_LERELAZIONI IN RETE
Loscenario
+ di 14.000.000 di Italianiattivi ogni giorno nel web.Cosa fanno? Informazione, acquisti, divertimento.Il Rapporto Italia ...
Il webinfluenzae condiziona.  ”      Internet è per la condivisione di tutto.      Con internet, attraverso le nostre rela...
Che sia importante esserci,oramai è un dato di fatto.Ma porre attenzione a come esserci è altrettanto importante.Il vecchi...
LE RELAZIONISONO DIDUE TIPIA                                   Bsu canali esterni all’azienda:      su canali (e piattafor...
AFORUM         BLOG      PORTALI     PORTALI         SOCIAL                      GENERALISTI   TEMATICI       network     ...
Sono tutti mondi a sè stanti,con possibili integrazioni fra loro,ma da prendere nei loro insiemi.è Tramite questi canali c...
Facciamo unapremessa...Pubbliche Relazioni al di fuori del web:•	 Si comunica con un numero di soggetti compresi in un amb...
Ora le relazioniin retesono ancora piùimportanti.Come facciamo a costruire relazionie soprattutto relazioni di qualità?
Prima è il caso di vedere chi sono i principali attori con iquali costruire queste relazioni?Testimonial(costosi e a volte...
I NUMERI  DEL SOCIAL CASTING  L’impatto del Social Casting nel mondo di un’azienda di moda (Caleidos)  Come un casting onl...
Come si entra in contatto con questi influencer?Come si costruiscono le relazioni con loro?Che tipo di relazioni bisogna c...
Il contenuto di Qualitàe a ognuno il suo contenuto.Se vuoi far sì che parlino di te fai vedere la tua parte migliore.Falla...
Dando a ognuno il suo contenuto siè creato un sistema dove gli stessicontenuti introdotti sono diventatinotizia.Un contest...
Il contenuto di qualità deve          diventare notizia.*e le notizie più interessanti  sono, più diventano virali.
Per definizione, il concetto di “viralità” nel web è un qualcosadi inaspettato e, spesso, accidentale che non può esserepr...
Ma cosa succedese si sbagliacontenuto?
Il segreto per affrontare una          crisi sta soprattutto              nella capacità di     interdire e depotenziare. ...
CONSIDERAZIONIpossiamo dire che non è più così importanteil “quanto se ne parla”, ma di “cosa sene parla” e il “come se ne...
”Le imprese credono che il marketing esista peraiutare la produzione a smerciare i prodotti...è vero invece il contrario.....
www.linkness.com                           social bookmark                           social network                       ...
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online

527 views
441 views

Published on

Relazioni online: come si fa a farsi conoscere nel web?

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
527
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Relazioni in rete: tutto quello che serve per farsi conoscere online

