Relazione Balestri

22,953 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
22,953
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
20,709
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Relazione Balestri

  1. 1. PROCURA DELLA REPUBBLICA Presso il Tribunale di Napoli Direzione Distrettuale Antimafia studio di geologia dr. Balestri geoscienze aerospaziali area ricerche ambientali - bonifiche Consulenza Tecnica nei luoghi di cui al decreto di sequestro probatorio del 17/07/08 e segg. nelle Località: Masseria del Pozzo, Schiavi e San Giuseppiello in Giugliano in Campania; terreni in SP Trentola-Ischitella in Trentola e in Torre di Pacifico in Lusciano e siti non sequestrati in Caste Volturno o oggetto di precedenti sequestri in loc. Scafarea (Giugliano). RELAZIONE GENERALE - II Riferimenti: Conferimento dell’incarico del 18/07/2008 Proc. n. 15968/08 rgnr mod.21 Il Consulente Tecnico: dr. geol. Giovanni Balestri P.M. Dr. Alessandro Milita I Collaboratori del C.T.: Analisi Chimiche: Laboratorio C.B.A. Forte dei Marmi (LU), dr. chim. Riccardo della Capanna Analisi della Vegetazione: dr. agr. Federico Ricci Firenze, 01 Giugno 2010 Rev. 11 I – 50129 firenze fax. +39 0586 894687 mob. +39 338 6498081 giovanni.balestri@alice.it
  2. 2. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 INDICE I QUESITI ............................................................................................................................7 1. TEMPISTICA E METODI DI INDAGINE..........................................................................9 2. DESCRIZIONE FOTOGRAFICA DEI SITI SOTTOPOSTI A SEQUESTRO O OGGETTO DELLA PRESENTE C.T., FOTO SCATTATE IL 18/07/08, AL MOMENTO DELLA CONCLUSIONE DEL SEQUESTRO....................................................................10 Foto 1342-43-44 località San Giuseppiello .....................................................................................10 Foto 1345-46-47, località discarica Novambiente, fratelli Vassallo .............................................11 Foto 1348, località SP Trentola-Ischitella, fronte segheria “Sarachiello” ..................................13 Foto 1349-50 località Torre di Pacifico, Lusciano.........................................................................13 3. DAL DECRETO DI SEQUESTRO PROBATORIO DEL 17/07/08.................................14 Interrogatorio del 04 settembre 2008 .............................................................................................21 Interrogatorio del 30 Luglio 2008...................................................................................................22 4. PROGRAMMAZIONE DELLE INDAGINI TECNICHE PER CIASCUN SITO: ..............23 Sopralluogo con Agronomo del 20 Settembre 2008 ......................................................................25 PARTE I.............................................................................................................................27 5. SOPRALLUOGHI, ATTIVITÀ DI CAMPIONAMENTO ACQUA E SUOLI DEL 19-20-21 GENNAIO 2009. ................................................................................................................27 6. I CAROTAGGI...............................................................................................................31 7. SOPRALLUOGO DEL 27 GENNAIO 2009 CON IL CDG. ............................................39 8. ANALISI CHIMICHE DELLE TERRE PRELEVATE IL 19-20-21 GENNAIO 2009 .......44 S. Giuseppiello - campi VASSALLO Cesario sondaggi So1 e So2 (-5.0m; -10.0m e -1.5m) .....45 S. Giuseppiello - campi VASSALLO Nicola sondaggi So3 e So4 (-5.0m e -10.0m)..................48 Lusciano – campi N. MARINIELLO sondaggi So5 (-5m e –8m) e So6 (-5m e -7.5m)..............49 SP Trentola-Ischitella sondaggi So7 e So8 (-3.5m e -7m) .............................................................50 dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 2 di 2
  3. 3. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 9. ANALISI CHIMICHE DELLE ACQUE DI FALDA PRELEVATE IL 19-20 GENNAIO 2009...................................................................................................................................52 Pozzi in M3 – M2 – tra RESIT e Vassallo – tra CBNa1 e RESIT ...............................................52 Pozzi in 2A – VA – S1 ......................................................................................................................55 10. ANALISI CHIMICHE DELLE ACQUE DI FALDA PRELEVATE IL 23 FEBBRAIO 2009 ...........................................................................................................................................56 Pozzi in 2A – S1 – VA – N.4 ............................................................................................................58 Pozzi: tra RESIT e Vassallo – tra CBNa1 e RESIT – Piez.1.......................................................59 Pozzi area RESIT Cava X e Cava Z e aree limitrofe con riferimento ad analisi storiche ........61 11. LE VIOLAZIONI ACCERTATE DALLE ANALISI CHIMICHE DELLE ACQUE DI FALDA PRELEVATE IL 19-20/01/09 E IL 23/02/09 .........................................................62 12. GLI SCAVI DEL 06 MARZO 2009...............................................................................68 SCAVI presso area Novambiente e confine Est con invaso Schiavi ..........................................68 Stima delle volumetrie dei rifiuti sversati nell’area Novambiente srl fuori dagli invasi noti e nell’area a confine Est con l’invaso Schiavi.................................................................................72 Le violazioni accertate dagli scavi del 06 Marzo 2009 presso area Novambiente.....................77 Altre considerazioni circa la geometria degli invasi noti e non, area Novambiente, Masseria del Pozzo, Ampliamento Masseria del P., Schiavi, Cava Giuliani, Eredi Giuliani, RESIT e San Giuseppiello, da foto aeree del 1974, 1990, 1991, 1996 e 2003. ....................................................78 Anno 1974 .........................................................................................................................................78 Anno 1990 .........................................................................................................................................80 Anno 1991 .........................................................................................................................................82 Anno 1996 .........................................................................................................................................84 Anno 2003 .........................................................................................................................................86 SCAVI in Località San Giuseppiello .............................................................................................90 Stima delle volumetrie dei rifiuti sversati in Loc. San Giuseppiello ..........................................93 SCAVI in Località SP Trentola-Ischitella ...................................................................................100 Stima delle volumetrie dei rifiuti sversati in Loc. presso “Sarachiello Legnami” lungo la S.P. Trentola-Ischitella (Trentola). ......................................................................................................103 SCAVI in Località Torre di Pacifico in Lusciano. ......................................................................106 dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 3 di 3
  4. 4. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Stima delle volumetrie dei rifiuti sversati in Loc. Torre di Pacifico in Lusciano, campi N. Mariniello, Via Scipione. ...............................................................................................................109 13. ANALISI CHIMICHE DEI CAMPIONI ESTRATTI IL 06 MARZO 2009 .....................111 1. AREA Novambiente...................................................................................................................111 2. AREA San Giuseppiello ............................................................................................................115 3. AREA SP Trentola-Ischitella....................................................................................................120 4. AREA Torre di Pacifico in Lusciano .......................................................................................123 14. GLI SCAVI DEL’11 MAGGIO 2009 (IPOTESI DI RIFIUTI ACNA). ...........................125 I Rifiuti ACNA in arrivo in RESIT - Anno 1987 .......................................................................132 I Rifiuti ACNA in arrivo in RESIT - Anno 1988 ........................................................................138 I Rifiuti ACNA in arrivo in RESIT - Anno 1989 ........................................................................138 I Rifiuti ACNA in arrivo in RESIT - Anno 1990 ........................................................................139 I Rifiuti ACNA in arrivo in RESIT - Anno 1991 ........................................................................140 RIASSUNTO complessivo smaltimento da ACNA quinquennio 1987-1991. ..........................140 15. I CAMPIONI NOVA1 E NOVA2 (IPOTESI DI RIFIUTI ACNA) ..................................141 Determinazione della pericolosità del rifiuto NOVA1 estratto presso area Novambiente srl 147 16. I CAMPIONAMENTI DA POZZI DELL’11 MAGGIO 2009 .......................................151 17. ANALISI MULTITEMPORALE DALLE CC.TT. BALESTRI NEGLI ANNI 2004-2009 .........................................................................................................................................152 - 1. Margine SUD intera area in studio ........................................................................................154 - 2. Margine NORD intera area in studio (area Cava Giuliani esclusa). ..................................155 - 3. Area RESIT, loc. Scafarea. .....................................................................................................156 - 4. Area tra RESIT e terreni Vassallo in San Giuseppiello.......................................................158 - 5. Piezometri.................................................................................................................................159 Nota sul valore del “fondo naturale” delle concentrazioni di alcuni metalli in falda.............160 Considerazioni conclusive sulle analisi multitemporale dalle CC.TT. Balestri (esclusa Cava Giuliani). .........................................................................................................................................163 dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 4 di 4
