Sex and the City - CONSUMO LIQUIDO
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Sex and the City - CONSUMO LIQUIDO

on

  • 710 views

Paper II - Corso prof. Asti: Psicosociologia dei consumi culturali II

Paper II - Corso prof. Asti: Psicosociologia dei consumi culturali II

Statistics

Views

Total Views
710
Views on SlideShare
710
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
4
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Sex and the City - CONSUMO LIQUIDO Presentation Transcript

  • 1. “CONSUMO LIQUIDO”PRATICA SOCIALE:ESTETICA DA COLLEZIONISMO.LA FUNZIONE DELL’OGGETTOÈ ESSERE POSSEDUTO.L’oggetto cessa di essere la suafunzione per essere prima di tuttoOGGETTO. Laura Tonin - © 01/2012 Psicosociologia dei consumi culturali II Paper 2: “Consumo liquido”
  • 2. INTRODUZIONE AL TELEFILMSex and the City è una serie televisiva statunitense, trasmessa in tanza affidata alla moda e per aver mostrato apertamente scene diAmerica (e in seguito in Italia) dal 1998 al 2004. sesso in un telefilm. La serie televisiva trae ispirazione dal libro solo per la prima stagio-La serie è basata sul romanzo omonimo di Candace Bushnell e rac- ne; il finale del romanzo, quindi, non corrisponde a quello della serie,conta la vita amorosa e l’amicizia tra quattro donne single (di età ma al finale della prima stagione. Da quel momento della narrazionecompresa fra i 35 e i 40 anni) che vivono e lavorano a New York. la storia del telefilm prosegue in maniera indipendente rispetto al li-Carrie, scrittrice e voce narrante del telefilm (e poi anche dei film); bro, introducendo nuovi personaggi e sviluppi alternativi.Charlotte, dirigente di una galleria d’arte; Samantha, press agent;Miranda, avvocato. Nell’autunno 2007 sono iniziati i lavori per il film sul grande schermo,Carrie Bradshaw e le sue tre amiche percorrono sullo sfondo dell’iso- uscito nelle sale il 30 maggio 2008. Il successo di pubblico del primola di Manhattan la loro vita da single sessualmente attive, alla volta film ha portato alla produzione di un sequel uscito in Italia il 28 mag-del nuovo millennio. Il telefilm è diventato famoso per le scene am- gio 2010.bientate in bar chic, ristoranti lussuosi o club esclusivi, per l’impor- Laura Tonin - © 01/2012 Psicosociologia dei consumi culturali II pag. 3/8 Paper 2: “Consumo liquido”
  • 3. EPISODIO “THE GOOD FIGHT” (in Italia verrà intitolato “Strane manie da single”) Link: http://youtu.be/WFNrcdA1kZQ I protagonisti della sequenza di questo episodio sono Carrie, e Aiden. La sequenza si svolge tutta fra le mura dell’appartamento di Carrie che è invaso da enormi scatoloni che contengono le cose di Aiden che si sta trasferendo da Carrie per iniziare la loro convivenza. Gli scatoloni sono la molla che fa scatenare la discussione fra i due che non si vogliono privare dei propri oggetti/feticci, tutt al più inu- tilizzati e inutili ma che “bisogna avere”, per far spazio a quelli del partner. DIALOGO Ingresso. Carrie entra a casa e Aiden la accoglie. A: “Ciao tesoro! Come va? Che hai fatto? Novità?” C: “Reggiti forte bello! Sono uscita con Miranda. E riguardo le novità: quella vec- chia acida che abita accanto a noi, mi ha informata che non ha intenzione di an- darsene via prima di 30 giorni.” A: Oooooh, me lo sentivo che finiva così! C4770! C4770! Ma come C44770 faccia- mo con questi C4770 di scatoloni??!” C: Oooh! Oh, grazie! Anche tu li odi! Oh, che solievo!! Lo sai che per un momento ho avuto paura che ti piacesse vivere in questo caos??!” A: “Certo che li odio anche io! E non resisto a vivere in questo caos.” C: “Anch,io, anch’io...” A: “Insomma io ho tutte le mie cose negli scatoloni e tu fatichi a entrare dalla porta.” C: “Lo so, lo hai visto... Ogni volta, ogni singola volta!” A: “Dobbiamo spostare questa roba: svuotiamo lo stanzino e mettiamola di là!” Stanzino. Cade una scarpa di Carrie mentre Aiden sta spostando per far spazio alle sue cose. Laura Tonin - © 01/2012Psicosociologia dei consumi culturali II pag. 4/8 Paper 2: “Consumo liquido”
