• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
scuola 6
 

scuola 6

on

  • 876 views

tecnologia internet rete 2.0 1.0 web didattica scuola insegnanti studenti on line comunità virtuali interesse intenti pratica auto apprendimento livemocha second life e-twinning spring day for europe ...

tecnologia internet rete 2.0 1.0 web didattica scuola insegnanti studenti on line comunità virtuali interesse intenti pratica auto apprendimento livemocha second life e-twinning spring day for europe futurenergia european schoolnet xplora safety

Statistics

Views

Total Views
876
Views on SlideShare
868
Embed Views
8

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

3 Embeds 8

http://www.ddsauro-collesalvetti.it 5
http://www.campusmajoranaisernia.it 2
http://www.iisfalcone.it 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    scuola 6 scuola 6 Presentation Transcript

    • Autore: Angelo Panini 6 a PARTE WEB COMMUNITY PER LA SCUOLA LA SCUOLA E LA RETE
    • Una comunità virtuale è un gruppo sociale di persone interessate ad un determinato argomento comune che corrispondono tra loro attraverso una rete telematica... LE COMUNITÀ VIRTUALI COMUNITÀ DI INTERESSE -> gruppi di persone che condividono uno specifico interesse comune. COMUNITÀ DI INTENTI -> gruppi di persone che partecipano allo stesso processo o perseguono un obiettivo simile. Ve ne sono di 3 tipi:
    • COMUNITÀ DI PRATICA -> sono gruppi sociali che hanno come obiettivo finale il generare conoscenza organizzata e di qualità cui ogni individuo può avere libero accesso. In queste comunità Non esistono differenze di tipo gerarchico: tutti hanno uguale importanza perché il lavoro di ciascuno è di beneficio all’intera comunità, La finalità è il miglioramento collettivo. Con questo metodo si punta ad una conoscenza che si costruisce insieme e rappresenta un modo di vivere, lavorare e studiare.
    • I membri cercano a un apprendimento continuo in cui ognuno ha consapevolezza delle proprie conoscenze. Le Comunità di pratica tendono all'eccellenza prendendo ciò che di meglio viene realizzato al loro interno. Chi entra in questo tipo di organizzazione mira a un modello di condivisione nel quale non esistono spazi privati o individuali, in quanto tutti condividono tutto.
    • La struttura online di una comunità virtuale permette di soddisfare le necessità di comunicazione dei propri membri, sia nella forma individuale (one-to-one) che collettiva (many-to-many).
    • Le comunità di pratica spesso sono anche comunità educanti che servono ad adulti, insegnanti e ragazzi per:
      • Apprendimento e auto apprendimento
      • condivisione dei saperi
      • crescita personale e professionale
    • LE COMUNITÀ DI AUTOAPPRENDIMENTO Spesso le comunità costituite da individui molto motivati si costituiscono in gruppi di autoapprendimento nei quali tutti condividono contemporaneamente i ruoli di docente e discente perché ogni membro mette a disposizione degli altri il proprio sapere ed è predisposto ad acquisire le conoscenze degli altri. Un esempio interessante e simpatico è il sito www.livemocha.com nel quale dei materiali vengono messi a disposizione gratuitamente per studiare alcune lingue in autoapprendimento collaborativo con gli altri membri della comunità.
    • Un tipo di comunità innovativo è costituito da Second Life, un mondo virtuale tridimensionale, interattivo e multiutente nel quale i “ residenti “ comunicare tra di loro tramite una propria immagine detto “ avatar ”. SECOND LIFE
      • Second Life permette di svolgere una serie di attività:
      • costruire oggetti virtuali
      • realizzare e salvare materiali di vario tipo
      • gestire un negozio
      • leggere libri in una biblioteca
      • scrivere e comunicare
      • … e perché non anche:
      • Fare o seguire lezioni in una scuola?
      • Aspetti positivi di Second Life:
      • consente di sviluppare la creatività in molti campi
      • coinvolge a partecipare
      • presenta pochi rischi “reali”
      • offre progetti agevolati per l’istruzione
      Fare parte di Second Life è completamente gratuito e i “ residenti “ si possono muovere in numerosi spazi, anche storici o fantastici, velocemente e senza limitazioni. Solo ai minorenni l’uso viene limitato e si possono muovere solo in apposite aree
      • Aspetti critici di Second Life:
      • “ ruba” tempo alla vita reale
      • non combatte il “digital divide”
      • non è semplicissima da usare
      • assorbe notevoli risorse hardware
      • Aspetti educativi di Second Life:
      • motivazione creativa
      • apertura a diversi linguaggi
      • partecipazione istantanea
      • materiali in molteplici formati (Indire)
      • Sviluppo di ruoli e personalità grazie agli Avatar
      • Utilità scolastica di Second Life:
      • sperimentare liberamente nuove forme espressive (video, sceneggiature teatrali, ecc.)
      • utilizzare laboratori virtuali per esperimenti senza costi
      • visitare biblioteche, pinacoteche ed edifici storici virtuali
      • scambiare informazioni e discutere
      • seguire lezioni, conferenze e seminari
      • condivisione in molte lingue e ambienti
      • superare le divisioni tra discipline tradizionali
    • E-TWINNING E-Twinning è nato nel 2005 come punta di diamante del progamma di eLearning della Commissione Europea diventando ufficialmente parte del LifeLong Learning Programme e sembra essersi già meritato un ottimo futuro con piu di 23.500 scuole iscritte e più di 3500 progetti attivi. L’importanza delle relazioni in rete è confermata dalla presenza di numerosi progetti per collegare le scuole tra di loro con modalità collaborative o cooperative. Il concetto è semplice: trovare una scuola in un altro paese e "gemellarsi" attraverso attività di collaborazione in rete. Cosa che molte scuole fanno già da tempo.
    • La caratteristica di eTwinning sta nel fornire un'unica piattaforma in cui avvengono tutte le principali attività (vedere degli esempi, usare 'kit' già pronti, trovare un partner, registrare un progetto, lavorare in rete, pubblicare i risultati, ecc.) e si ricevono supporti (formazione, consigli, suggerimenti ecc.) attraverso gli uffici nazionali che rilasciano anche un riconoscimento ufficiale Non si tratta di un programma che riguardi direttamente l’apprendimento delle lingue che vengono viste solo come veicolo di comunicazione. Primavera dell'Europa è un‘altra iniziativa che si prefigge di "portare l'Europa a scuola" attraverso molteplici attività.
    • FuturEnergia è un sito (in 22 lingue) che offre attività in rete e un concorso rivolto alle scuole superiori di tutta Europa. Il concorso del momento riguarda la produzione di un poster che analizzi (e visualizzi) la questione dell’efficienza energetica. L’attività online richiede di raccontare (attraverso un testo e un’immagine) una storia che presenti “idee concrete di cambiamento comportamentale degli studenti, delle loro famiglie, di amici e parenti così da favorire un risparmio energetico”.
    • Xplora è un portale dedicato all'educazione alla scienza (in inglese, francese e tedesco). Il suo obiettivo dichiarato è migliorare l'insegnamento della scienza e avvicinare gli studenti a una materia da sempre ostica. Internet Safety si occupa di sicurezza su Internet. Si tratta di tematiche che interessano tutti, e non solo le scuole. EUN Community è un ambiente di collaborazione in rete realizzato dall’EU quasi per gioco, circa sei anni fa. A oggi sono presenti più di 2000 community con 35.000 membri. Non è più uno scherzo!