• Save
e-learning quarta parte
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

e-learning quarta parte

  • 3,999 views
Uploaded on

e-learning: l'e-learning

e-learning: l'e-learning

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
3,999
On Slideshare
3,031
From Embeds
968
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
3

Embeds 968

http://www.dessena.eu 759
http://localhost 208
https://www.facebook.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Autore: Angelo Panini 4 a PARTE L’E-LEARNING E-LEARNING
  • 2. Computer e reti hanno reso possibile un processo di comunicazione continua che configura lo svolgimento di una attività didattica effettiva. La Formazione a Distanza (FaD) è una modalità di formazione svolta in modo prevalentemente autonomo (autoapprendimento) utilizzando materiale didattico distribuito con modalità e supporti diversi. Nella FaD in origine (distribuzione per corrispondenza) vi erano comunicazioni marginali fra studenti e distributori. Successivamente il telefono ha reso possibile una maggiore interazione ma non ha dato luogo ad una vera attività di insegnamento.
  • 3. L’e-learning non è tanto una soluzione tecnologica, ma è un modo nuovo di sviluppare conoscenze. L’E-LEARNING A differenza della semplice FaD, l’e-learning: Lo sviluppo dell’uso dei computer e delle reti nella formazione ha originato una nuova forma di istruzione, l’ e-learning , che non è più FaD ma un processo formativo che avviene prevalentemente in rete attraverso l’interazione dei partecipanti e permette azioni che rimuovono sia le distanze di spazio che di tempo rendendo libero il discente di autogestirsi.
    • fa incontrare le persone
    • stimola la comunicazione (non solo con il docente)
    • favorisce la condivisione di esperienze e risorse
  • 4. On-line learning Formazione in rete, con utilizzo del computer e di internet E-Learning Formazione “elettronica”, con l’utilizzo del computer Il termine e-Learning ha una vasta portata che comprende la formazione in rete, ma spesso lo si usa per riferirsi solo a questa. " L’e-learning può essere definito come l’erogazione di attività, processi ed eventi formativi, formali e informali, tramite l’uso di tutti i media elettronici come Internet, intranet, extranet, CD-ROM, DVD, TV, telefonia cellulare e fissa, computer palmari, etc." (P. Fontanesi)
  • 5. “ L’e-learning è una metodologia didattica che offre la possibilità di erogare contenuti formativi elettronicamente (e-learning) attraverso Internet o reti Intranet. Per l’utente rappresenta una soluzione di apprendimento flessibile, in quanto fortemente personalizzabile e facilmente accessibile. Il termine e-learning copre un’ampia serie di applicazioni e processi formativi, quali computer based learning, Web-based learning e aule virtuali.In effetti, sviluppare un sistema di e-learning significa sviluppare un ambiente integrato di formazione utilizzando le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare le risorse per l’apprendimento. In base alla definizione del CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione )
  • 6. Gruppo dei pari Materiali didattici e strumenti Docente Studente Le attività di e-learning pongono al loro centro lo
  • 7. Le modalità utilizzate per fare e-learning in rete sono:
    • l’apprendimento collaborativo attraverso le attività delle comunità virtuali di apprendimento"
    • l’apprendimento in sincrono attraverso l’utilizzo di chat, videoconferenze e aule virtuali
    • l’autoapprendimento asincrono che consente la fruizione di contenuti preconfezionati disponibili sulla piattaforma di erogazione
    L’e-Learning Action Plan della Commissione Europea (2001) definisce l’e-Learning come “l'utilizzo delle nuove tecnologie multimediali e di Internet per migliorare la qualità dell'apprendimento agevolando l'accesso a risorse e servizi nonché gli scambi e la collaborazione a distanza.…”
  • 8.
    • implica inevitabilmente la trasformazione della didattica che passa da una tipologia comunicativa del tipo uno-molti ad una tipologia molti-molti
    • il ruolo del docente cambia e diventa sempre più tutor, consigliere, facilitatore, animatore di rete e non solo trasmettitore di conoscenze
    • l’interazioni può essere di tipo verticale: sostegno da parte di esperti, tutor, animatori, etc…
    • l’interazioni può essere anche di tipo orizzontale: possibilità di sviluppare attività di cooperazione e collaborazione tra i partecipanti al corso
    L’e-learning comprende un’insieme di attività che vanno dall’ apprendimento assistito sino alle classi virtuali e:
  • 9.
    • accesso facilitato, cioè possibilità estesa di partecipare pienamente allo sviluppo delle conoscenze e delle competenze
