• Save
scuola 5
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

scuola 5

on

  • 1,270 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,270
Views on SlideShare
1,269
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 1

http://www.iisfalcone.it 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

scuola 5 scuola 5 Presentation Transcript

  • Autore: Angelo Panini 5 a PARTE YOUTUBE E GLI ALTRI SERVIZI DI CONDIVISIONE DI CONTENUTI MULTIMEDIALI LA SCUOLA E LA RETE
  • I SERVIZI DI CONDIVISIONE DI CONTENUTI MULTIMEDIALI Podcasting, youtube, slideshare sono solo alcuni dei servizi di condivisione di contenuti multimediali sorti inizialmente per superare il limite di siti statici contenenti prevalentemente testi e immagini. Questi servizi con il passare del tempo si sono sempre più orientati a connettere le persone.
  • In realtà si tratta di un pregiudizio derivante dalla scarsa conoscenza delle potenzialità dello strumento da cui deriva un uso non uso adeguato in ambito scolastico. YOUTUBE Di youtube in Italia se ne sente parlare principalmente in occasione della pubblicazione di video su episodi di bullismo e trasgressioni scolastiche più o meno gravi e non mancano accuse, da parte della classe insegnante, che ne giudica negativo l’impatto. L’università di Berkeley invece ha deciso di utilizzare YouTube per pubblicare online molte delle sue lezioni dando la possibilità achiunque di seguire, gratuitamente e da casa propria, i corsi di una delle principali università nel mondo. View slide
  • Youtube a scuola può essere usato per:
    • reperire materiali su specifiche tematiche disciplinari
    • sviluppare un cluster di video su specifiche tematiche disciplinari
    • costituire uno strumento per facilitare l’apprendimento
    • sviluppare negli studenti l'attitudine alla ricerca
    Appare interessante la presenza di canali, vale a dire di spazi concessi a taluni utenti significativi per poter sviluppare la propria presenza raccogliendovi i propri materiali e permettendone la sottoscrizione. View slide
  • Alla base del sistema di trasmissione dei filmati di youtube c’è lo streaming , una tecnologia innovativa che permette la diffusione di file multimediali (audio e video) attraverso la rete senza effettuarne il download completo. LO STREAMING il file viene diviso in file più piccoli che vengono caricati e letti in successione, eliminando il precedente in modo da non permanere sul computer e quindi non occupare spazio nella memoria. In questo modo la trasmissione avviene in tempo “quasi” reale (i pochi secondi necessari a scaricare il primo file) con la possibilità di interagire e gestire gli eventi.
  • Lo streaming permette quindi di trasmettere un suono o un filmato in tempo reale, nel momento stesso in cui viene ripreso permettendo l’utilizzo del computer come un apparecchio radiofonico o televisivo. È possibile ad esempio ascoltare una relazione, anche se questa dura un paio di ore o vedere mentre avviene una sfilata di moda. Esistono anche siti per lo streaming di file per la scuola. e siti per lo streaming realizzati da scuole.
    • Streaming on demand (in memoria), nel quale i dati audio/video sono inizialmente compressi e memorizzati su un server come file e sempre a disposizione degli utenti che possono richiedere la visione dei dati audio/video attraverso una connessione diretta con il server, decomprimendo i dati per essere correttamente visualizzati. Di questo tipo sono i flussi streaming di Real Video e Real Audio, Windows Media Player, QuickTime.
    esistono due tipologie di streaming:
    • Streaming live (dal vivo), è simile alla tradizionale trasmissione radio in broadcast, nel quale i dati sono trasmessi e riprodotti pochi secondi dopo l'inizio della ricezione, utilizzando opportune compressioni per alleggerire più possibile il carico sulla rete. I dati ricevuti vengono riprodotti pochi secondi dopo l'inizio della
  • Visto il successo avuto dallo streaming, ormai sono numerosi i server costruiti appositamente per ospitare esclusivamente file audio o video. Una delle più recenti applicazioni della tecnologia streaming è la creazione di videobrochure nel campo della pubblicità, mentre si sta aprendo il campo ad ulteriori applicazioni e opportunità di business attraverso la telefonia mobile. I software più usati per lo streaming sono: Windows Media Player QuickTime Macromedia flash Player VLC media player Winamp
  • WEB TV Lo tecnica dello streaming ha permesso la nascita e lo sviluppo delle web tv, canali televisivi per vedere trasmissioni, filmati e video in diretta o in quando si vuole come si può vedere nel sito www.guardatv.it che elenca le principali web tv generaliste in italiano. Esistono web tv e di carattere culturale generico o specialistico e anche fatte appositamente per la scuola.
  • I principali canali televisivi si sono adeguati mettendo in rete parte delle loro trasmissioni in cambio dei guadagni dei banner pubblicitari. Per migliorare la fruibilità dei propri materiali la RAI ha messo su youtube, in alcuni canali tematici, parte dei propri materiali video. Anche le singole aziende possono farsi una propria tv per diffondere informazioni aziendali all’interno o per mostrarsi all’esterno.
  • Si sta sviluppando il fenomeno della P2P TV , la televisione tra pari fatta in casa che grazie all'utilizzo della tecnologia peer-to-peer può essere trasmessa ad un numero elevato di persone senza l'utilizzo di server potenti e di banda elevata, riducendo i costi del sistema. Se si vuole creare una propria tv gli strumenti sono simili a quelli necessari per fare dei podcast e trovare ospitalità su un sito appositamente disposto ad ospitare video digitali. L’utilità a scuola di web TV e streaming in genere è simile a quella del podcast e di youtube.
  • SLIDESHARE Di particolare interesse per la scuola è Slideshare, un servizio che permette di condividere presentazioni digitali I materiale presenti sono in genere di buona qualità e permettono di usare il servizio per:
    • Trovare presentazioni utili per gli insegnanti in classe senza avere l’onere di realizzarli in proprio
    • reperire materiali su specifiche tematiche disciplinari
    • sviluppare raccolte di presentazioni su specifiche tematiche disciplinari
    • costituire uno strumento per facilitare l’apprendimento
    • sviluppare negli studenti l'attitudine alla ricerca
  • Oltre a quelli in precedenza citati vi sono altri servizi di condivisione più recenti: immagini mappe suoni E altri ancora stanno formandosi …