• Like
  • Save
Social network per i progetti europei di mobilità
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Social network per i progetti europei di mobilità

on

  • 258 views

come utilizzare i social network per documentare i progetti europei dei docenti? Come valorizzare i risultati della propria didattica a livello nazionale e internazionale? Come valorizzare la qualità ...

come utilizzare i social network per documentare i progetti europei dei docenti? Come valorizzare i risultati della propria didattica a livello nazionale e internazionale? Come valorizzare la qualità della scuola nel suo insieme nel web 2.0?

Statistics

Views

Total Views
258
Views on SlideShare
257
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

1 Embed 1

https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Social network per i progetti europei di mobilità Social network per i progetti europei di mobilità Presentation Transcript

    • Lorenzo Mentuccia, Agenzia LLP Italia Roma, 24/10/2013
    • Erasmus+ = nuovi compiti per le Agenzie Nazionali Disseminazione e utilizzo dei risultati per: • Supporto ai beneficiari • Selezionare buone pratiche e renderle visibili negli stakeholders e decisori politici Informazione e promozione di tutte le azioni del Programma
    • Da destinatari di un procedimento amministrativo ad attori attivi a supporto dei nuovi obiettivi di comunicazione • Promozione e informazione. Beneficiari come «ambasciatori» e moltiplicatori di esperienze a più livelli • Monitoraggio. Beneficiari come riferimenti per feedback verso l’Agenzia sulle azioni del Programma (flusso bottom up)
    • • I progetti dei programmi di mobilità europea sono soprattutto esperienze • Esperienza è contenuto: valoriale, simbolico e informativo • Contenuto (senso e informazioni) + interiorizzazione altrui (interpretazione del processo comunicativo) • Il processo comunicativo sta alla base della costruzione di credibilità e riconoscimento, e quindi fiducia Principio valido per qualsiasi ambito strategico relativo alla diffusione di nuovi comportamenti/pratiche, anche per i Programmi di mobilità Europea
    • Contenuto originario Senso (valori, identità) Informazioni (attività, news) Condivisione Contenuto condiviso Integrato sulla base delle singole esperienze Valore dell’ascolto (comunicazione bidirezionale-attiva, dialogo, scambio, partecipazione) Patrimonio di conoscenze/esperienze condivise Capitale relazionale
    • 2/3 delle informazioni che raggiungono gli utenti sono virali, attraverso i social Web da reti di contenuti a reti di relazioni, relazioni, per la gestione della crescente quantità di informazioni online (fiducia)
    • Visibilità e immediatezza Diffusione informazioni a livello globale, in modo veloce, immediato e sostenibile; Sfruttare le potenzialità delle nuove tic e il web 2.0 per dare informazioni multimediali. Mantenere e rafforzare le relazioni Facilitare il mantenimento delle relazioni della community di persone che hanno contribuito al progetto Creare valore dall’esperienza del singolo attraverso un patrimonio condiviso Facilitare la nascita di nuove opportunità/sviluppi/relazioni Monitoraggio dei risultati Per misurare il livello di gradimento del proprio progetto, dei suoi risultati, in fase di valutazione (feedback)
    • • Nel 2009 boom di Facebook in Italia • 35 mln italiani su Internet, di questi 24 milioni su FB (1,1 miliardi nel mondo), 17 mln accedono al giorno • 36% di età tra i 35 ai 55 • Seconda metà del 2011 boom in Italia • Nel 2012 + 50% • Oggi 4,5 milioni di utenti attivi in Italia (nel mondo 200 milioni) * Dati Wired, 2012
    • Richiesta di continuità (tempo + energie) Richiesta di pianificazione coordinata e integrata Definizione di obiettivi, target e tipologie di canali Definizione attività (frequenza, durata, intensità, monitoraggio) Definire compiti e ruoli tra i partner di progetto
    • Blog (Wordpress/Blogger) Social networking (Facebook, Google +, LinkedIn) Microblogging (Twitter) Media sharing (YouTube, Vimeo, FlickR, Picasa) Online content curation (Storify, Scoop.it, Paper.ly) Slide repository (Slideshare)
    • Blog -> facilità di creazione e gestione; gestione multi-autore; plugin e widget 2.0 Social networking -> grande popolarità, possibilità di creazione gruppi o pagine, monitoraggio Microblogging -> aggiornamento costante e veloce, interazione con influencers, alta condivisibilità con menzioni, retweet e hashtag. Canale di comunicazione in tempo reale (eventi) Media sharing -> archiviazione online, diversi livelli di accessibilità e condivisione, grande impatto Online content curation -> selezione di contenuti su specifici argomenti o tematiche (esperienze, notizie); aggiornamento continuo; aumento di credibilità; qualità di informazione e fiducia delle audinces; utili nel post evento Slide repository –> possibilità di condivisione di presentazioni
    • I social network nascono per incoraggiare gli utenti a condividere materiali in rete Automaticamente licenza gratuita all’utilizzo e alla diffusione del materiale, fino alla nostra cancellazione. La proprietà, e la responsabilità sul materiale sono di chi ha inserito il contenuto Ogni social network ha specifiche regole sulla tutela del diritto di autore Le norme sulla privacy e sul diritto d’autore impongono di rispettare alcuni adempimenti (acquisizione del consenso, informativa sul trattamento dei dati…)
    • PER INFO: l.mentuccia@indire.it