I media e l'immigrazione in Italia e In Europa

1,926 views
1,849 views

Published on

Ricerca sulla relazione tra il voto in politica e la profondità dell'utilizzo di Internet in Italia nel 2009.

Published in: News & Politics, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,926
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8
Actions
Shares
0
Downloads
25
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

I media e l'immigrazione in Italia e In Europa

  1. 1. LEONARDO MAGALHAES FIRMINO Università degli Studi di Genova Laurea Specialistica in Scienze e Tecnologie della Comuni­ cazione e dell'informazione L'IMMIGRAZIONE IN ITALIA: RICERCA SULLA PERCEZIONE DEGLI ITALIANI SULLA SICUREZZA RICERCA ED ELABORAZIONE DATI SUL WEB Autore: LEONARDO MAGALHAES FIRMINO Matricola: 2816739 Docente: STEFANIA OPERTO anno accademico 2008/2009 1 L'IMMIGRAZIONE IN ITALIA
  2. 2. LEONARDO MAGALHAES FIRMINO Introduzione L'importanza delle politiche migratorie è crescente e centrale in Europa per il suo alto potenziale di influenza sociale, anche nei consumi, ma principalmente nei pro­ cessi politici, elettorali e di legittimazione delle decisioni prese dal governo. Inoltre, la mano forte sul tema immigrazione è uno dei punti in comune negli ultimi anni nei paesi dell'UE. Ciò spiega l'accanimento dei media tradizionali nella ricostruzione del­ l'immagine dell'immigrato come portatore di valori e abitudini devianti, diventando uno dei problemi più gravi dei paesi ospitanti. La quantità di notizie presenti nei media tradizionali sull'immigrazione probabil­ mente hanno influenzato le masse a dare particolare attenzione al tema. Pur non essendoci proporzionalità numerica tra fatti accaduti nella realtà e quantità di notizie giornalistiche che mostrano un immigrato che stupra, ruba o ammazza, tali notizie incutono un sentimento di insicurezza crescente tra gli individui in Europa. Useremo in particolare Eurobarometro Standard rappresenta il sondaggio più im­ portante condotto a livello europeo per la comprensione delle opinioni dei cittadini europei sull’Ue e sui rispettivi Paesi. I dati della versione dell’Eurobarometro 70 che utilizzeremo, sono stati raccolti in un periodo lievemente più breve rispetto al solito, tra l’8 e il 24 Ottobre 2008, e ri­ guardano un campione di 1.061 cittadini italiani. I sondaggi sono stati condotti in Ita­ lia dall’Istituto TNS Infratest. Questa ricerca si pone come obiettivo capire il perché, secondo italiani, la convi­ venza multiculturale non funzioni in Italia e le politiche migratorie siano una priorità, sia per lo Stato che per l'Europa. 2 L'IMMIGRAZIONE IN ITALIA
  3. 3. LEONARDO MAGALHAES FIRMINO Riferimenti teorici e ipotesi di ricerca Andremo ad analizzare come i soggetti in Europa e, in particolar modo, in Italia percepiscono alcuni aspetti sul tema immigrazione attraverso le seguenti fonti: ● Elaborazione Censis sui dati Istat tra il 1999 e il 2001; ● Eurobarometro 70 del 2008; ● Elaborazione Makno dell'Osservatorio sociale sulle immigrazioni in Italia 2007 e 2008 (Ministero dell'Interno); ● Cospe 2003; Dai dati sopra citati (dal 1995 al 2008) emerge che la criminalità è diminuita negli ultimi anni ma gli italiani hanno sempre più paura, specialmente dal 1999 in avanti, quando c'è avvento della criminalizzazione dell'immigrato da parte dei media italiani. Osserviamo 4 verità che emergono dagli studi e articoli raccolti da Censis: 1. La criminalità è diminuita; 2. Gli italiani hanno sempre più paura, al punto di legittimare violenza e violazio­ ne di diritti umani contro gli immigrati; 3. I media tradizionali trasmettono una grande quantità di notizie riguardanti la criminalità (fonti: Ricerca di Cospe e Articolo di Salvatore Palidda pubblicato su Cestim); 4. Sia immigrati che italiani utilizzano come principali mezzi d'informazione TV e stampa; 3 L'IMMIGRAZIONE IN ITALIA
