• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
VDT
 

VDT

on

  • 923 views

 

Statistics

Views

Total Views
923
Views on SlideShare
923
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
55
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    VDT VDT Presentation Transcript

    • LA TUTELA DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO: “Il lavoro al Videoterminale” ASPETTI LEGISLATIVI E ORGANIZZATIVI
    • Sommario del corso3 Introduzione3 Riferimenti normativi3 Effetti sulla salute e loro cause3 Requisiti minimi richiesti3 Sorveglianza Sanitaria
    • ASPETTI LEGISLATIVI 3 D.Lgs 81/2008 e s.m.i.
    • Il D.Lgs 81/2008 Prevede: Chi deve fare (soggetti previsti) Cosa deve fare (contenuti) Come si deve fare (metodologia)
    • Metodologia di applicazione del D.Lgs 81/08 3 Valutazione del rischio 3 Individuazione delle misure di sicurezza 3 Sorveglianza Sanitaria 3 Formazione
    • GENERALITA’ 3 Importanza dell’informatica 3 Diffusione dei VDT 3 Iniziale resistenza da parte dei lavoratori 3 Per 10-15 anni senza regole e tutela 3 Dal D.Lgs 626/94 obbligo di postazioni VDT sicure e controllo sanitario dei lavoratori
    • Titolo del D.Lgs 81/08: Tutela della Salute al VDTCampo d’applicazione:3 dove vi siano lavoratori addetti ad attività ad un posto di lavoro al VDT.
    • Definizione di posto di lavoro al VDT 3 L’insieme che comprende le attrezzature munite di VDT ev. con tastiera o altro sistema di immissione dati, software, accessori opzionali, la sedia, il piano di lavoro e l’ambiente di lavoro circostante
    • Definizione di lavoratore addetto al VDT 3 Lavoratore che utilizza un’attrezzatura munita di VDT in modo sistematico o abituale per venti ore alla settimana, dedotte le interruzioni previste
    • Esclusione dall’obbligo  Posti di guida di veicoli e macchine  Sistemi informatici montati a bordo di un mezzo di trasporto di persone o cose (treni, metro’, navi ecc.)  Sistemi destinati in modo prioritario al pubblico  Sistemi portatili se non utilizzati per lungo tempo (valutazione dei rischi)  Macchine calcolatrici, registratori di cassa e le attrezzature munite di piccoli visualizzatori
    • Compiti eseguibili al VDT3 Inserimento dati3 Consultazione-acquisizione dati3 Comunicazione interattiva3 Videoscrittura3 Composizione editoriale dei testi3 Consultazione banche-dati3 Creazione software3 Applicazioni grafiche3 Applicazioni progettuali
    • Elementi dell’organizzazione del lavoro al VDT  Durata totale del lavoro  Percentuale dei compiti di videolettura  Frequenza della digitazione dei dati  Durata dei tempi di risposta del sistema  Percentuale del tempo di lavoro noioso, monotono rispetto a quello interessante, creativo  Possibilità dell’operatore di influire sulla tipologia e ritmo di lavoro  Controllo del ritmo di lavoro da parte dei superiori  Avvicendamento con altre attività
    • Obblighi del Datore di Lavoro per i VDT Valutare i rischi e individuare le misure di prevenzione con particolare attenzione a :  problemi della vista  problemi legati alla postura ed all’affaticamento fisico  problemi di condizioni ergonomiche, d’illuminazione e di igiene ambientale  problemi legati all’ansia, allo stress, alla fatica mentale Garantire ai lavoratori una pausa di 15 minuti ogni 120 minuti di lavoro Far sottoporre i lavoratori a Sorveglianza Sanitaria Preventiva e Periodica da parte del Medico Competente Formare e informare i lavoratori
    • Problemi legati al non corretto lavoro al VDT 3 Disturbi oculo-visivi 3 Disturbi muscolo- scheletrici 3 Stress ?
    • Disturbi oculo-visivi 3 Sono, in gran parte, comuni ad altri lavori con elevato carico visivo 3 Rappresentano l’effetto di un affaticamento a carico dell’organo della vista (Astenopia)
    • La Percezione visiva3 Acuità visiva (capacità di distinguere 2 punti vicini) – determinata con tavola ottotipica – diminuisce dopo i 45 anni – Altri fattori che influiscono oltre l’età: • prebiopia e astigmatismo • luminanza • contrasto
