Giornali, giornalisti e comunità di riferimento

  • 4,549 views
Uploaded on

#digitfi13 workshop "Giornalismo giornalisti e comunità di riferimento" a cura di Lelio Simi. Presentazione realizzata in occasione di "Digit 2013 - Attrezzi per giornalisti online" - 16 e 17 …

#digitfi13 workshop "Giornalismo giornalisti e comunità di riferimento" a cura di Lelio Simi. Presentazione realizzata in occasione di "Digit 2013 - Attrezzi per giornalisti online" - 16 e 17 settembre Firenze.

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
4,549
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
15

Actions

Shares
Downloads
12
Comments
0
Likes
3

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • Creare relazioni non vuol dire semplicemente click o pageview o like ma ha senso se crea una comunità
  • Cosa vuol dire? Esempi Nate Silver, o italiani Messoa

Transcript

  • 1. GIORNALI, GIORNALISTIGIORNALI, GIORNALISTI E COMUNITÀ DI RIFERIMENTOE COMUNITÀ DI RIFERIMENTO LELIO SIMILELIO SIMI #digitfi13#digitfi13 FirenzeFirenze Auditorium Sant'ApolloniaAuditorium Sant'Apollonia 17 settembre 201317 settembre 2013
  • 2. LELIO SIMI Twitter: @leliosimi Blog: senzamegafono.com slideshare: slideshare.net/leliosimi
  • 3. Perché ho bisogno di interagire con le comunità Quali sono gli obiettivi del fare community engaging per un giornalista?
  • 4. contenuti= relazioni= valore «Il valore dei media non è necessariamente intrinseco nei contenuti – nel senso che ‘devi pagare per questo prodotto perché il lavoro nel crearlo ha un valore’ – ma può essere realizzato nelle relazioni che si formano intorno a quel contenuto». Jeff Jarvis «I contenuti sono lo strumento necessario per generare valore, ma il valore nasce dalle interazioni che si creano tra i contenuti e tra le persone». Federico Badaloni (snodi)
  • 5. giornali(smo)=relazioni=comunità Costruire comunità intorno ai propri contenuti: non è solo questione di strumenti digitali ma di ripensare completamente al modo di relazionarsi con i nostri referenti. Non solo con l’uso delle nuove tecnologie, dei social network ma anche, semplicemente, spalancando le porte della redazione ai propri lettori per creare uno spazio aperto di incontro e confronto con la comunità di riferimento...
  • 6. senso di appartenenza «A death in the family: How “our newspaper” became “the newspaper”» John Robinson (via Media Disrupted) Perché il “nostro” giornale a un certo punto per le persone di una comunità locale è poi diventato semplicemente “il” giornale?
  • 7. Community engagement e giornalismo una (possibile) definizione «News orgs make top priority to listen, to join, lead & enable conversation to elevate journalism» Steve Buttry (stevebuttry.wordpres.com) «Testate d'informazione che si danno come principale priorità quella di ascoltare, collegare, connettere così come abilitare e guidare la conversazione al fine di migliorare il giornalismo».
  • 8. «Journalism as forum» is just as important as «journalism as fact» David Paul Nord (via Paul Bradshaw journalism=community)
  • 9. quindi... Il valore dei contenuti sta (anche/soprattutto) nella loro capacità di creare relazioni... ...e le relazioni determinano un senso di appartenenza, un legame, un valore percepito tra quello che facciamo e la comunità (ed è questo ancora uno degli elementi fondamentali del nostro business)
  • 10. Tre (buoni) motivi per fare community engagement in redazione Conoscere i nostri lettori. Conoscere cosa sanno (più di noi) i nostri lettori. Creare un senso di appartenenza (un valore) tra i nostri lettori e il nostro giornalismo. Ce ne sono altri?...
