il Giornale                                                                                                               ...
2 IL FATTO                                                                                                                ...
Lunedì 13 febbraio 2012 il Giornale                                                                                       ...
4 IL FATTO                                                                                                                ...
Lunedì 13 febbraio 2012 il Giornale                                                                                       ...
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Giornale 13-02-2012
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Giornale 13-02-2012

2,366 views
2,257 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,366
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Giornale 13-02-2012

  1. 1. il Giornale del lunedì 20213 9 771124 883008 LUNEDÌ 13 FEBBRAIO 2012 Direttore ALESSANDRO SALLUSTI Anno XXXII - Numero 7 - 1.20 euro G www.ilgiornale.it MACCHÉ AUSTERITÀ I FINTI TAGLI DI RE GIORGIO Il Quirinale annuncia risparmi per 60 milioni. Eppure il Colle costa ancora il doppio dell’Eliseo E intanto Atene brucia: assedio al Parlamento contro il piano lacrime e sangue di Alessandro Sallusti LE STRATEGIE DEL PDL L a notizia è stata battuta ieri pomeriggio dalle agenzie di stampa in modo assolu- tamente inaspettato: il Quirinale rispar- mia e il suo costo torna a essere quello del 2008, cioè 245 milioni all’anno. La notizia, per la verità, è vecchia di sette mesi (fu annunciata nel Passera, primarie e Formigoni: luglio scorso) e la domanda è: come mai Napolita- no sente l’esigenza di spacciarla come nuova in una tranquilla e normale domenica pomeriggio di febbraio? Probabilmente la risposta è che quella che si apre oggi non è una tranquilla settimana di GRANDI MANOVRE febbraio. Al pettine arriva infatti la questione del- l’articolo 18, la riforma del mercato del lavoro, che èloscogliosulqualeilgovernoMontirischiailnau- fragio come uno Schettino qualsiasi. Così Giorgio le verità di Alfano Il segretario del Pdl Angelino Alfano, Corrado Passera (a sinistra) e Roberto Formigoni Napolitano, come il comandante De Falco, dalla Fabrizio de Feo salaoperativalanciaordiniegestisceleoperazioni disoccorso.Primafratutteconvincerelariluttante Roberto Formigoni, con una intervista a Repubbli- Camusso (e la sinistra tutta) a non fare barricate e ca, lancia un sasso nelle acque del Pdl e apre alla non far scendere il Paese in piazza. Secondo alcu- possibilitàcheCorradoPasserapossaesserecandi- ne voci di palazzo,cisarebbe addirittura Napolita- datoalleprimariediViadell’Umiltà.AngelinoAlfa- no in persona dietro (e forse dentro) l’incontro se- no, il segretario, non si tira indietro: «Il candidato greto, svelato ieri da la Repubblica, che Monti premier sarà scelto attraverso le primarie», dice. avrebbe avuto nelle scorse ore con la leader della «Iononhodecisosecandidarmiperchépensoafa- Cgil. re bene il mio lavoro di segretario. Passera potrà Forse perquesto il Quirinale, che susacrifici e ri- candidarsisesiiscriveràalPdleparteciperàalladi- sparmi ha una coda di paglia lunga chilometri, ha namica democratica del partito». Poi si conce- sentito il bisogno di riaffermare la sua propensio- deun’avvertenza:«Sconsiglioatuttidicandi- ne al virtuosismo e alla sobrietà. Pura strategia di dare Monti». marketing, un peccato veniale benvenuto se, co- a pagina 8 me qualsiasi incontro segreto o ufficiale, servirà a Giannino della Frattina a pagina 8 schiodare il mercato del lavoro italiano. Ma, detto questo,eNapolitanononcenevoglia,nonprendia- moci in giro. Il Quirinale non ha fatto tagli e rispar- micome quelli chiestiagli italiani, semplicemente IL POTERE DELLA FINANZA LA DELUSIONE DEL TIFOSO IMBARAZZANTI LEGAMI ha rinunciato ad aumentare le spese come previ- sto e resta una reggia elefantiaca e costosissima. ReGiorgioelasuacortecostano,nonostantetutto, La dittatura della Borsa La maledizione Novara Le mail di «Repubblica» quattro volte tanto la Corona inglese, tre volte tan- fa sprofondare la mia Inter to l’Eliseo (e in Francia il presidente è anche il pre- mier di fatto), dieci volte tanto la presidenza tede- ha sconfitto la politica di Enrico Ruggeri al tiranno siriano Assad sca, con il doppio dei dipendenti del re di Spagna e oltre il doppio di quelli della Casa Bianca. di Magdi Cristiano Allam L’unica consolazione è la faccia Luciano Gulli Insomma, se tagli sono stati fatti, gli effetti pro- da D’Artagnan di «Mondo», in prio non si vedono. E poco tranquillizza il fatto che