Picc regione marche copia

1,686 views
1,265 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,686
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
28
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • ----- Note riunione (08/09/13 17:59) -----
    poliambulatori jesi-maiolati spontini
    cingoli ospedale -poliambulatorio
    RSA + poliambualtori: cupra e filottrano
  • 3 uomini 3 donne donne cht per k della mammella uomini k intestinale k polmonare sindrome carcinoide, tutti PICC funzionanti
  • 1 studio prospettico – ospedale 456 posti letto – diversi tipi di terapia –team dedicato- 6F i venada 5 mm
    2 pz oncologici – complicanz apiù frequente la dislocazione accidentale
    3 89 pz in terapia intensiva sia adulti che pedeiatrici – power picc
    4 pz oncoematologici da sottoporre a trapainto di cell. Staminali.
  • Picc regione marche copia

    1. 1. Il catetere picc: l’esperienza organizzativa e formativa dell’ospedale di jesi Dr.ssa Lavinia Fattorini ASUR Marche Area Vasta 2 U.O.C. Anestesia Terapia Intensiva Analgesia Ospedale di Jesi
    2. 2. La nostra esigenza 2010-2011 • GESTIONE DOMICILIARE- AMBULATORIALE DEL PAZIENTE ONCOLOGICO • CATETERE CENTRALE - A MEDIO TERMINE • UTILIZZABILE IN MANIERA DISCONTINUA – CONTINUA • UTILIZZABILE IN AMBIENTE OSPEDALIERO – AMBULATORIALE DOMICILIARE • COMPATIBILE CON QUALSIASI TIPO DI CHEMIOTERAPICO – SOLUZIONE NUTRIZIONALE • IMPIANTABILE IN PAZIENTI PARTICOLARLMENTE “FRAGILI” • IMPIANTABILE A DOMICILIO/BED SIDE
    3. 3. OSPEDALE CIVILE JESI POSTI LETTO: 297 ONCOLOGIA: VISITE AMBULATORIALI 300-350 nuovi pz/anno DAY HOSPITAL 6000 /anno
    4. 4. ADO-IOM • Assistenza Domicilaire Oncologica – ADO – è organizzata attraverso una collaborazione tra l’Azienda Sanitaria Regionale di riferimento e Istituto Oncologico Marchigiano – IOM – Jesi e Vallesina. • Assistenza domiciliare a persone affette da patologia oncologica o malattie croniche irreversibili in fase avanzata. 300 pazienti/anno
    5. 5. IL NOSTRO PERCORSO formativO • 2010-2011: Corsi di formazione teorico pratico impianto e gestione • Figure professionali: Medici Anestesisti Infermieri ADO-IOM Infermieri Oncologia
    6. 6. Esperienza formativa • CORSI DI FORMAZIONE PREVEDEVANO: a. LEZIONI TEORICHE b. LABORATORIO ECOGRAFICO E SIMULATION BASED EDUCATION c. TIROCINIO CLINICO SU PAZIENTE CON DIRETTA SUPERVISIONE DI UN OPERATORE ESPERTO
    7. 7. ANNO 2011 • AMBULATORIO GRUPPO OPERATORIO • PROTOCOLLO IMPIANTO SICURO PICC ( SIP GAVeCeLT 2010) • CONTROLLO POSIZIONE DELLA PUNTA DEL CATETERE ATTRAVERSO SCOPIA INTRAOPERATORIA • LE SEDUTE DI IMPIANTO VENIVANO ORGANIZZATE IN BASE ALLE RICHIESTE DELL’UNITÀ OPERATIVA DI ONCOLOGIA • PICC TEAM COMPOSTO DA DUE UNITÀ
    8. 8. a. RACCOLTA DATI PAZIENTE a. SCHEDA DI IMPIANTO DEL PRESIDIO
    9. 9. CASISTICA 2011 PICC CASISTICA 2011 NUMERO PZ 60 DURATA PRESIDIO (gg) MEDIA 109 POSIZIONATI A DOMICILIO 0 POSIZIONATI IN REPARTO (bed side) 0 INFEZIONI (inf /1000 gg vita catetere) 0 0/1000 gg TROMBOSI (tvp/1000 gg vita catetere) 1 (0,12%) 0,12/1000g RIMOZIONI ACCIDENTALI 5 (3%)
