The Espanet Conference“Innovare il welfare. Percorsi di trasformazione in Italia e in Europa”                 Milano, 29 S...
___________________________________________________________                    Tutti gli attori del sistema-salute  (medic...
___________________________________________________________    Verificare se l’aumento diversi profili prof.li,           ...
___________________________________________________________      Combinazione di approcci metodologici qualitativi:   rev...
______________________________________________________________  Professionisti:        nodi vitali della struttura organiz...
___________________________________________________________Principi teorici: enfatizza lavoro professionale come serviziop...
___________________________________________________________W. Tousijn          Professionalizzazione = processo mediante i...
___________________________________________________________Anni ‘70, cambiamento epistemologico: nuova correnteinterpretat...
___________________________________________________________Anni ’90     managerialismo, sistema di gestione delle struttur...
___________________________________________________________Doppia chiusura = strategia utilizzata da professioni per conqu...
___________________________________________________________        Orizzontalizzazione delle organizzazioni sanitarie gera...
___________________________________________________________    Proliferazione di queste occupazioni/professioni parte dagl...
________________________________________________________   Legge 251/2000 disciplina i settori profli     sottolineando  ...
________________________________________________________    Schema Sinottico delle Prof. Sanitarie non mediche secondo la ...
___________________________________________________________                     Individuare le professioni sociali ?Da un ...
___________________________________________________________                                                              16
______________________________________________________     L’integrazione socio-sanitaria è volta a soddisfare le esigenze...
______________________________________________________     La multifattorialità del disagio richiede assunzione di un     ...
___________________________________________________________                                               Adozione di stru...
___________________________________________________________                                Premessa:       una ridotta col...
___________________________________________________________Obv: Efficace collaborazione interprofessionale migliora esiti?...
___________________________________________________________    Obv: Efficace collaborazione interprofessionale migliora es...
___________________________________________________________    Obv: Efficace collaborazione interprofessionale migliora es...
Migliorare l’integrazione interprofessionale:                       strumenti e metodi     _______________________________...
Migliorare l’integrazione interprofessionale:                    strumenti e metodi_______________________________________...
___________________________________________________________Presa in carico con infermiere di comunità al centro della rete...
Collaborazione interprofessionale: best practices    ___________________________________________________________          ...
Collaborazione interprofessionale: best practices    ___________________________________________________________          ...
Collaborazione interprofessionale: best practices___________________________________________________________              ...
Conclusioni     ___________________________________________________________            L’integrazione prof.le è sempre “ef...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Le professioni sociali e sanitarie nelle loro differenze di ruolo. Nuovi modelli e strumenti di integrazione professionale

5,808 views
5,379 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
5,808
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
35
Actions
Shares
0
Downloads
78
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le professioni sociali e sanitarie nelle loro differenze di ruolo. Nuovi modelli e strumenti di integrazione professionale

  1. 1. The Espanet Conference“Innovare il welfare. Percorsi di trasformazione in Italia e in Europa” Milano, 29 Settembre - 1 Ottobre 2011 Luciana Ridolfi Dottore di ricerca in Sociologia della Comunicazione Università degli Studi di Urbino, “Carlo Bo” luciana_ridolfi@hotmail.com
