• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Bassaporopat programma 2011-2016
 

Bassaporopat programma 2011-2016

on

  • 933 views

 

Statistics

Views

Total Views
933
Views on SlideShare
932
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Bassaporopat programma 2011-2016 Bassaporopat programma 2011-2016 Document Transcript

    • 1
    • Maria Teresa Bassa Poropat, Presidente dellaProvincia di TriesteProgrammadi sviluppo per la provincia di Trieste 2011-2016Valori, strategie e risultati da consolidare e far crescere.Questo programma nasce da un’esperienza.Matura dalle azioni sviluppate nel quinquennio 2006-2011 e raccoglie, dal territorio, nuovisuggerimenti, proposte e indicazioni. Tanti i soggetti protagonisti di questo percorso diascolto: i sindaci, le istituzioni, le categorie e le associazioni, i sindacati e, naturalmente, icittadini che studiano, lavorano e vivono in questa provincia. Le linee di governo descrittein queste pagine tengono conto delle loro prospettive e aspettative, propongono azioniconcrete e solide per dare risposte chiare a problemi e bisogni reali.E’ un programma che parla non di promesse generali ma di impegni precisi, con obiettivipuntuali molti dei quali frutto del percorso già fatto in questi primi cinque anni. E’ unprogramma “pulito”, senza protagonismi ma tutto votato a descrivere la possibile provinciadi domani, piccola, unica, importante.Per migliorare ancora è stato necessario pensare, dunque, ad azioni sempre piùtrasversali, prevedere un monitoraggio costante per riorientare il quadro pianificatorio digoverno rispetto un contesto in rapida evoluzione, assicurare azioni che portino a unacrescita armonica di tutte le componenti del territorio, promuovere la tutela dell’ambienteper valorizzarne le caratteristiche, progettare una provincia sempre più al centrodell’Europa.Obiettivi chiari e complessi al contempo che necessitano del contributo di tutti, italiani,sloveni, membri delle tante comunità che hanno saputo e sapranno rendere questoterritorio europeo, dinamico, portatore di quei valori di convivenza, rispetto, rigore ecoraggio che possono farci guardare avanti con orgoglio.Un lavoro intenso che punta a superare resistenze, a denunciare ogni ostruzionismo diposizione, a rispondere con i fatti a vetusti luoghi comuni per riconoscere a Trieste,Muggia, San Dorligo della Valle/Dolina, Monrupino/Repentabor, Sgonico/Zgonik, DuinoAurisina/Devin-Nabrežina, centralità all’interno del quadro europeo.Il territorio richiede velocità di decisioni e di realizzazione per guardare a uno sviluppocomplessivo che ne premi le specificità intese come risorse per il futuro. Innovare significaorientarsi al domani forti del proprio passato. Devono nascere con questo approccio iprogetti concreti dei prossimi anni; costruiti rielaborando la nostra identità, quella identitàche ci rappresenta al meglio e di cui andiamo fieri, quella unicità nella quale riconoscerciper costruire le strategie e vincere le sfide. 2
    • Maggiore integrazione dunque. Economia, infrastrutture, innovazione tecnologica eambientale, cultura, non devono essere un mix indistinto e casuale, ma un mosaicoarmonico che consenta una crescita integrata, possibile e sostenibile.Per essere protagonisti di questo cambiamento l’istituzione sempre più deve intensificare ildialogo con il sistema formativo e della ricerca, sostenerlo presso i livelli istituzionalisuperiori promuovendo ed agevolando l’incontro e il trasferimento tecnologico verso ilmondo dell’impresa. Deve rivedere le procedure per le autorizzazioni, permessi e certificatifacilitando l’accesso, il controllo, l’accompagnamento. Deve valorizzare, attraversoopportune sinergie, le specificità di questo territorio, dai prodotti agroalimentari alla cultura,all’ambiente.Al centro di tutto la “cittadinanza” come risorsa. Il dialogo come metodo di lavoro perscegliere rapidamente e nell’interesse della collettività. Un impegno costante per uncambiamento culturale orientato alla cura delle relazioni – interne ed esterne – checonsenta di fare sintesi.Questo programma concretizza più di un’idea, dimostra che esiste ancora un’eticapubblica fatta di responsabilità, senso delle istituzioni, competenza e onestà, ma –soprattutto - coerenza tra doveri e comportamenti.Di tutto ciò c’è assoluto bisogno: per vincere e governare efficacemente questo territorioportando a termine i tanti progetti avviati, sostenendo nuove iniziative, valorizzando lapartecipazione dei cittadini. Questo il mio impegno per la nostra provincia Maria Teresa Bassa Poropat 3
    • Un programma in sette punti1. Dialogare con il territorio per crescere assieme • L’ascolto del territorio, il confronto sistematico, un controllo costante per una rendicontazione chiara e trasparente, un impegno per il riassetto della struttura.2. Un territorio fatto di persone. • Un accesso ai servizi per tutti più semplice, trasporti e viabilità per rispondere ai diversi bisogni di mobilità, un articolato welfare di prossimità che garantisca la libertà dell’autonomia e i diritti.3. Sostenibilità, lo sviluppo possibile a garanzia delle future generazioni. • Un ambiente tutelato e sicuro in cui si dia sostegno all’innovazione aperta e partecipata che faccia esprimere al meglio anche le potenzialità delle aziende, dove l’inquinamento di tante aree non sia un problema da rimuovere ma da risolvere. Accanto a una rete di trasporti e una viabilità che rispettino l’ambiente e facilitino scambi, transiti e crescita economica.4. “Unicità”, una ricchezza da tutelare e promuovere. • Molte sono le potenzialità di questo territorio che rappresentano i punti di forza della crescita: sviluppo sostenibile del Carso, integrato con tutto l’ambito transfrontaliero, attraverso la valorizzazione delle peculiarità esistenti sotto il profilo naturalistico, turistico, culturale nel rispetto del territorio, delle sue tradizioni e produzioni tipiche.5. Una cultura dalle tante voci. • La diversità è una ricchezza, il territorio va valorizzato complessivamente, con le sue peculiarità, tradizioni e sensibilità. Gli spazi, quelli che da sempre sono luoghi di socializzazione, vanno promossi, restituiti alla collettività, aperti perché lo stare assieme diventi un piacere. Così lo sport, in un contesto culturale dove il benessere del corpo e non solo la competizione agonistica sono da sempre elemento culturale.6. Una filiera per crescere assieme: istruzione, formazione e lavoro. • In questo difficile momento di crisi, la provincia ha affrontato con serietà il problema del lavoro, della difesa dell’occupazione, del rilancio della qualità dell’offerta guardando con attenzione anche all’inserimento delle donne, delle persone con disabilità, degli immigrati.7. Dinamismo per crescere al centro dell’Europa • Un territorio che sappia dialogare ed essere protagonista dell’Europa allargata. 4
    • 1. Dialogare con il territorio per crescere assiemePer assicurare un’azione orientata a far crescere complessivamente il territorio diriferimento è necessario garantire la più ampia partecipazione alle attività di pianificazione,riconoscendo, parallelamente, ai principi di trasparenza e rendicontazione, un ruolocentrale. Spazi di dialogo: la comunità e la sua rappresentanza La partecipazione: ascolto, monitoraggio e rendicontazione periodica Per divenire sempre più una Provincia a servizio della collettività, è necessario implementare le occasioni di confronto con il territorio, sistematizzando le modalità di attuazione di incontri periodici con i portatori di interesse al fine di informare e, se necessario, riorientare le azioni messe in campo. Per facilitare questo processo sarà necessaria una modifica statutaria, da assumere ad avvio di consigliatura, che renda istituzionalmente più pregnante l’attività della Conferenza dei Sindaci quale organo deputato a trasmettere una visione complessiva del territorio partecipando fattivamente al governo dello stesso nel rispetto delle specifiche competenze. Sulla scorta dell’esperienza maturata con la realizzazione del “Bilancio di mandato”, verrà presentato pubblicamente e annualmente, in concomitanza con l’approvazione del Bilancio consuntivo, il rendiconto sulle attività svolte e sullo stato di avanzamento dei progetti pluriennali. I documenti di rendicontazione complessivi saranno a disposizione dei cittadini sul sito dell’Amministrazione. Parallelamente, nel favorire tutti i processi di trasparenza, on line, settore per settore, saranno evidenziati i maggiori progetti in corso e aggiornato il complesso sistema degli Osservatori.Essere cittadini: educare alla partecipazioneAttivare percorsi di partecipazione come metodo di lavoro costante, significa condividerecon i cittadini un percorso di informazione nel quale alla responsabilità della scelta, cherimane in capo all’Ente, si unisce la responsabilità del confronto. Saranno organizzatiaccanto alle occasioni di confronto pubblico, delle sessioni/convegni informativi perconsentire ai cittadini di accostarsi meglio, più informati e preparati ai vari temi,dall’ambiente, alle riforme istituzionali, al welfare.Su temi specifici legati allo sviluppo del territorio e all’attualità, si farà anche ricorso alladistribuzione di questionari per raccogliere pareri e suggerimenti direttamente dai cittadini. 5
    • Due Province con molte affinitàSaranno previsti anche appuntamenti con la Provincia di Gorizia per concertare assiemenon solo azioni di settore già ora in essere, ma politiche per il territorio di più ampio earticolato respiro.Dialogare conParallelamente saranno istituiti anche costanti appuntamenti con i sindaci dei comuniconfinari per integrare, ove consentito dalla normativa, azioni d’interesse transfrontaliero.Si tratta di ampliare quanto già promosso in sede di programmazione europea, inparticolare con riferimento ad alcune iniziative di trasporto pubblico.Il ruolo della Provincia nel sistema regionaleRidefinizione, in collaborazione con UPI, del ruolo proprio della Provincia in particolare intalune materie che possono trovare, al livello di area vasta, la miglior tutela dei cittadini(gestione integrata delle acque, dei rifiuti e delle emissioni in atmosfera, tutela generaledell’ambiente e promozione dello sviluppo ecosostenibile e delle energie alternative).Sul piano delle più ampie strategie a lungo termine, sarà necessario impostare un’analisi eseria valutazione, attraverso un percorso da condividersi con i Comuni, di una diversaforma giuridica e/o dimensionamento istituzionale dell’Ente, tale da garantire equarappresentanza a tutti gli enti pubblici territoriali, oggi condizionati dalla forte presenza delComune capoluogo. Pur riconoscendo centralità alla città di Trieste, è evidente che perspecifico ruolo all’interno del sistema delle autonomie, la Provincia è chiamata arappresentare, tutelare e valorizzare l’intera organizzazione territoriale. Un territorio piùampio, la presenza di un numero maggiore di Comuni anche rilevanti, l’unicità degliinteressi da condividere e tutelare, anche rispetto a realtà forti come quella udinese epordenonese, permetterebbe il riequilibrio istituzionale dell’intera realtà regionale. E’ unprocesso articolato che va promosso e analizzato in sinergia con la Provincia di Gorizia.Il federalismo fiscaleSarà attivato con la Regione un confronto volto all’attuazione di un federalismo fiscalereale e non solo di facciata, con effettivo trasferimento all’Ente provinciale dicompartecipazioni in percentuale di tributi preindividuati rispetto a quelli oggetto ditrasferimento Stato-Regione, con conseguente responsabilizzazione dell’Ente medesimosia in ordine al relativo utilizzo, sia in ordine al trend finanziario dei singoli trasferimenti.Questo percorso permetterebbe di dare nuovo impulso alla specialità regionale in unmomento in cui il federalismo delle Regioni ordinarie sembra ridurne sostanzialmente glieffetti.L’organizzazione interna: il sistema degli indirizzi e quello della gestioneAlla luce dell’esperienza maturata e in considerazione anche dell’intervenuta riduzione delnumero degli Assessori, con ampliamento quindi dei rispettivi settori operativi, siprovvederà all’avvio immediato della riorganizzazione strutturale dell’Ente, finalizzandolaanche a supportare, con costante periodicità, l’aggiornamento del sistema direndicontazione.In particolare le deleghe dovranno corrispondere a settori omogenei e legati tra loro inmodo armonico e chiaro nell’ottica di uno sviluppo per “filiere”. Un sistema che faciliterà il 6
