Your SlideShare is downloading. ×
0
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Re-build - Evento Sostenibilità
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Re-build - Evento Sostenibilità

538

Published on

Progetto-prototipo per un evento partecipativo sul tema della sostenibilità

Progetto-prototipo per un evento partecipativo sul tema della sostenibilità

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
538
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • Transcript

    • 1. O 3 2 CONSULENZA EVOLUTIVA Progettare “ReBuild” Sostenibilità: la rivoluzione necessariaTrento |12 dicembre 2011 1
    • 2. Organizzare un evento ad alta intelligenza I passi di un percorso da co-creareTrento |12 dicembre 2011 2 | 30
    • 3. 9 Parole chiaveTrento |12 dicembre 2011 3 | 30
    • 4. 9 Parole chiave 1.Sistemico: pensato con il sistema degli stakeholder e attorno alle reali domande e necessitàTrento |12 dicembre 2011 3 | 30
    • 5. 9 Parole chiave 1.Sistemico: pensato con il sistema degli stakeholder e attorno alle reali domande e necessità 2.Social: co-progettato, co-creato, co-partecipatoTrento |12 dicembre 2011 3 | 30
    • 6. 9 Parole chiave 1.Sistemico: pensato con il sistema degli stakeholder e attorno alle reali domande e necessità 2.Social: co-progettato, co-creato, co-partecipato 3.Virale: contagioso!Trento |12 dicembre 2011 3 | 30
    • 7. 9 Parole chiave 1.Sistemico: pensato con il sistema degli stakeholder e attorno alle reali domande e necessità 2.Social: co-progettato, co-creato, co-partecipato 3.Virale: contagioso! 4.Sostenibile: dare l’esempioTrento |12 dicembre 2011 3 | 30
    • 8. 9 Parole chiave 1.Sistemico: pensato con il sistema degli stakeholder e attorno alle reali domande e necessità 2.Social: co-progettato, co-creato, co-partecipato 3.Virale: contagioso! 4.Sostenibile: dare l’esempio 5.Ispirato: un intento forte e di ampio respiroTrento |12 dicembre 2011 3 | 30
    • 9. 9 Parole chiave 1.Sistemico: pensato con il sistema degli stakeholder e attorno alle reali domande e necessità 2.Social: co-progettato, co-creato, co-partecipato 3.Virale: contagioso! 4.Sostenibile: dare l’esempio 5.Ispirato: un intento forte e di ampio respiro 6.Inclusivo: micro, meso, macro, mundoTrento |12 dicembre 2011 3 | 30
    • 10. 9 Parole chiave 1.Sistemico: pensato con il sistema degli stakeholder e attorno alle reali domande e necessità 2.Social: co-progettato, co-creato, co-partecipato 3.Virale: contagioso! 4.Sostenibile: dare l’esempio 5.Ispirato: un intento forte e di ampio respiro 6.Inclusivo: micro, meso, macro, mundo 7.Integrale: corpo, mente, spiritoTrento |12 dicembre 2011 3 | 30
    • 11. 9 Parole chiave 1.Sistemico: pensato con il sistema degli stakeholder e attorno alle reali domande e necessità 2.Social: co-progettato, co-creato, co-partecipato 3.Virale: contagioso! 4.Sostenibile: dare l’esempio 5.Ispirato: un intento forte e di ampio respiro 6.Inclusivo: micro, meso, macro, mundo 7.Integrale: corpo, mente, spirito 8.Inspirational: story telling di qualitàTrento |12 dicembre 2011 3 | 30
    • 12. 9 Parole chiave 1.Sistemico: pensato con il sistema degli stakeholder e attorno alle reali domande e necessità 2.Social: co-progettato, co-creato, co-partecipato 3.Virale: contagioso! 4.Sostenibile: dare l’esempio 5.Ispirato: un intento forte e di ampio respiro 6.Inclusivo: micro, meso, macro, mundo 7.Integrale: corpo, mente, spirito 8.Inspirational: story telling di qualità 9.Innovativo: “si può fare!”Trento |12 dicembre 2011 3 | 30
    • 13. I 7 passiTrento |12 dicembre 2011 4 | 30
    • 14. I 7 passi 1.Council Process: focalizzare l’intento e gli obiettivi con gli organizzatori dell’evento (4 dimensioni)Trento |12 dicembre 2011 4 | 30
    • 15. I 7 passi 1.Council Process: focalizzare l’intento e gli obiettivi con gli organizzatori dell’evento (4 dimensioni) 2.Key-partner: definire i partner strategici dell’iniziativaTrento |12 dicembre 2011 4 | 30