  • 4. C: “Sta attentooooo!” A: “D’accordo...”A: “Non urlare, non serve. Non sono sordo!” C: “Non posso ricomprarle erano del 1996, dannazione...”C: “Sta bene a sentire: ora porti tutto di là, ho steso degli asciugamani puliti sul A: “È un cane! Che altro poteva fare? Con tutto il tuo ciarpame in giro...”pavimento, e ci posi le mie scarpe e le mie scatole con delicatezza.” C: “Il mio ciarpame è sparso in giro di qua e di là per fare un po’ di spazio perchè il tuo ciarpame ha invaso tutta la casa!”Aiden esce dallo stanzino e Carrie raccolie la scarpa caduta un attimo prima. A: “Ci sono in giro più cose tue che mie!” C: “Cosa??! Guarda questo posto, è zeppo di cose tue! Vieni, vieni qui, da un’oc-C: “Oh, wow! E chi se le ricordava queste?!! Finalmente qualcosa di buono!” chiata a questo bagno...”A: “Ma quante paia di scarpe hai bisogno Carrie?”C: “Non fare domande sciocche se vuoi restare vivo!” BagnoAiden torna nello stanzino con Carrie e rovista nell’armadio. C: “...Guarda il tuo ciarpame, tutto nel mio bagno. A che ti servono 5 flaconi di de- odorante quasi vuoto?! Cosa sei, un collezionista di bombolette???”A: “Adesso non ci resta che buttare un po’ di vestiti.” A: “Hanno odori diversi!”C: “Allora vuoi proprio morire!” C: “Al muschio, ne hai altri 2 al muschio... insomma, guarda quanta roba inutile:A: “Ma la maggior parte non li hai mai indossati!” vecchi rasoi, lozione anti ca...” Carrie si interrompe bruscamente.C: “È così! Non li ho ancora indossati, è vero... ma un giorno lo farò!” C: “Un momento. Da quando usi una lozione anti calvizia?”A: “Ah, davvero??! Come questo?? ...quando e dove hai intenzione di indossare A: “È a scopo preventivo!”questo?” C: “Ma perchè, già ti cadono?”C: “Non farlo Aiden. Non burlarti dei miei vestiti. E per la cronaca, l’ho già indossa- A: “Non mi va di parlare delle mie cose!”to... Dicembre ‘99, Union Square, me lo ricordo ancora...” Voce narrante di C: “Visto, non solo le donne hanno strane manie da single!”A: “Da qualcosa devi cominciare...” A: “Queste sono le mie cose, non mi piace che frughi tra le mie cose!”C: “Oh andiamo, adoro questo vestito!” C: “Tu eri più che felice di frugare tra le mie cose...”Voce narrante di C: “Mi resi conto che per non disfarmi di un vestito di Roberto A. “Oh, le tue cose, le tue porte del bagno, è tutto tuo qui... Ammettilo: tu non miCavalli, rischiavo di mandare a monte la mia relazione.” vuoi qua dentro!”C: “D’accordo lo butto via...” C: “Guarda che non ho mai detto che io non ti voglio qui. E ti ho anche concessoA: “Bene!” di invadere la mia casa!”C: “Bene! Addio...” A: “Tu litighi con me per uno stupidissimo fottuto vestito.” C: “Oh, chiudi il becco! È di Roberto Cavalli, l’ho appena gettato via, e io lo adoro...Carrie esce dallo stanzino e si dirige dove ci sono gli asciugamani puliti stesi a terra dimmi che cos’altro vuoi...”con appoggiate le scarpe. Il cane sta mordicchiando lo scarpe. A: “Chiudi il becco??! Chiudi il becco??!” C: “Si, chiudi il becco!”C: “Pit, piiit! Hei, hei smettila! Pit!” A: “Chiudi il becco? Tu di ci a me, chiudi il becco??!”A: “Pit, hei!” C: “Oh, ti prego Aiden... Si! Chiudi il becco! Sono arcistufa di sentirti parlare in con-C: “Oh mio Dio! Non voglio vedere, non voglio vedere... credo che fosse color tur- tinuazione. Non ti capita mai di chiudere il becco??”chese! Spero solo che non sia il paio che penso io!” A: “Basta, vado a farmi un giro!” C: “No, io vado a farmi un giro! Tu invece resti qui con tutti i tuoi scatoloni e il tuoCarrie si gira verso la scarpa. divoratore di scarpe e ti fai una bella pera con la tua lozione e i deodoranti di odori diversi!”C: “Oh, dannazione! Il tuo cane mi deve 380 dollari!” Laura Tonin - © 01/2012 Psicosociologia dei consumi culturali II pag. 5/8 Paper 2: “Consumo liquido”
