Trilli 1/2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share
  • 308 views

Notiziario ufficiale della Lega del Filo d'Oro.

Notiziario ufficiale della Lega del Filo d'Oro.
Gennaio / Febbraio
n° 1 / 2012

Statistics

Views

Total Views
308
Views on SlideShare
308
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Trilli 1/2012 Document Transcript

  • 1. Gennaio - Febbraio n.1/2012 Notiziario ufficiale Dal 1964 DELLA LEGA DEL FILO D’ORO Una lunga storia di solidarietà Lega del Filo d’Oro - ONLUS via Montecerno, 1 - 60027 Osimo (AN) per i sordociechi L’editoriale di Rossano Bartoli AT T UA L I TÀ CONTINUA A PAG. 2 LE RAPPRESENTAZIONI DELLA COMUNITÀ KALORAMA COINVOLGONO OSPITI ,Cari amici,nonostante i momenti difficili OPERATORI , VOLONTARI ED EMOZIONANO IL PUBBLICOdovuti alla grave situazioneeconomica, durante tutto l’an-no scorso abbiamo visto i Attività teatrale:un progetto riabilitativonostri sostenitori restare sem-pre vicini alla nostra Asso-ciazione con generosità e fidu- che ottiene notevoli successicia. A loro, come sempre, va ilnostro grazie! Avviata ormai da diversi anni, l’esperienza di recitazione si è rivelata importanteNegli ultimi mesi si sono anche per imparare a comunicare e a socializzare, per conquistare migliore mobilità e orientamento,concretizzate nuove e significati- per acquistare coesione, rispetto e comprensione reciprocave opportunità di collaborazionecon il mondo imprenditoriale e Qualche anno fa su questo periodicobancario, che ci fanno guardare avevamo scritto un articolo dal titolopiù serenamente al futuro. significativo: “Teatro: una straordina-Il 2012 vedrà il raggiungimento ria avventura sulla strada della riabi-di due traguardi molto impor- litazione”. L’avventura era cominciata,tanti per l’Ente. Da un lato l’a- e continua, per gli ospiti adulti dellapertura e l’avvio dell’attività del nostra Comunità Kalorama di Osimonuovo Centro socio sanitario - tutti non vedenti, alcuni non udenti,residenziale di Modena, dopo con disabilità intellettiva, tanti conmolti anni di lavoro e di attesa. gravi problemi motori - e fa parte delDall’altro, l’avvio del progetto di loro percorso riabilitativo globale, inve-costruzione della nuova sede del stendo tutte le aree di intervento edu-Centro di Osimo, che consentirà cativo, dall’autonomia personale alladi migliorare la nostra operati- comunicazione, dall’orientamento all’a-vità e i nostri servizi e che ci rea socio-affettiva e ricreativa.vedrà impegnati a lungo, sia intermini di raccolta fondi, sia di Un cammino non sempre facilecoinvolgimento delle risorse Una delle difficoltà maggiori incontrateumane, vista la notevole entità da questi ospiti è riuscire a...dell’opera e dell’investimento. DALL’ASSOCIAZIONE AVVENIMENTI IL SALUTO DEL NOSTRO PRESIDENTE FRANCESCO MARCHESI Sport e solidarietà, un binomio vincente 2012, un anno ricco Durante i mesi di gennaio e febbraio il nostro Ente di progetti impegnativi ha avuto la grande opportunità di svolgere una vasta attività di sensibilizzazione e di raccolta fondi, attraverso “A tutti i lettori del nostro diverse iniziative organizzate all’interno di 22 campi periodico, ai generosi di calcio, grazie a “B Solidale”, il progetto promosso sostenitori che sempre ci dalla Lega Nazionale Professionisti Serie B a favore aiutano, ai nostri numero- di cinque Associazioni non profit tra cui la nostra. si amici desidero rivolgere Così il mondo dello sport ha voluto, una volta di più, un sentito ringraziamento. portare un significativo messaggio di concreta solidarietà. Conosciamo tutti le grandi difficoltà che il nostro S T O R I E D I V I TA SEGUE A PAG. 5 Paese sta attraversando, ma è dai momenti di crisi che possono nascere le Da Osimo a Lesmo migliori opportunità. La vostra solidarietà e la per trovare vostra fiducia ci hanno una nuova serenità consentito, nel tempo, di raggiungere numerosi traguardi. Ora che ci attendono Luigina Carrella, direttore educativo- nuove sfide, sono certo che potremo contare ancora su riabilitativo che segue Roberto fin dal di voi, che ben sapete come il nostro impegno cerchi di primo giorno del suo approdo nel migliorare la vita di tante persone”. Centro socio-residenziale di Lesmo – eravamo nel 2004 e la struttura... NESSUNO È AUTORIZZATO A RISCUOTERE CONTRIBUTI in nome o per conto della Lega del Filo d’Oro. Chi intende effettuare donazioni può farlo mediante il c/c postale 358606 intestato a: Lega del Filo d’Oro - Osimo (AN)
  • 2. PAG I N A 2 N.1/2012 AT T UA L I TÀSEGUE DA PAG. 1 Tante volte agiscono, cosa che li porta a “in palcoscenico” comunicare, a socializzare e,... immaginare una realtà Gli spettacoli organizzati naturalmente, a divertirsi. Undiversa dal loro vissuto e finora sono stati davvero po’ come la festa di fine annodalle loro esperienze quoti- numerosi e hanno condotto “interpretata” dalla Comunitàdiane, le uniche in cui si la “troupe” in luoghi diver- Kalorama al Centro diidentificano. Nicoletta si. Ricordiamo, fra i più Riabilitazione e diversa daMarconi, psicologa presso recenti, “Il circo immagina- quella di Natale, che coinvolgeil Centro di Riabilitazione rio”, messo in scena nel l’intera Lega del Filo d’Oro,di Osimo, spiega: “Da que- mese di settembre sul dai suoi rappresentanti a tuttista premessa è partita la sfida sagrato della Basilica di gli ospiti, dai volontari aidi misurarsi con il “recitare”, Loreto in occasione del parenti e a tanti amicientrare cioè in una dimensio- Congresso Eucaristico dell’Associazione. Ora stiamone “altra” da sé: noi eravamo Nazionale e ripreso a lavorando alla sceneggiaturasupportati dalla profonda Senigallia durante i lavori di una commedia in un atto diconvinzione che l’espressione della 6^ Conferenza abbiamo anche inventato un zione di altri colleghi del Anton Cechov: è una nuovaartistica sprigioni potenzialità Nazionale delle Persone nostro ritmo molto carino. Il Centro di Riabilitazione e di sfida per tutti noi, ma la rap-immense del proprio io. Uno Sordocieche con grande mio carattere è fatto un po’ numerosi volontari… Il “pro- presentazione del testo, chedegli obiettivi è stato pertanto entusiasmo: “Siamo arrivati così, dà sul “testardo andante” getto teatro”, nella sua com- prevede un momento di vitaquello di offrire la possibilità di buon’ora da Osimo e dietro e la musica in generale, plessità e pur passando attra- domestica, consentirà ai prota-di giocare un ruolo nella fin- le quinte il primo ingrediente soprattutto quella con verso molte difficoltà, ha con- gonisti di dimostrare quali ezione, di rispettare i tempi, i è stato il nostro divertimento - Fiammetta (l’insegnate di sentito ai partecipanti di spe- quante abilità residue sianoritmi e i contenuti di una con- racconta Paola, una delle musicoterapica, n.d.r.) mi rimentarsi in una situazione state recuperate durante il loroversazione a volte “innatura- protagoniste, ospite della aiuta molto: per me la musica non comune, di divertirsi, di percorso riabilitativo. E spe-le” ma spontanea nella forma. Comunità Kalorama – che è è bella come una giornata di arricchire le proprie compe- riamo che anche questo spetta-La scelta dei temi e delle stato veramente al mille per sole con annesso canto degli tenze sociali, psico-emotive e colo sia fonte di serenità, dimodalità della rappresenta- mille… Le prove sono iniziate uccellini che completano il comunicative”. divertimento e di nuove con-zione non è mai predetermi- alle sedici, abbiamo creato mondo!”