    • 16. I 7 passi 1.Council Process: focalizzare l’intento e gli obiettivi con gli organizzatori dell’evento (4 dimensioni) 2.Key-partner: definire i partner strategici dell’iniziativa 3.Social Learning Platform: creare la community e mobilitare da subito l’intelligenza collettiva (pre-durante- post) mediante strumenti socialTrento |12 dicembre 2011 4 | 30
    • 17. I 7 passi 1.Council Process: focalizzare l’intento e gli obiettivi con gli organizzatori dell’evento (4 dimensioni) 2.Key-partner: definire i partner strategici dell’iniziativa 3.Social Learning Platform: creare la community e mobilitare da subito l’intelligenza collettiva (pre-durante- post) mediante strumenti social 4.TconZero: Lavorare con un frattale del sistema e i suoi “key-stakeholder”Trento |12 dicembre 2011 4 | 30
    • 18. I 7 passi 1.Council Process: focalizzare l’intento e gli obiettivi con gli organizzatori dell’evento (4 dimensioni) 2.Key-partner: definire i partner strategici dell’iniziativa 3.Social Learning Platform: creare la community e mobilitare da subito l’intelligenza collettiva (pre-durante- post) mediante strumenti social 4.TconZero: Lavorare con un frattale del sistema e i suoi “key-stakeholder” 5.Vital Communication: definire strategie di comunicazione “vitale” (virale, social, tradizionale)Trento |12 dicembre 2011 4 | 30
    • 19. I 7 passi 1.Council Process: focalizzare l’intento e gli obiettivi con gli organizzatori dell’evento (4 dimensioni) 2.Key-partner: definire i partner strategici dell’iniziativa 3.Social Learning Platform: creare la community e mobilitare da subito l’intelligenza collettiva (pre-durante- post) mediante strumenti social 4.TconZero: Lavorare con un frattale del sistema e i suoi “key-stakeholder” 5.Vital Communication: definire strategie di comunicazione “vitale” (virale, social, tradizionale) 6.Macro progettazione: logistica, infrastruttura, definizione spazi e macrofasi di lavoroTrento |12 dicembre 2011 4 | 30
    • 20. I 7 passi 1.Council Process: focalizzare l’intento e gli obiettivi con gli organizzatori dell’evento (4 dimensioni) 2.Key-partner: definire i partner strategici dell’iniziativa 3.Social Learning Platform: creare la community e mobilitare da subito l’intelligenza collettiva (pre-durante- post) mediante strumenti social 4.TconZero: Lavorare con un frattale del sistema e i suoi “key-stakeholder” 5.Vital Communication: definire strategie di comunicazione “vitale” (virale, social, tradizionale) 6.Macro progettazione: logistica, infrastruttura, definizione spazi e macrofasi di lavoro 7.Micro-progettazione: definizione tempi, singole attività, testimonial, speakersTrento |12 dicembre 2011 4 | 30
    • 21. Social La co-costruzione della Community: Prima, durante, dopo.Trento |12 dicembre 2011 5 | 30
    • 22. Un evento che parte prima e finisce dopo. > La creazione di una Social Learning Platform, al servizio della creazione di un community affiatata. > Mobilitazione dell’intelligenza collettiva finalizzata alla co-costruzione dell’evento. Se le persone si sentiranno parte di un processo di co-costruzione saranno doppiamente entusiaste di prendervi parte. > La Social Learning Platform è lo strumento per introdurre alcune delle attività che verranno portate a compimento durante l’evento e per darne seguito, nel post-eventoTrento |12 dicembre 2011 6 | 30
    • 23. > La condivisione di contenuti significativi, l’uso di tecniche di Gamification, il ricorso a “contest” su presentazioni innovative, soluzioni inedite e video virali (es. Fun Theory) renderanno lo spazio appealing > Deve divenire punto di riferimento per l’intero settore in cui accogliere il tema della sostenibilità in tutte le sue sfaccettature > E’ una modalità per massimizzare il ritorno sull’investimento fatto nell’evento, acquisendo diversi vantaggi, su vari piani: reputazionale, professionale, economico, sociale.Trento |12 dicembre 2011 7 | 30
