L'acqua una risorsa comune da tutelare

  • 601 views
Uploaded on

L'acqua una risorsa comune da tutelare

L'acqua una risorsa comune da tutelare

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
601
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUSLE FAMIGLIE DI CAPOSELE - CITTADINANZA ATTIVA ALTO CALORE OFANTO SELE Acqua e... Sele Quando la risorsa idrica diventa vitale per il territorioSabato 9 Aprile 2011 - Santuario di San Gerardo, Materdomini di Caposele (AV) “L’ACQUA”UNA RISORSA COMUNE DA TUTELARE Dott. Giancarlo Chiavazzo Responsabile Scientifico Legambiente Campania Onlus chiavazzo@legambiente.campania.it
  • 2. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS CAMPANIA versus PUGLIA
  • 3. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale (G.U. n. 88 del 14 aprile 2006) Art. 144. Tutela e uso delle risorse idriche“Le acque costituiscono una risorsa che va tutelata ed utilizzata secondo criteri di solidarietà”
  • 4. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS CARTA EUROPEA DELL’ACQUA STRASBURGO 6 MAGGIO 196812) Lacqua non ha frontiere. Essa èuna risorsa comune che necessita diuna cooperazione internazionale.
  • 5. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Territorio del Distretto Idrografico dell’Appennino Meridionale 7,0 mc/s mc/s IN CAMPANIA 106,6 Mmc/anno Mmc/anno OUT 114,5 Mmc/anno Mmc/anno 5,8 mc/s mc/s 177,7 Mmc/anno Mmc/annoTrasferimenti Idrici 5,0 Mmc/anno Mmc/annoad uso idropotabile Fonte: Piano di Gestione delle Acque Distretto Idrografico dell’Appennino Meridionale
  • 6. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale (G.U. n. 88 del 14 aprile 2006) Art. 144. Tutela e uso delle risorse idricheLa disciplina degli usi delleacque è finalizzata alla lororazionalizzazione, allo scopodi evitare gli sprechi e difavorire il rinnovo dellerisorse
  • 7. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS CARTA EUROPEA DELL’ACQUA STRASBURGO 6 MAGGIO 196810) Lacqua è un patrimonio comuneil cui valore deve essere riconosciutoda tutti. Ciascuno ha il dovere dieconomizzarla e di utilizzarla concura.
  • 8. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS ACQUA IMMESSA IN RETE (l/ab/g) ISTAT - Censimento delle risorse idriche a uso civile Anno 2008 Valle dAosta Lazio Trento Friuli - Venezia G. Sardegna Abruzzo Molise Calabria Liguria Trentino-Alto Adige Lombardia Basilicata Italia Piemonte Campania Bolzano Veneto Sicilia Toscana Puglia Emilia - Romagna Marche Umbria0 100 200 300 400 500 600
  • 9. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS ACQUA EROGATA (l/ab/g) ISTAT - Censimento delle risorse idriche a uso civile Anno 2008 Trento Valle dAosta Trentino-Alto Adige Lombardia Lazio Liguria Bolzano Calabria Friuli - Venezia G. Basilicata Italia Abruzzo Piemonte Molise Veneto Toscana Sardegna Emilia - Romagna Campania Sicilia Marche Umbria Puglia0 50 100 150 200 250 300 350 400
  • 10. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS % ACQUA EROGATA ISTAT - Censimento delle risorse idriche a uso civile Anno 2008 Bolzano Lombardia Trentino-Alto Adige Trento Emilia - Romagna Marche Toscana Liguria Veneto Piemonte Italia Umbria Basilicata Valle dAosta Calabria Sicilia Lazio Campania Friuli - Venezia G. Abruzzo Molise Sardegna Puglia0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90%
  • 11. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS USO SOLIDALE versus USO SOSTENIBILE
  • 12. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Parola d’ordine:RISPARMIO !
  • 13. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Consumo IdricoConfronto con altri paesi europeiFonte: Elaborazione Regione Emilia Romagna dati EEA e IWSA
  • 14. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Una corretta informazione unita a piccoli interventi strutturali (es. uso di frangigetto neilavandini, erogatori delle docce e sciacquoni a carico ridotto) può consentire lariduzione dei consumi della metà Fonte: Rapporto 2001 sulluso sostenibile dellacqua in Europa (Agenzia Europea per lAmbiente - EEA)
  • 15. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS ACQUA = ENERGIAIl riscaldamento dell’acqua incide per circa il 25% deiconsumi energetici totali negli edifici (*)Ipotizzando un risparmio di 20 l/ab/giorno,considerando solo 5l/ab/giorno riferibile ad acquacalda risulterebbe un risparmio pari a: ~ 90 kWh/ab/anno di energia elettrica oppure0,015 TEP/ab/anno di energia da gasolio o metano(*) Proposta per una Direttiva del Parlamento e del Consiglio Europeo sulleperformance energetiche degli edifici - Commission of the EuropeanCommunities Brussels, 11.5.2001 COM(2001) 226 final 2001/0098 (COD)
  • 16. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS REGIONE PUGLIAN. Famiglie: ~ 1.500.000Costo n. 1 kit frangigetto: ~ 5€Fornitura totale: ~ 7.500.000€ REGIONE CAMPANIAN. Famiglie: ~ 2.000.000Costo n. 1 kit frangigetto: ~ 5€Fornitura totale: ~ 10.000.000€
  • 17. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Cosa può fare ognuno di noi ?-Chiudere il rubinetto mentre si fa lo shampoo, labarba, si lavano i denti, ecc.;- Riparare i rubinetti che gocciolano;- Installare scarichi a doppio comando ai wc erompigetto aerati ai rubinetti;- Preferire la doccia al bagno;- Non gettare nel wc cotton fioc, pannolini,sacchetti di plastica, mozziconi di sigarette, ecc.,- ………………..