L’Italiasottomessaaunadittatura?Adirlononso- piedidavantiallapanchina,con Chestrano,cheimbarazzantefeelingtralaRepub- nellanotadiramata ierigiàsidica che«a partiredal no più solo gli oppositori del governo Monti, ma i unsorrisodolce.LastoriadiEmi- blica e il sanguinario regime di Bashar al-Assad. Che 2014ilfondodidotazionenonpotràessereulterior- suoistessisostenitori,apartiredaConfindustria.Or- liano Mondonico almeno (...) salamelecchi, e che inchini. Tutto è iniziato quando mente bloccato». Scusi presidente, ma dimezzare mai il concetto di «dittatura», riferito all’ambito fi- segue a pagina 31 un blog italiano ha pubblicato le affettuose mail di invece, di peso, organici e costi è chiedere troppo? nanziario, ha assunto una connotazione positiva. Pisoni e Signori alle pagine una giornalista con l’addetta stampa di Assad. 30 e 31 Cesaretti, Cramer e Scafi alle pagine 2 e 3 a pagina 5 a pagina 15 L’articolo del lunedì di Francesco Alberoni Addio al posto fisso? Si comincia a scuola stra scuola, salvo eccezioni, non riesce a dare. SonopochelescuoletipoquelladiCucinaItalia- naAlma,icuidiplomatitrovanolavorodapper- Q uandoMario Monti dicechespostarsi, de- ta ma dovrà sempre cambiare e in futuro più nessunoavràunpostofissopertuttalavi- nia,adattandosiailavoripiùumili.L’unicoperi- odoincuiè statapossibileuna mobilitàinterna è stato quello del boom economico degli anni tutto.Perfortunamoltigiovaniuniversitaristu- diano all’estero e vi fanno stages, ma sono una minoranza.Se vogliamomuovercinel mercato scrivesemplicementegliStatiUniti,dovelagen- ’50-60doveventimilionidiuominiedonnehan- mondialedellavorodobbiamofarecresceretut- tevienelicenziataesispostadallacostaatlanti- nolasciatolacampagnaperlacittà,dimostran- ti. Io mi sento male quando vedo mille giovani caaquellapacifica,dalgelodell’Alaskaalcaldo do di non essere certo lenti e pigri. fare un concorso per dieci posti da vigile urba-SPEDIZIONE IN A.P. - D.L. 353/03 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) - ART.1 C.1, DCB-MILANO diPuertorico dovunquecisiano opportunità.E Con la mondializzazione, teoricamente, il no, e vorrei che questi stessi ragazzi potessero lo stesso avviene nel Commonwealth dove un mercato del lavoro è enormemente cresciuto, partecipareancheaiconcorsiinFrancia,inGer- ’’ Per formare giovaneche non trova lavoro aLiverpool lo tro- va in India o in Sud Africa o in Australia. Questi due sistemi, unificati dalla lingua e dalla cultu- ma gli italiani non possono e non vogliono più fare lavori dequalificati perché questi sono già copertidamilionidilavoratoriasiaticiedafrica- mania, negli Usa e mandare i loro curriculum dovunque. Ma per riuscirci non bastano certo le nostre*FATTE SALVE ECCEZIONI TERRITORIALI (VEDI GERENZA) i lavoratori ra,costituisconounimmensomercatodellavo- ni. Per lavorare nel mercato globale come im- laureebrevi.Occorrerebberograndiscuoletec- «mobili» roperiproprimembri.Mal’Italia,invece,èsem- prenditori occorre fare prodotti originali, in niche che concordano i programmi formativi servono prestataunpiccoloPaeseconunalinguaparla- concorrenzaconPaesiabassissimocostodima- con le imprese nazionali e internazionali con competenze tasolodaisuoiabitanti.Diconseguenza,milio- nodopera.Eperaffermarsiefarecarrieraoccor- stages e contratti già assicurati. Un sogno? For- più moderne ni di italiani sono emigrati come stranieri negli re conoscere l’inglese in modo perfetto e avere se, ma anche una direzione da prendere al più Stati Uniti, in Argentina o in Belgio o in Germa- dellecompetenzeteoricheepratichechelano- presto.
  2. 2. 2 IL FATTO Lunedì 13 febbraio 2012 il GiornaleLE MANOVRE DEL QUIRINALE il retroscena Duello governo-Cgil nel chiedere concertazione. An- di Massimiliano Scafi che una concertazione «al nero», Roma cioè per interposto governo? Il Colle nega interventi, Palazzo Chigi, come abbiamo visto, nega Napolitano fa il regista pure che sia avvenuto l’incontro. Rimane, dall’ottica del Quirina- le, il bisogno di fare urgentemen- tedellescelte.