    • L’Accomodazione: o adattamento per vedere da 15 cm all’infinito o consentita dal cambiamento di curvatura del cristallino (per mezzo del muscolo ciliare) o l’elasticità del cristallino diminuisce con l’età Il lavoro al VDT sollecita intensamente tale facoltà (distanza fra documenti, tastiera e schermo)
    • La capacità di “fusione”3 Abbiamo 2 occhi ma vediamo un solo oggetto. Perché?3 Questa capacità è data dalla possibilità che abbiamo di “fondere” le immagini che provengono dai 2 occhi3 Complessa struttura muscolare che fa convergere la vista
    • Segni e sintomi associati all’Astenopia  Segni di fatica percettiva:  percezione di aloni colorati dopo il lavoro  abbagliamento  sensazione di sfarfallio dell’immagine  Segni di fatica accomodativa:  annebbiamento durante il lavoro  visione sfuocata da lontano dopo il lavoro  tendenza a socchiudere gli occhi  cefalea durante e dopo il lavoro
    • Segni e sintomi associati all’Astenopia  Segni di fatica muscolare:  sdoppiamento occasionale della vista durante il lavoro  cefalea durante e dopo il lavoro
    • Segni e sintomi associati all’Astenopia Segni generici di affaticamento visivo: • arrossamento delle congiuntive • ammiccamento frequente • lacrimazione • sensazione di corpo estraneo • bruciore • fotofobia • cefalea
    • Cause di affaticamento visivo al VDT  VDT  Postazione di lavoro  Ambiente generale  Mansione specifica  Individuo
    • VDT Sfarfallamento dei caratteri Caratteri non ben leggibili Colore
    • Postazione di lavoro  Posizionamento dello schermo  Riflessi  Contrasti
    • Ambiente generale Illuminazione Microclima non idoneo Presenza di microinquinanti in aria
    • 3 Eccesso o insufficienza di illuminazione generale Sfavorevole3 Abbagliamenti diretti illuminazione3 Riflessi3 Contrasti eccessivi3 Quando Mancano schermature alle finestre ed alle fonti di illuminazione artificiale • -Il monitor è disposto con la finestra di fronte o di spalle • -Si usano arredi con superfici lucide e/o bianche o nere • -Le pareti sono troppo chiare o troppo scure
    •  Il comfort termico è un aspetto importante per chi utilizza il Microclima videoterminale. Negli uffici si raccomanda una temperatura di almeno 18 °C d’inverno (18-22 °C) mentre nel periodo estivo è importante che la differenza tra la temperatura interna e quella esterna non superi i 7 °C. L’umidità relativa deve essere compresa tra il 40% e il 60%.
    • Fattori ambientali Inquinamento dell’aria interna • Impianto di condizionamento poco efficiente • Affollamento di fotocopiatrici in locali poco areati • Fumo di tabacco • Rilascio di sostanze dai rivestimenti e dagli arredi Il ricambio d’aria deve essere adeguato. Eccessiva secchezza dell’aria
    • IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Rispettare le quantità minime di aria esterna di ricambi e devono essere presenti sistemi di filtrazione e depurazione dell’aria. I filtri hanno la funzione di purificare l’aria esterna e l’aria di ricircolo. Possibili rischi:• inquinamento dell’aria per insufficiente manutenzione (sostituzione o pulizia filtri)• inquinamento biologico dell’unità di umidificazione.N.B.: La postazione di lavoro non va posta in vicinanza di fonti di calore radiante ed evitare la presenza di correnti d’aria fastidiose
    • Individuo Difetti visivi non ben corretti (presbiopia, miopia, ipermetropia) Valutazione soggettiva del lavoro
    • Disturbi muscolo-scheletrici 3 Senso di pesantezza o tensione o indolenzimento muscolare o dolore – collo – spalle – braccia – mani – gambe – colonna vertebrale
    • Cause dei disturbi muscolo-scheletrici Postazione di lavoro o posizionamento non adeguato dello schermo o spazi di lavoro insufficienti o tavoli e sedie inadatti Mansione specifica o mantenimento obbligato di posizione fissa o durata del lavoro o monotonia e ripetitività
