Intervista a lucio ferrara

212 views
145 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
212
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Intervista a lucio ferrara

  1. 1. Jazzitalia - Articoli: Intervista a Lucio Ferrara 26/01/12 17.04 Articoli Recensioni Eventi Artisti Lezioni Gallery New York Altro COMUNICATI: Nicola Conte Combo al teatro Grande di Brescia Mi piace 17 Intervista a Lucio Ferrara giugno 2011 di Alceste Ayroldi Puglia, Bologna, Roma, New York, tutti luoghi che per te hanno avuto – oppure hanno ancora - un ruolo particolare: a quale sei più legato? A ogni luogo sono legato per diversi motivi. La Puglia è la mia regione, il posto in cui sono nato e cresciuto. Mi sono trasferito a Bologna per studiare alluniversità e lì mi sono formato musicalmente. Roma è la città dove vivo ora. New York è la città dei miei sogni, ci vado almeno una volta allanno e mi fermo per qualche mese. Sei un autodidatta, però sei un docente e direttore di attività seminariali. A distanza di tempo, quindi, ritieni che sia importante studiare jazz? Quello che mi piace fare è dare il mio contributo a far crescere la conoscenza di questa musica. In tutti i seminari in cui sono coinvolto ci sono docenti che sono prima di tutto musicisti che sono in grado di entusiasmare gli studenti, che si concentrano soprattutto sullo swing, linterplay, il rispetto, limportanza per la tradizione e lascolto, indirizzandoli alla comprensione della musica jazz e dei suoi esponenti. In questa direzione ritengo che sia importante studiare Jazz. I tuoi esordi sono legati alla musica brasiliana: come è nata questa passione? Oggi lhai accantonata del tutto? Oltre New York, Rio de Janeiro ha sempre avuto un influenza su di me, amo i compositori brasiliani, da Jobim a Gismonti, amo lo choro fino al samba classico di Paulinho da Viola. Dopo un mio viaggio a Rio de Janerio mi sono allontanato un po dal genere dedicandomi completamente al jazz. Spero di registrare al più presto un CD con questo repertorio. Quando ti sei "innamorato" della musica jazz? Quale è stato il primo brano che hai ascoltato? Il primo brano che ho ascoltato e che mi ha segnato per sempre è stato "In Your Own Sweet Way" suonato da Wes Montgomery. Poi cè stato un vuoto, sai ho vissuto in un paesino dove non era facile trovare appassionati e materiale da ascoltare, fino a quando sono arrivato a Bologna dove ho cominciato ad ascoltare Miles e Coltrane, i dischi di Wes Montgomery con Shearing. Chi sono i tuoi chitarristi di riferimento? E quale è lartista con il quale avresti voluto collaborare? Ho ascoltato tutti i chitarristi, dai contemporanei ai grandi. Di Wes Montgomery ho già parlato. In realtà non ascolto molti chitarristi. Quando ascolto la mia attenzione è rivolta allo swing, sono più interessato alla musica che allo strumento. Mi piacerebbe suonare con tanti musicisti, con qualche mio idolo ho già avuto la fortuna di suonare come Lee Konitz (si veda al proposito lultimo disco di Ferrara, Its All Right With Me, edito dalla Tuscia In Jazz Rec., di cui si parlerà in seguito). Sei anche direttore dei seminari di Orsara Musica e direttore artistico del festival e direttore dei seminari di Tuscia In Jazz e La Spezia. Vuoi parlarci di queste esperienze, di queste attività? I seminari di Orsara sono nati da una mia proposta con il sostegno fondamentale di Orsara Musica che organizza il più longevo Festival in Puglia da ventitrè anni. Dopo un primo anno come esperimento abbiamo deciso di proseguire e insieme ad Antonio Ciacca abbiamo portato musicisti comehttp://www.jazzitalia.net/articoli/int_lucioferrara.asp Pagina 1 di 4
