• Like
  • Save
lezione interaction design 11 marzo 2009
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

lezione interaction design 11 marzo 2009

on

  • 2,006 views

lezione interaction design 11 marzo 2009

lezione interaction design 11 marzo 2009

Statistics

Views

Total Views
2,006
Views on SlideShare
2,003
Embed Views
3

Actions

Likes
0
Downloads
73
Comments
0

1 Embed 3

http://www.slideshare.net 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    lezione interaction design 11 marzo 2009 lezione interaction design 11 marzo 2009 Presentation Transcript

    • Corso di Design dell’Interazione, modulo 1, ovvero Interaction Design Lezione 2 / 11 marzo 2009 Marco Loregian loregian@disco.unimib.it
    • Outline Nella scorsa lezione: Cos’è l’interaction design http://www.slideshare .net/loregian/ lezione-interaction-design-10-marzo-2009 In questa: Approcci all’interaction design Domande prima di cominciare?
    • Come si affronta un problema? Un problema è un’opportunità Esistono approcci molto diversi, che possono comunque essere usati in diverse situazioni Le situazioni più problematiche possono essere ‘semplificate’ I migliori designer sanno usare approcci diversi (alternativamente o simultaneamente) E’ bene usare l’approccio con ciui ci si sente più in confidenza
    • Approcci all’ID • Design centrato sull’utente • Design centrato sulle attività • Design di sistemi • Design di genio
    • User-Centered Design UCD Users know best Non si progetta un servizio senza coinvolgere chi lo dovrà usare Chi sono gli utenti? Non chi progetta il sistema, raramente simili Parlare :: Osservare :: Immaginare In ogni fase del progetto
    • Lo UCD sarà il tema delle lezioni della settimana prossima ...dovete aspettare
    • Activity-centered Design Attenzione sulle attività, non sulle preferenze o sugli obiettivi Esempio: l’obiettivo di un giardiniere è avere un giardino pulito, ma lo scopo di usare un rastrello è raccogliere le foglie Approccio comune per progettare elettrodomestici Il tempo (durata dell’attività) gioca un ruolo fondamentale
    • Le attività sono fatte di azioni e decisioni, spesso i designer chiamano questi elementi compiti (task), ogni compito è un momento della vita di un’attività Alcuni compiti possono essere complessi, praticamente sottoattività L’utente è ancora parte della progettazione: i designer devono capire quali siano i suoi comportamenti, li formalizzano, riempiono i “buchi” e poi cercano soluzioni (per completare il compito, non per raggiungere l’obiettivo)
    • Il rischio di questo approccio è di essere troppo focalizzato sul “piccolo”, senza tenere sufficientemente in considerazione la globalità del progetto
    • Il design centrato sulle attività è un approccio tipico per la progettazione di sistemi online Sistemi di/con workflow ben definiti
    • Design di sistemi • Modo analitico di affrontare i problemi di design: usa un’organizzazione stabilita di componenti per creare soluzioni • Il sistema, come entità complessa, è il centro dell’attenzione • Il sistema non è necessariamente un computer, può essere costituito da persone, dispositivi, altri sistemi • Es. impianto di riscaldamento, governo funziona ‘bene’ nei casi complessi
    • Il design di sistemi usa una metodologia strutturata e rigorosa Non sottovaluta obiettivi e bisogni degli utenti, però l’enfasi è sul contesto
    • Elementi della metodologia: 1. Obiettivo 2. Sensore 3. Comparatore 4. Attuatore
    • Obiettivo dell’intero sistema (non dell’utente, però può essere derivato da questi) L’obiettivo dichiara la relazione ideale fra il sistema e l’ambiente in cui esso vive Ambiente: quello che circonda il sistema es. di che tipo è fisico, digitale, …
    • Sensori: come fa il sistema a rilevare i cambiamenti nell’ambiente? Alcuni cambiamenti sono disturbi, inattesi e inaspettati