  2. 2. ___________________________________________________________ Tutti gli attori del sistema-salute (medici, infermieri, assistenti sociali, psicologi, direttori di distretto, organizzazioni pubblico-private e non-profit, cittadini, pazienti…) sono chiamati a costruire reti di relazioni per scambiarsi idee e risorse per dar e impulso ad una community health governance: superamento della settorialità e autoreferenzialità diinteressi corporativi e di mercato e creazione della coordinazione (negoziata e condivisa) del sistema socio-sanitario, con ruolo di protagonista attribuito alla comunità locale. I professionisti del sistema-salute sono chiamati a ripensare e ri-negoziare i rispettivi ambiti di competenza… 2
  3. 3. ___________________________________________________________ Verificare se l’aumento diversi profili prof.li, oltre a ovvi fattori positivi, comporta anche rischi di coordinamento tra figure professionali con conseguente - conflittualità interprofessionale, - mancata integrazione organizzativa - ricadute negative su continuità delle cure. 3
  4. 4. ___________________________________________________________ Combinazione di approcci metodologici qualitativi: revisione letteratura per approfondimento su concetti di professione, professionalizzazione e managerialismo; indagine su professioni sociali e sanitarie emergenti; revisione su definizioni, strumenti e misure di valutazione dell’integrazione prof.le e continuità assistenziale; riflessione sociologica su opportunità di utilizzo di nuovi strumenti e modelli di integrazione prof.le. 4
  5. 5. ______________________________________________________________ Professionisti: nodi vitali della struttura organizzativa. Ieri = lavoro tayloristico: scissione tra management e produzione (due mondi separati, ciascuno con logiche e linguaggi diversi). Oggi = organizzazioni orizzontali: conoscenza, controllo, management , potere allocati in modo diffuso in tutta azienda. Compito delle professioni: non più produzione conoscenze scientifiche e tecniche fine a sé stessa, ma loro applicazione ai problemi umani. Professionista delle organizzazioni sanitarie e sociali: knowledge worker, contribuisce a sviluppo e integrazione di conoscenze rilevanti per processi organizzativi aziendali. 5
  6. 6. ___________________________________________________________Principi teorici: enfatizza lavoro professionale come serviziopubblico, dotato di codici etici come meccanismi di autoregolazionee sul valore della conoscenza.Professioni = forme di “vocazione laica” basate su competenzecertificate e da apprendistato intellettuale (es. prof.ne medica: ilprof.sta non è mosso solo da calcolo razionale volto amassimizzare vantaggi individuali ma da orientamento ainteresse generale)Principali teorici:Durkheim, Carr Saunders e Wilson (The Professions 1933), Goode (1960),Parsons (1968). 6
  7. 7. ___________________________________________________________W. Tousijn Professionalizzazione = processo mediante il quale lesingole occupazioni si trasformano in professioni, ossia acquisiscono gli attributispeciali del professionalismo (Professionalismo per attributi comecontinuum: da occupazione a professione attraverso attribuiti specifici.)E. Greenwood (1957), Approccio per attributi,H. Wilensky (1964), 5 fasi del processo di profess.ne : occupazione a tempopieno, creazione di scuole di formaz. specialistica, nascita di associaz. prof.li,tutela dello Stato verso la prof.ne, codice deontologico.A. Abbott, si oppone: “status” di professione risente di fattori critici,culturali, economici, politici e tecnologici che determinano estremamutabilità delle professioni. 7
  8. 8. ___________________________________________________________Anni ‘70, cambiamento epistemologico: nuova correnteinterpretativa (Neo-weberiani).Professioni come gruppi sociali organizzati dotati dicompetenza esclusiva di un mercato, controllo su altreoccupazioni, potere di definire i bisogni del consumatore e modo diprovvedervi.T. Johnson (Professions and Power 1972), professioni = strumenti dicontrollo della relazione fra professionista e cliente distinguendo3 modalità: controllo collegiale, patronato, mediazione. 8
  9. 9. ___________________________________________________________Anni ’90 managerialismo, sistema di gestione delle strutturepubbliche con moduli privatistici, secondo il cd new management.New management settore sanitario = trasformazione delleorganizzazioni sanitarie in Aziende.Managerialismo incide su autonomia di categorie (medici in primis):riassegna compiti in base a logiche di efficienza.Professionalismo vs. managerialismo = soft bureaucracy, strategie dicontrollo sull’operato dei professionisti.Rapporto tra manager e profess.sti clinici = autonomia medico siriduce con strumenti Clinical Governance, Managed Care.Capacity building = strategia di sviluppo partecipativo, clima di dialogoe partecipazione del personale. 9
  10. 10. ___________________________________________________________Doppia chiusura = strategia utilizzata da professioni per conquistaspazio d’azione: usurpazione verso l’alto e esclusione verso il basso.Dominanza medica (E. Freidson): due elementi costitutivi: autonomiaprofessionale e posizione dominante nei confronti delle altreoccupazioni sanitarie. (3° elem. = potere esercitato sui pz?). 4 forme di dominanza medica: funzionale, gerarchica , scientifica, istituzionale Nuovi obiettivi perseguimento della salute: far confluire saperi e competenze detenute da professionisti diversi. Ciò favorisce processi di professionalizzazione di professioni sanitarie non mediche (nuove professioni sanitarie emergenti...) 10
  11. 11. ___________________________________________________________ Orizzontalizzazione delle organizzazioni sanitarie gerarchie del sistema perdono rilievo per la nascita di équipesocio-assistenziali integrate e multi-professionali in cui avviene incontro interdisciplinare di conoscenze specializzate e complementari. Con espansione del mercato sanitario = legittimazione di altreprofessioni sanitarie. (Delega di compiti prima assolti da medici).Nascita di figure tecnico-sanitarie (logopedisti, audioprotesisti,tecnici di radiologia, tecnici laboratorio, fisioterapisti), a seguito di sviluppo tecnologico e diffusione nuove apparecchiature. 11
  12. 12. ___________________________________________________________ Proliferazione di queste occupazioni/professioni parte dagli anni ’50 e raggiunge l’apice (con elevato ritardo rispetto ad altri paesi) con approvazione dei profili professionali che sostituiscono il “mansionario” (D.P.R. n° 225 /74). Nel ventennio 1974-1994, si assiste a rapida successione di provvedimenti normativi che adeguano il percorso di professionalizzazione delle attività sanitarie non-mediche ai rapidi mutamenti della realtà sanitari. D.M. n° 739 /94: approvazione 22 profili prof.li nei settori inferm.co, tecnico-sanitario e della riabilitazione in risposta a necessità di conoscenze specializzate per migliorare interventi assistenziali. Nuova situazione organizzativa (più flessibilità nell’interpretazione di ruoli/funzioni di ciascuna figura con modalità di lavoro per processi e obiettivi). Legge 42/99: abroga il mansionario e avvia revisione-rettifica dei codici deontologici. 12
  13. 13. ________________________________________________________ Legge 251/2000 disciplina i settori profli sottolineando autonomia e specificità prof.le per potenziare/sviluppare servizi di promozione, prevenzione, cura e assistenza al pz; percorsi formativi per le nuove professioni riqualificandoli con introduzione di corsi di laurea e master post-laurea. Ancora legge n. 43/2006 perfeziona tali aspetti del processo di riforma delle professioni sanitarie: la norma ratifica le prof.ni infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione alla cerchia delle “professioni intellettuali”. Legge 328/2000 (legge quadro di riforma del welfare locale) concerne anche percorso di riordino delle professioni sociali. 13
  14. 14. ________________________________________________________ Schema Sinottico delle Prof. Sanitarie non mediche secondo la L. 251/00 e D.M. 29/3/01Scienze Scienze delle Prof. Sanitarie Scienze delle Prof. Sanitarie Scienze delle Prof. Sanitarieinfermieristiche della Riabilitazione Tecniche della Prevenzioneed ostetriche1. Infermiere 1. Podologo 1. Tecnico Audiometrista 1.Tecnico della prev. dell’amb. e nei luoghi di lavoro2. Ostetrico/a 2. Fisioterapista 2. Tecnico di Lab. Biom. 2. Assistente Sanitario3. Infer. Pediatrico 3. Logopedista 3. Tecnico di Radiol. Med. 4. Ortottista 4. Tecnico di Neurofisiop. 5. Terapista della Neuro e 5. Tecnico ortopedico Psicom. dell’età evolut. 6. Tecnico della Riabilit. 6. Tecnico Psichiatrica audioprotesista 7. Terapista 7. Tecnico della Occupazionale fisiopatol. cardiocirc. e perfusione cardiovasc. 8. Educatore Profess.le 8. Igienista dentale 9. Dietista 4 aree 22 professioni con profilo 14
  15. 15. ___________________________________________________________ Individuare le professioni sociali ?Da un lato, abbiamo figure stabili all’interno delle istituzioni pubbliche eprivate (psicologo, sociologo, animatore, ass. di base, ass. sociale,educatore prof.le, operatore socio-sanitario).Dall’altro, abbiamo figure professionali emergenti, con intervento piùesteso socialmente (non solo “vita degli assistiti e il loro recupero”, maanche azioni verso il contesto sociale, produttivo e formativo).Sono: mediatore interculturale, operatore di comunità, criminologo clinico,manager servizi sociali, manager reti di servizi sociali, mediatore di lavoroper categorie svantaggiate, esperto di form.psico-sociale)Figure professionali “circoscritte” (non esistono percorsi di studioomogenei , la loro richiesta è ancora delimitata). 15