  • 11. Tre fattori essenziali Priorità/Tempo Il Community engagement non può funzionare come ripiego o a “tempo perso”. Guidare Gli organi di informazione devono cercare di essere leader nella conversazione con la comunità (ma questo ruolo devono saperselo guadagnare sul campo). Qualità L’engagement è un approccio che deve servire a migliorare il nostro giornalismo. Può anche avere qualche beneficio di marketing, ma lo scopo è un giornalismo migliore. (rielaborato da: stevebuttry.wordpress.com))
  • 12. Principi guida e valutazione di qualità (fonte rielaborata da: Joy Mayer, Reynold Institute of journalism http://rjionline.org/news/community-engagement)
  • 13. 1. Il nostro pubblico principale sente di avere un legame con noi. 2. Siamo seriamente impegnati ad andare oltre il nostro pubblico principale. 3. Siamo accessibili, nella realtà dei fatti, sia come redazione sia come singoli giornalisti. 4. I singoli membri della comunità si sentono invitati a partecipare al nostro lavoro e incoraggiati a contribuire nel definire la nostra agenda. 5. Siamo continuamente impegnati a trovare modalità di ascolto per essere in una conversazione continua con la nostra comunità.
  • 14. 6. Siamo in grado in ogni momento di adattare la copertura delle notizie in base a quello che ci rispondono i lettori. 7. Per i membri della comunità è facile condividere le loro competenze ed esperienze. E noi sappiamo valorizzare il loro contributo. 8. Amplifichiamo le voci della comunità, oltre la nostra. 9. Investiamo nella nostra comunità e siamo visti come una risorsa per la comunità stessa. 10. Il nostro contenuto raggiunge il pubblico dove, quando e come è più utile e significativo. 11. Sono molte le modalità tramite le quali i nostri lettori possono interagire, condividere e rispondere alle alle notizie che diamo.
  • 15. quindi riepilogando... Facciamo engagement perché prima di tutto siamo convinti contribuisca a migliorare la qualità del nostro giornalismo. Serve anche a distribuire e promuovere i nostri contenuti ma non è quella la sua prima finalità. È una strategia che utilizza tutti gli strumenti a disposizione non solo quelli digitali. Abbiamo l'ambizione di guidare la conversazione.
  • 16. Si fa presto a dire community... Orizzontali/Verticali Territoriali Di interesse/Tematiche/Professionali Attive/Passive Ma anche una combinazione di queste ad es.: Territoriali/Verticali/Attive A quante comunità mi rivolgo/appartengo? (Considerare sempre il contesto)
  • 17. La sfida è raccontare la complessità,La sfida è raccontare la complessità, dare voce a molte vocidare voce a molte voci invece che a pocheinvece che a poche (e sempre le stesse...)(e sempre le stesse...) Foto credit: http://missoula.com/river-city-roots-fest/
  • 18. Sviluppare comunità attorno a sé «Una delle principali qualità per un giornalista sarà quella di saper sviluppare comunità di interesse attorno a tematiche specifiche e generare una “micro fama contestuale”. I giornalisti devono sapere come creare delle comunità di conoscenza e di interesse che li aiutino a sviluppare una propria specializzazione». Meg Pickard responsabile digital engagement al Guardian (via Post Industrial Journalism http://towcenter.org/wp- content/uploads/2012/11/TOWCenter-Post_Industrial_Journalism.pdf)
  • 19. Cittadinireattivi.it Connettere e sviluppare comunità attive
  • 20. crowdsourcing/memoria/identità La memoria come elemento di aggregazione e sviluppo di una comunità Corriere delle Alpi: Vajont 50 anni dopo Bologna 2 agosto memoria condivisa
  • 21. Memoria/Storytelling/Comunità New York Times: One in 8 million slideshow + intervista audio, il racconto di una città attraverso la memoria di persone “normali” http://www.nytimes.com/packages/html/nyregion/1-in-8-million/index.html#
  • 22. Su quali basi costruire un piano di lavoro? (facciamoci un po' di domande)