  5. 5. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 18. ANALISI MULTITEMPORALE COMPLESSIVA ANCHE DA ALTRE CC.TT...........164 Confronto multitemporale di analisi chimiche tratte da C.T. Ing. Boeri e da altri, solo valori eccedenti le CSC dell’attuale normativa......................................................................................166 19. LA CAVA GIULIANI ..................................................................................................169 Ipotesi di reato gestione FIBE - Cava Giuliani............................................................................173 20. CONCLUSIONE SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA..........................................174 PARTE II..........................................................................................................................183 21. CONCLUSIONI PER CIASCUN SITO INDAGATO...................................................183 La discarica Novambiente dei fratelli VASSALLO....................................................................183 Conclusioni complessive per la discarica Novambiente dei fratelli VASSALLO ....................200 Le responsabilità dell’industria ACNA di Cengio (SV) .............................................................202 Conclusioni complessive per l’attività di smaltimento di rifiuti ACNA presso la discarica Novambiente ...................................................................................................................................202 L’invaso Schiavi, ora in gestione al Consorzio di Bacino Na1 ...................................................203 Conclusioni complessive per l’Invaso Schiavi (gestione CBNa1). .............................................210 L’invaso Masseria del Pozzo, ora in gestione al Consorzio di Bacino Na1...............................211 Conclusioni complessive per l’Invaso Masseria del Pozzo (gestione CBNa1). .........................218 L’invaso Ampliamento Masseria del Pozzo, ora in gestione al Consorzio di Bacino Na1 ......219 Conclusioni complessive per l’Invaso Ampliamento Masseria del Pozzo (gestione CBNa1)..222 L’area Eredi Giuliani.....................................................................................................................222 Conclusioni complessive per l’area Eredi Giuliani.....................................................................225 La Cava Giuliani, ora in gestione FIBE.......................................................................................226 Conclusioni complessive per l’Invaso di Cava Giuliani (gestione FIBE)..................................233 Gli invasi RESIT e aree limitrofe ad Ovest .................................................................................234 Il materiale campionato in Cava X il 08/03/10 ............................................................................247 Conclusioni complessive per l’area RESIT .................................................................................249 I terreni dei fratelli VASSALLO in loc. San Giuseppiello .........................................................252 dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 5 di 5
  6. 6. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Conclusioni complessive per i terreni VASSALLO in loc. San Giuseppiello ..........................262 I terreni in Trentola, fronte ditta “Sarachiello legnami”. ..........................................................263 Conclusioni complessive per i terreni in Trentola, fronte ditta “Sarachiello Legnami”.........269 I terreni in Lusciano di Nicola MARINIELLO, loc. Torre di Pacifico, via Scipione. .............270 Conclusioni complessive per i terreni N. MARINIELLO in Lusciano .....................................274 PARTE III.........................................................................................................................276 22. LA RISPOSTA AI QUESITI.......................................................................................276 23. IL DISASTRO AMBIENTALE PER L’AREA DELLA PIANA GIUGLIANESE ..........279 24. L’AVVELENAMENTO DELLA FALDA ACQUIFERA NELL’AREA DELLA PIANA GIUGLIANESE ................................................................................................................281 25. I POSSIBILI PROGRAMMI DI BONIFICA DEI SITI SOTTOPOSTI A SEQUESTRO .........................................................................................................................................281 INDICE ALLEGATI..........................................................................................................289 dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 6 di 6
  7. 7. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 I quesiti In data 18 Luglio 2008 ricevevo incarico di Consulenza Tecnica (accertamenti tecnici ripetibili, Art. 359 cpp) per conto della Procura della Repubblica, presso il Tribunale di Napoli, Direzione Distrettuale Antimafia, per il procedimento n. 15968/08 mod.21 innanzi al Pubblico Ministero dott. Alessandro Milita, che così formulava i quesiti: “Il consulente, previo sopralluogo sui terreni e siti di cui al decreto di sequestro probatorio del 17/07/2008, in corso di esecuzione in data odierna, nonché sugli altri siti in esso indicati, autonomamente sottoposti a sequestro, previo: 1. il telerilevamento aereo ad opera del Servizio Aereo della Guardia di Finanza, laddove necessario; 2. l’esecuzione degli esami diagnostici sui siti in questione volti alla verifica dell’andamento delle acque di falda sotterranee, qualità delle acque di falda; 3. la verifica – mediante esami geofisici e geoelettrici – della conformazione geomorfologica dei luoghi; 4. la verifica dell’ubicazione, qualità e quantità dei rifiuti ivi smaltiti e presenza di sostanze tossiche o venefiche, in grado di contaminare le matrici ambientali; 5. l’effettuazione di prelievi ed esami delle acque di falda e del percolato estratto o da estrarre sulle discariche in questione. 6. Presenti gli elementi di ordine circostanziale, indichi la presenza o meno di adeguati presidi di tutela ambientale delle discariche in oggetto; 7. specifichi il grado di inquinamento o avvelenamento ambientale delle acque di falda ed eventualmente dei terreni interessati dalla stessa (individuando i pozzi insistenti sulla falda, sia autorizzati che non); 8. indicandone l’attualità ed il periodo di concretizzazione, la derivazione da attività di smaltimento nel singolo sito di discarica, ovvero del complesso dei siti; 9. accerti l’eventuale avvelenamento/inquinamento delle acque medesime e di contaminazione dei terreni e dei prodotti agricoli, con eventuale potenzialità dannosa sugli organismi umani o animali; 10. indichi i possibili programmi di bonifica dei siti interessati dall’inquinamento”. I Terreni ed i Siti di cui al Decreto di Sequestro probatorio del 17/07/2008 sono (pag.120 del Decreto, tra quelli sequestrati): 1. Discarica “Novambiente srl” in Loc. Schiavi in S. Maria a Cubito in Giugliano in C.; 2. Discarica “cava Giuliani” di GIULIANI Raffaele, in Loc. Schiavi – Masseria del Pozzo in Giugliano in C., da noi meglio riportata come area “Eredi Giuliani”; già oggetto di Consulenza Tecnica nel proc. 9403/01rgnr, PP.MM. Noviello/Morra, area “A”; 3. Terreni in Loc. San Giuseppiello (Giugliano in C.) di VASSALLO Cesario; dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 7 di 7
  8. 8. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 4. Terreni in Loc. San Giuseppiello (Giugliano in C.) di VASSALLO Renato e VASSALLO Nicola; 5. Terreno ubicato nei pressi della SP Trentola/Ischitella (in Trentola), fronte “Sarachiello Legnami”, di proprietà da identificare da parte della P.G.; 6. Terreno I di MARINIELLO Nicola in Loc. Torre di Pacifico (in Lusciano), Via Scipione; 7. Terreno II di MARINIELLO Nicola (°) in Loc. Torre di Pacifico (in Lusciano), Via Scipione; 8. area di confine tra l’Invaso Novambiente e l’Invaso Schiavi ora del CBNa1, in Loc. Schiavi in S. Maria a Cubito (Giugliano in C.). Ai quali si devono aggiungere (dalle pagg. 30, 39 e 112 del Decreto, quelli ora non sequestrati): 9. Il Sito in Loc. Schiavi in S. Maria a Cubito (Giugliano, pag.30) ove insiste la strada che dalla SP Lago Patria - Tre Ponti porta alla discarica ora gestita dal CBNa1, che costeggia il Fotovoltaico1, area non sequestrata per la necessità di utilizzare tale strada, alle coordinate2 estreme di: N40°56’47.93” E14°07’11.40”; N40°56’37.40” E14°07’11.40”; già oggetto di Consulenza Tecnica nel proc. 9403/01rgnr, PP.MM. Noviello/Morra, area “B”; 10. ex cava di sabbia sulla domiziana, presso pista di go-kart, in Castel Volturno, alla coordinata: N41 01 4.52 E13 58 19.85 (pag. 39, area non sequestrata). Si rimanda all’Allegato n.4; 11. ex cava (ora frutteto, secondo quanto NON meglio specificato dall’indagato VASSALLO Gaetano, anche nell’interrogatorio a verbale del 04/09/08, pag.6) nei pressi di Reccia Calcestruzzi (non più esistente con questo nome), Santa M. a Cubito, alla coordinata: N40 59 22.25 E14 05 24.53 (pag.39, area non sequestrata); 12. ex cava in Sessa Aurunca (°°), loc. Ponti-Abbate (pag.112, area già sequestrata, non oggetto di questa consulenza); 13. area della lavorazione del Percolato presso impianti GES.EN (CBNa1), loc. Masseria del Pozzo (SILOS, area non sequestrata); 14. da aggiungere l’area della sala Meeting dell’“Hyppo Kampos Resort” in Castel Volturno, via Fiumitello (area non sequestrata), come anche nell’interrogatorio a verbale dell’indagato VASSALLO Gaetano in data 04/09/08, pag.6). Si rimanda all’Allegato n.4. In rosso i luoghi che non hanno avuto un’indagine diretta con prelievo campioni (acque, suolo/sottosuolo/rifiuto), in quanto non sottoposti a sequestro, ma che hanno comunque avuto uno studio sulla loro evoluzione morfologica, attraverso le foto aeree storiche ed il volo GdF attuale (si veda a proposito la Relazione Voli GdF, in Allegato n.4). (°) Per quanto riguarda il terreno II di Nicola MARINIELLO, in Lusciano, durante il nostro sopralluogo del gennaio 2009 direttamente col CDG Gaetano VASSALLO, questi non si è mostrato più sicuro della sua corretta localizzazione3. Non è stato quindi preso in considerazione col prelievo di campioni e conseguente analisi, anche perché il terreno I di Nicola MARINIELLO, subito accanto, non ha mostrato quell’inquinamento da rifiuti come prospettato dal CDG, ma solo una contaminazione da sostanze non riconducibili ad una tipologia precisa di rifiuto. (°°) Per quanto riguarda la Cava in Sessa Aurunca anche l’analisi storica da foto aeree è stata tralasciata in quanto non idonea, data la sua particolare morfologia. 1 Ormai non più esistente in quanto tutti i pannelli sono stati rubati. Le coordinate sono tutte in Lat/Long e riferite al Datum WGS84. I simboli di gradi, primi e secondi, da ora in poi non verranno più ripetuti. 3 Comunicazione verbale al sottoscritto. 2 dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 8 di 8
  9. 9. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 1. Tempistica e metodi di indagine Sulla base dei quesiti e dei luoghi sottoposti a sequestro e non, è possibile, per ogni località, riassumere, con la Tabella sottostante, le singole attività di indagine necessarie per la completa risposta ai vari quesiti formulati in fase di conferimento dell’incarico: Legenda quesiti 1. telerilevamento aereo; 2. andamento della falda, qualità dell’acqua; 3. conformazione geomorfologica (con geofisica); 4. ubicazione, qualità e quantità dei rifiuti; 5. percolato; 6. ricerca di presidi di tutela ambientale; 7. analisi terreni; 8. attualizzazioni; 9. qualità dei prodotti agricoli; 10. tecniche di bonifica; 11. riferimento al BIOGAS (assente nei quesiti); 12. eventuali scavi diretti. Dalla su esposta Legenda, è stata formulata la seguente Tabella 1: Discarica/sito Novambiente srl Area Eredi Giuliani S. Giuseppiello 1 e 2 Attività di indagine dai quesiti 1-2-5-6-7-8-9-10-12 1-2-3-4-7-8-9 1-2-3-4-7-8-9-10-12 Note 11 SP Trentola/Ischitella Torre di Pacifico I e II 1-2-3-4-7-8-9-10-12 1-2-3-4-7-8-9-10-12 Masseria del P. CBNa1 area presso Fotovoltaico CV pista Go Kart CV Hyppo Kampos resort pressi ex Reccia Calcestr. 1-2-5-6-7-8-9-10 1-2-3-4-7-8-9-10 1-2-3-4-7-8-9-10-12 1-2-3-4-7-8-9-10-12 1-2-3-4-7-8-9-10-12 11 Inoltre Cava Giuliani (FIBE) 1-2-5-6-7-8-9-10 11 Già oggetto di altra attività Già oggetto di altra attività d’indagine Un terreno (quello ad Ovest) fu già oggetto di attività d’indagine. Il II terreno non è stato oggetto di attività d’indagine. Già oggetto di altra attività d’indagine (*) (*) (*) d’indagine Già oggetto di altra attività d’indagine RESIT (ripetere) 1-2-5-9-11 CICAGEL – Sessa A. (**) AL.MA. (**) DI.FRA.BI (**) Tabella 1. Attività d’indagine programmata per ciascun sito. NOTE: (*) Area non sequestrata, necessita di singole autorizzazioni, soprattutto per i luoghi interni all’“Hyppo Kampos Resort”, dove può essere effettuato un rilievo con georadar (non distruttivo). Attività tutte rimandate in questi luoghi. Per la descrizione degli accertamenti avviati per questi luoghi, si veda la Relazione dei Voli, Allegato n.4 e il Paragrafo 7 per l’area ex Reccia Calcestruzzi. Punto (3) in legenda. Le attività di geofisica potranno essere avviate se e solo dopo aver valutato la loro necessità a seguito delle indagini geotecniche e/o scavi diretti. E comunque saranno al massimo 9 stendimenti in 7 località, in senso trasversale ai terreni. Attività poi tutte rimandate. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 9 di 9
