“   Se per forza si intende forza morale,          allora la donna è infinitamente                      più forte dell’uom...
Nei percorsi di carriera esistono ancora forti differenze di genere che devonopoter essere superate e progressivamente eli...
Uno dei presupposti da cui il progetto Leadershe deriva è la convinzione chesia fondamentale per le donne mettersi in ques...
Il percorso si propone a tutte le donne che intendono affrontare un percor- so di carriera “oltre il soffitto di vetro”, p...
Ne         g                    twcons reer    ultin                      or                        kin  Ca             CO...
CorsiLeadershe : un percorso di scoperta  Leadershe 2: un percorso di crescita.   Come potenziare le proprie capacità di d...
LeadersheObiettivi del percorso:come essere una donna leader: sensibilizzare le partecipanti ai temi dellaleadership e del...
Leadershe 2Obiettivi del percorso:Portare le partecipanti a lavorare sulle proprie caratteristiche per disegnareed assumer...
SelfsheObiettivi del percorso:Offrire alle partecipanti la possibilità di confrontarsi con i propri punti di forza edi deb...
She&heObiettivi del percorso:Portare le partecipanti a scoprire le caratteristiche differenziali dell’approcciofemminile e...
CareersheObiettivi del percorso:Aumentare nelle partecipanti la capacità di competere e di pianificare conlucidità l’utili...
TimesheObiettivi del percorso:Definire ed ottimizzare il rapporto con l’utilizzo del tempo al lavoroContenuti:• Uso del te...
She4sheObiettivi del percorso:Definire le caratteristiche personali come team member e come team leder inrelazione alle al...
CoachingIl percorso di Leadershe, necessariamente anche individuale, mirato ad affi-nare il proprio stile di leadership e ...
Careershe,Donne e carriera, quasi un paradosso. Donne e lavoro, una realtà. Donne elavori (tanti!): una certezza.Comprende...
Il metodoL’approccio è sistemico e parte dalla valutazione dei punti di forza e didebolezza della persona e dall’analisi d...
Se si potesse disegnare una formula per il successo, questa potrebbe es-         Il network                               ...
“Di ciò di cuinon si può parlare,bisogna a pocoa poco cessaredi tacere.”(Christa Wolf, Trama d’infanzia)
Leadershe è un progettoa cura di Barbara Bernardie Simona Manzonec/o EbyGVia Indipendenza 6640121 BolognaTel. 051 4210688
Leadershe, corsi di leadership | Bologna
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Leadershe, corsi di leadership | Bologna

619 views

Published on

Il progetto LeaderShe nasce dalla convinzione che sia fondamentale per le donne mettersi in gioco ed affinare quelle abilità e quei i talenti che fanno parte del patrimonio femminile e che - se valorizzati - possono generare grandi vantaggi personali, professionali, organizzativi e sociali.

Nel panorama attuale delle consulenza, LeaderShe vuole lavorare a fianco delle donne con programmi e percorsi di sviluppo della leadership digenere.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
619
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Leadershe, corsi di leadership | Bologna

  1. 1. “ Se per forza si intende forza morale, allora la donna è infinitamente più forte dell’uomo. Se la non violenza è il futuro della nostra esistenza, il futuro è delle donne” (Mahatma Ghandi)
  2. 2. Nei percorsi di carriera esistono ancora forti differenze di genere che devonopoter essere superate e progressivamente eliminate; negli ultimi anni, sulla LEADERSHE:scia di veloci evoluzioni e di radicali cambiamenti in atto, se ne discute concrescente attenzione nella società e in azienda, soprattutto in relazione al UN PERCORSO DIbasso numero di dirigenti e vertici femminili nel business ed in politica. VALORIZZAZIONELe donne superano raramente l’invisibile barriera che le separa dal vertice (ilfamoso “soffitto di vetro” di una fortunata metafora); e questo accade senz’al- E COSTRUZIONEtro anche per una questione di cooptazione. Poiché nella designazione acerte posizioni le influenze ambientali contano – le recenti analisi di social DELLAnetworking sono lì a dimostrarlo – gli uomini trovano assai naturale confron-tarsi e scegliersi tra loro. Le donne, per una serie complessa di fattori, hanno LEADERSHIPmeno occasioni per cooptare e non hanno ancora una mentalità di squadrasviluppata. DI GENEREChe il problema sia anche maschile, lo dimostra per esempio la dichiarazionedi un noto imprenditore: ha confessato che una donna in azienda gli fa paura,che preferisce trattare con un uomo, a causa di “tutte quelle arti che un uomonon sa usare”.Le arti, non meglio definite, hanno probabilmente a che fare con una diversitàche - per quanto culturale, non oggettiva, spesso negata, smussata, omolo-gata - invece di essere vissuta ed usata da opportunità e vantaggio - si tradu-ce ancora in una autolimitazione. Probabilmente, la capacità di andare oltreil glass ceiling richiede il prodursi di una complessa dinamica: coinvolge nonsolo politica, società ed economia, ma anche comunicazione, governance eformazione.Non crediamo sia ancora possibile praticare un approccio indifferenziato adun tema delicato come quello della leadership. In una prima fase è necessarioper le donne lavorare sulle loro differenze. C’è un diverso corredo di partenza,è loro necessario un percorso diverso, gli obiettivi possono essere differenti,devono fare i conti con una maggiore dialettica tra il proprio privato e il propriogenere.
