Uploaded on

 

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
284
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Carta del Buon Governo localeIl Sindaco, il Presidente della Provincia, gli Assessori i membri del Consiglio Comunale/Provinciale(in seguito: Gli Amministratori) svolgeranno il loro mandato nel rispetto della Costituzione dellaRepubblica Italiana, della legislazione vigente e dei Principi etici e di condotta indicati nellapresente Carta. Principi Etici 1. Gli Amministratori promuoveranno i diritti umani e le libertà dei cittadini, vigileranno per evitare ed eventualmente rimuovere ogni comportamento che possa produrre discriminazione, anche indirette, per ragioni di razza, sesso, religione, opinione o qualunque altra condizione o circostanza personale o sociale. 2. Le decisioni adottate saranno ispirate, esclusivamente, al perseguimento del bene comune ed alla soddisfazione degli interessi generali dei cittadini. 3. Gli Amministratori si asterranno dallo svolgimento di qualsiasi attività che si ponga in conflitto di interesse con l’incarico ricoperto. Si intende che esiste conflitto di interesse quando gli Amministratori assumono decisioni che comportino la convergenza dell’interesse pubblico con l’interesse privato proprio, dei familiari o con interessi condivisi con persone terze. Non interverranno nello svolgimento di operazioni amministrative senza una giusta causa che sia determinata da obblighi di indirizzo politico, di vigilanza e di controllo; 4. Promuoveranno una moderna amministrazione pubblica che si attenga ai principi di autonomia, di responsabilità, di qualità, di formazione e di aggiornamento continui, di efficacia/ economicità/ efficienza e vigileranno per il conseguirsi dell’interesse generale attraverso l’ esercizio della discrezionalità amministrativa. 5. Le loro attività pubbliche saranno ispirate a principi di trasparenza ed accessibilità per tutti i cittadini, ed essi avranno comunque l’obbligo di rendere conto dei risultati della loro attività e dell’ azione di controllo svolta sui servizi pubblici locali. 6. Gli Amministratori si asterranno da ogni tipo di transazione e attività finanziaria che possa compromettere l’obiettività dell’ Amministrazione nel servizio degli interessi generali; 7. Gli Amministratori assumeranno la responsabilità delle decisioni e dei comportamenti propri e degli organismi che dirigono, attenendosi, nell’ affidamento degli incarichi politici o amministrativi, a criteri di merito e di riconosciuta esperienza, da verificare anche attraverso pubbliche selezioni ed evitando cumuli; 8. Manterranno, nei confronti dei mezzi di comunicazione, un atteggiamento sobrio e misurato, evitando comportamenti di abuso e manipolativi nei confronti della pubblica opinione.
  • 2. Principi di condotta1. Gli Amministratori assolveranno con piena dedizione il loro incarico, svolgendolo con spirito diautonomia dai partiti e dagli interessi e con senso di responsabilità;2. l’assunzione di incarichi negli organi esecutivi di direzione di partiti politici, in nessun casocomprometterà o diminuirà il loro esercizio delle funzioni;3. essi garantiranno il diritto dei cittadini all’informazione sul funzionamento dei servizi pubbliciche gli siano stati affidati, con le limitazioni stabilite da norme specifiche;4. nell’esercizio delle proprie funzioni, essi massimizzeranno lo zelo, in modo che l’impegno degliobblighi contratti sia un effettivo riferimento di esemplarità nel comportamento degli impiegatipubblici. Tale esemplarità dovrà esplicitarsi, in ugual misura, nel complimento dei doveri che, cometutti i cittadini, gli Amministratori devono espletare per legge;5. amministreranno i beni e i programmi pubblici con rigore, attenendosi a criteri di sostenibilitàamministrativa affinché sia chiaro chi, che cosa fare e con quali risorse, ed eviterannocomportamenti che possano compromettere la dignità dovuta al loro pubblico incarico;6. Gli Amministratori rifiuteranno qualunque regalo, favore o servizio in condizioni vantaggiose chevada appena più in là dell’ abituale uso sociale o di cortesia, o prestiti o altre prestazionieconomiche che possano condizionare l’espletamento delle loro funzioni, pur senza venir meno aquanto stabilito dal Codice Penale.In caso di omaggi di maggior entità, ricevuti a carattere istituzionale, essi saranno incamerati nelpatrimonio dellEnte Locale.7. Nell’espletamento del loro incarico, gli Amministratori saranno accessibili a tutti i cittadini, emassimizzeranno l’impegno nel rispondere a tutti gli scritti, le richieste e i reclami che dai cittadinistessi riceveranno;8. Gli Amministratori si asterranno dall’effettuare un uso improprio dei beni e dei servizi chel’Amministrazione Locale pone a loro disposizione in ragione del loro incarico.9. La protezione dei beni culturali e della diversità linguistica ispirerà i comportamenti degliAmministratori nell’esercizio delle loro competenze, così come la protezione e il miglioramentodell’ambiente naturale.10. Gli Amministratori garantiranno la custodia e la conservazione della documentazione per la suatrasmissione e passaggio ai loro responsabili successivi.
  • 3. Attuazione della Carta del Buon Governo Locale 1. Le pratiche quotidiane saranno ispirate alla diffusa applicazione dei Principi Etici e di Condotta dei quali si darà conto ai cittadini annualmente - per quanto riguarda il Comune- alla Commissione Consiliare sulla Trasparenza (prevista dallart. 39 dello Statuto del Comune di Trieste) che esaminerà un rapporto fornito dal Sindaco in sede di approvazione del rendiconto di gestione, e - per quanto riguarda la Provincia - un rapporto fornito dal Presidente della Provincia con il rendiconto di gestione (art. 54 dello Statuto), con l’eventuale proposta delle misure che si stimano convenienti per assicurare la realizzazione della Carta del Buon Governo Locale; 2. Il rispetto della Carta del Buon Governo Locale, che è parte integrante del programma di mandato di ciascun candidato, verrà sottoposto a verifica periodica da parte dell’ Associazione redigente (L&G) che controllerà se gli impegni assunti dagli Amministratori, e desumibili dai programmi di mandato, verranno assolti e tradotti in programmi politico-amministrativi.Trieste Aprile 2011