  1. 1. _LERELAZIONI IN RETE
  2. 2. Loscenario
  3. 3. + di 14.000.000 di Italianiattivi ogni giorno nel web.Cosa fanno? Informazione, acquisti, divertimento.Il Rapporto Italia 2013 dell’Eurispes afferma, nel capitolo dedicato alle abitudini dei navigatori abituali,che l’utilizzo più frequente di Internet da parte degli utenti abituali registrato dal rapporto è:la ricerca di informazioni (97,4%), di poco inferiore la quota di chi invia e riceve mail (94,1%).La maggioranza del campione usa i social network  (71,9%), fa appunto acquisti online (63,4%, mentre il57% è iscritto ad almeno un gruppo d’acquisto), guarda filmati su YouTube (60,6%).Quasi la metà degli intervistati legge un blog (49,3%), il 45,2% chatta, il 40,6% gioca con i videogiochionline, il 38,3% scarica musica, film o giochi, il 35,6% legge e scrive su un forum.Ma un dato ancora più rilevante è che 1 persona su 3 interessata adacquistare un prodotto e quindi a ricercare informazioni a riguardo,se trova o legge informazioni negative su di esso,cambia idea sull’acquisto.
  4. 4. Il webinfluenzae condiziona. ” Internet è per la condivisione di tutto. Con internet, attraverso le nostre relazioni sociali, condividiamo sentimenti, condividiamo pensieri, condividiamo conoscenza e condividiamo emozioni. Internet è in realtà un “meta-luogo” dove la condivisione è naturale e legata e filo diretto con la natura umana, cioè il bisogno di relazione con gli altri. ” Vien da dire: “Non abbiate paura del web!”
  5. 5. Che sia importante esserci,oramai è un dato di fatto.Ma porre attenzione a come esserci è altrettanto importante.Il vecchio concetto di marketing e pr è inefficace nel mondo online.Il web ha cambiato le regole.Prima tutto era unidirezionale.Se un’azienda voleva far parlare di sé pianificava pubblicità o faceva in modo che i media parlassero di lei.Ora il web ha trasformato e rotto questi equilibri. Ha cambiato il modo di comunicare.è nata una nuova forma di comunicare, un nuovo marketing,un marketing di relazione.L’utente può dialogare con l’azienda e l’azienda deve dialogare con l’utente. L’utente vuole partecipazione.L’utente non è più passivo ma diventa attivo.Un’azienda deve scendere in campo e capire che deve iniziare a dialogare=iniziare a costruire relazioni.è variato anche lo scenario, ci sono nuovi canali, ci sono più canali.
  6. 6. LE RELAZIONISONO DIDUE TIPIA Bsu canali esterni all’azienda: su canali (e piattaforme) proprie:è l’azienda che deve (quanto meno sarà l’utente esterno che cercheràall’inizio) bussare alla porte. il dialogo con l’azienda.
  7. 7. AFORUM BLOG PORTALI PORTALI SOCIAL GENERALISTI TEMATICI network 1 2 3B PROPRIE PROPRIE UN PROPRIOPIATTAFORME PIATTAFORME BLOG web SOCIAL (area community)
  8. 8. Sono tutti mondi a sè stanti,con possibili integrazioni fra loro,ma da prendere nei loro insiemi.è Tramite questi canali che si costruiscono relazioni.Le Relazioni… iniziare a dialogare… iniziare a costruire rapporti.Proporre, Ascoltare, Monitorare.Ma come si costruiscono le relazioni in rete?
  9. 9. Facciamo unapremessa...Pubbliche Relazioni al di fuori del web:• Si comunica con un numero di soggetti compresi in un ambito spaziale ben definito e preciso.• Si comunica con un numero certo di persone contemporaneamente.• Si comunica in determinati momenti.Pubbliche Relazioni nel web:in sostanza sono un rapporto personale declinato in digitale.Il concetto di base può essere lo stesso:ciò che si comunica è visibile a chiunque, contemporaneamente, in ogni luogo e in ogni tempo.Non ci sono barriere spazio-temporali.
  10. 10. Ora le relazioniin retesono ancora piùimportanti.Come facciamo a costruire relazionie soprattutto relazioni di qualità?