  10. 10. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 (**) Queste discariche sono state citate nel Verbale/Decreto di Sequestro, ma non hanno poi avuto un’indagine diretta. 2. Descrizione fotografica dei siti sottoposti a sequestro o oggetto della presente C.T., foto scattate il 18/07/08, al momento della conclusione del sequestro. Foto 1342-43-44 località San Giuseppiello FOTO 1342: campo di Vassallo Nicola, con ciliegi, sito n.6. del verbale di sequestro. FOTO 1343 campo Vassallo Cesario, sito n.5 del verbale di sequestro. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 10 di 10
  11. 11. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 FOTO 1344: campo Vassallo Renato e Nicola, andando sulla sinistra del primo, dove vi è un fabbricato piccolo, con pioppi ed erbacce, sito n.5 del verbale di sequestro Foto 1345-46-47, località discarica Novambiente, fratelli Vassallo FOTO 1345: Discarica Novambiente srl dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 11 di 11
  12. 12. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 FOTO 1346: Discarica Novambiente, sullo sfondo invaso Schiavi. FOTO 1347: Discarica Novambiente al confine con invaso Schiavi. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 12 di 12
  13. 13. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Foto 1348, località SP Trentola-Ischitella, fronte segheria “Sarachiello” FOTO1348: campi nelle vicinanze della SP Trentola-Ischitella, fronte segheria. Foto 1349-50 località Torre di Pacifico, Lusciano FOTO 1349: campo II in Lusciano di N. Mariniello, Loc. Torre di Pacifico dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 13 di 13
  14. 14. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 FOTO 1350: campo I in Lusciano di N. Mariniello, Via Scipione, Loc. Torre di Pacifico. 3. Dal Decreto di sequestro probatorio del 17/07/08. Riportiamo quanto si legge nel Decreto si Sequestro Probatorio del 17/07/08, per quanto di nostro interesse: Pag.24 del Decreto: area Novambiente, dei fratelli VASSALLO. Invasi operativi dal 1987-88 sino al 2005, genericamente e dal 1989 al 2002 tramite la Novambiente srl e dal 1988 sino al 1993 tramite Ecologia ‘89. Pag.25 del Decreto: sito in loc. Schiavi operativo sin dal 1980 e che dal 1983 era di 130.000 mq, di VASSALLO Gaetano ed altri, trasformato in Novambiente nel 1984. Nel 1988 venne autorizzato dalla Regione Campania come discarica, ma già di fatto esaurita (l’originario e primo invaso, si vedano le foto aeree più avanti). Pag.26 del Decreto: dall’autorizzazione Regionale (del 28/11/88, agli atti in precedenti procedimenti), che non contemplava il n. di particelle (catastali) da coinvolgere con lo sversamento di rifiuti, cominciarono, i proprietari/gestori, dal 1988, ad espandersi ai campi limitrofi. Gli invasi, al 28/11/88, erano tre, uno esaurito, gli altri due abusivi e freschi di scavo. Uno di 75.000 mq dei fratelli VASSALLO e l’altro, di 1.000.000 di m3 dei Giuliani affittato alla ECOL.MAGI srl (si veda lo studio con le foto aeree a riguardo). Tutti questi tre siti furono in parte espropriati dal Commissariato di Governo (OPCM del 07/10/94) e dati in gestione al CBNa1 dal 1994 al 1998. In questo periodo (anni 1994-1998) furono utilizzati i due restanti invasi per i RSU commissariali, previo una specie di attrezzamento, almeno sulla carta, anche in sopraelevazione, secondo una serie di progetti a suo tempo confezionati e poi proposti e autorizzati dal Commissariato di Governo. A tal proposito si vedano le CC.TT. per i procedimenti nr. 9403/01 e nr. 43637/05. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 14 di 14
  15. 15. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Gaetano VASSALLO dichiara inoltre: “…posso dire che la falda si trova a circa dieci metri rispetto al fondo naturale, come mi risulta dalle verifiche che facemmo all’epoca…” ovvero che la falda acquifera si trova a circa 10m al di sotto del fondo degli invasi preparati per i rifiuti, e siccome sappiamo essere, la falda, a -40m, gli invasi sono stati scavati sino a circa –30m dal piano di campagna (come del resto avvenne anche per gli invasi RESIT in Scafarea, vedasi C.T. nel procedimento nr. 36856/01). Pag.28 del Decreto: “…A titolo esemplificativo ricordo, tra i produttori di rifiuti, i rifiuti dell’ACNA di Cengio (SV); ricordo che furono smaltiti nella mia discarica il corrispondente di 20 bilici, per circa 6.000 quintali…”. Quindi il CDG dichiara uno scarico di 20 bilici di rifiuti provenienti dalla sito industriale dell’ACNA di Cengio per un totale di 6.000 quintali, in seguito verrà dato un altro valore, si veda la pag.35 del Decreto di sequestro. L’attività di RSU parte dal 1977-78 per i Fratelli VASSALLO. Pagg.30-31 del Decreto: si descrive il sopralluogo. 1. Loc. Schiavi – Novambiente; in quest’area, per il CDG, arrivarono: a. fanghi di depurazione proveniente da concerie e industrie varie; b. tossici e nocivi OMISSIS (vedasi poi pag.95); c. rifiuti solidi speciali di OMISSIS; d. amianto (Foto dal fascicolo nr.1, la Foto n.1 e dalla n.16 alla n.31 di cui le 17,19,21 per l’amianto); 2. loc. Schiavi, poche centinaia di metri dalla Novambiente, ex Vassallo, poi espropriata per la gestione del CBNa1, ora vi è la strada di accesso dalla Provinciale Lago Patria – Tre Ponti alla discarica CBNa1 (fascicolo nr.2, totale 5 Foto); 3. loc. Schiavi/Masseria del Pozzo – cava Giuliani (area Eredi Giuliani), sempre nei pressi delle n.1 e n.2, gestita dalla ECOL MAGI, rifiuti occultati in linea verticale alla strada provinciale (fascicolo nr.3, totale 8 Foto); 4. loc. Scafarea, aree discariche RESIT, già oggetto di precedenti C.T.; 5. loc. San Giuseppiello (casa colonica e un deposito attrezzi per 3500 mq, il fondo è di 170.000mq complessivi, pioppi ed erbacce) di VASSALLO Cesario, rifiuti occultati in linea verticale alla strada provinciale (fascicolo nr.5, totale 6 Foto); 6. loc. San Giuseppiello (alberi da frutta e ciliegi) di VASSALLO Renato e VASSALLO Nicola, a 50m dal punto n.5, separato da un capannone, rifiuti occultati in linea verticale alla strada provinciale (fascicolo nr.5 (?), totale 7 Foto); 7. Loc. “Sarachiello legnami”, lungo strada provinciale Trentola-Ischitella (fascicolo nr.7, Foto da 1 a 4); 8. Terreni in Lusciano, loc. Torre di Pacifico, dichiarati in altro interrogatorio più recente (terreni del prof. Nicola MARINIELLO), si veda più avanti. Pag.33 del Decreto: nel marzo 1983 si parla di autorizzazioni per i fratelli VASSALLO, ai sensi del DPR 915/82; a partire dal 2000 il CDG ampliò la discarica per ricevere i fanghi della Ditta RFG di Elio ROMA (commercializzati da CARDIELLO Luigi). Sino al 2002 per la discarica Novambiente e sino al 2003 per i terreni Vassallo in San Giuseppiello. In discarica Novambiente srl tra il 2000 e il 2001 arrivarono anche scarti di vagliatura (fluff), umido, ricco in vetro e plastica (materiale da noi poi estratto direttamente con l’escavatore). Pag.35 del Decreto: “…Faccio presente che in quel periodo io ebbi a smaltire circa 8.000 quintali di rifiuti tossici provenienti da Cengio, l’equivalente di 20 viaggi di bilici…”. Il CDG parla ancora di 20 viaggi di bilici per conto di ACNA, ma ora per un totale di 8.000 quintali (ovvero 400q ogni bilico, prima, a pag.28 del Decreto, aveva dichiarato 6.000q, quindi 300q dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 15 di 15
  16. 16. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 ogni bilico), interrati nel luogo che poi lui stesso ha indicato e da noi verificato con scavo diretto, presso l’invaso Novambiente. In SETRI-RESIT, spiega ancora il CDG, sono stati sversati i fanghi dell’ACNA sui RSU e poi ricoperti con altri RSU. Parimenti nell’area della discarica Novambiente, come già detto. Pag.36 del Decreto: in questa pagina del Decreto il CDG spiega che ormai i siti erano stati tutti colmati e che vi era la necessità di sfruttare i vecchi invasi anche in rilevato, ma a quel punto, dichiara, a Cipriano CHIANESE (RESIT) venne l’idea di sfruttare l’enorme cava Giuliani, utilizzando l’autorizzazione, generica, della vicina e confinante Vassallo (Novambiente): “…fu CHIANESE Cipriano a localizzare i suoi interessi e quelli di BIDOGNETTI nel fosso enorme presente nel sito di GIULIANI Raffaele, la c.d. cava Giuliani…Per sfruttare quella cava, per le ragioni già riferite in ordine alla mia esclusiva disponibilità di una autorizzazione formale che poteva essere estesa anche a coprire quella cava, adiacente al mio sito, era dunque necessario che fossi coinvolto direttamente…”. Pag.39 del Decreto: si citano ora altre discariche abusive: una cava di sabbia sulla Domitiana (in Castel Volturno), vicino alla pista di Go-Kart e una cava sulla provinciale Villa-LiternoQualiano (sarebbe la via di S.M. a Cubito), presso la ex Reccia calcestruzzi (ora ha un altro nome). Pagg.41-42 del Decreto: verifica della GdF del 1989. La verifica riguardò solo l’invaso Masseria del Pozzo, che era inferiore a quello in loc. Schiavi (che poi sono contigui) ed era pieno per poco meno della metà (in 7-8 mesi di accumuli), mentre l’invaso Schiavi era già esaurito, tanto che operavano su di esso già in rilevato (si vedano le foto aeree di quegli anni, più avanti nella presente Consulenza). La volumetria di Schiavi era di circa 750.000mc. La volumetria (residua) di Masseria del Pozzo, dalla visita dei finanzieri, a dire del CDG, fu triplicata: “…La volumetria occupata dal sito in località Schiavi era pari a 750.000 metri cubi…L’invaso sito in località Masseria del Pozzo, fu poi esteso e sostanzialmente triplicato rispetto alla volumetria individuata all’atto dell’accesso da parte dei finanzieri…”. Alla fine del 1993, Masseria del Pozzo era occupata per un terzo, con ancora liberi 1 milione e 600 mila m3, come da verbale di sequestro dei vigili di Giugliano. Poi nel luglio 1994 fu espropriata a favore della gestione del Consorzio di Bacino Na1. Pag.46 del Decreto: ritornando alla visita della GdF del 1989, ora il CDG riferisce che la volumetria residua di Masseria del Pozzo è stata raddoppiata, non triplicata “…in tempi poco successivi, operai una ulteriore coltivazione abusiva della discarica creando nuove volumetrie, raddoppiando circa la capacità ricettiva residua”, con scavi in profondità e nelle sponde laterali. Pag.69 del Decreto: si riporta dell’inizio dei grandi lavori per i Regi Lagni del 1987 nonché dell’Asse mediano e vari svincoli collegati ad esso. Questa informazione è utile per risalire, ad esempio, all’epoca dell’inizio dello scavo più intenso dei laghi costieri. Pag.79 del Decreto: si riporta qui la descrizione delle buche scavate in loc. San Giuseppiello di 6m di profondità con apertura superiore di circa 12mq (da intendersi come un rettangolo di 3x4 metri o di 2x6 metri), o altre profonde 1.5 metri e larghe 4 metri, come da verbale del Commissariato Polstato di Giugliano/Villaricca del 10/02/03. Nell’intercettazione telefonica invece si parla di scavi “…sei metri profondi per 12…”, nella pag.84 del Decreto, da intendersi lunghi 12 metri e larghi quanto almeno la dimensione della benna dell’escavatore, ovvero larghi 1.2 metri, per buttarvi i fanghi di depurazione delle acque reflue industriali (secondo le analisi dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 16 di 16