. Lo spettacolo più quiste”.nata, ma nasce da quanto una bella scenografia, piena recente, ma non certo l’ulti- Testimonianze Silvano, nostro volontariospontaneamente emerge dai di oggetti e colori, e tutto è mo, è andato in scena a Abbiamo voluto ascoltare le da diversi anni: “L’esperienzapartecipanti nel corso degli stato contornato da una bella Osimo in occasione della voci di chi vive in prima teatrale è completamenteincontri settimanali di labora- musica e da belle canzoni di festa di Natale: la parodia persona l’esperienza teatrale diversa dagli altri momenti vis-torio, che si svolgono negli cui due cantate da Milena dello storico “Lascia o rad- con i nostri attori ed ecco suti con gli amici sordociechispazi abitualmente frequenta- (anche lei ospite del Kalora- doppia” con un bravissimo cosa ci hanno raccontato. perché noi volontari siamo leti dagli ospiti, per consentire ma, n.d.r.). Alla fine abbia- Angelo del Kalorama “spalle”: i veri attori sono loro,un adattamento immediato mo coinvolto anche tutto il nelle vesti e con la anche se si realizza uno scam-all’ambiente, anche se, in pubblico attraverso le bolle di voce perfettamente bio vicendevole di emozioni ealcuni casi, è stato possibile sapone, i palloncini e gli imitata di Mike divertimento che passano daglifrequentare un teatro vero ed ombrelli colorati…”. E Gio- Buongiorno, che po- uni agli altri su un filo diretto.effettuare laboratori prope- vanna dalla Comunità neva divertenti do- Ogni spettacolo è una veradeutici alla successiva rappre- aggiunge: “Avevamo prepa- mande ad allegri ospi- sfida: si sa come si comincia,sentazione in loco”. Gli idea- rato lo spettacolo da tempo, ti “concorrenti”, e che ma non si sa come e quando sitori del “progetto teatro”, gli facendo numerosissime prove distribuiva premi con finisce perché i ragazzi sonooperatori e i volontari che vi e io facevo la “strega di zuc- grande gioia di tutti. molto emozionati – anche se locollaborano sono ferma- chero”, ero vestita di bianco e Come ogni anno, i negano -, ci mettono l’impegnomente convinti che l’imma- in testa avevo un bel cappello momenti di commozione Jessica, operatrice alla di veri professionisti e, allaginazione umana riesca a con il tulle…”. E poi la par- nel pubblico non sono Comunità Kalorama (nella fine, vanno a ruota libera,superare molti limiti intel- tecipazione al “Festival certo mancati, soprattutto foto con Nicoletta e Carlo, aggiungendo battute non pre-lettivi, fisici, sensoriali ed della Musica impossibile”, vedendo la bravura rag- uno degli ospiti): “I nostri viste e difficili da arrestare!emotivi e che il mettere in un momento diverso nell’a- giunta da “attori” magari laboratori settimanali (talvolta Ma, quando tutto si conclude, conosciuti ragazzi pieni di diventano bisettimanali grazie ci rendiamo conto di aver gravissimi problemi e ora alla presenza e all’aiuto dei costruito tanto “con” e “per” adulti, più consapevoli di sé preziosissimi volontari) comin- loro. Ora dobbiamo cercare di e tanto cresciuti “dentro”. E ciano sempre con i movimenti coinvolgere sempre più il pub- constatando l’affetto, la di riscaldamento delle diverse blico, perché questo teatro dedizione, la disponibilità parti del corpo; poi si passa al diventi davvero di tutti noi”. degli operatori e dei riscaldamento della voce Nunzia, mamma di Milena, numerosi volontari che li attraverso gli scioglilingua tra- giovane amica seguita da aiutano a conquistare la vita dizionali usati dagli attori veri, molti anni con trattamento anche attraverso l’attività e a questo punto inizia il diver- diurno alla Comunità Ka- teatrale, partendo tanto timento, tra risate e prese in lorama e cantante ufficiale tempo prima con la scelta giro, proprio come quando del gruppo teatrale perché di un argomento; prose- sono gli stessi nostri ospiti a dotata di una voce davvero guendo con la realizzazione decidere le battute del copione. notevole: “Mia figlia è molto di costumi, scenografie, Così il teatro va incontro ai incentivata e gratificata da locandine, biglietti d’invito, ragazzi, perché gli spettacoli questa nuova esperienza, che che porta allo sviluppo vengono scelti e organizzati l’aiuta tanto a sviluppare lescena qualcosa, il recitare bituale attività di musicote- delle abilità manuali; dando secondo le loro caratteristiche sue abilità residue e a socializ-risvegli negli ospiti che rapia: “Abbiamo cantato e ampio spazio all’espressio- e le loro esigenze. Il nostro zare. Nel gruppo Milena riescevivono questa “straordina- suonato con musicisti veri – è ne corporea e abituando cavallo di battaglia è “Il circo a dare moltissimo e io ogniria avventura” curiosità, ancora Paola che racconta ognuno a movimenti, rea- immaginario”: pochissimo il volta che la vedo e la sento nonvoglia di crescere, di impa- – che ci hanno accompagnato zioni, emozioni, ambienti parlato, tanti il movimento a riesco a trattenere una com-rare cose nuove, di diventa- nei nostri suoni e canti con ben diversi da quelli quoti- suon di musica e vibrazioni, la mozione infinita! Tutti noire “attori protagonisti” di armonia: io mi sono divertita diani. mimica, i colori, le sensazioni genitori siamo davvero soddi-ruoli diversi da quello abi- un mondo, anche gli strumen- “La preparazione è guidata tattili e, soprattutto, il contatto sfatti e ringraziamo operatorituale di persone disabili: la ti sembravano esseri che si da un’operatrice – conclude diretto con il pubblico in e volontari che sanno farerealtà dà loro ragione. divertivano allegri e felici; Nicoletta - con la collabora- mezzo al quale i protagonisti tanto per i nostri figli”.