  • 23. Chi sta già parlando nella nostra comunità di argomenti e tematiche che stiamo seguendo? Come possiamo individuare queste fonti e coinvolgerle? Dove (sia off line che online) e come si svolgono queste conversazioni? Quali fonti (singole persone o comunità) stiamo cercando, e come possiamo ottenere dei contributi da loro? È utile far conoscere alla comunità le storie e progetti su cui stiamo lavorando e chiedere loro dei contributi? C'è qualche controindicazione nel farlo?
  • 24. Quali obiettivi interagendo ci poniamo per migliorare il modo con il quale copriamo la storia che stiamo raccontando? Cosa dobbiamo fare per facilitare l'interazione con i lettori? Cosa dobbiamo fare e come dobbiamo comportarci per entrare a far parte di una discussione (online o offline) già in atto nella nostra comunità?
  • 25. obiettivo: ottenere il meglio dalle persone, non solo “mi piace”, click e pageview... Cosa vuol dire fare bene interazione e coinvolgimento? Si possono avere molti follower, like o commenti parlando alla "pancia" del lettore puntando sempre sulle contrapposizioni per sfruttare la competizione tra diversi schieramenti ma senza aggiungere un grammo alla comprensione reale dei fatti e senza dare minimamente strumenti ai lettori per farsi un'opinione propria e indipendente dei fatti... Quali sono i nostri reali obiettivi? Tanti “mi piace” significano più copie vendute?
  • 26. Ma come si misura l'engagement? Quali metriche scegliere? Online: Tempo vs. Pageview Condivisioni social/follower/iscrizioni Commenti “Rimbalzi” E Offline? Partecipazione incontri Indagini di mercato Copie vendute E poi, altre? Nuove fonti acquisite, nuovi contatti, conversazioni generate... Cercare di capire le metriche e non fermarsi alle apparenze...
  • 27. Ricerca, Selezione e Verifica Ascolto e Partecipazione Collaborazione e Condivisione (Non necessariamente in questo ordine...) azioni
  • 28. Ascoltare L’interazione non è semplice promozione. Abbiamo bisogno di ascoltare e dare risposte. Partecipare Non possiamo pretendere di ospitare tutta la conversazione dentro il nostro sito web o nel nostro giornale. Bisogna uscire, confrontarsi nei luoghi (anche fisici) dove avvengono le conversazioni ConversareL’interazione è sempre una conversazione multi-direzionale.
  • 29. condividere Rendere partecipi i lettori del processo di raccolta delle notizie (come si è giunti a quella notizia, quali scelte abbiamo fatto, come è stato realizzato quel reportage...). Il processo di sintesi è fondamentale per essere compresi ma (ogni volta che è possibile) mettiamo a disposizione tutti i documenti e i dati su cui abbiamo lavorato, e su quei documenti chiedere l'aiuto dei lettori per verifica e approfondimenti. Condividere i “ferri del mestiere” (spazi online ma anche offiline di formazione e workshop). E poi: Racconta quello che sai, chiedi quello che non sa, chiedi in modo chiaro quello che vuoi sapere, presentati sempre come giornalista.
  • 30. Ricerca selezione e verifica fonti Social media Blog Contenuti interattivi Crowdsourcing Votazioni, Concorsi Feedback Breaking News strumenti... Live blogging Commenti Storytelling Cura dei contenuti e aggregazione Newsletter Incontri faccia a faccia, eventi, tour sul territorio.
  • 31. Ricerca, selezione e verifica delle fonti Come individuare conversazioni rilevanti...
  • 32. «Ogni minuto vengono aggiunte 72 ore di video su YouTube. Quindi ogni secondo, viene caricata più di un’ora di video. E per le foto, su Instagram vengono caricate 58 foto al secondo. Più di 3.500 foto su Facebook. Quando finirò il mio discorso, ci saranno 864 ore in più di video su YouTube rispetto a quando ho iniziato, e due milioni e mezzo di foto in più su Facebook e Instagram. Quindi è interessante essere un giornalista ora, perché dovremmo avere accesso a qualsiasi cosa. Dovrei sapere di qualsiasi evento che accade nel mondo, più o meno all’istante e gratuitamente. Lo stesso per chiunque in questa sala. L’unico problema è che quando si hanno tutte quelle informazioni bisogna trovare quelle buone, ed è una cosa molto difficile se si ha a che fare con un volume così importante». Via TEDx, Mark Nolan caporedattore Storyful