    • 24. TconZero La costruzione ecosistemica dell’eventoTrento |12 dicembre 2011 8 | 30
    • 25. Il tema della sostenibilità è intriso nel suo DNA di alcuni principi fondamentali: > Pensiero sistemico e inclusività > Partecipatività e intelligenza collettiva > Innovazione > Co-costruzione di un futuro migliore Non e’ possibile progettare un evento sistemico e sostenibile senza adottare la stessa filosofia fin dalla sua progettazioneTrento |12 dicembre 2011 9 | 30
    • 26. TconZero è un frattale dell’intero evento. Sfrutta la caratteristica olografica dei fenomeni che vede nella parte il riflesso del tutto. TconZero è un pre-evento in scala ridotta a cui partecipa un rappresentante per ogni elemento fondamentale/stakeholder del sistema (produttori, installatori, immobiliaristi, clienti finali, ambientalisti, dirigenti politici...) In uno/due giorni di lavoro di gruppo con una modalità profondamente partecipativa si esploreranno i temi più sentiti a partire dai vari punti di vista.E’ una strategia sistemica, innovativa edefficace, per ottenere risultati soprendenti.Trento |12 dicembre 2011 10 | 30
    • 27. Effetti di TconZero > Co-costruire in una modalità realmente sistemica e olistica l’ evento centrandolo sui bisogni degli stakeholder (includendo le periferie). > Comprendere direttamente le dinamiche sistemiche delle parti in gioco, i pesi, le richieste, i bisogni > Identificare i temi caldi, i temi freddi, i temi tabù > Co-costruire un modello innovativo di evento > Creare materiale “promo” per la comunicazione dell’evento stesso.Trento |12 dicembre 2011 11 | 30
    • 28. Council Process Identificare l’intentoTrento |12 dicembre 2011 12 | 30
    • 29. Il Council process Il Council Process è un processo di allineamento e di facilitazione di un gruppo rispetto a obiettivi concreti. E’ finalizzato a determinare efficacia e focalizzazione rispetto ai risultati da conseguire, alle modalità con cui conseguirli e alle ragioni fondanti del loro raggiungimento. Qualsiasi iniziativa è forte quando parte dall’allineamento di queste tre dimensioni.Trento |12 dicembre 2011 13 | 30
    • 30. L’i ntentoTrento |12 dicembre 2011 14 11 | 30
    • 31. L’i ntento WhatTrento |12 dicembre 2011 14 11 | 30
    • 32. L’i ntento How WhatTrento |12 dicembre 2011 14 11 | 30
    • 33. L’i ntento Why How WhatTrento |12 dicembre 2011 14 11 | 30
    • 34. L’i ntento Why How WhatTrento |12 dicembre 2011 14 11 | 30
    • 35. La forza di un’evento non nasce dai suoi contenuti. Neppure dalla modalità con cui viene organizzato. Sono entrambi aspetti fondamentali ma non sufficienti a rendere un evento “memorabile”. Cio’ che fa la differenza è il “perché” ovvero l’intento superiore con cui informo tutto ciò che faccio.L’intento e’ cio’ che rende memorabile esignificativo qualsiasi azione. Interrogarsisull’intento e’ il primo passo fondamentale.Trento |12 dicembre 2011 15 | 30
    • 36. Quattro livelli Micro | Meso | Macro | Mundo Egocentrico | Etnocentrico | Ecocentrico | Mondocentrico- Principio di Inclusivita’- Quali obiettivi ci poniamo per ciascun livello?Trento |12 dicembre 2011 16 | 30
    • 37. La
    • 38.  prospettiva
    • 39.  dell’utente Quale vantaggio concreto otterranno, su un piano individuale, le Micro persone che partecipano all’evento? Quale vantaggio concreto otterranno le singole aziende che Meso aderiranno - a vari livelli - a questo evento? Quale vantaggio concreto otterrà il sistema dei principali Macro stakeholders (incluso il territorio, la dimensione sociale, le nuove generazioni...)? Quali ricadute positive e vantaggi concreti si declineranno a livello diMundo eco-sistema?Trento |12 dicembre 2011 17 | 30 8
    • 40. Partiamo
    • 41.  da