  • 3. PAG I N A 3 N.1/2012 AT T UA L I TÀ Modena: un’altra tappa raggiunta, La solidarietà arriva via Osimo: una nuova, impegnativa sfida telefono perché... ... lo scorso mese di settem- bre Fondazione Vodafone Italia ha chiesto ai propri clienti di scegliere un campo di intervento sociale su cui concentrare il sostegno del- l’azienda. E i clienti hanno scelto l’ambito della CURA: undici progetti che si collo- cano in una delle aree di maggiore importanza per la vita di tutti, quella della salu- te, in particolare quella dei giovani. Tra questi l’apertura del nostro nuovo Centro MODENA socio sanitario di Modena. Dal 4 ottobre i clientiSono terminati i lavori di costruzione del nostro nuovo Centro socio sanitario, articolato su tre edifici e con ampi spazi Vodafone possono sostenereesterni, destinato a ospiti residenti giovani e adulti che potranno trovare anche qui, come negli altri nostri Centri, personale in prima persona i progettiqualificato e strutture adeguate per affrontare i loro numerosi problemi e migliorare la qualità della loro esistenza. Ora si stan- attraverso “Ricarica Insie-no completando gli arredi, appositamente studiati, e gli adempimenti burocratici necessari per poter finalmente e a breve me”, un nuovo taglio di rica-avviare l’attività. rica da 20 euro che permette di donare 1 euro per l’assi- OSIMO stenza di giovani e bambini; in più, Fondazione VodafoneCome anticipato dal nostro Presidente nella sua relazione all’Assemblea dei Soci 2011 e sulle pagine di un precedente nume- Italia aggiungerà 1 euro allaro di “Trilli nell’Azzurro”, stiamo da qualche tempo lavorando a un importante progetto per la realizzazione della nuova sede donazione del cliente: undel Centro di Osimo, che sorgerà su un terreno di proprietà dell’Ente. L’obiettivo è quello di adeguare le nostre strutture semplice gesto per contri-garantendo gli stessi standard degli altri Centri, di accorpare tutte le attività dell’Associazione – attualmente dislocate in ben buire insieme al futuro di15 diversi edifici del territorio comunale, molti dei quali in affitto – e di incrementare significativamente la capacità operati- una nuova generazione.va. Ora si sta finalmente avvicinando il momento di dare avvio ai lavori, che confidiamo di iniziare entro quest’anno: il nuovoprogetto, infatti, è stato presentato al Comune di Osimo per e perché...il rilascio del permesso a costruire.Per un’opera così impor-tante sarà indispensabile ricorrere a finanziamenti sia pubbli- ... un semplice, ma per noici che privati, ma soprattutto sarà fondamentale, come sem- prezioso gesto ci fa ringrazia-pre, la solodarietà di tutti i nostri sostenitori: privati, aziende, re di vero cuore amici vecchifondazioni. Fin dal prossimo numero del nostro periodico e nuovi che hanno aderitocontinueremo a parlare di questa realizzazione, che ci vedrà alla nostra campagna “SMSimpegnati nei prossimi anni e che sarà presto presentata alle Solidale” e, attraverso il tele-autorità e alla pubblica opinione. Un’importante iniziativa per sostenerciL’inizio del nuovo anno hadato il via all’impegno nelsociale che la Banca CARIM fono cellulare o fisso, fra gen-ha deciso di assumere verso naio e febbraio (il numerola nostra Associazione, rico- del nostro “SMS Solidale” ènoscendo così la validità del rimasto attivo dal 21/1 allavoro che svolgiamo in aiuto 12/2) ci hanno inviato nume-di bambini, giovani e adulti rosi messaggini che si sonocon pluridisabilità psicosen- trasformati in concreto aiutosoriali. Il concreto sostegno per migliorare i nostri servizi.che la Banca CARIM ci offre I fondi raccolti saranno per-è la donazione di 25 euro per ciò destinati al sostegno del-alcuni conti correnti a pac- l’attività di fisioterapia echetto che verranno sotto- idroterapia che si svolge alscritti nel corso dell’anno: Centro di Riabilitazione diun’iniziativa davvero importante per noi e per tutte le per- Osimo e che è particolar-sone alle quali, così, potremo fornire servizi sempre mente importante per il recu-migliori. Grazie! pero della mobilità dei nostri ospiti.
