Segnaletica

3,877 views
3,476 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
3,877
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
49
Actions
Shares
0
Downloads
209
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Segnaletica

  1. 1. LA SEGNALETICA DI SICUREZZA
  2. 2. D. Lgs. n. 493 del 14 agosto 1996 <ul><li>istituisce un vero e proprio sistema di comunicazione aziendale, integrando quanto già contenuto in precedenti norme </li></ul><ul><li>impone al datore di lavoro di utilizzare gli strumenti comunicativi più adeguati per le proprie necessità (cartelli, segnali luminosi, ecc.) e di informare di ciò i lavoratori ed in particolare gli RLS  </li></ul>
  3. 3. D. Lgs. n. 493 del 14 agosto 1996 <ul><li>L’impiego della segnaletica da parte del datore di lavoro è finalizzata a: </li></ul><ul><li>Vietare comportamenti pericolosi; </li></ul><ul><li>Avvertire di rischi e pericoli; </li></ul><ul><li>Fornire indicazioni per la sicurezza o il soccorso; </li></ul><ul><li>Prescrivere comportamenti sicuri; </li></ul><ul><li>Indicare ulteriori elementi di prevenzione. </li></ul>
  4. 4. Identificazione ed ubicazione Materiali ed attrezzature anticendio Porte, uscite, percorsi,materiali, postazioni, locali Segnali di soccorso, salvataggio Verde Comportamento o azione specifica obbligo un DPI Segnali di prescrizione Azzurro Attenzione, cautela, verifica Segnali di avvertimento Giallo o giallo arancio Alt, arresto, dispositivi di interruzione di emergenza, sgombero Pericolo – Allarme Materiali attrezzature Rosso Indicazioni e precisazioni Significato o scopo COLORE
  5. 5. Quadrata rettangolare Pittogramma bianco su fondo verde Salvataggio Quadrata rettangolare Pittogramma bianco su fondo rosso Antincendio Rotonda Pittogramma bianco su fondo azzurro Prescrizione Triangolare Pittogramma nero su fondo giallo – bordo nero Avvertimento Rotonda Pittogramma nero su fondo bianco – bordo e banda rossa Divieto Forma Colore Tipo di segnale
  6. 7. CARTELLI DI DIVIETO
  7. 8. CARTELLI DI PRESCRIZIONE
  8. 9. CARTELLI DI SALVATAGGIO
  9. 10. SEGNALI DI AVVERTIMENTO
  10. 11. SEGNALI PER ANTINCENDIO
  11. 12. SEGNALAZIONE DI OSTACOLI E PUNTI DI PERICOLO SEGNALAZIONE DELLE VIE DI CIRCOLAZIONE Segnalazione delle vie di circolazione dei veicoli con strisce preferibilmente bianche o gialle
  12. 13. SEGNALI LUMINOSI <ul><li>Contrasto sufficiente senza abbagliare </li></ul><ul><li>Eventuale simbolo </li></ul><ul><li>Colore di sicurezza conforme al significato </li></ul>SEGNALI ACUSTICI <ul><li>livello sufficiente rispetto al rumore di fondo senza essere eccessivo </li></ul><ul><li>Distinguersi da altri segnali </li></ul><ul><li>Il segnale di sgombro deve essere continuo </li></ul>
  13. 14. DIMENSIONE DELLA SEGNALETICA è in funzione della distanza massima di lettura: A>L2/2000 A rappresenta la superficie in m2 e L la distanza di riconoscibilità in metri. Diagonale (cm) Area (m2) distanza 160 1.25 50 100 0.45 30 60 0.20 20 30 0.05 10
  14. 15. <ul><li>Deve essere semplice; </li></ul><ul><li>Non dare messaggi poco chiari o contrastanti, non riportare particolari di difficile comprensione; </li></ul><ul><li>Essere resistente agli urti , intemperie ed aggressioni ambientali; </li></ul><ul><li>Posizionata appropriatamente e non coperta da ostacoli; </li></ul><ul><li>Bene illuminata ed in caso di cattiva illuminazione a colori fosforescenti rifrangenti o ad illuminazione artificiale; </li></ul><ul><li>Rimossa se non più necessaria; </li></ul>LA SEGNALETICA DI SICUREZZA
  15. 16. LA SEGNALETICA DI SICUREZZA <ul><li>Controllata, riparata, se necessario sostituita, sottoposta a manutenzione </li></ul><ul><li>Garantita da un’alimentazione di emergenza se funzionanti a mezzo di fonte di energia; </li></ul><ul><li>In numero adeguato ; non esiste un numero preciso se non in funzione dei rischi e dell’area da coprire </li></ul><ul><li>Non utilizzare contemporaneamente due segnali luminosi (ovvero sonori) che possano confondersi; </li></ul><ul><li>Non utilizzare un segnale sonoro se il rumore di fondo è troppo intenso. </li></ul>
  16. 17. LA SEGNALETICA DELLE TUBAZIONI Altri liquidi Nero Aria Azzurro chiaro Acidi e alcali Violetto Gas allo stato gassoso o liquefatto (esclusa l´aria) Giallo ocra Oli minerali, oli vegetali e oli animali, combustibili liquidi Marrone Vapore e acqua surriscaldata Grigio o argento Acqua Verde Significato Colori di base
  17. 18. COLORAZIONI BOMBOLE per GAS COMPRESSI Bianco e marrone Miscela ossigeno - elio respirabile Bianco e grigio Miscela ossigeno - anidride carbonica Blu Protossido d´azoto Bianco Ossigeno Viola Etilene Marrone Elio Arancione Ciclopropano Nero Azoto Bianco e nero Aria respirabile Grigio Anidride carbonica Colore Nome del gas

×