0
Il dolore post operatorio  19 Novembre 2011 FARMACI E VIE DI SOMMINISTRAZIONE Dr.ssa Lavinia Fattorini U.O.C Anestesia, An...
Via intramuscolare <ul><li>Via intramuscolare andrebbe abbandonata </li></ul><ul><li>per la somministrazione di farmaci </...
Via endovenosa <ul><li>Il farmaco iniettato si distribuisce nel plasma e poi raggiunge i tessuti fino ad una condizione di...
Modalità di somministrazione endovenosa <ul><li>Si esegue una titolazione del farmaco attraverso una dose di carico (bolo)...
Patient controlled analgesia <ul><li>La dose di farmaci da somministrare non è fissata arbitrariamente dal medico ma dal p...
VIA INTRATECALE <ul><li>Iniezione del farmaco nello spazio subaracnoideo compreso tra l’aracnoide e la pia madre in cui ci...
VIA PERIDURALE <ul><li>Vol. totale che varia da 50 a 100 ml. </li></ul><ul><li>Spazio potenziale. </li></ul><ul><li>Costit...
VIA PERINERVOSA <ul><li>Blocco perinervoso continuo con introduzione di un catetere nelle vicinanze di un nervo o di un pl...
Modalità di somministrazione per via peridurale e perinervosa <ul><li>Infusione  continua </li></ul><ul><li>infusione cont...
Vie di somministrazione dei farmaci <ul><li>ORALE: </li></ul><ul><li>Più agevole e meno invasiva </li></ul><ul><li>Il pz d...
Via orale <ul><li>Difficoltà nella titolazione </li></ul><ul><li>Inizio d’azione (onset) ritardato </li></ul><ul><li>UTILE...
Via sottocutanea <ul><li>Poco dolorosa, vanno iniettati piccoli volumi (0.5/1 ml) </li></ul><ul><li>L’assorbimento delle  ...
Chronogesic Sufentanil infusione continua s.c. <ul><li>Placca sottocutanea in titanio </li></ul><ul><li>Pompa osmotica </l...
Via transdermica <ul><li>Onset time è lento poiché il farmaco deve superare lo strato corneo </li></ul><ul><li>Liberazione...
Fentanyl patient-controlled transdermal analgesia PCTA <ul><li>IL DISPOSITIVO E-TRANS™ FUNZIONA FACENDO PASSARE UNA BASSA ...
Terapia antalgica post-operatoria multimodale <ul><li>DOLORE fisiologicamente è un processo dinamico ed multidimensionale ...
Farmaci non oppiodi <ul><li>Farmaci antinfiammatori non steroidei </li></ul><ul><li>Analgesica </li></ul><ul><li>Antinfiam...
Meccanismo d’azione dei FANS FANS riducono la sintesi dei prostanoidi che svolgono una azione di sensibilizzazione a livel...
Meccanismo d’azione dei FANS
Meccanismo azione FANS <ul><li>Inibiscono l’enzima Prostaglandine Sintetasi (PGHsintetasi) definito anche COX. </li></ul><...
Meccanismo d’azione dei FANS <ul><li>COX 1  enzima costitutivo, responsabile della sintesi della PG che regolano l’aggrega...
Meccanismo d’azione dei FANS <ul><li>COX2  enzima in gran parte inducibile, la cui sintesi avviene nel sito di infiammazio...
Effetti collaterali dei FANS <ul><li>Azione gastrolesiva ( riducono i livelli di PG che stimola la secrezione di muco a li...
FANS <ul><li>Via di somministrazione principale ENDOVENA ad orario o infusione continua </li></ul><ul><li>Notevole legame ...
Ketorolac <ul><li>Ottima aziona analgesica, minore azione antinfiammatoria. </li></ul><ul><li>Potenza analgesica simile a ...
Ketoprofene <ul><li>Potere analgesico equivalente  al ketorolac, </li></ul><ul><li>maggiore azione antinfiammatoria. </li>...
Paracetamolo <ul><li>Sintetizzato 1878, entrato nell’uso clinico nel 1893. </li></ul><ul><li>Azione analgesica  ed antipir...