  3. 3. Uno dei presupposti da cui il progetto Leadershe deriva è la convinzione chesia fondamentale per le donne mettersi in questione ed affinare quelle ca- “Verso unaratteristiche - personali e di genere - che possono generare se valorizzatevantaggi individuali e collettivi. dimensione inIl secondo, è quello di favorire una consapevolezza fin qui poco praticata: un cui coesistano,rapporto con la leadership è necessario per le donne, e non può essere solodialettico: deve giocoforza passare per una diretta assunzione di responsabi- con nuovilità. Se è vero che il logorio maggiore generato dall’esercizio del potere derivain realtà… dal non averlo e dal non gestirlo, occorrono dunque strategie per- significati,sonali e collettive per conseguirlo e agirlo nella differenza. potere eDa ultimo, Leadershe vuole creare e incrementare una comunità che si occupi seduzione,di leadership, governance, vita pubblica. Si usa dire che le donne siano piùbrave degli uomini nello sviluppare relazioni, ma così non sembra… perlome- umiltà eno quando si tratta di lavoro; lo afferma Carol Gallagher, autrice di Going tothe Top. Le donne tendono a “chinare la testa” e finire il loro lavoro, pensando competizione,- con questo comportamento virtuoso - di venir notate e di dovere essere perquesto ben valutate, mentre gli uomini sono fuori insieme a fare network. Gli ambizione euomini ottengono così preziosi contatti e imparano come “muoversi” strate-gicamente per raggiungere i vertici. Le donne tendono magari a concentrarsi dedizione…”sul lavoro in ufficio, ma non hanno una soddisfacente vita sociale, assorbitecome sono dalla mole dei loro compiti, non solo lavorativi, ma anche fami-gliari e domestici.Dedicare tempo ed energie a sviluppare relazioni allargate in ambito socialee non semplicemente amicale, non come “mogli di” ma come professionistecon ruoli nel business e nella società è un altro punto di forza che devonosaper sfruttare: per contare di più, insieme alle loro simili.
  4. 4. Il percorso si propone a tutte le donne che intendono affrontare un percor- so di carriera “oltre il soffitto di vetro”, proprio per rispondere alla necessi- RIFLETTERE, tà di far emergere le caratteristiche peculiari del femminile in relazione alla leadership e al management, così come di lavorare alla ridefinizione di ele- SCOPRIRE, menti spesso trascurati nello sviluppo delle competenze dirigenziali (dalla motivazione individuale al rapporto con il proprio genere, alla percezione REINTERPRETARE delle necessarie differenze di relazione tra uomini e donne sul lavoro). Si articola in una offerta complessiva, sintetizzata in un corso “esplorati- vo” del tema e da approfondimenti diversi, con un elemento in comune: l’approccio ai vari argomenti tiene sempre conto delle caratteristiche e delle diverse inclinazioni di genere. Alle partecipanti saranno proposti strumenti di assessment per meglio profilare le proprie caratteristiche ed attitudini; è vivamente consigliato anche un supporto di coaching per meglio mettere a frutto le indicazioni e gli stimoli del momento formativo, ed è offerto anche un percorso di career coaching.Destinatarie: donne imprenditrici, manager, dirigenti, quadri- e in generale tutte coloro che vogliono coltivareun rapporto positivo con l’esercizio della leadership,in azienda e fuori.