    • governo delle azioni trasversali a diverse competenze, agevolando anche la distribuzionedelle funzioni nell’ambito dell’assetto tecnico-gestionale.Infine l’impegno è valorizzare e far crescere le risorse umane della Provincia: unpatrimonio su cui investire. Il tutto nell’ottica di una concreta semplificazione a vantaggiodei cittadini e delle imprese.Monitorarsi per crescere: controllo di gestione, statistica, osservatoriQualsiasi azione, per essere efficace, deve partire da dati certi. Dal monitoraggio dellescuole al rilevamento demografico, da politiche di sviluppo economico a quellespecificatamente rivolte al turismo, per non parlare dell’osservatorio sull’immigrazione,delle politiche a favore delle aziende o altri aspetti dell’azione amministrativa richiedonouna solida base statistica e di analisi, cui si deve accompagnare anche un’adeguataverifica delle prestazioni che abbandoni definitivamente l’ottica del mero adempimento perfarsi strumento attivo di gestione. Un settore che quindi assumerà maggiore rilevanza infuturo divenendo “servente” rispetto le altre aree e politiche grazie alla messa adisposizione di dati e report finalizzati a rendere trasparenti i percorsi attuati e consentireeventuali aggiustamenti di rotta dinnanzi al mutare dei contesti.Più prossimi a tuttiDopo un articolato lavoro di attivazione e d’implementazione di numerosi sportelli destinatiad avvicinare l’amministrazione ai cittadini, si intende procedere con un potenziamentodegli stessi, confermando la presenza dello sportello presso l’URP in lingua slovena.E’ prevista anche l’attivazione di un URP “mobile” che, attraverso un mezzo attrezzato,possa portare, toccando in specifiche giornate i diversi Comuni del territorio e le periferiedi Trieste, informazioni sui servizi e facilitare il contatto con tutti i cittadini, sempre e in ognicircostanza. 7
    • 2. Un territorio fatto di personeWelfareLa Provincia, secondo le proprie funzioni, è chiamata ad intervenire nel sistema diinclusione sociale, accompagnando i cittadini lungo l’arco della loro vita, promuovendonel’autonomia per assicurare dignità e libertà all’individuo. E’ sul miglioramento della qualitàdi vita che dovranno organizzarsi azioni e progetti volti a rispondere ai diversi bisogni.Sarà reso per tutti più semplice, la rete dei trasporti sarà adeguata ai diversi bisogni dimobilità, saranno implementate le attività volte a promuovere un articolato welfare diprossimità che garantisca l’integrazione, la socializzazione e il superamento del disagio.Sarà riconosciuto e valorizzato il ruolo dell’associazionismo e del volontariato.La Provincia, nel rispetto del ruolo assegnatole nel sistema regionale, continuerà asvolgere il ruolo di coordinamento e accompagnamento della programmazione locale afavore del territorio, intervenendo nell’elaborazione attuazione dei Piani di Zona emigliorando i sistemi di monitoraggio e gli osservatori per fornire strumenti sempre piùaggiornati agli operatori.Lavorare per il territorio: coordinare gli interventi territoriali in una visione sovracomunaleLa riforma dei Servizi Sociali e la programmazione territoriale attraverso lo strumento deiPiani di Zona, che consente alle amministrazioni locali di lavorare nell’ottica dellapredisposizione di un piano di interventi sociali integrato insieme ad altri soggetti dellacomunità: volontariato, cooperative sociali, terzo settore, in un quadro organico dei Servizipresenti sul territorio, ha introdotto cambiamenti significativi per quanto attiene al ruolodella Provincia nella sua funzione di service al territorio e in particolare ai Servizi Socialidei Comuni nella definizione del profilo di comunità e nella valutazione dei Piani.La Provincia deve svolgere un ruolo significativo nel processo pianificatorio territoriale perquanto attiene la promozione e il coordinamento delle politiche sociali, concorrendo allaprogrammazione degli interventi sociali dei comuni, coordinando gli interventi territoriali inuna visione sovra comunale, raccogliendo dati per l’elaborazione del sistema informativoRegione/Provincia/Ambiti territoriali, procedendo attraverso studi e ricerche ad unapprofondimento mirato sui fenomeni sociali più rilevanti in provincia.Cooperazione socialeSarà ulteriormente valorizzato il ruolo della cooperazione sociale anche attraverso ilricorso ad affidamenti di servizi e lavori in esternalizzazione, curando anche la promozionedi progetti in partenariato tra la Provincia e le cooperative sociali. Sarà così implementatol’intervento di questo significativo soggetto del terzo settore nell’ambito delle più ampiestrategie di inclusione e di integrazione.DisabilitàPer pianificare adeguatamente le azioni volte alle persone di diversa abilità, si realizzeràun’apposita struttura dedicata al tema, cui spetterà il coordinamento delle diverse azionipromosse dall’ente direttamente o realizzate all’interno dei Piani di zona dai vari Comuni.In questo modo potranno esser messe in rete tutti i progetti destinati a supportare 8
    • l’autonomia e il sostegno dal lavoro alla mobilità pubblica e privata, dall’assistenza disupporto allo svago, dalle proposte abitative allo sport.In questo contesto saranno implementati i progetti già avviati e dedicati all’integrazione,alla mobilità e all’autonomia delle persone disabili. In particolare si ritiene importanteproseguire nelle attività/interventi che mirano a migliorare la possibilità per le personedisabili “di spostarsi” nel territorio provinciale senza incontrare eccessive difficoltà, comepure proseguire nella promozione/incentivazione di progetti che mirano all’autonomiaabitativa.Gli strumenti della pianificazione: gli osservatoriPer favorire e supportare un processo di pianificazione sociale che tenga conto deglieffettivi bisogni e delle nuove emergenze è necessario valorizzare e ulteriormentepotenziare gli Osservatori (Politiche Sociali e Nuove Povertà - Cooperazione Sociale -Infanzia adolescenza - immigrazione.). Un miglioramento dell’offerta che consentirà aiComuni, all’Azienda Sanitaria, al privato sociale di meglio programmare le azioni,utilizzando in modo funzionale, efficiente ed efficace le risorse economiche e leprofessionalità del settore.“Argento vivo in provincia”: una rete a favore degli anzianiDopo le positive esperienze maturate negli anni passati con il supportodell’associazionismo e del volontariato, saranno implementati tutte quelle azioni chepossano favorire la mobilità e la partecipazione/socializzazione delle persone anziane delterritorio della provincia di Trieste. In particolare sarà sviluppato il progetto “Argento vivo inprovincia” per consentire a molti anziani di partecipare ad eventi articolati in tutto ilterritorio provinciale e in più occasioni di festiva socialità, contrastandone cosìl’isolamento.I Genitori per i genitori: supportare percorsi di partecipazione e condivisioneIn questo contesto sarà implementata l’attività progettuale recentemente avviata e volta asostenere e promuovere la genitorialità attraverso azioni di welfare di comunità. Realizzatacon la collaborazione delle realtà associative attive sul territorio, è un supporto per darerisposte alla volontà di aggregazione, condivisione e partecipazione dei genitori. Leinformazioni assicurate riguardano temi diversi, dalle modalità da seguire per creare ungruppo informale, unassociazione, un comitato genitori, una banca del tempo, alleprocedure per aderire ad una iniziativa o partecipare ad un bando pubblico. Un supportovolto a promuovere dei momenti di incontro su determinate tematiche, conoscere servizi eproposte che il territorio offre a genitori e bambini, incontrare e costruire reti con altrigenitori e gruppi di genitori.Per affrontare assieme il disagio economicoLa nostra provincia gode di un reddito medio procapite di buon livello, ciononostantenumerosi sono i concittadini che vivono in condizioni di disagio economico, fino araggiungere anche la soglia di povertà. Una situazione che colpisce in particolare glianziani, i disabili, le donne, le persone sole, ma che, con il perdurare della crisi, toccaanche le famiglie, specie se monoreddito.Continuando quanto già impostato negli anni precedenti si darà ulteriore impulso a progetticome il riuso di alimentari in scadenza, con la collaborazione della Comunità di San 9
    • Martino al Campo e della Caritas di Trieste, il progetto di microcredito e sostegno allefamiglie con difficoltà finanziarie, il sostegno degli inquilini dell’ATER che, rimasti privi dioccupazione, a causa della crisi hanno difficoltà nel pagamento del canone, il sostegnoalle famiglie per l’utilizzo del trasporto pubblico locale.Per le famiglie e i giovani verso i quali bisogna mettere in campo azioni d’inclusione cheevitino ogni svantaggio a partire dal mondo della scuola, sarà anche favorito l’accesso allarete dei servizi e a forme di supporto anche non istituzionale, seguendo l’esperienza di“rete” già maturata con “Argento vivo”.Includere per crescere assiemeViene confermato l’obiettivo di mantenere elevati livelli di inclusione sociale, contrastandole discriminazioni nel mercato del lavoro che possono essere accentuate dalla crisieconomica e occupazionale.Inoltre saranno ulteriormente promosse e implementate le attività rivolte alle personeimmigrate attraverso la messa in rete e la valorizzazione dei servizi territoriali informativipresenti con l’obiettivo di migliorarne l’efficacia anche per favorire lo sviluppo di processipartecipativi tramite l’ottimizzazione dell’accesso all’informazione, quale strategia peraccrescere la capacità di azione e di soluzione dei problemi delle persone straniere, conbeneficio della cultura della convivenza, e per contrastare la produzione di situazioni didisagio ed esclusione sociale. Spazi di dialogo: intervenire in un’ottica di rete Numerose sono state le occasioni di confronto con i diversi soggetti impegnati nel settore del welfare, siano stati essi istituzionali o rappresentanti dell’associazionismo e del volontariato. Appare tuttavia necessario organizzare dei momenti sistematici di confronto che possano contribuire non tanto a consolidare la rete di solidarietà, ma a far dialogare le strategie pensate in ambito sociale con altre azioni programmate in settori in apparenza diversi. Molto sarà già fatto grazie all’ufficio trasversale dedicato alla disabilità, ma non di meno pare utile ragionare in un’ottica di sistema allargato anche sugli altri fronti. Una giornata intera ogni tre mesi sarà dedicata alle tematiche che riguardano anziani, disabili, persone in difficoltà, famiglie per aiutare l’amministrazione ad accompagnare effettivamente i cittadini nell’arco della loro vita individuale, lavorativa, sociale, di relazione.I giovani: un futuro in crescitaNegli anni passati, anche in relazione alle funzioni assegnate alla Province dalla Regione,sono state avviate molte azioni a favore dei giovani. Oggi quelle attività non solo vannoampliate, ma innovate. Le politiche giovanili costituiranno un importante campo d’azionedella nuova amministrazione provinciale: un cantiere sempre aperto e in costanteaggiornamento, un laboratorio sperimentale per favorire lo sviluppo delle attività dei piùgiovani supportandone la progettazione, sostenendo lo spirito d’intraprendenzaaffrontando, al contempo, il disagio e svantaggio con mezzi e politiche adeguate. 10
