Catastrofe giapponese - 1-15/16-31 Marzo 2011 - AnnoXLV - NN. 103 - 104 - 105 - 106
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Catastrofe giapponese - 1-15/16-31 Marzo 2011 - AnnoXLV - NN. 103 - 104 - 105 - 106

on

  • 896 views

Il cambio - Catastrofe giapponese - Un’opposizione degna - Berlusconi prova ad accellerare - No fly zone - Federalismo municipale e fisco più leggero? - Il tracciato 2010-2013 delle politiche ...

Il cambio - Catastrofe giapponese - Un’opposizione degna - Berlusconi prova ad accellerare - No fly zone - Federalismo municipale e fisco più leggero? - Il tracciato 2010-2013 delle politiche economiche del Governo - Le aziende che meglio risaneranno saranno le prime ad uscire dalla crisi - Il fisco morde la mela marcia dell’evasione - Da una foglia un nuovo mondo - Energia: quali alternative? - New social deal - Senza nuova finanza piano risanamento aziendale - Cipro, un’isola, una storia, un mito - Il cigno nero - Addio Liz

Statistics

Views

Total Views
896
Views on SlideShare
887
Embed Views
9

Actions

Likes
0
Downloads
5
Comments
0

2 Embeds 9

http://www.slideshare.net 5
http://www.lapiazzaditalia.it 4

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Catastrofe giapponese - 1-15/16-31 Marzo 2011 - AnnoXLV - NN. 103 - 104 - 105 - 106 Document Transcript

  • 1. Impaginato La Piazza dItalia 6-04-2011 10:55 Pagina 1 COPIA OMAGGIO In caso di mancato recapito restituire a Poste Roma Romanina Abb. sostenitore da E 1000 - Abb. annuale E 500 - Abb. semestrale E 250 - Num. arr. doppio prezzo di copertina per la restituzione al mittente previo addebito - TAXE PERCUE tass. riscoss Roma-Italy — Fondato da Turchi — Poste Italiane SpA - Spedizione in abbonamento postale - 70% - dcb-Roma 1-15/16-31 Marzo 2011 - Anno XLV - NN. 103-104-105-106 E 0,25 (Quindicinale) Il cambio POLITICA ECONOMIA Energia: LA PIAZZA D’ITALIA Un’opposizione quali degna Per la vostra pubblicità alternative? telefonare allo 800.574.727 — a pagina 2 — — a pagina 6 — a cura di FRANZ TURCHI T ra gli argomenti più importanti, in un paese come il nostro, ci sia la scelta della classe dirigente. In questi giorni ancora di più è sotto gli occhi di tutti la necessità di sele- www.lapiazzaditalia.it zionare una classe valida e preparata per i ruoli di responsabilità nei quali nei prossimi anni l’Italia si giocherà il proprio fu- turo. Vedere le scene di questi giorni è imbarazzante, e mortificante per tutti noi. Credo fermamente infat- ti, che nei momenti di crisi, avere degli esempi da emulare e prendere come stimolo per supera- re le difficoltà sia fonda- mentale. Guardate il Quirinale e prendete nota. Lì c’è chi stà dando credi- bilità, forza, e senso alle Uno scenario apocalittico Istituzioni, speriamo che Catastrofe giapponese se ne accorga, oltre noi, soprattutto chi ha ben al- tri ruoli nella nostra na- zione. Ma non è solo nella Poli- tica dove il problema si vede di più ed è più “presente”, anche nel- I l mare che divora case, spazza via automobili e in- ghiotte persone. Stavolta però scappare è stato praticamente inutile, visto che alla scossa di 8.9 gradi Richter loro attività come previsto in questi casi. La centrale di Fukushima in- commosso, e siamo certi – come lui – che il popolo giapponese saprà rialzarsi pericolo radiazioni, che stan- do alle ultime notizie pare ab- biano contaminato anche l’imprendiditoria, nella Chi vive in una zona come è seguito uno tsunami deva- vece si è intoppata complice con lo stesso slancio del do- l’acqua. scuola, nella ricerca, etc., l’arcipelago giapponese è da stante con onde alte 20 metri, il black out elettrico che ha po Hiroshima e Nagasaki. Ma La crisi multipla ha scosso i a mio avviso un ricambio sempre abituato a convivere che ha aggredito le coste colpito tutta la zona. c’è da lavorare e molto, neu- mercati finanziari mondiali, generazionale è necessa- col pericolo, essendo esposto giapponesi, travolgendo tutto. Sul Giappone pertanto, alla tralizzando prima di tutto il Segue a pagina 3 rio e dovuto. praticamente vita natural du- Il bilancio delle vittime non furia distruttiva che in pochi rante a scosse sismiche e tre- può che esser provvisorio. I minuti ha travolto la costa Necessario perché con Ricco, continuamente aggiornato: mori, ma quello che si è sca- numeri ufficiali su vittime e nordoccidentale, si è aggiunta l’arrivo dei giovani le idee, i pensieri e le vo- tenato sul Giappone oggi ha dispersi continuano a salire. la piaga delle radiazioni. arriva finalmente sul web il nuovo punto superato ogni aspettativa, Secondo la polizia si contano Scene da “2012”. lontà si affermano con stravolto ogni fiducia. più di 7mila morti accertati e Ma questo non è un film. di riferimento per i giovani e per un nuova forza nell’ambito In Giappone, il Paese più tec- oltre 10mila dispersi. I nume- Questa è la realtà, la crudele nuovo modo di fare politica in Italia lavorativo nel quale si ri- trovano proiettati; dovu- nologico del mondo, il siste- ma di sicurezza e le tecniche ri non prendono in conside- razione le 10.000 persone realtà che si è accanita su di un popolo già vessato storica- www.lapiazzaditalia.it di evacuazione sono avveniri- scomparse dalla città costiera mente da catastrofi naturali e Una Piazza di confronto aperta al to, perché rispetto al- stiche. di Ishinomaki nella prefettura nucleari e che ora si trova an- lEuropa siamo decisa- Qui, al contrario di quanto ri- di Miyagi. Allo stesso modo cora una volta a dover lottare dibattito su tutti i temi dell’agenda mente al di sopra della feritoci da molti esperti, i ter- tra i dispersi non sono conta- per uscirne fuori. politica e sociale per valorizzare nuove media per l’età in quasi remoti si possono prevedere, bilizzate le 10.000 persone Eroici ingegneri stanno cer- idee e nuovi contenuti tutti i settori produttivi, sia pur di poco. che mancano all’appello nella cando di riparare il cavo elet- istituzionali e per tutto A tal proposito un dei tanti città portuale di Minamisanri- trico in due reattori nucleari quello che riguarda il ri- dossier diffusi da Wikileaks ku, poco distante. In totale ri- della centrale di Fukushima, ciclo di organi direttivi o ha riferito che gli Stati Uniti sultano danneggiate 55mila nel tentativo di arrestare la avrebbero avvertito Tokyo case ed edifici pubblici, e nel fuoriuscita di radiazioni mor- di vertice. della catastrofe imminente. nord del Paese oltre 850 mila tali. Speriamo che nel prossi- case cominciano a riavere Intanto, le autopompe spara- Voci, che purtroppo non mo futuro la tendenza si cambiano la sostanza. l’energia elettrica solo in que- no acqua sui reattori di Fuku- inverta. Ogni qual volta che si abbat- sti giorni. shima, a 240 chilometri da te sul Giappone un terremo- Ma come una vera apocalisse, Tokyo, nel disperato tentativo to, pochi istanti prima, i citta- all’immensità del danno cau- di raffreddare così le barre di dini delle zone interessate ri- sato dallo tsunami si è ag- combustibile nucleare. cevono un sms e una mail giunto il boomerang tecnolo- Le parole dell’imperatore che per unirsi al “si salvi chi può”. gico. Alcune centrali hanno ha tentato di infondere corag- Ingegnoso. arrestato automaticamente la gio al proprio popolo hanno
  • 2. Impaginato La Piazza dItalia 6-04-2011 10:55 Pagina 2 Pag. 2 1-15/16-31 marzo 2011 LA PIAZZA D’ITALIA - POLITICA Nella paralisi ideologica antiberlusconiana qualcosa forse si muove to un uomo di destra - ed in- seguito ha ottenuto pure un’importante approvazione Un’opposizione degna nella commissione bicamerale laddove i membri del PD in segno di collaborazione si so- no astenuti ed il provvedimen- to ha ottenuto i voti contrari ultime elezioni politiche: creare La vittoria a sinistra di questo sciano ben sperare per il futuro mata anche perché l’ala mode- solo dei rappresentanti del- un unico soggetto riformista ca- inedito ticket politico potrebbe più prossimo. rata capeggiata da Urso e Ron- l’Italia dei Valori e di quelli del pace di essere da solo una cre- ulteriormente rafforzare il bipo- Nel PD a dare di più la sensa- chi ha imposto dei paletti alla terzo polo che negli ultimi dibile alternativa all’asse centro larismo italiano e mettere defini- zione di voler combattere la politica aggressiva posta in atto tempi in verità sembrano voler destra - lega. tivamente in soffitta quei strategia fin qui adottata da dal trio Bocchino, Granata e surrogare in aula l’assenza - Il secondo - Renzi - invece ten- capi–popolo che fanno del fe- Bersani e D’Alema, oltre ai già Briguglio, che fino ad ora po- voluta democraticamente dal ta di rompere gli schemi menta- roce scontro personale l’unico citati Veltroni e Renzi, sono gli chissimi risultati ha prodotto sia corpo elettorale - della sinistra li della sinistra ammettendo di elemento distintivo delle pro- ex appartenenti alla Margheri- in termini di macro politica na- estrema. essere stufo di dover sempre af- prie politiche. ta confluiti nel Partito Demo- zionale sia di radicamento a li- Stessa assonanza di ideali - al- G li ultimi accadimenti in Ita- lia e all’estero hanno mo- strato una volta di più – se fos- frontare l’ossessione della sini- stra nei confronti del Cavaliere il E che forse sia meglio iniziare a collaborare con l’odiato Berlu- cratico e i molti che hanno ab- bandonato le fila del centro-si- vello locale del partito. Insomma sembra che al mo- meno al momento delle vota- zioni effettuate nelle rispettive quale potrà essere battuto sola- sconi in tanti a sinistra come al nistra per accasarsi nel terzo mento - vista anche la difficile commissioni di Camera e Sena- se necessario – l’importanza mente abbandonando l’antiber- centro lo stanno iniziando a ca- polo, tra i “Volenterosi” o di- situazione internazionale legata to - avevano ottenuto le mozio- dell’esistenza anche nel nostro lusconismo