  11. 11. Prima è il caso di vedere chi sono i principali attori con iquali costruire queste relazioni?Testimonial(costosi e a volte poco attivi online… piuttosto utili per creare contenuto relativo a prodotto/servizio)Giornalisti(rapporti come una volta solo che adesso hanno molto meno peso)Blogger(ce ne sono tanti, non tutti sono quelli rilevanti, in ogni caso sono molto tematici)Responsabili di portali tematici(vale il discorso dei blogger, anche se son più facilmente “comprabili”)Networker(identificabili anche con categorie precedenti, sono molto seguiti nelle loro presenze su piattaforme social)Leader, moderatori di forum(sono meno “influenti” di qualche anno fa)Utenti più attivi(che soprattutto su prodotto/servizio specifici, diventano dei veri e propri “influencer”)
  12. 12. I NUMERI DEL SOCIAL CASTING L’impatto del Social Casting nel mondo di un’azienda di moda (Caleidos) Come un casting online può diventare un fenomeno virale per visibilità e diffusione grazie alle modelle, che si sono autopromosse soprattutto tramite facebook chiedendo di sponsorizzare la propria candidatura. 1° Social Casting febbraio 2012 2° Social Casting agosto-settembre 2012 + 77.000 visualizzazioni del brand + 93.000 visualizzazioni del brand all’interno di facebook all’interno di facebook + 5.620.000 visualizzazioni di contenuto + 8.860.000 visualizzazioni di contenuto associato al brand su associato al brand su facebook facebookDurante i periodi dei Social Casting si è riscontrato:+ 300% aumento di visite al sito + 200% “mi piace” sulla pagina del brand su facebook
  13. 13. Come si entra in contatto con questi influencer?Come si costruiscono le relazioni con loro?Che tipo di relazioni bisogna costruire?Semplicemente in modo chiaro,trasparente e direttoEcco perché sono importanti I CONTENUTI & LE PERSONE Obiettivo: coinvolgimento e dialogo
  14. 14. Il contenuto di Qualitàe a ognuno il suo contenuto.Se vuoi far sì che parlino di te fai vedere la tua parte migliore.Falla vedere in maniera chiara, fresca, frizzantE, ironica e positiva, garbata e mai urlata. Eventi BLOGGER GIORNALISTA NETWORKER UTENTE Blogger kit Press kit Forma / Modo Concorsi, elementi grafici opportunità, contenuti testuali promozioni Campioni Notizia App, Prodotti Social game NOVITà NOVITà esclusività ATTENZIONE PARTECIPAZIONE RELAZIONE tempestività INTERAZIONE RELAZIONE
  15. 15. Dando a ognuno il suo contenuto siè creato un sistema dove gli stessicontenuti introdotti sono diventatinotizia.Un contest, una nuova comunicazione, una novità, un’app,un social game coinvolgono gli utenti e al tempo stesso fannoparlare di loro.In questo modo si creano collegamenti fra più canali,elevando l’effetto diffusione e viralità al quadrato.
  16. 16. Il contenuto di qualità deve diventare notizia.*e le notizie più interessanti sono, più diventano virali.
  17. 17. Per definizione, il concetto di “viralità” nel web è un qualcosadi inaspettato e, spesso, accidentale che non può essereprevisto a priori.è fondamentale non trascurare l’aspetto della divulgazione (e del lancio) delcontenuto, affinchè questo si diffonda in maniera capillare e divenga di fatto“virale”.Il contenuto può diventare virale, è quello che ci auguriamo tutti.Far parlare di sé, bene, in maniera tale da coinvolgere sottomolteplici aspetti l’utente.*Cosa dà viralità: l’importanza, la qualità, la tempestività, l’interesse, il tono ma soprattutto: far divertire l’utente.
  18. 18. Ma cosa succedese si sbagliacontenuto?
  19. 19. Il segreto per affrontare una crisi sta soprattutto nella capacità di interdire e depotenziare. Sicuramente è meglio non scappare.
  20. 20. CONSIDERAZIONIpossiamo dire che non è più così importanteil “quanto se ne parla”, ma di “cosa sene parla” e il “come se ne parla”.Tradotto: Contenuto e Reputazione.è iniziato un nuovo percorso… un percorsoche probabilmente non avrà più fine.è opportuno che tutti ne siano consapevoli.
  21. 21. ”Le imprese credono che il marketing esista peraiutare la produzione a smerciare i prodotti...è vero invece il contrario...Il marketing è il “compito a casa” che l’impresadeve svolgere per capire ciò di cui il mercato ha ”bisogno e ciò che essa dovrebbe offrire. P. Kotler
  22. 22. www.linkness.com social bookmark social network picture wiki forum community social blog video weblog microblogging BRAND ONLINE valere Fai conti quanto

×