Paracetamolo <ul><li>Non riesce ad agire a livello dei leucociti attivati, piastrine ed tessuti infiammati. </li></ul><ul>...
Paracetamolo <ul><li>Somministrazione ev. in bolo rapido non più di 15 minuti. </li></ul><ul><li>Somministrazioni ad orari...
Paracetamolo <ul><li>Subisce un metabolismo epatico (metaboliti glicurono-solfo coniugati inattivi) eliminati per via rena...
Paracetamolo <ul><li>Adulti > 50 Kg : 1 gr ev in bolo massimo 4 gr. / die </li></ul><ul><li>Adulti < 50 Kg  ed </li></ul><...
Interazione FANS - Paracetamolo <ul><li>Azione analgesica sinergica; particolarmente spiccato con Ketorolac, Ketoprofene, ...
Oppiacei <ul><li>Sono farmaci efficaci nel controllo del dolore  nocicettivo  soprattutto nella componente viscerale e som...
Oppiacei <ul><li>Morfina: somministrata ev, intratecale , peridurale ed sottocutanea. </li></ul><ul><li>Sufentanil: sommin...
Meccanismo d’azione degli oppiacei  Vie discendente reticolo spinale anteriore (mediatori,serotonina,noradrenalina) ed lat...
Meccanismo d’azione degli oppiacei <ul><li>Via reticolo spinale  modula la trasmissione della nocicezione attraverso due m...
<ul><li>Analgesia  </li></ul><ul><li>Sopraspinale </li></ul><ul><li>Euforia </li></ul><ul><li>Aumenta rilascio PRL </li></...
Effetti collaterali oppioidi <ul><li>Depressione respiratoria  immediata e tardiva . </li></ul><ul><li>Riduzione della fre...
Effetti collaterali degli oppiacei <ul><li>Nausea e vomito, utili farmaci che velocizzano lo svuotamento gastrico ed gli a...
Morfina <ul><li>Molecola idrofila  </li></ul><ul><li>L’età è il principale fattore che influenza la farmacocinetica </li><...
Sufentanil <ul><li>Molecola altamente lipofila </li></ul><ul><li>Oppiaceo più potente 500/1000 volte più potente della mor...
Analgesia perimidollare <ul><li>Morfina, idrofila, aumentata permanenza nel liquor,distribuzione in senso caudo craniale c...
Analgesia perimidollare <ul><li>Fentanyl, Sufentanil, lipofili, azione di distribuzione sistemica più rapida, onset più ra...
Analgesia peridurale <ul><li>Oppioidi lipofili (sufentanil-fentanil) si discute se svolgano azione sistemica o spinale </l...
Tramadolo <ul><li>Debole agonista recettori  μ  ed inibizione del reuptake  della noradrenalina e facilita il rilascio del...
Tramadolo <ul><li>Minore depressione respiratoria rispetto gli altri oppiacei </li></ul><ul><li>Buona tolleranza nei pazie...
Terapia antalgica Multimodale <ul><li>FANS in associazione con oppiacei risparmio dell’oppioide di circa il 30% </li></ul>...
Anestetici locali <ul><li>Bloccano in maniera reversibile e prevedibile la generazione dell’impulso elettrico a livello de...
Anestetici Locali <ul><li>Molecole elevata potenza (alta liposobulità) </li></ul><ul><li>Lunga durata d’azione (legame pro...
Somministrazione per via Peridurale <ul><li>Blocco delle radici nervose che percorrono lo spazio peridurale per raggiunger...
Somministrazione perinervosa <ul><li>Tecnica meno invasiva rispetto alla via peridurale </li></ul><ul><li>Scarsi effetti e...