  • 4. PAG I N A 4 N.1/2012 DAI CENTRI E DALLE SEDI Centri e sedi della nostra Associazione: feste, visite, incontri e molto altro Dopo gli auguri, il consueto consuntivo delle tante attività svolte dagli ospiti e dagli amici che seguiamo nelle diverse regioniLe festività natalizie sono da sem- guerriere greca e romana o come il 150° anniversario del Principio dipre, per utenti della Lega del Filo quando, incontrando un altro grup- Sussidiarietà, che caratterizza ild’Oro, genitori, operatori e volonta- po di visitatori, ne è nato un nutri- nostro Stato Sociale, non ha trascu-ri appuntamenti attesi. Non solo to scambio di impressioni sul per- rato il lato ludico, che ha visto, tracome occasione per far festa tutti corso. gli altri spettacoli e occasioni diinsieme con relativo scambio di Nel 1992 l’ONU (Organizzazione intrattenimento, anche lo showauguri e di doni, ma come un’ulte- delle Nazioni Unite) istituiva la della cantante Paola Turci, da sem-riore opportunità per un proficuo Giornata Internazionale delle pre coinvolta in diversi progetti diconfronto di idee e di impressioni Persone Disabili. Sulla scorta di volontariato.sulle attività svolte durante l’anno questa ricorrenza, nel dicembre del A fine anno, la pineta del nostronei Centri e nelle sedi della nostra 2011 l’Assessorato alle Politiche Centro pugliese ha ospitato il cam-Associazione. Unendo, come si Sociali del Comune di Vico peggio invernale del Gruppo Scoutdice, l’utile (la possibilità di fare Equense ha organizzato una giorna- “Agesci 3” di Terlizzi. Una trentinanuove esperienze sensoriali, di ta di riflessione e di approfondi- di ragazzi desiderosi di vivereapprofondire quelle già provate e di mento sul tema “Tutti insieme per dell’ENS si è conclusa con il pranzo momenti di socializzazione con isocializzare) al dilettevole (che un mondo migliore, includendo le e il rituale scambio di regali e di nostri utenti, animando gli incontricomunque comporta nuovi stimoli) persone con disabilità”. All’ini- auguri. e partecipando, insieme con lei nostri amici sordociechi, con ope- ziativa, insieme ad altre associazio- famiglie degli ospiti al rito dellaratori e volontari si danno da fare ni, enti locali, Asl e scuole è stata MOLFETTA Messa.con sempre crescente entusiasmo. invitata a prendere parte anche la Molto nutrito il calendario delle La Festa di Natale del 21 dicembre nostra sede di Napoli, che presso il attività del nostro Centro socio è stata anche occasione per varare ilNAPOLI chiostro SS. Trinità e Paradiso ha numero zero di “MillePer i nostri amici, in occasione del gestito uno stand per la promozione colori”, il neonato perio- di iniziative concrete dico informativo curato atte a raggiungere dai familiari dei nostri obiettivi condivisi di utenti, con la supervi- educazione, forma- sione di alcuni membri zione e inclusione dell’équipe della Lega delle persone con del Filo d’Oro di bisogni speciali. Molfetta: un foglio su cui fissare notizie, idee e LESMO riflessioni sull’attività Alcuni ospiti sono del Centro. partiti di buon’ora dal Centro socio- ROMA residenziale, si sono Un tuffo nel mondo del- uniti ad altri amici l’arte, la visita ai Musei sordociechi prove- sanitario, a cominciare da “Ri- Vaticani, effettuata dal gruppo dei nienti da diverse scoprire l’ideale per vivere il nostri amici sordociechi seguiti zone della reale”, il Meeting del Volontariato, dalla sede laziale, che nelle saleNatale la sede ha organizzato alcuni Lombardia e, su invito dell’ENS rivolto anche a insegnanti, istituzio- della Pinacoteca sono entrati inlaboratori al fine di costruire gli (Ente Nazionale Sordi) sono appro- ni e cittadini, che si è svolto presso contatto con alcuni dei capolavoriaddobbi per l’albero: momenti di dati al Museo del Risorgimento di la Fiera del Levante di Bari. Oltre della pittura di tutti i tempi. Il per-divertimento, ma anche di sviluppo Torino per una visita che loro stessi alla “Lega”, erano rappresentate corso ideato per i non vedenti eradelle abilità manuali dei partecipanti. hanno definito “patriottica”, in altre 150 Associazioni non profit, davvero “dedicato”, dal momentoUn’altro Museo, ma questa volta di occasione del 150° anniversario impegnate in una serie di convegni che la disponibilità del personale diimpronta archeologica, per gli amici dell’Unità d’Italia. Un percorso gui- su varie tematiche sociali. Il assistenza si è spinto fino al puntoseguiti dalla sede campana. Il per- dato, denso di emozioni tra cimeli e Meeting, organizzato dal Centro di di annullare la visita di alcuni grup-corso tattile “Armi greche e armi narrazione delle vicende che hanno Servizio al Volontariato “San pi per accogliere i nostri ragazzi initaliche” è stato seguito con lo stes- dato vita a una nazione. L’ospitalità Nicola”, con l’obiettivo di celebrare un’unica tranche.so interesse dimostrato dal nostrogruppo durante le edizioni prece-denti degli incontri organizzati dalservizio educativo della Soprin-tendenza Speciale per i BeniArcheologici di Napoli e Pompei,sotto la direzione del Ministero peri Beni e le Attività Culturali. La visi-ta, durante la quale i componentidel gruppo hanno potuto toccare ireperti originali (elmi in bronzo,scudi e armi di vario genere), è stataintrodotta dalla professoressa Fio-renza Grasso e ha assunto caratteredi vivace dibattito (a dimostrazionedelle valenze interattive di questeattività) quando i nostri StefanoCiccarelli e Antonio Russo hannodiscusso con la professoressa su usie costumi delle antiche societàà
