Moodle sesta parte: l'html editor

  • 3,552 views
Uploaded on

Moodle sesta parte: l'html editor

Moodle sesta parte: l'html editor

More in: Education , Technology , Design
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
3,552
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
13

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
3

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Autore: Angelo Panini 6 a PARTE L’HTML EDITOR MOODLE
  • 2. Importante in tutti gli spazi comunicativi (etichette, pagine web, lezioni, compiti, messaggi su forum ecc.) è l’html editor, lo strumento che permette di realizzare pagine o parti di pagine per internet senza conoscere il linguaggio html perché “traduce” direttamente quanto scritto o fatto in questo formato. Oltre alle icone tipiche di un sistema di video scrittura ne presenta altre, tra di esse particolarmente interessanti sono: creano, eliminano e impediscono link alle parole evidenziate permette di includere un’immagine già caricata o da internet inserisce una delle faccine tipiche delle chat mostra quanto scritto in html e permette di lavorare su di esso
  • 3. Per creare un collegamento (link) dopo aver scritto all’interno della finestra si devono evidenziare con il mouse le parti da cui creare il link e si clicca sul pulsante con gli anelli incatenati. Appare una finestra nella quale scegliere l’elemento a cui effettuare il collegamento, che può essere un sito internet il cui indirizzo va digitato nella casella URL.
  • 4. Se invece vogliamo collegarci ad un file che abbiamo depositato sulla piattaforma dobbiamo scegliere il pulsante Naviga. Si apre una seconda finestra che presenta le cartelle presenti in “files” tra le quali scegliere quella contenete l’elemento che interessa.
  • 5. Si sceglie quindi l’elemento al quale riferire il collegamento. In tal modo si ritorna alla prima finestra nel quale appare direttamente l’indirizzo interno al file. Sia con collegamenti a un sito esterno o ad un elemento interno è opportuno scegliere l’opzione “nuova finestra” se non si vuole chiudere quella esistente.
  • 6. Il collegamento apparirà così evidenziato e sottolineato. Dopo aver effettuato le altre impostazioni, che variano a seconda della risorsa o dell’attività, ed aver salvato con il tasto lo scritto apparirà con il link evidenziato anche agli studenti.
  • 7. In una risorsa o un’attività si può inserire un’immagine se questa prevede un html editor ,cliccando sul pulsante con il dipinto. Appare una finestra nella quale scegliere in “Gestione file” l’immagine da trasferire che così appare a fianco in ”Anteprima” e con l’ indirizzo in alto in “URL dell’immagine”.
  • 8. L’immagine può essere inserita anche insieme a del testo e la comunicazione appare in questo modo: Nel caso specifico si tratta di un messaggio su un forum. Da notare il link finale ad un sito esterno.
  • 9. Per inserire la possibilità di usufruire di un file multimediale complesso (audio, video, presentazioni) in una attività o in una risorsa che dispone di un html editor si deve prima selezionare il file da utilizzare, ad esempio su youtube o slideshare. I siti di condivisione di file multimediali in genere presentano un codice da incorporare (embed) per vederne il contenuto anche su pagine di altri siti.
  • 10. Per poter effettuare questa operazione bisogna cliccare sulla casellina del codice e scegliere di copiarlo.
  • 11. Per incorporare un file multimediale si clicca sul pulsante <>. Appare il contenuto della pagina in formato html.
  • 12. Si aggiunge il testo del codice da incorporare incollandolo. Si disattiva il formato html riselezionando il comando <> ed appare nella finestra dell’html editor lo scritto seguito dal filmato che può anche essere dimensionato con le normali modalità che si usano in un editor di testo.
  • 13. Quando si termina la predisposizione della risorsa o dell’attività il file multimediale appare incorporato al suo interno e può essere gestito normalmente.
  • 14. Sia che si tratti di filmati.
  • 15. Sia che si tratti di presentazioni.