    • Spazi di aggregazione e forum giovaniL’Amministrazione ha già previsto, negli spazi al piano terreno della sede principale, larealizzazione in tempi stretti di uno spazio da dedicare al Forum giovani più ampio diquello da poco attivato. Un’azione tuttavia non sufficiente per venire incontro alle necessitàdei ragazzi. Sarà pertanto necessario potenziare gli spazi di aggregazione giovanilericercando ambienti adatti a rispondere alle esigenze di polifunzionalità già evidenziate,ovvero luoghi in grado di “accogliere” le diverse vocazioni artistiche, culturali e musicali disingoli e di gruppi. Essendo da tempo l’Amministrazione impegnata nel recupero degliedifici ancora dismessi del Parco di San Giovanni, si ritiene che spazi possano esserdedicati alla creatività dei giovani utilizzando anche la rete già presente nel comprensoriodove insistono alcune facoltà universitarie, cooperative sociali e il teatrino Franco e FrancaBasaglia già da tempo sede di eventi realizzati da ragazzi.Andrà, inoltre, assicurato ulteriore supporto all’attività del Forum giovani come ambitopermanente di scambio di idee e di dialogo per garantire e promuovere i diritti dicittadinanza dei giovani e l’autonoma partecipazione a tutti gli ambiti della società,consentendo loro di partecipare ai dibattiti e alle decisioni che li riguardano, fornendo unfattivo contributo di idee e proposte utili per il governo della comunità provinciale. Spazi di dialogo: giovani Numerose sono state le occasioni di confronto con i giovani negli anni passati, appare tuttavia necessario organizzare dei momenti sistematici di confronto che possano incidere sul processo decisionale dell’Ente, promuovere i diritti di cittadinanza, responsabilizzare i giovani. Una giornata intera sarà dedicata alle tematiche che li riguardano con focus specifici. In questa sede potrà esprimersi il Forum giovani, la consulta degli studenti piuttosto che l’associazione giovani industriali o altre realtà che ne faranno richiesta.Scoprire e conoscere: percorsi per i giovaniMolto si è fatto negli anni passati per promuovere la conoscenza delle caratteristiche, dellastoria, delle tradizioni, delle espressioni artistiche del territorio presso i giovani, specie sestudenti dei nostri istituti. Un processo che andrà sviluppato ulteriormente incrementandogli itinerari pensando da un lato al target di riferimento e dall’altro alle specificità dellanostra provincia: la storia del Novecento e l’Europa, i parchi scientifici, la letteratura comeespressione di una realtà composita, la natura, unica e particolare del Carso. Propostediverse che dovranno trovare, grazie al sito e a specifiche campagne informative,diffusione in Italia e all’estero in modo da intercettare anche ragazzi di altre città, regioni enazioni.Ascoltare i giovani e informarliUn impegno rinnovato sarà quello a favore della prevenzione rivolta alle etàadolescenziale e giovanile anche attraverso campagne di informazione in tema di stili divita, di consumo e abuso di sostanze che creano dipendenza.Continuerà il progetto Overnight, promosso annualmente a partire dal 2006 dalla Provinciadi Trieste con il Dipartimento per le Dipendenze dell’Azienda Sanitaria n. 1 Triestina, ilComune di Duino-Aurisina, l’Azienda Provinciale Trasporti APT S.p.A. di Gorizia e la 11
    • collaborazione di alcune cooperative sociali. Concepito come risposta ai dati allarmantiche vedono un aumento nel consumo di alcolici tra i giovani, abitudine che incide sullapercentuale di incidenti stradali, il progetto coniuga la strategia di riduzione del danno adun intervento di tipo preventivo e formativo. L’obiettivo è quello di evitare che i ragazzi simettano alla guida di motocicli o di automobili se troppo stanchi o in stato di alterazione,ma al contempo di migliorare la consapevolezza dei più giovani in tema di divertimento,piacere e rischi.Troverà continuazione anche il progetto “Psicoattivo”, specificatamente legato allaprevenzione dei comportamenti a rischio rispetto alle droghe e ai loro effetti sul cervello.Sono già previsti sia interventi nelle scuole secondarie di secondo grado, per laformazione degli studenti/tutors di progetto attraverso lo strumento della peer education,sia alcune offerte formative per insegnanti, educatori, operatori socio-sanitari, forzedell’ordine nell’ambito del progetto di ricerca “Il cervello, le emozioni e la morale”.Pari opportunitàNel corso del 2010 l’Amministrazione ha elaborato il Piano Triennale Azioni Positive, undocumento articolato che comprende una ricognizione, al 2010, di tutte le azioni positivegià messe in atto nell’Ente, identificando, a livello programmatorio, le nuove azioni darealizzare nel biennio 2011-2012.La pianificazione strategica verrà costruita in funzione dell’affermazione delle pariopportunità tra donne e uomini, individuando il mainstreaming di genere come l’approcciopolitico-metodologico più rispondente al perseguimento di tale finalità.Verrà confermato l’obiettivo generale della trasversalità delle azioni volte all’affermazionedelle pari opportunità tra uomini e donne nell’ambito di tutte le politiche sviluppatedall’Ente.Attraverso diversi progetti sarà sostenuta questa impostazione, tenendo conto anche deirisultati del Bilancio di genere e dei suoi successivi aggiornamenti, ovvero implementandola rendicontazione delle azioni positive poste in essere nel biennio 2008-2009.La Provincia, nel promuovere i propri programmi concernenti le pari opportunità e lapromozione della cultura delle donne, ricercherà e valorizzerà sinergie e integrazione tra leattività della Casa internazionale delle donne e quelle di altri soggetti che operano conanaloghe finalità, quali ad esempio la Consulta Femminile di Trieste e il Forum delle donnedi Trieste. Con questi soggetti ci si propone anche di seguire in particolare progetti dinatura transfrontaliera.Avranno continuità tutti i progetti dedicati a favorire la conciliazione tra i tempi dedicati allavoro e quelli riservati all’ambito privato e familiare.Nell’ambito dell’impegno profuso per sostenere le azioni di prevenzione e di contrasto allaviolenza contro le donne, definita dal Consiglio d’Europa come una delle violazioni piùgravi dei diritti umani, l’Amministrazione intende sostenere progetti dedicati e realizzati incollaborazione con altri soggetti pubblici e associazioni. 12
    • 3. Sostenibilità, lo sviluppo possibile a garanzia delle future generazioni.In questo programma l’ambiente vuole essere tema centrale su cui costruire e pianificarelo sviluppo sostenibile dell’intero territorio, che è obbligo garantire alle giovani generazioni.Il pensiero va ad un ambiente tutelato e sicuro in cui si dia sostegno all’innovazione apertae partecipata che faccia esprimere al meglio anche le potenzialità delle aziende, per lequali la tutela ambientale non costituisce più mero onere economico, ma opportunità estrategia di sviluppo, dove l’inquinamento di tante aree, laddove sussiste e sia provato, siaun problema da risolvere ed in tempi adeguati. Nell’ambito delle specifiche competenzeprovinciali sarà, altresì, necessario incrementare e sostenere un trasporto pubblico eprivato sempre più “pulito”, aggiornando ulteriormente il parco autobus ecologico,favorendo percorsi preferenziali e promuovendo anche mobilità alternative.Raccolta e smaltimento rifiutiRisulta indispensabile rivisitare, in un quadro coordinato di pianificazione provinciale, laprogrammazione in materia di raccolta e smaltimento dei rifiuti, onde renderla coerentecon gli obiettivi di tutela generalmente perseguiti.A seguito ed in coerenza dei risultati emersi dai lavori del Gruppo tecnico costituito traProvincia, Comune di Trieste ed Acegas Aps, si procederà all’immediata definizione di unatto di indirizzo che permetta, attraverso una puntuale determinazione di linee di interventoe relativo cronoprogramma, il raggiungimento delle percentuali dettate dalla normativacomunitaria e nazionale in materia di raccolta differenziata;Parallelamente detto programma di raccolta differenziata, anche integrato a seconda dellepeculiarità territoriali, verrà esteso ai singoli Comuni della Provincia che ancora non viabbiano provveduto adeguatamente.Risorse idriche, fonti rinnovabili e poli energeticiIn un quadro ridefinito di competenze risulta indispensabile programmare ed assumereinterventi tesi alla generale tutela delle risorse idriche, nel rispetto del principio chericonosce nell’“acqua” una risorsa non solo fondamentale, ma principalmente “pubblica”.La Provincia non può esimersi, in un quadro generale di tutela dettato da obblighi edobiettivi internazionali, dall’avviare iniziative progettuali finalizzate al contenimento delleemissioni di gas serra, coordinando elementi indispensabili di conoscenza delle fonti diemissione con ipotesi di riduzioni specifiche quantificabili e trasformabili ancheeconomicamente attraverso i cosiddetti certificati bianchi o sul mercato privato, con effettipositivi anche sul bilancio dell’Ente.Lo sviluppo di nuovi ulteriori programmi, anche sperimentali, finalizzati all’impiego di fontirinnovabili è ulteriore obiettivo essenziale. In particolare saranno implementati gli interventiprogettuali avviati od in atto in materia di riduzione delle emissioni inquinanti e diincentivazione dell’utilizzo di fonti da energia rinnovabile, anche in accordo, a livellosperimentale, con gli Istituti scientifici di valenza nazionale ed internazionale presenti sulterritorio; 13
    • Chiarezza motivata nelle scelteE’ noto il percorso informativo che la Provincia, unico Ente del territorio, ha attivato perconoscere i rischi e i benefici della realizzazione nel golfo di Trieste di un impianto dirigassificazione. I risultati non hanno fornito le garanzie attese, evidenziando anziparticolari perplessità soprattutto in ordine alla sicurezza, alla tutela ambientale del golfo,alla conciliabilità con l’ormai improcrastinabile sviluppo della portualità; circostanze cheportano a non poter sostenere l’iniziativa proposta.L’impegno provinciale rimarrà invece forte in ogni azione tesa allo sviluppo del Porto diTrieste, facendosi carico, auspicabilmente in sinergia con le altre Istituzioni del territorio, disollecitare il Governo in una scelta precisa e definitiva, sinora mai concretamente assunta,di individuazione di questa infrastruttura quale elemento centrale di una complessivapiattaforma logistica internazionale indispensabile dopo l’allargamento dell’UnioneEuropea.Analogamente la Provincia continuerà a monitorare la delicata situazione della Ferriera diServola perché si possa giungere alla definizione di un percorso di chiusura definitiva che,pur tenendo conto delle rilevanti esigenze delle forze lavoro in campo, non abdichi allaprimaria tutela della salute e dell’ambiente, da anni oramai messe a dura prova da unapresenza che si ritiene non più consentita.Siti inquinatiLa Provincia è da tempo impegnata a garantire la piena collaborazione con gli altriSoggetti istituzionali competenti alla risoluzione complessiva delle problematiche correlateal SIN di Trieste. L’obiettivo finale è stato da tempo indicato nel preventivo completamentodella caratterizzazione dell’intero sito, nel recupero ambientale della parte inquinata, nellarestituzione agli usi legittimi dei territori sotto soglia o compatibili a seguito di analisi delrischio e nella determinazione da parte di Arpa dei cosiddetti inquinanti storici di fondo.Sarà un impegno primario fare chiarezza con Ministero e Regione sull’effettivo percorsoda attuare nell’interesse esclusivo del territorio e delle Aziende.Polizia ambientaleSarà riorganizzata, in un quadro di necessarie sinergie, l’attività della Polizia ambientaleprovinciale, anche attraverso accordi interprovinciali o con il coinvolgimento di Arpa eCorpo forestale regionale. Saranno richiesti incontri periodici con l’Azienda sanitaria perassicurare adeguata informazione agli operatori su patologie ricollegabili conl’inquinamento ambientale. 14
