Your SlideShare is downloading. ×
0
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Via Crucis 1923
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Via Crucis 1923

515

Published on

Nella Quaresima del 1923, Nostro Signore rivelò a Sorella Josefa Menèndez i sentimenti provati dal suo Cuore divino durante la sua Passione. Josefa riceveva in ginocchio le confidenze del Maestro, e …

Nella Quaresima del 1923, Nostro Signore rivelò a Sorella Josefa Menèndez i sentimenti provati dal suo Cuore divino durante la sua Passione. Josefa riceveva in ginocchio le confidenze del Maestro, e mentre Egli parlava, scriveva.

Published in: Spiritual
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
515
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. VIA CRUCISdettata da Gesùa SuorJosefaMenendezAnno 1923<br />
  • 2. Prima stazione Gesù è condannato a morte<br />« Imparate da me che sono mite e umile di cuore » (Mt 11, 29)<br />« Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca » (Is 53, 7)<br />« Ascolta come pronunciano contro di Me la sentenza di morte. Considera con quale silenzio, con quale pazienza e con quale mansuetudine la riceve il mio Cuore.<br />Voi che cercate d’imitare la mia condotta, imparate a mantenere il silenzio e la serenità di fronte a ciò che vi mortifica e contraria. »<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 3. « Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua » (Lc 9, 23)<br />Seconda stazioneGesù è caricatodella Croce<br />“Guarda la Croce che mettono sulle mie spalle. II suo peso è grande, ma l’amore che sento verso le anime è molto più grande.<br />Voi che mi amate, confrontate la vostra sofferenza con l’amore che mi portate, e non permettete che l’abbattimento spenga la fiamma di questo amore.”<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 4. “colui che toglie il peccato del mondo!&quot; (Gv 1,29)<br />« &quot;Ecco l’agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo!&quot; (Gv 1,29)<br />Terza stazioneGesù cade per la prima volta<br />« Il peso della Croce mi fa cadere a terra, ma lo zelo per la salvezza delle anime mi fa risollevare, prendere nuovamente animo e proseguire il cammino.<br />Voi che ho invitato a dividere il peso della mia Croce, vedete un pò se il vostro zelo per le anime vi infonde nuova energia per andare avanti nel cammino dell’abnegazione e della rinuncia di voi stesse, oppure se l’eccessivo amor proprio atterra le vostre forze e non vi lascia sopportare il peso della Croce. »<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 5. Quarta stazioneGesùincontra sua Madre<br />« Voi sarete afflitti, ma la vostra afflizione si cambierà in gioia. La donna, quando partorisce, è afflitta, perché è giunta la sua ora; ma quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più dell’afflizione per la gioia che è venuto al mondo un uomo » (Gv 16,20-21) <br />“Qui incontro la mia santissima e diletta Madre. Considera il martirio che soffrono i nostri due Cuori! Tuttavia il dolore dell’uno e dell’altro si uniscono vicendevolmente, e l’amore per quanto doloroso, trionfa.<br />Voi che camminate per lo stesso sentiero e che avete di mira gli stessi intenti, la vista delle vostre sofferenze vicendevoli vi animi e vi fortifichi affinché l’amore trionfi. L’unione nel dolore vi sostenga, e vi faccia abbracciare generosamente le spine del cammino.”<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 6. « Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me » (Mt 25,40)<br />« Portate i pesi gli uni degli altri, così adempirete la legge di Cristo » (Gal. 6,2)<br />QuintastazioneGesù è aiutato dal Cireneo<br />“Considera come Simone di Cirene accetta questo peso crudele e penoso per un meschino interesse e come il mio Corpo va perdendo le forze. Se vi vengono meno le forze alla vista della lotta continua contro la propria natura, considerate che portate la mia Croce, non già per un piccolo premio o per un godimento terreno e passeggero, ma per acquistare la vita eterna e per procurare la stessa felicità ad altre anime.”<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 7. Sesta stazioneLa Veronica asciuga il volto di Gesù<br />« Chi ha visto me ha visto il Padre » (Gv 14,9)<br />« Tanto era sfigurato … e diversa la sua forma da quella dei figli dell’uomo » (Is 52,14)<br />“Considera la carità con cui questa donna (la Veronica) viene a tergere il mio volto, e come per amore vince ogni rispetto umano.<br />Ah! non permettete che un futile timore di perdere la reputazione o la fama vi impedisca ora di tergere il mio volto con atti di generosità e di amore. Vedete come il sangue lo inonda!”<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 8. SettimastazioneGesù cade per la seconda volta<br />« Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò » (Mt 11,28)<br />« Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia compatire le nostre infermità, essendo stato lui stesso provato in ogni cosa, a somiglianza di noi, escluso il peccato » (Eb 4,15)<br />La Croce va esaurendo le mie forze. Il cammino è lungo e penoso; nessuno si avvicina per porgermi aiuto: e il mio affanno è tale che cado una seconda volta.<br />Voi che camminate alla mia sequela, non perdetevi di coraggio se nella vostra vita senza consolazioni umane e piena di aridità vi vedete private di ogni consolazione spirituale. Prendete animo alla vista del vostro Modello sul cammino del Calvario. Vedete, è la seconda volta che cade, ma si rialza e prosegue il cammino fino al termine. Se volete attingere un po’ di forza, venite e baciategli i piedi! <br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 9. Ottava StazioneGesùincontra le donnedi Gerusalemme<br />«Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli… Perché se trattano così il legno verde, che avverrà del legno secco?» (Lc 23,28-31)<br />“Vedendomi in tale stato di ignominia le donne di Gerusalemme piangono.