«Ilgoverno-parole anche sull’articolo 18 di Napolitano - può proporre e adottare decisioni necessarie, benché talora controverse, osti- che,persinoimpopolarisenzaes-A lla Cisl ne sono tutti con- sere condizionato da vincoli di vinti. «Sotto - dicono - c’è la regia di Napolitano». È Il presidente teme che le riforme possano scatenare tensioni di piazza convenienzapartiticaedelettora- le».stato lui, giurano, a mettere Ma-rioMonti e Susanna Camusso se- Per questo è già sceso in campo e chiede di trovare «soluzioni urgenti» E le forze sociali devono fare la loroparte«conresponsabilità».Ilduti allo stesso tavolo. È merito sindacalisonocoinvolteinunadi- impegnato in una navigazione beramente, ma senza rigide pre- Welfare del secolo scorso, in unodel Capo dello Stato, scrivono scussione, qualcuno la chiama moltorischiosa.Da unlato,non è giudiziali,battutesferzantiecon- scenario globalizzato, ha fatto ilmolti militanti su Twitter, se l’ac- negoziato con il governo. Confi- il caso di fare inchini. Dall’altro, è trapposizioni semplicistiche». suotempo.Lecertezzeelegaran-cordo sull’articolo 18 adesso ap- dochesiconcluderàconunaccor- fuori tempo massimo arroccarsi L’avvertimentoeradirettoallaCa- zie di una voltavanno riviste. «Ri-pareaportatadimano.DalQuiri- do». E se proprio non si stringerà informedisindacalismoottocen- musso,cheavevaappenarilascia- spettoaglianni’70e’80eallescel-nale però nessuna conferma. Il un patto, il capo dello Stato spera tesco. to una dura intervista sull’argo- tefatteallora-haspiegatoNapoli-presidente, si precisa, non entra almeno di non vedere scene di IlpressingsullaCgilduradadi- mento. Non è davvero il momen- tanoincontrandogliimprendito-certo nel merito di questi proble- guerrigliaurbana, comequelledi versimesiedelresto,comelapen- to di polemizzare, piuttosto ri che hanno investito in Roma-mi.Edelrestononènemmenosi- Piazza Sintagma ad Atene. «Noi siil presidente sul mercato della- «ognuno pensi ad assumersi le nia - il mondo oggi è un’altra co-curo che il premier e il segretario non siamo la Grecia. Mi auguro voroè abbastanza chiaro. Stiamo proprie responsabilità». Il presi- sa, è radicalmente cambiato e indellaCgil si sianorealmente visti. che contro queste misure non ci attraversandounacrisieconomi- dente teme insomma che la cura uncerto senso tutto va rimesso in Così sul campo restano un in- sia una protesta, seppur ordinata caefinanziariagravissima,hadet- da cavallo che Monti sta prescri- discussione. La riflessione devecontrosegreto,duesmentitediri- e legittima, né tantomeno delle toil20dicembredurantegliaugu- vendoalpazienteItaliapossaave- portareacomportamentiadegua-to da Palazzo Chigi e da Corso contestazioni che escono dal sol- ridiNataleconlealtecarichedel- re delle ripercussioni sociali. Lui ti alle prove che abbiamo davan-d’Italia e la sensazione che l’inte- codellalegalitàechenonpotreb- loStato,«ilnostroPaesecorreseri stesso, giorni fa a Bologna, ha su- ti».sa sia davvero vicina. E il Colle? bero essere tollerate». rischieapparenecessariaun’am- bito la pesante contestazione de- Servequindiunnuovopattoso-Qual è il suo ruolo? Regista, forse E al di là del giallo irrisolto sul- pia convergenza attorno a scelte glistudentiindignatieilrischiodi ciale:ilcompromessosull’artico-ètroppo.Ispiratore,sicuro.Saba- l’incontroMonti-Camusso,rima- difficili e impegnative». schiamazzidavantiaPalazzoChi- lo 18 potrebbe esserne l’antipa-to da Helsinki Giorgio Napolita- ne il forte impegno del Colle a Quanto poi all’articolo 18, oc- gi è alto. sto.«Inquestomomentooccorro-no è stato chiarissimo: «Le forze spianare le acque ad un governo corre ridurre i toni: «Si discuta li- Per questo Napolitano insiste no obiettività ed equilibrio». il caso L’indiscrezione: più vicino un compromesso sul WelfareGiallo sul vertice segreto Monti-CamussoFrancesco Cramer Per «Repubblica» c’è stato un incontro tra il premier e la leader CgilRoma Il lavoro si tinge di giallo.Tutta colpa di Repubblica che ieri Smentite ufficiali, ma i partiti si scontrano sulla «trattativa nell’ombra»apriva il giornale con la notizia diunincontrosegretotraMontieCa- siaimonitibenaugurantidiNapoli- mussoeMarioMontisieranoinfat- schia di far saltare la trattativa? E ilmusso. Un’indiscrezione che ha tano. Il primo, due giorni fa dagli ti incontrati nel novembre scorso quotidianodiEzioMauro?Logica-provocato un putiferio politico- Usa,sieradettoconvintocheunac- al momento della formazione del mentehaconfermatotuttoquantosindacale con annesse smentite cordo si sarebbe trovato; il secon- nuovo governo». scritto perché rivelato da «fontesiadapartedipalazzoChigi,siada do,incontemporaneadaHelsinki, Maè ilsindacato dellaCamusso certa».parte della Cgil. L’indiscrezione e aveva auspicato una sintesi con le che,viaTwitter,hadatosfogoatut- In ogni caso anche le altre siglela successiva piccata rettifica ren- sindacali non l’hanno presa bene:debeneilclimaroventeconilqua- partisociali.Tuttofatto,quindi?In mattinata una nota congiunta di talasuairaneiconfrontidellarico- struzione: «L’incontro segreto è «Speriamo sia vero l’incontro se- LA NORMA DA CAMBIARElesistaaffrontandoiltemadellari- palazzo Chigi e Cgildefiniva come una grave invenzione. Qualcuno gretotraCamussoeMonti-ironiz- COSA PREVEDEformadelmercatodellavoro.Ilno- panzanalaricostruzionediRepub- vuol far saltare il confronto? Chi zala Cisl-.Efasorridereche taluni LARTICOLO 18doprincipalerestaquellodell’arti- blica:«Nonvièstatonessunincon- vuoleforzarelamano?Noinonsu- discutano sottobanco quello checolo 18, costante tormentone che tronécolloquio-hannoassicurato biremopressioniimproprieeleno- altrifannosottolalucedelsole».In- Obbligo di reintegro del lavoratorenessungovernoèmairiuscitoaso- in due -. Peraltro se tale incontro stre posizioni sono note e strano- somma,unputiferiocheforsenon licenziato senza giusta causapire.