Moodle quarta parte: allestire un corso

11,995 views
11,670 views

Published on

Moodle quarta parte: allestire un corso

Published in: Education, Technology
0 Comments
10 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
11,995
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,015
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
10
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Moodle quarta parte: allestire un corso

  1. 1. Autore: Angelo Panini 4 a PARTE ALLESTIRE UN CORSO MOODLE
  2. 2. Per creare un nuovo corso un amministratore o un creatore di corsi, deve selezionare nella parte a sinistra dell’home page del sito come appare a lui, l’opzione secondaria “ Aggiunta/Modifica corsi ”
  3. 3. Si apre così un riquadro che permette di modificare la disposizione e la visibilità delle “categorie di corsi”, oppure creare nuovi corsi o nuove categorie. Cliccando su una categoria di corsi si accede ai corsi che ne fanno parte.
  4. 4. Si passa a un nuovo riquadro, anche in questo è possibile creare un nuovo corso. La creazione di un corso, che sia attivata da questo riquadro o da quello precedente “ Aggiungi/Modifica corsi ”, fa apparire la stessa pagina di impostazione iniziale.
  5. 5. All’inizio di questa pagina “ Modifica impostazioni del corso ” si devono compilare alcuni campi descrittivi. Il nome integrale sarà il nome del corso per gli utenti. A fianco di molte opzioni appare il pulsante di aiuto che fa comparire una finestra di suggerimento.
  6. 6. Successivamente si devono impostare la struttura della pagina d'ingresso del corso e altre opzioni. In particolare il formato definisce la struttura degli argomenti (unità didattiche del corso) che possono venire organizzati per settimane, argomenti, relazionale, ecc.
  7. 7. Nel quadro Iscrizioni si sceglie se lasciare a chiunque la possibilità di iscriversi liberamente oppure se l’iscrizione deve essere convalidata dal docente o altro personale. È anche possibile rendere l’iscrizione senza scadenza o scegliere di notificare automaticamente la scadenza agli iscritti entro un certo termine.
  8. 8. C’è la possibilità di suddividere gli iscritti in gruppi per assegnarli a tutor e/o svolgere delle attività in comune. I corsi possono anche essere creati con anticipo ma non essere attivati sino all’epoca di partenza. Al termine le impostazioni scelte sono confermate con il pulsante “salva modifiche”.
  9. 9. Una volta creato il corso il docente deve organizzarne la struttura interna attivando la modalità “ Attiva modifica ” Se non è soddisfatto delle caratteristiche di base il docente può cambiarle tornando a “ Modifica impostazioni del corso ”, a cui è possibile accedere anche dalla pagina iniziale del corso.
  10. 10. Deve quindi procedere a definire il contenuto dei riquadri e quali far vedere o tenere nascosti. Il “ riquadro iniziale ” (il numero 0) viene in genere utilizzato per presentare il corso e dare informazioni utili per poterlo fruire e contiene predefiniti un forum e un’etichetta.
  11. 11. Gli altri riquadri racchiudono i contenuti del corso distribuiti per argomenti, periodi, o altra modalità. Per ognuno dei riquadri centrali il docente deve scegliere e impostare le risorse e le attività che ritiene più opportune.
  12. 12. È anche possibile operare sugli elementi spostandoli con le frecce nascondendoli schiacciando l’occhio modificandoli riaprendo le pagine di impostazione, eliminandoli
  13. 13. Vanno anche impostate le risorse che si ritiene opportuno inserire nel corso come ad esempio uno o più forum. La predisposizione e l’inserimento di attività e risorse vanno sempre fatti in base a una corretta programmazione didattica.
  14. 14. Una volta conclusa l’impostazione del corso si disattivano le modifiche con l’apposito pulsante in basso. Le modifiche e l’inserimento di nuovi elementi va fatto allo stesso modo dell’impostazione iniziale. È possibile anche controllare come appare il corso agli studenti.

×