    • Il comparatore incarna l’obiettivo interno del sistema, confronta lo stato attuale con lo stato desiderato Gli attuatori sono i componenti che possono operare dei cambiamenti sull’ambiente
    • Obiettivo è fissato nel Avverte Pilota influisce su Sensore Comparatore Attuatore misurato da rileva gli errori SISTEMA Anello di retroazione Ambiente influiscono su Disturbi Dubberly & Pangaro 2003 vd. Saffer
    • La descrizione del design di sistemi dovrebbe ricordarvi l’articolo suggerito: Dubberly, H., Pangaro, P., and Haque, U. 2009. ON MODELING What is interaction?: are there different types? interactions 16, 1 (Jan. 2009), 69-75. DOI= http://doi.acm.org/10.1145/1456202.1456220
    • Design di genio • Basato sull’intuizione e l’esperienza del designer • Ci sono aziende che non fanno ricerca con gli utenti, eppure...
    • Ma non sempre va bene... Apple Newton
    • Motivazioni: ristrettezze economiche o di tempo, necessità di mantenere la riservatezza sul prodotto, … Rischi: impossibilità di completare un progetto soddisfacente o di evidenziare caratteristiche o problemi importanti, mancata accettazione del progetto da parte degli utenti, ...
    • interaction time! Chi è Jonathan Ive? +1 all’esame a chi me lo dice la prossima volta
    • Principi base dell’ID Quick and Dirty version
    • Building blocks I designer lavorano con le forme, gli interaction designer hanno altri “mattoncini da comporre: Spazio (fisico/virtuale, 2D/3D) Tempo (momento/durata, umano/digitale, velocità/ritmo) Movimento (assoluto/relativo) Aspetto visivo (comunicatività di affordance, consistenza con l’ambiente) Consistenza fisica (sensazioni, evocatività) Suono (tonalità, volume, timbro)
    • Leggi dell’interaction design Ma l’unica legge davvero inviolabile è: progettare per gli utenti
    • Legge di Moore: i computer diventano rapidamente sempre più potenti, più piccoli e più economici
    • Legge di Fitts: il tempo necessario per puntare un bersaglio dipende dalla sua distanza e dalla sua dimensione
    • Legge di Hick(-Hyman): il tempo per prendere una decisione dipende dal numero di scelte (e dalla familiarità e ripetizione)
    • Legge del 7: possiamo memorizzare sette informazioni alla volta (+/- 2)
    • Conservazione della complessità Legge di Tesler: un problema non può essere semplificato oltre una certa soglia, si può solo spostare la complessità da un’altra parte
    • Principio del poya-yoke: introdurre vincoli per evitare errori non intenzionali
    • Altri principi Manipolazione diretta / indiretta: analogia col mondo fisico / comandi astratti Feedback / feedforward: indicazione di cosa è accaduto / accadrà
    • Caratteristiche di un buon interaction design Affidabile Appropriato Intelligente Reattivo Ingegnoso Ludico Piacevole
    • Salto in avanti... Persona-based design ...per svagarci un po’
    • Persona: archetipo documentato di un insieme di persone Coerenza d’intenti e comportamenti, non solo demografica (altrimenti ho solo segmenti di mercato)
    • Caratteristiche di una persona: Nome e immagine Profilo geografico (continente, nazione, area urbana, clima) Profilo demografico (età, sesso, famiglia, reddito, educazione, religione/razza/etnia) Profilo psicografico (classe sociale, gruppo e status sociale, personalità e percezione di sé, convinzioni, attitudini, accettazione dell’innovazione e del cambiamento, stile di vita, interessi e hobby, rapporto coi media) Profilo webografico (abitudini relative all’uso del Web)
    • interaction time! Persone
    • Chi rappresenta?
    • Chi rappresenta?
    • Chi è la persona per questo oggetto?
    • Chi è la persona per questo oggetto?
    • Da leggere George Olsen, “Persona Creation and Usage Toolkit” http://www.interactionbydesign.com/presentations/olsen_persona_toolkit.pdf Riferimenti & Credits • Dan Saffer, Design dell’interazione, Pearson Education (capitoli 2 e 3)