«Nonèuntabù»,hasempreri- fosse avvenuto, non sarebbe stato te».QuindilaCamussostatrattan- aiuteràafarsìchesitroviunaccor-petuto Monti; «Nessuno lo toc- ilprimofacciaafaccia.SusannaCa- do nell’ombra e la luce accesa ri- donelladifficiletrattativachemer-chi»,hasempreribattutolaCamus- Si applica alle aziendeso. A meno che... con più di 15 dipendenti Ed ecco il racconto di Repubbli- REAZIONIca che, vero o presunto non è dato La Cisl ironica: speriamo Il lavoratore licenziato può appellarsi al giudicesapere, è una specie di bomba sia tutto vero, almeno e ottenere il reintegro nel posto di lavoroscoppiata ieri con tutto il rumore ATTIVISMOdel caso. Secondo largo Focchetti discutono sottobanco... SoprailpremierelaleaderdellaCgilsisa- GLI OCCUPATI il presidenterebbero incontrati in gran segreto coledìavràunnuovoround.Dopo- IN ITALIA della Repubblica, 0c.u9a88prima che Monti partisse per gli domani,infatti,alministerodelLa-StatiUniti.Sultavolounatrattativa vorocisaràunincontroconleparti Giorgio .T5ta1 oc pdurissima proprio sull’articolo 18, sociali. ti Napolitano,terminata con un compromesso:lanormacheregolailicenziamen- Maancheipartitisidividonoda- vanti alle indiscrezioni. Se per il 7o le 86 anni, eletto capo 1ti senza giusta causasarebbe salva presidentedeisenatoridelPdlGa- 11 dello Stato il 10ma soltanto un po’. Insomma, la sparril’incontroè«unsotterfugio» Lav ora. maggio 2006. Il bilancio 89ri dipCamusso starebbe per cedere un capace soltanto di «complicare le t o di previsione 8.5endentipochinorispettoallesueposizioni cose», per il pidiellino Giulianointransigenti.In pratica ci sarebbe Cazzola, nel merito, l’accordo sa- del Quirinale 15unpallidovialiberadellaCgila«so- rebbe positivo. Cauti anche dalla per il 2012spendere»latutelaperqualchean- parte del Pd che con l’onorevole è di 228no (tre o quattro) nei confronti del Giacomo Portas valutano come milioni di eurolavoratore precario, tramutato in positivo il vero o presunto faccia a A sinistrastabile.Inoltresistarebbevalutan- faccia: «Non mi spaventano gli in- il leader In ti en zi della Cgil, ado un’interpretazione meno rigi- contrinésegretinéallalucedelso- en en d de Foda del principio della giusta causa le». Chi vuol vederci chiaro, inve- con p ip Susanna i 15 d nte iù d 7.7 9 0.4 2 9 Camusso :da parte dei Tribunali del lavoro. ce,èDiPietro:«Chiedoun pubbli- Cg di iaVero? Falso? Alla luce delle indi- co confronto tra il direttore di Re- M es tre [Ansa escrezioni calzerebbero a pennello pubblica e il premier. Chi dei due Lapresse]sia l’ostentato ottimismo di Monti mente?». ANSA-CENTIMETRI
  3. 3. Lunedì 13 febbraio 2012 il Giornale IL FATTO 3 Re Giorgio si vanta dei tagli alle spese ma la sua reggia è la più cara al mondo Gli annunci in clima austerity della presidenza della Repubblica: risparmiati 60 milioni in 5 anni Esborsi congelati, eppure con 228 milioni a bilancio il Quirinale costa ancora il doppio dell’Eliseo Laura Cesaretti nota illustrativa pubblicata online sul sito 2006di394unità.«Nelcorsodel2011-sileg- garantitoalloStatounrisparmiocomplessi- del Quirinale. La dotazione a carico del bi- gesulsitoquirinalizio-sièavutaunaulterio- vo di oltre 60 milioni di euro a tutto il 2011. Roma Sessantamilionidieuroinmenoabi- lanciodelloStatoperlapresidenzadellaRe- reriduzionedi20unitàdelpersonalediruo- Un bel passo avanti. Anche se resta ancora, lancio, spese ferme al 2008, diminuzione pubblicaèdi228milionidieuro,pariaquel- lo (da 843 a 823) mentre è rimasto stabile neicostidelleistituzioniitaliane(chesitrat- progressiva del personale: il Quirinale ren- la del precedente esercizio finanziario, che l’ammontare sia del personale comandato tidiParlamento,CorteCostituzionaleodel- depubblicoilsuo budget,e siallineaall’au- era già inferiore di 3 milioni e 217mila euro (103unità)siadelpersonalemilitareedelle l’ultimobaracconeregionale)un’elefantia- sterity dell’era Monti. Più che tagliando, rispetto a quella del 2009. Forze di polizia (861 unità)». sisconosciutaadaltripaesi,edifficiledaero- congelando gli esborsi. Sostanzialmente, si sottolinea, è rimasta Cresce invece, sia pur di soli 300mila eu- dere. Un