  • 5. PAG I N A 5 N.1/2012 STO R I E D I V I TA Roberto, a Lesmo con tanta tranquillità È stato tra i primi a trasferirsi da Osimo nell’allora appena aperto Centro lombardo della Lega del Filo d’OroSEGUE DA PAG. 1 ingresso per la prima volta per fortuna senza problemi “Qualcosa di speciale” nel Centro di Riabilitazione, motori, tende ad essere pigro,... era stata aperta da poco – a Osimo, Roberto ha trascor- non ama impegnarsi, ma nem- Preferenze particolari?lo definisce un ospite dal so almeno due terzi della sua meno stare troppo fermo. Non «Hobby non ne ha, anche per-carattere piuttosto deciso. esistenza con la Lega del Filo essendo portato per le attività ché gliene manca il concetto.Mamma Maria, che lo ha d’Oro. ludiche, come le gite e i giochi, Come dicevo, dopo la toelettamesso al mondo trentanove «La ritengo una grande fortu- che presumono la partecipazio- del mattino, svolge le attivitàanni fa (quest’anno lui ne na – commenta la signora ne attiva in compagnia di altri, riabilitative che in un adultocompie quaranta) aggiunge Maria a proposito del suo Roberto beneficia del program- come lui servono soprattutto ascherzosamente un “ex pre- incontro con la “Lega” – una ma di attività quotidiana che non perdere le abilità acquisite.potente” diventato in seguito fortuna che merita un sacrificio nel Centro di Lesmo lo porta ad Roberto si esprime a gesti“dolce e buono come una da parte di noi genitori avere i alternare piscina e fisioterapia. soprattutto per segnalare lecamomilla”. «Alla “Lega” sono nostri figli lontani, con tutti i L’esercizio fisico stabilito per lui proprie necessità, come man-riusciti a modificare sensibil- disagi che occorre sopportare dagli operatori della “Lega” è giare e bere o come quando è per poterli frequentare, può non era adatto per il suo tipo di indispensabile, anche perché stanco e desidera smettere un essere davvero molto pesante. disabilità. A Cannero, però, quello che gli piacerebbe di più certo lavoro. La sua giornata si Ci consola e ci dà forza il pen- prestava servizio un medico è starsene a letto. Lo si capisce articola tra i trattamenti fisiote- siero che sono seguiti con com- che aveva lavorato alla Lega quando, già alle ore 20, si sten- rapici e le piccole autonomie petenza e amore». del Filo d’Oro, così, dietro suo de tra le coltri con un sorriso di conquistate a Osimo, tra cui È compito istituzionale della suggerimento, facemmo do- Lega del Filo d’Oro garantire manda e fummo accolti a a loro un’esistenza dignitosa, Osimo dopo che Roberto aveva da persone aventi pieno frequentato la scuola per di- diritto alla qualità della vita e sabili di Rho». ai genitori la certezza del “dopo di noi”. “Nuova vita a Lesmo” «A questo proposito, pensi che Roberto è stato anche vittima Quasi sette anni fa la “Lega” di discriminazione da parte di inaugura il Centro di Lesmo, genitori che non gradivano che la prima delle strutture terri-mente il carattere di mio figlio stesse insieme ai loro bambini. toriali all’avanguardia per l’o-– ci racconta – anche se gli È accaduto quando Roberto spitalità, l’assistenza e larimangono quella determina- aveva tre anni e fu rifiutato da riabilitazione delle personezione e quella vivacità che un asilo in quanto disabile...» sordocieche e pluriminoratefanno parte della sua indole. Purtroppo accade anche psicosensoriali residenti in beatitudine dipinto sul volto. suonare il campanello se haMio figlio è sordocieco pratica- questo. Lombardia e, com’è naturale, Adesso sono felice che viva lì, al bisogno di aiuto, ritirare la bian-mente dalla nascita, avvenuta «Si vede che doveva accadere, Roberto viene trasferito vici- Centro socio-residenziale della cheria in lavanderia e sparec-con parto prematuro, dopo che perché abbiamo trovato un’al- no a casa sua, non senza “Lega”, dove trova tutto ciò di chiare la tavola a mezzogiorno.al terzo mese di gravidanza tra sistemazione per Roberto a qualche preoccupazione per cui ha bisogno, dalle terapie Amo molto questo mio figlio, unavevo avuto la rosolia, se si Milano, in viale Zara. Lì un eventuali disagi di adatta- adeguate alle carezze che lui, metodico che non gradisce leeccettua quel residuo visivo che insegnante, che aveva preso a mento al nuovo ambiente. quando ha voglia di “coccole”, sorprese, e non considero il suogli era stato salvato dall’opera- cuore le condizioni di nostro «Invece lui se l’è cavata benis- invoca in un modo tutto parti- stato una disgrazia, ma qualco-zione alla cataratta e che all’e- figlio, ci segnalò l’esistenza di simo. Inutile sottolineare quan- colare, portando le mani delle sa da cui imparare molto. E rin-tà di ventinove anni è svanito un istituto per persone disabili ti problemi questo trasferimen- persone da cui desidera rice- grazio la “Lega” per aver creatodel tutto». a Cannero, sul lago Maggiore, to mi abbia risolto. Adesso verle sul proprio viso. Un gesto Centri come quello di Lesmo: che poteva accoglierlo per un posso andare e trovare mio che fa tanta tenerezza, perché una grande e fantastica famiglia“Gli altri non lo volevano” periodo di un anno e mezzo. figlio tutte le settimane e qual- questi ragazzi riescono ad esse- dove questi ragazzi stupendi Roberto ci restò solo un anno: che volta portarmelo a casa, re straordinari, a sorprendere vivono con grande dignità, gra-Dal 1983, anno in cui fece l’istituto, che è per sordomuti, anche se per pochi giorni. Io e continuamente...» zie alle cure di persone speciali». mio marito siamo separati da 20 anni, ma abbiamo mante- nuto un ottimo rapporto colle- gato all’assistenza di questo no- stro unico figlio. Ho imparato che quando le cose non durano occorre andare oltre e non farne un dramma, tanto più che il padre di Roberto è atten- tissimo a tutto ciò che lo riguarda. Lo ritengo un piccolo miracolo che questi ragazzi meravigliosi riescono a fare, pur gravati dalla loro disabili- tà, o forse proprio per via di questa. Certo senza il sostegno della “Lega” le cose sarebbero andate ben diversamente. Roberto, per esempio, pur essendo vivace, determinato e
