Abstract conferenza 11 maggio 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Abstract conferenza 11 maggio 2011

on

  • 583 views

 

Statistics

Views

Total Views
583
Views on SlideShare
582
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
4
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Abstract conferenza 11 maggio 2011 Abstract conferenza 11 maggio 2011 Document Transcript

  • BOZZA ABSTRACT CONFERENZA 11 maggio 2011 La Costituzione Italiana come limite al potere Rispettiamola!Nellarco di tre interventi – scanditi dalla lettura di articoli scelti della Costituzione Italiana –tre professori di diritto costituzionale dell’Università di Trieste affronteranno temi essenzialiper capire natura e funzione della Costituzione Italiana, perno e garanzia per la vitademocratica e sociale del nostro Paese. Una Costituzione “rigidamente democratica edarditamente sociale”, come la definì Aldo Moro nel 1948, anno della sua entrata in vigore.A che serve una Costituzione?Ricordare il lavoro dellAssemblea Costituente, il clima del paese allindomani della guerrae del fascismo, le ragioni della nascita della Costituzione, può servire oggi a comprenderequale formidabile strumento democratico sia stata e sia ancor oggi la Costituzione Italiana,concepita con preveggenza perché sia fonte di diritto e tutela per tutti i cittadini; perché siagarante di uno Stato rappresentativo della realtà politica e sociale dellItalia intera di frontea un futuro il cui esito non è dato di conoscere; perché tuteli gli interessi collettivi e non diuna singola parte. La Costituzione non serve solo ad istituire il potere ma anche anzituttoa controllarlo e limitarlo.Chi giudica il potere?In uno stato di diritto, basato sulla separazione dei tre poteri – legislativo, esecutivo,giuridico -, la Corte Costituzionale è lorgano indipendente di garanzia per vigilare elimitare il potere, eliminando atti o comportamenti incostituzionali. Daltra parte è proprio ilprincipio della divisione dei poteri a rendere centrale il problema della sottoposizione dicoloro che esercitano poteri in forza di un mandato elettorale al sindacato dei giudici,caratterizzati dalla esclusiva soggezione alla legge e dalla funzionalità alla garanzia deidiritti dei cittadini: fino a che punto è compatibile con i principi di legalità e di eguaglianzadi fronte alla legge, cardini dello Stato di diritto, la previsione di immunità a favore deglieletti?Il Presidente della Repubblica di fronte al Governo e al ParlamentoEspressione di un potere neutro, al di sopra delle parti – per riprendere le parole di GiorgioNapolitano -, il Presidente della Repubblica secondo quanto stabilito dalla Costituzione èun organo dello Stato, garanzia di moderazione e unità nazionale. Tra le sue diversefunzioni, vi è quella di inviare suggerimenti al Parlamento e al Governo, soprattutto rispettoalla funzione legislativa. La responsabilità e gli alti compiti a cui questa figura, garante erappresentante di tutti i cittadini italiani, è chiamata non sempre sono percepiti conchiarezza.