La comunicazione e i giovani. Formazione ai seminaristi - 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

La comunicazione e i giovani. Formazione ai seminaristi - 2011

on

  • 866 views

Oggi i media assumono per i ragazzi e i giovani una funzione educativa onnipresente e invasiva. ...

Oggi i media assumono per i ragazzi e i giovani una funzione educativa onnipresente e invasiva.
Integrano, confondono e spesso mandano all'aria il sistema di valori che la famiglia, la scuola, i vari ambienti sociali formativi - come le parrocchie - cercano di costruire intorno/dentro al ragazzo.
Per questo molti seminaristi e sacerdoti, in contatto continuo con i gruppi di giovani all'interno della propria parrocchia, hanno necessità di formarsi all'influenza che determinati media hanno sui ragazzi.
La presentazione chiaramente non è esaustiva. Oltre ad elementi teorici di base, tratta alcuni strumenti (la pubblicità e Facebook) con cui i ragazzi si trovano ad agire.

Statistics

Views

Total Views
866
Views on SlideShare
862
Embed Views
4

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

1 Embed 4

http://www.linkedin.com 4

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

La comunicazione e i giovani. Formazione ai seminaristi - 2011 La comunicazione e i giovani. Formazione ai seminaristi - 2011 Presentation Transcript

  • La comunicazione e i giovaniScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Ci presentiamo?Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Cos’è la comunicazione?Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Definizioni comunicare linguaggio dal lat. communis agere, sistema di comunicazione tra individui. cioè agire nel mettere in comune le conoscenze; Permette di trasmettere informazioni attraverso dei simboli combinati attraverso le regole. attività per dare, condividere, generare contenuti fra due o più persone è un’avventura che ci fa essere che percezione sensoriale bisogna continuamente oltrepassare concetti i sentimenti e le emozioni nella “gratuità del fuori di sé per le idee e i pensieri l’altro” (Lévinas)Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani La musica e i colori esercizio individualeScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Linguaggio non verbaleScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovaniScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovaniScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovaniScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovaniScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Abbigliamento tradizioni e culturaScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovaniScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Il processo comunicativo concezione lineare emittente messaggio canale ricevente effetti chi? che cosa? come? a chi?Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Il processo comunicativo concezione interazionale CONTESTO codice emittente messaggio ricevente effetti segnale inviato canale segnale ricevuto RUMORE FEEDBACKScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Il linguaggio della pubblicità per i giovaniScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Come influenza la pubblicità? STIMOLI Mass-media Gruppi di Esperienza Opinion leader appartenenza diretta quello che pensiamo, che crediamo, i nostri valori, quello che vogliamo, quello che siamo EVENTO O. P. GIUDIZIO ATTEGGIAMENTO COMPORTAMENTOScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Come influenza la pubblicità? Lo scopo della pubblicità non è vendere i prodotti, ma incidere negli atteggiamenti delle personeScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani esercizio di gruppoScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • 1. Chi è l’emittente?2. Qual è il prodotto invendita? Qual è ilmessaggio?
  • 1. Qual è il messaggio?2. Chi è il ricevente, ildestinatario del messaggio?3.Quali sono gli effettivoluti?
  • 1. Qual è il messaggio?2. Chi è il ricevente, ildestinatario del messaggio?3.Quali sono gli effettivoluti?4. Note sui colori?
  • 1. Quale linguaggio utilizza?2. Qual è il messaggio?3. Chi è il ricevente, ildestinatario del messaggio?4.Quali sono gli effettivoluti?
  • La comunicazione e i giovani Facciamo una pausa? =)Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani I media Cosa sono?Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani I media Strumenti con determinate caratteristiche attraverso cui è possibile diffondere un messaggio a uno o più persone.Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovaniScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani La comunicazione per l’uomo «Questo desiderio di comunicazione e amicizia è radicato nella nostra stessa natura di esseri umani e non può essere adeguatamente compreso solo come risposta alle innovazioni tecnologiche. Alla luce del messaggio biblico, esso va letto piuttosto come riflesso della nostra partecipazione al comunicativo ed unificante amore di Dio, che vuol fare dell’intera umanità un’unica famiglia. Quando sentiamo il bisogno di avvicinarci ad altre persone, quando vogliamo conoscerle meglio e farci conoscere, stiamo rispondendo alla chiamata di Dio, una chiamata che è impressa nella nostra natura di esseri creati a immagine e somiglianza di Dio, il Dio della comunicazione e della comunione». B16 Messaggio per la Giornata delle Comunicazioni sociali 2009Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani I media del 2011 INTERNET social network mail e chat siti web e blogScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani I social network Quali conoscete?Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani YouTube è un sito web che consente la condivisione di video. Di proprietà di Google Inc., è il terzo sito più visitato al mondo dopo Google e Facebook. Flickr è un sito web multilingua che permette agli iscritti di condividere fotografie personali con chiunque abbia accesso a Internet, in un ambiente web 2.0. Twitter è un servizio gratuito di social network e microblogging che fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con una lunghezza massima di 140 caratteri.Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani FacebookScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • FOTO Il mio profilo personalePROFILO “AMICI” BACHECA IL MIO “STATUS” ADVERTISING CHAT
  • La mia bacheca “STATUS” GRUPPI dei miei “AMICI”FUNZIONI EVENTI PROFILO 66
  • La comunicazione e i giovani Quali possono essere gli aspetti negativi e positivi dell’utilizzo di Facebook? aspetti negativi aspetti positivi sostituzione dei i rapporti virtuali con l’utente è attivo; quelli reali; incrocio i vari tipo di media: foto, differenza da ciò che sono e ciò che video, documenti; sembro nel social network; diffondere messaggi positivi; poca attenzione alle persone e ai contenuti; ecc. ecc.Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Buoni principi per una buona comunicazione © Chiara LubichScuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani 1. comunicare è 2. occorre farci uno essenziale Occorre mettersi nei panni dell’altro. Così sul vissuto si accende la luce, per chi Anche quando si parla o si svolge un racconta e per chi ascolta, e l’esperienza tema non ci si limita ad esporre un pare fissarsi nell’eterno. pensiero, ma sentiamo prima l’esigenza Si ha quasi una vocazione al comunicare. di sapere chi abbiamo dinanzi. Il messaggio è così partecipato e condiviso. 3. sottolineare il 4. importa l’uomo, positivo non il media E’ nello stile dell’unità mettere in luce ciò Il mezzo è un semplice strumento. Per che è buono, convinti che sia più portare l’unità, occorre innanzitutto quel costruttivo evidenziare il bene, insistere mezzo imprescindibile che è l’uomo, un sulle cose buone e sulle prospettive uomo nuovo per dirla con San Paolo, che positive, anche se la denuncia opportuna ha accolto cioè il mandato di Cristo ad di errori, limiti e colpe, è doverosa per chi essere lievito, sale, luce del mondo. ha responsabilità.Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011
  • La comunicazione e i giovani Conclusioni - un esempio di buona comunicazione per i giovani (www.mondounito.net) - un modello di comunicatore ai giovani (video)Scuola dei Sacerdoti - Vivaio, Incisa 04 maggio 2011