  • 6. PAG I N A 6 N.1/2012 ATTUALITÀ IL RICONOSCIMENTO È STATO ASSEGNATO A ROMA DURANTE UNA CERIMONIA PRESSO IL SENATO DELLA REPUBBLICA “Premio Socialis”: così si sottolinea l’importanza della sinergia fra le aziende e il mondo non profit Da sempre sensibile e attenta al tema della responsabilità sociale, anche quest’anno la nostra Associazione è stata partner ufficiale del prestigioso evento giunto alla nona edizione“Premio Socialis”, ideato e aziende e imprese che rico- possono finalmente affronta-promosso da Errepi Comu- noscono la validità del re spostamenti e brevi viagginicazione di Roma e unico nostro impegno, banche comodamente, con serenità enel suo genere in Italia, è che vogliono aiutare insie- sicurezza”.destinato alla migliori tesi me a noi tante persone con Il Gruppo Gabrielli didi laurea dal titolo “Re- gravi problemi. Ascoli Piceno, leader dellasponsabilità Sociale d’Im- grande distribuzione con lepresa e Sviluppo Soste- Esempi significativi insegne “Oasi” e “Tigre”, hanibile”. Un argomento, Due le importanti iniziative coinvolto i propri dipen-questo, di grande attualità recentemente realizzate che denti in una donazione aperché sono sempre più ci hanno portato sostegni nostro favore: tutti hannonumerose le aziende, le molti preziosi. rinunciato al tradizionalebanche e altre istituzioni La BPPB, Banca Popolare regalo di Natale da parteche decidono di sostenere di Puglia e Basilicata, ha del Gruppo che, con il con-concretamente enti e asso- tributo aggiuntivo dei suoi Il Gruppo Gabrielli ha partecipato alla nostra festa di Natale a Osimo promosso una serie diciazioni senza fini di lucro interventi per raccogliere i Magazzini, ha devoluto così divertimento, l’affetto e la dedi- re ai colleghi l’esperienza vis-che operano a favore di chi zione di cui sapete circondarli, suta e di tornare in tanti perha bisogno di assistenza e quello che gli operatori e i visitare il Centro di Riabi-di aiuto. volontari hanno saputo inse- litazione.La Lega del Filo d’Oro gnare e trasmettere ci hanno A queste imprese generose eguarda con speranza allo fatto comprendere come la sensibili e alle tante che cisviluppo della collaborazio- nostra piccola rinuncia sia hanno aiutato e continuanone con il mondo imprendi- stato il dono natalizio più bello a farlo va il nostro “grazie”,toriale, che può garantire che abbiamo mai fatto!”. E si con la speranza che il loroun futuro più sereno sono allontanati commossi, esempio possa essere segui-soprattutto in questi mo- con la promessa di racconta- to da molte altre.menti difficili. Aiuti numerosi e diversiLe modalità di intervento a La visita di un’amicanostro favore sono davverotante: dalla donazione una A Osimo per la Gli ospiti del Centro di Molfetta inaugurano con soddisfazione il nuovo pulminotantum alla raccolta fondi presentazione delfra i dipendenti, dall’asse- fondi necessari all’acquisto l’intera somma alla nostra suo libro “L’uomognazione a noi dei premi- di un pulmino attrezzato Associazione. “Avevamo sen- immobile”, ini-concorso non ritirati dai da donare al nostro Centro tito parlare molto della Lega ziativa organizza-clienti o di una percentuale di Riabilitazione di del Filo d’Oro – ci hanno ta dal Circolo cul-sulle vendite dei prodotti Molfetta (Ba), che ne aveva detto alcuni dipendenti arri-delle aziende all’istituzione vati a Osimo per partecipare turale “JU-TER” davvero bisogno, e “adessodi conti bancari finalizzati e – dicono con soddisfazio- alla nostra festa di Natale e della città, lomolto altro ancora. Così ci ne i responsabili della conoscere la nostra realtà – scorso 4 dicem-hanno sostenuto nel tempo struttura – gli ospiti e gli ma lo spettacolo che avete bre Enrica Bonaccorti è voluta tornare al Centro disupermercati e centri com- amici pugliesi che seguiamo saputo organizzare con i vostri Riabilitazione per incontrare gli ospiti, gli operatori e imerciali in tutto il Paese, e che hanno problemi motori ospiti, i loro sorrisi e il loro volontari. Sono stati momenti emozionanti: grazie, Enrica, adesso abbiamo ritrovato una cara amica! Un filo d’oro con i giovanissimi Una tombola, un calendario, tanta solidarietà I bambini della Scuola amici hanno dato vita al d’Infanzia di Collevecchio “calendario della solidarie- (Ri) sono davvero generosi e tà”, presentato durante la hanno imparato molto bene Festa di Natale ai genitori e ai il significato della parola parenti: tutti hanno molto “solidarietà”. Così, in occa- apprezzato l’iniziativa che, sione del Natale, si sono dati come la tombolata, ci ha appuntamento con tanti offerto un prezioso sostegno nonni al Centro Anziani perché i bambini hanno deci- della città per un’allegra distribuzione di materiale so di devolverci parte dei rica- tombolata e per far cono- informativo. E ancora una vati. Grazie di cuore dai scere a tutti la nostra volta, come già in passato, i nostri ospiti a cui voi avete Associazione attraverso la disegni di questi nostri piccoli regalato un sorriso!
  • 7. PAG I N A 7 N.1/2012 DALL’ASSOCIAZIONE VISTI DAL VICINO Palì, l’imprenditore dal cuore grandeUn’azienda dolciaria fra le concetto di “elemosina”, mapiù conosciute, tante pre- di solidarietà e di sviluppostigiose cariche pubbliche continuo, un concetto portatoricoperte negli anni, una avanti da persone “sane den-grande passione per il cal- tro”, alle quali si deve ricono-cio, un grande amore per la scere il grande merito difamiglia, una profonda impegnarsi con vero amore ecapacità di riconoscere e tanta serietà. E’ un onore perapprezzare le doti di alcune me avere la “Lega” a soli 20persone incontrate nella chilometri di distanza, mivita. Questo è Giampaolo creda”.Giampaoli detto Palì, Alcune di queste personeanconetano, classe 1941, ci hanno raccontato chetitolare dell’azienda di po’ chiuso in se stesso per lei è sempre disponibilefamiglia nata nel 1900, rispettare la privacy degli ad accogliere le loronella quale è entrato nel ospiti così sfortunati. Poi richieste, è così?1968, che oggi segue insie- diventai consigliere della “Ma come si fa a dire di no,me al figlio Gabriele e alla Fondazione Cariverona, quando ti chiedono magari inipote Gioia e dove è stato attenta, sensibile e pronta a biscotti da mettere nei cestinicreato l’ottimo Panciocc, il concreti interventi nel sociale. forniti ai ciclisti che corronoprimo panettone al ciocco- In questa veste entrai in con- per loro o qualche panettonelato in Italia. “La scelta di tatto con diverse strutture per le feste di Natale? Loabbandonare il pallone per non profit e arrivai anche al chiedono così gentilmente,l’azienda è stata molto diffici- Centro di Riabilitazione di sembrano quasi timidi, ma sole – racconta Palì – ma con- Osimo, dove incontrai il che sono tutte cose di cuitinuando ad allenarmi e a segretario generale, Rossano hanno veramente bisogno egiocare non riuscivo a fare Bartoli, e alcuni responsabili non voglio certo che spenda-bene né il calciatore né l’im- e dove visitai le strutture. no soldi preziosi per andarleprenditore, così ho appeso le Così ho scoperto una Lega del a comperare! Quelle gare,scarpe