Terapia farmacologica Multimodale <ul><li>DOLORE è una percezione cosciente sensoriale come il tatto, l’olfatto, la vista ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Farmaci e vie di somministrazione 20 maggio

3,290

Published on

farmaci e vie di somminnistrazioni per il trattamento del dolore post operatorio

Published in: Health & Medicine
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
3,290
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
37
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Farmaci e vie di somministrazione 20 maggio"

  1. 1. Il dolore post operatorio 19 Novembre 2011 FARMACI E VIE DI SOMMINISTRAZIONE Dr.ssa Lavinia Fattorini U.O.C Anestesia, Analgesia e Rianimazione Dir. Tonino Bernacconi
  2. 2. Via intramuscolare <ul><li>Via intramuscolare andrebbe abbandonata </li></ul><ul><li>per la somministrazione di farmaci </li></ul><ul><li>analgesici perché DOLOROSA e poco </li></ul><ul><li>prevedibile l’assorbimento. </li></ul>
  3. 3. Via endovenosa <ul><li>Il farmaco iniettato si distribuisce nel plasma e poi raggiunge i tessuti fino ad una condizione di equilibrio. La quota di farmaco che agisce è quella che raggiunge l’organo bersaglio. </li></ul><ul><li>Rapido onset </li></ul><ul><li>Precisa titolazione del farmaco </li></ul><ul><li>Offset è in funzione dell’emivita del farmaco </li></ul>
  4. 4. Modalità di somministrazione endovenosa <ul><li>Si esegue una titolazione del farmaco attraverso una dose di carico (bolo). </li></ul><ul><li>Mantenimento: </li></ul><ul><li>infusioni ad orario fisso (NO AL BISOGNO) </li></ul><ul><li>infusione endovenosa continua </li></ul><ul><li>infusione continua + boli gestiti dal paziente (PCA) </li></ul><ul><li>Patient Controlled Analgesia </li></ul>
  5. 5. Patient controlled analgesia <ul><li>La dose di farmaci da somministrare non è fissata arbitrariamente dal medico ma dal paziente che è il miglior giudice del proprio dolore. </li></ul><ul><li>Viene impostata una dose bolo ossia la quantità di farmaco da erogare ad ogni richiesta. </li></ul><ul><li>Tempo di lock out: T. che deve intercorrere tra due boli successivi </li></ul><ul><li>Dose massima oraria </li></ul>
  6. 6. VIA INTRATECALE <ul><li>Iniezione del farmaco nello spazio subaracnoideo compreso tra l’aracnoide e la pia madre in cui circola il liquor (vol.tot=90-150 ml). </li></ul><ul><li>Diffusione attraverso il liquor azione sulle radici nervose ed a livello del corno posteriore </li></ul><ul><li>Diffusione attraverso la dura, assorbimento vasi peridurale e passaggio nel circolo sistemico </li></ul>
  7. 7. VIA PERIDURALE <ul><li>Vol. totale che varia da 50 a 100 ml. </li></ul><ul><li>Spazio potenziale. </li></ul><ul><li>Costituito da vasi sanguigni e linfatici, radici nervose post. ed ant. e tessuto grasso. </li></ul><ul><li>Azione dei farmaci: </li></ul><ul><li>radici spinali, gangli spinali, nervi spinali ed corna dorsali (diffusione verso lo spazio subaracnoideo). </li></ul>
  8. 8. VIA PERINERVOSA <ul><li>Blocco perinervoso continuo con introduzione di un catetere nelle vicinanze di un nervo o di un plesso tributario della zona di interesse chirurgico. </li></ul>