    • Cause dei disturbi muscolo-scheletrici  Ambiente generale o Correnti d’aria o Spazi inadeguati  Individuo o Disturbi muscolo- scheletrici preesistenti o valutazione soggettiva del lavoro o sesso, età ecc.
    • Stress Disturbi di tipo psicologico o tensione nervosa o irritabilità o mal di testa o stanchezza o depressione, ansia o insonnia psicosomatici: psicosomatici: o difficoltà di digestione o Palpitazioni, extrasistoli Ecc.
    • Cause dello stress  Mansione specifica e organizzazione del lavoro: o modifiche alle conoscenze e della professionalità richieste o carico di lavoro o autonomia e controllo del proprio lavoro o isolamento o monotonia
    • Cause dello stress Ambiente generale: o Spazi inadeguati o posizione scomoda o microclima sfavorevole o illuminazione e leggibilità inadeguate
    • Rumore Il rumore ambientale non deve disturbare l’attenzione e la comunicazione verbale. Eventuali vecchie stampanti rumorose possono essere spostate in altri locali o insonorizzate rinchiudendole dentro appositi contenitori.
    • Cause dello stress  Individuo: o Problemi psico- patologici o Esperienza,competenza o paura per i danni alla salute
    •  Natura, entità e frequenza dei disturbi possono variare per : Cause di o caratteristiche degli ambienti di lavoro (spazi, illuminazione, variabilità dei microclima, posto di lavoro, video, tastiera) disturbi o caratteristiche dell’organizzazione del lavoro (tipo di compiti al VDT, tempi di utilizzo, conoscenze e abilità richieste, ritmi, autonomia, responsabilità, rapporti con i colleghi ed i superiori) o caratteristiche individuali (età, stato psico-fisiologico, significato attribuito al lavoro, rapporto lavoro-vita extraprofessionale)
    •  Radiazioni ionizzantiI falsi allarmi (raggi x): si mantengono allo stesso livello dell’ambiente esterno  Campi elettromagnetici: al di sotto dei limiti raccomandati  Problemi per la gravidanza: non è stato registrato alcun significativo aumento dei danni
    • Aspetti preventivi
    • 3 Distanza visiva minima che La corretta varia da 50 a 80 cm su schermi delle dimensioni distanza abitualmente in uso. visiva3 Per schermi di 15 pollici è raccomandabile distanza di 60 cm, per 16 pollici 70 cm e per uno di 17 pollici 80 cm.3 Per schermi molto grandi, (postazioni di lavoro CAD) sono da prevedere distanze maggiori.
    • Liberamente e facilmenteorientabile e inclinabile.Luminosità e/o il contrasto tra i Il monitorcaratteri e lo sfondo delloschermo devono essere regolabiliL’involucro deve essere opaco, dicolore chiaro non bianco.Impostato con caratteri definiti, digrandezza sufficiente e facilmenteleggibili.Bordi dei caratteri nitidi sia alcentro che ai bordi dello schermo,se osservati da una distanza di 50-70 cm dal monitor.Immagini e caratteri stabili eschermo esente da sfarfallamento.
    • L’altezza del  La direzione normale dello sguardo verso il bordo superiore dello monitor schermo deve seguire una linea leggermente inclinata verso il basso.  Ciò presuppone che il monitor sia regolabile in altezza.  Quando lo schermo è disposto troppo in alto o troppo in basso si possono verificare disturbi per fenomeni di riflessione causati dall’illuminazione o per l’affaticamento dei muscoli della nuca, delle spalle e della parte superiore della schiena, a causa dell’errata posizione del collo.
    • L’altezza del monitor Per prevenire questi problemi è importante:• non collocare lo schermo sopra l’unità di sistema (computer), perché si troverebbe troppo in alto;• sistemare il computer sotto il tavolo, anche per non essere disturbati dal rumore prodotto dal ventilatore;• rialzare il monitor con un supporto se, poggiandolo sulla superficie di lavoro, la sua altezza è insufficiente.• Il monitor inoltre deve essere leggermente inclinato per evitare problemi di riflessione sullo schermo.