  17. 17. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 ARPAC del momento, rifiuti da descrivere con CER 190814, ovvero “fanghi prodotti da altri trattamenti delle acque reflue industriali, diversi da quelli di cui alla voce 190813”) dall’aprile 2001 sino al febbraio 2003. Descrizione di altri sopralluoghi del 8-11 Aprile 2008 e 9-10 Maggio 2008, da pag.94 del Decreto e seguenti, con l’indicazione dei rifiuti ivi smaltiti, secondo l’elenco delle pagg. 30-31 del Decreto: 1. loc. Schiavi – Novambiente: fanghi di depurazione dall’impianto RFG in Trentola Ducenta (fanghi da concerie ed industrie varie); Rifiuti TN dalla soc. SISER di Villa Literno; rifiuti speciali da CARTOFER in Arzano e Caivano; 2. loc. Schiavi, strada di accesso: nulla di più di quanto non già riferito; 3. loc. Schiavi/Masseria del Pozzo – Eredi Giuliani: nulla di più di quanto non già riferito; 4. loc. Scafarea, aree RESIT: nulla di più di quanto non già riferito; 5. loc. San Giuseppiello: Rifiuti TN provenienti dall’impianto RFG; 6. loc. San Giuseppiello: Rifiuti TN provenienti dall’impianto RFG; 7. loc. “Sarachiello-legnami”, fronte strada provinciale Trentola/Ischitella: Rifiuti TN provenienti dall’impianto RFG; 8. loc. Torre di Pacifico – Lusciano: terreni non ancora descritti, si veda pag.111 del Decreto. Dal Verbale dei sopralluoghi del 09/05/08, pag.111 ed altri, si citano ora per la prima volta i terreni del “prof. N. MARINIELLO” in Lusciano, loc. Torre di Pacifico, dove sono stati sversati rifiuti TN (fanghi) di E. ROMA. Si cita ora anche la discarica sulla strada Sessa-Ponti (discarica di Sessa Aurunca). 1. Loc. Torre di Pacifico (Lusciano, terreni di N. MARINIELLO, parte I), rifiuti TN (fanghi) della RFG (fascicolo nr.1, Foto da 1 a 6). 2. Loc. Torre di Pacifico (Lusciano, terreni di N. MARINIELLO, parte II, localizzazione dubbia, come da più recente sopralluogo del 27/01/09), rifiuti TN (fanghi) della RFG (fascicolo nr.2, Foto da 1 a 4). 3. Loc. Schiavi in S.M. a Cubito, discarica CBNa1, rifiuti TN della CARTOFER (da pag.112 del Decreto, fascicolo nr.3 Foto da 1 a 4); 4. Strada per Sessa-Ponti, discarica CICAGEL: rifiuti speciali (soprattutto da Milano), ospedalieri e S.U. (fascicolo nr.4 Foto 1 e 2), già sequestrata dall’A.G. di SMCV nel ’93 (pag.112). Dalla pag.113 del Decreto, si riassume di seguito l’elenco di tutte le DITTE impegnate nel traffico di Rifiuti citate dal CDG, con la destinazione dei loro carichi (discariche), l’anno di smaltimento, e la tipologia di rifiuto trattata, come raccontato dal collaboratore: Discarica Nr.1 Novambiente Schiavi Anno di smaltimento loc. 1988-1992 1988-1992 1989-1990 1988-1992 1988-1992 1988-1990 1988-1992 Ditta coinvolta Pool Ecologia (LU) Ecologia ‘89 Ecologia ‘89 SCM (PT) Zavagli (PT) Vanni (Viareggio) DEL.CA (LU) IDECO (PI) TRASFERMAR (SP) dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Tipologia rifiuto/Note Pulper Fanghi ACNA Civili, industriali, ospedalieri e pulper Pagina 17 di 17
  18. 18. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Discarica Anno di smaltimento 1988-1992 Ditta coinvolta Recuperi Carnevale 1988-1992 ECOLMACI (LT) 1988-1992 1998-2003 Nocera di Nettuno CARTOFER (NA) 1988-1992 1988-1992 1988-1992 Di Puorto (LU) Cardiello Ecologia Bruscino 1988-1992 Crystal 1998-2002 SISER 1988-1992 1998-2003 1988-1992 RFG Autospurghi Caccavale 1988-1992 1988-1992, 1998 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 F.lli Tortora Bortone Minale Viltex NA-PT Colucci appalti ECOGEST Colucci Santa Maria Langella Mario Perna Paolino 1986-1992 2002-2003 CSMI F.lli Orsi Tipologia rifiuto/Note Solidi e liquidi speciali, industriali, ospedalieri, oli esauriti Solidi e liquidi speciali, industriali, ospedalieri, oli esauriti SP + ospedalieri RS tossici, da rottamazione di autoveicoli, batterie, acidi… Fanghi umidi palabili e cenere da centrali ENEL Percolati e fanghi liquidi, prodotti caseari. Fanghi di concerie ed industrie Fanghi di concerie ed industrie Liquidi, RT e fanghi palabili da Meridional Bulloni (friggevano e scioglievano la plastica) e da Cyba-Geigy Liquidi SP e solidi Inerti da demolizioni Inerti da demolizioni Balle di stracci* RSU e speciali Solo timbri RSpeciali e Ospedalieri Ceneri centrale ENEL Brindisi Fanghi depurazione Inerti da demolizioni * trovate con scavo del marzo 2009 Discarica Anno di smaltimento Nr.2 ex area Vassallo- 1988-1992 Novambiente, ora del CBNa1 1988-1992 1989-1990 Ditta coinvolta Pool Ecologia (LU) 1988-1992 1988-1990 1988-1992 Ecologia ‘89 Ecologia ‘89 SCM (PT) Zavagli (PT) Vanni (Viareggio) DEL.CA (LU) IDECO (PI TRASFERMAR (SP) 1988-1992 Recuperi Carnevale 1988-1992 ECOLMACI (LT) 1988-1992 dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Tipologia rifiuto/Note Fanghi ACNA Civili, industriali, ospedalieri e pulper Solidi e liquidi speciali, industriali, ospedalieri, oli esauriti Solidi e liquidi speciali, industriali, ospedalieri, oli esauriti Pagina 18 di 18
  19. 19. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Discarica Anno di smaltimento 1988-1992 1988-1992 1990-1991 1988-1992 1988-1992 Ditta coinvolta Nocera di Nettuno Di Puorto (LU) 3F Ecologia (LU) Cardiello Ecologia Bruscino 1988-1992 Crystal 1988-1992 1998-2003 1988-1992 1998-2002 1988-1992 SISER Autospurghi Caccavale 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 F.lli Tortora Bortone Minale Viltex NA-PT Colucci appalti ECOGEST Colucci Santa Maria Langella Mario Perna Paolino 1986-1992 CSMI Solo timbri RSpeciali e Ospedalieri Ceneri centrale ENEL Brindisi Fanghi depurazione Discarica Anno di smaltimento Nr.2 bis da SP accanto al CBNa1 (Fotovoltaico) Ditta coinvolta Tipologia rifiuto/Note Discarica Anno di smaltimento Nr.3 Eredi Giuliani, 1988-1992 Masseria del Pozzo 1988-1992 1989-1990 Ditta coinvolta Pool Ecologia (LU) Tipologia rifiuto/Note RFG 1988-1992 1988-1990 1988-1992 Ecologia ‘89 Ecologia ‘89 SCM (PT) Zavagli (PT) Vanni (Viareggio) DEL.CA (LU) IDECO (PI TRASFERMAR (SP) 1988-1992 Recuperi Carnevale 1988-1992 ECOLMACI (LT) 1988-1992 1988-1992 1988-1992 Nocera di Nettuno Di Puorto (LU) Cardiello 1988-1992 dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Tipologia rifiuto/Note SP + ospedalieri Fanghi umidi palabili e cenere da centrali ENEL Percolati e fanghi liquidi, prodotti caseari. Fanghi di concerie ed industrie Fanghi di concerie ed industrie Liquidi, RT e fanghi palabili da Meridional Bulloni (friggevano e scioglievano la plastica) e da Cyba-Geigy Liquidi SP e solidi Inerti da demolizioni Inerti da demolizioni Balle di stracci RSU e speciali Fanghi ACNA Civili, industriali, ospedalieri e pulper Solidi e liquidi speciali, industriali, ospedalieri, oli esauriti Solidi e liquidi speciali, industriali, ospedalieri, oli esauriti SP + ospedalieri Pagina 19 di 19
  20. 20. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Discarica Anno di smaltimento 1988-1992 Ditta coinvolta Ecologia Bruscino 1988-1992 Crystal 1988-1992 SISER 1988-1992 1998-2002 1988-1992 RFG Autospurghi Caccavale 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 1988-1992 F.lli Tortora Bortone Minale Viltex NA-PT Colucci appalti ECOGEST Colucci Santa Maria Langella Mario Perna Paolino 1986-1992 CSMI Tipologia rifiuto/Note Fanghi umidi palabili e cenere da centrali ENEL Percolati e fanghi liquidi, prodotti caseari. Fanghi di concerie ed industrie Fanghi di concerie ed industrie Liquidi, RT e fanghi palabili da Meridional Bulloni (friggevano e scioglievano la plastica) e da Cyba-Geigy Liquidi SP e solidi Inerti da demolizioni Inerti da demolizioni Balle di stracci RSU e speciali Solo timbri RSpeciali e Ospedalieri Ceneri centrale ENEL Brindisi Fanghi depurazione Discarica Anno di smaltimento Nr.4 RESIT in loc. Scafarea 1988-1992 1988-2003 1988-2003 1988-2003 Ditta coinvolta Più ditte Più ditte Più ditte Più ditte Tipologia rifiuto/Note Fanghi ACNA RS in genere* Scorie di alluminio* RSU* *Dati tratti da CT proc. n.36856/01 Discarica Anno di smaltimento Nr.5 Terreno Vassallo 1998-2003 Cesario in S. Giuseppiello 1998-2003 Ditta coinvolta Cardiello Tipologia rifiuto/Note SISER Fanghi di industrie Fanghi di industrie 1998-2002 e 2003 RFG 1998-2003 concerie ed concerie ed Bortone Discarica Anno di smaltimento Nr.6 Terreno Vassallo 1998-2003 Nicola in S. Giuseppiello 1998-2003 Ditta coinvolta Cardiello Tipologia rifiuto/Note SISER Fanghi di industrie Fanghi di industrie 1998-2003 RFG 1998-2003 concerie ed concerie ed Bortone Discarica Anno di smaltimento Nr.7 campo fronte strada prov. Trentola/Ischitella Ditta coinvolta RFG dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Tipologia rifiuto/Note Rifiuti TN Pagina 20 di 20
  21. 21. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Discarica Anno di smaltimento Nr.8 n.2 campi in Lusciano, Torre di Pacifico (N. Mariniello) Ditta coinvolta RFG Tipologia rifiuto/Note Rifiuti TN – fanghi Discarica Anno di smaltimento Nr.9 Castel Volturno 1, a 1993-1994 Est/Nord pista go-kart Ditta coinvolta Tipologia rifiuto/Note Di tutto Discarica Anno di smaltimento Nr.10 Castel Volturno, 1993-1994 presso sala Meeting Hyppo Kampos Resort 41° 0'12.70"N 13°58'35.60"E Ditta coinvolta Tipologia rifiuto/Note Di tutto Discarica Anno di smaltimento Nr.11 Sessa Aurunca, ex cava, loc. Ponti-Abbate Ditta coinvolta Tipologia rifiuto/Note Di tutto Discarica Anno di smaltimento Nr.12 S.Maria a Cubito, 1993-1994 vicinanze ex Reccia Calcestruzzi Ditta coinvolta Tipologia rifiuto/Note Di tutto Nota: in evidenza i periodi fuori dall’intervallo 1988-1992. Altre DITTE con riferimenti di luoghi generici: - F.lli ORSI, inerti di demolizione (fluff), presso invasi Vassallo (Novambiente), già esauriti (quindi 2002-2003, pag.117 del Decreto). Interrogatorio del 04 settembre 2008 Durante questo interrogatorio, in nostra presenza, il CDG ha indicato gli sversamenti di rifiuti ACNA nella parte più ad Ovest della discarica Novambiente, al primo gradino in elevazione (quindi + 4m circa dal piano campagna): “…Quanto alla collocazione dei rifiuti dell’ACNA nella mia discarica, gli stessi sono stati smaltiti nella parte sud-ovest, confinante con il terreno della famiglia DE CARLO di Giugliano…”, pag.5 del Verbale. Nella Discarica SETRI-RESIT di C. CHIANESE, invece, i rifiuti di ACNA, a dire del CDG, furono immessi nella parte centrale dell’invaso IIB a circa –20m. Ugualmente nella I Cat. furono immessi al centro e a circa –20m dal piano campagna: “…Quanto alla collocazione dei rifiuti dell’ACNA nella discarica di CHIANESE, gli stessi sono stati smaltiti nel sito posto ad Ovest, nella parte Centrale direzione sud, ad una profondità pari a circa 20 mt…ed in quello ad Est, nella parte Nord, ad una profondità leggermente superiore ai 20 mt ...”, pag.5 del Verbale. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 21 di 21