tout-court e lascian- pire visto che, a quanto pare, né rettamente nel PdL. Tutto que- alla vicenda libica - alle sparate ni del centrodestra e del PD fa- Paese di una opposizione poli- do da parte tutte quelle manife- gli scandali montati ad arte, né sto non è altro che il sintomo dei Finiani contro Berlusconi e vorevoli all’intervento in Libia al tica costruttiva e pragmatica pur stazioni esteriori come le raccol- gli attacchi giudiziari o le con- visibile del malessere politico il suo Governo o alle rodomon- fianco degli altri Paesi occiden- nel rispetto del ruolo di “interdi- te di firme, i girotondi e “piazza- giure di Palazzo ideate e con- che attanaglia i cattolici demo- tate di Vendola contro il Gover- tali dei militari italiani, voto poi zione” nei confronti della politi- te” varie che in tutti questi anni dotte dagli ex alleati del Cava- cratici: sempre più sono i sin- natore lombardo Formigoni e completamente diversificatosi al ca governativa e che contribui- non hanno portato a nulla se liere, né tantomeno gli appunta- daci, consiglieri regionali o co- alle spacconate di Santoro e momento di entrare in Parla- sca in maniera attiva alla rifor- non allo schiacciamento del PD menti elettorali sembrano poter munali che lasciano il partito Travaglio si stiano sostituendo il mento, forse per accontentare i mulazione dell’architettura isti- e dei riformisti sulle posizioni di disarcionare Berlusconi dalla di Bersani per altri lidi perché dialogo e la concretezza della duri e puri che fino alla fine tuzione, sociale ed economica Di Pietro e della sinistra radica- guida del Governo. sempre meno convinti delle vera politica esercitata nelle au- hanno provato a creare un var- dell’Italia. le. Addirittura il primo cittadino Tale stato d’animo sembra esse- decisioni prese dai vertici poli- le parlamentari o nelle commis- co tra le incomprensioni di ve- Purtroppo il cammino per por- di Firenze si è portato su posi- re comune a parecchi esponen- tici e dalla strada fin qui intra- sioni deputate. dute avutesi alla bisogna tra PdL tare fuori il Paese dall’eterna zioni ancora più contrarie a ti politici presenti sia nel Partito presa nell’avversare senza se e Il federalismo municipale, do- e Lega. guerra fredda che lo paralizza, quelle della “nomenklatura” Democratico che in Futuro e Li- senza ma ogni proposta pro- po il primo passaggio favore- Vedremo se con il prosieguo appare ancora molto lungo e Democratica asserendo di esse- bertà tanto è vero che in tutti e veniente dalla maggioranza di vole alla Camera, è stato tutto dei lavori parlamentari e dell’av- difficile ma alcuni segnali inco- re contrario alle grandi ammuc- due i partiti sono in atto dei mo- Governo. sommato avallato dalla confe- vicinarsi delle elezioni ammini- raggianti in questo senso si so- chiate e ai tatticismi che fino ad vimenti sotterranei che, al netto Nella formazione politica voluta renza delle Regioni guidata strative di maggio tale stato di no verificati nelle ultime setti- oggi non hanno prodotto alcun dei trasformisti presenti in ogni da Fini, invece, l’emorragia dal governatore dell’Emilia Ro- cose si rafforzerà o verrà defini- mane. risultato concreto. partito ed in ogni legislatura, la- sembra essersi al momento fer- magna, Vasco Errani - non cer- tivamente spazzato via. Indizi flebili di un possibile cambiamento di rotta che abbi- sognano dello sforzo di tutti quei politici - presenti in ogni Dopo il federalismo municiapale approvata in CDM la riforma della giustizia schieramento - che hanno vera- mente voglia di rompere defini- tivamente con le contrapposi- zioni personalistiche più che politiche degli ultimi quindici Berlusconi prova ad accellerare anni. Ma su chi eventualmente puntare affinché avvenga que- sto “sconvolgimento” politico R afforzata numericamente la maggioranza in Parlamento con il ritorno di alcuni deputati Alfano, è il punto di arrivo di 17 anni di battaglie politiche segui- te a “tangentopoli” e che solo la bero solo ad aggiustare definiti- vamente i problemi giudiziari del Presidente del Consiglio che culturale? nelle file del Popolo della Liber- presenza tra le fila della mag- in altri termini utilizzerebbe il Nel Partito Democratico note al- tà e all’interno del neonato gioranza di centrodestra di fran- polverone alzato intorno a que- l’insegna del cambiamento sem- gruppo dei “Responsabili”, il chi tiratori - prima Casini e poi sto delicato tema per apparire brano arrivare dalle posizioni Presidente del Consiglio ha pre- Fini - non ne ha permesso pri- agli occhi degli elettori la vitti- assunte recentemente da Veltro- muto decisamente il piede sul- ma la ratifica in primis quella ma omettendo di affrontare i ni e dal giovane sindaco di Fi- l’acceleratore facendo prima ap- della separazione delle carriere veri problemi del sistema giudi- renze, Matteo Renzi. provare dalle Camere l’impor- dei magistrati che esiste in tutti i ziario e i problemi connessi alla Con il primo che oramai sembra tantissimo decreto sul federali- sistemi giudiziari più avanzati situazione economica e sociale diventato il fiero oppositore del- smo municipale fortemente vo- del mondo. Per Berlusconi, con del Paese. la linea politica di Bersani e che luto dagli alleati della Lega Nord l’approvazione di questo Dise- Ma chi è andato giù veramente tenta, a modo suo, di scardina- e poi dal Consiglio dei Ministri gno di Legge, magari pure op- duro nel commentare la Rifor- re l’assetto istituzionale del Par- la riforma del sistema Giudizia- l’interno sempre del mondo ac- una apposita legge promulgata portunamente corretto ma non ma - e questo la dice lunga su tito Democratico attraverso rio italiano concepita dal Guar- cademico e tra gli avvocati con dal Parlamento a stabilire, dopo svilito nella sostanza, si avrà chi veramente tira le fila nell’op- l’adozione per legge dell’istituto dasigilli Alfano. esperienza più che quindicen- i canonici passaggi costituziona- l’applicazione del concetto libe- posizione- è stata l’Associazione delle primarie in tutti i partiti, un Ma come cambierà la Giustizia nale. li, quali saranno i futuri rappor- rale che anche i magistrati sono Nazionale Magistrati che per modo come un altro di cambia- italiana? Tra i compiti dei due CSM spic- ti di bilanciamento tra l’operato normali cittadini come tutti gli bocca del suo segretario, Pala- re l’assetto del partito venuto In primo luogo ci sarà la divisio- cano quelli dello stabilimento dei PM e quello della Polizia altri, e che oltre a dover seguire mara, ha definito la riforma fuori dopo l’ultimo congresso ne tra le carriere di Giudice e delle assunzioni, assegnazioni, Giudiziaria che, nell’idea dei le priorità indicate dal Parla- messa a punto dal Governo, con il fine ultimo di portare quella di Pubblico Ministero che promozioni di Giudici o dei proponenti questa modifica del- mento, sono obbligati a pagare punitiva nei confronti dei magi- avanti il sogno che miseramen- saranno di fatto parallele ma Pubblici Ministeri e non potran- le normative che regolano l’ap- per gli errori o le manchevolez- strati che attraverso l’approva- te era fallito in occasione delle non si potranno intersecare, e no adottare atti di indirizzo po- parato giudiziario italiano, po- ze da essi compiuti nell’atto di zione di tale provvedimento si ad ulteriore conferma di tale se- litico o esprimere pareri non ri- trebbero anche assumere - ma adempiere alle loro funzioni e ritroverebbero in condizione di parazione saranno creati due chiesti riguardo i disegni di leg- ciò si stabilirà dopo la revisione prerogative. L’obiettivo da rag- subalternità nei confronti del CSM autonomi. ge di iniziativa governativa. del disegno di legge nelle op- giungere sarebbe, sempre se- potere politico al contrario di LA PIAZZA D’ITALIA Il Consiglio Superiore della Ma- Prevista poi la creazione di una portune sedi istituzionali - il po- condo il Presidente del Consi- quanto stabilisce la Costituzio- fondato da TURCHI gistratura giudicante sarà presie- Corte disciplinare provvista di tere di indirizzare le indagini glio, quello di restituire ai citta- ne. Inoltre, sempre secondo Pa- Via E. Q. Visconti, 20 00193 - Roma duto dal Presidente della Re- due sezioni - una per ogni CSM oggi totalmente a disposizione dini la fiducia in un servizio fon- lamara, Alfano avrebbe disatte- pubblica, e ne farà parte pure il - esterna ai due Consigli che sa- dei magistrati. damentale dello Stato - quello so le promesse fatte alla Magi- Luigi Turchi Presidente della Cassazione, la rà composta per metà da mem- In ultimo la riforma del sistema di amministrare una Giustizia stratura in occasione del loro ul- Direttore metà dei membri - che rimar- bri togati e per l’altra da membri giudiziario presentata da Alfano giusta - attraverso un processo timo congresso nazionale, allor- Franz Turchi ranno in carica solo per quattro laici nominati dai Parlamentari prima al Capo dello Stato e poi dove l’Accusa e la Difesa sono quando il Ministro aveva pro- Co-Direttore poste sullo stesso piano di fron- messo che si sarebbe concen- anni - saranno eletti dai giudici, in seduta congiunta e dai magi- dinanzi al Consiglio dei Ministri Lucio Vetrella l’altra metà sarà nominata in se- strati: inoltre le toghe saranno - che una volta approvata da te al giudizio di un Giudice fi- trato solo sull’efficienza del si- Direttore Responsabile duta congiunta dal Parlamento responsabili in sede civile degli Camera e Senato non si appli- nalmente terzo. stema giudiziario e non sulla Proprietaria: Soc. EDITRICE EUROPEA s.r.l. tra avvocati con non meno di 15 atti deliberati o compiuti al pari cherà però ai dibattimenti at- Di segno opposto, come ovvio modifica della sua struttura. Registrato al Tribunale di Roma anni di attività e professori uni- degli altri dipendenti e funzio- tualmente in corso - prevede che sia, invece i commenti al La discussione in merito all’ap- n. 9111 - 12 marzo 1963 Concessionaria esclusiva per la vendita: S.E.E. s.r.l. versitari ordinari in materie giu- nari dello Stato. pure nuove competenze per il DDL sulla Giustizia da parte provazione del Piano Alfano è Via S. Carlo da Sezze, 1 - 00178 Roma ridiche: gli eletti a loro volta Con il nuovo ordinamento giu- Guardasigilli riguardo la funzio- delle opposizioni. appena iniziata ed al momento www.lapiazzaditalia.it non potranno, finché saranno diziario poi, non si potrà più ri- ne ispettiva, l’organizzazione ed Per Fini, tirato in causa dal Ca- si intravedono pochi spiragli E-mail: info@lapiazzaditalia.it in carica, essere eletti in parla- correre in appello contro le sen- il funzionamento dei servizi re- valiere, i giudici e i PM non so- per la ricerca di una soluzione Manoscritti e foto anche non pubblicati, e libri anche mento, nei consigli regionali, tenze di assoluzione in primo lativi alla Giustizia. Il Ministro di no una “dittatura” e se prima di condivisa tra le parti tale che non recensiti, non si restituiscono. Cod. ISSN 1722-120X provinciali o comunali. grado e l’azione penale dei Grazia e Giustizia inoltre, ogni oggi la riforma della Giustizia possa portare finalmente ad un Stampa: POKER PRINT COLOR s.r.l. L’organo superiore dei Magistra- Pubblici Ministeri sarà obbliga- anno avrà l’obbligo di riferire non ha mai visto il suo appog- cambiamento sistemico della Via Cosimo Tornabuoni, 29 - 00166 Roma ti requirenti sarà sempre guida- toria secondo i criteri stabiliti annualmente a Senatori ed gio e tantomeno la luce duran- Giustizia italiana e certamente FINITO DI STAMPARE NEL MESE DI MARZO 2011 to dal Capo dello Stato e vedrà dalla Legge magari - come au- Onorevoli riguardo lo stato del te i governi di centro-destra è l’avvicinarsi delle elezioni am- GARANZIA DI RISERVATEZZA PER GLI ABBONATI: L’Editore garantisce la massima riservatezza dei dati forniti dagli abbona- la partecipazione di diritto del spicato da tempo da qualcuno sistema giudiziario, sull’eserci- perché tali leggi erano evidente- ministrative e l’arroventato cli- ti e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica o la can- cellazione scrivendo a S.E.E. s.r.l. - Via S. Carlo da Sezze, 1 - Procuratore Generale della Cas- appartenente alla maggioranza zio dell’azione penale e sull’uso mente “ad personam” e non po- ma politico susseguente all’in- 00178 Roma. Le informazioni custodite nell’archivio dell’Editore verranno utilizzate al solo scopo di inviare copie del giornale (Legge 675/96 tutela dati personali). La responsabilità delle opi- sazione, i componenti di questo di centro destra - attraverso la dei mezzi d’indagine. tevano ricevere il suo consenso tervento italiano in Libia non nioni espresse negli articoli firmati è degli autori. CSM - che avranno le stesse li- possibilità che il Parlamento, di Improntate all’ottimismo sono o avallo: per la proposta di mo- promettono nulla di buono: for- mitazioni di durata e di eleggi- anno in anno, indichi alla Magi- state quindi le prime dichiara- difica avanzata invece da Alfano se stavolta sarà proprio Berlu- Per informazioni e abbonamenti bilità politica come i magistrati stratura delle priorità tra i reati zioni di Berlusconi seguite al- sarà il Parlamento a decidere la sconi a dover far appello ai cit- chiamare il numero verde: giudicanti - saranno anche loro da perseguire tra quelli di mag- l’annuncio dell’approvazione sua approvazione o le eventua- tadini per far approvare dopo come quelli appartenenti all’or- giore allarme sociale. del provvedimento in CdM. li modifiche. lustri la riforma del sistema Giu- gano superiore dei Giudici elet- Novità vengono espresse pure Per il Presidente del Consiglio, Bersani ha invece affermato che diziario attraverso l’istituto del ti per metà tra i PM eleggibili, e riguardo le modalità di esecu- la riforma costituzionale del si- la riforma proposta ha degli ele- Referendum popolare. per il resto dal Parlamento al- zione delle indagini, infatti sarà stema giudiziario preparata da menti inaccettabili che servireb- Giuliano Leo
  • 3. Impaginato La Piazza dItalia 6-04-2011 10:55 Pagina 3 1-15/16-31 marzo 2011 Pag. 3 LA PIAZZA D’ITALIA - ESTERI Meglio tardi che mai? sto è un rischio che nessuno vuole veramente correre. blema anche per gli altri Pae- si che apparentemente sono L’embargo ha sempre avuto dalla stessa parte. Per questo No fly zone ricadute solo sulla popolazio- ne: se si tratta di quello usato contro l’Iraq di Saddam, la fa- me e le malattie vanno a col- è stato decisivo il si alla no fly zone da parte della Lega ara- ba: senza di esso nulla si sa- rebbe potuto muovere per M entre il Colonnello Gheddafi si accinge a ri- prendersi Bengasi con tutta la za con cui le Nazioni Unite hanno agito non può essere giustificata dal ricordo delle colui che dovrebbe cadere. In una rapida e superficiale ana- lisi si evince che cercare di che come gli inglesi si siano piegati alle volontà libiche, ai tempi di Brown, liberando pire i deboli e non i potenti mentre quello di armi non porta altro che il colpo di co- evitare ancora una volta la le- vata di scudi che poi porte- rebbe lo scontro sul piano re- forza che gli rimane, il Consi- ultime tragiche lezioni, piut- destituire Gheddafi in favore uno degli autori della strage da del regime, come sta avve- ligioso, favorendo, questa glio di Sicurezza delle Nazio- tosto bisogna avere timore degli insorti, facendolo anche di Lockerbie, per puro inte- nendo da diversi giorni. Si volta a due passi da casa no- ni Unite approva le misure del fatto che non si può pre- passare per il peggio del peg- resse petrolifero. Questi sono sparano le “ultime cartucce” stra, il proliferare del fonda- per evitare ancora attacchi vedere cosa può portare a noi gio, da parte dei leader euro- gli esempi più eclatanti. per far sparire qualsiasi moto mentalismo. folli sui civili. europei il dopo. Della serie si pei, potrebbe essere un’arma Il congelamento dei beni, se di opposizione. Vale a dire che l’occidente Sembra dunque che il mondo stava meglio quando si stava a doppio taglio che portereb- fatto veramente, genererebbe Ma allora perché tutto questo per poter almeno indebolire civilizzato abbia preso la sua peggio. be a minare credibilità di al- una reazione a catena su mol- movimento? Di certo non per una dittatura sanguinaria ha decisione, se non fosse che dovuto attendere il permesso c’ha impiegato il tempo ne- di un organo che racchiude cessario per rendere tutto tra i suoi membri altre ditta- questo assolutamente inutile ture. a livello politico. È vero, se Non c’è nulla da fare, dobbia- ne parla da diversi giorni ma mo rassegnarci alla subalter- c’è una totale distonia di in- nità cronica dovuta dalla no- tenti, almeno in Europa, con stra totale dipendenza ener- Francia e Inghilterra che fre- getica e ad una abulia che or- mono, la Germania che non mai sta diventando una con- ne vuole sapere e l’Italia che dizione politica atrofica. soffoca nell’imbarazzo salvo Questa risoluzione delle Na- poi adeguarsi alle decisioni zioni Unite, dove non si pre- dell’UE. vede solo la no fly zone ma Mentre fino a qualche giorno anche la possibilità di inter- fa il leader libico sembrava in venti mirati da cielo e da ter- crisi e non riusciva a trovare ra sul territorio libico, sa tan- neanche una casa per il suo to di pantomima. Sembra che esilio, ora, col passare del lo scopo sia mantenere al po- tempo, è rinfrancato dalla ri- tere un Gheddafi un po’ conquista delle aree prese spuntato, magari per rinego- precedentemente dagli insorti ziare quanto di prezioso cu- e sembra quindi assai bizzar- stodisce non solo da un pun- ro che i leader degli Stati del to di vista energetico. vecchio continente pensino Vedremo cosa accadrà quan- di poterlo mandare via in Non basta mettere un dittato- cuni: conosciamo i rapporti ti grossi gruppi occidentali, vi- difendere i civili inermi. Piut- do le carte saranno tutte sul questa situazione. re alla gogna mediatica, con- con l’Italia, sappiamo che (a sta la diffusa partecipazione tosto non è un mistero che tavolo e soprattutto l’Europa Far cadere un dittatore non è gelare i suoi beni all’estero o detta del figlio del leader libi- della Libia ai pacchetti aziona- l’inaffidabilità e le aspirazioni si troverà a giocare nuova- una cosa facile, la storia re- fare un embargo perché so- co) Sakozy ha avuto un soste- ri in molti di questi come ad politicamente egemoniche mente con un Gheddafi più cente dovrebbe averlo inse- prattutto nel caso della Libia a gno da parte della Libia per le esempio Unicredit ed in un si- che il Colonnello ha da sem- vendicativo che mai. gnato ma l’eccessiva timidez- rimetterci sono tutti tranne presidenziali e sappiamo an- stema fiaccato dalla crisi que- pre sull’Africa siano un pro- Gabriele Polgar Uno scenario apocalittico Catastrofe giapponese Dalla prima La tragedia giapponese sta dere, dopo un’attenta analisi avendo notevoli riflessi sul costi-benefici, nel modo mi- innescando un inevitabile di- mondo, non solo economici. gliore in vista del benessere battito sulla sicurezza del- Bensì di metodo e approccio dei cittadini. l’energia nucleare non solo al futuro dell’energia. Perché Detto questo, la strada delle in Giappone. se una calamità naturale si energie alternative andrebbe Angela Merkel ha annunciato può arginare, limitare, ma battuta con più decisione, in- la chiusura delle centrali più non di certo evitare, gli effet- vestendo nella ricerca e nella vecchie aprendo in modo de- ti boomerang di tecnologie sperimentazione, annullando ciso alle energie alternative. ad alto rischio potremmo qualsivoglia rischio per la In Italia l’idea di lanciarsi senza meno risparmiarceli. popolazione. nell’avventura nucleare per Ma possiamo