Your SlideShare is downloading. ×
0
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Online Public Relations: da nice to have a must have
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Online Public Relations: da nice to have a must have

732

Published on

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
732
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
15
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. ONLINE PUBLIC RELATIONS NEL 2012 -DA NICE TO HAVE A MUST HAVE-
  • 2. IL WEB È IL PRIMO AMBITO (IN SENSO TEMPORALE)IN CUI LE OPINIONI DEI CONSUMATORI SU DI UNDETERMINATO PRODOTTO SI MANIFESTANO.Gli italiani onlinePiù di 28 milioni di navigatori complessivi e12,7 milioni di italiani attivi su base giornalieraProfilo dei navigatori italiani:nel giorno medio sono attivi online circa 7 milionidi uomini (il 25,4% del totale della popolazionemaschile) e 5,8 milioni di donne (il 21,1% delledonne italiane).
  • 3. Oltre l’85% degli italiani che navigano in retefrequentano quotidianamente almeno un blog oun social network, un dato che dimostra quantointernet sia sempre più un luogo dove nascono,crescono e si formano opinioni.Quasi il 70% dei consumatori si basa sulle opinionionline per la scelta di un prodottodi questi circa il 40% se trova opinioni negativecambia idea.
  • 4. THE is fullINTERNET
  • 5. 60”  nei  social  network  
  • 6. IN QUESTO SCENARIO BRAND > WEBCHE AZIONE SVILUPPARE PER UN’ATTIVITÀ DI DIFFUSIONE ONLINE? COSA FARE? CON CHI? QUANDO?
  • 7. BRAND DIFFUSION MANAGEMENT “La cosa più importante nella comunicazione è ascoltare ciò che non viene detto” MONITORARE Peter Drucker BRAND DIFFUSION MANAGEMENT 2.0“Content is the King” CONDIVIDERE PARTECIPARE Andrew Odlyzko “I mercati sono conversazioni” Cluetrain Manifesto
  • 8. MONITORARE:sapere se si parla, cosa si dice del tuo brand online e come se neparla attraverso strumenti gratuiti/piattaforme professionali dimonitoraggioCONDIVIDERE:reputazione di un brand/azienda può essere costruita anchee soprattutto mettendo a disposizione dei propri consumatoricontenuti di qualità.Vuol dire anche:“dividere con”i consumatori le fasi di progettazione/sviluppo/pensiero relative a nuovi prodotti/servizi, nuove strategie,ecc…PARTECIPARE E FAR PARTECIPARE:ulteriore passo da compiere per migliorare la propria reputazione èpartecipare alla conversazione.SVILUPPARE ENGAGEMENT SULLA BASE DELL’ASCOLTO
  • 9. PLAYERSChi tiene la conversazioneIl target della nuova comunicazione online è primadi tutto colui che può effettivamente influenzare inmodo positivo o negativo la decisione d’acquisto ol’interesse verso il nostro prodotto. QUESTI SONO GLI INFLUENCER
  • 10. IDENTIKITDI UN INFLUENCER MEDIO Si tratta di una persona come noi, non necessariamente un opinion leader conosciuto Non importa quante connessioni/contatti questa persona abbia Potrebbe essere anche il vicino che ne sa più di noi Se coinvolto in maniera appropriata dal brand, potrà svolgere il ruolo di “ambasciatore” influenzando positivamente le opinioni relative a quel brand o prodotto
  • 11. ESEMPIDI INFLUENCER:PERSONAGGI GIORNALISTI BLOGGER ESPERTI DISPORT, SETTORESPETTACOLOPOLITICA ANTICIPATORI PERSONE NORMALI SPERIMENTATORI NEW INFLUENCER ESPERTI DI DIGITAL MARKETING
  • 12. CONOSCERE GLI INFLUENCER ED ARRIVARE A CONQUISTARLI.SONO GLI UTENTI DEL WEB PIÙ ASCOLTATI.Il 90% dei contenuti online, delle interazioni, degli articoli, dei commenti, dei video e delle foto inserite è creato dal 10% degli utenti.Queste persone, gli influencer, hanno la capacità di condizionare edinfluenzare le comunità online e di indirizzare la scelta verso mirati prodottie servizi.Gli influencer possono determinare il successo di un prodotto o di un servizio.Anche se questo aspetto varia in percentuale da settore a settore.Dato che l’opinione non è una merce in vendita, gli influencer vanno informaticorrettamente, aggiornati costantemente, ascoltati, dotati di strumenticomparativi del proprio prodotto o servizio.L’investimento più importante è nella ricerca degli influencer e nello sviluppodella relazione con loro.NEL WEB LE RELAZIONI CONTANO.SONO RILEVANTI E NON PER NIENTE MARGINALI.