    • 42.  noi Quale vantaggio concreto voglio ottenere, su un piano individuale, Micro con l’organizzazione dell’evento? Quale vantaggio concreto voglio ottenere per la mia azienda Meso attraverso l’organizzazione di questo evento? Quale contributo voglio offrire con questo evento a livello del Macro “sistema di cui siamo parte” e che include i nostri principali stakeholders? Quale contributo voglio offrire con il nostro evento, a livelloMundo “mondo”?Trento |12 dicembre 2011 18 | 30 9
    • 43. L’intelligenza collettiva Usare al meglio cio’ che gia’ abbiamo a disposizioneTrento |12 dicembre 2011 19 | 30
    • 44. Le più recenti tecnologie sociali e di apprendimento organizzativo offrono modalità nuove ed efficaci di gestire eventi di qualsiasi dimensione. La Teoria U, l’Open Space Technology, l’Art-of-Hosting, ecc. sono modalità estremamente efficaci per: organizzare eventi ad alto impatto creare una community intorno a valori forti identificare soluzioni innovative a vecchi problemi identificare i problemi emergenti e ipotizzare soluzioniNon possiamo ottenere risultati nuovi,facendo le cose che abbiamo sempre fatto.Trento |12 dicembre 2011 20 | 30
    • 45. Tre tipi di conoscenza: Teorica/Esplicita Riflessiva/Dialogica Intuitiva/EmergenteTrento |12 dicembre 2011 21 | 30
    • 46. Quale taglio dare all’evento OpenSpace Lab: sono aperte sia le domande che le risposte. Change Lab: le domande sono già state identificate. Ci si confronta sulle possibili risposte/soluzioni. Action Lab: le domande e le risposte sono state identificate. Ci si confronta sulle azioni e le modalità di compierle.Trento |12 dicembre 2011 22 | 30
    • 47. Teoria U di Otto Scharmer DownloadingI in Me Seeing Prototyping Open Mind I in It Sensing Crystallizing Open HeartI in We Letting go Letting come Open Will I in Now Presencing Trento |12 dicembre 2011 23 | 30
    • 48. Ipotesi di agendaTrento |12 dicembre 2011 24 | 30
    • 49. Ipotesi di Agenda La proposta di un’agenda di lavoro contraddice quanto detto fino a ora, sulla necessità di creare una co-creazione sistemica dell’evento. Quanto emergerà dal TconZero e dalla Social Learning Platform sarà la vera ossatura su cui costruire la microprogettazione dell’agenda. Quanto segue sono solo ipotesi di lavoro.Trento |12 dicembre 2011 25 | 30
    • 50. Teoria U di Otto Scharmer Accoglienza Downloading Instant report Formazione Tecnica Seeing Prototyping Aggiornamento professionaleAttività dialogiche e creative. Attivazione gruppi e confronto su best practicesAscolto “fattuale”. Andare oltre il di lavoro per la declinazioneproprio punto vista. operativa delle soluzioni Open Mind Sensing Petcha Kutcha TEDx, Crystallizing inspirational talk IdentificazioneAttività di ascolto empatico. Mi Story Telling soluzioni concreteconnetto al sistema di cui sonoparte. Open Heart Esperienza e Open Space Letting go Metafora Technology Letting come World Café, Solution Focused Group Open Will Emersione di intuizioni,Superamento delle vecchie idee, innovazioni, soluzioni emergentilibertà dal conosciuto dal futuro Presencing Trento |12 dicembre 2011 26 | 30
    • 51. Primo giorno | Mattina 1. Accoglienza E’ un momento fondamentale in quanto “informa” e condiziona l’intero svolgimento dell’evento, dandogli una vibrazione caratteristica. E’ utile incominciare da subito con un’attiva partecipativa, in cui le persone possano iniziare a incontrarsi e presentarsi. Può essere indicato iniziare con un’attività che crei stupore e coinvolgimento emozionale. 2. Condivisione dell’intento comune Momento di plenaria in cui evidenziare il “perché” dell’evento, valorizzare l’importanza del momento per l’intero settore, lanciare la sfida, richiamare tutti a dare il proprio contributo per migliorare il sistema della green economy. Potrebbe essere impiegato un filmato inspirational che rinforzi la vibrazione fondamentale dell’evento o un filmato tratto dai lavori del “TconZero”. All’insegna del “si può fare”. 