    • Educazione ambientaleMa se tutto ciò è dettato dalla tutela finale delle future generazioni, non potrà venir menoun impegno forte ed innovativo proprio nel rapporto con i giovani e con l’educazioneambientale. Scoprire insieme, Istituzioni e cittadini, l’esigenza di individuare percorsi divita, di lavoro, di conduzione aziendale, di formazione e studio diversi, tali da risultarecompatibili con il preservare le risorse naturali, nel tempo sfruttate e degradate, è “la sfida”alla quale intendiamo con forza partecipare.Aperti alla ricerca dei modi, alla condivisione dei metodi, all’umile individuazione anche delpoco, che possa comunque contribuire ad educarci all’ineludibile necessità dicambiamento. Spazi di dialogo: tutela e sviluppo, un binomio possibile e necessario I temi ambientali sono complessi e molto sentiti dalla cittadinanza e dalle associazioni di categoria. Dinnanzi ad un contesto nel quale spesso si muovono portatori di interessi diversi sarà impegno della Provincia ascoltare, coinvolgere, indirizzare, coordinare le difficili scelte in questo settore. Pare comunque indispensabile prevedere, da subito, la definizione di un accordo di programma quadro, da stipularsi con le Associazioni ambientaliste presenti sul territorio, finalizzato alla predisposizione di un percorso di mandato condiviso di azioni migliorative per la generale tutela dell’ambiente e la corretta informazione dei cittadini. Parallelamente sarà avviato un confronto con le categorie per analizzare, ai fini della più rapida semplificazione amministrativa a favore delle Aziende, l’assunzione di tutte le possibili autorizzazioni a valenza generale riferibili ai singoli settori, nonché l’analisi congiunta delle varie criticità presenti nell’applicazione della normativa ambientale.Riqualificazione complessiva dell’Area denominata ex Campo Profughi diPadriciano: un progetto di forte sostenibilitàAnche in seguito allanalisi dello stato di fatto rispetto ai servizi resi e necessari nel settoreeconomico e sociale, le motivazioni alla base dell’idea progettuale traggono origine da unaserie di analisi e studi che hanno evidenziato le seguenti criticità sul territorio: • Mancanza di un centro di servizi pubblici e privati allinterno di un contesto già esistente ed attualmente degradato; • Mancanza sul territorio di infrastrutture comuni per la messa a sistema delle realtà artigianali, produttive e di servizi esistenti e per lincremento della competitività economica; • Assenza di un centro servizi integrati di impronta fortemente riconoscibile a supporto della socialità e del welfare; 15
    • • Scarso sfruttamento delle potenzialità intrinseche del sito, di facile trasformabilità e di locazione strategica rispetto alla viabilità esistente e grazie alla posizione baricentrica a numerose attività complementari sul territorio.Da cui e spiccatamente emersa la necessità di intervenire con: • Recupero ambientale di unarea degradata e potenzialmente male utilizzata; • Realizzazione di un polo sinergico atto a contenere strutture ritenute necessarie e difficilmente localizzabili altrove; • Ricavo di un compendio autosufficiente dal punto di vista energetico ed economico, attrezzato per fornire energia anche a conto terzi; • Miglioramento qualitativo degli insediamenti già presenti in loco; • Sviluppo di attività complementari a realtà esistenti in zona, oggi carenti di spazi.Lo studio preventivo e perlustrativo ha consentito di individuare, insieme ai rappresentantidelle realtà attualmente insediate nonché altri potenziali futuri fruitori, le migliori soluzionidi sfruttamento dell’area.Mobilità: efficiente, pulita e accessibileA seguito dell’intervenuta proroga del contratto del Trasporto Pubblico Locale, saràpuntualmente verificato l’obbligo dell’aggiornamento del parco autobus attraversol’acquisto da parte del concessionario di 132 veicoli EED ("Enhanced Environmentally-friendly vehicle"/"veicolo ecologicamente avanzato" ), pari a 33 mezzi per anno. Unincremento che permetterà da un lato l’ulteriore riduzione dell’età media della flotta al disotto dei 4 anno attuali, dall’altro un ulteriore miglioramento ambientale dovuto allaconseguente ampia riduzione delle emissioni di gas.Sarà necessario prestare particolare attenzione alla tutela degli interessi della comunitàprovinciale al fine di garantire, nell’ambito delle nuove condizioni per il futuro bando digara, le peculiarità del trasporto pubblico provinciale attraverso la previsione, tra l’altro, diuno specifico budget annuo provinciale, sia finanziario che Kilometrico ;Si provvederà, nell’ambito dei poteri di coordinamento della Provincia, all’analisi degliobblighi nascenti dai rapporti contrattuali in essere tra i vari soggetti interessati al fine digarantire ai cittadini una corretta collocazione, rinnovo e manutenzione delle pensilinecorrelate alle fermate del Trasporto Pubblico, del tutto trascurate negli ultimi anni,incentivando ulteriormente i controlli diretti da parte dell’Amministrazione sull’interagestione del servizio.Si procederà ad una rivisitazione del quadro complessivo delle linee e dei percorsi al finedi permettere la corretta programmazione regionale ed il riesame del Piano comunale deltraffico nel settore di competenza provinciale, tenendo conto delle segnalazioni pervenutedai cittadini; in particolare ci si farà carico di ricontrattare l’ormai insostenibile divieto dopercorrenza della Costiera da parte della Trieste Trasporti, fatto limitativo della gestionedel servizio rispetto a quella parte di Carso interessata.Sarà stipulato un accordo aggiuntivo con la concessionaria al fine di determinare equantificare ulteriori interventi, anche di carattere sperimentale su singole linee, a favoredei diversamente abili previo un doveroso coinvolgimento diretto con le relativeassociazioni di rappresentanza; 16
    • Sarà avviato, nel quadro degli interventi di sostegno alle famiglie, un progetto teso arendere possibile la rateizzazione nel pagamento degli abbonamenti annuali per glistudenti.Oltre il territorio provinciale: sviluppi possibiliIn un quadro di superamento dell’isolamento della provincia in rapporto ai collegamenti edalla mobilità nazionale ed internazionale con riferimento anche alle politiche tariffarie,risulta necessario avviare da un lato un’analisi della mobilità urbana tesa alla definizione diun sistema di area vasta (da Ronchi dei Legionari a Capodistria).Conseguentemente sarà dato da un lato impulso al progetto di metropolitana leggera, peranticiparne un lotto realizzativo correlato al ripristino ed adeguamento di infrastruttureesistenti, dall’altro si richiederà all’Amministrazione regionale l’inserimento delle lineetransfrontaliere nel quadro generale del trasporto pubblico locale. Spazi di dialogo: costruiamo assieme la rete Apertura, in materia di trasporto pubblico, di un confronto costante con i cittadini, con incontri mensili, su istanza dei singoli, con l’assessore delegato; un percorso di ascolto e scambio finalizzato a conoscere in modo approfondito e diretto i problemi e le richieste dei soggetti interessati; Vengono anche previsti confronti trimestrali con le associazioni dei disabili per migliorare la fruizione del servizio di trasporto.Piste ciclabiliLa conclusione della pista ciclopedonale “Giordano Cottur” ha dato un importantecontributo allo sviluppo sul territorio di una mobilità diversa, che consente di conoscere ilterritorio in modo differente. L’impegno dell’Amministrazione sarà rivolto a incrementare larete contribuendo alla realizzazione, in veste di partner, del progetto Interbike, cheprevede, tra l’altro, la creazione di una rete di itinerari/collegamenti ciclistici e ricreativirealizzata nell’area transfrontaliera riconoscibile da una segnaletica uniforme, nonchél’implementazione dell’offerta di trasporto intermodale (bici su treno, bici su barca).Parimenti si intende pianificare, coinvolgendo il Comune di Trieste, un prolungamentoverso il centro città proprio della pista “Giordano Cottur” al fine di utilizzarla per la mobilitàurbana.Infine, nella consapevolezza che è necessario garantire sicurezza ai ciclisti e offrire unacomplessiva rete di tracciati che permetta di toccare i diversi comuni della provincia, verràavviata la progettazione di una pista ciclopedonale lungo la SP1, da Basovizza a DuinoAurisina. 17
    • La rete provincialeDa tempo l’impegno dell’Amministrazione è stato rivolto a disegnare una rete diinfrastrutture moderna e sempre più sicura. Per questo è stato impostato un costantemonitoraggio volto a pianificare interventi nell’ottica della prevenzione. In particolare nelprossimo futuro si intende puntare sulla messa in sicurezza dei terreni a monte dellestrade provinciali per scongiurare dissesti gravi e, più in generale, concludere lamanutenzione delle rete stradale di pertinenza. In dettaglio il programma prevede larealizzazione della Rotonda Bivio Lanza a Sgonico/Zgonik, la conclusione dellacarreggiata di San Pelagio e dell’ingresso a Muggia, la sistemazione complessiva dei bordistrade. A queste attività si aggiunge, come già previsto da apposito capitolato, lamanutenzione del verde.Nell’ambito delle strategie complessive di gestione, andranno definite con i Comuni lecessioni di tratti di strada insistenti nell’ambito di centri abitati, parimenti sarà impostato ilpercorso Muggia – Lazzaretto – Confine e sarà portato a termine il complesso progettodella segnaletica di direzione e di preavviso, dove vengono riportate con pari dignitàgrafica i nomi delle località nella lingue italiana e slovena.Sarà seguita anche la ridefinizione delle zone di valico con la dismissione o messa adisposizione dei Comuni delle strutture di servizio esistenti. 18
