Your SlideShare is downloading. ×
02 laboratorio colloquio
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

02 laboratorio colloquio

329
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
329
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE
  • 2. PERCHE’ PARLIAMO DI COMUNICAZIONE?
    • IL CONTESTO (ESTERNO-INTERNO) RICHIEDE SEMPRE PIU’ UNA CAPACITA’ DI COMUNICAZIONE EFFICACE
    • L’EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE INFLUENZA IL CLIMA, LA CULTURA, IL RAGGIUNGIMENTO DEI RISULTATI DI CIASCUNA UNITA’ ORGANIZZATIVA
    • LA RESPONSABILITA’ DELL’EFFICACIA E’ DI CHI ATTIVA IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE
    • UNA COMUNICAZIONE E’ EFFICACE QUANDO RAGGIUNGE GLI OBIETTIVI CHE SI PROPONE
  • 3. NON SI PUO’ NON COMUNICARE OGNI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONE RELAZIONALE E’ UNA COMUNICAZIONE CIOE’ UN MESSAGGIO FINALIZZATO AD UN OBIETTIVO DI INFLUENZAMENTO IN TAL SENSO LA STESSA ASSENZA DI COMUNICAZIONE VERBALE E’UNA COMUNICAZIONE CHE PUO’ SIGNIFICARE: NON VOGLIO COMUNICARE CON TE NON HO TEMPO NON MI INTERESSI
  • 4. NON SI PUO’ NON COMUNICARE CONSEGUENTEMENTE NON SOLO LE PAROLE, MA ANCHE I GESTI, I VESTITI, I TONI DI VOCE, LE PAUSE, GLI SGUARDI, I MOVIMENTI, SONO COMPORTAMENTI E COME TALI SONO COMUNICAZIONE
  • 5.
    • CONTENUTO E RELAZIONE
    OGNI COMUNICAZIONE HA DUE LIVELLI DI CONTENUTO DI RELAZIONE CONTENUTO LA NOTIZIA OGGETTIVA IN SE’, IL DATO, L’INFORMAZIONE, L’OPINIONE RELAZIONE IL MODO SOGGETTIVO DI INTERPRETARE LA NOTIZIA RISPETTO AL SUO SIGNIFICATO RELAZIONALE
  • 6. disaccordo contenuto relazione accordo contenuto relazione accordo disaccordo contenuto relazione accordo disaccordo relazione contenuto C’è stato qualche caso di pazzia nella tua famiglia? Sì, uno. Il mio quando ho sposato te.
  • 7. NUMERICO E ANALOGICO SI COMUNICA USANDO DUE MODULI (CODICI): MODULO NUMERICO : BASATO SU SIMBOLI CHE RAPPRESENTANO CONVENZIONALMENTE CIO’ CHE SI VUOLE COMUNICARE AD ESEMPIO PAROLE, NUMERI… MODULO ANALOGICO : BASATO SU RAPPRESENTAZIONI CHE SONO IN SE’ AFFINI A CIO’ CHE SI VUOLE COMUNICARE AD ESEMPIO GESTI, DISEGNI, TONI, INFLESSIONI, MOVIMENTI ETC .
  • 8. EFFICACIA COMUNICAZIONALE 55% LINGUAGGIO DEL CORPO 38% TONO 7% SIGNIFICATO
  • 9. SIMMETRIA E COMPLEMENTARIETA’ OGNI MESSAGGIO (CONTENUTO PIU’ RELAZIONE) PUO’ ESSERE LETTO COME UNA DICHIARAZIONE DI POSIZIONI: SUPERIORITA’ INFERIORITA’ SUPERIORITA’ INFERIORITA’ GLI SCAMBI POSSONO ESSERE SIMMETRICI (POSIZIONE RELAZIONALE UGUALE, ONE UP, ONE DOWN, OPPURE COMPLEMENTARI (POSIZIONE RELAZIONALE DIVERSA, UP-DOWN
  • 10.
    • IL SIGNIFICATO ATTRUIBUITO DA OGNUNO AI COMPORTAMENTI PROPRI/DELL’ALTRO DIPENDE DALLA PUNTEGGIATURA DELLA SEQUENZA.
    • IL DISACCORDO SULLA PUNTEGGIATURA E’ ALLA BASE DI CONFLITTI, INCOMPRENSIONI, “SPIRALI” COMUNICATIVE CHE ALLONTANANO DALL’EFFICACIA.
    PUNTEGGIATURA
  • 11. PERCEZIONE PROCESSO IN CUI ELABORIAMO GLI STIMOLI PROVENIENTI DALL’AMBIENTE IN MODO PER NOI SIGNIFICATIVO E UTILE A RAPPRESENTARE/DEFINIRE IL NOSTRO RAPPORTO CON L’AMBIENTE ESTERNO È IL FILTRO TRA NOI E IL MONDO la percezione crea una nostra “MAPPA DEL MONDO” in base alla quale affrontiamo e reagiamo al mondo la nostra “MAPPA DEL MONDO” non è il mondo oggettivo la nostra “MAPPA DEL MONDO” è tendenzialmente autoconfermante
  • 12. CARATTERISTICHE DELLA PERCEZIONE MA LA MAPPA NON È IL MONDO
    • IN MODO AUTOMATICO
    • IN MODO INCONSAPEVOLE
    • IN MODO CONDIZIONATO
    LA PERCEZIONE È UN PROCESSO CHE
    • SELEZIONANDO
    • ORGANIZZANDO
    • INTERPRETANDO
    • CHE GENERALIZZANO
    • CHE CANCELLANO
    • CHE DEFORMANO
    ELABORA GLI STIMOLI ATTRAVERSO MECCANISMI DI FILTRO DETERMINIAMO LA NOSTRA MAPPA DEL MONDO
  • 13. MAPPA DEL MONDO Generalizzazione Cancellazione Distorsione MONDO REALE ESPERIENZA LINGUAGGIO PARLATO O STRUTTURA SUPERFICIALE RAPPRESENTAZIONE LINGUISTICA O STRUTTURA PROFONDA RAPPRESENTAZIONE SENSORIALE DELL’ESPERIENZA MAPPA DEL MONDO
  • 14. MONDO ESTERNO MONDO INTERNO FATTI F I L T R I MAPPA DEL MONDO PERCEPITO STRUTTURA PROFONDA STRUTTURA SUPERFICIALE CANCELLAZIONI DEFORMAZIONI GENERALIZZAZIONI CANCELLAZIONI DEFORMAZIONI GENERALIZZAZIONI

×