  2. 2. Jazzitalia - Articoli: Intervista a Lucio Ferrara 26/01/12 17.04 Lee Konitz, Benny Golson, Steve Grossman ma anche Wes Anderson, Billy Harper e questanno Bergonzi. Siamo arrivati allottava edizione. Con Tuscia in Jazz e, da questanno, con La Spezia Jazz, di cui sono il direttore dei seminari, cè un feeling particolare perché latmosfera è simile a quella di Orsara; con il Direttore Artistico Italo Leali siamo in perfetta sintonia a partire dalla scelta stilistica e artistica dei docenti e dal modo in cui si fa didattica del jazz, come per esempio valorizzare giovani talenti. Nella tua vita artistica sembra aver avuto grande importanza il tuo incontro con Antonio Ciacca: vorresti parlarne? Con Antonio siamo cresciuti musicalmente insieme, ascoltando la stessa musica e abbiamo cominciato a suonare insieme ventanni fa. Cè un interplay che si raggiunge solo dopo anni. Antonio ha sempre creduto in me e mi ha sempre sostenuto e incoraggiato. Appena cè la possibilità suoniamo insieme con la sua band, anche perchè sono sempre fantastiche. Antonio, tra le tante qualità, ha la capacità di far suonare la band come pochi sanno fare, un po come faceva il Grande Miles. "Its All Right With Me" è il tuo ultimo lavoro discografico, con la partecipazione di Lee Konitz. Come è nato questo connubio? Lee Konitz è uno dei miei improvvisatori preferiti. Suona ad orecchio, "rischiando" tutto quando improvvisa. Lo vado a trovare quasi ogni volta che vado a New York. Abbiamo suonato insieme e quando eravamo a Sorrento per un concerto gli chiesi: Lee come fai a non suonare mai un pattern o licks. E Lee mi rispose: non suono licks semplicemente perché ho poca memoria, thats it! Vista la tua eccellente esperienza di docente, come giudichi il livello di preparazione dei giovani jazzisti? La preparazione secondo me è ottima, il livello è altissimo. Forse però hanno troppa fretta e saltano alcuni passaggi. Quali consigli dai – o daresti – ad un giovane musicista? Ascolto dei grandi maestri, studio, rispetto, umiltà e professionalità. E, sempre in virtù della tua esperienza, quale giudizio dai allattuale scena jazzistica sia italiana, che europea e, di seguito, quella statunitense? Come dicevo prima la preparazione è alta sia in Italia che in Usa, i musicisti americani sono professionali, amano profondamente suonare, conoscono e rispettano la storia del Jazz. I musicisti caricano contrabbassi e ampli nei metro, partono da Brooklyn o dai Queens solo per farsi un paio di brani in jam. In Italia molti musicisti sono troppo concentrati nel cercare di fare qualcosa di originale a tutti i costi dimenticando che a volte basta fare poco e con swing per fare grande musica, però fortunatamente ci sono degli ottimi musicisti. Mi piacerebbe che in Italia ci fosse più coraggio a far suonare musicisti che non riempiono i teatri. Chi sono, a tuo parere, i musicisti attualmente più interessanti? E perché? Ci sono tanti musicisti interessanti in Italia ed anche allestero, e non tutti sono conosciuti come dovrebbero. Molti talenti americani non arrivano in Italia. Penso a Ryan Kisor o Bill Charlap o Joe Cohn. In Italia ci sono ottimi musicisti, Dado Moroni, Gianni Amato, Andrea Pozza con i quali ho avuto la fortuna di suonare occasionalmente; Nicola Angelucci e Luca Mannutza che hanno suonato nel mio ultimo CD. Se ci guardiamo attorno credo, quindi, che il Jazz oggi goda di ottima salute, Nel mio ultimo tour americano ho suonato con musicisti molto "interessanti" come Lew Tabackin, Joe Magnarelli, Rodney Green, Paul Gill, Joe Farnsworth e John Webber, Andy Farber, Ben Wolfe, oltre ad Antonio Ciacca che è stato il collante e tanti altri talenti. Quali sono i tuoi progetti futuri? Intendo passare molto piu tempo a New York per sviluppare e apprendere sempre meglio la vera natura del Jazz. Essere sempre più essenziale, diretto e non perdere lamore per questa musica con laiuto dei festival e dei club con laugurio che si affidino un po di più alla qualità più che al successo della vendite di biglietti. La tua attuale playlist… Prelude to a Kiss di Strayhorn. Canzoni come: Ill Be Seeing You o Who can I Turn To, Poor Butterfly. Qualcosa di Monk non manca mai, Ligia di Jobim...originals...http://www.jazzitalia.net/articoli/int_lucioferrara.asp Pagina 2 di 4

×