<br />Il mondo piange dinanzi alla sofferenza: ma Io vi dico, o anime che mi seguite per il cammino stretto, che un giorno, il mondo vi vedrà camminare per ampie e fiorite praterie, mentre lui e i suoi seguaci cammineranno sopra il fuoco che essi stessi si preparano coi loro godimenti.”<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 10. Nona Stazione Gesù cade per la terza volta<br />« Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato » (Lc 14,11)<br />« Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù… spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo » (Fil 2,5-7)<br />“Considera che quasi sono prossimo al Calvario e cado per la terza volta. Così darò forza a quelle povere anime che, in pericolo di morte eterna, si rammolliranno col Sangue delle ferite che produce questa terza caduta: otterrò loro grazia per rialzarsi e giungere ad ottenere la vita eterna. Anime che desiderate imitarmi, non ricusate mai il più piccolo atto, anche se vi produce nuove ferite. Non importa! Questo sangue darà la vita ad un’anima! Imitate il vostro Gesù che avanza verso il Calvario!”<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 11. « Chiunque di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo » (Lc 14,33)<br />« Rivestitevi invece del Signore Gesù Cristo e non seguite la carne nei suoi desider » (Rm 13,14)<br />DecimaStazioneGesùspogliato dalle vesti<br />“Considera con quanta crudeltà mi spogliano delle vesti! Contempla come Io rimango in silenzio e in un totale abbandono!<br />Lasciatevi spogliare di quanto possedete, sia dei beni che della propria volontà.<br />In cambio lo vi rivestirò con la tunica della purezza e coi tesori del mio Cuore.”<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 12. Undicesima Stazione Gesù è inchiodato alloa Croce<br />« Sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato » (Gn 6, 38)<br />« Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità. Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti » (Is 53,5)<br />Già sono giunto sulla cima dove mi daranno la morte. Già mi stendono e mi inchiodano sulla Croce! Non ho più nulla... Neppure la libertà di muovere una mano... un piede... Non sono i chiodi che mi trattengono, ma l’amore! Perciò dalle mie labbra non cade né un lamento né un sospiro.<br />Se siete inchiodati sulla croce e siete trattenuti dai chiodi, non lagnatevi, non mormorate quando questi chiodi benedetti vi lacerano le mani e i piedi. Venite e baciate le mie piaghe: qui troverete la forza.<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 13. Dodicesima StazioneGesùmuoresulla Croce<br />« Io, quando sarò elevato da terra, attirerò tutti a me» (Gv 12,32)<br />« Umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce (Filippesi 2, 8-9)<br />“La Croce è la mia compagna sul cammino del Calvario, sulla Croce esalo l’ultimo respiro.<br />Voi che avete avuto la croce per compagna inseparabile durante la vostra vita, siate certi che su di essa esalerete il vostro ultimo respiro: però è anche certo che essa sarà la porta per cui entrerete alla vita.<br />Baciate costantemente questo pegno sacro e benedetto: abbracciatelo con tenerezza ed amatelo come il più grande dei vostri tesori.”<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 14. Tredicesima StazioneGesù è deposto dalla Croce<br />« Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?» (Lc 24, 26)<br />&quot;Grande pace per chi ama la tua legge,_nel suo cammino non trova inciampo&quot; (Sal. 118, 165)<br />“Considera la carità con cui Giuseppe d’Arimatea si incarica di calare il mio corpo dalla Croce. Lo depone fra le braccia di mia Madre. Essa lo adora e lo bacia; lascia cadere le sue lacrime sul mio volto e su tutte le mie membra. Poi lo consegna a quelli che dovranno imbalsamarlo e deporlo nel sepolcro.<br />O voi tutti venite. Prendete il mio corpo, imbalsamatelo con gli aromi delle vostre virtù! Adorate le sue piaghe! Baciatele e lasciate che le vostre lacrime cadano sul mio volto! E poi mettetemi nel sepolcro del vostro cuore.<br />E dite anche una parola di conforto alla cara Madre mia e vostra.”<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 15. « Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto » (Gv 12, 24)<br />« Di questo gioisce il mio cuore, esulta la mia anima; anche il mio corpo riposa al sicuro, perché non abbandonerai la mia vita nel sepolcro, né lascerai che il tuo santo veda la corruzione » (Sal. 15, 9-10)<br />Quattordicesima StazioneGesù è postonelSepolcro<br />Considera con quanta delicatezza mi mettono nel sepolcro. È nuovo e quindi puro senza la più leggera macchia.<br />Voi che mi siete uniti cercate tutte le delicatezze che vi suggerirà l’amore, affinché il vostro cuore sia puro e ben adorno per seppellirmi nell’amore tenero, forte, costante e generoso.<br />Ora bacia e adora le mie Piaghe, e recita il &quot;Miserere&quot;.<br />Eterno Padre, ricevi il sangue che Gesù Cristo tuo Figlio ha sparso nella sua Passione. Per le sue piaghe, per il suo capo trafitto di spine, per il suo Cuore, per tutti i suoi meriti perdonaci e salvaci.<br />
  • 16. La mattina di Pasqua…<br />« Perché cercate tra i morti <br />Colui che è vivo? » (Lc 24,5)<br />« Non è qui, è risuscitato! »<br />(Lc 24,6)<br />
  • 17. Operadel Sacro CuoreRue de l’Abondance, 311210 BRUXELLESSito internet: www.œuvre-du-sacre-cœur.be<br />Disegni di Hippolyte Lazerge (1817-1887)<br />(Salvo la prima e l’ultima immagini)<br />

×