  5. 5. Ne g twcons reer ultin or kin Ca CORSI g ng Coachiere di gen
  6. 6. CorsiLeadershe : un percorso di scoperta Leadershe 2: un percorso di crescita. Come potenziare le proprie capacità di donna leader Selfshe: tecniche ed esperienze per lo sviluppo positivo dell’autostima She&he: lavorare al e col femminile capitalizzando le differenze di genere costruttive Careershe: strategie per puntare ed arrivare ai vertici ed affrontare la competizione Timeshe: come gestire il tempo e l’efficienza nel (doppio) lavoro She4she: collaborare + competere nei team di sole donne
  7. 7. LeadersheObiettivi del percorso:come essere una donna leader: sensibilizzare le partecipanti ai temi dellaleadership e delle proprie caratteristiche e dei punti di forza e di debolezzarispetto alle competenze implicateContenuti: UN PERCORSO • Differenze di genere in àmbito lavorativo DI SCOPERTA • Leadership ed autorevolezza: caratteristiche di base • Leadership e autorevolezza nelle organizzazioni • Controllo ed impulso nella gestione • Stili manageriali e caratteristiche degli stili • Stili femminili e stili maschili • Ansie personali ed ansie sociali • Gestione dei conflitti • Funzione persuasiva e autorevolezza • Comunicazione assertiva • Empatia • Gestione delle emozioni • Intelligenza emotiva ed intelligenza sociale • Rapporto con i gruppi e team leadership • Differenze di genere nell’automotivazione alla gestione ed alla responsabilità del potere Durata: 2 giorni
  8. 8. Leadershe 2Obiettivi del percorso:Portare le partecipanti a lavorare sulle proprie caratteristiche per disegnareed assumere un personale profilo di leadershipContenuti: UN PERCORSO• Stili di leadership • Caratteristiche della leadership femminile: impulso vs. controllo DI CRESCITA. • Definire il proprio stile di leadership • Confrontarsi con gli stereotipi Come potenziare le proprie capacità • Le relazioni interpersonali • Comunicare di donna leader. • Chiedere ed ordinare • Gestire i conflitti • Negoziare • Rifiutare • Delegare • Controllare • Reagire • Vincere e perdere • Comprendere e definire il proprio stile di condotta • Stili: informale, formale, ufficiale • L’immagine e non il look: capire e potenziare il proprio stile oltre le mode Durata: 2 giorni
  9. 9. SelfsheObiettivi del percorso:Offrire alle partecipanti la possibilità di confrontarsi con i propri punti di forza edi debolezza nella idea di se’, del proprio valore e del proprio potenzialeContenuti: TECNICHE• Autostima: definizioni e ricadute • Sconfiggere i sensi di colpa nascosti ED ESPERIENZE • Ansie sociali • Assertività PER LO SVILUPPO • Persuasione POSITIVO • Intelligenza emotiva • Intelligenza sociale DELL’AUTOSTIMA • Empatia • Gestire lo stress • Migliorare la capacità di comunicazione Durata: 2 giorni
  10. 10. She&heObiettivi del percorso:Portare le partecipanti a scoprire le caratteristiche differenziali dell’approcciofemminile e maschile nel lavoro, affinando le caratteristiche coerenti con unbuon apporto al lavoro di gruppo, alla competizione ed all’emulazione coicolleghi uomini LAVORAREContenuti: • Uomini e donne sul lavoro: caratteristiche e differenze AL FEMMINILE E • Natura e cultura: comportamenti istintivi ed appresi COL FEMMINILE • Il rapporto diadico e quello uno-molti CAPITALIZZANDO • Il paradigma ludico: gioco individuale e gioco di squadra LE DIFFERENZE • Competenza • Forza e rapporti di forza DI GENERE • Energia e durata • Coinvolgimento emotivo COSTRUTTIVE • Ambizione • Competizione • Emulazione • Equilibri e dinamiche nella squadra • Tradurre i problemi in opportunità • Rapporto con gli errori • Aggressività e passività • Ambizione • Strategie di inclusione Durata: 2 giorni