permettercelo? È sicuramente una pecca da affrancarsi dalla dipendenza Il dibattito sulla questione ha parte nostra l’essere dram- energetica ha subito un duro subito in questi giorni una maticamente indietro in que- colpo. notevole recrudescenza nel sto settore rispetto ai nostri Sembra che diverse fasce di nostro Paese. competitor europei. popolazione giapponese ab- La tragedia giapponese che Si pensi all’energia solare. È biano ricevuto radiazioni. di certo è un caso limite si è mai possibile che la Germa- Per verificare le proprie con- fatta sentire, possedendo una nia possegga di gran lunga dizioni di salute, lunghe file grande forza di sensibilizza- più impianti dell’Italia, dove il di persone si sono riversate zione. Sole è senz’altro più presente? presso i presidi medici. Qua- Le immagini diffuse in conti- Apparentemente no. lora l’opera degli ingegneri nuazione dai media hanno Ma se la nostra classe diri- non andasse a buon fine, sortito l’effetto prevedibile di gente la sua analisi l’avesse l’ultimo tentativo potrebbe incrementare la paura e la dif- fatta bene e considerando essere quello di seppellire fidenza verso il nucleare in- che a fronte di un debito l’intero impianto con sabbia nescando un clima per nulla mastodontico non ci sono e calcestruzzo per cercare di dissimile al dopo Chernobil. fondi, avesse virato sul nu- evitare una catastrofica per- Eppure né Chernobil né Fu- cleare di ultima generazione dita radioattiva. Questo il kushima sono la norma, non (ovvero il nuovo del vec- metodo utilizzato a Cherno- sono cronaca di tutti i giorni. chio) come unica via per- byl nel 1986. Intanto, il Giap- Ma quando si è di fronte a un corribile? È una considera- pone ha alzato il suo livello cataclisma di tali dimensioni zione questa che crediamo di crisi nucleare da quattro a la ragione esce di scena ed andrebbe fatta. cinque nella scala Ines (la entrano in ballo le emozioni. Come pure bisognerebbe in scala internazionale degli Le classi dirigenti assolvono tempi brevi produrre una ri- eventi nucleari fatta di sette bene al loro compito solo se sposta sulla strada che dovrà livelli), di fatto equiparando in grado di circoscrivere la imboccare la nostra politica la sua crisi a quella di Three fase sentimentale a un mo- energetica. Mile Island e Chernobil. mento. A loro spetta provve- Francesco di Rosa
  • 4. Impaginato La Piazza dItalia 6-04-2011 10:55 Pagina 4 Pag. 4 1-15/16-31 marzo 2011 LA PIAZZA D’ITALIA - ECONOMIA Il dilemma sembra prender corpo su una questione molto importante Federalismo municipale e fisco più leggero? I Ministri Calderoli e Tremonti continuano ad assicurare che con il federalismo municipale il goria catastale che comprende, uffici, studi, negozi, magazzini, laboratori, opifici, alberghi e ni dell’esenzione dall’Imu per gli enti ecclesiastici e dell’aboli- zione di alcune imposte locali. immobiliare; b) una quota, par- ti al 30% del gettito delle impo- ste di registro, ipotecarie e cata- contratto pari a quattro anni e l’applicazione di un canone ri- dotto che fa riferimento al triplo postata mediante l’introduzione di nuovi tributi con relative nuove aliquote. È chiaro che il fisco sarà più leggero, ma dalle pensioni, teatri, sale da concer- Il quadro delineato da Confarti- stali sugli atti di trasferimento della rendita catastale) si preve- decreto sostituisce ed istituisce proiezioni di Confartigianato ti, fabbricati industriali e com- gianato non fa che pensare ad immobiliare ed una quota, pari de che in caso di contratto a ca- nuove tasse, ed è altrettanto emerge esattamente l’opposto: merciali). Con l’attuale Ici la un inasprimento della pressione al 21,7% nel 2011 ed al 21,6% none concordato il locatore, se chiaro che la differenziazione fi- le imprese si ritroveranno a pa- Lombardia ha incassato nel fiscale a livello locale. dal 2012, del gettito cedolare opta per la cedolare secca, non scale nel territorio italiano sarà gare in totale 812 milioni in più 2009 960 milioni; con l’Imu arri- Lo schema di decreto legislativo secca sugli affitti. I gettiti in que- potrà richiedere aggiornamenti da subito molto evidente e rile- l’anno con il passaggio dall’Ici verebbe a 1180 milioni con l’ali- recante disposizioni in materia stione affluiscono ad un Fondo del canone per tutta la durata vante in termini di gettiti e di all’Imu (+17%). E se i comuni quota base (+22,9%) e a 1646 di federalismo fiscale municipa- sperimentale di riequilibrio, di del contratto. Per quanto con- politiche fiscali. Se il regime di scegliessero l’aliquota massima, con quella massima del 10,6 per le dispone l’attribuzione ai co- durata triennale, finalizzato a cerne l’Imu, essa è introdotta a tassazione porterà ad una mar- il 10,6 per mille, si arriverebbe a mille (+71,4%). Significa un ag- muni del gettito di numerosi tri- realizzare in forma progressiva decorrere dal 2014, in sostitu- cata differenziazione tributaria il tre miliardi, che per il singolo gravio di 163 euro per immobi- buti erariali e di una comparte- e territorialmente equilibrata la zione, per la componente im- motore dell’economia nazionale immobile si tradurrebbero in un le nel primo caso, e di 507 euro cipazione all’IVA, istituisce una devoluzione dei gettiti medesi- mobiliare, dell’Irpef (e relative ne risentirà in termini di forza e salasso di 507 euro (è il record nel secondo. Le variazioni più cedolare secca sugli affitti degli mi ai Comuni; il Fondo verrà ri- addizionali), dovuta per i reddi- velocità. Se oggi il nostro paese stabilito dalla Lombardia). “Così contenute si registrano in To- immobili ad uso abitativo e pre- partito sulla base di un accordo ti relativi ai beni non locati, è a due velocità con il federali- altro che scossa all’economia”, scana (+12,4%), Emilia Roma- vede, a regime, un nuovo asset- in sede di Conferenza Stato-cit- nonché dell’Ici, ed ha per pre- smi fiscale ci troveremo più mo- commenta il segretario generale gna e Marche (+12%), Lazio to tra le competenze dello Stato tà; una quota del 30% del Fon- supposto il possesso di immobi- tori, più velocità che provoche- di Confartigianato Cesare Fuma- (+11,4%), Liguria (+11,7%) e e degli enti locali nel settore do andrà ripartita in base al nu- li diversi dall’abitazione princi- ranno un effetto disarmonico galli. A subire le peggiori conse- Umbria (+11,5%). Ma anche nel della fiscalità territoriale ed im- mero dei residenti, e, al netto di pale, cui pertanto non si appli- sul ritmo globale di crescita del- guenze del passaggio dall’attua- caso del Lazio l’Imu peserà mol- mobiliare. Sulla base delle risul- tale quota, una ulteriore percen- ca, incluse le pertinenze. Lo l’economia nazionale. le Ici, pari in media al 6,49 per to sulle imprese: si pagheranno tanze dell’esame effettuato pres- tuale del 20% dovrà essere de- schema di decreto prevede poi, Si auspica che gli effetti del fe- mille, all’Imu (imposta munici- 66 euro in più per immobile nel so la Commissione bicamerale, stinata ai piccoli Comuni. Per sempre a decorrere dal 2014, deralismo fiscale non portino ad pale unica, entrerà in vigore nel caso dell’aliquota base, 318 con lo schema di decreto sul federa- quanto riguarda la cedolare sec- l’imposta municipale seconda- un aumento della tassazione, 2014 in base al decreto sul fede- l’aliquota massima. lismo fiscale interviene in una ca sugli affitti, è istituita appun- ria, da introdursi con delibera- ma questi ad oggi, cioè all’istitu- ralismo), che avrà l’aliquota ba- C’è un’altra ipotesi, che Confar- prima fase di avvio triennale, to la possibilità per i proprietari zione del consiglio comunale in zione della nuova fiscalità terri- se del 7,6 per mille, saranno gli tigianato non trascura, per amo- dal 2011, e poi disciplinato a re- di immobili concessi in locazio- sostituzione degli attuali tributi toriale lasciano pochi margini imprenditore delle Regioni che re di equilibrio. Il decreto pre- gime a decorrere dal 2014, sulla ne di optare dal 2011, in luogo sull’occupazione di aree pubbli- ad una previsione ottimistica, hanno scelto una tassazione più vede che i Comuni possano an- pressione fiscale a livello locale, dell’ordinaria tassazione Irpef che, sulle affissioni e sull’instal- che dipende molto dalla situa- moderata. È il caso della Valle che ridurre l’aliquota base del 3 con l’introduzione, in sostituzio- sui redditi da locazione, per un lazione dei mezzi pubblicitari. zione economica e finanziaria d’Aosta, che avrà un incremen- per mille, oltre che aumentarla. ne di tributi vigenti, dell’imposta regime sostituivo, che assorbe Tutte è demandato all’autono- in cui versano i Comuni italiani. to del gettito del 73,5% appli- In questo caso, naturalmente, si municipale (Imu). anche le imposte di registro e mia impositiva degli enti locali, Si sa che tale situazione non è cando l’aliquota base dell’Imu. registrerebbero delle riduzioni In particolare, per quanto con- bollo sui contratti, le cui aliquo- e tutti i livelli erariali saranno positiva in termini di entrate, Seguono la Sardegna (+29,1%) generalizzate rispetto all’attuale cerne la fiscalità immobiliare, te sono pari al 21% per i con- determinati dal consiglio comu- per cui sulla base di questa bi- e il Friuli Venezia Giulia Ici: il gettito generale si ridur- dal 2011 vengono attribuiti ai tratti a canone libero ed al 19% nale. Ogni Comune gestirà in sogna attendersi un aumento (+24,7%). rebbe di 1389 milioni (-29,2%, Comuni: a) l’intero gettito del- per quelli a canone concordato. maniera autonoma le proprie ri- della pressione fiscale che co- Arriva poi la Lombardia, Regio- 149 euro in meno per immobi- l’Irpef sui redditi fondiari (esclu- Oltre a severe sanzioni in caso sorse ed i propri tributi. Visto lo munque è già in atto presso al- ne con altissima concentrazione le) nella media di 19 Regioni. so il reddito agrario) e quello di omessa od irregolare registra- schema del decreto legislativo cune realtà locali. di imprese e partite Iva, e quin- Ma non è realistico aspettarselo, relativo alle imposte di registro zione (in cui si prevede auto- del federalismo fiscale, la tassa- di di immobili strumentali (cate- considerato il peso per i Comu- e bollo su contratti di locazione maticamente una durata del zione locale sarebbe stata reim- Avanzino Capponi Tra manovre anticrisi e disegni di legge collegati alle leggi finanziarie Il tracciato 2010-2013 delle politiche economiche del Governo L a crisi economica scoppiata nel 2009 ha determinato un profondo mutamento nello sce- -3,7% sul Pil nel 2009, -3,3% nel 2010 e -2,9% nel 2011. Questi an- ni sono stati caratterizzati da una to degli ammortizzatori sociali. So- no stati riconosciuti incentivi alle imprese che hanno assicurato il Inoltre, nei limiti consentiti dalla finanza pubblica, ha operato mas- sicce iniezioni di liquidità nel si- giuntamente da forte propensio- ne all’esportazione e da peso ri- levante dell’industria manifattu- gono due rilevanti realtà: una è che i risultati dell’economia globa- le hanno certificato il grado di nario economico internazionale e continua rivisitazione delle stime rientro anticipato dei lavoratori in stema accelerando il pagamento riera sul valore aggiunto, ha par- profondità e di diffusione delle re- nelle politiche economiche dei di crescita legate ad un ulteriore cassa integrazione impiegati in dei debiti pregressi ed abbattendo ticolarmente risentito del crollo cessione dell’ultimo biennio, la Governi. In Italia, abbiamo assi- peggioramento della crisi econo- progetti di formazione e riqualifi- l’ammontare accumulato dei rim- degli scambi internazionali e del- più grave dall’epoca della Grande stito a riposizionamenti strategici mica in atto. Nella contingente si- cazione. È stato istituito, inoltre, borsi fiscali. Lasciando pienamen- la forte riduzione degli investi- Depressione. Il prodotto mondia- dei mercati, alle difficoltà di so- tuazione, la risposta del Governo un Fondo con dotazione pari a te operare gli ammortizzatori so- menti. L’economia italiana risulta le si è contratto di quasi l’1,2%, i pravvivenza delle piccole e me- alla crisi è stata dettata dall’esigen- 800 milioni a decorrere dal 2010, ciali, l’utilizzo prudente della leva meno esposta ai fattori specifici traffici di beni e servizi di oltre il die imprese, alla crisi dei consu- za di massimizzare l’efficacia degli destinati ad interventi relativi al fiscale ha consentito al Governo della crisi finanziaria. L’indebita- 12%. L’attività economica italiana mi delle famiglie ed alla contra- interventi, con l’obiettivo di salva- settore sanitario. Gli interventi de- di limitare il deterioramento dei mento delle famiglie è inferiore è diminuita del 5% con una calo zione degli investimenti. Sotto ac- guardare l’equilibrio dei conti stinati alle imprese hanno avuto conti pubblici. È chiaro che in una rispetto alle media europea (60% delle esportazioni del 19,1% e del- cusa anche i conti pubblici degli pubblici. Il disavanzo di bilancio una dotazione complessiva pari a prospettiva più generale bisogna- del reddito disponibile contro le importazioni del 14,5%. Il mer- Stati, di qui l’esigenza della Unio- corretto per il ciclo al netto delle circa 7 miliardi. Il decreto legge va guardare al dopo-crisi, per ri- 93% alla fine del 2008) e il setto- cato del lavoro ha risentito delle ne Europea di varare piani di sal- una tantum (indebitamento strut- n.78 ha contemplato anche misu- stabilire condizioni di crescita più re immobiliare è meno vulnera- ripercussioni della forte recessio- vataggio per quelle economie turale) è stato previsto in continuo re destinate al rilancio delle infra- robuste nel medio-lungo termine. bile. ne, i dati di contabilità nazionale fortemente indebitate, la persi- miglioramento fino al 2012. Effet- strutture e dello sviluppo, tra que- La riforma dell’architettura istitu- Nel biennio 2010-2011 la crescita mostrano una diminuzione del- stenza di tensioni internazionali, tivamente il contenimento dei ste aveva disposto l’assegnazione zionale dello Stato (a partire dal economica è stata lievemente su- l’input di lavoro pari a 660.000 di turbolenze finanziarie hanno conti pubblici è stato in questi an- alla società stretto di Messina federalismi fiscale) e l’investimen- periore a quella registrata nel unità di lavoro equivalenti a tem- caratterizzato ed influenzato ne- ni un obiettivo raggiunto, ovvia- S.p.a., a valere sulle risorse del to in capitale umano e in infra- 2009, ma senza significativi effetti po pieno (-2,6%), di cui oltre gativamente la congiuntura eco- mente manca ancora qualche Fondo infrastrutture, di un contri- strutture, alla base del rilancio del- sull’occupazione e sui redditi del- 400.000 nell’industria in senso nomica globale. punto da ridurre nel rapporto de- buto complessivo in conto im- la produttività e della crescita eco- le famiglie. L’impatto sull’occupa- stretto (-8,1%). Il quadro tendenziale di finanza ficit/Pil per soddisfare il parame- pianti di 1,3 miliardi di euro. nomica nel suo complesso, do- zione nel 2011 dovrebbe essere Nei prossimi anni è plausibile at- pubblica delineato dai documenti tro di Maastricht. Nel Documento di Programma- vranno essere le aree di principa- leggermente più favorevole ri- tendersi un sensibile aumento programmazione ha evidenziato, Il provvedimento anticrisi reperi- zione economico-finanziaria per le intervento. La crisi economica spetto allo scenario di base, in cui della crescita del Pil al 2% nel infatti, il graduale e progressivo sce risorse per un importo com- gli anni 2010-2013, deliberato dal ha messo sotto pressione l’equili- si registrerebbe una crescita di ol- biennio 2012-2013, andando a ri- peggioramento delle previsioni plessivo di circa 17 miliardi di Consiglio dei Ministri il 15 luglio brio dei conti pubblici e ha com- tre 0,3 punti percentuali. Vi sono durre in parte l’ancor ampio gap dovuto all’aggravarsi della crisi euro nel quadriennio 2009-2012 2009, il Governo si è trovato an- portato inevitabilmente una diver- però da considerare le misure che di capacità produttiva inutilizzata. economica. Il Governo, già nel disponendo maggiori entrate per cora una volta di fronte all’incer- sa composizione delle entrate e non esercitano un’azione espansi- Il mercato del lavoro resterebbe 2009, aveva provveduto ad ag- circa 10,6 miliardi di euro e mi- tezza delle prospettive economi- delle uscite. Gli obiettivi rimango- va sull’economia per via dell’im- debole, il ricorso alla CIG da par- giornare il Programma di stabilità, nori spese per circa 6 miliardi di che anche se si cominciava ad no quelli di una convergenza ver- pulso del bilancio pubblico (tutta te delle imprese è ancora ampio. slittato nel 2010 in relazione alle euro. Per quanto riguarda il de- evidenziare una lieve attenuazio- so il pareggio di bilancio in termi- da dimostrare in un paese ad alto Le diverse congiunture che han- difficoltà previsive della congiun- bito pubblico tendenziale, le sti- ne delle spinte recessive. Duran- ni strutturali e verso una graduale debito pubblico). Le indicazioni no attraversato l’economia inter- tura internazionale, e nella relativa me aggiornate hanno indicato un te questa fase, il Governo ha agi- ma costante riduzione del rappor- provenienti dal nuovo quadro nazionale e quella europea nel- Nota informativa 2009-2011 tra- rapporto debito/Pil pari a 115,3 to in modo mirato per garantire to debito/Pil per continuare a da- macroeconomico, che non sono l’ultimo biennio si sono rivelata smessa al Parlamento, aggiornava nel 2009, 118,2 nel 2010 e 118,6 condizioni di stabilità per la fi- re fiducia agli operatori economi- incoraggianti, anche se nel 2011 molto negative; i Governi hanno le previsioni incorporando gli ef- nel 2011, 118,5 nel 2012 e 117,7 nanza pubblica, per dare sup- ci e ai mercati finanziari. si stima che il nostro paese avrà reagito a queste ponendo in esse- fetti dei provvedimenti anti-crisi nel 2013. porto all’economia, per assicura- L’elevato grado di integrazione una crescita dell’1,3%; pesa sulle re una serie di politiche volte al ri- varati nel mese di novembre 2008: Per quanto riguarda le misure de- re la coesione sociale. In partico- dell’economia globale ha esteso prospettive di crescita l’incertezza sanamento ed al potenziamento - 2% la variazione del Pil nel 2009 stinate alle famiglie, pari a circa lare il Governo ha agito per sal- rapidamente al resto del mondo del mercato del lavoro che regi- del sistema, ma l’attuale congiun- rispetto a +0,5% stimato nella Re- 4,7 miliardi di euro nel quadrien- vaguardare il sistema creditizio e la crisi economico-finanziaria ini- stra tassi di disoccupazione pre- tura ancora non segnala tendenze lazione Previsionale e Program- nio, particolare importanza hanno il risparmio delle famiglie, per ziata negli Stati Uniti. Significati- occupanti. incoraggianti. Gli sforzi del Go- matica di settembre 2008 e +0,3% rivestito la sospensione dei tributi potenziare ed accelerare gli inve- vo è stato anche l’impatto indi- Dalla relazione generale sulla si- verno italiano devono ora più di nel 2010 rispetto a +0,9% della e contributi per il sisma in Abruz- stimenti pubblici e incentivare gli retto della crisi finanziaria sul- tuazione economica del nostro prima concentrarsi tutti sulla cre- RPP. Per quanto riguardava l’inde- zo, gli interventi anticrisi sul mer- investimenti privati seppur con l’economia reale. In Italia, l’attivi- Paese, redatta dal Ministero del- scita del Paese l’unica vera e rea- bitamento netto esso era stimato a cato del lavoro e il potenziamen- scarso successo. tà produttiva, caratterizzata con- l’Economia e delle Finanze, emer- le priorità delle priorità.
  • 5. Impaginato La Piazza dItalia 6-04-2011 10:55 Pagina 5 1-15/16-31 marzo 2011 Pag. 5 LA PIAZZA D’ITALIA - ECONOMIA Piani industriali, piani di risanamento, piani commerciali e di marketing costituiscono le nuove frontiere Le aziende che meglio risaneranno saranno le prime ad uscire dalla crisi N on è accademia, ma una pura e semplice realtà. Le piccole e medie imprese italia- mento dell’azienda, tenuto conto anche delle scelte ine- renti il mantenimento o meno essere molteplici, e le possibili- tà di successo sono maggiori quanto più tempestivamente tendono assumere; nella iden- tificazione della più adeguata struttura e sistema di gover- renti ed alle dinamiche di mer- cato, risponde ad una duplice esigenza: quella di esaminare ne sono state travolte dalla cri- dell’assetto proprietario esi- gli interventi di turnaround so- nance, con particolare atten- l’eventuale riconducibilità del- si economica internazionale. stente, che si può realizzare no posti in essere. Le principa- zione alla figura chiamata a ge- la crisi finanziaria a fattori di La contrazione dei fatturati, la principalmente attraverso l’ela- li linee di intervento, in tal sen- stire il processo di turnaround. mercato, nonché valutare l’esi- difficoltà a sopravvivere sul borazione di un piano di risa- so, possono essere individuate Il tutto deve prevedere anche stenza dei presupposti, in ter- mercato, le condizioni sfavore- namento e/o ristrutturazione, nella riorganizzazione struttu- delle analisi propedeutiche al- mini di prospettive del merca- vole in cui versa il mercato fi- indirizzato al superamento del- rale, ai fini della ricerca di una la definizione del piano, cioè to di riferimento, che consen- nanziario, sono tutti fattori che le cause della crisi, in vista di migliore produttività soprattut- l’individuazione delle basi e tano di ipotizzare il buon esito hanno influenzato profonda- un ritorno all’equilibrio econo- to attraverso la razionalizzazio- compagnato da un piano di ri- dei presupposti di un piano del piano e di formulare ragio- mente le dinamiche di crescita mico e finanziario ed al rilan- ne ed il contenimento dei costi; strutturazione finanziaria. In sostenibile, relativi al profilo nevoli e credibili ipotesi base e di sviluppo delle aziende ita- cio dell’impresa; la continua- nella ricapitalizzazione societa- quest’ottica le intenzioni strate- aziendale, alla situazione patri- per le proiezioni economiche liane e non solo. zione dell’attività aziendale, ria; in operazioni straordinarie; giche rappresentano le scelte moniale, al posizionamento e finanziarie. Per valutare il Di qui la necessità e l’indispen- anche attraverso la cessione nella ricerca ed ottenimento di assunte dal management in re- strategico ed allo sviluppo del- posizionamento competitivo sabilità di una manovra di risa- delle attività o di parte di esse, nuove risorse finanziarie; nella lazione alla attività, alla struttu- le prospettive reddituali. della società si fa generalmen- namento per uscire dalla crisi nelle varie forme previste (ad dismissione di alcuni beni im- ra ed al ruolo futuro dell’im- Con riguardo al profilo azien- te ricorso ad indagini di mer- prima possibile, anche perché esempio con la costituzione di mobili e mobili non più strate- presa nel mercato e devono, dale, gli aspetti che con più cato rilevate da fonti autorevo- permanere in uno stato di crisi new c., piuttosto che tramite gici ed infine nella ristruttura- pertanto, risultare coerenti con frequenza potrebbero inficiare li, che consentono di conosce- significa provocare danni sem- conferimenti e/o cessioni, an- zione del debito (consolida- i fabbisogni e le opportunità di il buon andamento del piano re i trend della domanda e del- pre maggiori all’azienda. Di- che di rami aziendali). mento, rinegoziazione ecc.). rinnovamento e/o ristruttura- di risanamento riguardano la l’offerta su base storica e pro- venta cruciale per tutti gli im- Sempre nella prospettiva della È importante identificare in zione dell’azienda. compagine societaria, gli orga- spettica del mercato di riferi- prenditori definire il piano in- salvaguardia dell’attività di im- maniera corretta la strategia e Di fondamentale importanza è ni di governance e controllo, mento, nonché ad analisi di dustriale migliore, per garanti- presa, possono comunque es- le azioni da intraprendere (pia- l’action plan che, in linea ge- le risorse disponibili e l’impat- benchmarking che permettono re la continuità dei processi sere previste dismissioni par- nificazione vera e propria), ne- nerale, ha la funzione di dare to della tensione finanziaria di confrontare l’azienda esami- aziendali nella pianificazione ziali di cespiti aziendali (im- goziare e presentare la propo- concretezza alle intenzioni sulle relazioni con clienti, for- nata con i concorrenti diretti. del risanamento. Infatti, con mobile e mobili), non più stru- sta di ristrutturazione/risana- strategiche assunte, indivi- nitori e banche. Con riguardo L’analisi delle prospettive red- un processo di risanamento mentali o strategici per una mento ai vari creditori, imple- duando le attività e le iniziati- alla situazione patrimoniale, dituali, o comunque economi- l’obiettivo principale ricercato economica prosecuzione del- mentare il piano e dare esecu- ve da intraprendere per la rea- l’analisi del bilancio rappre- co e finanziarie nel breve, me- è il mantenimento in efficienza l’attività. Nell’ambito di una zione agli interventi ed agli lizzazione del progetto di risa- senta un utile strumento per dio e lungo periodo, soddisfa- del sistema aziendale, per la complessiva riorganizzazione adempimenti previsti. Una cor- namento, oltre a specificare le accertare la realizzabilità di un no le esigenze conoscitive in sua continuazione nel tempo. e ripianificazione, risulta quin- retta pianificazione segue tempistiche ed i relativi re- piano di ristrutturazione d risa- merito alla adeguatezza delle Ovviamente il risanamento si di ragionevole prevedere un quindi un iter logico e proce- sponsabili. I principali fattori namento, consentendo anche capacità finanziarie rispetto ai ottiene attraverso una ristruttu- piano di liquidazione per il durale che si riflette nella strut- di successo del piano di risa- di creare tutti i presupposti ini- fabbisogni e contribuiscono a razione complessiva del- realizzo (in blocco o in singoli tura e nella costruzione del namento di un’impresa in crisi, ziali necessari alla buona riu- formulare il giudizio di ragio- l’azienda e gli interventi sono lotti) dei beni privi di utilità e piano, e si può genericamente sono individuabili in un arco scita dello stesso. Qualora, per nevolezza e fattibilità del pia- differenti in dipendenza delle di una funzione economica. schematizzare nella descrizio- temporale di riferimento, cioè esempio, si intravedesse un no. Questi sono i principali cause che hanno generato la La ristrutturazione programma- ne della strategia realizzata e il lasso di tempo previsto entro problema di natura patrimo- elementi che compongono un crisi e che vanno rimosse. ta, quindi, mira essenzialmente nell’indicazione delle intenzio- il quale l’impresa deve rag- niale (deficit), il piano di ri- piano di risanamento, più esat- La ristrutturazione comporta a privilegiare la continuità ni strategiche. Dall’esame stori- giungere una condizione di strutturazione permette di ipo- tamente, sono le principali poi la valutazione dell’utilità aziendale, a proteggere l’azien- co della società e dall’analisi equilibrio economico-finanzia- tizzare e porre in essere le componenti di una strategia di dei beni dell’azienda ai fini del da e tutti gli stakeholders, in- della sua posizione nel settore rio, che non deve superare i azioni immediate indirizzate ristrutturazione delle imprese processo di turnaround. Nel- troducendo un percorso di ri- e nel mercato di riferimento, tre/cinque anni. Tale termine alla risoluzione dello squilibrio in crisi, oggi si ha necessità di l’ottica della continuità azien- presa dell’equilibrio dei fattori scaturisce l’eventuale opportu- deve essere inteso per il ripri- (ad esempio attraverso opera- seguire queste impostazioni in dale, il mantenimento in vita produttivi e finanziario. Le stra- nità/necessità di un rinnova- stino della capacità dell’impre- zioni di ricapitalizzazione o modo da far ripartire il motore dei complessi produttivi richie- tegie aziendali attuabili dall’im- mento strategico che, nel caso sa a far fronte ai propri impe- procedure di liquidazione). imprenditoriale dell’economia de diverse valutazioni in ordi- prenditore e dal management di un risanamento aziendale, gni e, quindi, va riferito alle L’indagine del posizionamento e fornire quell’impulso decisi- ne alle modalità di prosegui- di una società in crisi possono sarà sempre e sicuramente ac- misure straordinarie che si in- competitivo rispetto ai concor- vo a crescita e sviluppo. Nel 2010 sono stati recuperati 25,4 miliardi di euro dalla lotta all’evasione fiscale Il fisco morde la mela marcia dell’evasione L a lotta all’evasione fiscale condotta nel 2010 ha porta- to risultati eccellenti. Fra impo- tasse. “Se non cambia l’approc- cio dei contribuenti, se non cambia la cultura per cui chi Il 20% della riscossione dei tri- buti nel 2010 è stata recupera- ta da grandi evasori fiscali, so- do contemporaneamente il contenzioso. In totale, si legge nella nota di Equitalia, al 31 di- ste, tasse e contributi evasi, al- evade è più furbo degli altri, al- prattutto in Lombardia, Lazio e cembre 2010 le rateazioni con- l’Agenzia delle entrate rientra- lora non si potrà parlare di Campania. I dati sulla riscossio- cesse hanno raggiunto quota no 10,9 miliardi (+15% rispetto possibilità di ridurre le impo- ne indicano un incremento un milione che supera i 14 mi- al 2009) dai controlli e 6,6 mi- ste. E anche la lotta all’evasio- complessivo del 15% rispetto al liardi di euro. liardi dai minori crediti d’impo- ne, che ammonta a 100 miliar- 2009 e del 27% sul 2008, per Il principio costituzionale se- sta tributari utilizzati in com- di, sarà molto difficile se non un valore che, al 31 dicembre condo cui ogni cittadino italia- pensazione rispetto al 2009. cambia quella cultura”. Lo stes- 2010, per Equitalia si attesta a no deve pagare le tasse secon- Sono 6,4 miliardi (+12%) recu- so Befera si dice poi fiducioso 8,9 miliardi, tra imposte, tasse e do la propria capacità contri- perati dall’Inps, 1,9 miliardi che risultati migliori in termini contributi, non pagati dai con- butiva è sacrosanto ed andreb- (+19%) da Equitalia. “Ma se di lotta all’evasione potranno tribuenti, ma dovuti ai vari enti be rispettato in toto e da tutti. non cambia cultura resterà im- essere raggiunti con il federali- creditori. Secondo Equitalia, Spesso si sente dire che a pa- possibile ridurre le tasse”. smo fiscale, responsabilizzan- l’aumento rilevante delle som- gare le tasse sono i piccoli con- Ammonta a 25,4 miliardi di eu- do gli enti locali. “Con il fede- me recuperate è dipeso soprat- tribuenti, mentre ad evadere ro la somma recuperata nel ralismo aumenta il loro coin- tutto dall’affinamento delle atti- sono i grandi contribuenti, 2010 dalla lotta all’evasione fi- volgimento anche sui tributi vità di controllo e riscossione, questo potrebbe esser in parte scale dell’Agenzia delle entrate, erariali. Migliorerà quindi la ca- frutto delle maggiori sinergie anche vero ma quello che con- dell’Inps e di Equitalia. “La pacità di collaborare e gli enti Befera. Alcuni trend sono in Dopo la performance strepito- con l’Agenzia delle entrate, ta è che tutti, nessuno escluso, somma recuperata, precisano locali sono più interessati, per- forte crescita, come l’’incre- sa del 2009 nel 2010 siamo riu- l’Inps e la Guardia di finanza. debbono poter evadere o elu- gli enti, rappresenta un dato ché si tratta di quattrini loro”. mento degli incassi da adesio- sciti a superare l’obiettivo di 6 In particolare, per le morosità dere il Fisco altrimenti si confi- ormai quasi definitivo e desti- Befera rileva inoltre come buo- ne. “E’ su questo che stiamo la- miliardi che ci eravamo prefis- rilevanti: rispetto al 2009, infat- gura una vera e propria forma nato nelle prossime settimane na parte dei 25,4 miliardi recu- vorando”. E l’incremento dei ri- sati”. Marco Cuccagna, diretto- ti, “sono aumentati del 17% gli di ingiustizia sociale. Il proble- a crescere, sia pure marginal- perati nel 2010 può considerar- sultati ottenuti attraverso la re generale di Equitalia, parla incassi da chi ha debiti oltre i ma è semmai perché i grandi mente”. si “strutturale. I primi dati del compliance, lo scorso anno, sta invece del “mestiere difficile 500 mila euro, per un importo contribuenti riescono più facil- Il direttore dell’Agenzia delle 2011 lo stanno confermando”. a significare che “iniziamo a “che devono svolgere le strut- complessivo che ha rappresen- mente ad evadere il Fisco ri- entrate, Attilio Befera, loda il Per noi è importante la struttu- mordere la grande mela marcia ture che si occupano di contra- tato il 20% del totale riscosso”. spetto ai piccoli? Questa do- lavoro di tutte le strutture, ma ralità del recupero, perché si va dell’evasione”. sto all’evasione. Perché “è Altro contributo decisivo, se- manda sicuramente se la sono ricorda come sia necessario un a incidere “sulla massa di 100 Il Presidente dell’Inps, Antonio stretto tra leggi che obbligano condo Equitalia, è venuto dalle posta i vertici delle istituzioni cambiamento “culturale” da miliardi di euro di evasione” Mastropasqua, sottolinea i “ri- alle azioni esecutive e la com- rateazioni delle cartelle che ha preposti al controllo ed alla lot- parte del cittadino. Che solo stimata in Italia. Quanto agli sultati prodotti dalla lotta al- prensione delle difficoltà dei facilitato il percorso dei contri- ta all’evasione fiscale, infatti, i così, spiega il direttore, può obiettivi del 2011, “sicuramente l’evasione fiscale contributiva” cittadini chiamati a pagare le buenti intenzionati a mettersi risultati sono eclatanti, e final- sperare di vedersi ridurre le incasseremo di più”, assicura nel corso degli ultimi due anni. imposte”. in regola con il Fisco, riducen- mente anche i ricchi piangono.
