Your SlideShare is downloading. ×
0
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Terremoti e vulcani
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Terremoti e vulcani

845

Published on

terremoti, vulcani, scienze, scuola

terremoti, vulcani, scienze, scuola

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
845
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
16
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Terremoti Le placche (=zolle=porzioni di crosta terrestre) si muovono: avvicinandosi (forze di compressione) allontanando si (forze di distensione) scorrendo in versi opposti (forze di taglio)
  • 2. Bassa intensità: comportamento plastico. Alta intensità: comportamento da “corpo rigido”. Terremoti Anche altri fattori, oltre l’intensità della forza, determinano il comportamento delle rocce (il tipo di roccia, la profondità e quindi la temperatura).
  • 3. Le forze possono, quindi, generare fratture (=faglie). Lungo le faglie si accumula energia elastica. Quando questa supera la resistenza dell’attrito, viene liberata una grande quantità di energia. Terremoti
  • 4. Terremoto = vibrazione del terreno dovuta alle onde sismiche provocate dallo sprigionarsi di energia da un punto della crosta o del mantello. Terremoti
  • 5. Terremoti
  • 6. Onde sismiche: di volume: longitudinali (P), trasversali (S) di superficie: di Love, di Reileigh. Terremoti
  • 7. I terremoti negli ultimi 30 giorni: http://www.iris.washington.edu/seismon/eventl ist/index.phtml Terremoti
  • 8. Le zone più a rischio. La maggior parte dei terremoti si verifica in tre fasce principali, precisamente lungo le dorsali oceaniche, nelle catene montuose di recente formazione e nella cosiddetta cintura di fuoco circumpacifica. Altre zone sismicamente attive sono le regioni con faglie e fratture dell'Africa orientale e alcune zone marginali alle masse continentali. Terremoti
  • 9. Come si localizza l’ipocentro di un terremoto? Lo si può determinare grazie al fatto che le onde P e le onde S hanno velocità diverse. Attraverso la formula v=s/t, si possono calcolare gli “spazi”, cioè le distanze tra le stazioni sismiche e l’ipocentro. Terremoti
  • 10. Terremoti
  • 11. Vulcani
  • 12. • Vulcani attivi: – Etna: era un vulcano a scudo, ora è uno stratovulcano (forma generalmente conica, costituito dalla sovrapposizione di vari strati di lava solidificata,pendii piuttosto ripidi, eruzioni esplosive). Vulcani
  • 13. • Vulcani attivi: – Stromboli: vulcano a cono. Vulcani
  • 14. • Vulcani quiescenti: – Vesuvio: a cono. Vulcani
  • 15. • Vulcani estinti: – Colli Euganei (Padova) Vulcani

×