  9. 9. Modalità di somministrazione per via peridurale e perinervosa <ul><li>Infusione continua </li></ul><ul><li>infusione continua + boli gestiti dal paziente (PCA) </li></ul><ul><li>Patient Controlled Analgesia </li></ul>
  10. 10. Vie di somministrazione dei farmaci <ul><li>ORALE: </li></ul><ul><li>Più agevole e meno invasiva </li></ul><ul><li>Il pz deve essere cosciente e collaborante </li></ul><ul><li>Assenza di nausea vomito ed ileo </li></ul><ul><li>Non somministrare elevate dosi di farmaci prima della ripresa della canalizzazione, accumulo in sede gastrica o duodenale rischio di dumping effect </li></ul>
  11. 11. Via orale <ul><li>Difficoltà nella titolazione </li></ul><ul><li>Inizio d’azione (onset) ritardato </li></ul><ul><li>UTILE NELLA PROSECUZIONE DI UNA TERAPIA ANTALGICA INIZIATA PER VIA ENDOVENOSA O PERIDURALE O PERINERVOSA (bridge analgesico) </li></ul>
  12. 12. Via sottocutanea <ul><li>Poco dolorosa, vanno iniettati piccoli volumi (0.5/1 ml) </li></ul><ul><li>L’assorbimento delle soluzioni acquose è costante e garantisce un effetto duraturo del farmaco </li></ul><ul><li>Via adatta per somministrazioni frequenti ed per infusione continua. </li></ul><ul><li>No somministrazione di alti volumi </li></ul><ul><li>No farmaci irritanti (rischio di necrosi) </li></ul>
  13. 13. Chronogesic Sufentanil infusione continua s.c. <ul><li>Placca sottocutanea in titanio </li></ul><ul><li>Pompa osmotica </li></ul><ul><li>Rilascio continuo del farmaco, garantito fino a 90 giorni </li></ul>
  14. 14. Via transdermica <ul><li>Onset time è lento poiché il farmaco deve superare lo strato corneo </li></ul><ul><li>Liberazione in circolo del principio attivo a velocità controllata (sistemi a matrice/sistemi passivi) </li></ul><ul><li>Offset time lungo (in parte il farmaco si accumula nel derma) </li></ul><ul><li>Strato corneo addome e dorso più sottile e più rapido il passaggio </li></ul><ul><li>Di solito farmaci lipofili, basso peso molecolare </li></ul><ul><li>Una volta raggiunto lo steady state, le [ PL] del farmaco si mantengono costanti. </li></ul>
  15. 15. Fentanyl patient-controlled transdermal analgesia PCTA <ul><li>IL DISPOSITIVO E-TRANS™ FUNZIONA FACENDO PASSARE UNA BASSA CORRENTE ELETTRICA TRA DUE ELETTRODI ATTRAVERSO LA PELLE DEL PAZIENTE. IL FARMACO CARICO ESCE DAL PROPRIO DEPOSITO E VIENE ATTRATTO VERSO L’ELETTRODO DI OPPOSTA POLARITA’. </li></ul><ul><li>IL PAZIENTE PUO’ REGOLARE L’EROGAZIONE DEL FARMACO A SECONDA DELLE PROPRIE ESIGENZE. </li></ul><ul><li>IL SISTEMA E-TRANS™ SI E’ RIVELATO MOLTO PROMETTENTE </li></ul><ul><li>SOPRATTUTTO NEL TRATTAMENTO DEL DOLORE ACUTO E CRONICO (FENTANYL). </li></ul>
  16. 16. Terapia antalgica post-operatoria multimodale <ul><li>DOLORE fisiologicamente è un processo dinamico ed multidimensionale non una semplice trasmissione sensoriale di un impulso </li></ul>
  17. 17. Farmaci non oppiodi <ul><li>Farmaci antinfiammatori non steroidei </li></ul><ul><li>Analgesica </li></ul><ul><li>Antinfiammatoria </li></ul><ul><li>Antipiretica </li></ul><ul><li>Principale via di somministrazione : </li></ul><ul><li>Endovenosa ad orario od infusione continua </li></ul><ul><li>Orale ad orario </li></ul>