    • possibilità di formazione continua lungo tutta la vita lavorativa
    • maggiore velocità e continuità di aggiornamento dei contenuti di un corso che permette il prolungamento della vita stessa di un corso e la sua immediata fruizione in forma aggiornata
    Vantaggi dell'e-learning per la formazione:
  • 10.
    • flessibilità ed estensione dei tempi e modi dell’apprendimento in condizioni di sincronicità e di asincronicità
    • personalizzazione dei processi di apprendimento
    • miglioramento della qualità complessiva dell’apprendimento, attraverso una scontata qualità di componenti, materiali e tecnologie, ma soprattutto attraverso la possibilità di utilizzare in modo integrato più sistemi di apprendimento
    • sviluppo di comunità di apprendimento
    • interiorizzazione di atteggiamenti attivi nella ricerca della conoscenza, che porta a pensare l’apprendimento come una condizione assolutamente attiva, dove occorre costruirsi sentieri di conoscenza
    benefici dell'e-learning per l'apprendimento:
  • 11.
    • riduzione dei costi indiretti della formazione legati alla localizzazione, alla struttura per la presenza degli allievi, all’assenza dal lavoro in momenti critici
    • riduzione dei costi diretti di formazione, in relazione ai risultati (efficacia dell’apprendimento)
    • scalabilità, ossia la possibilità di ripartire costi fissi su un numero crescente di partecipanti con bassi costi incrementali
    • aumento della velocità di risposta della formazione all’emergere di nuove necessità di conoscenza (l’e-learning può raggiungere un gran numero di persone contemporaneamente e in un tempo assai rapido)
    vantaggi dell'e-learning dal punto di vista economico:
  • 12. INSTRUCTIONAL DESIGN Nel suo sviluppo l’e-learning è stato fortemente influenzato dall’Instructional Design, una corrente di pensiero fortemente pragmatica che si occupa di individuare le strategie che rendono più efficace l'apprendimento, in un'ottica probabilistica che tiene conto dell'elevato numero di variabili in gioco nella progettazione formativa. Alcuni seguaci dell’Instructional Design hanno criticato il costruttivismo perché ritengono che l’idea di collaborazione non possa essere alla base di un principio fondamentale di istruzione, la cui definizione e scelta, pur tenendo conto delle istanze dei destinatari, spetta ad esperti in grado di valutare i fattori di contesto per la definizione dei mezzi e delle modalità da adottare.
  • 13. Secondo il principale esponente dell’Instructional Design, David Merrill, l'apprendimento è facilitato se:
    • il discente è sollecitato a risolvere un problema legato alla vita reale (problem)
    • come base per l'attivazione della nuova conoscenza è utilizzata la conoscenza esistente (activation)
    • viene "dimostrata" tramite procedure ed esempi a colui che apprende la conoscenza da acquisire (demonstration)
    • all'allievo viene richiesto di usare quanto appreso per risolvere problemi (application)
    • le nuove acquisizioni sono integrate nelle strutture cognitive preesistenti (integration)
  • 14. Anche le scuole che tradizionalmente sviluppano il processo formativo in presenza possono trarre vantaggio dall’e-learning con sistemi blended Il termine blended learning (apprendimento combinato) indica le modalità di erogazione di percorsi formativi che combinano e integrano e-learning e formazione d’aula L’uso del blended learning può riguardare l’uso di diversi media nell’ambito dell’e-learning, di diversi modelli didattici, di modalità sincrone e asincrone di studio. IL BLENDED LEARNING
  • 15.
    • Computer e rete attraggono
    • Materiali didattici interattivi e forum di discussione promuovono un ruolo attivo
    • Il lavoro in rete permette il rispetto dei tempi individuali di apprendimento e la personalizzazione dei percorsi
    • Il software può permettere simulazioni e quindi il learning by doing
    • La didattica in rete - asincrona - supera barriere di tempo e di spazio
    • L’approccio diretto ed esplorativo nella parte in autoistruzione, si combina con l’intervento di guida e supporto nella parte in aula
    Il blended learning sta ottenendo un successo rilevante sia in efficacia che in gradimento tra gli studenti per i seguenti motivi:
  • 16.
    • chi opera in ambiti tradizionali può essere introdotto in modo soft alle logiche e agli strumenti di e-learning, senza mutare improvvisamente la propria cultura professionale
    • limitazione dei fattori di demotivazione e solitudine che possono intervenire nel caso della prima esperienza di e-learning
    • possibilità di integrazione dei corsi esistenti piuttosto che loro sostituzione.
    Anche le organizzazioni possono trarre vantaggio dal blended learning: