Your SlideShare is downloading. ×
0
La nuova didattica e la società dei knowledge worker Per: Internet, luci e ombre – Istituto liceale T. Ciceri, Como 16 mar...
Lo sviluppo di Internet e del Web <ul><li>Come è nata la rivoluzione in corso </li></ul>
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Lo sviluppo della rete Arpanet (anni ‘70) 1969 1971 1973 1975
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre La crescita di Internet (numero di host)
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Fino dagli albori </li></ul><ul><ul><li>Posta elettronica </li></ul><...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Tim Berners-Lee (Web, 1990)
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Sviluppo storico del World Wide Web
La crescita del World Wide Web (1990 - 2008) Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
Il World Wide Web oggi (marzo 2011) Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Oltre  1 miliardo  di utenti </li...
<ul><li>Termine lanciato da Tim O’Reilly nel 2004 </li></ul><ul><li>Da allora ne sono state date molte definizioni; esempi...
<ul><li>Contenuti auto-prodotti </li></ul><ul><ul><li>La distinzione tra webmaster e utente diventa evanescente </li></ul>...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Il Web 2.0 come spazio sociale Fonte: elaborazione su dati Google - ottobre 2...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Ribaltamento dei paradigmi della comunicazione </li></ul><ul><ul><li>...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Manca il “filtro” delle redazioni </li></ul><ul><li>Vengono meno i cl...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Processo alle streghe di Salem (1692) </li></ul><ul><ul><li>NB: è un ...
L’e-learning ieri e oggi <ul><li>Dalla formazione a distanza alla didattica 2.0 </li></ul>
<ul><li>Nasce nell’ottocento (corsi per corrispondenza) </li></ul><ul><li>In origine limitata a attività tecniche </li></u...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Nell’Italia del boom economico intere generazioni venivano da epoche ...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Meccanismo comunicativo asincrono </li></ul><ul><ul><li>Erogazione de...
<ul><li>Lo studente può decidere con la massima libertà quando e come dedicare tempo allo studio </li></ul><ul><li>Enfasi ...
<ul><li>Riconoscimento sociale di ciò che si è appreso </li></ul><ul><li>Ruolo della cultura orizzontale </li></ul><ul><li...
<ul><li>CBT (Computer Based Training) </li></ul><ul><ul><li>Nasce dopo l’avvento del computer come oggetto di consumo </li...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>La modalità comunicativa è sempre uno-a-molti </li></ul><ul><li>Possi...
<ul><li>Sembra essere la “terza fase” di sviluppo della formazione a distanza </li></ul><ul><li>Esperienze sempre più diff...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre La rete sociale di TTNM, AA 2010/11
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Il blog di Design dell’interazione (R. Polillo)
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Il wiki di Design dell’interazione
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>La rete sociale di classe è un luogo virtuale che aumenta la socializ...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Consente agli studenti di arricchire i contenuti </li></ul><ul><ul><l...
<ul><li>Il docente non è più l’unica fonte di conoscenza rispetto agli studenti </li></ul><ul><li>La natura del suo lavoro...
<ul><li>Si apprende anche dai compagni di corso </li></ul><ul><li>Questo era un limite enorme della formazione a distanza ...
<ul><li>Tesi magistrale svolta nel 2009 dallo studente Edoardo Mattiuzzo </li></ul><ul><li>E’ stata esaminata la rete soci...
<ul><li>Quasi tutti gli studenti hanno deciso di “mascherarsi” con un nickname e un avatar di fantasia </li></ul><ul><li>D...
<ul><li>Sono stati presi in esame i “commenti” (messaggi diretti di tipo uno a uno) non attinenti alla didattica </li></ul...
<ul><li>Sono stati esaminati separatamente i commenti postati nelle prime tre settimane e quelli postati in seguito </li><...
La rete sociale nelle prime tre settimane Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
La rete sociale dalla quarta settimana in poi Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
<ul><li>Appare chiaro anche a prima vista che la rete sociale nelle prime tre settimane era dominata da un “cluster gigant...
<ul><li>La rete corrispondente alle prime tre settimane riflette il comportamento di utenti che non si conoscono fisicamen...
Qualche riflessione conclusiva <ul><li>Conoscenza, sapere, didattica </li></ul>
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Non è l’unico caso storico di sviluppo esplosivo: </li></ul><ul><ul><...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre La crescita del mercato dei computer
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Sono generati da campagne di marketing, oppure nascono dall’uso di og...
Il punto di vista che voglio sostenere Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Uno dei motivi dell’enorme successo de...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Conoscenza : </li></ul><ul><ul><li>Facoltà, atto, modo, effetto del c...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Definizione 1 (conoscenza pratica) <ul><li>“ Conosco bene Vienna” </li></ul><...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Dati, informazioni, conoscenza 28 ottobre 1955 Bill Gates è nato il 28 ottobr...
La natura reticolare della conoscenza <ul><li>Nella nostra testa concetti e informazioni sono connessi tra loro in una ret...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Un esempio di rete semantica (dal Web)
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Oltre la conoscenza: il sapere Bill Gates è un informatico Von Neumann è stat...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Stando a queste definizioni, la didattica d’aula concerne il sapere e...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Dante Alighieri conosceva il sapere del suo tempo </li></ul><ul><li>A...
La società evolve Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Da G.Castoldi, “ Le nuove tendenze della distribuzione turi...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Il peso della conoscenza come strumento fondamentale per le attività ...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Le conoscenze richieste per affrontare la propria vita professionale ...
<ul><li>Il Web si comporta come un gigantesco magazzino di conoscenze </li></ul><ul><li>La sua struttura ipertestuale perm...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Conoscenze frammentarie </li></ul><ul><li>Mancanza di quadri di rifer...
<ul><li>La diminuzione di “peso” della cultura orizzontale è legata a una visione riduzionista della conoscenza; è accetta...
Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Non è ragionevole pensare di fare a meno della didattica tradizionale...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Luci e ombre relative ai media

332

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
332
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Luci e ombre relative ai media"

  1. 1. La nuova didattica e la società dei knowledge worker Per: Internet, luci e ombre – Istituto liceale T. Ciceri, Como 16 marzo 2011 Piero Schiavo Campo
  2. 2. Lo sviluppo di Internet e del Web <ul><li>Come è nata la rivoluzione in corso </li></ul>
  3. 3. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Lo sviluppo della rete Arpanet (anni ‘70) 1969 1971 1973 1975
  4. 4. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre La crescita di Internet (numero di host)
  5. 5. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Fino dagli albori </li></ul><ul><ul><li>Posta elettronica </li></ul></ul><ul><ul><li>FTP </li></ul></ul><ul><li>Dall’inizio degli anni ‘90 </li></ul><ul><ul><li>World Wide Web </li></ul></ul><ul><li>Di grande importanza oggi </li></ul><ul><ul><li>Peer to peer </li></ul></ul><ul><li>Fino dagli albori </li></ul><ul><ul><li>Posta elettronica </li></ul></ul><ul><ul><li>FTP </li></ul></ul><ul><li>Dall’inizio degli anni ‘90 </li></ul><ul><ul><li>World Wide Web </li></ul></ul><ul><li>Di grande importanza oggi </li></ul><ul><ul><li>Peer to peer </li></ul></ul>
  6. 6. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Tim Berners-Lee (Web, 1990)
  7. 7. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Sviluppo storico del World Wide Web
  8. 8. La crescita del World Wide Web (1990 - 2008) Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  9. 9. Il World Wide Web oggi (marzo 2011) Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Oltre 1 miliardo di utenti </li></ul><ul><li>Oltre mille miliardi di pagine </li></ul><ul><li>Oltre 5 milioni di Terabyte di dati </li></ul><ul><ul><li>Circa 5.000.000.000.000.000.000 byte </li></ul></ul><ul><li>Circa 700.000 nuove pagine aggiunte ogni minuto </li></ul>
  10. 10. <ul><li>Termine lanciato da Tim O’Reilly nel 2004 </li></ul><ul><li>Da allora ne sono state date molte definizioni; esempio:Wikipedia </li></ul><ul><li>Si tende ad indicare come Web 2.0 l'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono uno spiccato livello di interazione sito-utente (blog, forum, chat, sistemi quali Wikipedia, Youtube, Facebook, Myspace, Gmail, ecc.) </li></ul><ul><li>Termine lanciato da Tim O’Reilly nel 2004 </li></ul><ul><li>Da allora ne sono state date molte definizioni; esempio:Wikipedia </li></ul><ul><li>Si tende ad indicare come Web 2.0 l'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono uno spiccato livello di interazione sito-utente (blog, forum, chat, sistemi quali Wikipedia, Youtube, Facebook, Myspace, Gmail, ecc.) </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  11. 11. <ul><li>Contenuti auto-prodotti </li></ul><ul><ul><li>La distinzione tra webmaster e utente diventa evanescente </li></ul></ul><ul><li>Siti come luoghi sociali </li></ul><ul><ul><li>Il sito è un mediatore per la comunicazione sociale </li></ul></ul><ul><ul><li>La rete di siti si trasforma in una rete di utenti </li></ul></ul><ul><li>Cloud computing </li></ul><ul><ul><li>Le applicazioni software diventano oggetti disponibili in rete </li></ul></ul><ul><ul><li>I dati non sono più (necessariamente) sul computer dell’utente </li></ul></ul><ul><li>Contenuti auto-prodotti </li></ul><ul><ul><li>La distinzione tra webmaster e utente diventa evanescente </li></ul></ul><ul><li>Siti come luoghi sociali </li></ul><ul><ul><li>Il sito è un mediatore per la comunicazione sociale </li></ul></ul><ul><ul><li>La rete di siti si trasforma in una rete di utenti </li></ul></ul><ul><li>Cloud computing </li></ul><ul><ul><li>Le applicazioni software diventano oggetti disponibili in rete </li></ul></ul><ul><ul><li>I dati non sono più (necessariamente) sul computer dell’utente </li></ul></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  12. 12. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Il Web 2.0 come spazio sociale Fonte: elaborazione su dati Google - ottobre 2010 USA 300 mil
  13. 13. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Ribaltamento dei paradigmi della comunicazione </li></ul><ul><ul><li>Dal broadcasting alla comunicazione molti-a-molti </li></ul></ul><ul><li>La comunicazione interpersonale smette di essere volatile, lascia tracce di sé </li></ul><ul><li>Ribaltamento dei paradigmi della comunicazione </li></ul><ul><ul><li>Dal broadcasting alla comunicazione molti-a-molti </li></ul></ul><ul><li>La comunicazione interpersonale smette di essere volatile, lascia tracce di sé </li></ul>
  14. 14. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Manca il “filtro” delle redazioni </li></ul><ul><li>Vengono meno i classici meccanismi di indirizzamento dell’opinione ( agenda setting ) </li></ul><ul><ul><li>L’opinione si forma in modalità bottom-up </li></ul></ul><ul><li>Citizen journalism (esempio: terremoto in Giappone) </li></ul><ul><li>Il rovescio della medaglia: mancanza totale di controlli </li></ul><ul><li>Manca il “filtro” delle redazioni </li></ul><ul><li>Vengono meno i classici meccanismi di indirizzamento dell’opinione ( agenda setting ) </li></ul><ul><ul><li>L’opinione si forma in modalità bottom-up </li></ul></ul><ul><li>Citizen journalism (esempio: terremoto in Giappone) </li></ul><ul><li>Il rovescio della medaglia: mancanza totale di controlli </li></ul>
  15. 15. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Processo alle streghe di Salem (1692) </li></ul><ul><ul><li>NB: è un caso limite </li></ul></ul><ul><li>Processo alle streghe di Salem (1692) </li></ul><ul><ul><li>NB: è un caso limite </li></ul></ul>
  16. 16. L’e-learning ieri e oggi <ul><li>Dalla formazione a distanza alla didattica 2.0 </li></ul>
  17. 17. <ul><li>Nasce nell’ottocento (corsi per corrispondenza) </li></ul><ul><li>In origine limitata a attività tecniche </li></ul><ul><li>Vista con un certo sospetto dai depositari della cultura come status symbol </li></ul><ul><li>Nasce nell’ottocento (corsi per corrispondenza) </li></ul><ul><li>In origine limitata a attività tecniche </li></ul><ul><li>Vista con un certo sospetto dai depositari della cultura come status symbol </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  18. 18. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Nell’Italia del boom economico intere generazioni venivano da epoche in cui l’istruzione era riservata alle élite </li></ul><ul><li>Prolificano i corsi per corrispondenza (esempio: Scuola Radio Elettra , 1951) </li></ul><ul><li>La televisione degli esordi contribuisce alla formazione a distanza (esempio: Non è mai troppo tardi di A. Manzi) </li></ul><ul><li>Nell’Italia del boom economico intere generazioni venivano da epoche in cui l’istruzione era riservata alle élite </li></ul><ul><li>Prolificano i corsi per corrispondenza (esempio: Scuola Radio Elettra , 1951) </li></ul><ul><li>La televisione degli esordi contribuisce alla formazione a distanza (esempio: Non è mai troppo tardi di A. Manzi) </li></ul>
  19. 19. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Meccanismo comunicativo asincrono </li></ul><ul><ul><li>Erogazione dei contenuti, ma anche esami </li></ul></ul><ul><li>Possibilità di superare gap formativi </li></ul><ul><li>Possibilità di ritagliare i corsi in modo mirato sulle proprie esigenze personali </li></ul><ul><li>Riconoscimento dei titoli acquisiti </li></ul><ul><li>Meccanismo comunicativo asincrono </li></ul><ul><ul><li>Erogazione dei contenuti, ma anche esami </li></ul></ul><ul><li>Possibilità di superare gap formativi </li></ul><ul><li>Possibilità di ritagliare i corsi in modo mirato sulle proprie esigenze personali </li></ul><ul><li>Riconoscimento dei titoli acquisiti </li></ul>
  20. 20. <ul><li>Lo studente può decidere con la massima libertà quando e come dedicare tempo allo studio </li></ul><ul><li>Enfasi sull’uso pratico della lingua </li></ul><ul><li>Esami progressivi, concordati con gli studenti </li></ul><ul><li>Lo studente può decidere con la massima libertà quando e come dedicare tempo allo studio </li></ul><ul><li>Enfasi sull’uso pratico della lingua </li></ul><ul><li>Esami progressivi, concordati con gli studenti </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  21. 21. <ul><li>Riconoscimento sociale di ciò che si è appreso </li></ul><ul><li>Ruolo della cultura orizzontale </li></ul><ul><li>Ruolo del docente </li></ul><ul><li>Ruolo della classe </li></ul><ul><li>Riconoscimento sociale di ciò che si è appreso </li></ul><ul><li>Ruolo della cultura orizzontale </li></ul><ul><li>Ruolo del docente </li></ul><ul><li>Ruolo della classe </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  22. 22. <ul><li>CBT (Computer Based Training) </li></ul><ul><ul><li>Nasce dopo l’avvento del computer come oggetto di consumo </li></ul></ul><ul><li>Spesso legato all’apprendimento di concetti molto specifici, ma non solo </li></ul><ul><ul><li>Singoli macchinari </li></ul></ul><ul><ul><li>Prodotti hardware/software </li></ul></ul><ul><ul><li>Enciclopedie multimediali, corsi di storia, di geografia... </li></ul></ul><ul><li>Legato alla diffusione di supporti per memorie di massa (CD, DVD...) </li></ul><ul><li>CBT (Computer Based Training) </li></ul><ul><ul><li>Nasce dopo l’avvento del computer come oggetto di consumo </li></ul></ul><ul><li>Spesso legato all’apprendimento di concetti molto specifici, ma non solo </li></ul><ul><ul><li>Singoli macchinari </li></ul></ul><ul><ul><li>Prodotti hardware/software </li></ul></ul><ul><ul><li>Enciclopedie multimediali, corsi di storia, di geografia... </li></ul></ul><ul><li>Legato alla diffusione di supporti per memorie di massa (CD, DVD...) </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  23. 23. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>La modalità comunicativa è sempre uno-a-molti </li></ul><ul><li>Possibilità di disporre di materiale multimediale </li></ul><ul><li>Possibilità di verifiche immediate del livello di apprendimento </li></ul><ul><ul><li>Test a risposta multipla </li></ul></ul><ul><ul><li>Istruzione per moduli, il superamento di un test è necessario per passare al modulo successivo </li></ul></ul><ul><li>La modalità comunicativa è sempre uno-a-molti </li></ul><ul><li>Possibilità di disporre di materiale multimediale </li></ul><ul><li>Possibilità di verifiche immediate del livello di apprendimento </li></ul><ul><ul><li>Test a risposta multipla </li></ul></ul><ul><ul><li>Istruzione per moduli, il superamento di un test è necessario per passare al modulo successivo </li></ul></ul>
  24. 24. <ul><li>Sembra essere la “terza fase” di sviluppo della formazione a distanza </li></ul><ul><li>Esperienze sempre più diffuse, soprattutto negli Stati Uniti </li></ul><ul><li>Anche in Italia la scuola si sta muovendo </li></ul><ul><ul><li>I costi sono irrisori e le competenze informatiche richieste sono quasi nulle </li></ul></ul><ul><li>Sembra essere la “terza fase” di sviluppo della formazione a distanza </li></ul><ul><li>Esperienze sempre più diffuse, soprattutto negli Stati Uniti </li></ul><ul><li>Anche in Italia la scuola si sta muovendo </li></ul><ul><ul><li>I costi sono irrisori e le competenze informatiche richieste sono quasi nulle </li></ul></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  25. 25. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre La rete sociale di TTNM, AA 2010/11
  26. 26. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Il blog di Design dell’interazione (R. Polillo)
  27. 27. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Il wiki di Design dell’interazione
  28. 28. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>La rete sociale di classe è un luogo virtuale che aumenta la socializzazione </li></ul><ul><li>E’ già nel bagaglio culturale dei nativi digitali </li></ul><ul><li>Semplifica numerosi aspetti di gestione del corso </li></ul><ul><ul><li>Distribuzione di materiale didattico </li></ul></ul><ul><ul><li>Bacheca virtuale </li></ul></ul><ul><ul><li>Coordinamento anche in caso di eventi eccezionali </li></ul></ul><ul><li>La rete sociale di classe è un luogo virtuale che aumenta la socializzazione </li></ul><ul><li>E’ già nel bagaglio culturale dei nativi digitali </li></ul><ul><li>Semplifica numerosi aspetti di gestione del corso </li></ul><ul><ul><li>Distribuzione di materiale didattico </li></ul></ul><ul><ul><li>Bacheca virtuale </li></ul></ul><ul><ul><li>Coordinamento anche in caso di eventi eccezionali </li></ul></ul>
  29. 29. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Consente agli studenti di arricchire i contenuti </li></ul><ul><ul><li>Forte dipendenza dalla tipologia di corso </li></ul></ul><ul><li>Diventa luogo di discussione </li></ul><ul><ul><li>Con il vantaggio che rimane traccia di quello che viene detto </li></ul></ul><ul><li>Permette facilmente l’organizzazione di gruppi di lavoro </li></ul><ul><li>Consente agli studenti di arricchire i contenuti </li></ul><ul><ul><li>Forte dipendenza dalla tipologia di corso </li></ul></ul><ul><li>Diventa luogo di discussione </li></ul><ul><ul><li>Con il vantaggio che rimane traccia di quello che viene detto </li></ul></ul><ul><li>Permette facilmente l’organizzazione di gruppi di lavoro </li></ul>
  30. 30. <ul><li>Il docente non è più l’unica fonte di conoscenza rispetto agli studenti </li></ul><ul><li>La natura del suo lavoro si modifica, almeno parzialmente </li></ul><ul><ul><li>Da “motore” della didattica diventa il “pilota” di una barca che deve muoversi tra le onde </li></ul></ul><ul><li>Il docente non è più l’unica fonte di conoscenza rispetto agli studenti </li></ul><ul><li>La natura del suo lavoro si modifica, almeno parzialmente </li></ul><ul><ul><li>Da “motore” della didattica diventa il “pilota” di una barca che deve muoversi tra le onde </li></ul></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  31. 31. <ul><li>Si apprende anche dai compagni di corso </li></ul><ul><li>Questo era un limite enorme della formazione a distanza </li></ul><ul><ul><li>In molte epoche storiche l’ambiente studentesco è stato una fucina insostituibile di idee </li></ul></ul><ul><li>L’e-learning 2.0 promette di risolvere il problema </li></ul><ul><ul><li>Con i limiti della socialità Web, che non coincide con quella dei rapporti interpersonali </li></ul></ul><ul><li>Si apprende anche dai compagni di corso </li></ul><ul><li>Questo era un limite enorme della formazione a distanza </li></ul><ul><ul><li>In molte epoche storiche l’ambiente studentesco è stato una fucina insostituibile di idee </li></ul></ul><ul><li>L’e-learning 2.0 promette di risolvere il problema </li></ul><ul><ul><li>Con i limiti della socialità Web, che non coincide con quella dei rapporti interpersonali </li></ul></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  32. 32. <ul><li>Tesi magistrale svolta nel 2009 dallo studente Edoardo Mattiuzzo </li></ul><ul><li>E’ stata esaminata la rete sociale degli studenti della classe 2008/09, per come emergeva dalle comunicazioni dirette </li></ul><ul><li>Si è studiata l’evoluzione nel tempo di tale rete </li></ul><ul><li>Tesi magistrale svolta nel 2009 dallo studente Edoardo Mattiuzzo </li></ul><ul><li>E’ stata esaminata la rete sociale degli studenti della classe 2008/09, per come emergeva dalle comunicazioni dirette </li></ul><ul><li>Si è studiata l’evoluzione nel tempo di tale rete </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  33. 33. <ul><li>Quasi tutti gli studenti hanno deciso di “mascherarsi” con un nickname e un avatar di fantasia </li></ul><ul><li>Dato che si frequentavano in classe, è nato spontaneamente un “gioco sociale” legato al riconoscimento reciproco </li></ul><ul><li>Quasi tutti gli studenti hanno deciso di “mascherarsi” con un nickname e un avatar di fantasia </li></ul><ul><li>Dato che si frequentavano in classe, è nato spontaneamente un “gioco sociale” legato al riconoscimento reciproco </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  34. 34. <ul><li>Sono stati presi in esame i “commenti” (messaggi diretti di tipo uno a uno) non attinenti alla didattica </li></ul><ul><li>Sono stati presi in esame i “commenti” (messaggi diretti di tipo uno a uno) non attinenti alla didattica </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  35. 35. <ul><li>Sono stati esaminati separatamente i commenti postati nelle prime tre settimane e quelli postati in seguito </li></ul><ul><ul><li>Si è fatta l’ipotesi che nelle prime tre settimane sia prevalso il “gioco” del riconoscimento </li></ul></ul><ul><li>Sono state esaminate le corrispondenti reti sociali </li></ul><ul><ul><li>Due studenti sono connessi se si sono scambiati almeno un messaggio </li></ul></ul><ul><li>Sono stati esaminati separatamente i commenti postati nelle prime tre settimane e quelli postati in seguito </li></ul><ul><ul><li>Si è fatta l’ipotesi che nelle prime tre settimane sia prevalso il “gioco” del riconoscimento </li></ul></ul><ul><li>Sono state esaminate le corrispondenti reti sociali </li></ul><ul><ul><li>Due studenti sono connessi se si sono scambiati almeno un messaggio </li></ul></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  36. 36. La rete sociale nelle prime tre settimane Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  37. 37. La rete sociale dalla quarta settimana in poi Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  38. 38. <ul><li>Appare chiaro anche a prima vista che la rete sociale nelle prime tre settimane era dominata da un “cluster gigante” </li></ul><ul><li>Quella dalla quarta settimana in poi è completamente frammentata </li></ul><ul><li>La probabilità di ottenere una rete così frammentata con collegamenti casuali è minore di 1 su 10 miliardi </li></ul><ul><li>Appare chiaro anche a prima vista che la rete sociale nelle prime tre settimane era dominata da un “cluster gigante” </li></ul><ul><li>Quella dalla quarta settimana in poi è completamente frammentata </li></ul><ul><li>La probabilità di ottenere una rete così frammentata con collegamenti casuali è minore di 1 su 10 miliardi </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  39. 39. <ul><li>La rete corrispondente alle prime tre settimane riflette il comportamento di utenti che non si conoscono fisicamente tra loro, e che non hanno (ancora) instaurato legami personali </li></ul><ul><ul><li>Questo sembra essere il comportamento degli utenti del Web 2.0, per lo meno negli spazi “aperti” </li></ul></ul><ul><li>Quella dalla quarta settimana in poi ha le caratteristiche del “villaggio globale” </li></ul><ul><ul><li>Piccoli gruppi chiusi, con pochi scambi tra loro </li></ul></ul><ul><li>La rete corrispondente alle prime tre settimane riflette il comportamento di utenti che non si conoscono fisicamente tra loro, e che non hanno (ancora) instaurato legami personali </li></ul><ul><ul><li>Questo sembra essere il comportamento degli utenti del Web 2.0, per lo meno negli spazi “aperti” </li></ul></ul><ul><li>Quella dalla quarta settimana in poi ha le caratteristiche del “villaggio globale” </li></ul><ul><ul><li>Piccoli gruppi chiusi, con pochi scambi tra loro </li></ul></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  40. 40. Qualche riflessione conclusiva <ul><li>Conoscenza, sapere, didattica </li></ul>
  41. 41. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Non è l’unico caso storico di sviluppo esplosivo: </li></ul><ul><ul><li>Mercato delle auto, 1950 – 1970 </li></ul></ul><ul><ul><li>Elettrodomestici, 1950 – 1970 </li></ul></ul><ul><ul><li>Materie plastiche, anni ‘60 e ‘70 </li></ul></ul><ul><ul><li>Industria del computer (anni ‘80 e ‘90) </li></ul></ul><ul><ul><li>… </li></ul></ul><ul><li>Le ragioni sono varie; almeno due sono critiche </li></ul><ul><ul><li>Feed back tra mercato e innovazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Copertura di bisogni essenziali </li></ul></ul><ul><li>Non è l’unico caso storico di sviluppo esplosivo: </li></ul><ul><ul><li>Mercato delle auto, 1950 – 1970 </li></ul></ul><ul><ul><li>Elettrodomestici, 1950 – 1970 </li></ul></ul><ul><ul><li>Materie plastiche, anni ‘60 e ‘70 </li></ul></ul><ul><ul><li>Industria del computer (anni ‘80 e ‘90) </li></ul></ul><ul><ul><li>… </li></ul></ul><ul><li>Le ragioni sono varie; almeno due sono critiche </li></ul><ul><ul><li>Feed back tra mercato e innovazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Copertura di bisogni essenziali </li></ul></ul>
  42. 42. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre La crescita del mercato dei computer
  43. 43. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Sono generati da campagne di marketing, oppure nascono dall’uso di oggetti ecc. acquisiti a partire da bisogni essenziali </li></ul><ul><ul><li>Vetri elettrici nelle auto </li></ul></ul><ul><ul><li>Linguette al posto dei menu nella suite Office di Microsoft </li></ul></ul><ul><ul><li>… </li></ul></ul><ul><li>E’ difficile pensare che crescite di tipo esplosivo siano spinte solo da bisogni indotti </li></ul><ul><li>Come si spiega allora la crescita del Web? Quali bisogni essenziali ha coperto? </li></ul><ul><li>Sono generati da campagne di marketing, oppure nascono dall’uso di oggetti ecc. acquisiti a partire da bisogni essenziali </li></ul><ul><ul><li>Vetri elettrici nelle auto </li></ul></ul><ul><ul><li>Linguette al posto dei menu nella suite Office di Microsoft </li></ul></ul><ul><ul><li>… </li></ul></ul><ul><li>E’ difficile pensare che crescite di tipo esplosivo siano spinte solo da bisogni indotti </li></ul><ul><li>Come si spiega allora la crescita del Web? Quali bisogni essenziali ha coperto? </li></ul>
  44. 44. Il punto di vista che voglio sostenere Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Uno dei motivi dell’enorme successo del Web è che si tratta di uno strumento perfettamente adatto a supportare la società dei knowledge worker
  45. 45. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Conoscenza : </li></ul><ul><ul><li>Facoltà, atto, modo, effetto del conoscere. </li></ul></ul><ul><ul><li>Rapporto tra soggetto e oggetto, tra pensiero ed essere che si può configurare in vari modi (sinonimo di gnoseologia) </li></ul></ul><ul><li>(Vocabolario Zingarelli della lingua italiana) </li></ul><ul><li>Conoscenza : </li></ul><ul><ul><li>Facoltà, atto, modo, effetto del conoscere. </li></ul></ul><ul><ul><li>Rapporto tra soggetto e oggetto, tra pensiero ed essere che si può configurare in vari modi (sinonimo di gnoseologia) </li></ul></ul><ul><li>(Vocabolario Zingarelli della lingua italiana) </li></ul>
  46. 46. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Definizione 1 (conoscenza pratica) <ul><li>“ Conosco bene Vienna” </li></ul><ul><li>“ Conosco bene la statistica” </li></ul><ul><li>“ Conosco la tecnica per costruire un muro” </li></ul><ul><li>… </li></ul><ul><li>“ So chi conosce la statistica” </li></ul>
  47. 47. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Dati, informazioni, conoscenza 28 ottobre 1955 Bill Gates è nato il 28 ottobre 1955 Bill Gates non può essere stato allievo di Von Neumann Dato Informazione Conoscenza
  48. 48. La natura reticolare della conoscenza <ul><li>Nella nostra testa concetti e informazioni sono connessi tra loro in una rete di enorme complessità </li></ul><ul><li>Le connessioni sono di vario tipo (A è conseguenza di B, A è inconciliabile con B, A e B sono simili rispetto a C...) </li></ul><ul><li>Gli informatici hanno individuato il concetto di rete semantica , un reticolo in cui nodi che rappresentano concetti sono connessi tra loro da collegamenti di varia natura </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  49. 49. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Un esempio di rete semantica (dal Web)
  50. 50. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Oltre la conoscenza: il sapere Bill Gates è un informatico Von Neumann è stato un grande informatico Bill Gates vive negli USA Von Neumann si è trasferito negli USA nel 1930 Bill Gates è nato nel 1955 Von Neumann è morto nel 1957 L’informatica si studia all’università Gli studenti universitari hanno almeno 18 anni Von Neumann ha insegnato a Princeton Bill Gates non può essere stato allievo di Von Neumann
  51. 51. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Stando a queste definizioni, la didattica d’aula concerne il sapere e non semplicemente la conoscenza </li></ul><ul><ul><li>Un corso per sua natura è strutturato in modo da inquadrare i diversi elementi di conoscenza ciascuno nel suo contesto </li></ul></ul><ul><li>La rete del sapere (dei singoli saperi) non può essere esplicitata completamente </li></ul><ul><ul><li>Viene data enfasi agli elementi di conoscenza critici </li></ul></ul><ul><li>Stando a queste definizioni, la didattica d’aula concerne il sapere e non semplicemente la conoscenza </li></ul><ul><ul><li>Un corso per sua natura è strutturato in modo da inquadrare i diversi elementi di conoscenza ciascuno nel suo contesto </li></ul></ul><ul><li>La rete del sapere (dei singoli saperi) non può essere esplicitata completamente </li></ul><ul><ul><li>Viene data enfasi agli elementi di conoscenza critici </li></ul></ul>
  52. 52. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Dante Alighieri conosceva il sapere del suo tempo </li></ul><ul><li>Albert Einstein conosceva la fisica del suo tempo </li></ul><ul><li>Andre Geim e Konstantin Novoselov (Nobel per la fisica 2010) </li></ul><ul><ul><li>&quot;for groundbreaking experiments regarding the two-dimensional material graphene&quot; </li></ul></ul><ul><li>Dante Alighieri conosceva il sapere del suo tempo </li></ul><ul><li>Albert Einstein conosceva la fisica del suo tempo </li></ul><ul><li>Andre Geim e Konstantin Novoselov (Nobel per la fisica 2010) </li></ul><ul><ul><li>&quot;for groundbreaking experiments regarding the two-dimensional material graphene&quot; </li></ul></ul>