    • 4. “Unicità”, una ricchezza da tutelare e promuovere.Molte sono le potenzialità di questo territorio che rappresentano i punti di forza dellacrescita: sviluppo sostenibile del Carso con un’azione costante, qualità dei prodottirispettando la loro natura di nicchia.Le complessità della Provincia di Trieste non sono un luogo comune: tutto sembracontrastare, la città rispetto all’entroterra, il mare rispetto al ciglione carsico, i colori intensi,gli intensi profumi.Un territorio le cui ridotte dimensioni, rispetto alle altre province italiane, non impedisconoun grande progetto: anzi, proprio perché non ampio questo ambito territoriale può esserelaboratorio avanzato di sperimentazione e di eccellenza.Secondo questi principi, nel mandato amministrativo in fase di conclusione, sono stateinvestite ingenti risorse, ponendo le basi per una politica di promozione del territorio nellasua interezza. Un modello di valorizzazione che è passata da azioni di promozione“puntiformi”, basate cioè su autonome iniziative da parte dei soggetti gestori delle varieeccellenze presenti sul territorio, a una pianificazione d’insieme a favore di tutto ilcomprensorio provinciale, contando sul proficuo incontro fra pubbliche Istituzioni einiziativa privata quale garanzia di un’organica e armonica crescita del territorio.Dare valore e promuovere le emergenze territoriali significa innanzitutto riconoscerequanto di specifico e unico possiede la provincia di Trieste: l’impegno deve essere quellodi giungere alla definizione di un “brand” specifico che identifichi quest’area come luogodepositario oltre che di una cultura articolata, di eccellenze nel campo delle arti e dellaricerca scientifica e del trasferimento tecnologico, anche di peculiarità ambientaliconiugate a tradizioni del settore agricolo e delle sue produzioni, dell’economia del mare.Nei passati cinque anni numerosi sono stati gli investimenti, basi e precondizionenecessarie per assicurare, nel prossimo futuro, “un volto” da dare al territorio, in sinergiacon altre Istituzioni e diversi attori pubblici e privati.Progetto Marketing del Carso: percorsi tematici e cartellonisticaCompletato il percorso progettuale, nel secondo mandato amministrativo verrannorealizzate 76 postazioni turistiche che consentiranno al visitatore di muoversi sull’interoterritorio provinciale seguendo percorsi logici, scegliendo itinerari tematici ed essendosempre guidato nella visita anche da moderni sistemi multimediali. 19
    • Progetto Marketing del Carso: recupero Costone CarsicoDopo molti anni di attesa, rallentamenti ed intoppi burocratico amministrativi,l’Amministrazione provinciale è riuscita nell’intento di portare a termine il progetto per ilrecupero di una parte del Ciglione Carsico che si affaccia sul Golfo di Trieste daContovello fino all’area contigua al Parco di Miramare.Il secondo mandato sarà caratterizzato dai lavori volti al recupero e allargamento dellestrade infrapoderali, al convogliamento delle acque, al ripristino dei tradizionali muretti asostegno dei pastini oggetto dell’intervento. L’intervento consentirà di restituire unaporzione importante di territorio all’originaria vocazione agricola con la coltivazione, inparticolare, di vite e ulivo e costituirà modello di recupero ambientale e fruizione delterritorio anche a fini turistici. Il modello cui è possibile guardare è quello delle CinqueTerre, in Liguria.L’Amministrazione provinciale, inoltre, eserciterà tutto il suo potere d’interlocuzioneistituzionale con la Regione Friuli Venezia Giulia, il Comune di Trieste e il Comune diDuino Aurisina al fine di giungere ad un progetto condiviso di recupero e ripristino di tutto ilCostone Carsico.Progetto Marketing del Carso: gestione del Centro di Promozione TerritorialeCompletati i lavori di ristrutturazione dell’immobile sito all’inizio della strada che porta allaBaia di Sistiana, è previsto lo sviluppo di una progettualità a servizio del territorio basatasull’utilizzo del sito a beneficio di turisti in visita al territorio, per mostre, convegni,degustazione di prodotti tipici, cene a tema, segnalazione di percorsi di ecoturismo.Sviluppo del progetto di recupero Landa Carsica in località BasovizzaVa portato a termine il progetto con il completamento degli interventi di bonificaambientale, completamento lavori, messa a regime dell’attività di pascolo e produzione dicarni. In azione sinergica con il progetto, andrà sviluppato un percorso didattico per lescuole e azioni volte al potenziamento dell’ecoturismo individuando nel comprensorio diBasovizza. 20
    • Guardando a EstL’area di Basovizza, San Dorligo della Valle/Dolina e Muggia si presenta come unlaboratorio unico data la presenza in loco di tante e diverse realtà che pur racchiuse in unpiccolo lembo di terra testimoniano la straordinaria ricchezza dell’intero territorioprovinciale. Da qui partirà un progetto turistico integrato che potrà sommare il Centrodidattico – naturalistico di Basovizza, Sincrotrone e Area di ricerca, la Grotta Nera, laFoiba di Basovizza, Parco degli Eroi, Riserva della Val Rosandra, la pista ciclopedonale,alla visita alla produzione di formaggi, miele, olio, vino.Guardando a OvestSi punta al completamento del percorso GEMINA, per il quale sono disponibili risorse ecompartecipazione della Fondazione CRTrieste, cercando contestualmente un accordocon il territorio per la successiva e necessaria manutenzione del tracciato. Spazi di dialogo: promuovere assieme l’”unicità” Per sviluppare l’informazione circa le caratteristiche di un territorio piccolo ma ricco, sono necessari dei momenti di raccordo e dialogo. Si propone l’attivazione di un tavolo di confronto con i Comuni, la Camera di Commercio, la Regione, il Consorzio Promotrieste e la Turismo FVG, per la realizzazione congiunta e/o coordinata di eventi, materiali promozionali. L’obiettivo è la realizzazione di strumenti cartacei e su supporto multimediale contenenti mappe turistiche con l’indicazione di percorsi tematici ed eccellenze storiche, naturalistiche, architettoniche, ambientali, agroalimentari, cui fanno eco le tradizioni locali da promuovere e valorizzare in modo da favorire la conoscenza e fruibilità del territorio da parte dei turisti e degli stessi cittadini residenti. Parallelamente il confronto consentirà di pianificare la partecipazione congiunta ai principali eventi espositivi come il BIT di Milano, Vinitaly a Verona, sposando il principio che l’unità può rafforzare questo territorio, consentire le necessarie economie di scala, restituire a tutto tondo quel “brand” che da tempo il territorio ricerca e richiede. Sinergia dovrà esser prevista anche in occasione delle grandi manifestazioni realizzate in provincia come Bavisela e Barcolana o per programmare adeguatamente l’accoglienza delle Crociere e dei più rilevanti convegni.Ruralità come risorsaIl settore primario a Trieste, se valutato solo in termini di contributo al PIL provinciale, valemeno del 3%. Assume invece un aspetto di gran lunga diverso se rapportato e coniugatoalle politiche di promozione territoriale nel loro insieme, quale espressione di una culturadel territorio, di una tutela delle sue caratteristiche, di salvaguardia di tradizioni unichecome alcuni prodotti: il terrano, la bianchera, la vitovska, il miele di marasca, il formaggiodi grotta, i prodotti ittici, solo per fare qualche esempio, cui fanno eco impegni diversi e 21
    • nuovi come l’allevamento dei salmoni nelle fresche acque del Rosandra, il nascenteprosciutto del Carso, cioccolate prelibate.Compito della Provincia è promuovere e far conoscere queste risorse, rispettandone laloro natura di prodotti di nicchia, quasi sempre ad alta gamma.Compatibilmente con le risorse disponibili si proseguirà dunque, nell’appoggio ai principalieventi realizzati sul territorio come Mare e Vitovska, Sapori del Carso, Olio Capitale cuiunire, nell’arco dell’anno, anche iniziative di animazione tematica sul territorio..Monitorare per produrre meglioContinueremo a garantire il servizio del monitoraggio agrometerologico al fine di avvisarele aziende agricole dei pericoli di attacchi parassitari con l’intento di mantenere alta laqualità delle produzioni e basso il ricorso all’utilizzo di fitofarmaci dannosi per l’ambiente.Risorse idriche per l’agricolturaLa Provincia di Trieste ha realizzato un preciso studio sulle necessità rilevate dal territorioper il potenziamento delle risorse idriche a fini agricoli. Tale studio è stato puntualmenterecepito nel 2010 dal Piano d’Ambito e costituisce strumento di programmazione degliinterventi necessari sugli acquedotti di proprietà comunale. L’uso delle risorse trasferiteall’ATO sarà oggetto di costante monitoraggio da parte dell’Amministrazione.Dai “grandi” ai “piccoli”Dopo aver puntato principalmente sulle aziende di vertice presenti nei Consorzi dipromozione al fine di fare da “traino” a tutto il comparto, è ora tempo di coinvolgere tutte lerealtà (vedi “osmice”, piccoli produttori, aziende artigiane della pietra, agriturismi, ecc…) inun programma ampio e articolato di promozione.In questo contesto sarà anche da verificare la possibilità di giungere ad unaregolamentazione comune delle “osmice”, tenendo conto delle diversità presenti, al fine difavorirne una promozione provinciale condivisa.Per favorire la conoscenza delle diverse produzioni tipiche presenti sul territorio,l’Amministrazione valuterà con i soggetti interessati la possibilità di definire luoghi emodalità di diffusione dei prodotti.Conoscere per gustare meglio e rispettare l’ambiente: incontrarsi sul territorio.Si prevede l’attivazione di progetti integrati di educazione alimentare, ambientale,educazione al consumo consapevole da dedicare alle scuole e al pubblico adulto al fine dipromuovere anche la conoscenza delle produzioni e delle caratteristiche del territorio. ilconsumo interno, l’amore per il territorio. In Provincia abbiamo molti strumenti da poterutilizzare a tale scopo dal progetto della Landa Carsica a Carsiana, cui unire lecollaborazioni con il Centro Didattico Naturalistico della Regione, con i produttori, conl’Università. Incontri da realizzare sul territorio, nel nuovo Centro di Promozione Territorialepresso ex AIAT, a San Giovanni, al Giardino Botanico Carsiana, solo per fare qualcheesempio.La tutela della Flora e della Fauna: un territorio dagli equilibri delicati 22
    • Con un approccio di sistema e una sensibilità che muove dal rispetto del territorio, sarànecessario incrementare le azioni di tutela promuovendo accanto alle numerose attivitàgià in capo all’Amministrazione come la rilevazione degli alberi monumentali, il rilasciodelle autorizzazioni per la raccolta dei funghi, dei tartufi e delle piante spontanee, le azionilegate alla fauna selvatica, l’organizzazione di diversi corsi di abilitazione, una più capillareazioni informativa legata all’attività venatoria.Un percorso che tenga conto del delicato ecosistema che spesso si scontra conun’urbanizzazione sul territorio molto varia.Andranno pertanto sviluppati progetti per il contenimento degli ungulati accanto ad azionidi prevenzione per i danni da questi causati. Se al momento ci si è limitati agli abbattimentied al risarcimento in considerazione delle scarse risorse a disposizione per questo settorepur rilevante, in futuro si vorrà agire soprattutto con interventi di prevenzione. Vanno quindidedicate risorse e aperte trattative con la Regione per una maggiore dotazione sulla basedi specifici progetti, cui affiancare una stretta collaborazione anche con le associazionidegli agricoltori, le associazioni ambientaliste e le riserve di caccia alle quali, nel nostroterritorio, va riconosciuta una radicata tradizione di rispetto per la selvaggina.In particolare sarà opportuno stendere un piano per il foraggiamento che scoraggil’avvicinamento ai centri abitati e verificare la possibilità di aumentare l’orario del prelievofino a raggiungere la temporalità oggi prevista dalla vicina Repubblica di Slovenia e ciò pergiungere a un controllo reciproco e uguale dei capi. Un’azione orchestrata in questo sensopotrà scongiurare anche il rischio di modifiche permanenti della biodiversità.Sarà essenziale anche ribadire in questo settore l’importanza dell’attività specifica deiguardiacaccia provinciali, oggi messa a rischio, rispetto a quanto indicato dalla Leggeregionale 6/2008, dalla norma sulla sicurezza. In un’ottica di complessivo miglior controlloe tutela del territorio sarà la ridefinire con la Regione la possibilità di formare un corpounico tra guardacaccia e personale della forestale regionale.Infine saranno valutate, di concerto con le altre istituzioni coinvolte per competenza, lepossibile forme di lavorazione delle carni frutto del prelievo venatorio presso l’esistentemacello di Prosecco, o altre strutture da individuare. Spazi di dialogo: produrre assieme l’”unicità” Si intende attivare in modo formale e costante, almeno ogni tre mesi, la convocazione dei cosiddetti “Tavoli verdi” per assicurare un momento di confronto istituzionale con le rappresentanze del mondo agricolo, le aziende di settore presenti sul territorio, i consorzi di promozione, le associazioni portatrici di interessi collettivi e gli Enti e Istituzioni interessati per competenza. 23