rapporto che risale al 2000 (come I costi della presidenza della Repubblica pari a quella del 2008, nonostante l’8,4% di ro, la spesa per «beni e servizi». Ma qui, si racconta la premiata ditta Stella&Rizzo de restano monumentali, soprattutto messi a inflazione.Unrisultato,spiegailsitodelQui- spiega, oltre all’incremento dell’inflazione La Casta) metteva a confronto il Quirinale confronto con i budget di altre istituzioni rinale,possibile«grazieadunaseriediprov- e all’aumento dei tributi fiscali, c’è anche conalcuniequivalentieuropei.Conrisulta- equiparabiliinEuropa(dall’EliseoallaCor- vedimentidiriformaeriorganizzazioneam- unabuonaragione:«lespeseperlecelebra- tiimbarazzanti:«IlsologabinettodelSegre- tedi St.James), ma nel corsodel suo setten- ministrativa adottati dall’inizio del setten- zioni del 150/mo anniversario dell’unità tario generale era composto da 63 persone. natoGiorgioNapolitanohaimpostounpro- nato». L’elenco delle misure va dal blocco d’Italia e per la intensificazione degli inter- Ilserviziotenuteegiardinida115,59gliarti- gressivo dimagrimento al corpaccione bu- del turnover del personale alla progressiva venti di restauro e manutenzione, nonché gianiimpegnatinellamanutenzionedeipa- rocratico ereditato. E soprattutto sta adat- riduzione dei «distaccati»; l’introduzione alla fruizione del Palazzo del Quirinale da lazzi: tra di loro 6 restauratrici di arazzi, 30 tando anche l’ opaco regime di interna cor- anche sul Colle del regime pensionistico partedelpubblico».Unpalazzoche,nelcor- operai, 6 tappezzieri, 2 orologiai, 3 ebanisti porisdellaprimaistituzionerepubblicanaa contributivo; il blocco degli stipendi al so del solo 2011, è stato visitato da 250mila e 2 doratori. Gli operai impegnati nelle ma- nuove regole di trasparenza. A cominciare 2008; la limitazione degli straordinari. Alle persone:unveromuseoadisposizionedel- nutenzioni di Buckingham Palace sono in appunto dai bilanci, un tempo riservati ma cospicue indennità degli alti gradi, dal Se- la cittadinanza, sottolinea il Colle. tutto15. Lapresidenzatedesca,daicompiti daqualcheannoforniticondettaglicrescen- gretariogeneraleDonatoMarraingiù,èsta- Inconclusione,rivendicaGiorgioNapoli- istituzionalisimiliallanostra,avevadimen- ti.Conunaaltrettantocrescenteattenzione toapplicatoil contributodisolidarietàdel5 tano,leeconomieeitagli«autonomamente sioni molto più contenute: 160 dipendenti. alla pubblica opinione. In tempi di drastici edel 10%. Il personale siè ridottorispetto al adottati» durante il suo settennato hanno Ilpesosullecassepubblicheeradi18milio- tagli, con una difficile trattativa aperta sulla ni e mezzo di euro: un ottavo della nostra. riforma del lavoro e il temibile spettro delle Quantoall’Eliseo,ilconfrontoeraaltrettan- agitazioni di piazza in Grecia, è chiaro che SACRIFICI GIÀ NOTI MOSSA STRATEGICA to imbarazzante: nonostante il presidente Napolitanovogliadareunsegnaledibuona Riduzione del personale e Con i conti on line Napolitano franceseabbiapoteriassaisuperioriaquel- volontà:ancheilColletiraunpo’lacinghia. contributo di solidarietà dal vuole lanciare il messaggio: lo italiano, aveva 923 dipendenti. La metà Il bilancio di previsione per il 2012 è stato delQuirinale. Einfatticostava pure quasi la reso pubblico ieri, accompagnato da una 5 al 10% per gli alti funzionari tiriamo la cinghia anche noi metà». I CONTI DEL COLLE IL BILANCIO IL PERSONALE LE USCITE 228 milioni di euro 823 unità 24,2 milioni fondo di dotazione per il 2012 dell’amministrazione personale di ruolo al Quirinale la spesa per beni e servizi nel 2011 (9,7% della spesa totale) della Presidenza della Repubblica nel 2011 (nel 2010 erano 843 unità) (pari a quello dellesercizio precedente) 1,3 milioni nel 2009 era di 231,2 milioni di euro 394 unità crescita rispetto all’assestato 2011 di 300mila euro rispetto la riduzione di personale a disposizione al bilancio di previsione per il 2008, dovuti all’incremento 245,3 milioni del Quirinale rispetto al 31 dicembre 2006 del tasso d’inflazione, all’aumento degli oneri fiscali e alle spese spesa complessiva prevista dal Quirinale per il 2012 per le celebrazioni del 150° anniversario dell’unità d’Italia 103 unità LE RISORSE personale comandato e a contratto nel 2011 132,8 milioni la spesa per il personale in servizio RISPARMIATE 861 unità (53% della spesa complessiva) in calo 60,5 milioni personale militare e delle Forze di polizia rispetto al bilancio del 2011 che I risparmi conseguiti con le misure adottate distaccato al Colle per esigenze era di 136,1 milioni di euro autonomamente a partire dall’inizio di sicurezza nel 2011 (l’88,3% della spesa complessiva) del settennato di Napolitano