    10. 10. Le nostre esigenze 2012-2013
    11. 11. CORSO FORMAZIONE INFERMIERI GESTIONE CVC A BREVE - MEDIO -LUNGO TERMINE ANNO 2012-2013
    12. 12. Corso formazione infermieri gestione CATETERE VENOSO CENTRALE ANNO 2012-2013 NUMERO CORSI 14 NUMERO INFERMIERI 286
    13. 13. PREVENZIONE: •INFEZIONI •TROMBOSI CATETERE CORRELATA •OSTRUZIONE CATETERE
    14. 14. RACCOMANDAZIONI PER LA GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE a. LAVAGGIO DELLE MANI – TECNICA NO TOUCH – GUANTI b. DISINFEZIONE CON CLOREXIDINA 2% E GARZE STERILI – DETERSIONE CON FISIOLOGICA DELLA CUTE c. UTILIZZO SUTURELESS DEVICE PER IL FISSAGGIO E SOSTITUZIONE OGNI 7-10 GG d. UTILIZZO DI CAPPUCCIO A VALVOLA A PRESSIONE NEUTRA –PRIMA DELL’UTILIZZO DISINFEZIONE DEL CAPPUCCIO A VALVOLA CON GARZA STERILE E CLOREXIDINA AL 2% PER ALMENO 15 SEC – SOSTITUZIONE OGNI 7 GG O SE SPORCHI DI SANGUE e. LAVAGGIOPULSATO PRIMA E DOPO L’UTILIZZO DEL CATETERE CON 1020 ML DI SOLUZIONE FISIOLOGICA f. UTILIZZO DI MEDICAZIONI SEMIPERMEABILI E TRASPARENTI – SOSTITUZIONE OGNI 7 GG O SE SPORCA O STACCATA
    15. 15. PRIMA DI ACCEDERE AL SISTEMA INFUSIONALE: DISINFETTARE IL CONNETTORE CON CLOREXIDINA AL 2% E GARZA STERILE – FRIZIONARE PER 15 SEC.
    16. 16.  DOPO ESECUZIONE DI UN PRELIEVO EMATICO DA PICC LAVAGGIO PULSATO CON 20 -30 ML DI SOLUZIONE FISIOLOGICA.  ACCERTARE EVENTUALI DISLOCAZIONI PRENDENDO VISIONE DELLA SCHEDA DI IMPIANTO
    17. 17. Seconda medicazione dopo 24 ore. (RNAO, 2005) Medicazioni successive dopo 5/7 giorni. (INS, 2011) Se il sito continua a sanguinare o a secernere, utilizzare medicazione con garza.
    18. 18. ANNO 2012 - PROCEDURA OPERATIVA CURA E GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE AD INSERIMENTO PERIFERICO• DIPARTIMENTO DI EMERGENZA URGENZA – U.O.C. ANESTESIA TERAPIA INTENSIVA ANALGESIA Dir.: Dr. T. Bernacconi • DIPARTIMENTO MEDICO – U.O. ONCOLOGIA TERRITORIALE ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA E CURE PALLIATIVE Dir. f.f.: Dr. L. Giuliodori
    19. 19. PROTOCOLLO SAFE INSERTION PICCS SIP GAVeCeLT 2010 1. LAVAGGIO DELLE MANI – MASSIME PROTEZIONE BARRIERA-ANTISEPSI CON CLOREXIDINA AL 2% 2. ESAME ECOGRAFICO DELLE VENE DEL BRACCIO E DEL COLLO PRIMA DELLA PROCEDURA 3. SCELTA DELLA VENA DI DIAMETRO APPROPIATO (FRENCH CATETERE ≤ mm vena) 4. IDENTIFICAZIONE ARTERIA RADIALE E NERVO MEDIANO PRIMA DI PUNGERE 5. PUNTURA ECOGUIDATA CON MICROINTRODUTTORE ADEGUATO 6. COMPRESSIONE/CONTROLLO DELLA VENA GIUGULARE INTERNA OMOLATERALE AL PASSAGGIO DEL CATETERE 7. CONTROLLO INTRAPROCEDURALE DELLA POSIZIONE DELLA PUNTA MEDIANTE METODO ECG 8. FISSAGGIO DEL CATETERE CON SISTEMA SUTURELESS
    20. 20. UTILIZZO DEL METODO ECG INTRACAVITARIO PER VERIFICARE LA POSIZIONE DELLA PUNTA DEL CATETERE • IL CATETERE STESSO , ripieno di soluzione salina (COLONNA DI LIQUIDO ), funge da elettrodo intracavitario per la registrazione del ECG in II derivazione . • Registrazione dell’ECG all’interno del sistema vascolare invece che dalla superficie cutanea. • Il catetere rimpiazza l’elettrodo standard (rosso) normalmente posizionato a livello della spalla dx.
