Laboratorio di matematica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Laboratorio di matematica

on

  • 4,343 views

Presentazione incontro 18.03.11 sulle linee guida della riforma scolastica

Presentazione incontro 18.03.11 sulle linee guida della riforma scolastica

Statistics

Views

Total Views
4,343
Views on SlideShare
3,447
Embed Views
896

Actions

Likes
0
Downloads
16
Comments
1

3 Embeds 896

http://www.luigipasini.it 753
http://tuttoprof.blogspot.it 140
http://tuttoprof.blogspot.com 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • Grazie professore!!! Questo è il mio sogno!!!
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Laboratorio di matematica Presentation Transcript

  • 1. Laboratorio di Matematica
    DIRETTIVA n. 57 del 15 luglio 2010 contenente linee guida a norma dell’articolo 8, comma 3,
    d.P.R. 15 marzo 2010, n. 88.
    (per i Tecnici)
    http://nuovilicei.indire.it/content/index.php?action=lettura_paginata&id_m=7782&id_cnt=10497
    (per i Licei)
    http://www.edscuola.it/archivio/norme/programmi/riforma_02.html
    (per i Professionali)
    17/03/2011
    1
  • 2. Secondo le linee guida è possibile:
    1) utilizzare, nei percorsi educativi, la quota di autonomia del 20% dei curricoli, per potenziare gli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti, con particolare riferimento alle attività di laboratorio
    2) utilizzare gli spazi di flessibilità, intesi come possibilità di articolare le aree di indirizzo in opzioni, per offrire risposte efficaci e mirate alle esigenze del territorio e ai fabbisogni formativi espressi dal mondo del lavoro e delle professioni.
    17/03/2011
    2
  • 3. Didattica laboratoriale
    L’impianto dei nuovi ordinamenti degli istituti tecnici richiede che la progettazione formativa sia sostenuta da forme organizzative che pongano, al centro delle strategie didattiche collegiali, il laboratorio e la didattica laboratoriale, la costruzione dei percorsi di insegnamento/ apprendimento in contesti reali, quali l’alternanza scuola-lavoro, il raccordo con le altre istituzioni scolastiche (reti) e con gli enti locali (convenzioni), anche per realizzare progetti condivisi
    17/03/2011
    3
  • 4. L’importanza dell’alternanza scuola – mondo del lavoro
    Soprattutto negli istituti tecnici, che offrono un’ampia possibilità, dopo il diploma, di intraprendere subito un percorso professionale, è auspicabile che gli studenti imparino il prima possibile ad elaborare le acquisizioni che la scuola propone loro attraverso lo studio delle discipline, arricchendole e integrandole con esperienze che li mettano in grado di confrontarsi con crescente autonomia con le richieste dal mondo del lavoro e delle professioni, per mettere in relazione questi dati con gli interessi e le aspirazioni personali.
    17/03/2011
    4
  • 5. La “competizione intellettuale”
    La competitività delle economie più sviluppate, infatti, si gioca sempre più sul terreno della “competizione intellettuale”, che intreccia profondamente conoscenza, innovazione e internazionalizzazione. Per mantenere elevati i livelli di occupazione occorre puntare su livelli di istruzione più elevati, ma anche sull’apertura a esperienze e linguaggi diversi: contenuti specialistici e suddivisioni disciplinari tendono ad una crescente interdipendenza e contaminazione tra i saperi.
    17/03/2011
    5
  • 6. Impresa “fabbrica di conoscenza”
    sono sempre più necessari l’interazione e il dialogo, in forme non episodiche,tra le imprese, che per sopravvivere e svilupparsi devono divenire “fabbriche di conoscenza”, e le scuole, tradizionali “fabbriche della conoscenza e della cittadinanza”.
    17/03/2011
    6
  • 7. La velocità di cambiamento del mondo attuale
    I giovani oggi incontrano infatti maggiori difficoltà a disegnare il proprio futuro professionale e a definire le strategie per realizzarlo. Il mondo non solo è radicalmente mutato, ma continua a cambiare con una velocità sconosciuta alle generazioni che li hanno preceduti.
    Le scelte diventano più difficili e complesse: nulla può essere lasciato al caso e il percorso va costruito per tutta la durata della scuola secondaria superiore, cogliendo tutte le opportunità per vagliare con consapevolezza come valorizzare attitudini e talenti personali in un coerente progetto di vita e del lavoro.
    17/03/2011
    7
  • 8. Il laboratorio come metodologia d’apprendimento
    Il laboratorio è concepito, nei nuovi ordinamenti dell’istruzione tecnica soprattutto come una metodologia didattica innovativa, che coinvolge tutte le discipline, in quanto facilita la personalizzazione del processo di insegnamento/apprendimento che consente agli studenti di acquisire il “sapere” attraverso il “fare”, dando forza all’idea che la scuola è il posto in cui si “impara ad imparare” per tutta la vita. Tutte le discipline possono, quindi, giovarsi di momenti laboratoriali, in quanto tutte le aule possono diventare laboratori.
    17/03/2011
    8
  • 9. L’attività di laboratorio
    L’attività di laboratorio, condotta con un approccio operativo ai processi tecnologici, può coniugare l’attitudine degli studenti alla concretezza e all’azione con la necessità di far acquisire loro i quadri concettuali che sono indispensabile per l’interpretazione della realtà e la sua trasformazione. La didattica di laboratorio facilita l’apprendimento dello studente in quanto lo coinvolge anche dal punto di vista fisico ed emotivo nella relazione diretta e gratificante con i compagni e con il docente.
    17/03/2011
    9
  • 10. Il docente di matematica
    Il docente di “Matematica” concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, risultati di apprendimento che lo mettono in grado di: padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti dimostrati possedere gli strumenti matematici, statistici e del calcolo delle probabilità vi della matematica; necessari per la comprensione delle discipline scientifiche e per poter operare nel campo delle scienze applicate; collocare il pensiero matematico e scientifico nei grandi temi dello sviluppo della storia delle idee, della cultura, delle scoperte scientifiche e delle invenzioni tecnologiche
    17/03/2011
    10
  • 11. Proposte didattiche
    I giovani di oggi e la scuola
    La generazione di Facebook
    Il lavoro degli studenti e la classe virtuale
    La piattaforma moodle
    Ambienti di sharing
    17/03/2011
    11
  • 12. I giovani d’oggi a scuola
    Incapacità dei giovani d’oggi di annoiarsi
    Ridurre al minimo i momenti vuoti, tutti devono essere protagonisti di un ruolo sempre
    Nelle classi ci sono velocità di apprendimento diverse
    Come conciliare la presenza di Schumacher e dell’autista della utilitaria ?
    17/03/2011
    12
  • 13. I bravi protagisti di un ruolo di primo piano
    Quando Schumacher è arrivato al traguardo, perché tenerlo ai box in lunga attesa dell’autista di utilitaria ?
    Meglio sfruttarlo per trasmettere la sua tecnica, farlo sentire importante e sfruttare le sue abilità a beneficio dei più deboli…
    17/03/2011
    13
  • 14. La lezione frontale tenuta dai più bravi prima della verifica
    Solo vantaggi
    Si riduce la barriera docente-alunno e i più deboli sono incentivati a chiedere chiarimenti
    Il linguaggio utilizzato è meno tecnico e più vicino al linguaggio di chi deve assorbire i concetti
    I migliori vengono valutati in modo alternativo e non si annoiano
    17/03/2011
    14
  • 15. E a casa come sfruttiamo i bravi ?
    La generazione di Facebook
    Facebook usato per generare delle vere classi virtuali e far sentire sempre la vicinanza dell’insegnante
    17/03/2011
    15
  • 16. I più bravi e la classe virtuale
    Il campus free Dokeos come ambiente di confronto e scambio di materiale per corsi d’eccellenza
    La sua applicazione nella realtà scolastica sia curricolare sia extra curricolare
    Gli studenti eccellenti si sentono valorizzati al massimo in ambienti di questo tipo
    17/03/2011
    16
  • 17. La piattaforma Moodle e l’insegnamento della matematica
    www.luipasini.eu/moodle
    Condivisione delle risorse didattiche
    Spazio per le domande al docente con attività asincrona
    17/03/2011
    17
  • 18. Videolezioni preparate dal docente o tratte dalla rete
    Ascolto delle spiegazioni perse o riascolto di concetti non chiari
    Possibilità di verifiche in rete con valutazione immediata o differita
    17/03/2011
    18
  • 19. Condivisione delle risorse di rete mirate
    Possibilità di inserire fra le risorse, apposite pagine web con i migliori tutorial tratti dalla rete
    17/03/2011
    19
  • 20. Podcastgenerator e la possibilità di realizzare podcast didattici
    Realizzazione di prodotti effettuata in classe
    Abituare gli alunni a parlare costruendo prodotti didattici di qualità
    La valorizzazione dei risultati ottenuti come prove orali
    17/03/2011
    20
  • 21. Altri ambienti di sharing
    Slideshare
    Youtube
    Teacher tube
    Blip TV
    17/03/2011
    21
  • 22. Presentazioni e prodotti multimediali
    Realizzazione da parte dei più bravi di MP3 con spiegazioni
    Realizzazione da parte dei più bravi di presentazioni da mettere in comune su slideshare
    La mia esperienza su www.luigipasini.it
    17/03/2011
    22
  • 23. Tip Cam per la realizzazione di filmati didattici
    Sofware gratuito
    Facilità di utilizzo
    Facile realizzabilità di filmati con utilità didattica
    17/03/2011
    23
  • 24. Il canale di Youtube
    Inserire tutorial didattici costruiti con Tip Cam
    Interagire con gli utenti avendo il polso della situazione
    Possibilità di trasferire, attraverso il codice embed, i filmati in altri ambienti quali piattaforme moodle o siti costruiti con CMS
    17/03/2011
    24
  • 25. Teacher Tube
    Un Youtube solo per docenti
    Innumerevoli filmati a sfondo didattico di vario genere
    17/03/2011
    25
  • 26. Un canale WEB con Blip TV
    Possibilità di realizzare mini trasmissioni didattiche con Web Cam
    Possibilità di interagire in diretta con gli studenti
    Stimolare l’apprendimento della materia con strategia innovativa e familiare al mondo dello studente
    17/03/2011
    26
  • 27. E quando i bravi sono la maggioranza della classe ?
    Esperienza pluriennale di inserimento delle Certificazioni Informatiche avanzate nel programma di Matematica curricolare
    ECDL Advanced AM4 – Foglio Elettronico in Matematica e Laboratorio del Corso Igea e in Matematica e Informatica del Corso Turistico
    17/03/2011
    27
  • 28. Competenze statistiche per i futuri studenti di Economia
    Classe Terza: dalle medie alla regressione lineare
    Classe Quarta: dal Teorema della somma alla Distribuzione Esponenziale Negativa
    Classe Quinta: dagli stimatori ai test d’ipotesi
    17/03/2011
    28
  • 29. CONCLUSIONI
    Un modo nuovo di fare scuola in un mondo che cambia ci aspetta
    Più ci avviciniamo agli alunni più aumentano le gratificazioni
    17/03/2011
    29