al 31 dicembre 2011 10,9 milioni di euro Costo Quirinale 228 ulteriori risparmi conseguenti alle misure dei palazzi Casa Bianca 136,5 attuative delle manovre finanziarie adottate presidenziali dai governi nel periodo 2011-2014 in milioni di euro Eliseo 112,5lo spillo Buckingham Palace 57 La macchina Cancellierato 28 del fingo Zarzuela 8 Ohibò, adesso anche la Cgil per bocca del suo leader Su- sanna Camusso ha scoperto questa strana creatura, il «complottomediatico».Aor- chestrarlo è stato Repubbli- ca,chesidice«certa»dell’in- contro tra il sindacato e Ma- rioMonti alla vigiliadel viag- gio negli Usa del presidente del Consiglio per decidere il destinodell’articolo18.Idue interessati, come si sa, nega- no. Quindi qualcuno mente ma finge di dire la verità. È la macchina del fingo? Fonte: Presidenza della Repubblica
  4. 4. 4 IL FATTO Lunedì 13 febbraio 2012 il Giornale il dossier www.freefoundation.com RADIOGRAFIA DI UN SISTEMA IN CRISI I FALLIMENTI IL CONFRONTO CON LEUROPA LE IMPRESE FALLITE IN ITALIA NEL 2011 I GIORNI DI RITARDO MEDI NEI PAGAMENTI 122 Trentino A. A. 250 Francia Germania Spagna Regno Unito ITALIA Friuli V. G. 2008 13 14 24 18 27 9 2.613 V. dAosta Lombardia 1.122 11.615 ITALIA 2009 20 17 31 20 34 Veneto 2010 18 10 37 18 49 857 2011 18 10 39 18 53 899 Piemonte Emilia R. 398 DIFFERENZA 2009-2011 5 -4 15 0 26 Marche 235 185 VARIAZIONE % 62,5 97,5 843 Umbria 180 Liguria Toscana Abruzzo 35 49 Molise 1.215 529 -1,3 Lazio Puglia -30,2 1.008 I TEMPI DI PAGAMENTO EFFETTIVI (in giorni) 213 Campania ITALIA Sardegna 38 Basilicata 200 186 180 Francia 150 128 Germania 601 249 Sicilia Calabria 100 R. Unito 70 65 64 47 52 LE IMPRESE FALLITE PER I RITARDI NEI PAGAMENTI 49 48 50 40 36 35 24,9 25% 30% 31% % 1.800 2.350 3.400 3.600 0 su 7.238 su 9.383 su 11.319 su 11.615 -6 -5 -2 -50 2008 2009 2010 2011 2009 2010 2011 DIFFERENZA 2009-2011 FONTE: Ufficio Studi Cgia di Mestre su dati Intrum Justitia e Cerved Ecco come salvare di Renato Brunetta del debito pubblico di ogni Sta- to,esecosìfosseildebitopubbli- Quello dei ritardi di paga- co tedesco salirebbe di 17 punti mento è un vizietto che viene da percentuali. La domanda sorge lontano. Non bisogna pensare spontanea: come si nasconde il chesiasololoStatoquelLeviata- no che porta sul lastrico miriadi di piccole imprese. Anche le grandi imprese monopolistiche le imprese strangolate 17% del debito? La risposta è una: Esa95 (European System of National and Regional Accoun- ts),conilqualel’Eurostathadefi- dai ritardi dello Stato sono artefici a loro volta dell’in- nitoicriteristatisticidivalutazio- debitamentodellepiccoleazien- ne legalmente vincolanti per de, perché impongono tempi di l’Unione europea. Tale atto, che pagamentospessoinsopportabi- integra i criteri di Maastricht, li. permette di escluderedalla con- Nel caso in cui è lo Stato, invece, debitore nei confronti delle im- Il modello tedesco: più efficienza e trasparenza per risolvere tabilità del debito le passività di quegli enti che si finanziano con prese, il gioco è viziato non solo daunaperversaconvenienzare- il nodo dei mancati pagamenti della pubblica amministrazione pubbliche garanzie, ma che co- prono il 50,1% dei propri costi ciproca (il «patto implicito» per Un gioco di prestigio che non ha Montiègiàintervenuto,maside- economie europee, è uno dei con ricavi di mercato e non con cui io Stato ti pago più tardi e io spettatori divertiti, ma solo pic- ve fare di più. I 5,7 miliardi di eu- meccanismi più efficienti della versamentipubblici,tasseecon- impresa ti fatturo di più), ma an- cole imprese strangolate. roprevistidall’articolo35delDe- loro economia. La Germania tributi. che da una perversione struttu- Un intervento tempestivo è cosa creto Liberalizzazioni non sono non include nel suo debito pub- Delle due l’una: affinché la con- rale tutta italiana per la quale i prioritaria. Sulla scia di quanto sufficienti, anche se il voto favo- blico le passività del KfW, posse- tabilità del debito pubblico se- debiti contratti non possono es- fattodalgovernoBerlusconi (ar- revole della Camera di giovedì 2 dutoall’80%dalloStatoeperilre- gua parametri omogenei a livel- sere esplicitamente contabiliz- ticolo 13 della Legge di stabilità febbraio all’emendamento al- stante20%daiLaender:grazieal- lo comunitario, la Germania po- zati, pena l’emergere di un mag- che prevede l’obbligo di certifi- l’articolo14dellaLeggecomuni- la partecipazione statale questa trebbe ricalcolare il suo debito gior debito pubblico. In altre pa- cazione dei debiti da parte del- taria, che delega il governo ad banca, secondo Moody’s, Stan- seguendo i parametri standard role? Cassa apparentemente