    • 5. Una cultura dalle tante voci.La diversità è una ricchezza, il territorio va valorizzato complessivamente, con le suepeculiarità, tradizioni e sensibilità. Gli spazi, quelli che da sempre sono luoghi disocializzazione, vanno promossi, restituiti alla collettività, aperti perché lo stare assiemediventi un piacere. Così lo sport, in un contesto culturale dove il benessere del corpo è nonsolo competizione agonistica ma elemento culturale, attitudine al rispetto, sacrificio esoddisfazione, prima che ribalta e successo.Il sistema CulturaCultura di chi e per chi. Questo appare un dibattito sempre aperto e sul quale, perconvenienza, aleggia costante il silenzio delle mancate decisioni. L’Amministrazioneprovinciale ha da sempre puntato sul Distretto culturale che non è un modello ripetibileastrattamente, ma un metodo che punta alla crescita sinergica, valorizzando non un tuttoindistinto, ma filiere che guardano al territorio e muovono da esso.Un distretto può anche nascere dall’alto, con un processo top down, ma difficilmente siconsolida e cresce se non incontra anche il coinvolgimento del contesto nel quale si ètroppo artificiosamente imposto. Così la proposta è crescere bottom up, aiutando ilterritorio a esprimere le proprie potenzialità, favorendo il contatto tra istituzioni,associazionismo, realtà di produzione.Accanto a un ruolo di supporto e promozione del percorso, la Provincia di Trieste ha sceltodi governare direttamente alcune azioni cardine destinate ad avere ricadute più ampie sulcontesto sociale di riferimento. In questo contesto si pone la valorizzazione del Parco diSan Giovanni, la promozione del Comprensorio dell’ex Campo Profughi di Padriciano, ilrecupero di temi importanti per la storia di questo territorio come quelli legati alle vicendedell’area di confine, la realizzazione di eventi curati in sinergia con diversi soggetti,l’individuazione, con apposito accordo siglato con l’Autorità Portuale, dell’edificio di viaCavour 2, da destinare a centro propulsore delle tematiche distrettuali. Spazi di dialogo: ascoltare le tante voci Per organizzare e promuovere la cultura del territorio, assicurando la giusta attenzione sia alle grandi istituzioni culturali che al vasto e vitale mondo dell’associazionismo, si intende organizzare, con cadenza sistematica ogni tre mesi, una giornata dedicata al confronto con le realtà territoriali. Focus specifici destinati a promuovere in un’ottica sinergica il cinema, il teatro, la danza, la fotografia. Occasione anche per assicurare al settore amatoriale supporti tecnici che siano d’aiuto per assolvere con puntualità e correttezza alle recenti previsioni normative. In particolare si intende attivare un comitato pluridisciplinare, di durata triennale, con il compito di supportare la programmazione dei cosiddetti grandi eventi seguiti dall’Amministrazione. 24
    • Grandi eventi per farsi conoscereSi ritiene indispensabile promuovere un evento di richiamo che coinvolga l’intero territorioprovinciale, sommando in modo organico le caratteristiche “uniche” dell’area come lacultura, le tradizioni enogastronomiche, l’ambiente e la presenza dei grandi centri diricerca scientifica. Una programmazione sinergica che può prendere avvio dall’esperienzamaturata in occasione del Festival Teatri a Teatro, trovando accanto ai luoghi già utilizzatialtre location.Tradizioni, un legame da preservare e innovare.Valorizzazione delle “osmice”, degli appuntamenti più importanti e tipici come le Nozzecarsiche, il Carnevale di Muggia e del Carso, la Majenca, solo per fare alcuni esempi.La Casa della MemoriaIn occasione dell’apposizione da parte dell’Amministrazione Provinciale, di concerto con lalocale sezione dell’ANPI, di una lapide commemorativa sull’immobile di via Cologna 6/8 diproprietà provinciale, sono pervenute da più parti dichiarazioni di principio volte arichiamare l’attenzione sulla necessità che le memorie riferite alla storia e alle vicendepersonali dei testimoni che in quel luogo sono state detenute vadano conservate evalorizzate.Questa Amministrazione ha già richiesto e ottenuto dalla locale soprintendenza per i Benie le Attività culturali la dichiarazione dell’interesse culturale dell’immobile, ai sensi di legge,ed ora sta promuovendo la creazione di una Casa della Memoria sull’esempio di strutturesimile esistenti in varie parti d’Italia e d’Europa.La redazione di una proposta progettuale deve partire dalla costituzione di un comitatoscientifico composto da autorevoli rappresentanti degli Enti Locali, delle associazioni e delmondo accademico che contribuiscono all’elaborazione di un percorso condiviso sia intermini culturali che di fattibilità e necessariamente di sostenibilità finanziaria dicostruzione del progetto e poi di gestione.L’obiettivo è la creazione di un luogo dove la memoria non solo potrà essere conservata evalorizzata, ma soprattutto tramandata e trasferita alle giovani generazioni.Faro della VittoriaDopo la stipula della convenzione con la Marina Militare, l’apertura del secondo anello, lafruizione turistica del sito, vanno ora reperite le risorse per il restauro dei locali sottostanti ilFaro in modo da adibirli a fini espositivi. Nel progettare l’intervento vanno trovate soluzioniinnovative che valorizzino sapientemente la suggestione del sito.Un ambiente unico da conoscere e scoprireSu questo fronte l’Amministrazione si è già impegnata nel corso del mandato precedentecon la valorizzazione del giardino botanico Carsiana, con la promozione dellattivitàdidattica, educativa e divulgativa, come previsto dalla legge regionale n. 24/2006, dellaRiserva naturale marina di Miramare, con la partecipazione alla realizzazione del percorsoGemina, con la creazione, attraverso un’attenta opera di recupero, della PistaCiclopedonale “Giordano Cottur” e del punto informativo “Rodolfo Crasso”.In prosecuzione del lavoro fatto, s’intende incentivare la fruizione di questi luoghi,organizzandovi eventi dedicati. 25
    • La storia del NovecentoTrieste e la provincia offre l’occasione di sviluppare tanti e diversi percorsi tematici.Lasciando, per competenza, funzioni, patrimonio esistente, ai comuni e, in particolare alComune di Trieste, le funzioni di promozione, tutela e conservazione delle prezioseraccolte musealizzate, si ritiene di contribuire allo sviluppo della conoscenza del territorioattraverso la realizzazione di percorsi tematici che toccano l’intero territorio provinciale. Inparticolare saranno amplianti gli itinerari già sostenuti nel corso del primo mandato ededicati ai luoghi simbolo della storia del Novecento con particolare riguardo allavalorizzazione e conoscenza del Cimitero Austro-ungarico per i quale è ormai urgente enecessario il miglioramento, in relazione alla viabilità lungo la SP n.1, dell’accesso.Sempre prestando attenzione ad alcune specificità della storia del territorio e del suotessuto sociale, si darà attuazione alla realizzazione di una targa che ricordi le giovanidonne, chiamate “alessandrine” che tra ‘800 e ‘900 dal porto di Trieste raggiunserol’Egitto.La scienzaIn sinergia con le tante e importanti realtà scientifiche del territorio e in connessione con il“Protocollo scienza” promosso dal Comune di Trieste sottoscritto anche dalla Provincia,Università e principali istituti di ricerca ed alta formazione presenti sul territorio (AREAScience Park, Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico Onlus, Conservatorio di Musica“Giuseppe Tartini”, CBM, ERDISU, ICGEB, ICTP, Istituto Nazionale di Fisica NucleareSezione di Trieste, MIB School of Management, OGS, Sincrotrone, SISSA), sarannorealizzati itinerari per promuovere la conoscenza di questa importante rete di sviluppo.Parco letterarioDare spazio e voce a protagonisti della nostra letteratura, interpreti di un territorio dove lacultura si esprime con lingue diverse e vive di molte tradizioni.L’ipotesi attorno alla quale si vuole realizzare il progetto muove dall’idea di istituire nontanti parchi quanti sono i numerosi e importanti scrittori e poeti di quest’area, ma un parcoche rappresenti complessivamente la ricchezza della cultura, ne restituisca la ricchezza, lavarietà e l’unicità. Il Parco diviene dunque un luogo fisico e della memoria, ricorda edevoca le esperienze visive, le ispirazioni sentimentali, brani di vita significativi degli autoriche, come un mosaico, s’intrecciano negli itinerari individuati.Le grotte: un mondo senza confiniS’intende stendere, in collaborazione con i Comuni transfrontalieri, un porgetto divalorizzazione storica e ambientale delle grotte quali segno caratterizzante dell’areacarsica, ponendosi altresì anche l’obiettivo di utilizzare le tecnologie più avanzata perconsentire se non la visita reale, quella virtuale a tutti.Il laser scanner della Grotta Gigante è dunque un punto di partenza per una progettualitàdi più ampio respiro.Per Trieste e il territorio: un fronte mare che parla di cultura e di cinema. Ilcontributo della ProvinciaAvviato già nel corso del mandato precedente, sarà da completare il progetto della Casadel Cinema, assicurando spazi adeguati alle associazioni di settore e un’ampia rete diservizi per il cittadino.SportLo sport è deve essere valorizzato non solo ai più alti livelli, ma come momenti disocializzazione, di formazione di un’etica che guardi al rispetto dell’avversario, occasione 26
    • di integrazione tra generazioni e di espressione delle diversità. Particolare attenzione saràriservata all’educazione alla pratica sportiva misurata secondo l’età, puntando allo sportnon come agonismo esasperato, ma come valore di vita. In questo contesto si presteràattenzione al sostegno dello sport di base e amatoriale, ad assicurare agli studentipalestre adatte e adeguatamente attrezzate, a proporre agli anziani occasioni di cura delcorpo.Come già avvenuto nel corso del precedente mandato ci si impegnerà a supporto deigrandi eventi sportivi, come la Bavisela, La Barcolana, o, ancora, il Trofeo Provincia diTrieste di corsa, la Corri Trieste, il Meeting internazionale di atletica leggere CUS, laMujalonga sul mar, la Settimana internazionale dei tre golfi e l’Euromarathon Capodistria-Muggia, in quanto occasioni per far conoscere le diverse discipline nella bellissima cornicedel territorio provinciale. 27