  18. 18. Meccanismo d’azione dei FANS FANS riducono la sintesi dei prostanoidi che svolgono una azione di sensibilizzazione a livello del nocicettore periferico (PGE) e del secondo neurone. L’uso nel dolore acuto post-operatorio è giustificato dal fatto che nell’insulto chirurgico provoca una reazione simil-infiammatoria. PGH2 PROSTAGLANDINE PROSTACICLINE TROMBOSSANI
  19. 19. Meccanismo d’azione dei FANS
  20. 20. Meccanismo azione FANS <ul><li>Inibiscono l’enzima Prostaglandine Sintetasi (PGHsintetasi) definito anche COX. </li></ul><ul><li>COX (ciclossigenasi) la prima attività </li></ul><ul><li>dell’enzima la seconda è perossidasica. </li></ul><ul><li>La reazione parte dall’ac. Arachidonico che </li></ul><ul><li>viene trasformato in </li></ul><ul><li> PROSTAGLANDINA H 2 </li></ul>
  21. 21. Meccanismo d’azione dei FANS <ul><li>COX 1 enzima costitutivo, responsabile della sintesi della PG che regolano l’aggregazione piastrinica, la produzione di muco a livello gastrico e la perfusione renale. </li></ul>
  22. 22. Meccanismo d’azione dei FANS <ul><li>COX2 enzima in gran parte inducibile, la cui sintesi avviene nel sito di infiammazione per la stimolazione delle citochine. Viene espresso costitutivamente nel SNC, macula densa del rene, trachea e modula la funzione dell’endotelio vascolare. </li></ul>
  23. 23. Effetti collaterali dei FANS <ul><li>Azione gastrolesiva ( riducono i livelli di PG che stimola la secrezione di muco a livello gastrico) </li></ul><ul><li>Azione antiaggregante ( azione inibitoria su Cox 1 posseduto dalle piastrine) </li></ul><ul><li>Alterazione della funzione renale ( in pz con lieve insuff. Renale o condizioni di ipoperfusione le PG azione vasodilatatrice a livello delle arteriole renali ) </li></ul><ul><li>Reazioni asmatiche (in soggetti atopici, aumento dei leucotrieni) </li></ul>
  24. 24. FANS <ul><li>Via di somministrazione principale ENDOVENA ad orario o infusione continua </li></ul><ul><li>Notevole legame proteine plasmatiche </li></ul><ul><li>Buona distribuzione nel liquido sinoviale </li></ul><ul><li>Subiscono metabolismo epatico </li></ul><ul><li>Vengono eliminati attraverso il rene </li></ul>
  25. 25. Ketorolac <ul><li>Ottima aziona analgesica, minore azione antinfiammatoria. </li></ul><ul><li>Potenza analgesica simile a 8-10 mg di morfina </li></ul><ul><li>Onset iv 30 min, </li></ul><ul><li>Massima [ Pl] 1-2 h </li></ul><ul><li>Durata azione in media 6-8 ore </li></ul><ul><li>Bolo 15-30 mg; </li></ul><ul><li><65 anni dose massima 90 mg/die </li></ul><ul><li>> 65 anni dose massima 60 mg/die </li></ul><ul><li>Controindicato l’uso sotto i 16 anni </li></ul><ul><li>Terapia ev mantenuta al massimo due giorni </li></ul>
  26. 26. Ketoprofene <ul><li>Potere analgesico equivalente al ketorolac, </li></ul><ul><li>maggiore azione antinfiammatoria. </li></ul><ul><li>Onset 30 min. </li></ul><ul><li>Massima [Pl] : 1-2 h </li></ul><ul><li>Durata d’azione 8-10 ore </li></ul><ul><li>Bolo 100 mg ev </li></ul><ul><li>Dose massima 200 mg/die </li></ul><ul><li>Durata della terapia ev massimo due giorni </li></ul>