  11. 11. CareersheObiettivi del percorso:Aumentare nelle partecipanti la capacità di competere e di pianificare conlucidità l’utilizzo delle opportunità di carrieraContenuti: STRATEGIE • Profilarsi e definirsi: il setting della propria identità lavorativa • I ruoli positivi ed i ruoli negativi PER PUNTARE • Madri, bambine ed adulte • Ancelle, colleghe, direttrici ED ARRIVARE AI VERTICI ED • Linee di condotta • Tempismo AFFRONTARE • Contenere gli svantaggi LA COMPETIZIONE • Gestire l’ira • Gestire la gelosia • Gestire l’invidia • Collaborare e dirigere • I rapporti interpersonali • Conciliare famiglia e carriera • Gestire il tempo • Contrattare le retribuzioni • Ottenere promozioni • Fare squadra con le donne Durata: 2 giorni
  12. 12. TimesheObiettivi del percorso:Definire ed ottimizzare il rapporto con l’utilizzo del tempo al lavoroContenuti:• Uso del tempo e percezione del tempo COME GESTIRE • La propria relazione con il fattore tempo • Lentezza e rapidità IL TEMPO E • Piani d’azione L’EFFICIENZA • Definizione delle priorità • Dovere e piacere e gli effetti sul tempo NEL (DOPPIO) • Rapidità ed esattezza: il rapporto 80/20 • Quick and dirty: attenzione e precisione quando necessario LAVORO • Stress ed effetti sulla gestione del tempo • Strumenti • Planning • Agenda • Statistiche • Ceck-up • Timer • Riunioni rapide ed efficaci • Telefonate rapide ed efficaci • Il rapporto con le interruzioni • Imprevisti e probabilità Durata: 1 giorno
  13. 13. She4sheObiettivi del percorso:Definire le caratteristiche personali come team member e come team leder inrelazione alle altre donneContenuti: COLLABORARE • Self assessment: quale profilo nei confronti del gruppo • Il gruppo e le sue dinamiche interpersonali + COMPETERE • I ruoli nel gruppo e gli stereotipi di interpretazione • Leadership del gruppo vs. distribuzione dei compiti NEI TEAM DI SOLE DONNE • Costruire il gruppo: le basi • Stare nel gruppo, lavorare per il gruppo • Definirsi rispetto al gruppo • Comportamenti protagonistici e gregari • Dinamiche e tipicità dei gruppi femminili • Gestire i conflitti di relazione • Gestire i conflitti di competenza • Gestire la motivazione e la demotivazione • Parlare del gruppo, nel gruppo, per il gruppo • Debriefing: la dinamica tra competizione e collaborazione e gli effetti sulla crescita personale Durata: 2 giorni in outdoor
  14. 14. CoachingIl percorso di Leadershe, necessariamente anche individuale, mirato ad affi-nare il proprio stile di leadership e i propri punti di forza, può essere suppor-tato dal ricorso al coaching.È questo il ben noto processo attraverso il quale si supportano le personenel percorso per raggiungere il massimo livello delle proprie capacità di per-formance. Comporta l’espressione piena delle risorse e della forza delle coa- di generechee, che vengono aiutate a superare i propri limiti e ad aggirare le propriebarriere per dare il meglio di se’. Il Coaching pone una particolare enfasi sul“cambiamento generativo” e si concentra sulla definizione e sul raggiungi-mento di obiettivi specifici.Le metodologie di coaching sono orientate al risultato e tendono ad esse-re fortemente centrate sulla soluzione per incentivare lo sviluppo di nuovestrategie di pensiero e di azione. Il percorso base proposto si compone diun assessment iniziale, che segnala possibili aree di consolidamento e diaffinamento, di una valutazione dei propri obiettivi e di cinque-sei sessioni(incontri individuali con il proprio coach), a distanza di qualche settimanal’uno dall’altro. Nel dialogo con il proprio coach si possono affrontare siatemi di individuazione, di cambiamento, di miglioramento che di messa apunto di strategie d’azione.Sarà la persona a scegliere gli obiettivi cui tendere e a definire quali indicatorine segneranno il conseguimento. Insieme al coach stabilirà perciò un pianodi azione, i passi progressivi verso i traguardi che si è autonomamente asse-gnati, e si farà supportare dal coach nel capire quali ostacoli incontra, qualisono oggettivi e quali soggettivi.Leadershe consente alle partecipanti al programma di avvalersi di coach at-tenti alle tematiche di genere – le stesse che vengono trattate e illustratenelle sessioni d’aula - e sensibili alla individuazione di obiettivi che ne per-mettano sia l’affinamento che la messa a frutto.