  16. 16. ___________________________________________________________ 16
  17. 17. ______________________________________________________ L’integrazione socio-sanitaria è volta a soddisfare le esigenze di tutela della salute, di recupero e mantenimento delle autonomie personali, d’inserimento sociale e miglioramento delle condizioni di vita. Integrazione istituzionale Strumenti: accordo di programma, Piani di Attività Territoriali, Piani di Zona Contenuti: Responsabilità istituzionali Finanziamento, Programmazione Integrazione gestionale Integrazione professionaleStrumenti: deleghe, associazioni, Strumenti: Valutazioneaccesso unitario multidimensionale del bisogno,Contenuti: Modalità gestionali, Integrazione Cartella unitaria, Lavoro per progettiAmbito gestionale (distretto), Aree sociosanitaria Contenuti: Gruppi multiprofessionalidi bisogno, Livelli ass.li, Prestazioni Professioni sociosanitarie Gli interventi sono assicurati dall’erogazione integrata delle prestazioni sanitarie e sociali necessarie a garantire una risposta unitaria e globale ai bisogni di salute. 17
  18. 18. ______________________________________________________ La multifattorialità del disagio richiede assunzione di un nuovo paradigma: una nuova cultura della salutee nuove metodologie di intervento per ricollocare in un processo unitario apporti sanitari, psicologici, socio-ass.li, educativi. da “integro”, cioè completo degli elementi Integrazione relativi alla propria interezza e funzionalità Integrazione interprofessionale: processo di perfezionamento della qualità organizzativa e prof.le. in cui i diversi tipi di professionisti sanno interagire, con coerenza e unitarietà, rinegoziando i rispettivi ambiti di competenza. 18
  19. 19. ___________________________________________________________ Adozione di strumenti e metodi di lavoro condivisi Elaborazione di strumenti e metodi di lavoro condivisi (sistema informativo…) Definizione di protocolli, accordi interistituzionali(percorsi, linee guida,…) Consapevolezza della comune mission organizzativa (progettualità comuni, ruoli di coordinamento…)Consapevolezza della necessità di una presa in carico e valutazione multidimensionale Fonte: M. Minelli, 2010 19
  20. 20. ___________________________________________________________ Premessa: una ridotta collaborazione interprofessionale determina “… peggiori esiti e minore efficienza…”. Analisi di 328 Eventi Avversi o near miss in reparti chirurgici Williams, 2007 Cause % Errori di comunicazione 20,4 Responsabilità non chiare 26,5 Analisi di 1985 casi di morte tra 20 settimane gestazionale ed 1 anno di vita, UK 1995-1999 Rode, 2001 Cause % Errori gravi di comunicazione 13-19 Fonte: F. Focarile, 2010 20
  21. 21. ___________________________________________________________Obv: Efficace collaborazione interprofessionale migliora esiti? 1. Strumento utilizzato: Relational coordination scale (esplora aree della comunicazione e della relazione). Miglior coordinamento relazionale migliora gli esiti (variazioni per 1 punto di incremento della scala. Pz ortopedici) Gittel, 2000 Esito % variazione Riduce Durata della degenza - 53,7 Riduce Dolore postoperatorio -10,9 Migliora Funzionalità postoperatoria +7,7 Fonte: F. Focarile, 2010 21
  22. 22. ___________________________________________________________ Obv: Efficace collaborazione interprofessionale migliora esiti? 2. Strumento utilizzato: Team functioning scale(esplora: clima sociale, relazioni interprof.li, pratiche manageriali, leadership) Associazione positiva in: Strasser, 2005 • Organizzazione di gruppo • Orientamento ai compiti assegnati • Efficacia manageriale • Utilità delle informazioni trasmesse Con esiti (pazienti con ictus):  Migliore punteggio di funzionalità motoria  Minore durata della degenza 22 Fonte: F. Focarile, 2010
  23. 23. ___________________________________________________________ Obv: Efficace collaborazione interprofessionale migliora esiti? 3. Strumento: Nurse-Physician Collaboration Scale (collaborazione Infermiere-Medico)Esplora: Partecipazione a proc. decisionali, Condivisione info, Collaborazione Cominciano a definirsi misure validate su: • miglior passaggio delle informazioni (conseguente riduzione del disagio del personale soprattutto infermieristico); • conoscenze aggiornate di ogni caso clinico (conseguente Ushiro, 2009 aumento qualità dell’assistenza verso il pz e suoi familiari); • maggior soddisfazione del gruppo di lavoro; Fonte: F. Focarile, 2010 23