  27. 27. Paracetamolo <ul><li>Sintetizzato 1878, entrato nell’uso clinico nel 1893. </li></ul><ul><li>Azione analgesica ed antipiretica non antiinfiammatoria. </li></ul><ul><li>Agisce come substrato per il sito perossidasico (POX) delle PGHS-12, trasformando l’enzima nella forma inattiva. </li></ul><ul><li>NON agisce in ambienti dove c’è alta concentrazione di sostanze ossidante. </li></ul>
  28. 28. Paracetamolo <ul><li>Non riesce ad agire a livello dei leucociti attivati, piastrine ed tessuti infiammati. </li></ul><ul><li>Nessuna azione a livello gastrico, renale ed funzionalità piastrinica </li></ul><ul><li>Azione a livello SNC, riduce la sintesi PGE2. </li></ul><ul><li>Interagisce con le vie discendenti oppioidi- correlate </li></ul><ul><li>Sembra attivare vie discendenti serotoninergiche </li></ul><ul><li>Interazione con i recettori per i cannabinoidi. </li></ul>
  29. 29. Paracetamolo <ul><li>Somministrazione ev. in bolo rapido non più di 15 minuti. </li></ul><ul><li>Somministrazioni ad orario ogni 6 o 8 ore </li></ul><ul><li>Onset 30 minuti </li></ul><ul><li>Durata d’azione 4-6 ore </li></ul><ul><li>Controindicato in caso di grave epatopatia, soggetti malnutriti, alcolisti </li></ul><ul><li>Induce emolisi nei soggetti con deficit dell’enzima glucosio 6 fosfato deidrogenasi (favismo) </li></ul>
  30. 30. Paracetamolo <ul><li>Subisce un metabolismo epatico (metaboliti glicurono-solfo coniugati inattivi) eliminati per via renale. </li></ul><ul><li>Piccola frazione metabolizzata da CYP 450 di un metabolita attivo (NAPQI) neutralizzato dal glutatione. Se tale metabolita si accumula provoca necrosi cellulare epatica. </li></ul>
  31. 31. Paracetamolo <ul><li>Adulti > 50 Kg : 1 gr ev in bolo massimo 4 gr. / die </li></ul><ul><li>Adulti < 50 Kg ed </li></ul><ul><li> Bambini/adolescenti > 33 Kg < 50 kg : </li></ul><ul><li>15 mg/Kg in bolo, massimo 3 gr./ die </li></ul><ul><li>Bambini 10-33 Kg (1-11 anni): 15 mg/kg in bolo massimo 2 gr. /die </li></ul><ul><li>Neonati a termine e bambini < 10 Kg: bolo 7,5 mg/Kg in bolo massimo 1 gr/die. </li></ul>
  32. 32. Interazione FANS - Paracetamolo <ul><li>Azione analgesica sinergica; particolarmente spiccato con Ketorolac, Ketoprofene, nimesulide e diclofenac. </li></ul><ul><li>Sono farmaci efficaci nel controllo del dolore nocicettivo nella componente somatica superficiale e profonda. </li></ul><ul><li>Controllo del dolore di intensità lieve e moderato </li></ul>
  33. 33. Oppiacei <ul><li>Sono farmaci efficaci nel controllo del dolore nocicettivo soprattutto nella componente viscerale e somatica profonda e nel dolore neuropatico periferico </li></ul>
  34. 34. Oppiacei <ul><li>Morfina: somministrata ev, intratecale , peridurale ed sottocutanea. </li></ul><ul><li>Sufentanil: somministarto ev, intratecale e peridurale </li></ul><ul><li>Fentanyl: somministrato per via ev, intratecale, peridurale, transmucosale, tramsdermica. </li></ul><ul><li>Sono agonisti puri per i recettori degli oppiacei, interazione con il recettore produrrà il massimo effetto possibile. </li></ul>
  35. 35. Meccanismo d’azione degli oppiacei Vie discendente reticolo spinale anteriore (mediatori,serotonina,noradrenalina) ed laterale (endorfine) prendono origine dal Grigio periacqueduttale, nucleo del rafe magno, nucleo giganto reticolare, ampia distribuzione dei recettori degli oppiacei.
