Your SlideShare is downloading. ×
0
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database

6,085

Published on

Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database

Moodle dodicesima parte: gestire le attività - diario, sondaggio e database

Published in: Education, Business, Technology
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
6,085
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
13
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  1. Autore: Angelo Panini 12 a PARTE GESTIRE LE ATTIVITÀ: DIARIO, SONDAGGIO E DATABASE MOODLE
  2. LE ATTIVITÀ le attività sono il cuore di un sistema di gestione di corsi perché consentono: <ul><li>l’interazione tra i partecipanti al corso </li></ul><ul><li>Lo svolgimento di compiti che valorizzano il lavoro dell’allievo </li></ul><ul><li>Il feedback tra docente e studenti </li></ul>Insieme alle risorse Moodle fornisce alla didattica il supporto di una serie di strumenti ampia e articolata, detti attività:
  3. Si rendono così operativi le opzioni e i menù a tendina che permettono di lavorare in Moodle Per creare e modificare le attività bisogna selezionare il pulsante “ Attiva modifica ”
  4. Appare quindi una pagina per effettuare le scelte relative alla risorsa che differisce a seconda di quella scelta. Una volta conclusa l’impostazione della risorsa si ritorna alla situazione normale con il tasto in basso, comune a tutte. Per modificare una attività già esistente si deve rientrare nella pagina di impostazione con il simbolo “aggiorna” È possibile operare sugli elementi spostandoli con le frecce nascondendoli schiacciando l’occhio modificandoli riaprendo le pagine di impostazione eliminandoli Nel menu a tendina si seleziona l‘attività che si vuole creare.
  5. Il Sondaggio offre degli strumenti utili per stimolare e migliorare l'apprendimento in un ambiente online. SONDAGGIO L’impostazione del sondaggio avviene con una pagina dall’aspetto molto semplice.
  6. In Moodle si possono fare tre tipi di sondaggio che sono predefiniti. Grazie ad esso gli insegnanti possono raccogliere dagli studenti quelle informazioni che li aiuteranno a conoscere meglio la classe e a riflettere sul proprio modo di insegnare. I sondaggi disponibili sono stati scelti poiché sono particolarmente utili per la valutazione degli ambienti di apprendimento online che utilizzano la pedagogia costruttivista. Servono a identificare certe tendenze che possono manifestarsi tra i partecipanti a un corso.
  7. Il sondaggio ATTLS (Attitudes Towards Thinking and Learning Survey) è costituito da 20 domande predefinite che servono per analizzare la qualità della discussione in un ambiente collaborativo misurando se una persona è un “conoscitore collegato” (CK - connected knower) o un “conoscitore isolato” (SK - separate knower).
  8. Il sondaggio ATTLS si basa sulla teoria dei “modi di conoscere”, proposta da Belenky (1986), a cui si è ispirato Galotti (1999) per costruire questo sistema di rilevazione. Questa teoria può aiutarci a guardare come le persone interagiscono in un nuovo modo. Essa descrive due stili differenti di relazionarci con gli altri ai fini di valutare e imparare le cose che vediamo e che sentiamo: lo stile connesso e lo stile separato. Le persone con stile prevalentemente connesso (CK - connected knower) tendono a trovare l'apprendimento più divertente, e sono spesso più cooperative, più socievoli e più desiderose di costruire sulle idee degli altri, mentre le persone con un più alto grado di separazione nell'apprendimento (SK - separate knower) tendono a prendere una posizione più critica e argomentativa.
  9. Gli studi hanno dimostrato che questi due stili di apprendimento sono indipendenti l'uno dall'altro (Galotti e altri, 1999 - 2001) e sono solamente un riflesso delle attitudini all'apprendimento, e non delle capacità di apprendimento né delle potenzialità intellettuali. Per formare un gruppo di allievi collaborativo ed efficace, la cosa migliore sarebbe che ciascuno fosse capace di usare entrambi le modalità di conoscenza. In una situazione particolare come quella di un forum online, un singolo messaggio di una persona può mostrare l'una o l'altra di queste caratteristiche o entrambe. Ciascuno di noi usa queste due modalità in misura diversa e in momenti diversi.
  10. Il sondaggio Incidenti Critici è il più semplice e chiede agli studenti di rispondere a cinque domande predefinite sul loro modo di partecipare alle attività recenti (classe, forum, ecc.).
  11. Comprende 24 affermazioni raggruppate secondo 6 criteri, ciascuno dei quali rivolto a valutare un aspetto chiave della qualità dell'ambiente di apprendimento online. Il sondaggio COLLES serve per monitorare fino a che punto si è stati capaci di sfruttare le possibilità interattive del World Wide Web, per stimolare gli studenti a utilizzare le modalità di apprendimento dinamico e collaborativo.
  12. <ul><li>Pertinenza : analizza quanto l'apprendimento on-line è adatto alla futura professionalità degli studenti; </li></ul><ul><li>Senso critico: indaga se l'apprendimento on-line stimola ulteriormente il senso critico degli studenti; </li></ul><ul><li>Interattività : verifica in che misura gli studenti interagiscono on-line per aumentare l’apprendimento; </li></ul><ul><li>Sostegno da parte del docente : controlla in che misura i docenti incoraggiano e aiutano gli studenti a partecipare all'apprendimento on-line </li></ul><ul><li>Sostegno da parte dei colleghi : esamina se on-line si riceve un supporto significativo e un incoraggiamento da parte degli altri studenti; </li></ul><ul><li>Comunicazione : analizza se le comunicazioni on-line tra studenti e docente sono significative, utili e comprensibili. </li></ul>
