Lettera al Corriere della Sera

1,529 views
1,416 views

Published on

2 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Sottoscrivo quanto da te detto, completamente. Purtroppo questa corsa a dare notizie negative non e' solamente una brutta abitudine italiana, la si trova spesso in stampa e TV di tanti altri paesi.

    Ho notato invece con piacere, guardando il feed da NHK in inglese tramite la rete, che i toni erano molto piu' rilassati laggiu', e che malgrado la situazione fosse (ed e' ancora) molto grave sia per quanto riguarda il disastro del terremoto piu' tsunami che per quanto riguarda Fukushima Dai-ichi, l'obiettivita' ed il rispetto per la correttezza dell'informazione riportata agli ascoltatori veniva sempre prima di ogni altra cosa.

    Temo che anche la stampa e la TV vivano troppo di corsa, e la fretta non e' mai una buona consigliera. Internet e le nuove tecnologie permettono di lavorare in maniera molto piu' rapida e realtime, ma non e' detto che si debbano anche prendere gli aspetti negativi di queste nuove opportunita'.

    Grazie del tuo commento, e buon fine settimana.

    --Luca
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Facevo una riflessione simile alla tua riguardo alla notizia dell'altro ieri, della visita dell'Imperatore e dell'Imperatrice ad alcuni sfollati. Invece di parlare di un gesto volto a infondere coraggio nella popolazione e a mostrare la partecipazione e la vicinanza di tutto il Paese (in Giappone l'Imperatore, pur privo di potere politico, rappresenta la nazione e ha un alto valore simbolico), per i media italiani questa visita è solo 'indice della gravità della situazione.' Cioè tutto ciò che accade in Giappone è e deve essere visto in chiave negativa e catastrofica. Le mie fonti di informazione libera e indipendente, ormai, le cerco altrove, non sui media italiani.
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,529
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
252
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
2
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lettera al Corriere della Sera

  1. 1. Spett. Corriere della SeraAll’attenzione del Direttore e della Redazione di Corriere.itMilano, Sabato 2 Aprile 2011Gentile Direttore, gentile Redazione,leggo da sempre le vostre notizie online e non dalla carta stampata, che non compropiu’ da anni. Rispetto il vostro stile e lo apprezzo, ma non sempre, casus belli proprioquesta mattina.Vi riporto infatti le cose come da me gia’ riportate su qualche forum Internet dovepartecipo come semplice cittadino.---Ho raccolto prove sufficienti per mostrare quanto sia poco serio il corriere della sera(minuscole volute) nel trattare una notizia di agenzia rilanciata da ANSA.  Il titolonesulla home page del corriere era questo:
  2. 2. Ma la notizia allinterno dellarticolo riportava tutta unaltra situazione, certamentenon allarmistica, anzi molto positiva:La stessa notizia, tratta da un rilancio ANSA era apparsa tra le notizie flash, con lostesso titolo sensazionalistico e la notizia che va perfettamente controcorrente altitolo:
  3. 3. Mi e venuto il dubbio che ci fosse anche lo zampino di ANSA, ma non e cosi,lagenzia si e infatti comportata in modo alquanto diverso da cio che ha fatto ilcorriere.  Notizia in homepage sul sito di ANSA.it:Ecco la parte iniziale dellarticolo:
  4. 4. Ora, ditemi voi se certe cose capitano o no in malafede.  In un giornale come ilcorriere della sera, poi. E bastato far saltare la parola "individuata" per cambiare*completamente* il senso della notizia.Davvero scandaloso come si comporta la stampa, davvero scandaloso.  E giunto ilmomento di fare qualcosa.---Terminavo cosi’ il mio contributo a dei forum Internet, letti soltanto da poche personeinteressate al tema.Quello che piu’ mi urta, da cittadino, e’ il vedere come stampa a TV debbanoforzatamente ricorrere a paura, incertezza e dubbio anche quando non ci sono notiziecattive, e quel che c’e’ di peggio e’ che in questo caso una buona notizia e’ stata fattapassare con dei titoloni da notizia catastrofica. Tranne poi andare a leggere l’articoloe trovare qualcosa di completamente diverso.Oggi sono un cittadino davvero schifato nel vedere come un singolo individuo, untitolista del Corriere, possa stravolgere il senso di una notizia e creare ancor piu’paura, incertezza e dubbio in una popolazione, quella italiana, che continua a nonavere la piu’ pallida idea della reale situazione delle centrale di Fukushima Dai-ichi.Oggi avete veramente dato il peggio di voi. Vi esorto a fare meglio di cosi’, so che nesiete capaci.Distinti saluti,Luca Bertagnolioemail: luca@berta.com

×