  36. 36. Meccanismo d’azione degli oppiacei <ul><li>Via reticolo spinale modula la trasmissione della nocicezione attraverso due meccanismi </li></ul><ul><li>Riduzione dell’attivazione della via spinotalamica ( azione inibitoria sinaptica ) </li></ul><ul><li>Riducendo l’ingresso impulsi nocicettivi a livello delle radici posteriori dove decorrono le fibre che trasmettono gli stimoli algogeni ( via inibitoria presinaptica ) </li></ul>
  37. 37. <ul><li>Analgesia </li></ul><ul><li>Sopraspinale </li></ul><ul><li>Euforia </li></ul><ul><li>Aumenta rilascio PRL </li></ul><ul><li>Spasmo sfint. Oddi </li></ul><ul><li>Ritenzione urinaria </li></ul><ul><li>Analgesia </li></ul><ul><li>spinale </li></ul><ul><li>Nausea/Vomito </li></ul><ul><li>Depressione </li></ul><ul><li>Respiratoria </li></ul><ul><li>Stipsi </li></ul><ul><li>Analgesia </li></ul><ul><li>Spinale </li></ul><ul><li>Sedazione </li></ul><ul><li>Riduce ADH </li></ul><ul><li>Analgesia </li></ul><ul><li>Spinale </li></ul><ul><li>Miosi </li></ul><ul><li>Stipsi </li></ul>Recettori degli oppiacei μ 1 μ 2 κ δ
  38. 38. Effetti collaterali oppioidi <ul><li>Depressione respiratoria immediata e tardiva . </li></ul><ul><li>Riduzione della frequenza resp. ma non della profondità del respiro. </li></ul><ul><li>Riduzione della risposta del centro respiratorio midollare allo stimolo ipercapnico </li></ul><ul><li>Attento monitoraggio nel paziente con BPCO, condizioni di sleep apnea, età estreme. </li></ul><ul><li>In caso di depressione respiratoria somministrare ossigeno , allertare l’anestesista, somministrare Naloxone (Narcan) 1 fiala diluita a 10 ml, iniziare con un bolo da 3-5 ml. </li></ul>
  39. 39. Effetti collaterali degli oppiacei <ul><li>Nausea e vomito, utili farmaci che velocizzano lo svuotamento gastrico ed gli antiemetici ad azione centrale come lo zofran ed il droperidolo. </li></ul><ul><li>Prurito </li></ul><ul><li>Stipsi </li></ul><ul><li>Ritenzione Urinaria </li></ul>
  40. 40. Morfina <ul><li>Molecola idrofila </li></ul><ul><li>L’età è il principale fattore che influenza la farmacocinetica </li></ul><ul><li>Dose giornaliera calcolata (dai 20-70 anni) 100-età. </li></ul><ul><li>Processo di glicuroconuigazione epatica, formazione di metabilita attivo M 6 Gluc. (10% della dose) </li></ul><ul><li>Eliminazione renale </li></ul><ul><li>Precauzioni nei pz con insuff renale (rischio di accumulo) </li></ul><ul><li>Durata effetto analgesico 4h </li></ul>
  41. 41. Sufentanil <ul><li>Molecola altamente lipofila </li></ul><ul><li>Oppiaceo più potente 500/1000 volte più potente della morfina </li></ul><ul><li>Onset rapido : circa 6 min dopo bolo ev. </li></ul><ul><li>Emivita: 2.5 h, aumenta nel paziente obeso 3.5 h </li></ul><ul><li>Non ha metaboliti attivi </li></ul><ul><li>90% legato a proteine plasmatiche. </li></ul>
  42. 42. Analgesia perimidollare <ul><li>Morfina, idrofila, aumentata permanenza nel liquor,distribuzione in senso caudo craniale con la possibilità di espandere l’area di analgesia a diversi metameri. </li></ul><ul><li>Onset tima dopo bolo 25-30 min; 12 -20 ore durata dell’effetto analgesico. </li></ul><ul><li>Depressione respiratoria:incidenza globale rara (0.09%-0,4%) </li></ul><ul><li> morfina 6 ore dopo la somministrazione per diffusione rostrale nel liquor, l’incidenza si riduce le ore successive ma permane alta fino alla 18° ora. </li></ul><ul><li>Osservazione del paziente : almeno 24 ore . </li></ul>