  4. 4. LEONARDO MAGALHAES FIRMINO Con questa ricerca si osserverà il perché le opinioni degli italiani rispetto ad alcune tematiche legate all'immigrazione sono cambiate nel tempo. In particolare, saranno i dati di Censis, Cospe e Makno a giustificare quanto emerso dall'Eurobarometro 2008. Formulazione dell'ipotesi Questa ricerca parte dai dati raccolti sul: 1. Binomio forzato immigrazione-devianza, perpetrato dai media tradizionali; 2. Percezione italiana della criminalità come fenomeno crescente e ravvicinato; 3. Reale andamento della criminalità in Italia, anche in rapporto con l'immigra­ zione; 4. Opinioni degli italiani e degli stessi immigrati sulla convivenza intercultura­ le in Italia; 5. Reali condizione sociali degli immigrati. I riferimenti sopra citati sono serviti come indagine prospettica e spiegano l'ipotesi per cui l’immigrazione è vista come un motivo di preoccupazione, piuttosto che come un’opportunità. Gli italiani ritengono poco sviluppate, ed anzi cattive, le relazioni in­ terculturali e interreligiose in Italia. Inoltre, gli italiani sono favorevoli ad una vera e propria politica europea per il settore. Perciò, si valuteranno con questa ricerca le contingenze delle 3 seguenti variabili: 1. Il giudizio sulle relazioni interculturali e interreligiose nel proprio paese (campione studiato: Italia, UE, Gran Bretagna, Danimarca); 4 L'IMMIGRAZIONE IN ITALIA
  5. 5. LEONARDO MAGALHAES FIRMINO 2. Temi sui quali l'UE dovrebbe focalizzarsi negli anni a venire (campione stu­ diato: UE e Italia); 3. Chi dovrebbe prendere le decisioni in materia di immigrazione (campione italiano). Individuazione delle fonti ufficiali utilizzate, dei tipi di dati analizzati e dell'universo di riferimento analizzato L'indagine prospettica che è servita come spunto e spiegazione al fenomeno del ri­ fiuto della presenza e della partecipazione sociale immigrata in Italia. Tali dati deri­ vano dalle ricerche di Cospe, Censis e Makno. I dati che ho analizzato per la formulazione delle ipotesi derivano dall'Eurobaro­ metro 70, che rappresenta il rapporto nazionale sulla ricerca sociale sull'oppinione pubblica nell'Unione Europea. Per l’Eurobarometro 70 i sondaggi sono stati condotti su scala europea tra il 6 Ot­ tobre e il 6 Novembre 2008 da TNS Opinion & Social per conto della Commissione europea. In totale sono state effettuate 30.130 interviste con cittadini di tutti i 27 Stati membri (inclusi gli abitanti di Cipro Nord), e dei tre Paesi candidati all’adesione: Croazia, Turchia ed ex Repubblica Iugoslava di Macedonia. Il campione è costituito da cittadini residenti nei rispettivi Paesi e di età superiore ai 15 anni. 5 L'IMMIGRAZIONE IN ITALIA
  6. 6. LEONARDO MAGALHAES FIRMINO Tabelle e dati salienti Un dato preoccupante emerge in relazione all’immigrazione. Il 59% degli italiani ritiene che le relazioni tra persone di diversa origine culturale o religiosa in Italia non siano buone. Il 37% pensa invece che non ci siano problemi. Come giudica le relazioni interculturali e interreligiose nel suo paese? Soltanto i danesi guardano ai rapporti interculturali all’interno del proprio paese con un livello di scetticismo (63%) superiore a quello degli italiani. Tra gli stati euro­ pei storicamente più aperti a ricevere flussi migratori spicca invece il dato del Regno Unito, dove la maggioranza (56%) ritiene che differenti culture e religioni dialoghino senza problemi sul territorio britannico. In media, in Europa il 48% del campione non rileva problemi, ma un restante 45% mostra scetticismo. 6 L'IMMIGRAZIONE IN ITALIA