    • 6. Una filiera per crescere assieme: istruzione, formazione e lavoro.In questo difficile momento di crisi, la provincia ha affrontato con serietà il problema dellavoro, della difesa dell’occupazione, del rilancio della qualità dell’offerta guardando conattenzione anche all’inserimento delle donne, delle persone con disabilità, degli immigrati.In una concezione più ampia che punta alla crescita del territorio nei vari campi,demografico, economico, occupazionale e culturale, la formazione dei giovani, scolastica eprofessionale, assume un ruolo determinante nell’elevazione del livello culturale dellenuove generazioni, nella loro propensione al lavoro, nel loro orientamento verso settori edimprese che costituiscono la nostra economia, per favorire il successo scolastico eprofessionale.Crescere con listruzione e la formazione: aule e laboratori per tuttiLa Provincia, in materia di formazione dei giovani, ha in primo luogo un compitodeterminante per quanto attiene l’edilizia scolastica nell’ambito della programmazioneterritoriale e sugli indirizzi di studio dell’offerta formativa delle scuole secondarie superiori.Su questo versante va portata a compimento la soluzione dei problemi legati all’utilizzo dispazi che risultano inadeguati al servizio scolastico.Per un più razionale utilizzo delle risorse edilizie esistenti va messo a regime il sistema dimonitoraggio avviato già che, attraverso un’attenta schedatura e valutazione dello stato diconservazione, consente la programmazione degli interventi anche al fine di ottimizzarel’utilizzo degli spazi in considerazione delle dinamiche di iscrizione ai vari indirizzi di studio,in questa fase in forte mutamento anche in conseguenza dell’attuazione della riformascolastica.In questo campo serve uno sforzo straordinario, che non può essere affrontato con le solerisorse della Provincia, per concludere i cantieri aperti e per avviare l’individuazioni dinuovi spazi finalizzati alla creazione dei poli formativi, per completare l’adeguamento dispazi ed attrezzature e strumentazioni dedicate al completamento ed al rafforzamentodella filiera formativa in campo musicale.I cantieriUno dei settori più problematici tra le attribuzioni provinciali è sicuramente quello relativoall’edilizia scolastica. L’ambito in cui si va ad operare è caratterizzato da una diversità deititolari degli immobili, comunque demandati alla gestione provinciale, da una rilevantevetustà degli stessi e dall’esigenza, quindi, di interventi di stabilizzazione talora straordinaridi vasta portata, talora numerosissimi di ordinaria manutenzione.I problemi maggiori: la quantità delle risorse necessarie; le procedure degli interventicomunque rientranti nella disciplina delle opere pubbliche; l’urgenza delle iniziative quasisempre correlate ad esigenze di effettiva sicurezza dei fruitori del servizio.L’esperienza maturata, seppur ha permesso di progettare, realizzare e concludere, ovverocantierizzare una considerevole mole di attività, ha altresì evidenziato come in prospettivala strada da percorre debba essere a lungo termine radicalmente diversa e così, come diseguito sintetizzata, vuol costituire parte significativa dell’impegno programmatico: • ridefinizione dell’accordo già avviato con i rappresentanti degli studenti, per definire e condividere, in collaborazione anche con le Direzioni scolastiche, un percorso complessivo da attuare nell’arco della consigliatura teso ad una nuova proposta d’insieme delle esigenze qualitative, quantitative e localizzative dell’edilizia scolastica; 28
    • • definizione, sulla base del quadro conoscitivo acquisito dagli Uffici ed in relazione alle esigenze che emergeranno dalla richiamata proposta, di un protocollo d’intesa con l’Amministrazione regionale che individui le necessarie localizzazioni di nuovi poli scolastici e/o di rigenerazione di alcuni di quelli esistenti e ne definisca le fasi realizzative e le coperture finanziarie, accompagnando l’insieme progettuale con un programma di interventi temporanei sull’attuale patrimonio, che ne permetta l’utilizzo provvisorio e la conseguente dismissione.E’ un impegno forte, ma che ci sentiamo di assumere nei confronti dei nostri giovani.Si darà dunque continuità al processo di pianificazione destinato a perseguire lavalorizzazione degli immobili scolastici di proprietà della Provincia, promuovendone lamassima funzionalità, anche grazie al completamento della certificazione antincendio.In questo contesto sarà attivato un sistema di manutenzione programmata con GlobalService al fine di agevolare la rapidità degli interventi e individuare delle economie discala.Il Centro servizi provincialeAttivato con il supporto dell’Amministrazione regionale è un punto di riferimento nell’ambitodel processo di riforma scolastica nella promozione delle “buone pratiche” e nello sviluppodell’Osservatorio sulla scolarità che dovrà in primo luogo prevedere una lettura dei datiriferiti alle iscrizioni nelle scuole secondarie di primo e secondo grado ed alle qualifiche dibase nella formazione professionale per seguire le dinamiche legate all’assolvimentodell’obbligo scolastico e del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione, contrastarel’abbandono scolastico, facilitare l’integrazione di allievi in situazione di handicap, nonchévalutare l’efficacia delle azioni di orientamento informativo rivolte alle famiglie ed aglistudenti.Oltre a confermare la prosecuzione delle iniziative già avviate quali l’area web plurilingueche dà una panoramica completa, dalle scuole dell’infanzia ai licei, di tutti gli istitutiscolastici presenti sul territorio o l’iniziativa “Io ne so di più”, giornata di orientamentoinformativo rivolto agli studenti delle scuole medie e alle loro famiglie che ha lo scopo didare informazioni utili sulla scelta del percorso di studi, che va dalla presentazionedell’offerta formativa presente sul territorio ad alcune informazioni utili sulle dinamiche delmercato del lavoro locale, saranno avviate nuove iniziative per rafforzare nelle famiglie glielementi di conoscenza per una scelta consapevole e la promozione di progetti utili apotenziare e valorizzare la specificità dell’offerta formativa delle istituti superiori.In collaborazione con i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi e delle scuole superiori,sarà avviato con alcuni istituti comprensivi un progetto pilota che migliori la diffusionedell’informazione utile alla scelta scolastica e formativa alle famiglie a partire dalle classiseconde medie.Per aumentare la conoscenza e valorizzare la specificità dell’area tecnica e professionalesaranno promossi progetti di rete tra più istituti oltre che mettere in atto strumenti chepromuovano e favoriscano l’alternanza scuola–lavoro in collaborazione con le realtàeconomiche e produttive del territorio e con gli ordini professionali.Analoga valorizzazione è prevista attraverso progetti promossi in collaborazione con gliistituti scolastici, sempre in una logica di rete sui vari filoni di intervento che potenzinol’offerta formativa delle scuole evitando la sovrapposizione degli interventi: il progetto incollaborazione con il FAI per gli apprendisti ciceroni, i laboratori sulle tematiche inerenti losviluppo sostenibile, la divulgazione scientifica, lo sviluppo delle capacità analitiche ecritiche con il laboratorio di scrittura giornalistica, l’approfondimento sulla storia 29
    • contemporanea attraverso video storici, documentari ed incontri con esperti , conapprofondimenti specifici sulla storia locale, sulla conquista dei diritti civili, in ambitolavorativo, nella parità di genere, nelle pari opportunità per promuovere una cultura basatasui valori della pace e dell’eguaglianza.Il diritto allo studio e l’integrazionePer garantire il diritto allo studio la Provincia intende potenziare gli strumenti di interventodi sostegno economico delle famiglie e di qualificazione dei servizi potenziando lostrumento delle borse di studio in aggiunta alla fornitura semigratuita dei libri di testo, alsupporto al trasporto ed al turismo scolastico oltre a favorire progetti per l’integrazionescolastica ed il contrasto ai fenomeni di bullismo, uso ed abuso di sostanze, ecc.La formazione degli adultiOltre all’assegnazione delle borse di studio agli studenti/lavoratori dei corsi serali degliistituti superiori ed a quelli frequentanti ed a quelli frequentanti i CTP e la scuolacarceraria, la Provincia intende collaborare con i Centri di educazione degli adulti, laPrefettura i gli sportelli informativi al fine di aumentare i fruitori dei corsi di italiano perstranieri che in possesso delle conseguenti certificazioni potranno essere inseriti in modopiù consapevole nel tessuto sociale ed economico del territorio.Per quanto riguarda il complesso della popolazione andrà potenziata l’offerta formativanelle lingue e nell’informatica. Spazi di dialogo: studiare sempre meglio Si confermano gli incontri con i Dirigenti scolastici e con la Consulta degli studenti quali preziose occasioni di confronto sui temi di diversa natura.Crescere con il lavoroNell’ambito dei compiti istituzionali in materia di lavoro il prossimo mandato dovràcaratterizzarsi sempre più per l’esercizio da parte della Provincia di un forte ruolo digovernance in sinergia ed in concertazione con tutti i soggetti del territorio portatori diinteresse su queste materie per il rafforzamento della rete già esistente in cui la Provinciapossa svolgere il ruolo di punto di riferimento.Le attuali carenze normative regionali, che hanno trasferito in maniera frammentata eparziale le competenze non consentono di proporre un programma integratodell’istruzione, della formazione professionale, dell’orientamento e delle politiche dellavoro, strumento che sarebbe particolarmente utile per affrontare la grave crisi economicaed occupazionale che stiamo vivendo a partire dalla seconda metà del 2008 e perproporre un Piano di politiche attive del lavoro per attraversare la crisi, salvaguardando lecapacità produttive e professionali, l’occupazione, la competitività e la sicurezza sociale.Le attuali condizioni socio-economiche, ancora incerte, suggeriscono l’opportunità direalizzare un programma ponte di breve/medio termine, che andrà verificatoperiodicamente, che guidi gli interventi nella fase ancora acuta della crisi sotto il profilooccupazionale e che sotto il profilo di servizi al sistema delle imprese sia di anticipazione eaccompagnamento alla auspicata ripresa. 30