  • 18. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Cosa può fare ognuno di noi ?Di certo può quindi risparmiare parecchio sullabolletta dell’acqua e dell’energia con un costo di investimento di pochi euro (acquisto kit rompigetto aerati ) e con un po’ di buona volontà (uso responsabile della risorsa) In tal modo concorre a ridurre i prelievi di acqua dall’ambiente, la produzione di CO2 connessa alla fornitura e trattamento delle acque e al relativo riscaldamento
  • 19. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS C
  • 20. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Scarico WC differenziato
  • 21. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Carta Europea dell’Acqua – Strasburgo 6 maggio 19681) Non cè vita senzacqua. Lacqua è un bene prezioso, indispensabile a tutte leattività umane.2) Le disponibilità dacqua dolce non sono inesauribili. E indispensabile preservarle,controllarle e se possibile accrescerle.3) Alterare le qualità dellacqua significa nuocere alla vita delluomo e degli altriesseri viventi che da essa dipendono.4) La qualità dellacqua deve essere tale da soddisfare le esigenze della utilizzazionipreviste; ma deve specialmente soddisfare le esigenze della salute pubblica.5) Quando lacqua, dopo essere stata utilizzata, viene restituita al suo ambientenaturale, non deve compromettere i possibili usi, tanto pubblici che privati, che diquestambiente potranno essere fatti.6) La conservazione di un manto vegetale, di preferenza forestale, è essenziale perla salvaguardia delle risorse idriche.7) Le risorse idriche devono formare oggetto di un inventario.8) La buona gestione dellacqua deve formare oggetto di un piano stabilito dalleautorità competenti.9) La salvaguardia dellacqua implica un notevole sforzo di ricerca scientifica, diformazione di specialisti e di formazione del pubblico.10) Lacqua è un patrimonio comune il cui valore deve essere riconosciuto da tutti.Ciascuno ha il dovere di economizzarla e di utilizzarla con cura.11) La gestione delle risorse idriche deve essere inquadrata nel bacino naturale,piuttosto che entro frontiere amministrative e politiche.12) Lacqua non ha frontiere. Essa è una risorsa comune che necessita di unacooperazione internazionale.
  • 22. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale (G.U. n. 88 del 14 aprile 2006)144. Tutela e uso delle risorse idriche1. Tutte le acque superficiali e sotterranee, ancorché non estratte dal sottosuolo, appartengono aldemanio dello Stato.2. Le acque costituiscono una risorsa che va tutelata ed utilizzata secondo criteri di solidarietà;qualsiasi loro uso è effettuato salvaguardando le aspettative ed i diritti delle generazioni future a fruiredi un integro patrimonio ambientale.3. La disciplina degli usi delle acque è finalizzata alla loro razionalizzazione, allo scopo di evitare glisprechi e di favorire il rinnovo delle risorse, di non pregiudicare il patrimonio idrico, la vivibilitàdellambiente, lagricoltura, la piscicoltura, la fauna e la flora acquatiche, i processi geomorfologici e gliequilibri idrologici.4. Gli usi diversi dal consumo umano sono consentiti nei limiti nei quali le risorse idriche sianosufficienti e a condizione che non ne pregiudichino la qualità.5. Le acque termali, minerali e per uso geotermico sono disciplinate da norme specifiche, nel rispetto delriparto delle competenze costituzionalmente determinato.145. Equilibrio del bilancio idrico1. LAutorità di bacino competente definisce ed aggiorna periodicamente il bilancio idrico diretto adassicurare lequilibrio fra le disponibilità di risorse reperibili o attivabili nellarea di riferimento ed ifabbisogni per i diversi usi, nel rispetto dei criteri e degli obiettivi di cui allarticolo 144.2. Per assicurare lequilibrio tra risorse e fabbisogni, lAutorità di bacino competente adotta, per quantodi competenza, le misure per la pianificazione delleconomia idrica in funzione degli usi cui sono destinatele risorse.3. Nei bacini idrografici caratterizzati da consistenti prelievi o da trasferimenti, sia a valle che oltre lalinea di displuvio, le derivazioni sono regolate in modo da garantire il livello di deflusso necessario allavita negli alvei sottesi e tale da non danneggiare gli equilibri degli ecosistemi interessati.
  • 23. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS GRAZIEDELL’ATTENZIONE Dott. Giancarlo Chiavazzo Responsabile Scientifico Legambiente Campania Onlus chiavazzo@legambiente.campania.it
  • 24. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Chi è Legambiente Campania ?
  • 25. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Delegazione regionale diLegambiente nota per essere la più diffusa organizzazione ambientalista nazionale
  • 26. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUSLegambiente Campania si articola in 80 circolicon più di 10.000 iscritti
  • 27. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Legambiente Campaniasi occupa dei problemi legati al degrado ambientale ed urbanistico con attenzione al nesso tra economia ed ambiente, ha un interesse costante per i temi dell’educazione e della formazione dei cittadini e un approccio originale ed innovativo alle questioni legate alla conservazione della natura ed alla politica delle aree protette
  • 28. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUSLegambiente Campania è strutturata in: - Comitato scientifico - Settore Scuola e Formazione - Osservatorio Ambiente e legalità - Centro di Azione giuridica - Centri di Educazione ambientale - Ufficio Progetti - Ufficio Aree Protette
  • 29. LEGAMBIENTE CAMPANIA ONLUS Alcune campagne di Legambiente: - Puliamo il mondo - Operazione Mal’Aria - Festa dell’Albero - Lavori in Corso - Goletta Verde