in l’ente locale per consentire alle adottareentro sei mesi uno opiù dard & Poor’s e Fitch, gode dello previsti da Maastricht, oppure ordine e competenze gonfiate. aziendedipoterscontareildebi- decretilegislativi volti arecepire stesso rating (tripla A) ricono- l’Italia,imitandoilmodellotede- Infatti i debiti contratti, allorché to in banca con maggiore facili- la direttiva comunitaria prima sciuto alla Repubblica federale sco, deconsolidare dal suo debi- esigibili, entrano nella compe- tà)edall’Unioneeuropea(Diret- del2013,rappresentaunpassag- tedesca. Ma qual è l’escamota- to pubblico i finanziamenti agli tenzadelloStato,mapoichéaifi- tiva comunitaria 2001/7/UE che gio fondamentale. ge? Il Trattato di Maastricht pre- enti locali della Cdp e il credito ni della contabilità del debito obbliga tutti, Stato e imprese, a Ma come fare, quindi, a far sì che vede che anche le passività di ta- delle Pmi verso la Pubblica am- pubblico quello che conta è la pagamenti puntuali), il governo latrasparenzadelloStatononin- lientivengano inserite nelconto ministrazione. cassa, questi debiti è come se tacchi ulteriormente il debito In fondo non appare così diffici- non esistessero. Così facendo lo pubblico? Una risposta ci viene le.Bastasoloefficienza,piùeme- Stato espone una situazione del PIÙ PUNTUALITÀ offerta dal modello tedesco. La IN GERMANIA gliodiquantononsisiafattofino- debito più rosea di quella che in Monti deve fare di più: loro Cassa Depositi e Prestiti Le passività della Cassa ra. Trasparenza, buonsenso, e realtà è. Un’ipocrisia che però l’Italia si adegui (Kreditanstalt fuer Wiederauf- depositi e prestiti non unpizzicoditecnicalitàallatede- non sfugge ai mercati che cono- bau), natainsiemealPiano Mar- sca potrebbe risolvere una volta scono perfettamente il trucco. ai tempi stabiliti dall’Ue shall per la ricostruzione delle toccano il debito pubblico per tutte il problema.
  5. 5. Lunedì 13 febbraio 2012 il Giornale IL FATTO 5SCENARI DI POTERE il commento L’esecutivo in cifre di Magdi Cristiano Allam La finanza ha sdoganato 45 IcomponentidelgovernoMon- la dittatura dell’emergenza ti: 17 ministri (Monti ha anche l’interim all’Economia), 3 vice- ministri e 26 sottosegretariL’ Italiaèsottomessaauna dittatura?Adirloesplici- tamente non sono più Non sono più soltanto gli oppositori del governo a parlare di tirannia, lo dice anche Confindustria. Questo esecutivo realizza gli obiettivi dei poteri economici globalizzati 556 SonoivotiraccoltidaMontinelsolo gli oppositori del governo giornodellafiducia alla Came-Monti, ma i suoi stessi sostenitori ra il 16 novembre. Nell’ultimaa partire dalla Confindustria. Or- I PROFESSORI fiducia sono scesi a 420maiilconcettodi«dittatura»,rife- Il governo 2013rito all’ambito finanziario, ha as- Monti al Senatosuntouna connotazione positiva. I passaggiFino ad oggi siamo stati abituati a parlamentarisacralizzare la democrazia, quale dei È la scadenza naturale dell’at-depositaria dei valori e dei diritti provvedimenti tualelegislaturae-perammis-fondamentali della persona, e a dell’esecutivo sione del premier - dell’espe-condannarequalsiasiformadidit- sono diventati rienza del governo Montitatura proprio perché l’opposto una sorta di formalità. Il 2.400dellademocrazia.Daquandoconuncolpodistatofinanziario,sotto sostegnoil bombardamento incontenibile bipartisan,della speculazione che si traduce infatti, fa sì che Gliemendamentidepositatiinnel tracollo della Borsa e nell’im- vengano commissione Industria al Se-pennata dello spread e il colpo di approvati senza nato da tutti i partiti sulle libe-graziadellacrescitaillimitatadel- variazioni, ralizzazionil’indebitamento pubblico, è stata perché necessari. 1.000commissariatal’interaclassepoli- Insomma, si è creata unaCOMMISSARIAMENTO sorta di Imiliardi di euro didebito pub-Parlamento e partiti dittatura della blicoinmanoainvestitoristra- finanza sullasostituiti da tecnocrati politica nieri. Il rapporto debito/Pil ita- liano sfiora il 120%che impongono riforme [Ansa]tica in Grecia e in Italia imponen- bianco che - a prescindere dal lo- i poteri finanziari globalizzati. La le scelte che faranno i partiti an- grandemanovratoredelladittatu- governo.doalverticedelpotererappresen- roorientamentopolitico-dovran- nuova dittatura finanziaria sem- cheadispettodiiniziativechepo- rafinanziaria,sonosicuridelfatto A Helsinki Napolitano ha assi-tantigraditiaipoterifinanziariglo- nocondividereanchenellaprossi- plifica l’attività del governo per- trebberoapparireconflittuali.Or- cheilParlamentosièridottoador- curatochecisaràl’accordoanchebalizzati, solo poche voci hanno ma legislatura la drastica mano- chésièanticipatamentecertidel- mai