  • 33. Come trovare storie su Internet nel web e nei media sociali
  • 34. ricerca e verifica fonti da social media Sei buoni consigli: Avvicinati il più possibile alla fonte e migliora sempre le tue capacità di capire e valutare le persone con le quali interagisci. Ogni volta che puoi prendi il telefono e verifica direttamente le tue fonti. Confronta sempre i materiali (foto e video) con altri e comunque fatti sempre delle domande sulle informazioni che le fonti condividono in Rete. Non dipendere troppo da un unico punto di vista (la verifica “troppo bello per essere vero”). Segui il fumo dei media sociali per trovare il fuoco della notizia. Utilizza i tuoi contatti per trovare altri contatti interessanti. E poi mantienili e coltivali. Fonte:http://senzamegafono.com/2012/12/06/verifica-delle-fonti-social-media-tre-vecchie- regole-e-se-buoni-consigli-per-i-giornalisti/
  • 35. Organizzare il caos: selezionare/cercare fonti Liste tematiche Piattaforme gestione: Tweetdeck (Hootsuite Seesmic, et simila) Ricerca per hashtag Opzioni Ricerca avanzata
  • 36. Liste Seguire liste già esistenti Cercare tra le liste che seguono account interessanti Creare nuove liste
  • 37. Organizzare il caos: Tweetdeck Utilizzo dei filtri per circoscrivere la ricerca Creare e seguire liste Creazione colonne ricerche
  • 38. Twitter ricerca avanzata Ricerca per parole chiave e hashtag Combinazioni di parole chiave Ricerca per account Ricerca per luoghi http://twitter.com/search-advanced
  • 39. Google opzioni ricerca avanzate
  • 40. Motori di ricerca “specializzati” Topsy.com Twitter #tagboard (tagboard.com) hashtag multipiattaforma Copyngram (copygr.am) Instagram
  • 41. Facebook: Uso dei Gruppi aperti per reporting L'esempio di ProPublica Patient Harm Community
  • 42. Creare degli spazi per ascoltare «Con Facebook, vogliamo costruire una comunità di persone - pazienti così come medici, infermieri, autorità di regolamentazione, dirigenti sanitari e tutti gli altri - che sono interessati a discutere dei danni al paziente, le cause e le soluzioni ... Vi preghiamo di unirvi a noi. Condividi la tua storia, poni domande e dai il tuo punto di vista con gli altri membri. Il tuo contributo può contribuire a dare forma al nostro reportage». Join ProPublica’s Patient Harm Community Ricerca/ascolto/partecipazione/trasparenza
  • 43. Ricerca e verifica Verifica identità via Url (whois.domaintools.com/) Verifica incrociata identità via social media (www.social-searcher.com/) Verifica immagini (tineye.com)
  • 44. Organizzare il caos: Feed Rss
  • 45. Cura dei contenuti e aggregazione Il Tirreno: Uso della piattaforma Storify per aggregare e selezionare contenuti da social media per raccontare storie
  • 46. commenti online/questioni aperte Una risorsa o un male necessario? Solo una questione di traffico generato? Paura dei troll? Considerare di chiuderli in alcune situazioni “delicate”? Collocazione: integrati all'articolo o lasciati a loro stessi? È necessario ripensarli? Come? Anonimato: proibirlo migliora davvero la conversazione? Chi deve gestirli? (la redazione, in outsourcing, misto: redazione e outsourcing). Uso delle Community Guideline.