  • 13. Nell’attività di engagement, di diffusione dei contenuti e dialogo con l’utente, sono datenere in considerazione queste figure che condizionano > indirizzano l’opinione dell’utente.
  • 14. SVILUPPAREBRAND ENGAGEMENT VALUTARE TUTTI QUESTI ATTORI, ASPETTI, CANALI QUINDI… CURARE LE PR ONLINE
  • 15. L’IMPORTANZADELLE PR ONLINE• Costruire relazioni a più livelli• Contatto diretto con chi ne parla, che ha influenza nella rete• Contatto con l’utente• Creazione di una sezione customer care all’interno del sito• Creazione di una community o partecipazione attiva in altre, eventualmente come partner• Attività di ufficio stampa online• Attività di diffusione di contenuti e notizie soprattutto in canali non ufficiali (come blog, forum etc) > buzz marketing• Far conoscere personalmente il brand inviando omaggi od organizzando brand experience, collegando sempre più il mondo reale con il virtuale
  • 16. IN SOSTANZAdevocostruire relazioni e diffonderecontenuti di qualitàCHI PUÒ AIUTARMI A FARLO?
  • 17. VIRAL448.COM Campagna  di   Idea  +   Persone   diffusione     Propagazione   FARSI   budget   virali   nella  rete   ASCOLTARE   ad  hoc  RISULTATI:Notorietà | innovazione | relazioni | vendita | promozione | diffusione virale | reputazione + ENGAGEMENT
  • 18. Come la campagna dicomunicazione aziendale puòdiventare facilmente virale e far sorridere le persone… sfruttando gli infuencer di settore
  • 19. COME UN CASTING ONLINE SI TRASFORMA IN FENOMENO VIRALE Come si denota dalle statistiche che verranno proposte in seguito, il social casting ha avuto un incredibile impatto virale, questo per due motivazioni strategiche principali: 1. Il voto compariva automaticamente nella bacheca dei votanti 2. Le modelle si sono autopromosse nel social network oppure hanno chiesto ai loro amici di supportarle sponsorizzando la loro candidatura
  • 20. 1. L’effetto virale del Social Casting deriva principalmente dal fatto che il voto compariva automaticamente nella bacheca dei votanti. Tutti gli amici di un votante avevano la probabilità di visualizzare il voto, accedere alla pagina dedicata al Social Casting e votare a loro volta la ragazza preferita.
  • 21. 2. Mezzo di diffusione virale sono diventate poi le modelle stesse, che si sono autopromosse nel social network e hanno chiesto ai loro amici di supportarle sponsorizzando la loro candidatura
  • 22. L’IMPATTODEL SOCIAL CASTINGSULLE STATISTICHE DEL SITO CALEIDOSHOP.ITStatistiche sito medie mesi precedenti Statistiche sito mesi interessatial Social Casting dal Social CastingVisite mensili medie: 8.000 Visite Febbraio: 38.000Visitatori mensili medi: 5.000 Visitatori Febbraio: 24.000Pur essendo cessato il boom di visite, si sta verificando un effetto che possiamodefinire “coda lunga del Social Casting”: le visite giornaliere attuali (marzo) si sonostabilizzate su un numero di visite mediamente doppio rispetto al periodo pre-castingSI È CALCOLATO CHE ALL’INTERNO DI FACEBOOK SI SONO GENERATE CIRCA77.000 CONDIVISIONI DEL BRAND
  • 23. IKEA BERÖRAPer promuovere il lancio del nuovo catalogo per iPad, IKEA Norvegia ha creato unkit da cucito per poter rendere qualsiasi tipo guanto touch-screen compatibile.Si chiama BERÖRA (=toccare) e consiste in una scatola (con tanto di istruzioni,of course) con un kit di ago e filo conduttore. Una volta cucito il filo sul ditinoguantato che usato per pigiare il vostro iPhone, iPad, tablet, etc etc., il gioco èfatto.• In 2 settimane: + di 70.000 visualizzazioni• I kit BERÖRA, che erano a scopo promozionale in Norvegia, sono andati a ruba: 12.000 kit esauriti in due settimane• Dopo la commercializzazione del kit chiamato Beröra (toccare) il nuovo catalogo per iPad è arrivato immediatamente al primo posto di AppStore per iOS OBIETTIVO RAGGIUNTO

×