sia Monti sia Napolitano, il gano avallante delle decisioni del sullariformadelmercatodellavo-pubblicamente denunciato la vrachecontemplailtagliodeisala- ro «perché non è interesse né delnuova dittatu- riminimi,delle Paesenédeipartitirovesciareilta-ra. pensioni, dei volo».Ei2.400emendamentipre- Il fatto che si posti di lavoro sentati al disegno di legge sulle li-tratta di espo-nenti politici,economici, fi- 1.900 nelsettorepub- blico,dellespe- se della Sanità, beralizzazioni? Il leader dell’Udc Casinisostienechepotrebberoes- sere ritirati tutti! E candida Montinanziariointel- L’ammontare del debito Stato sociale e a capo del governo che guideràlettuali ostili a pubblico italiano, in mi- Difesa. Si sten- l’Italiadopoleelezionidel2013in-Papademos e a liardi di euro, alla fine del ta a credere dicatodalnuovo«Partitodegliita-Monti, ha fatto dicembre 2011 che il commis- liani»chepotrebbe(ilcondiziona-chesìchelade- sariamento si le è d’obbligo visto che è dal 2007nuncia della spinga al pun- che propone un nuovo soggettodittatura finanziaria fosse taccia- to da vanificare di fatto il valore politicodicentroconunnuovono-tacomefaziosaoquantomenodi- stessodelleelezionichedefinisco- me) diventare addirittura il parti-scutibile. Ma dallo scorso sabato no gli equilibri interni alla demo- to di maggioranza relativa. D’al-11 febbraio con la pubblicazione crazia, imponendo anticipata- tro canto se anche ai partiti che indiunfondosullaprimapaginadel mente la maggioranza che gover- Italia sostengono l’attuale gover-Sole 24ore, l’organo della Confin- nerà il Paese e vincolando i partiti no, così come sta avvenendo industriacheèschieratoinprimali- che ne faranno parte a far proprie Grecia, verrà chiesto alla vigilianea a sostegno di Monti, dal titolo delledecisioniche,daunlato,sta- delleelezionidisottoscrivereanti-«La dittatura dell’emergenza» a biliscononeiminimidettaglilavi- cipatamente l’insieme della ma-firma di Carlo Bastasin, il concet- tadeicittadiniridottaallimitedel- novra ispirata dai poteri finanzia-todi «dittatura» è stato sdoganato la sopravvivenza per volontà dei riglobalizzati,chimegliodiMontiuscendodalconod’ombraedalla banchieri e, dall’altro, annullano potrebbe garantirne l’esecuzio-dimensionedeldubbioperassur- qualsiasi differenza o dialettica ne? Gli Stati e le banche stranieregereallalucesplendentedellave- ideologicaosemplicementepoli- creditrici hanno ragione: esigonorità positiva e della necessità co- tica. Ed è proprio qui che si tocca dellesolidegaranzieperilriscattostruttiva. conmanolarealtàdellanuovadit- deglioltremillemiliardidieuroin- L’editorialista legittima il con- tatura finanziaria. vestiti nei nostri buoni del Tesorocetto della «dittatura dell’emer- Ebbenelostessostaaccadendo echecorrispondonoacircalame-genza» rapportato alla situazione inItalia.Ilcommissariamentodei tà del nostro indebitamento pub-inGrecia,scanditadagliscontridi partiti e del Parlamento è implici- blico. Ma chi, come, dove, quan-piazzae le dimissioni nel governo toanchenellarecentedichiarazio- do e perché si è indebitato? Nonmentreil Parlamento siappresta- nediMonti secondo cuiilproces- importa! L’unica certezza è chevaavotarela manovrafinanziaria so delle riforme è «irreversibile» noiitalianisiamocondannatiafa-imposta dalla troika Ue, Bce e perché i partiti che lo sostengono re sacrifici per ripagare questi de-Fmi. Ma ci spiega anche che dal «non hanno alcun interesse a biticontrattidaunoStatodissipa-momentoche«Atenerimarràsot- smantellare le misure visto che il tore, corrotto e inefficiente.to la tenda ad ossigeno per anni» costopoliticovienepagatodaque- Siccomeè presumibileche nonperchénel2020ildebitopubblico stogoverno»!Sarebbecomeadire lofaremmovolontariamenteeal-resterà al 135% del Pil, «i partner cheio,Monti,faccioillavorospor- legramente, allora è meglio met-europei chiedono ai partiti greci cocheipartitinonpossononévo- terciilbavaglio e la camiciadifor-di impegnarsi formalmente a ri- gliono fare perché si tradurrebbe za. Si chiama dittatura. Ma non èspettare le condizioni anche do- nella loro bocciatura alle urne, piùunaformadigovernodepreca-po le elezioni generali di aprile». quindiposso staretranquillo per- bile. All’opposto è positiva e co- Sichiedecioèaipartitichecom- chétantoiononsonostatonéelet- struttivaperchérealizzagliobietti-pongono la maggioranza che at- to né intendo rispondere del mio videi poteri finanziariglobalizza-tualmente sostiene l’ex governa- operatoaglielettori dalmomento ti. Viva la dittatura!toredellaBancacentralegrecaPa- che i miei mandanti e i miei inter-pademos,disottoscriverenerosu locutorinonsonogliitalianibensì twitter@magdicristiano

×