TOMMASO D’AQUINO VITA, OPERE E PENSIERO
TOMMASO D’AQUINO:CHI FU??? <ul><li>San Tommaso D’Aquino(Roccasecca, 28 gennaio 1225 – Fossanova, 7 marzo 1274) è stato un ...
LA VITA DI TOMMASO Gli inizi <ul><li>Tommaso nacque nella famiglia dei conti d'Aquino (di nobiltà longobarda), a Roccasecc...
LA VITA DI TOMMASO Svolgimento e morte <ul><li>Nel 1244, affascinato dall'ordine dei predicatori, decise di farsi domenica...
IL PENSIERO La ragione e la fede <ul><li>Per conoscere Dio, che supera la comprensione della ragione, non basta la sola ri...
IL PENSIERO Dio come vero fondamento <ul><li>Il progetto di Tommaso di servirsi della logica aristotelica pone la necessit...
IL PENSIERO Le cinque vie <ul><li>San Tommaso rifiuta la prova ontologica dell'esistenza di Dio che era stata proposta da ...
IL PENSIERO La prima via <ul><li>Ogni potenza è a sua volta atto di un'altra potenza, non potendo ciò procedere all'infini...
IL PENSIERO La seconda via <ul><li>I fenomeni ne causano degli altri e sono contemporaneamente causati. Poiché non è possi...
IL PENSIERO La terza via <ul><li>Le cose sono contingenti, vale a dire possibili, non necessarie, ed esistono in forza di ...
IL PENSIERO La quarta via <ul><li>Tutti gli enti finiti possiedono un grado maggiore o minore di perfezione, ne consegue l...
IL PENSIERO La quinta via <ul><li>L'universo opera secondo un fine che non è casuale. &quot;Dunque c'è un essere intellige...
LE OPERE <ul><li>--  Summa contra gentiles   --  Summa theologica   --  De unitate inellectus contra averrosistas   --  De...
FINE <ul><li>CORDIALI SALUTI DALLA CLASSE QUARTA “T” , SOPRATTUTTO DA GIACOMO DELLAFIORE, LUCA BAZZONI, LORENZO MAGGI, FRA...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Tommaso D’Aquino

1,987
-1

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,987
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
44
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Tommaso D’Aquino