    21. 21. ECG-guida: Principi Base • catetere in SVC onda P come ECG di superficie. • onda P aumenta in ampiezza massima ampiezza (1/2 o = QRS) giunzione cavo atriale. • P con iniziale deflessione negativa porzione prox atrio dx, bifasica atrio dx, negativa V.dx
    22. 22. ANNO 2012 • CONSOLIDATO E AMPLIATO IL TEAM DEDICATO ALL’INSERIMENTO DEL PICC • PROGRAMMATO DUE SEDUTE AL MESE PER L’IMPIANTO PICC • ESEGUITI CIRCA 100-150 ACCESSI NELL’ANNO 2012 IN REPARTO MEDICO E CHIRURGICO PER LA GESTIONE DEI PICC E SISTEMI TOT. IMPIANTABILI DA PARTE DEL SERVIZIO ADO-IOM & ANESTESIA • UNIFORMATO I MATERIALI ALL’INTERNO DELLA ZONA TERRITORIALE DI JESI: MEDICAZIONI SEMITRASPARENTI CLOREXIDINA AL 2% CAPPUCCI A VALVOLA A PRESSIONE NEUTRA STURULESS DEVICE - STATLOCK®
    23. 23. Casistica anno 2012 PICC CASISTICA 2012 NUMERO PICC IMPIANTATI Pz oncologici 135 123 DURATA MEDIA gg 113 IMPIANTO BED SIDE 4 IMPIANTO A DOMICILIO 2 RIMOZIONI ACCIDENTALI 6 (4,4%) OCCLUSIONE 4 (3%) INFEZIONI n/10000 gg vita catetere 1 0,06/1000 gg TVP n/10000 gg vita catetere 6 (4,4%) 0,4/1000 gg
    24. 24. CASISTICA 2013 PICC CASISTICA AGOSTO 2013 NUMERO DI PICC IMPIANTATI PZ ONCOLOGICI 91 82 IMPIANTO BED SIDE 3 DURATA MEDIA gg 74 TVP Num. Casi./1000g vita catetere 2 (1,8%) 0,3/1000gg vita catetere IINFEZIONI Num. Casi./1000g vita catetere 0 0/1000 gg vita catetere DISLOCAZIONI ACCIDENTALI 5 (5,5%) OCCLUSIONI 5 (5,5%)
    25. 25. NUM. PICC DUARATA gg TVP-PICC corr. R.Scott et al. –Chest2010 2014 7 (<1-78) 3% Moraza-Dulanto et. al – Enferm Clin - 2013 165 92 3% Pittiruti et al. – Critical Care 2012 89 22 2% (2/89) Bellesi et al. – Supp. Care Cancer - 2013 60 19 (6-124) 2.3 / 1000 gg (5%)
    26. 26. ROTTURA DEL CATETERE 2011
    27. 27. REAZIONE ALLERGICA ALLA MEDICAZIONE
    28. 28. Trattamento con idrocolloide
    29. 29. 12 settembre 14 settembre 14 settembre 17 settembre
    30. 30. ROTTURA DELLO STATLOCK
    31. 31. I nostri progetti per l’anno 2013-2014 • AMBULATORIO – CONSULENZA INFERMIERISTICA • PROCEDURA OPERATIVA PER IL TRATTAMENTO – DEFINIZIONE TROMBOSI VENOSA PERICATETERE • REVISIONE PROCEDURA OPERATIVA - GESTIONE TERAPIA CATETERE TERAPIA NUTRIZIONALE • ADDESTRAMENTO DI ALTRE DUE UNITÀ PER AMPLIARE IL PICC TEAM • REVISIONE SCHEDA DI IMPIANTO – CONSENSO INFORMATO – BROCHURE PER I PZ
    32. 32. GRAZIE PER L’ATTENZIONE

    ×