  22. 22. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Interrogatorio del 30 Luglio 2008 Per quanto riguarda il Verbale di interrogatorio del 30 Luglio 2008, riportiamo i frammenti di nostro interesse: Pag.6: “…una di queste [cave] si trova a Castelvolturno ed è nel luogo ove è stata realizzata successivamente una discoteca piuttosto nota, l’Hyppo Kampos…nel quale sono state realizzate, estraendo sabbia, tre diverse cave; una di queste, la più grande, è stata trasformata, dopo l’estrazione della sabbia in uno specchio lacustre…utilizzato per lo sci nautico”. Il CDG inizia a descrivere le modifiche antropiche (sia in forma di scavo, sia in forma di riempimento) apportate ai luoghi ora interessati dalla proprietà dell’Hyppo Kampos Resort. Questo primo grande lago, preesistente, a dire del CDG ingrandito per l’estrazione di inerti e poi destinato allo sci nautico, viene descritto nell’Allegato n.4 a cui si rimanda. Pagg.6-7: “…gli altri due invasi poco distanti sono stati interamente riempiti da rifiuti. Su uno di questi è stata realizzata la discoteca proprio insistente sulla discarica poi colmata”. Il CDG descrive l’area dell’attuale sala Meeting-Discoteca dell’HKResort che, a suo dire, una volta era in parte occupata da un lago, poi riempito da rifiuti. Si rimanda all’Allegato n.4 per la precisa descrizione morfologica dei luoghi ora citati Pag.7: “…un’altra cava [sarebbe la terza] utilizzata come discarica abusiva sempre in Castelvolturno, si trova vicino alla pista di Kart…anche lì i rifiuti furono interrati nella cava e sopra a questa discarica fu creata, in rilevato, un’altra discarica”. Il CDG descrive l’area di un laghetto presso l’attuale pista di Go-Kart che, a suo dire, fu in parte riempito da rifiuti. Si rimanda all’Allegato n.4 per la precisa descrizione morfologica dei luoghi ora citati dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 22 di 22
  23. 23. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 4. Programmazione delle Indagini Tecniche per ciascun sito: Discarica Intervento tecnico di indagine in situ Campi VASSALLO in Loc. S. Giuseppiello in Giugliano in C. Descrizione: Si tratta di un campo approssimato ad un rettangolo di 160 x 300 metri che, a dire del CDG, è stato solcato per il lato lungo da trincee profonde 6m e larghe 1.2m. Dalle dichiarazioni verbali rese durante l’interrogatorio del 04/09/08, si apprende che furono effettuati solchi uno accanto all’altro, ovvero uno ogni 2.8 metri laterali quindi in totale (su 160m) sono state fatte n. 160 trincee/4 ovvero al massimo 40 mediamente lunghe 300m cad., quindi per un totale massimo teorico di 11.4 km (se si esclude l’area impegnata dai capannoni). 11.400 m per 1.2m di larghezza e per 6m di profondità (se si considerano sempre pareti verticali e fondo piatto), si ha una volumetria teorica complessiva utile di 82.000 mc. Tenuto conto della qualità dei fanghi, della loro densità e del fatto che poi dovevano essere in qualche modo ricoperti con la stessa terra scavata per accoglierli, i mc disponibili sono da considerarsi al massimo un terzo del totale (quindi 26.700 mc), ovvero, tenuto conto della densità di abbancamento dei fanghi che per comodità qui prendiamo essere pari al peso specifico dell’acqua (1 tonn al mc), sono stati smaltiti in teoria 26.700 tonn di fanghi che possono corrispondere a circa 1.000 trasporti di autobotti. Questo calcolo si riferisce alla quantità massima possibile di interramento e vedremo nel corso del Documento che le analisi fotografiche aeree storiche ci permetteranno di essere più precisi a riguardo (lo studio accurato ha addirittura indicato una quantità maggiore, si veda più avanti). Intervento 1 - campionamento suoli: è stato effettuato il prelievo di suoli alla profondità di circa 5m (quasi alla base teorica delle trincee dove si saranno accumulati maggiormente per gravità gli eventuali inquinanti) con un carotiere leggero. E’stato prelevato inoltre anche un campione a profondità maggiore (circa -10m) per studiare l’eventuale veicolazione dell’inquinante immesso, verso il basso. Intervento 2 – elaborazione dati aerei GdF: per questa zona è stato effettuato lo studio delle riprese aeree delle colture e della vegetazione limitrofe, per individuare eventuali fitopatie. Il lavoro è propedeutico all’intervento n.3. (La relazione dell’Agronomo infatti raccomanda prelievi e analisi di campioni, si veda la sua relazione, in Allegato n.1). Intervento da programmare 3 – esame fitopatologico: si prevede l’esame delle colture (se presenti) e della vegetazione in posto e nelle vicinanze con un fitopatologo (biologo vegetale) per valutare eventuali riflessi negativi sulla vegetazione, come anticipato dai voli aerei. Se necessario verranno prelevati campioni delle colture e/o dei frutti ev. presenti. Intervento 4 – analisi acqua di falda dai pozzi: è stato analizzato un pozzo limitrofo, denominato “tra RESIT e Vassallo”. In questo luogo è stato realizzato un piezometro con prelievo acque di falda. NOTE: l’esame dei dati aerei e la relativa indagine fitopatologica sono stati effettuati subito in quanto le colture presenti al momento del volo (metà agosto 2008), dovevano essere studiate prima dell’inizio dell’autunno 2008. Non sono state realizzate indagini geofisiche in questi luoghi. Campi N. MARINIELLO in Loc. Torre di Pacifico in Lusciano Descrizione: Questi due campi hanno un’estensione media di 100 x 55 m l’uno e 160 x 40 l’atro (quest’ultimo campo, però, non è stato preso in considerazione in quanto il CDG per questo terreno non è più sicuro della corretta ubicazione) per un metraggio complessivo max di trincee di 3.000m e per un totale di 21.600mc. Con gli stessi parametri di cui sopra, possiamo presupporre uno scarico massimo teorico di circa 7.200 tonn di fanghi. Nel Documento questo calcolo viene effettuato con maggior precisione. Interventi: IDEM come sopra, tenuto conto che i campi sono vicini al tessuto urbano (a Nord) e che quindi risulta più limitato lo studio della vegetazione. No prelievo di acqua da pozzi in zona. Campi in Loc. SP Trentola-Ischitella Descrizione: Si tratta di un campo di 180 x 50 m, ovvero per un metraggio complessivo max di trincee di 3.000m e per un totale di 21.600mc. Con gli stessi parametri di cui sopra, possiamo presupporre uno scarico massimo teorico di 7.200 tonn di fanghi. Nel Documento questo calcolo viene effettuato con maggior precisione. Interventi: IDEM come sopra. No prelievo di acqua da pozzi in zona. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 23 di 23
  24. 24. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Discarica Intervento tecnico di indagine in situ Campi presso Reccia Calcestruzzi, ex cava (*NO sequestrato) Descrizione: Si tratta di un campo di 160 x 90 m, ma il Collaboratore non si ricorda bene l’ubicazione precisa: vengono individuate altre aree con le foto aeree storiche, a Sud di quanto indicato dal CDG. Interventi: non sono stati avviati accertamenti tecnici diretti in questi luoghi. Area in Castel Volturno, pressi pista da Go-Kart (*NO sequestrato) Descrizione: Si tratta di un laghetto (300 x 80 m) ricavato da estrazione di sabbia litoranea per l’edilizia anni ’80 e precedenti (Regi Lagni – Asse Mediano – Villaggio Coppola) riempito ora per 2/3, a sentir dire dal CDG, da rifiuti (non se ne conosce l’origine). Intervento da programmare 1 - campionamento suoli/liquidi/rifiuti: si indica il prelievo di suoli/sottosuoli/rifiuti a più profondità, ma con un carotiere pesante. Si indica un prelievo di campioni di acqua dal laghetto e del limo sul fondo. Intervento 2 – elaborazione dati aerei: i dati aerei sono stati elaborati per acquisire ulteriori informazioni sull’interro del lago e aree limitrofe. Intervento da programmare 3 – esame fitopatologico: esame delle colture non necessario. Intervento da programmare 4 – censimento pozzi: si indica l’individuazione in zona di pozzi con prelievo campioni d’acqua. Area in Castel V. sala Meeting/Discoteca di Hyppo Kampos Resort (*NO sequestrato) Descrizione: Si tratta di un’area sottratta ad alcuni laghi costieri per riempimento (anche con rifiuti?, a sentir dire del CDG), o modificata per scavo: ora vi sono strutture ricettiva per circa 14.000mq di superficie totale, in parte edificata. Data la tipologia delle superfici, si consiglia di utilizzare eventualmente tecniche non distruttive. Intervento da programmare 1 - campionamento suoli/liquidi/rifiuti: si indica il prelievo di suoli/sottosuoli/rifiuti a più profondità, ma con un carotiere pesante. Si indica un prelievo di campioni di acqua dal laghetto e del limo sul fondo. Intervento 2 – elaborazione dati aerei: i dati aerei sono stati elaborati per acquisire ulteriori informazioni sull’interro del lago e aree limitrofe. Intervento da programmare 3 – esame fitopatologico: esame delle colture non necessario. Intervento da programmare 4 – censimento pozzi: si indica l’individuazione in zona di pozzi con prelievo campioni d’acqua. Intervento da programmare 5 – geofisica. Si indica la geofisica per un rilievo speditivo con la ricostruzione 3D del sottosuolo onde indirizzare al meglio il prelievo dell’intervento n.1 o per studiare l’invaso al di sotto degli edifici, in modo non distruttivo. Discarica Novambiente Descrizione: per queste discariche, che si trovano tutte vicine tra loro, non sono stati effettuati rilievi geofisici in quanto di difficile esecuzione ed in rilevato, e comunque non di nostro specifico interesse (la ricostruzione degli invasi e delle tecniche di coltivazione, sono già state descritte dal Collaboratore di G. e riportate in altre C.T. per altri procedimenti). Gli interventi si sono limitati a: Intervento 1 - campionamento suoli: Sono stati effettuati scavi diretti in posizione Ovest ed Est dell’Invaso Novambiente. Intervento 2 – elaborazione dati aerei GdF: per questa zona è stato effettuato lo studio delle riprese aeree sulle colture e sulla vegetazione limitrofe, per individuare eventuali fitopatie. Il lavoro è propedeutico all’intervento n.3. (La relazione dell’Agronomo infatti raccomanda prelievi e analisi di campioni, si veda la sua relazione, in Allegato n.1). Intervento da programmare 3 – esame fitopatologico: si prevede l’esame delle colture (se presenti) e della vegetazione in posto e nelle vicinanze con un fitopatologo (biologo vegetale) per valutare eventuali riflessi negativi sulla vegetazione, come anticipato dai voli aerei. Se necessario verranno prelevati campioni delle colture e/o dei frutti ev. presenti. Intervento 4 – censimento pozzi, prelievo dai pozzi di discarica: sono stati individuati in zona i pozzi per il prelievo di campioni dall’acqua di falda, sia entro gli invasi, sia subito al di fuori. E’ stato realizzato un piezometro con prelievo acqua di falda (terreni in San Giuseppiello). e area Giuglianese: (Invasi ora del CBNa1) Discarica Cava In questa CT sono stati utilizzati per quest’area i soli dati storici disponibili da ARPAC e da Giuliani - FIBE FIBE, raccolti in altre CT. Discarica RESIT Area oggetto di precedenti CT: sono stati effettuati prelievi contestuali agli altri tre siti sopra, dai due unici pozzi spia presenti nell’area (pozzo X di cava X e pozzo Z di cava Z). Discarica AL.MA. * Da valutare dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 24 di 24