  13. Sono disponibili tre varianti del sondaggio COLLES: Attuale (viene chiesto il parere sull'andamento attuale), Preferito (lo studente può esprimere le sue preferenze, indipendentemente dalla situazione pratica), Attuale e Preferito (per ogni domanda lo studente può dare due risposte, in base allo stato attuale e a ciò che preferirebbe).
  14. Alla base della visione dinamica dell'apprendimento del sondaggio COLLES c'è la teoria del costruttivismo sociale, che vede nello studente un attore attivo in un ambiente di studio socialmente interattivo. Il costruttivismo sociale è un modo di apprendere, col quale gli studenti collaborano per costruire nuovi saperi, specialmente attraverso una mutua interrogazione basata sulle loro esperienze personali. Il punto centrale di questa collaborazione è lo sviluppo della competenza comunicativa degli studenti, cioè la capacità di impegnarsi in aperte e critiche discussioni sia con i docenti che con gli altri studenti. Queste discussioni sono caratterizzate da una comune disposizione a costruire la comprensione reciproca e l'attitudine critica verso l'analisi dei presupposti. .
  15. Dopo aver effettuato il sondaggio lo studente può vedere un raffronto dei suoi risultati rispetto alla classe.
  16. Il diario serve per registrare osservazioni e riflessioni. DIARIO L'insegnate chiede allo studente di esprimere una riflessione su un particolare argomento, e lo studente può rispondere e successivamente migliorare la sua risposta nel tempo. La risposta è riservata e può essere vista solo dall'insegnante, che può inviare una nota di risposta ed esprimere una valutazione per ogni diario nel corso. In alcune situazioni è opportuno avere una attività di tipo Diario per ogni settimana di corso. L’impostazione del diario avviene come al solito in un’apposita pagina.
  17. La pagina che si apre viene gestita come prassi con l’editor html e consente tutte le attività da esso previste.
  18. L’accesso al diario avviene in modo semplice. La pagina che si apre permette di scrivere le proprie considerazioni.
  19. Quanto scritto appare poi al solo insegnante. Che può commentarlo e, se previsto nelle impostazioni di base, valutarlo in base alla teoria della conoscenza isolata e della conoscenza collegata.
  20. Un Database (trad. base di dati) è un archivio di dati (raccolta di informazioni) eterogenei e permanenti gestito da un elaboratore che memorizza e organizza i dati per una loro veloce gestione (ricerca, cancellazione, inserimento). DATABASE Per garantire un accesso rapido e diretto alle informazioni è necessario memorizzare le informazioni relative ad argomenti omogenei in apposite tabelle e indicare il tipo di relazione che esiste tra le informazioni per visualizzarle così in modo corretto quando verranno richieste. Nelle tabelle i dati sono organizzati in righe, dette record, che attengono ai soggetti da osservare, e in colonne, chiamate campi, che accolgono gli aspetti da rilevare.
  21. <ul><li>l'individuazione delle informazioni che si intendono memorizzare; </li></ul><ul><li>la suddivisione delle informazioni in argomenti distinti; </li></ul><ul><li>la definizione qualitativa e quantitativa dei soggetti (record) di osservazione; </li></ul><ul><li>la scelta degli aspetti da rilevare (campi) nei quali suddividere le informazioni; </li></ul><ul><li>la creazione della struttura attraverso la definizione delle caratteristiche dei campi. </li></ul>Le fasi di progettazione di un database devono prevedere: Il formato e la struttura dei dati da registrare possono variare notevolmente, includendo tra l'altro testi, valori numerici, immagini, registrazioni sonore, video, URL.
  22. Il Database di Moodle permette al docente e eventualmente agli studenti di costruire, visualizzare, ricercare un insieme di records (archivi) riguardanti un qualunque argomento. Dopo aver creato la struttura del database si procede predisponendo uno tra gli oggetti che lo costituiscono e che è possibile selezionare e gestire come singolo elemento.
  23. La prima operazione richiesta dopo la creazione di un database è l’impostazione di almeno un campo in uno dei formati previsti, che costituisce un aspetto fondamentale per cui il sistema definisce la tabella come “campo”.
  24. Dopo aver scelto il tipo di campo si devono indicare il numero di righe e colonne della tabella. È importante capire la funzione dei diversi tipi e delle diverse proprietà dei campi per effettuare scelte appropriate in base ai dati e alle informazioni che vi dovranno essere contenute e raccolte.
  25. Appare poi l’elenco dei campi che inizialmente sarà costituito solamente dal primo realizzato. È poi necessario definire un modello di visualizzazione per gli studenti.
  26. Successivamente gli studenti potranno a loro volta inserire le informazioni (record) nel database scegliendo la linguetta “Aggiungi record”. La struttura del database può essere modificata anche in un momento successivo, se si reputa necessario, purché si tenga conto delle caratteristiche dei dati già inseriti.
  27. In Moodle è anche possibile esportare le impostazioni di un database realizzato in formato .zip rendendolo disponibile a tutti gli utenti di un sito. Se all’esterno del sito si dispone di una impostazione di un database in formato .zip è possibile importarla. In alternativa si può utilizzarne uno dei modelli predefiniti. Un Modello di visualizzazione può essere cancellarlo utilizzando il pulsante &quot;Elimina&quot; accanto al nome.

×