al chiodo”. Anche se Filo d’Oro per me sorpren- quelle manifestazioni, quellela domenica mattina ci va dente: assistenza e volonta- feste a cui anch’io posso con-ancora adesso sul campo riato sì, con grande professio- tribuire a loro servono perper una partita con gli nalità, umanità e dedizione. raccogliere fondi, e so cheamici! E anche se, anni fa, Ma anche uno staff di diri- quei fondi verranno utilizzatiha giocato più che bene genti, Bartoli in testa, davve- al meglio, così cerco di fare lanella squadra della Lega del ro eccezionale, lungimirante, mia parte”.Filo d’Oro contro la ricco di idee e di progetti, Palì, (ci permetta di chia-Nazionale Cantanti. pronto a raccogliere fondi per marla così, come fanno iCome ha conosciuto la creare nuovi centri, sviluppa- suoi più cari amici) qualnostra Associazione? re e migliorare la qualità dei è oggi il suo più grande“Ne avevo molto sentito par- servizi, rispondere a doman- desiderio? “Stare bene inlare, nella nostra zona era de sempre più numerose di salute, per me, ma soprattut-nota già molti anni fa. Però persone in cerca di aiuti vali- to per le persone care che horitenevo che fosse un Ente di. Ho capito che il “sociale” accanto, compresi tutti voipuramente assistenziale, un dell’Ente non è legato a un della Lega del Filo d’Oro”. : con noi, ogni giornoTutti i giorni, in ogni momento della giornata, educatori, psicologi, fisioterapisti e gli altri pro-fessionisti della Lega del Filo d’Oro si prendono cura con amore e professionalità delle perso-ne sordocieche e pluriminorate psicosensoriali per aiutarle a vivere una vita più dignitosa eserena.Oggi, per continuare a lavorare con i livelli di attenzione e qualità a cui i nostri ospiti hannodiritto, abbiamo sempre più bisogno del supporto di tutti e il sostegno regolare gioca un ruolofondamentale perché ci consente di:• pianificare le attività e gestire meglio gli investimenti;• ridurre i costi di comunicazione e destinare maggiori risorse all’attività istituzionale.RID è, per il sostenitore, semplice (basta una firma), comodo (mai più file in banca o in posta), economico (nessuna commissioni per le banche che ade-riscono alla campagna «RIDanch’io»).Come racconta la signora Giovanna della provincia di Teramo: “ Dopo tanti anni accanto alla Lega del Filo d’Oro, da circa un anno ho scelto il RID perché avevopaura di dimenticare di mandarvi il mio contributo annuale e so invece quanto sia importante per voi e per i ragazzi sordociechi poter contare su un sostegno costante! Cosìmi sento tranquilla.”Italo, un altro amico della provincia di Milano che ha voluto esserci vicino con questa modalità, aggiunge: “Ho scelto la donazione periodica perché è il modo piùsemplice per far sentire la mia vicinanza a voi della Lega del Filo dOro. Ho deciso la cadenza e l’importo che desideravo e so che, se ne avrò la necessità, potrò disdire omodificare il mio “impegno” in qualunque momento.”Aderire è semplice: basta compilare il coupon allegato a “Trilli nell’Azzurro”, sapendo che si tratta comunque di una scelta non vincolante “per sempre”: in ognimomento, infatti, si può revocare o modificare e si può controllare lo stato dei propri versamenti con una semplice telefonata al numero verde 800.90.44.50. Non si tratta di donare di più, ma di farlo in modo diverso!
  • 8. PAG I N A 8 N.1/2012 I N I Z I AT I V EPer Natale Lega del Filo d’Oro”. Lo perché questi giovani naio con la cerimonia sappiamo, cari amici: generosi hanno pro- di premiazione dei vin- Informarsiuna grande festa… anche questa volta messo di dar vita in…quella organizzata avete saputo offrirci un futuro ad altre manife- citori a cui ha parteci- pato un piccolo grup- ora èal Teatro “La Fenice”di Osimo da Conf- contributo di cui tutti stazioni a nostro favo- po di nostri ospiti, più facile noi vi siamo profonda- re. Grazie a tutti! accompagnati dai vo-commercio e Ma- mente grati! lontari e da Guido De Per ottenere maggiorinageritalia di Ancona Nicola, per 21 anniper i soci e tantissimi “ ’na parola ” Bocce in collaborazio- indicazioni su comeamici. Una serata spe- Quando il gioco pensando a noi ne con i Comitati presidente e ora consi- sostenere le attività Regionali e con il pa- gliere dell’Associazio-ciale, un evento-spet- è solidarietà Le parole, per la verità trocinio dell’Assem- ne, a cui è stato conse- della Lega del Filotacolo dal titolo sono molte e compon- gnato il significativo d’Oro o effettuare blea Legislativa delle“Ciao, come sto?” gono le trenta poesie contributo raccolto. donazioni Marche, a favore delmolto applaudito dal contenute nel libro in Il Torneo rappresenta con carta di credito nostro Ente. Le gare,folto pubblico presen- vernacolo montefane- per noi una bellissima che hanno visto anche o periodichete, invitato a versare se “Tanto pe’ di’ ‘na tradizione e la confer- quest’anno una folta chiamate il nostrocontributi a favore parola” di Roberto ma di una preziosa partecipazione di gio-della nostra Associa- Egidi, presentato al amicizia che dura da I soci del Rotaract catori, si sono svolte inzione. Un’iniziativa Teatro la Rondinella di vent’anni e che ci au- Club Palermo, in col- tutte le province mar-generosa per sostener- Montefano (Mc) lo guriamo prosegua an- laborazione con il chigiane e si sono con-ci voluta da due scorso mese di dicem- cora a lungo. Rotary Club e l’In- cluse lo scorso 21 gen-importanti Organiz- bre. E Roberto, grandezazioni che più volte teract Club Palermo, amico del papà di unci sono state vicine, hanno organizzato bambino seguito dal CI HANNO AIUTATOun aiuto prezioso per presso il Country nostro Centro dinoi, che ringraziamo Time Club di Mondello Riabilitazione di Osi- ● Maxi Garden - Osimo (An)di cuore. (Pa) il “Torneo di bur- mo, ha dimostrato di raco autunnale dei ● Tabaccheria Marica - Corridonia (Mc) essere grande e gene- giovani rotariani” per roso amico anche di ● CRAL ACI - Roma…e un suggestivo raccogliere fondi e ● Scuola elementare “Don Piero Pappagallo” - Terlizzi (Ba) tutta la nostra As-concerto… acquistare attrezzature sociazione perché ha ● Scuola elementare “Don Cosma Azzollini” IV Circolo didattico…durante il quale da donare al nostro deciso di devolvere ahanno cantato tanti Molfetta (Ba) nuovo Centro di Ria- noi l’intero incassobambini e ha suonato bilitazione di Termini delle vendite della sua ● Leo Top Styling - Mestre (Ve)la Banda Municipale Imerese. opera! ● FISAC CGIL - Campaniadi Torrigiana di Torre L’iniziativa ha riscosso ● S.r.l. Fiesta - RomaCajetani (Fr). E gli notevole successo e ha Una tradizioneorganizzatori ci hanno ● Gruppo Motoraduno di solidarietà - Sant’Agata Militello (Me) rappresentato nonscritto: “Vogliamo farvi solo una significativa che ci sostiene ● Leroy Merlin - Palermo Mondellosapere che l’Associa- occasione per far co- da vent’anni ● S.C.D. Alma Juventus Fano - Fano (Pu)zione Musicale Torri- noscere meglio e di E’ il Torneo dal titolo ● Gambini Group Industrie Ceramiche - Modenagiana, come sempre più la nostra attività e i “Giochiamo una bella ● Istituto Italiano Sicurezza dei giocattoli S.r.l. - Cabiate (Co)...quando presenta concer- nostri scopi, ma anche partita di solidarietà”ti, raccoglie fondi SOLO l’inizio di una nuova, organizzato dalla ... e tantissime altre persone che ci hanno devoluto i loro contributied esclusivamente per la importante amicizia Federazione Italiana o hanno organizzato manifestazioni a nostro favore L A P O STA Trilli nell’Azzurro Notiziario ufficiale della Lega del Filo d’OroCarissimi, verso il personale che si pro- La Sua lettera, arrivata funzionava la vostra grande mo mandata a voi: vi augu- Associazione Nazionale riconosciutaalla Lega del Filo d’Oro diga 24 ore su 24 verso proprio poco prima di famiglia. Allora facevate ro che altri facciano quello con D.P.R. n. 516 del 19.5.1967 ONLUS ognuno dei bambini a voi (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale)esprimo tutta la mia ammi- Natale, ci ha davvero pubblicità con un ragazzino che abbiamo fatto noi, per Via Montecerno, 1 - 60027 Osimo (AN)razione per il lavoro che affidati! Non so cosa potrei commosso, cara signora che si chiama Alberto: guar- far sì che questa vostra tel. 07172451 - fax 071717102svolge verso i bambini nati fare... speriamo che il Rossella: la sensibilità e da caso anch’io mi chiamo famiglia diventi sempre più c/c postale 358606sordociechi. Ho avuto la Natale con la nascita di l’affetto che Lei dimostra Alberto e quando venni lì da grande. Un forte abbraccio INTERNET:fortuna di lavorare per 40 Gesù rinnovi in ogni cuore nei nostri confronti sono voi, lì fuori mi incontrai pro- a tutti i bambini che sono da www.legadelfilodoro.itanni con bambini fortunati; la forza, il coraggio e l’amo- per noi un forte stimolo a prio con una ragazza che voi e a tutto il personale. POSTA ELETTRONICA E-Mail: info@legadelfilodoro.ittuttavia si incontravano re per andare avanti, perché proseguire con “forza, accompagnava Alberto! Poi Albertodelle difficoltà perché pre- questi bambini possano sen- amore e coraggio” nel mi recai in ufficio, feci la (Ascoli Piceno) Direttore editoriale Francesco Marchesi Direttore responsabile Rossano Bartolisentavano problemi di tirsi rassicurati dal vostro nostro lavoro. Grazie per mia offerta e dissi al ragio- Redazione Maria Giulia Agostinelli,socializzazione, di appren- contatto, dal vostro calore le Sue parole e per il Suo niere di non farmi la ricevu- A Lei, caro amico, e a Sua Gianluca de Tollis, Lorenzo Gatto, che dà loro la capacità di Antonio Mellone, Alessandra Piccioni,dimento e quant’altro. aiuto concreto: entrambi ta. Lui mi disse queste moglie gli auguri più affet- Elena Quagliardi, Daniela Ruini.Pertanto era grande l’im- migliorare la vita. Sono da hanno regalato un grande testuali parole: “Qui non tuosi per le Vostre bellissi- Segreteria di redazione Anna Maria Catena,pegno da parte mia, anni in pensione, ho due sorriso ai bambini che entra una lira e non esce una me Nozze d’Oro e un Maria Laura Volpinisoprattutto quando dietro a nipoti che reputo fortunati cerchiamo di aiutare! lira senza la ricevuta!” e “grazie” di vero cuore per Progetto grafico R.C.D. & Partnersqualche bambino non c’era sotto tutti i punti di vista e capii che i miei soldi li avevo la Vostra generosità! Voi Coordinamento editoriale, stampala famiglia che camminava che sono la luce dei miei Gent. Direttore, consegnati in buone mani e a siete venuti a conoscerci e distribuzione Postel S.p.A. Impaginazione Margaret Ferro - Proart s.a.s.di pari passo con la scuola. occhi e la forza delle mie giorni fa vi ho spedito un gente seria... Non sono ricco, tanto tempo fa: perché braccia. Colgo l’occasione sono un autotrenista in pen- Questo numero è stato chiuso in tipografiaQuindi immagino le diffi- contributo, non perché io sia non tornate a trovarci e a il 08/02/2012 ed è stato tirato in 395.500coltà degli operatori e dei per inviare a tutti infiniti un capitalista, ma per fare sione, ma siccome il 26 otto- vedere quello che abbia- copie. Autorizzazione del Tribunale digenitori di fronte a casi auguri e un forte abbraccio del bene alla vostra comuni- bre 2011 ricorrevano 50 mo fatto con l’aiuto di Ancona 29.7.1981 n.15. Bimestrale - Poste Italiane SpA - Spedizione in A.P. D.L.come quelli che raccontate ai vostri bambini… Con tà che io e mia moglie, anni del nostro matrimonio tanti amici preziosi come 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46)nei vostri messaggi. Non ci tanto affetto. prima di fare la prima offer- e non l’abbiamo festeggiato, Voi? Vi aspettiamo, così art.1, comma 2 - DCB Milanosono parole per esprimere Rossella ta 24 anni fa, venimmo a la cifra che dovevamo spen- potrete abbracciare “dav-tutta la mia gratitudine Rozzano (Mi) conoscere per vedere come dere per il ristorante l’abbia- vero” i nostri bambini. Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana Per garantire la privacy I dati sono trattati per le attività di raccolta fondi, sia in formato cartaceo che elettronico, da Responsabili ed incaricati a ciò preposti e possono essesre comunicati a società di marketing diretto che effettuano l’invio di nostro materiale.Per esercitare i diritti di cui all’articolo 7 del D. Lgs. 196/2003 (tra cui modificare o cancellare i dati ) scrivere al Responsabile Comunicazione e Raccolta Fondi ( Responsabile del trattamento) presso Lega del Filo d’Oro Onlus Via Montecerno,1 60027 Osimo - AN (Titolare del trattamento).