  25. 25. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Discarica Intervento tecnico di indagine in situ Discarica Da valutare DI.FRA.BI.* Discarica CICAGEL Da valutare (Sessa, già sequestrata) * (*) I siti contraddistinti dall’asterisco non sono stati oggetto di accertamento tecnico diretto; per l’area ex Reccia Calcestruzzi e i laghi costieri in Castel Volturno, sono state avviate solo le analisi morfologiche dal confronto multitemporale di riprese aeree. NOTE (Analogie/differenze) con le indagini già svolte in loc. Scafarea, invasi SETRI-RESIT per il proc. nr.36856/01 mod.21. In questa CT non sono stati effettuati studi particolari sugli invasi (rilievi geofisici per le geometrie e per l’individuazione degli eventuali teli presenti), in quanto la materia non è in questo caso fondamentale e già ampiamente trattata nella CT per il proc. 36856/014. Sono stati invece effettuati studi sulla vegetazione sul campo. Sono stati effettuati maggior prelievi di acque di falda (in senso di localizzazione spaziale, con prelievi simultanei in RESIT, Discarica Vassallo/Novambiente e Invasi CBNa1, nonché in alcuni terreni limitrofi agli invasi), ma non sono stati effettuati prelievi sul percolato e biogas o indagini geologiche in quanto, almeno per l’area giuglianese (RESIT, Vassallo/Novambiente, Cava Giuliani, invasi CBNa1, terreni in San Giuseppiello) la geologia del sottosuolo è nota da tempo, e per le aree di Lusciano e Trentola da una parte e Castelvolturno dall’altra, la geologia è ininfluente (i rifiuti sono pressoché in superficie, nel terreno agrario/pozzolanico, mentre a Castel Volturno -i rifiuti ipoteticamente sversati- si ritroverebbero nelle sabbie costiere). Una volta effettuato l’intero campionamento delle acque, è stato stabilito se effettuare uno o più piezometri ad hoc (ad esempio uno a monte e uno a valle (idrogeologico) dell’intero gruppo di discariche giuglianesi) per il prelievo di campioni canonici d’acqua e la ricostruzione su larga scala dell’andamento della falda, procedimento già in parte avviato con la CT RESIT 2004, dove però l’esame sulla falda era circoscritto alla sola RESIT. Come vedremo, è stato poi perforato un unico piezometro, in loc. San Giuseppiello, a Valle idrogeologico dei siti RESIT e in posizione baricentrica rispetto i terreni dei Fratelli VASSALLO. Sono state analizzate le Foto aeree degli anni ’80, ’90 e recenti, onde ricostruire e censire tutti i luoghi interessati, a suo tempo, dallo smaltimento e sfuggiti all’elenco del CDG. Su questi luoghi, sono stati poi indicati o effettuati i rilievi del caso. Per quanto riguarda le discariche AL.MA, DI.FRA.BI e CICAGEL, non sono previsti interventi diretti sul posto (prelievo di campioni). Sopralluogo con Agronomo del 20 Settembre 2008 Il 20 Settembre 2008, giusto prima dell’inizio della stagione autunnale, è stato fatto un accurato sopralluogo con l’agronomo in quegli appezzamenti arborei a frutto confinanti con le nostre discariche o i terreni oggetto d’indagine. Questo studio di campagna è stato anche necessario per la “verità a terra” delle immagini elaborate dai dati di telerilevamento aereo. Di seguito riportiamo l’elenco delle fotografie scattate nell’occasione, col punto preciso della traccia del GPS portatile che ha memorizzato l’intero rilievo, onde poter posizionare con precisione il singolo albero o gruppo di alberi fotografati. 4 Da ora in poi si abbrevierà come CT RESIT 2004. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 25 di 25
  26. 26. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Foto/ora uff. F.002/12.19 F.003/ F.004/ F.005/ F.006/ F.007/ F.008/ F.009/12:37 F.010/12:39 F.011/12:41 F.012/12:42 F.013/12:45 F.014/12:47 F.015/12:48 F.016/12:54 F.017/12:58 F.018/13:08 F.022/13:14 F.023/13:25 F.025/13:28 F.027/13:46 F.029/13:49 F.030/13:53 F.031/13:55 F.032/14:12 F.033/14:15 F.034/14:17 F.035/14:21 F.037/14:42 F.039-040-041 F.042-043 Luogo/track Da disc. Vassallo Da disc. Vassallo Discarica Vassallo Da disc. Vassallo Da disc. Vassallo Da disc. Vassallo Da disc. Vassallo Sud/116 Sud/130 Sud/139 Sud/140 Sud/153 Sud/162 Sud Sud/187 Sud/206 Est/245 Nord/269 Nord/324 Nord/334 S. Gius./417 S. Gius./428 S. Gius./439 S. Gius./450 510 521 530 543 637 - Descrizione/Note Campi a Sud Campi a Sud, si vede lo stabilimento del CDR Pozzetto percolato Tra Novambiente e CBNa1 CBNa1 (si vede la Chiesetta di Nazareth) Area Novambiente Verso Ovest, si vede la RESIT + F019-F020-F021 + F024 lungo la strada privata a Est Nord lungo la strada privata, a ovest S. Giuseppiello +F028 S. Giuseppiello, si vede la masseria fratelli Vassallo S. Giuseppiello, campi a Nord Cachi a ovest della strada Peperoni in serra, loc. Scafarea, non campionati + F038 Trentola “Hyppo Kampos Resort” Tabella 2. Elenco e posizione delle Foto scattate per l’indagine dello stato della vegetazione. Per la descrizione completa dello studio della vegetazione, si rimanda alla Relazione Tecnica specifica dell’Agronomo, in Allegato n.1. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 26 di 26
  27. 27. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 PARTE I 5. Sopralluoghi, attività di campionamento acqua e suoli del 19-20-21 Gennaio 2009. Finalmente, dopo lunghe attese per il maltempo, sono iniziate le operazioni peritali, si vedano le immagini sottostanti su base Google Earth, riferite ai quattro principali luoghi di intervento: terreni in San Giuseppiello, discariche in Giugliano, terreni in Trentola e terreni in Lusciano: 19 Gennaio 2009 1. prelievo acqua (1 litro) da pozzo spia siglato S1 del CBNa1 (Foto 1475), alla coordinata: N40 56 36.3 E14 07 05.6. 2. prelievo acqua (mezzo litro, con campionatore) da piezometro a Sud (siglato M3, Foto 1476), prof -47.30m, alla coordinata: N40 56 35.1 E14 07 03.9. 3. prelievo acqua (1 litro) da pozzo spia 2A del CBNa1 (Foto 1477), alla coordinata: N40 56 37.9 E14 06 48.0. 4. prelievo acqua (1 litro, con campionatore) da piezometro (siglato M2, Foto 1478), prof. 46.0m, alla coordinata: N40 56 39.0 E14 07 20.4. 5. prelievo acqua (1 litro) da pozzo spia (siglato VA, Vecchio Antincendio, Foto 1479, del CBNa1), prof. -43.0m, alla coordinata: N40 56 48.9 E14 06 56.8. 6. inizio scavo piezometro (denominato poi Piez.1), sulla strada di confine tra i campi Vassallo Cesario e Vassallo Nicola (Foto 1480), alla coordinata: N40 56 48.4 E14 06 04.7. 7. carotaggio nel terreno di Vassallo Cesario in San Giuseppiello, denominato So1, prelievo campioni a -5.0m e a -10.0m (Foto1481), non fatta la stratigrafia sino a -5.0m, alla coordinata: N40 56 51.2 E14 06 04.0. Si veda il Verbale di Accertamento Tecnico, Allegato n.2. 8. carotaggio nel terreno di Vassallo Cesario in San Giuseppiello, denominato So2, prelievo campioni a -5.0m e a -10.0m (Foto1485), stratigrafia sino a –5.0m, alla coordinata: N40 56 46.3 E14 06 03.0. Foto 1488: si vede terreno agrario con inclusi di pomici (a quasi -2.0m: queste si infilano per lisciviazione con la pioggia, quindi vuol dire che è stato aperto una trincea a -2.0m); Si veda il Verbale, Allegato n.2. 9. stratigrafia completa sino a -5.0m (per So2, Foto 1489). 20 Gennaio 2009 10. prelievo acqua (1 litro, con campionatore) da pozzo agricolo, denominato “tra CBNa1 e RESIT” (Foto 1490) prof. -40.3m, alla coordinata: N40 56 58.8 E14 06 40.9. 11. carotaggio nel terreno di Vassallo Nicola in San Giuseppiello, denominato So3, prelievo campioni a -5.0m e a -10.0m (Foto1491), alla coordinata: N40 56 49.7 E14 06 09.0; stratigrafia sino a -5.0m. (Foto 1492). Si veda il Verbale, Allegato n.2. 12. carotaggio nel terreno di Vassallo Nicola in San Giuseppiello, denominato So4, prelievo campioni a -5.0m e a –10.0m (Foto1494), alla coordinata: N40 56 46.4 E14 06 08.9; stratigrafia sino a -5.0m. (Foto 1495). Si veda il Verbale di Accertamento Tecnico, Allegato n.2. 13. prelievo acqua (1 litro, con campionatore) da pozzo agricolo, denominato “tra RESIT e Vassallo” in San Giuseppiello (Foto 1496), prof. –43.20m, alla coordinata: N40 56 50.2 E14 06 16.7. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 27 di 27
  28. 28. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 14. carotaggio nei campi di prof. N. Mariniello in Torre di Pacifico (Lusciano), denominato So5, prelievo campioni a –5.0m e a –8.0m (Foto1499), alla coordinata: N40 57 35.7 E14 11 08.3; stratigrafia sino a –5m. (Foto 1498); In 1497 si vede la carota da –4 a –5m. 15. carotaggio nei campi di prof. N. Mariniello in Torre di Pacifico (Lusciano), denominato So6, prelievo campioni a –5.0m e a –7.5m (Foto1500), alla coordinata: N40 57 36.0 E14 11 06.0; stratigrafia sino a –5m. (Foto 1501); Immagine 1. Posizionamento carotaggi (So1, So2, So3, So4), prelievi acqua (025 e Piez.1) e scavo trincee (038 e 039) in San Giuseppiello. Per la descrizione delle sigle si veda il testo. 21 Gennaio 2009 16. carotaggio in Trentola-Ischitella, denominato So7, prelievo campioni a –3.5m e a –7.0m (Foto1500), alla coordinata: N40 58 32.6 E14 07 40.4; stratigrafia sino a –5m. (Foto 1517); 17. carotaggio in Trentola-Ischitella, denominato So8, prelievo campioni a –3.5m e a –7.0m (Foto1500), alla coordinata: N/P; stratigrafia sino a –5m. (Foto 1516). 18. Campioni in Laboratorio, Foto 1502. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 28 di 28
  29. 29. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Immagine 2. Posizionamento prelievi acqua (M2, M3, S1, 2A, VA, 026) e scavo trincee (032, 033, 034, 035) area Discariche Novambiente - CBNa1. Per la descrizione si veda il testo. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 29 di 29
  30. 30. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Immagine 3. Posizionamento carotaggi (So7 e So8) e scavo trincee (036 e 037) area di Trentola. Per la descrizione si veda il testo. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 30 di 30
  31. 31. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Immagine 4. Posizionamento carotaggi (So5 e So6) e scavo trincee (040 e 041) terreni in Lusciano. 6. I carotaggi Come già annunciato, il giorno 19 Gennaio 2009 sono iniziati, dai terreni in loc. San Giuseppiello, i sondaggi geognostici con il prelievo dei campioni dal carotiere (Foto 1494) e la successiva catalogazione in apposite cassette della stratigrafia del suolo/sottosuolo carotato. Contemporaneamente, sempre in San Giuseppiello, è iniziata la perforazione del piezometro (sonda in giallo sullo sfondo, sempre osservando la Foto 1494, con il carotiere nella posizione del sondaggio So4). dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 31 di 31
  32. 32. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 FOTO 1494 So1 (F.1481, San Giuseppiello, Vassallo Cesario). FOTO 1481 In questa posizione d’indagine (Foto 1481) non è stata fatta la catalogazione dei materiali estratti nei primi 10m. La stratigrafia (per i materiali originari) è del tutto simile a quella incontrata nei sondaggi successivi in zona, e catalogati poi con So2, So3 e So4. Una trincea effettuata in questa posizione (la trincea 038), ha poi permesso l’estrazione del materiale avviato in laboratorio (campioni V.C. 1/2 e V.C. 2/2, si veda più avanti nel testo). dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 32 di 32