  1. 1. TOMMASO D’AQUINO VITA, OPERE E PENSIERO
  2. 2. TOMMASO D’AQUINO:CHI FU??? <ul><li>San Tommaso D’Aquino(Roccasecca, 28 gennaio 1225 – Fossanova, 7 marzo 1274) è stato un filosofo e teologo italiano della scuola scolastica, definito Doctor Angelicus o Doctor Universalis dai suoi contemporanei. Rappresenta uno dei principali pilastri teologici della Chiesa cattolica, che lo venera come santo, lo considera Dottore della Chiesa e lo festeggia il 28 Gennaio. La Chiesa luterana lo ricorda invece l’8 marzo. Egli è anche il punto di raccordo fra la cristianità e la filosofia classica, che ha i suoi fondamenti e maestri in Aristoltele, Platone Socrate, poi passati attraverso il periodo ellenistico della tarda grecità. </li></ul>
  3. 3. LA VITA DI TOMMASO Gli inizi <ul><li>Tommaso nacque nella famiglia dei conti d'Aquino (di nobiltà longobarda), a Roccasecca (nei pressi di Cassino), dalla madre Teodora e dal padre Landolfo. Da giovane studiò presso i monaci benedettini di Montecassino, finché, nel 1239, in seguito alla decisione di Federico II di fare dell'abbazia una fortezza militare, si iscrisse all'Università di Napoli, frequentando la facoltà delle arti fino al 1243. </li></ul>
  4. 4. LA VITA DI TOMMASO Svolgimento e morte <ul><li>Nel 1244, affascinato dall'ordine dei predicatori, decise di farsi domenicano, nonostante l'opposizione dei genitori. Nel 1245 si trasferì a Parigi dove studiò teologia sotto la guida di Alberto Magno, che segui anche a Colonia. Tornato nuovamente a Parigi nel 1252, intraprese la carriera dell'insegnamento, dapprima come baccelliere e poi come maestro reggente di teologia. Nel biennio 1272-1273 fu maestro di teologia presso l'università di Napoli. Nel 1274 partì per Lione per partecipare alla commissione del Concilio Ecumenico, ma dopo alcuni giorni di viaggio morì presso l'abbazia di Fossanova. </li></ul>
  5. 5. IL PENSIERO La ragione e la fede <ul><li>Per conoscere Dio, che supera la comprensione della ragione, non basta la sola ricerca filosofica, ma occorre che Dio stesso intervenga e si riveli in un linguaggio accessibile all’uomo. La Rivelazione non annulla né rende inutile la ragione. Inoltre le verità scoperte dalla ragione non possono venire in contrasto con le verità rivelate giacché entrambe procedono da Dio, che è luce e verità somma. </li></ul>
  6. 6. IL PENSIERO Dio come vero fondamento <ul><li>Il progetto di Tommaso di servirsi della logica aristotelica pone la necessità di utilizzare il sillogismo come metodo di indagine. Come già visto in Aristotele, il sillogismo presenta però un problema fondamentale: la veridicità delle premesse. Il sillogismo, infatti, necessita per sua natura di dimostrare le verità sulle quali fonda la catena delle deduzioni, il sillogismo deve avere a monte una premessa vera e dimostrata per la sua semplice evidenza.Come può Tommaso dare avvio a quella catena di deduzioni proprie del sillogismo fondandola su premesse non evidenti quali l'esistenza di Dio e dei principi di fede? Per fondare comunque il sillogismo sulla verità del principio divino, Tommaso si affida alla tripartizione neoplatonica della realtà: in principio vi è Dio, da Dio deriva la Creazione, terminata la Creazione, vi è la possibilità di risalire alla conoscenza di Dio. </li></ul>
  7. 7. IL PENSIERO Le cinque vie <ul><li>San Tommaso rifiuta la prova ontologica dell'esistenza di Dio che era stata proposta da Sant’Anselmo, perché essa presuppone la fede, senza la quale non è possibile una conoscenza chiara di Dio, ma soprattutto perché ogni dimostrazione può partire solamente dagli effetti a noi noti e non dalla causa. Nonostante questo però egli propone una serie di cinque argomenti filosofici (cinque vie) grazie ai quali è a suo avviso possibile dimostrare razionalmente l'esistenza di Dio, senza dover quindi ricorrere alla fede. </li></ul>
  8. 8. IL PENSIERO La prima via <ul><li>Ogni potenza è a sua volta atto di un'altra potenza, non potendo ciò procedere all'infinito, deve necessariamente esistere un primo atto il quale non sia potenza, vale a dire Dio, motore immobile . </li></ul>
  9. 9. IL PENSIERO La seconda via <ul><li>I fenomeni ne causano degli altri e sono contemporaneamente causati. Poiché non è possibile che ci sia una serie infinita di cause efficienti, deve esserci necessariamente una causa prima , e questa causa è Dio. </li></ul>
  10. 10. IL PENSIERO La terza via <ul><li>Le cose sono contingenti, vale a dire possibili, non necessarie, ed esistono in forza di cose che sono anch'esse contingenti. Ma se tutte le cose fossero solamente possibili, non esisterebbe nulla. Deve perciò esserci un qualcosa di non contingente, di necessario. </li></ul>
  11. 11. IL PENSIERO La quarta via <ul><li>Tutti gli enti finiti possiedono un grado maggiore o minore di perfezione, ne consegue l'esistenza di un ente perfettissimo &quot;che è la causa dell'esistenza, della bontà e di qualsiasi perfezione di tutti gli altri enti&quot;. </li></ul>
  12. 12. IL PENSIERO La quinta via <ul><li>L'universo opera secondo un fine che non è casuale. &quot;Dunque c'è un essere intelligente che ordina le cose naturali al loro fine.&quot; </li></ul>
  13. 13. LE OPERE <ul><li>-- Summa contra gentiles -- Summa theologica -- De unitate inellectus contra averrosistas -- De ente et essentia. </li></ul>
  14. 14. FINE <ul><li>CORDIALI SALUTI DALLA CLASSE QUARTA “T” , SOPRATTUTTO DA GIACOMO DELLAFIORE, LUCA BAZZONI, LORENZO MAGGI, FRANCESO CANCARINI E LEONARD TARUSHI CHE HANNO ESEGUITO QUESTO LAVORO. </li></ul>
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×