    • o La tastiera deve essere Tastiera e mouse indipendente, spostabile liberamente, di basso spessore, inclinabile, con caratteri leggibili.o Colore opaco, chiaro ma non bianco.o Un poggiapolsi per la tastiera ed eventualmente uno anche per il mouse evitano affaticamenti delle articolazioni dei polsi. Vari mouse di tipo diverso per forma, colore, dimensione, sogg. mancini
    •  Deve offrire posto sufficiente e confacente all’attrezzatura. Il piano di Per schermi fino a 17 pollici si lavoro consiglia di usare tavoli di misure minime 120 x 80 cm. Ergonomicamente sono migliori i tavoli profondi 90 cm. La superficie deve essere poco riflettente e di colore chiaro, non bianco. Il tavolo deve essere stabile ossia non ci devono essere vibrazioni quando si digita sulla tastiera. L’altezza deve essere compresa fra 70 e 80 cm.
    • La disposizione del monitor, della tastiera e del mouse I diversi elementi (tastiera, schermo, mouse, leggio portadocumenti) vanno posizionati in funzione dell’attività da svolgere: in un lavoro di interrogazione o di digitazione, il monitor deve essere posizionato di fronte all’operatore. Se invece il tipo di attività comporta la frequente lettura di documentazione, come ad esempio nel lavoro di copiatura, il monitor deve essere posizionato lateralmente e il leggio portadocumenti di fronte. La tastiera deve essere sistemata davanti all’operatore per evitare che egli debba torcere il collo e il busto. Lo spazio davanti alla tastiera deve essere sufficiente (da 15 a 20cm almeno) per consentire l’appoggio delle mani e degli avambracci. Ha dato buona prova l’uso di poggiapolsi.
    •  Anche per il mouse occorre avere lo spazio necessario per poterlo azionare convenientemente. Il mouse deve essere posizionato accanto alla tastiera, e non ad un livello diverso rispetto ad essa. Durante la digitazione, le spalle devono essere rilassate, gli avambracci, i polsi e le mani devono rimanere allineati in posizione diritta e neutra. I polsi non devono essere piegati in avanti o all’indietro per evitare di provocare una pressione nella loro parte interna. Bisogna evitare di angolare i polsi durante la digitazione o l’uso del mouse per evitare possibili infiammazioni di nervi o tendini.
    •  Una buona sedia a cinque razze con sedile regolabile in altezza (da 42 a La sedia 55 cm) per mantenere una posizione seduta comoda e di ridurre l’affaticamento della muscolatura dorsale e il carico sui dischi intervertebrali . Poggiare bene la schiena allo schienale Spalle siano rilassate e i gomiti devono pendere comodamente lungo i fianchi. Altezza e inclinazione dello schienale devono essere regolabili.. Lo schienale deve avere un’altezza di 50 cm circa al di sopra del sedile.
    • Il comportamento Semplici norme di comportamento si affiancano agli adempimenti normativi Oltre ad avere una postazione di lavoro ottimale occorre anche:
    • Correggere la propria posizione (erroriposturali)Variare le attività, effettuando pauseperiodicheUsare le attrezzature (hardware) e iprogrammi (software) in modo consapevoleFare attenzione ai segnali fisici: sintomi edisturbi
    • Sorveglianza sanitaria Protocollo sanitario di mansione Per gli addetti al VDT: visita preventiva, vista periodica ogni 5 anni. Visita biennale per coloro che hanno prescrizioni o età maggiore di 50 anni.
    • Ruolo dell’Organo di Vigilanza 3 Primo punto di riferimento per i lavoratori dove manca il medico competente 3 Ruolo super-partes per l’espressione del giudizio di idoneità e per i ricorsi sui giudizi del m.c. 3 Può svolgere indagini, accedere ai luoghi di lavoro, fare analisi
    • Conclusionio Il VDT, di per se, non costituisce un rischio per la salute dell’operatoreo E’ invece la sua utilizzazione in condizioni ambientali e/o organizzative inadeguate che può determinare l’insorgenza di problemi per l’integrità fisica e mentale dell’operatore