  33. 33. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 So2 (F.1489, San Giuseppiello, terreno di Vassallo Cesario). So2 -1.5m FOTO 1489 Stratigrafia: 0-1m: terreno agrario su pozzolana, marrone scuro-grigio scuro, sabbie limose, fortemente rimaneggiato e mescolato con altri materiali antropici; 1-2m: terreno agrario/pozzolana passante da marrone scuro a marrone medio, fortemente rimaneggiato e mescolato con altri materiali antropici; a -2.0m si osservano inclusi di piccole pomici chiare, fino 1 cm, alloctone ivi finite e ammassate per un sistema di veicolazione di acque meteoriche. Questo fatto si può spiegare come causa di una trincea scavata a questa profondità dove poi l’acqua meteorica le ha ivi trasportate, essendo le pomici galleggianti; 2-3m: pozzolana sciolta da marrone chiaro a grigio chiaro; 3-4m: pozzolana sciolta grigia; 4-5m: pozzolana sciolta grigia. Prelievi: - campione a -5.0m: pozzolana grigia; - campione a -10m: pozzolana grigia, più scura. - campione a -1.5m: materiale antropico mescolato con terreno pozzolanico (prelevato dalla cassetta catalogatrice, successivamente, in data 23/02/09 e avviato al laboratorio con le acque prelevate lo stesso giorno). Approfondimento campioni: il materiale caotico campionato con la carota entro i primi due metri dal piano campagna, impongono l’estrazione di un campione dalla cassetta catalogatrice con l’avvio in laboratorio. Come descritto, tale campione è stato poi prelevato alla quota di 1.5m dal piano campagna (si vedano i risultati analitici nelle tabelle più avanti). dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 33 di 33
  34. 34. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 So3 (F.1492, San Giuseppiello, terreno di Vassallo Nicola). FOTO 1492 Stratigrafia: 0-1m: terreno agrario su pozzolana, marrone scuro-grigio scuro, sabbie limose; 1-2m: terreno agrario/pozzolana passante da marrone scuro a marrone medio; 2-3m: pozzolana sciolta da marrone chiaro a grigio chiaro; 3-4m: pozzolana sciolta grigia; 4-5m: pozzolana sciolta grigia. Prelievi: - campione a -5.0m: pozzolana grigia; - campione a -10m: pozzolana grigia, più scura. Approfondimenti campioni: in questo preciso punto di perforazione, non si notano variazioni stratigrafiche tali da richiedere un ulteriore prelievo di campioni dalla relativa cassetta catalogatrice. Per maggior certezza d’indagine, è stato eseguito lo scavo di una trincea effettuata in prossimità di questa posizione (la trincea 039), che ha poi permesso l’estrazione di altro materiale avviato in laboratorio (campioni V.N. 1/2 e V.N. 2/2). dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 34 di 34
  35. 35. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 So4 (F.1495, San Giuseppiello, terreni di Vassallo Nicola). FOTO 1495 Stratigrafia: 0-1m: terreno agrario su pozzolana, marrone scuro-grigio scuro, sabbie limose; 1-2m: terreno agrario/pozzolana marrone scuro-grigio scuro; 2-3m: pozzolana sciolta passante da marrone scuro a grigio medio; 3-4m: pozzolana sciolta grigio medio; 4-5m: pozzolana sciolta grigia. Prelievi: - campione a -5.0m: pozzolana sciolta grigia; - campione a -10m: pozzolana sciolta grigia, più scura. Approfondimenti campioni: i suoli qui si presentano più scuri nei primi tre metri che nei sondaggi precedenti (riferiti sempre alla stessa zona); vi sono inoltre inclusi litoidi centimetrici, subarrotondati, che non sono giustificabili in natura in questa posizione stratigrafica. In questa posizione, comunque, non è stata scavata una trincea di conferma con campionamento diretto di materiali, in quanto la trincea precedente (039), poco distante da qui, aveva già messo in evidenza l’alterazione antropica dei luoghi oggetti d’indagine. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 35 di 35
  36. 36. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 So5 (F.1498, Lusciano, terreni di N. Mariniello). FOTO 1498 Stratigrafia: 0-1m: terreno agrario su pozzolana, marrone; 1-2m: terreno agrario/pozzolana marrone chiaro; 2-3m: pozzolana sciolta passante da marrone chiaro a grigio chiaro; 3-4m: pozzolana sciolta grigio chiaro; 4-5m: pozzolana passante da grigio chiaro a marrone chiaro-rossastro, con inclusi litoidi tufacei subarrotondati, anche centimetrici, stesso colore. Prelievi: - campione a -5.0m: pozzolana sciolta marrone chiaro-rossastro; - campione a -8.0m: pozzolana addensata/tufo alterato marrone/grigio-rossastro medio-scuro. Approfondimenti campioni: qui avviene una transizione cromatica tra -4.0m e -5.0m della pozzolana, con inclusi litoidi centimetrici. Forse un campione prima della transizione tra -4.0m e -5.0m, cioè sulla pozzolana grigia, visto che quella marrone a -5.0m è stata campionata (ovvero a -4.0m) potrebbe essere utile, ma lo scavo diretto in trincea (la 040 e la 041) non ha mostrato evidenze di rimaneggiamento antropico. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 36 di 36
  37. 37. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 So6 (F.1501, Lusciano, terreni di N. Mariniello). FOTO 1501 Stratigrafia: 0-1m: terreno agrario su pozzolana, marrone; 1-2m: terreno agrario/pozzolana marrone chiaro; 2-3m: pozzolana sciolta passante da marrone chiaro a grigio chiaro; 3-4m: pozzolana sciolta grigio chiaro; 4-5m: pozzolana passante da grigio chiaro a marrone chiaro-rossastro, con inclusi litoidi tufacei subarrotondati, stesso colore. Prelievi: - campione a -5.0m: pozzolana sciolta marrone chiaro-rossastro - campione a -7.5m: pozzolana addensata/tufo marrone/grigio-rossastro medio-scuro. Approfondimenti campioni: stessa stratigrafia del sondaggio So5, non si richiedono approfondimenti. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 37 di 37
  38. 38. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 So7 (F. 1517, terreni fronte SP Trentola-Ischitella). FOTO 1517 Stratigrafia: 0-1m: terreno agrario su pozzolana, marrone scuro, fortemente rimaneggiato e mescolato con altri materiali antropici; 1-2m: terreno agrario/pozzolana, marrone, fortemente rimaneggiato e mescolato con altri materiali antropici; 2-3m: pozzolana sciolta passante da marrone chiaro a grigio chiaro; 3-4m: pozzolana sciolta grigio chiaro; 4-5m: pozzolana sciolta passante da grigio chiaro a marrone chiaro. Prelievi: campione a -3.5m: pozzolana sciolta grigia; campione a -7.0m: pozzolana sciolta marrone. Approfondimenti campioni: stessa stratigrafia del sondaggio So8, non si richiedono approfondimenti dalla cassetta catalogatrice, in quanto è stato eseguito lo scavo di una trincea effettuata in prossimità di questa posizione (la trincea 036), che ha poi permesso l’estrazione di altro materiale avviato in laboratorio (campione TRE1). dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 38 di 38
  39. 39. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 So8 (F.1516, terreni fronte SP Trentola-Ischitella). FOTO 1516 Stratigrafia: 0-1m: terreno agrario su pozzolana, marrone scuro, fortemente rimaneggiato e mescolato con altri materiali antropici; 1-2m: terreno agrario/pozzolana, marrone, fortemente rimaneggiato e mescolato con altri materiali antropici; 2-3m: pozzolana sciolta passante da marrone chiaro a grigio chiaro; 3-4m: pozzolana sciolta grigio chiaro; 4-5m: pozzolana sciolta passante da grigio chiaro a marrone chiaro. Prelievi: - campione a -3.5m: pozzolana sciolta grigia; - campione a -7.0m: pozzolana sciolta marrone. Approfondimenti campioni: stessa stratigrafia del sondaggio So7, non si richiedono approfondimenti dalla cassetta catalogatrice, in quanto è stato eseguito lo scavo di una trincea effettuata in prossimità di questa posizione (la trincea con la sigla 037), che ha poi permesso l’estrazione di altro materiale avviato in laboratorio (campione TRE2). 7. Sopralluogo del 27 gennaio 2009 con il CDG. Il CDG, in tale data, precisa con un sopralluogo sul posto, alcune situazioni già riportate nel Verbale di Sequestro. Campi in San Giuseppiello: le trincee, ricorda, furono effettuate, a suo dire, lungo l’asse maggiore dei campi e consiglia di osservare soprattutto là ove sono rimasti dei cumuli di terreno (incolto). Alcuni bassi morfologici visibili nel terreno del fratello Renato VASSALLO (dove tra l’altro abbiamo effettuato il sondaggio So1), sono il frutto, racconta, di saggi disposti dal Sostituto dr.ssa Ribera, altro procedimento. Riporta che qui vi furono sversati fanghi di dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 39 di 39
  40. 40. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 concerie, (a tal proposito, invece, il fratello Nicola VASSALLO conferma sì uno sversamento, ma di semplici fanghi biodegradabili5, comunicazione verbale diretta sul posto). Vedremo poi come lo scavo diretto con escavatore, perpendicolare l’asse di scavo dello sversamento, abbia messo in luce quanto davvero raccontato dal CDG Gaetano VASSALLO e non dal fratello Nicola VASSALLO. Per i campi in Lusciano, le trincee fatte a suo tempo, ci racconta ancora, furono lungo il grosso muro di cinta, quindi da est a ovest, lato più corto. Verrà pertanto effettuato uno scavo diretto con escavatore, perpendicolare l’asse di scarico. Il CDG non si ricorda del 2° campo, quello più a Sud e quindi soprassediamo all’accertamento tecnico di questo terreno, sulla scorta anche di ciò che è stato poi incontrato nel 1° terreno N. MARINIELLO in Lusciano6. Per l’area ex Reccia Calcestruzzi, ci racconta ancora il CDG, ci furono altri e notevoli sversamenti, ma non è stato preciso ad indicarci il luogo, il tutto prima del 2000. In aiuto ci può giungere l’esame visivo di alcune cave nei pressi, riprese nelle Foto aeree del 1990 e 1991. Nel Verbale di sequestro del Luglio 2008 si parla di una cava presente già nel 1992 (pag.39) e quindi molto probabilmente visibile già nelle Foto aeree del 1991. Il CDG, come detto, non è stato molto preciso in quest’occasione e quindi di seguito mappiamo, sulla base delle nostre foto aeree storiche, tutte quelle aree intorno al terreno indicato inizialmente e vagamente dal CDG, aree che in passato sono state oggetto di scavo, movimento terra e, a dire del CDG, di occultamento non autorizzato di rifiuti di varia natura. Immagine 5. Immagine satellitare 2008 presso ex Reccia Calcestruzzi (nell’area del triangolo al quadrivio a Nord). Nell’immagine precedente, individuata dal poligono rosso e con un simbolo giallo, si osserva sul territorio (immagine satellitare del 20 Aprile 2008) la posizione del terreno indicato dal 5 Immaginiamo mascherati da semplici ammendanti per uso agricolo, come si evince dalle intercettazioni telefoniche riportate nel Decreto di sequestro. 6 Ricordiamo, in Via Scipione – loc. Torre di Pacifico. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 40 di 40
  41. 41. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 CDG come probabile ricettore di rifiuti. Subito ad Est, al centro in alto dell’immagine, il triangolo rosso al quadrivio, indica l’area della ex Reccia Calcestruzzi. Qui di seguito riportiamo anche la fotografia scattata durante il sopralluogo dell’area indicata dal CDG, ora adibita alla coltivazione di alberi da frutto, con un pozzo agricolo in primo piano. FOTO 1473 Se però andiamo ad osservare indietro nel tempo, l’area indicata oggi dal CDG non corrisponde ad alcuna cava presente all’inizio degli anni ’90. Osservando invece le immediate vicinanze, notiamo ben tre cave nella fotografia aerea del 14 marzo 1991, Ftgr. N. 64, individuate come Invaso n.1, Invaso n.2 e Invaso n.3 nell’immagine sottostante: dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 41 di 41