  15. 15. Careershe,Donne e carriera, quasi un paradosso. Donne e lavoro, una realtà. Donne elavori (tanti!): una certezza.Comprendere subito quanto sia indispensabile pianificare la vita professio-nale è necessario per tutti, doppiamente per le donne… la loro strada verso consulenzal’obiettivo è spesso piena di curve e ci sono da affrontare molti più ostacoli,scelte, alternative, di quanti solitamente ne tocchino agli uomini. di carrieraIl primo e il più importante passo in un processo di pianificazione di carriera,per tutte coloro che vogliono impostare o modificare la loro attuale situazio-ne lavorativa, è quella di riuscire a capire esattamente quello che vogliono einsieme possono fare, con realismo ed umiltà, ma senza inutile modestia.Se non si identificano con precisione l’obiettivo, la direzione, la road map,se non si trova un punto di intersezione tra capacità, possibilità ed aspira-zioni, tutti i passi successivi diventano difficoltosi, incompleti, ed il risultatofinale sarà probabilmente mediocreL’obiettivo di Careershe è quello di fornire una consulenza di carriera, siaprofessionale che contrattualistica in ottica di genere. Destinata a tutte colo-ro che devono o vogliono gestire cambiamenti professionali, che ricercanonuove opportunità lavorative, che vogliono dare un impulso all’andamentodella vita professionale o che desiderano un orientamento per il prosegui-mento della stessa.
  16. 16. Il metodoL’approccio è sistemico e parte dalla valutazione dei punti di forza e didebolezza della persona e dall’analisi delle opportunità e dei rischi dell’am-biente esterno.L’obiettivo è quello di definire le opportunità di sviluppo e gli ambiti di inter-vento che sono implicati se si valorizzano i punti di forza e si contengono emitigano i punti di debolezza, alla luce di un serie di opportunità e di rischiche derivano di norma da congiunture/situazioni esterne alle persone.Questa analisi consente di identificare le principali linee guida strategiche inrelazione ad un obiettivo globale di sviluppo personale e professionale.Gli strumentiSaranno proposti test, self assessment, colloqui, per valutare caratteristichepersonali, competenze, capacità e relativi punti di forza e di debolezza.Uno o più consulenti di carriera affiancheranno le persone nella valutazionedella propria situazione professionale e nella analisi dei possibili scenari fu-turi e l’accompagneranno nella costruzione di un piano “d’azione” e durantetutto il percorso di cambiamento.
  17. 17. Se si potesse disegnare una formula per il successo, questa potrebbe es- Il network relazionalesere definita come la sommatoria di tre elementi: il sapere, il network dicontatti e l’autorevolezza.• Il sapere è il nostro capitale umano ovvero ciò che conosciamo e chesappiamo fare• Il network di contatti è il nostro capitale sociale ovvero la nostra dote direlazioni dirette ed indirette• L’autorevolezza è la stima che abbiamo conquistato ovvero le personeche ci vedono come un punto di riferimento.Anche l’utilizzo di strumenti per definire, valutare ed accrescere il networkpersonale, insieme al lavoro sugli altri elementi, farà parte integrante delpercorso di Leadershe.
  18. 18. “Di ciò di cuinon si può parlare,bisogna a pocoa poco cessaredi tacere.”(Christa Wolf, Trama d’infanzia)
  19. 19. Leadershe è un progettoa cura di Barbara Bernardie Simona Manzonec/o EbyGVia Indipendenza 6640121 BolognaTel. 051 4210688

×