  24. 24. Migliorare l’integrazione interprofessionale: strumenti e metodi ___________________________________________________________ Crew Resources Management Obv: migliorare lavoro in team, comunicare meglio con altri membri, gestire i conflitti… Prevede 5 fasi del processo assertivo:1. Puntare l’attenzione (rivolgersi all’operatore chiamandolo per nome),2. Esprimere il problema (dichiarare la propria analisi della situazione e le eventuali emozioni),3. Descrivere il problema (fornire elementi oggettivi),4. Proporre la soluzione (dichiarare proposte per soluzioni alternative),5. Ottenere l’assenso (rivolgersi chiaramente a chi deve decidere). Fonte: F. Focarile, 2010 24
  25. 25. Migliorare l’integrazione interprofessionale: strumenti e metodi___________________________________________________________ Simulation training Obv: annullare gap tra pratica clinica e insegnamento teorico , migliorare capacità di lavoro in équipe Metodologia:  simulazione di situazioni reali con ausilio di audiovisivi, software, manichini… per sviluppare la sicurezza nellesecuzione di tecniche e procedure assistenziali.  utilizzare attori per simulare conflitti e migliorare lacapacità di gestione di gruppi interprofessionali di operatori. Fonte: F. Focarile, 2010 25
  26. 26. ___________________________________________________________Presa in carico con infermiere di comunità al centro della rete socio-assist.le territoriale: interfaccia privilegiata tra utenti e care-givers e attori dell’équipe multiprofessionale di cura (MMG, assistenti sociali, assistenti domiciliari, volontari…) Rete socio assistenziale Cure a Domicilio Ambulatorio MMG Strutture Ospedaliere Nuclei di cure primarie Associazioni Hospice Professionisti Terzo settore Residenze Comune Ambulatori Infermiere di comunità 26
  27. 27. Collaborazione interprofessionale: best practices ___________________________________________________________ Family Health Teams (FTH) Ontario, Canada MMG, infermieri, ass. sociali, dietisti, farmacisti e manager lavorano insieme per la salute della comunità. Risultati della ricerca canadese: (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2954101/) benefici dell’approccio interprofessionale ai processi di Community care in termini di: riconoscimento reciproci ruoli/competenze, condivisione OBV, necessità di usare strumenti di supporto al lavoro interprofessionale (di tipo informatico, comunicativo, procedurale), esigenza di una leadership riconosciuta Fonte: J. Goldman, 2010 27
  28. 28. Collaborazione interprofessionale: best practices ___________________________________________________________ RAI-MDS (Resident Assessment Instrument-Minimum Data Set), strumento che consente Valutazione Multidimensionale (VMD) dell’anziano fragile ospite in residenza. E’ uno strumento di valutazione globale, E’ basato sulla valutazione dello stato funzionale, E’ finalizzato alla formulazione di un piano di assistenza, E’ strutturato secondo la filosofia del “problem solving”. Studio USA su anziani in “nursing home” = RAI-MDS migliora staff di pianificazione dell’assistenza: partecipa da 2 a 5 volte in più alla pianificazione dell’assistenza personale inf.co partecipa incontri di pianificazione dell’assistenza nel 27% delle strutture (Fonte: V. Mor et al. JAGS 1997) . 28
  29. 29. Collaborazione interprofessionale: best practices___________________________________________________________ V.A.O.R. tr. It. del RAI-MDS (Valutazione Anziano Ospite Residenza) Studio italiano rileva opinioni di operatori di staff multi-professionali sugli effetti del VAOR applicato all’Assistenza Domiciliare Integrata, rispetto ai precedenti strumenti Effetti dell’implementazione del VAOR - ADI (Fonte: Bernabei R, Landi F. Journal Gerontology MS, special issue,March 2008) 29
  30. 30. Conclusioni ___________________________________________________________ L’integrazione prof.le è sempre “efficace e funzionale”? ? ? La relazione tra i membri del gruppo deve basarsi su: interdipendenza (consapevolezza dei membri di dipendere gli uni dagli altri, in una sorta di unità nella differenza), integrazione (equilibrio tra somiglianze e differenze, bisogni individuali e bisogni del gruppo, esigenze interne e richieste esterne) omogeneità (persone che hanno un obiettivo comune o persone con lo stesso ruolo organizzativo o lo stesso background professionale). Rischio: gruppi disomogenei uniti solo da illusione gruppale 30

×