3. L’esperienza nella green economy e le domande fondamentali In gruppi da 8-10 persone, ci si incontra per raccontare la propria esperienza e proporre temi fondamentali che impattano lo sviluppo dell’intero settore. Vengono identificate domande e questioni importanti che verranno affrontate successivamente in altre sessioni di lavoro. I risultati di questi gruppi vengono presentati in plenaria e sistematizzati al fine di costruire uno spazio di significati condivisi da cui partire per cocreare la community. Per la parte di “harvesting” ovvero di raccolta e sistematizzazione si potrà pensare all’uso di tecniche innovative quali quelle di facilitazione grafica (http://graphicfacilitation.blogs.com/). Su grandi fogli, alcuni professionisti “illustrano per immagini” la storia dell’evento e - nel processo - vengono filmati.Trento |12 dicembre 2011 27 | 30
    • 52. Primo giorno | Pomeriggio 4. Story telling: inspirational talk Testimonianze di persone che hanno varcato limiti ritenuti insormontabili e sono andati oltre al conosciuto. La parola d’ordine è: “si può fare”. L’identificazione dei testimonial può procedere anche attraverso segnalazioni bottom up della community, attraverso la Social Learning Platform. 5. FutureLab: sognare un futuro sostenibile Destrutturare la realtà per andare oltre. Un’attività stimolante di Solution Focused Work e Imaginative Thinking in cui i gruppi di lavoro, mediante opportune stimolazioni da parte dei facilitatori, verranno condotti in un percorso immaginativo e intuitivo che li porterà a confrontarsi sulle soluzioni che caratterizzeranno il nostro futuro. Primo giorno | After dinner 6. Sessione Petcha-Kutcha 20x20 (http://en.wikipedia.org/wiki/Pecha_Kucha - http://pecha-kucha.org/) Format internazionale che prevede una presentazione di 20 slides/immagini e 20 secondi di parlato per ogni slide. La preparazione dell’evento potrebbe essere sostenuta da un “contest” da attivare via Social Platform. In modo che vi sia un pre- screening delle presentazioni in gara.Trento |12 dicembre 2011 28 | 30
    • 53. Secondo giorno | Mattina 1. Risveglio energetico corpo/mente/spirito Esercizi alla portata di tutti, da svolgersi possibilmente all’aperto, che includono pratiche energetiche e fisiche di derivazione orientale (Qi Kung - Aikido) e di Mindfulness ovvero di presenza nel qui-e-ora. 2. Creative Morning Colazione con speech da parte di personaggi della creatività, dell’arte, del design (http:// hubmilan.com/2011/10/i-creative-mornings-arrivano-a-milano/) per lasciarsi ispirare e contaminare da idee folli, creative, avveniristiche. 3. Skills Tools Formazione tecnica e aggiornamento professionale sui temi specifici della sostenibilità. Secondo giorno | Pomeriggio 4. Open Space A partire dalle domande emerse nella sessione del primo giorno e da altre che nel frattempo possono emergere, i gruppi si confrontano per identificare soluzioni possibili. I gruppi lavorano in modalità autonoma per poi presentare in plenaria le proprie risultanze. 5. Musica e Sostenibilità. Esperienza musicale metaforica e partecipativa, dal vivo. Coltiviamo la metafora della band (dell’orchestra o del coro) per cogliere i significati più profondi dell’armonia sistemica.Trento |12 dicembre 2011 29 | 30
    • 54. Terzo giorno | Mattina 1. Risveglio energetico corpo/mente/spirito Esercizi alla portata di tutti, da svolgersi possibilmente all’aperto, che includono pratiche energetiche di derivazione orientale e di Mindfulness. 2. Creative Morning Colazione con speech da parte di personaggi della creatività, dell’arte, del design (http://hubmilan.com/2011/10/i-creative-mornings-arrivano-a- milano/) 3. Cerimonia di chiusura Sintesi delle risultanze, chiusura dei lavoro e attivazione delle attività post- evento. Premiazione dei partecipanti dell’eventuale contest di Petcha- Kutcha.Trento |12 dicembre 2011 30 | 30
    • 55. O 3 2 CONSULENZA EVOLUTIVA Grazie. Per maggiori informazioni: One Consulenza Evolutiva www.oneweb.biz Lorenzo Campese: lcampese@oneweb.biz Massimo Vavalle: mvavalle@oneweb.biz Luca Carollo: lcarollo@oneweb.bizTrento |12 dicembre 2011

    ×