  43. 43. Analgesia perimidollare <ul><li>Fentanyl, Sufentanil, lipofili, azione di distribuzione sistemica più rapida, onset più rapido e durata analgesica più breve. </li></ul><ul><li>Onset time dopo bolo di fentanyl 4-10 min; durata dell’effetto analgesico 3-6 ore </li></ul><ul><li>Onset time dopo bolo di sufentanil 7 min; durata effetto analgesico 4-7 ore </li></ul><ul><li>Depressione respiratoria:incidenza globale rara (0.09%-0,4%) </li></ul><ul><li>oppiacei lipofili 30-40 min dalla somministrazione per distribuzione sistemica, osservazione dl paziente per circa 6 ore. </li></ul>
  44. 44. Analgesia peridurale <ul><li>Oppioidi lipofili (sufentanil-fentanil) si discute se svolgano azione sistemica o spinale </li></ul><ul><li>Morfina azione analgesica per via spinale (attenzione depressione respiratoria tardiva) </li></ul>
  45. 45. Tramadolo <ul><li>Debole agonista recettori μ ed inibizione del reuptake della noradrenalina e facilita il rilascio della serotonina a livello della via reticolo spinale (modulazione impulsi nocicettivi) </li></ul><ul><li>1/10 meno potente della morfina </li></ul><ul><li>Miscela di due enantiomeri </li></ul><ul><li>Metabolita attivo sui recettori μ </li></ul><ul><li>Efficace nel dolore nocicettivo ed neuropatico </li></ul><ul><li>Somministrazione ev e per os </li></ul>
  46. 46. Tramadolo <ul><li>Minore depressione respiratoria rispetto gli altri oppiacei </li></ul><ul><li>Buona tolleranza nei pazienti anziani,obesi e fumatori. </li></ul><ul><li>Riduzione dell’incidenza della nausea e del vomito modulando la velocità di infusione </li></ul><ul><li>Interazioni:ondansetron usato in associazione come trattamento antiemetico nel post operatorio, causa una sensibile riduzione dell’efficacia. </li></ul>
  47. 47. Terapia antalgica Multimodale <ul><li>FANS in associazione con oppiacei risparmio dell’oppioide di circa il 30% </li></ul><ul><li>Paracetamolo in associazione con oppiacei risparmio dell’oppiaceo del 24% </li></ul>
  48. 48. Anestetici locali <ul><li>Bloccano in maniera reversibile e prevedibile la generazione dell’impulso elettrico a livello della fibra nervosa senza la compromissione dello stato di coscienza. </li></ul><ul><li>Inattivano i canali del Sodio voltaggio dipendenti, responsabile della generazione dell’impulso elettrico </li></ul>
  49. 49. Anestetici Locali <ul><li>Molecole elevata potenza (alta liposobulità) </li></ul><ul><li>Lunga durata d’azione (legame proteico) </li></ul><ul><li>Onset time intermedio (pKa) </li></ul><ul><li>Bassa tossicità </li></ul><ul><li>Ropivacaina, levo-bupivacaina (aminoamidi) </li></ul><ul><li>Effetti collaterali dovuti ad accidentale iniezione intrarteriosa o endovenosa dell’anestetico locale: </li></ul><ul><li>Neurotossicità </li></ul><ul><li>Cardiotossicità </li></ul>
  50. 50. Somministrazione per via Peridurale <ul><li>Blocco delle radici nervose che percorrono lo spazio peridurale per raggiungere i forami intervertebrali. </li></ul><ul><li>Volume iniettato regola l’estensione del blocco </li></ul><ul><li>Concentrazione del farmaco regola la selettività del blocco (sensitivo, motorio). </li></ul><ul><li>Azione sinergica con i farmaci oppiacei </li></ul>
  51. 51. Somministrazione perinervosa <ul><li>Tecnica meno invasiva rispetto alla via peridurale </li></ul><ul><li>Scarsi effetti emodinamici </li></ul><ul><li>Buon controllo del dolore nocicettivo superficiale e profondo </li></ul>
  52. 52. Terapia farmacologica Multimodale <ul><li>DOLORE è una percezione cosciente sensoriale come il tatto, l’olfatto, la vista e l’udito. </li></ul><ul><li>La fisiologia del dolore come quella dei sensi dipende da afttori somatici, psichici e socioculturali. </li></ul><ul><li>Il DOLORE non è, semplicemente, il prodotto finale di un sistema di strasmissioni sensoriali lineare ma è un PROCESSO DINAMICO caratterizzato da continue interazioni della varie componeneti sottocorticali e corticali del SNC. </li></ul>
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×