  53. 53. La società evolve Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre Da G.Castoldi, “ Le nuove tendenze della distribuzione turistica ”
  54. 54. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Il peso della conoscenza come strumento fondamentale per le attività professionali e lavorative è in continua crescita </li></ul><ul><li>Oggi si può effettivamente parlare di società dei knowledge worker </li></ul><ul><ul><li>La maggior parte della gente, almeno nel mondo evoluto, si occupa prevalentemente di usare e creare conoscenza </li></ul></ul><ul><li>Il peso della conoscenza come strumento fondamentale per le attività professionali e lavorative è in continua crescita </li></ul><ul><li>Oggi si può effettivamente parlare di società dei knowledge worker </li></ul><ul><ul><li>La maggior parte della gente, almeno nel mondo evoluto, si occupa prevalentemente di usare e creare conoscenza </li></ul></ul>
  55. 55. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Le conoscenze richieste per affrontare la propria vita professionale sono molto diversificate e riguardano diversi rami del sapere </li></ul><ul><li>Sarebbe impossibile chiedere ai knowledge worker di disporre del sapere necessario per inquadrarle tutte </li></ul><ul><ul><li>Soprattutto per via dell’enorme espansione dei saperi specifici </li></ul></ul><ul><li>Le conoscenze richieste per affrontare la propria vita professionale sono molto diversificate e riguardano diversi rami del sapere </li></ul><ul><li>Sarebbe impossibile chiedere ai knowledge worker di disporre del sapere necessario per inquadrarle tutte </li></ul><ul><ul><li>Soprattutto per via dell’enorme espansione dei saperi specifici </li></ul></ul>
  56. 56. <ul><li>Il Web si comporta come un gigantesco magazzino di conoscenze </li></ul><ul><li>La sua struttura ipertestuale permette di ricostruire in fretta le parti del sapere necessarie per un determinato scopo </li></ul><ul><ul><li>Anche spaziando su saperi diversi </li></ul></ul><ul><li>Il Web si comporta come un gigantesco magazzino di conoscenze </li></ul><ul><li>La sua struttura ipertestuale permette di ricostruire in fretta le parti del sapere necessarie per un determinato scopo </li></ul><ul><ul><li>Anche spaziando su saperi diversi </li></ul></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  57. 57. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Conoscenze frammentarie </li></ul><ul><li>Mancanza di quadri di riferimento </li></ul><ul><li>Difficoltà nel trovare gli elementi di conoscenza critici </li></ul><ul><li>Difficoltà di giustificare gli strumenti e i metodi adottati </li></ul><ul><li>Uso di strumenti e metodi non ottimali </li></ul><ul><li>Perdita di peso della cultura in senso orizzontale </li></ul><ul><li>Conoscenze frammentarie </li></ul><ul><li>Mancanza di quadri di riferimento </li></ul><ul><li>Difficoltà nel trovare gli elementi di conoscenza critici </li></ul><ul><li>Difficoltà di giustificare gli strumenti e i metodi adottati </li></ul><ul><li>Uso di strumenti e metodi non ottimali </li></ul><ul><li>Perdita di peso della cultura in senso orizzontale </li></ul>
  58. 58. <ul><li>La diminuzione di “peso” della cultura orizzontale è legata a una visione riduzionista della conoscenza; è accettabile tale visione? </li></ul><ul><li>La diminuzione di “peso” della cultura orizzontale è legata a una visione riduzionista della conoscenza; è accettabile tale visione? </li></ul>Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre
  59. 59. Piero Schiavo Campo - Internet: luci e ombre <ul><li>Non è ragionevole pensare di fare a meno della didattica tradizionale, intesa come momento di trasmissione del sapere </li></ul><ul><li>La didattica, tuttavia, deve fare i conti con le esigenze della società </li></ul><ul><ul><li>E’ utile un’apertura ai nuovi media </li></ul></ul><ul><ul><li>E’ fondamentale insegnare i metodi corretti per reperire e usare le conoscenze che uno strumento come il Web può trasmettere </li></ul></ul><ul><li>Non è ragionevole pensare di fare a meno della didattica tradizionale, intesa come momento di trasmissione del sapere </li></ul><ul><li>La didattica, tuttavia, deve fare i conti con le esigenze della società </li></ul><ul><ul><li>E’ utile un’apertura ai nuovi media </li></ul></ul><ul><ul><li>E’ fondamentale insegnare i metodi corretti per reperire e usare le conoscenze che uno strumento come il Web può trasmettere </li></ul></ul>
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×