  42. 42. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 Immagine 6. Foto aerea zona ex Reccia Calcestruzzi, volo IGMI 1991. Il campo oggi indicato dal CDG invece è quello descritto dalla sigla “CDG” nella foto aerea sopra. E’ probabile che costui si volesse riferire ad uno dei tre invasi poco più a Sud (l’Invaso 1 dista solo 60m dal bordo del campo oggi indicato). Non si hanno oggi notizie a riguardo di queste cave ma, da come si presentano morfologicamente dall’alto e da come sono collegate con la viabilità, non paiono essere interessate da movimento terra, ad esempio, per la costruzione della Chiesetta di Nazareth, subito ad Est che invece ha un notevole collegamento con un’area di cantiere subito a Nord (non visibile nella foto aerea e nel satellite, in quanto ancora più a nord). Riteniamo che da quel periodo (intorno al 1991) questi grandi invasi dei quali qui di sotto calcoliamo il perimetro ed anche una ipotetica volumetria massima osservabile nel 1991 e residua al 2008, ora in parte completamente colmati al piano campagna, di cui due abbandonati e l’Invaso 3 oggi ancora coltivato, abbiano davvero ricevuto materiale di qualsiasi tipo. Invaso Perimetro m Invaso 1 Invaso 2 Invaso 3 42x250* 92x65* 80x120* Volumetria al 1991 m3 stimata Volumetria residua Destinazione odierna odierna stimata m3 al 04/08 210.000 119.600 96.000 0 10.000 0 Incolto Incolto Coltivato (*) approssimiamo per comodità l’area poligonale a rettangoli. Si ritiene per questi invasi la necessità di un’analisi diretta con prelievo campioni a più profondità, soprattutto per l’Invaso 3, oggi coltivato, identificato alle coordinate (baricentriche) di 40°59’07.85”N e 14°05’36.14”E. Per Castel Volturno, il CDG ha comunicato (non siamo andati direttamente con lui sul posto) che una volta vi erano dei laghi, a suo dire, poi riempiti con rifiuti, in particolare ricorda il luogo dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 42 di 42
  43. 43. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 dove oggi si trova la sala Meeting/Discoteca dell’“Hyppo Kapos Resort” e un altro laghetto nei pressi della pista di Go-Kart (più a Nord). Una verifica cronologica sulla morfologia di questi luoghi viene effettuata nell’Allegato n.4 che riguarda i Voli Aerei, a cui si rimanda. Area Novambiente – Schiavi: il CDG ha detto inoltre diverse altre cose, poi alcune oggetto di approfondimento diretto durante il corso della presente Consulenza Tecnica: a. strada di accesso, lato e compreso il Fotovoltaico (ormai ex fotovoltaico): discarica di RS, si vede bene il campo rettangolare stretto e lungo ancora intatto nelle Foto aeree del 1990 e 1991: questo poi più di recente verrà trasformato in discarica, nella Foto del 1996 si vede già inglobato nell’ampliamento dell’invaso Schiavi, Sud-Est; b. piazzale sotto e antistante i tre Silos della lavorazione del percolato (ora in gestione al CBNa1): discarica di RS (si vede nella Foto aerea del 1996, come anche il campo Eredi Giuliani7, questo però intatto); c. zona tra Novambiente e Invaso Schiavi (dove ora c’è la tettoia del lavaggio automezzi, e dove passava la strada, ormai scomparsa). Il CDG ha indicato due zone con RS (Foto 1503, area erbosa in direzione Nord) e Foto 1505 entro il recinto Novambiente, zona circondata con rete di plastica arancione; e una zona con amianto, Foto 1504, al confine con recinto Novambiente, lato Ovest; d. sulla sommità dell’invaso ha indicato, oltre che il tritovagliato di plastica ed altro (come il fluff), dappertutto, anche altri fanghi considerati Rifiuto Speciale sull’estremità ovest ed est del piazzale. A riguardo si vedano le Foto fatte il 23/02/09 (Foto 1511). Immagine 6A. Immagine satellitare 2008 con l’attuale area Eredi Giuliani, rettangolo in rosso. 7 Si veda l’immagine satellitare che segue ed il Poligono E nell’Immagine n.27 in fondo al testo. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 43 di 43
  44. 44. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 8. Analisi chimiche delle TERRE prelevate il 19-20-21 gennaio 2009 Di seguito riportiamo tutte le analisi chimiche dei campioni prelevati il 19, il 20 e 21 Gennaio 2009, e riferite alle terre. Nella F.1502 si osservano i campioni (terre + acque) in laboratorio. La discussione dei risultati verrà riportata di seguito per ciascun sito indagato. I Rapporti di prova sono in Allegato n.5. FOTO 1502 dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 44 di 44
  45. 45. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 S. Giuseppiello - campi VASSALLO Cesario sondaggi So1 e So2 (-5.0m; -10.0m e -1.5m) Campioni: Terre prelevate in data 19-20/01/09 (consegnate in laboratorio il 21/01/09). U.M. V. Cesario So1 -5.0m V. Cesario So1 -10.0m Passante al vaglio 2mm Sopravaglio 2mm % 99 95 77 97 95 - % 1 5 23 3 5 - Conc. ioni idrogeno pH 7.8 7.9 7.5 7.8 7.8 - PARAMETRI Residuo a 105°C Idrocarburi pesanti C>12 V. Cesario So2 -1.5m*** V. Cesario So2 -5.0m V. Cesario So2 -10.0m VALORE*/** RIFER. % 80.5 77 63.8 83 78 - Arsenico mg/kg s.s. mg/kg s.s. 2.3 <1 3 1.2 289 57 26 1 9.9 1 50/750 20/50 Cadmio mg/kg s.s. < 0.5 < 0.5 <0.5 < 0.5 < 0.5 2 Cromo totale Mercurio Nichel mg/kg s.s. mg/kg s.s. mg/kg s.s. <5 < 0.1 <5 <5 < 0.1 16 344 0.25 44 <5 < 0.1 26 <5 < 0.1 <5 150 1 120 Piombo mg/kg s.s. 8 13 101 7 5 100/1000 Rame mg/kg s.s. Selenio mg/kg s.s. 15 1.5 62 2.7 145 0.3 27 0.8 43 2.2 120/600 3/15 Stagno mg/kg s.s. 469 9.1 <0.5 4 21 1/350 Vanadio mg/kg s.s. 8 15 <1 12 11 90/250 Zinco mg/kg s.s. 23 34 734 29 29 150/1500 203600 Alluminio mg/kg s.s. Note. Le analisi sono state effettuate sulla frazione granulometrica passante al vaglio 2 mm e sono a questa riferite. *Tabella 1, All.5 al Titolo V, Parte Quarta, D.Lgs. n.152/2006: Concentrazione Soglia di Contaminazione (CSC) nel suolo e nel sottosuolo per siti ad uso verde pubblico privato e residenziale. **Tabella 1, All.5 al Titolo V, Parte Quarta, D.Lgs. n.152/2006: CSC suolo/sottosuolo commerciale/industriale. ***Campione prelevato dalla cassetta catalogatrice il 23/02/09 e consegnato in laboratorio il 25/02/09. Si riveda la F.1489. In neretto sono riportati i risultati che superano il valore limite (parametro in rosso) o che risultano anomali (parametro in arancione). In So1 dal campione a -5.0m dal piano campagna (che si presume essere alla base dell’eventuale contaminazione) a quello a -10.0m (che riteniamo essere campione spia, al di sotto del presunto inquinamento) vi sono alcune lievi variazioni chimiche anomale, certamente non naturali, come la presenza di Stagno, in concentrazioni altissime a -5.0m (oltre la CSC8 anche per siti industriali), che poi si riduce di 40 volte a -10.0m (tornando a valori quasi naturali per la zona, ma comunque sempre oltre la CSC); i metalli pesanti a maggior profondità aumentano sempre (tranne lo Stagno che si riporta in linea con i valori di tutti gli altri campioni), aumentano fino a 3 volte per il Nichel e 4 volte per il Rame. Gli idrocarburi pesanti invece qui non variano con la profondità e sono da ritenersi in concentrazioni normali. In So2 dal campione a -5.0m a quello a -10.0m non vi sono variazioni chimiche di rilievo. Infatti lo Stagno ora torna a valori accettabili (comunque sempre oltre le CSC, se riferite a terreni a verde, che poi è un valore da ritenersi vicino al naturale, tipico delle terre dei luoghi), e anche qui i metalli pesanti aumentano di concentrazione con la profondità, tutti tranne il Nichel che diventa invece 5 volte inferiore. L’alterazione chimica principale dei campioni, qui, è da ricondurre agli idrocarburi pesanti che alla quota più superficiale sono in una concentrazione 10 volte superiore che in So1, mentre sono quasi il triplo nella frazione più profonda, comunque sempre entro le CSC (la metà per quanto previsto dal massimo di Legge). Questo anomalo 8 Concentrazione Soglia di Contaminazione nel suolo e sottosuolo, così come descritta nel DLgs 152/06 o attuale Testo Unico dell’Ambiente. dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 45 di 45 -
  46. 46. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli - proc. n. 15986/08 mod.21 aumento di idrocarburi pesanti in pochi metri di distanza tra un sondaggio e l’altro, darà origine agli ulteriori accertamenti fatti direttamente in trincea (si veda più avanti). Ed infatti, osservando nuovamente le carote nella cassetta catalogatrice del sondaggio So2, è stato prelevato da essa il campione So2 a -1.5m (F.1489) per ulteriori analisi a conferma di quanto ipotizzato. In So2 a -1.5m troviamo infatti il forte inquinamento temuto e già ipotizzato nel sondaggio So2 a -5.0m di profondità e descritto poco sopra. Gli idrocarburi pesanti ora sono 10 volte di più di quelli già incontrati a -5.0m (oltre la CSC); l’Arsenico (oltre la CSC, anche se riferita a siti industriali) è ora circa 60 volte di più, il Cromo totale, addirittura, non rilevato a maggior profondità, è il doppio di quello ammesso dalla normativa. Analogamente il Piombo, il Rame e lo Zinco, sono oltre le CSC ammesse dalla normativa. L’alluminio, non contemplato dalla normativa in quanto elemento abbondantissimo in natura, è comunque in concentrazioni 10 volte maggiori delle concentrazioni naturali medi dell’area, quindi in concentrazione anomala e frutto di alterazioni antropiche. Rapporto di prova in Allegato n.3. Commento So1-So2. Mettendo a confronto i campioni prelevati in questi due siti nel terreno agricolo di Vassallo Cesario in San Giuseppiello, possiamo concludere che le trincee effettuate a suo tempo (questo vale per questa precisa porzione di terreno) non sono arrivate a -6.0m di profondità dal piano campagna, come si legge nel verbale di interrogatorio del 04/09/08, pag.5, quartultimo rigo, o nel Verbale di Sequestro Probatorio del 17/07/08, pag.79 e pag. 84, bensì a circa -2.5m dal piano campagna, come dimostrano anche le nostre trincee effettuate in fase di accertamento (si veda più avanti). Del resto, di buche profonde “…circa 1.5mt e larghe 4mq…” si parla nello stesso Verbale di Sequestro, sempre alla pag. 79: è questo il nostro caso. Il campione contenente il materiale cercato (fanghi, descritti più avanti) è proprio quello a -1.5m; a -5.0m il campione dimostra l’assenza di fanghi miscelati col terreno a questa profondità (spariscono l’Arsenico, il Cromo totale, il Piombo e il Rame, tipici dei fanghi cercati) mentre gli idrocarburi pesanti, infiltratisi dall’alto, sono ancora presenti ma si attenuano e si riducono di 10 volte a -5.0m di profondità e di 30 volte a -10.0m di profondità, per le capacità di assorbimento naturale del terreno. Possiamo quindi indicare che il campione So2 a -1.5m è rappresentativo del rifiuto miscelato con suolo agrario e riconducibile al codice: CER 190814, ovvero “fanghi prodotti da altri trattamenti delle acque reflue industriali, diversi da quelli di cui alla voce 190813” una volta classificati col generico vecchio CER 190804 “fanghi dal trattamento delle acque reflue industriali”. Tale codice è stato attribuito anche dall’ARPAC a seguito dell’operazione della Polizia di Stato di Giugliano (NA) del 10/02/2003, come da Verbale di Sequestro Probatorio del 17/07/08, pag.79. Più avanti nel documento, al momento della descrizione dei campioni estratti dagli scavi in trincea (Cap. 13.2) verrà analizzata la Pericolosità di tale rifiuto incontrato in questo terreno. Per quanto osservato ora analiticamente, si prefigurano le seguenti Ipotesi di Reato: - a carico del proprietario VASSALLO Cesario ed eventuali comproprietari del fondo agricolo in loc. San Giuseppiello nel Comune di Giugliano in Campania (NA) entro il quale ricade la posizione del sondaggio So2 del 19 Gennaio 2009 (coordinate 40°56’46.3”N – 14°06’03.0”E) di illecito interramento di rifiuti, ovvero di discarica abusiva in violazione del DLgs 152/06 e sanzionato penalmente all’Art. 256 Comma 3, per il quale si devono attivare le procedure dr. geol. Giovanni Balestri – incarico di C.T. del 18/07/08 – Relazione Generale - II Pagina 46 di 46

×