Strutture e interfacce adattative

  • 2,950 views
Uploaded on

Gli utenti interagiscono ogni giorno con sistemi complessi di cui comprendono solo in parte l’offerta funzionale. Ogni elemento non compreso risulta essere per lui solo rumore cognitivo che va ad …

Gli utenti interagiscono ogni giorno con sistemi complessi di cui comprendono solo in parte l’offerta funzionale. Ogni elemento non compreso risulta essere per lui solo rumore cognitivo che va ad inficiare parzialmente l’usabilità del sistema. La proposta di adattare l’interfaccia e la struttura del sistema vuole ridurre questa problematica semplificando dinamicante lo stesso sulla base del contesto d’uso

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
2,950
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
43
Comments
0
Likes
5

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Strutture ed interfacce adattative Luca Mascaro - IASummit 2009 Forlì sabato, 21 febbraio 2009
  • 2. Software o servizio Interfaccia Artefatto che consente lʼinterazione tra due sistemi complessi. Nel software e nel web si intende lʼinsieme di strumenti messi a disposizione dellʼutente per interagire con il programma o il sito Struttura Insieme di regole, flussi e funzionalità che definiscono il modo di usare un sistema accedendo ad informazioni o eseguendo operazioni sabato, 21 febbraio 2009
  • 3. Una riflessione Come utenti non comprendiamo tutto il servizio Vediamo, giudichiamo e ci interfacciamo subito con la UI Durante lʼuso ci formiamo unʼidea della struttura In pratica Abbiamo una percezione parziale ed incompleta del sistema sabato, 21 febbraio 2009
  • 4. Cosa accade Formiamo un modello mentale che con è totalitario del sistema Tutto ciò che “avanza” rischia di essere rumore cognitivo Si perde molto in termini di performance Dobbiamo ridurre drasticamente il carico ed il rumore cognitivo! sabato, 21 febbraio 2009
  • 5. Migliorare lʼUX avvicinando interfaccia e utente Avvicinare i Task che coprono i bisogni dellʼutente allo stesso adattando lʼambiente dʼuso Introdurre lʼadattabilità: sistemi adattabili <> adattivi sabato, 21 febbraio 2009
  • 6. Adattabile Contestualizzazione orientare lʼinterfaccia verso il contesto dʼuso sabato, 21 febbraio 2009
  • 7. Adattabile Personalizzazione orientare lʼinterfaccia verso le caratteristiche dellʼutente sabato, 21 febbraio 2009
  • 8. Adattabile Criticità si migliora unicamente lʼambiente dʼuso sabato, 21 febbraio 2009
  • 9. Adattive La nuova frontiera sabato, 21 febbraio 2009
  • 10. Adattiva adattarsi automaticamente alle condizioni dʼuso di uno specifico utente per mettergli a disposizione solo un panel utile di informazioni e funzionalità al suo livello di capacità sabato, 21 febbraio 2009
  • 11. Concettualmente È la UX perfetta che fa solo ciò che serve a me! sabato, 21 febbraio 2009
  • 12. Oggi: caratteristiche ed esempi raccolta di dati in maniera continua adattamento alle capacità (skills) dellʼutente sistemi di riconoscimento vocale/scrittura sabato, 21 febbraio 2009
  • 13. Domani: caratteristiche raccolta di dati da molti canali adattamento strutturale completo sabato, 21 febbraio 2009
  • 14. Nota: comportamento umano Come esseri umani tendiamo già a risparmiare carico cognitivo Tendiamo a ripeterci sviluppando processi mentali ripetibili Euristiche Queste ultime vanno favorite Daniel Kahneman sabato, 21 febbraio 2009
  • 15. Elementi mutevoli Aspetto forma, funzione (affordance), estetica Funzionamento funzionalità, flussi Contenuto organizzazione, labeling sabato, 21 febbraio 2009
  • 16. Caratteristiche ambientabili Tipologia e forma del contenuto Condizioni temporali (data e ora) Luogo e relative risorse locali Ambiente (meteo, eventi, ..) Compito svolto (Task) Comportamento, storia ed abitudini Contesto sociale (es: casa, lavoro, tempo libero, ...) Parametri dʼingresso (es: da google) Interessi personali Capacità personali ed esperienza con lʼapplicazione Matrice di condizioni sabato, 21 febbraio 2009
  • 17. Il risultato Deformare il sistema non nascondere (eliminare) gli elementi sabato, 21 febbraio 2009
  • 18. Il risultato Migliora, si semplifica e si offre unʼUX propositiva sabato, 21 febbraio 2009
  • 19. Il risultato Migliora, si semplifica e si offre unʼUX propositiva La novità Instaura una relazione più stretta con il sistema sabato, 21 febbraio 2009
  • 20. Il risultato Migliora, si semplifica e si offre unʼUX propositiva La novità Instaura una relazione più stretta con il sistema Il rischio interno Lʼessere invasivo potrebbe essere fastidioso sabato, 21 febbraio 2009
  • 21. Il risultato Migliora, si semplifica e si offre unʼUX propositiva La novità Instaura una relazione più stretta con il sistema Il rischio interno Lʼessere invasivo potrebbe essere fastidioso Il rischio esterno La privacy è il prezzo da pagare sabato, 21 febbraio 2009
  • 22. Che ne pensate? Grazie Luca Mascaro luca@sketchin.ch www.sketchin.ch | www.lucamascaro.info/blog/ PSSSS... avevo pensato anche ad altri punti che non ci sono stati • la relazione con la multicanalità • lʼuso di matrici a condizioni sommatorie • le forme avanzate di adattamento • i metodo con cui fare si che il sistema capisca come adattarsi al livello di sopportazione dellʼutente • una serie di applicazioni pratiche se lʼargomento vi interessa possiamo poi approfondire anche questi ;-) sabato, 21 febbraio 2009