  7. 7. LEONARDO MAGALHAES FIRMINO I più scettici nei confronti del dialogo interculturale in Italia sono gli anziani (62%), i lavoratori indipendenti (66%), i disoccupati (64%), gli abitanti delle grandi città (67%) e i residenti nelle Isole (66%). Nel Nord Est del paese la media di scettici è invece pari a quella complessiva nazionale (59%). Su quali temi l’Unione europea dovrebbe focalizzarsi negli anni a venire? Anche in virtù di queste considerazioni, è in crescita la percentuale di italiani che ritengono l’immigrazione tra le principali priorità per l’Italia. I sostenitori di questa linea passano dal 7% all’11% del totale, pur rimanendo in netta minoranza rispetto a coloro che optano per altri temi, in particolare quelli economici. Sono invece in netta maggioranza gli italiani che ritengono l’immigrazione la que­ stione chiave per rafforzare l’Europa. Puntano sul tema il 33% degli intervistati. 7 L'IMMIGRAZIONE IN ITALIA
  8. 8. LEONARDO MAGALHAES FIRMINO La lotta contro la criminalità emerge come la seconda priorità con il 28% di con­ sensi. Tra il campione europeo, invece, le questione energetiche (30%) precedono im­ migrazione (29%) e lotta al crimine (29%) tra le priorità per l’Europa. Guardando al divario tra priorità a livello nazionale ed europeo, non sorprendereb­ be se le difficoltà delle autorità italiane nell’arginare i flussi migratori clandestini pro­ venienti dall’Africa abbiano giocato una parte importante nel formare il giudizio de­ gli italiani a favore di un crescente coinvolgimento dell’Ue nella materia. Questa posizione è confermata dalla schiacciante maggioranza di intervistati italia­ ni che supportano una politica europea sull’immigrazione, a scapito di una gestione nazionale. Chi dovrebbe prendere le decisioni in materia di immigrazione? Il 68% vuole che sia l’Ue a decidere in materia di immigrazione, contro il 25% fa­ vorevole a mantenere le prerogative nazionali. I sostenitori di una politica europea sono anche in aumento rispetto al 61% registrato nell’ultimo rilevamento. 8 L'IMMIGRAZIONE IN ITALIA
  9. 9. LEONARDO MAGALHAES FIRMINO Commenti e verifica ipotesi Osservando i dati sulla criminalità nell'ultimo decennio, vediamo che essa è scesa di considerevoli punti. Ma se osserviamo i dati sulla paura e l'accostamento tra immi­ grazione e devianza tra il 2000 e il 2008, vediamo che essa è aumentata. La spiegazione di tutto ciò può riguardare soltanto il modo in cui i media tradizio­ nali trattano le notizie giornalistiche in materia di sicurezza relazionata all'immigra­ zione. Essi infatti, rappresentano il principale mezzo d'informazione, sia per italiani che per stranieri, riuscendo a modificarne la percezione della realtà. Il trattamento mediatico che i maggiori quotidiani e settimanali e i telegiornali na­ zionali riservano al tema “immigrazione”. I dati finora resi noti da Cospe nel 2003 sono i seguenti: oltre la metà degli articoli dei quotidiani analizzati (i maggiori 8 per diffusione) contestualizza e tematizza la “figura” dell’extracomunitario in vicende di cronaca nera, droga, terrorismo. Il 20% circa di questi articoli tratta invece di politi­ che di regolarizzazione, di clandestinità, di sbarchi; un altro 10% affronta i temi del lavoro, dell’assistenza, dell’istruzione e della sanità; un altro 10%, infine, tratta di re­ ligione e cultura. La prima analisi di queste percentuali ci dice, dunque, che il volume complessivo della comunicazione pubblica a mezzo stampa si risolve - nella maggio­ ranza dei casi - in una narrazione mediatica a tinte fosche, correlata all’allarme socia­ le e giocata, volenti o nolenti, sull’associazione tra immigrazione (spesso immigra­ zione irregolare) e devianza. Notiamo, inoltre, che la tendenza a vedere l'immigrazione come un degli argomenti centrali che le politiche pubbliche dovrebbero affrontare è ancora più alta a livello eu­ ropeo che italiano. 9 L'IMMIGRAZIONE IN ITALIA

×