    • Per rispondere a questa esigenza è necessario: • tutelare l’inserimento, la permanenza e l’adattabilità dei lavoratori nel mercato del lavoro, con particolare attenzione a quelli deboli, maggiormente a rischio e coinvolti dai processi di crisi e ristrutturazioni aziendali; • rispondere ai fabbisogni formativi dei giovani per facilitare i processi di transizione verso un mercato del lavoro più complesso e difficile, e promuovere l’occupabilità di giovani ed adulti in cerca di prima o nuova occupazione; • assicurare e promuovere ulteriormente le prestazioni offerte dal sistema dei servizi pubblici per l’impiego con l’obiettivo di favorire il reinserimento professionale dei lavoratori beneficiari di ammortizzatori sociali o espulsi dal mercato del lavoro con particolare attenzione ai disoccupati di lunga durata; • potenziare ulteriormente la rete per favorire l’integrazione tra politiche sociali (erogate in particolare dai Comuni), le politiche formative (in raccordo con gli Enti di formazione) e quelle del lavoro.Accanto a questi obiettivi è necessario rafforzare le azioni di orientamento sia attraverso icolloqui individuali sia attraverso attività laboratoriali di gruppo, tanto presso il Centro perl’impiego quanto nell’ambito delle varie manifestazioni pubbliche da attuare in sinergia condiversi Enti (Scuole, Università, Camera di commercio, ecc..) e, pur non essendo di strettae diretta competenza della Provincia, sostenere la qualificazione e la competitività delleimprese, con particolare attenzione alle piccole e medie imprese a sostegno dei processidi innovazione e di adeguamento ai cambiamenti in atto nei sistemi economici e produttivi.Pertanto gli obiettivi strategici della Provincia di Trieste, da perseguire per il prossimomandato e fino al perdurare della crisi, saranno: • favorire la ripresa nel territorio provinciale e la difesa dei livelli occupazionali investendo sulle competenze e la adattabilità dei lavoratori con particolare riferimento ai soggetti deboli sul mercato del lavoro utilizzando a questo scopo le risorse del Fondo Sociale Europeo finalizzate all’attivazione di percorsi formativi e work experience, lo strumento delle Borse lavoro che si rivolge ai soggetti più svantaggiati, i progetti per i lavori di pubblica utilità; • sostenere l’ingresso o il reingresso al lavoro dei giovani, delle donne, dei lavoratori espulsi, specie over 45, potenziando e integrando gli strumenti di politica del lavoro, rafforzando gli interventi mirati di accompagnamento all’inserimento lavorativo e favorendo il conseguimento dei livelli di competenza per la transizione al lavoro; in questa logica vanno tutte le iniziative rivolte ai giovani: lo Sportello Infolavoro rivolto ai giovani studenti universitari sito presso l’ERDISU, le azioni per favorire l’imprenditoria giovanile, le Borse di studio per la riqualificazione dei giovani laureati, l’avvio di un rapporto di convenzione con il servizio di orientamento dell’Università, la creazione dell’Osservatorio per l’imprenditorialità giovanile per rilevare l’interesse e l’attitudine dei giovani verso l’imprenditoria, i progetti specifici dedicati all’incremento ed alla valorizzazione del lavoro delle donne, i tirocini formativi attivati quale ente promotore; 31
    • • sviluppare la qualità e l’efficacia del sistema provinciale dei servizi per l’impiego mirando alla qualificazione dei servizi dedicati alla presa in carico del lavoratore, dati gli aumentati flussi di utenza e, a fronte del forte calo della domanda di lavoro, dovranno essere potenziati l’efficacia e la qualità dei servizi d’incrocio domanda/offerta di lavoro e di preselezione; in particolare si dovrà agire per potenziare i servizi rivolti ai datori di lavoro e il rapporto di collaborazione e sinergia tra il sistema delle imprese e i servizi pubblici per l’impiego nella prospettiva di un sistema integrato pubblico/provato; inoltre dovranno essere monitorate attraverso una rilevazione più puntuale le richieste di professionalità insoddisfatte e dei fabbisogni formativi legati a profili professionali specifici ed innovativi verso i quali orientare i giovani o riorientare i lavoratori espulsi dal mercato del lavoro; • individuare azioni integrate con le politiche pubbliche, della Regione, dei Comuni ed in particolare con l’Area di Ricerca, di sostegno allo sviluppo locale o di incentivo alle imprese, c, con particolare riguardo a quelle che si rivolgono a nuovi bacini di impiego (vedi ad esempio i green jobs) e allo sviluppo dei settori innovativi o tecnologicamente avanzati, integrando maggiormente le azioni di sostegno allo sviluppo locale con quelle di orientamento lavorativo con lo scopo di sostenere e anticipare la ripresa economico/occupazionale del territorio.Per conseguire questi risultati si procederà inoltre a pianificare la realizzazione di unportale interattivo dedicato al lavoro, a potenziare l’utilizzo della piattaforma e-learningavviata con il progetto DIONE, a programmare una rete di comunicazione costante anchecon l’invio di informative periodiche di interesse delle aziende, a potenziare lo SportelloAzienda sito presso l’EZIT, ad implementare l’operatività dei protocolli già attivati perrafforzare il raccordo con gli altri soggetti pubblici e privati, a rendere più fruibile i servizierogati dal Centro per l’impiego migliorandone la qualità e riducendo i tempi medi diattesa, verrà inoltre valutata la possibilità di aprire una sede decentrata del Centro perl’impiego per ridistribuire i flussi di utenza oggi tutti concentrati in un unico Centro,unificare in un’unica direzione il servizio conflitti ed Immigrazione, ferma restandol’operatività dello Sportello unico presso la Prefettura. Spazi di dialogo: confrontarsi per progettare soluzioni Saranno confermati gli incontri periodici con le organizzazioni sindacali e con le associazioni di categoria per condividere strategie e proporre soluzioni di sistema. Saranno avviati momenti di confronto anche con gli ordini professionali attualmente non coinvolti e con le agenzie di somministrazione accreditate al fine di favorire l’occupazione.Le politiche d’inclusione socialeL’obiettivo è quello di mantenere elevati livelli di inclusione sociale, contrastando lediscriminazioni nel mercato del lavoro che possono essere accentuate dalla crisieconomica e occupazionale sviluppando dei percorsi di integrazione.Oltre a potenziare i servizi di presa in carico personalizzata del collocamento mirato perincrementare la qualità e la tenuta occupazionale, sarà necessario incrementare l’attività diincrocio domanda/offerta di lavoro e di tirocini formativi volti all’acquisizione di nuovecompetenze professionali favorendo l’assunzione al termine del periodo di stage, 32
    • rafforzare la convenzione con il Servizio Inserimento Lavorativo del Comune di Trieste perla presa in carico dei soggetti con disabilità complesse.Proseguire, dati gli importanti risultati già raggiunti, con il progetto “Avere meno di 15dipendenti non è più un handicap” che finalizza gli incentivi per le assunzioni di lavoratoridisabili da parte di aziende che non rientrano nell’obbligo di assunzione.Attraverso la rete già esistente con i servizi sociali dei comuni e con l’Azienda sanitaria peri servizi territoriali sarà proposta una nuova azione che promuova la transizione al lavorodei giovani disabili prevedendo azioni di orientamento, tirocini ed accompagnamentipersonalizzati.Si propone inoltre di programmare, in collaborazione con la Caritas, servizi specifici per lecategorie deboli e svantaggiate, allo scopo di facilitarne l’integrazione socio-lavorativa; gliinterventi potranno essere rivolti a migranti, carcerati ed ex carcerati, persone in fase direcupero da dipendenze, nonché soggetti appartenenti alle nuove povertà.Il potenziamento degli sportelli assistenti familiariLa Provincia ritiene importante che il servizio gratuito offerto presso i tre sportelliattualmente operativi presso il Centro per l’impiego e presso i comuni di Muggia e Duino-Aurisina possa proseguire aiutando le famiglie a trovare la figura professionale più idoneanell’ambito del lavoro domestico (assistenti familiari, collaboratori domestici, baby-sitter,istitutori), assistendola nella stipula del contratto di lavoro ed in tutti gli adempimentiamministrativi necessari.Le priorità trasversaliTenendo conto anche delle indicazioni derivanti dagli obiettivi comunitari, le prioritàtrasversali possono esser riassunte nel seguenti quattro punti: • pari opportunità nell’accesso all’istruzione, alla formazione ed alla permanenza nel mercato del lavoro per prevenire le discriminazioni di genere nell’accesso al lavoro, per sostenere le donne nelle fasi di sospensione dal lavoro o per favorire il reingresso nel mercato al lavoro, specie per quelle a bassa qualificazione; • interculturalità come leva per poter coniugare sviluppo economico e coesione sociale rivolta a quei cittadini stranieri che a loro volta sono toccati dalla disoccupazione, avendo come obiettivo di salvaguardare i livelli di integrazione e inclusione sociale presenti nel nostro territorio che sono essenziali per un’equilibrata convivenza; si favorirà pertanto l’accesso dei cittadini stranieri alle diverse opportunità offerte dal sistema, fruendo di supporti per l’alfabetizzazione, per il sostegno linguistico e per la valorizzazione del lavoro straniero che permane come valore strutturale dello sviluppo economico; • potenziamento ed all’amplificazione dell’impatto degli interventi stessi sui diversi contesti e gruppi target, consolidando le procedure di concertazione sociale e coordinamento istituzionale, anche attuando accordi tematici sulla crisi; • attuazione degli interventi secondo una logica di integrazione tra diverse politiche e strumenti finanziari, in modo da contribuire in modo più efficiente alle politiche di contrasto alla crisi, accentuando la logica dello sviluppo territoriale ed avendo particolare attenzione alla creazione di imprese innovative e di nuovi bacini di impiego. 33
    • 7. Dinamismo per crescere al centro dell’EuropaPolitiche Comunitarie e TransfrontaliereSi porteranno a compimento i progetti strategici e standard del programma ITA-SLO2007/2013, curando al contempo la predisposizione di quelli cross-border 2007/2013.Grazie all’Ufficio Affari comunitari attivato in seno all’Amministrazione, si potrà seguire finnel dettaglio e assicurando al territorio momenti di ascolto e condivisione, anche lapianificazione delle azioni per prossimo programma transfrontaliero ITA-SLO 2014/2020.Sarà rilevante anche seguire i processi d’integrazione europea in particolare della Croaziala cui entrata in UE consentirà di certo l’attivazione di altre importanti opportunità. Spazi di dialogo: progettare condividendo Per le politiche e le azioni specificatamente “transfrontaliere” si intendono attivare periodici incontri con i Sindaci dei Comuni della provincia e delle aree limitrofe, con diversi portatori di interesse e con le istituzioni della vicina Repubblica di Slovenia. In questo contesto andranno intensificati anche i rapporti con la minoranza italiana in Slovenia e Croazia. 34
    • Rapporto con le realtà economicheLa ristretta configurazione territoriale, le problematiche per troppo tempo trascurate inordine ai siti inquinati, le diverse visioni pianificatorie, superate solo nel recente passato dauna convergenza tra gli strumenti dei piani regolatori comunale e dell’area portuale, hannocreato e radicato reali incertezze nel tessuto produttivo locale, negando agli operatori undoveroso sviluppo delle relative attività economiche, sia per quanto concerne quelle giàpresenti sul territorio, sia per quelle che qui avrebbero potuto ipotizzare di insediarsi.L’amministrazione ha ritenuto sempre di porsi in modo collaborativo con le altre Istituzioninella ricerca di una indispensabile condivisione, aldilà di ogni appartenenza politica; ma èindubbio che la politica nel suo complesso non ha saputo adeguatamente affrontare erisolvere questa rilevante questione, tanto più grave in quanto ostativa allo sviluppogenerale del territorio.In questo quadro, nella consapevolezza dei reali problemi di certo accentuati dal perduraredi una crisi economica ancora significativa, l’impegno nei confronti di quanti operano sulterritorio è quello di ricercare, in un confronto serrato con le altre Istituzioni e le categorie,un’efficace e coordinata strategia di sviluppo, da condividersi sia sul medio che sul lungoperiodo, dettando anche i tempi e gli impegni reciproci per il concretizzarsi del percorsoindividuato.Progetto di sviluppo, tempi di realizzazione, semplificazione e celerità negli atti dispettanza del pubblico sono elementi indispensabili nella definizione delle scelte aziendali.L’impegno futuro è di affiancamento alle imprese nell’ottica del “non più sole”, è disollecitazione e sprone rispetto a se stessa ed alle altre Istituzioni. Spazi di dialogo: costruire assieme lo sviluppo Per affrontare adeguatamente e capillarmente le prospettive di sviluppo sulle quali l’intero territorio si può catalizzare, si prevede l’apertura di una tavolo operativo politico-tecnico permanente. 35