siamo dare del jazz italiano e pets Jazz Club a Montclair nelche impatto hanno i musicisti New Jersey, in cui molti musi-italiani a New York? Antonio cisti italiani provenienti dal-Ciacca ci risponde provocato- l’Italia e residenti a New Yorkriamente che il jazz italiano non si potranno confrontare conesiste. Pur avendo inglobato alcuni dei più importanti col-tanti stili musicali nella sua sto- leghi americani e con il lororia (dalla bossa nova al rock al- pubblico, che svolge da sem-la musica etnica) «il jazz rima- pre un ruolo determinante inne un aggettivo più che un so- una musica fatta di interazio-stantivo, un modo di suonare un brano. Una qualsiasi canzone ne continua come il jazz, specialmente dove questa musica hapuò essere trasformata in una canzone jazz, se convivono tre ele- una forte tradizione. Ciacca, il direttore artistico dell’evento or-menti: lo swing, il blues e l’improvvisazione. Un musicista jazz è ganizzato dall’Istituto Italiano di Cultura e dal Jazz al Lincolntale se conosce bene il proprio strumento, se sa improvvisare, Center, instancabile, si divide tra la sempre più intensa attivitàse ha swing e se conosce Thelonius Monk e Duke Ellington. Per di pianista, quella di insegnante alla Juilliard e quella di orga-questo tutti possono suonare il jazz e molti italiani lo sanno fare nizzatore di festivals e concerti. «Solo qui» dice Ciacca «è pos-molto bene». sibile fare tutte queste cose insieme ad un alto livello perché an- Una definizione questa che al primo impatto sembra ri- che nel jazz, sia nei piccoli club che nelle grandi sale da con-stretta, ma che in realtà aiuta a chiarire alcuni aspetti importanti certo come il Jazz al Lincoln Center, una delle poche istituzionirelativi alle distinzioni che generalmente si fanno tra i vari stili mu- al mondo che può impiegare un Direttore della Programmazio-sicali. Innanzi tutto, se è vero che non tutti hanno swing, è al- ne per tutto l’anno».trettanto vero che l’improvvisazione, come si ritiene comune- Il jazz non è figlio minore della musica colta. Durante la swingmente, non è di pertinenza esclusiva del jazz. L’improvvisazio- era negli anni ’30 conquista il pubblico con le grandi orchestre dine è sempre esistita dalla polifonia in poi, e non solo come Paul Whiteman con Bix Beiderbecke, Duke Ellington e altri. Quan-strumento compositivo: esiste do la guerra determina la fine della swing era il jazz condensa l’en-ancor oggi in molti domini mu- semble nel quintetto e di conseguenza il jazz perde molto nellasicali, dal rock alla musica et- struttura degli arrangiamenti, per questo funziona solo quando cinica. Dal punto di vista musi- sono grandi improvvisatori come Charlie Parker. Già Monk tornacale quindi è azzardato, anche a concedere molto spazio all’arrangiamento nelle sue composi-se lo si fa comunemente per zioni. Lo stesso Charlie Parker si ispira al sestetto di John Kirbyragioni di classificazione com- che a sua volta cerca di ricreare l’ensemble della big band in unamerciale e discografica, ascri- piccola band. Mentre spesso molti europei si comportano comevere queste esperienze solo al se il jazz fosse nato con Parker e fosse stato sempre basato so-jazz. Chiarito questo punto, la lo sul linguaggio improvvisativo invece che su strutture più com-musica italiana improvvisata, plesse ed organizzate ed ensemble più ampi. Del resto già Igorcon la sua naturale inclinazione Stravinskij, nelle Cronache della mia vita, ci aveva avvertito che inalla melodia e all’approfondi- musica «fatta la costruzione, raggiunto l’ordine, tutto è detto».mento delle tradizioni etniche, Luca Nostro60 n Ulisse Agosto 2011

×