  • 5. /// VALUTAZIONE DELL’INDIVIDUO IN BASE ALLE SUE ABILITÀ DI Carrie che è la protagonista e l’io narrante di ogni episodio, bionda, CONSUMO /// riccioluta, intelligente e allegra, ama la moda (le scarpe in particola- re), i locali chic ed è molto legata alle sue tre amiche e alla sua città, New York. Aiden è un giovane Designer di mobili con cui Carrie ha una lunga storia, troncata a causa di un tradimento da parte di lei. Nuovamente insieme, i due sono vicini al matrimonio, e Aiden si trasferisce nell’ap- partamento di Carrie. Nell’episodio Carrie discute con Aiden perché la giudica non capace di buttare via dei vestiti e delle scarpe che non utilizza, chiamandoli “ciarpame”, per far spazio alle sue cose. Per Carrie il consumo è una ragione di vita! Non ha nulla a che fare però con il soddisfacimento dei bisogni. L’unica ragione è il possesso dell’oggetto in se: capi firmati, scarpe d’alta moda e oggetti di design. Carrie non si vuole staccare da questi oggetti che accumula costan- temente, e che in qualche caso, non ha nemmeno mai utilizzato/ indossato. La discussione incentrata sul comportamento di Carrie verso Aiden, si ribalta completamente quando Carrie scopre che anche Aiden ha portato con se degli oggetti inutili che lui giudica fondamentali. /// ASSENZA DI RESPONSABILITÀ NEI CONFRONTI DI CHIUNQUE “Mi resi conto che per non disfarmi di un vestito di Roberto Cavalli, TRANNE CHE DI SÉ /// rischiavo di mandare a monte la mia relazione.” È la frase detta dalla voce narrante (Carrie) che racchiude esatta- mente il concetto di assenza di responsabilità nei confronti di altri e in questo caso di Aiden. Durante l’intero episodio, emerge che questo atteggiamento è per- fettamente condiviso anche dalle amiche di Carrie. Inoltre il senso di oppressione che inizierà a provare Carrie è quello che la porterà a rompere con Aiden ad un passo dal matrimonio. Carrie si sente impegnata, ma non vuole impegnarsi completamente condividendo i propri spazi, e soprattutto vorrebbe conservare i suoi momenti e spazi da single. Laura Tonin - © 01/2012Psicosociologia dei consumi culturali II pag. 6/8 Paper 2: “Consumo liquido”
  • 6. /// SPARIZIONE DI COERCIZIONIIn questa piccola sequenza dell’episodio, ma soprattutto nell’episo- SOCIALI E VISIONE MERCIFICATAdio completo, si comprende come Carrie inizi a vedere Aiden come DEI RAPPORTI UMANI ///una persona debole, dopo aver capito che anche lui, in fondo (nonpoi così in fondo!) è maniacale con molti oggetti che gli appartengo-no.Questa sua debolezza fa si che Carrie si allontani gradualmente dalui, perché non è più ciò che nella sua idea di società le serve per starbene in coppia, con se stessa e anche agli occhi delle sue amicheche ricoprono un’importanza tale da determinare molte decisioni diCarrie.Nell’episodio, quando Carrie scopre i prodotti di bellezza e anti invec-chiamento di Aiden, non lo vuole più nemmeno ascoltare, vuole soloandarsene.Dal punto di vista della sparizione delle coercizioni sociali si può no-tare che Carrie, le sue amiche, non ha rispetto per nessuno che ab-bia meno banconote e carte di credito inferiori alle loro. Non sonointeressate a retrocedere nella scala sociale, e nemmeno a perderetempo a ricordarsi persone inutili nella loro scalata! Laura Tonin - © 01/2012 Psicosociologia dei consumi culturali II pag. 7/8 Paper 2: “Consumo liquido”