  • 47. Commenti una risorsa «Ammiro la rapidità di reazione italica. Esce il decreto. Il pizzaiolo, che non ha altro da fare, corre a leggere la Gazzetta Ufficiale perché lui sogna da tempo di poter regolarizzare il lavoratore in nero, si legge la mappazza di 66 pagine, scopre l'arcano, telefona al papà del garzone che a sua volta prende l'agendina, trova il telefono del preside e chiama prontamente per supplicare la bocciatura del figlio. Nel mentre scrive un'accorata lettera al Repubblica dove, tra le altre cose, spiattella la condizione di lavoratore in nero del figlio facendo così felicissimo il pizzaiolo di cui sopra che a questo punto attende paziente l'Ispettorato del Lavoro triste per non poter più assumere il ragazzo a causa dell'inamovibilità della commissione di maturità. Ci manca solo un richiamo alla possibile parentela del ragazzo con Mubarack e la storia sarebbe perfetta...» Commento di “andrea61” immediatamente dopo la pubblicazione della “lettera di una professoressa sul pizzaiolo costretto a scegliere fra posto fisso e diploma di maturità ” che si è poi rivelata bufala costruita da agenzia... Via Linkiesta http://www.linkiesta.it/lettera-inventata-gramellini#ixzz2eUEOwL3A
  • 48. Commenti online: paura dei troll? Tre regole per attenuarli «Come esprimere una critica in modo efficace: - Cercate di riformulare la posizione del vostro avversario in modo così chiaro e corretto da fargli dire “grazie, non avevo pensato a vederla in questi termini”. - Elencate i punti sui quali siete d’accordo (soprattutto se non sono condivisi da tutti). - Citate quello che avete imparato dal vostro avversario. Solo a questo punto vi è consentito confutare o criticare qualcosa». (Anatol Rapoport via Luisa Caradda, il blog di mestiere di scrivere)
  • 49. Commenti online: ripensarli, come? Huffington Post uso dei Badge come per Foursquare: i commenti come un social New York Times la prospettiva del lettore Gawker nuova impaginazione dei commenti Corsera Passaparola i commenti come una community
  • 50. Commenti online: ripensarli, come? Quartz (qz.com) Medium (medium.com) Note ai paragrafi (per cercare di avere commenti più pertinenti)
  • 51. Offline: usciamo e incontriamo le persone faccia a faccia! Interazione con le comunità faccia a faccia (incontri con gruppi e associazioni e istituzioni, nella vita quotidiana). Organizzare Eventi/Incontri tematici/Workshop. Pianificare tour sul territorio. Redazioni Aperte: Newsroom café e spazi attrezzati in redazione (aula per formazione e incontri, archivi aperti). Partecipazione a eventi incontri organizzati da altri.
  • 52. open newsroom/open journalism: The Register Citizen Spazi attrezzati (postazioni Pc, free wi-fi) da condividere con la comunità: Open Archives - Community Classroom - Community Meeting Space - Artist of the Month - Coffee shop http://newsroomcafe.wordpress.com/
  • 53. News café/Tour sul territorio #guardiancoffee Tour nel territorio
  • 54. Un esempio italiano: VareseNews 141 tour Live blogging per ogni tappa (piattaforma: Scribblelive) http://www3.varesenews.it/comuni/tour/ Il tour dei 141 comuni della provincia di Varese
  • 55. In conclusione: ricordiamoci che... Noi non sappiamo tutto, ma siamo parte della comunità e possiamo abbracciare il potere della folla. Non è affatto detto che ci porti direttamente dei soldi, ma sicuramente la comunità è ancora un fattore chiave del nostro business. Non dobbiamo aver paura di essere coinvolti nei commenti - ma facciamolo nei tempi dovuti. Non dobbiamo per forza essere su tutte le piattaforme, ma consideriamo in maniera accurata i potenziali benefici per il nostro giornalismo caso per caso. Consideriamo il tono da usare per ogni contesto. Sì, le testate giornalistiche e i giornalisti possono svolgere ancora un ruolo importante nella comunità. (fonte: http://www.journalism.co.uk/news/-ijf13-seven-community-engagement- pointers-for-journalists/s2/a552792/)
  • 56. GRAZIE! LELIO SIMI Twitter: @leliosimi Blog: senzamegafono.com Email: leliosimi@gmail.com Slideshare: slideshare.net/leliosimi/ per approfondire: http://senzamegafono.com/category/community-engagement-2/ stevebuttry.wordpress.com/joymayer.com/zombiejournalism.com