  • 6. Impaginato La Piazza dItalia 6-04-2011 10:55 Pagina 6 Pag. 6 1-15/16-31 marzo 2011 LA PIAZZA D’ITALIA - ATTUALITÀ Un’altra fonte di energia alternativa Da una foglia un nuovo mondo Q uando il ricercatore del U.S. National Renewable Energy Laboratory, John Tur- che ha trovato la strada per rendere reale e concreta l’idea di Turner. mici) accelerano le reazioni chimiche che portano a sepa- rare gli elementi principali re alla portata di tutti, in tem- pi ragionevoli, l’indipendenza energetica, per cominciare, za. Per una volta le parti del mondo più discriminate po- trebbero essere il motore di ner, circa dieci anni fa, creò la L’ottimismo nasce dal fatto dell’acqua che poi vengono delle famiglie e di piccole co- una nuova era energetica prima foglia artificiale, non si che il nuovo prototipo di fo- inviati ad una cella a combu- munità. che darebbe all’intero piane- riuscì a gioire per via dei co- glia artificiale, con un singolo stibile che genera energia. Come è ovvio tutto questo si ta equilibri nuovi. sti, della poca efficienza e esemplare, potenzialmente La cosa più sorprendente è scontrerà con la monolitica E sempre per un attimo po- della conseguente scarsa frui- potrebbe soddisfare la neces- l’immediata fruibilità dell’in- opposizione degli interessi di tremmo immaginare che con bilità del prototipo. sità energetica giornaliera di venzione del gruppo del Prof. coloro che forniscono mate- questa foglia “magica”, nata L’idea alla base dell’invenzio- una casa in un paese in via di Nocera tanto che il gigante rie prime ed energia tradizio- in un laboratorio, non ci sa- ne era quella di riprodurre la sviluppo. indiano TATA ha concluso col nale ma, per una volta, im- ranno più le guerre per il fotosintesi clorofilliana ed in- La differenza con quanto fat- MIT un accordo per la costru- maginare che un’innovazio- controllo di risorse ora più canalarla in un processo di to dieci anni fa sta nella rea- zione di celle basate su que- ne di questa portata si dif- che mai preziose come petro- produzione di energia sfrutta- lizzabilità con materiali a bas- sta nuova tecnologia per dif- fonderà prima nel terzo lio e gas. bile dall’uomo per il suo fab- so costo e nei risultati dei fondere l’energia in aree di mondo è qualcosa che anche In un futuro forse non così bisogno giornaliero. test: la nuova foglia con me- Asia ed Africa scarsamente se per poco, ci fa dimentica- lontano l’uomo dovrà trovare Con il disastro nucleare giap- no di quattro litri d’acqua, rie- fornite. re quanto ci sta costando la altri pretesti per combattere e ponese ancora in corso ed i sce a generare energia per 45 Si sa che ormai l’energia è la dipendenza energetica da purtroppo la fantasia non gli cui esiti catastrofici sono an- ottimismo ci ha pensato il ore in modo costante. condizione fondamentale per tecnologie necessarie allo manca. cora tremendamente indefini- gruppo di ricercatori del MIT I catalizzatori fatti di nichel e lo sviluppo e la prosperità e sviluppo di economie mo- ti, a regalarci un briciolo di coordinato dal Prof. Nocera di cobalto (elementi econo- questa novità potrebbe mette- derne sempre in concorren- Gabriele Polgar La natura fonte di energie rinnovabili Energia: quali alternative? L a soddisfazione del fabbi- sogno energetico è una corsa contro il tempo; anche di “manutenzione” l’equilibrio degli ecosistemi e in questo contesto vengo- per no non possono essere consi- derati tali. Le biomasse rientrano fra le ne della benzina. Dalla spre- mitura invece delle oleagino- se (soia, girasole, colza) si Penetrando in profondità nel- la superficie terrestre la tem- peratura aumenta notevol- me rappresentano il 70% della potenza eolica nel mondo. L’energia prodotta in questo salvare le vittime colpite da no tenuti in considerazione rinnovabili perché la CO2 può ricavare il biodiesel. mente: i vapori vengono con- modo è abbondante, rinnova- una catastrofe naturale lo è; diversi fattori, innanzitutto emessa per la produzione di Uno dei fattori negativi più si- vogliati dalle sorgenti del sot- bile, pulita, ampiamente di- le conseguenze di un disastro economici quali, reperimen- energia non rappresenta un gnificativi nello sfruttamento tosuolo verso apposite turbi- stribuita e non produce gas a nucleare annullano il benefi- to e trasporto di combustibi- incremento di anidride carbo- di biomasse è la loro non di- ne adibite alla produzione di effetto serra e ha un costo re- cio di ogni rapidità d’azione. li, costruzione e costo di nica presente nell’ambiente sponibilità in ogni momento energia elettrica e il vapore lativamente basso. Ci sono Nel primo campo l’individuo esercizio di una centrale, ri- ma è la stessa quantità che le dell’anno. acqueo viene riutilizzato per generatori eolici ad asse verti- mostra necessità di sopravvi- ciclaggio delle scorie, sman- piante hanno dapprima assor- L’energia idroelettrica sfrutta il riscaldamento urbano, le cale e funzionano indipen- vere, nel secondo anche, nel tellamento della centrale bito per svilupparsi e che alla l’energia potenziale dell’ac- coltivazioni in serra e il ter- dentemente dalla direzione terzo lo spirito di conserva- stessa a fine esercizio, even- loro morte tornerebbe co- qua che cadendo agisce su malismo. del vento e generatori eolici zione è messo a dura prova: tuale deposito delle scorie. munque nell’atmosfera. L’uti- una turbina che genera elet- Purtroppo la geotermia rap- ad asse orizzontale il cui roto- in quest’ultimo caso l’uomo Ma ovvio che non si può so- lizzo delle biomasse accelera tricità. Lo svantaggio che può presenta solo l’1% di produ- re va orientato in base alla di- dimostra di non poter avere il prassedere sui cosiddetti co- soltanto il ritorno della CO2 portare lo sfruttamento di zione di energia perché di fat- rezione del vento. controllo su tutto ciò che lo sti “esterni” dell’energia che nell’atmosfera. questa energia è proprio la to è un’opportunità molto lo- Molto utile e in diffusione è circonda e che egli stesso ha oltre alle valutazioni più Gli impianti adibiti a questo costruzione delle dighe che, calizzata e queste aree inoltre l’eolico off-shore, cioè im- creato; la sua fallibilità è pro- pragmatiche, tiene conto dei devono essere sottoposte a pianti eolici installati al largo va stessa della sua natura costi associati ai danni am- controlli annuali perché non di mari e laghi per sfruttare al umana. bientali: effetto serra, emis- sono escluse emissioni di ele- massimo la forza del vento e L’approvvigionamento ener- sioni di gas inquinanti e di- menti tossici, come zolfo, vengono installati con lo stes- getico può essere prova d’in- sastri ambientali. mercurio e arsenico presenti so metodo delle piattaforme gegno; tirar fuori dalle mace- In più, questa pratica sempre nei fluidi geotermali. Ricor- petrolifere. rie o dal fango corpi ancora più diffusa, pone come prin- diamo però che l’Islanda ri- Infine altra fonte di energia vivi è prova del più nobile in- cipio base che non esistono scalda l’85% delle case con lo rinnovabile e pulita è il sole, gegno per l’uomo; costruire fonti di energia che abbiano sfruttamento di questa ener- che arriva in quantità enormi centrali nucleari in zone si- solo vantaggi e ciò significa gia, mentre il più grande sul suolo terrestre. smiche non è proprio un mettere in pratica un livello di complesso geotermico si tro- L’energia solare è usata per onore per l’ingegno umano. attenzione e coscienziosità al- va in Italia, sul Monte Amiata produrre energia elettrica (fo- Concepire uno sviluppo so- to nella scelta e nel trattamen- e soddisfa le richieste energe- tovoltaico) e per generare ca- stenibile dà merito alla razza to di fonti energetiche. tiche delle aree attorno ad es- lore (solare termico); per umana ma dimostra anche la Con le crisi petrolifere del so; altra produzione esempla- questo vengono utilizzati tre consapevolezza di essere infi- 1973 e del 1979 si ebbe un re c’è nelle zone di Pisa, Sie- tipi diversi di pannelli solari: i nitamente piccoli rispetto alla chiaro avvertimento sulle na e Grosseto. panelli solari termici, i pan- forza della natura e per quan- problematiche poste da La geotermia produce energia nelli solari a concentrazione e to ormai sottintesa questa af- un’eccessiva dipendenza di rinnovabile e pulita, le centra- il pannello fotovoltaico. fermazione possa essere am- un mondo dal petrolio e più sfruttamento di risorse contri- non poche volte, vengono li sono considerate non inqui- Con le attuali tecnologie i messa, perché scontata, a vol- in generale dall’approvvigio- buiscono alla produzione di fatte con criteri poco rispetto- nanti e semplice è il riciclag- pannelli fotovoltaici sono te però, sembra proprio che namento di fonti fossili, quali energia termica ed elettrica, si delle comunità locali, co- gio degli scarti. sensibili anche alla radiazione ci voglia la sua stessa azione carbone, petrolio e gas natu- limitando le emissioni si ani- stringendole allo spostamento Lo svantaggio più evidente è infrarossa (invisibile) dei rag- devastante a rendere esplicito rale. dride carbonica. e al cambiamento di abitazio- un odore piuttosto sgradevo- gi solari e quindi producono questo concetto tanto eviden- In questi anni si comincia ad C’è la biomassa forestale, che ne. Inoltre di sicuro, l’energia le ma che può essere risolto corrente anche in caso di te quanto spesso snobbato aprire l’orizzonte delle ener- è l’insieme dei prodotti di idroelettrica è più localizzata con l’installazione di partico- tempo nuvoloso o pioggia. prepotentemente dall’uomo. gie alternative con progetti di scarto ottenuti con il taglio perché non tutti dispongono lari impianti di abbattimento. Il costo di questa produzio- Lo sviluppo sostenibile con- investimento di risorse, ricer- dei boschi che può alimenta- di idonei bacini d’acqua. Inoltre l’impatto esteriore del- ne di energia è ancora piut- cepisce una forma di società ca e fondi. re in maniera efficientissima Altra fonte rinnovabile è le centrali può creare un pro- tosto alto, per questo infatti che non compromette l’esi- Le energie alternative sono caldaie che forniscono acqua l’energia geotermica, energia blema paesaggistico, però an- il fotovoltaico produce anco- stenza delle generazioni futu- energie rinnovabili, sono fon- calda per il riscaldamento e generata per mezzo di fonti che a questo si può ovviare ra solo lo 0,01% dell’elettrici- re di perdurare nello sviluppo ti che non tendono quindi ad per i sanitari. geologiche di calore. Essa coniugando un’opera inge- tà mondiale; ma gli studi e la stesso, avendo premura per il esaurirsi, come al contrario L’agroenergia è invece quella sfrutta il calore naturale della gneristica e architettonica ri- ricerca si stanno concentran- patrimonio ambientale; accade per i combustibili fos- biomassa coltivata specifica- Terra determinato dall’ener- spettosa del comune senso do su un nuovo tipo di celle il concetto di “manutenzione” sili e l’uranio, che serve per mente per fini energetici e in gia termica rilasciata in pro- estetico. più efficienti e più economi- per il futuro del mondo non è l’energia nucleare; l’idroelet- seguito i biocarburanti rap- cessi di decadimento nuclea- L’energia eolica è altra fonte che. un’idea recente, ma da anni trico e le biomasse sono le presentano un altro buon ri- re naturale di elementi radio- preziosa di energia rinnovabi- Le basi per produrre energia viene contemplata come al- classiche energie rinnovabili. sultato dello sfruttamento di attivi quali l’uranio, il torio, il le; è il prodotto della conver- pulita ci sono, la natura come ternativa ad uno sviluppo in- Il termine biomassa indica vegetali; dalla fermentazione potassio. La prima utilizza- sione dell’energia cinetica del nostra fonte inesauribile c’è, controllato delle attività pro- tutti quei materiali di origine di vegetali ricchi di zuccheri zione dell’energia geotermi- vento in energia meccanica solo l’uomo deve avere un at- duttive che non gioverà di organica, sia vegetale che ani- come canna da zucchero, ca risale al 4 Luglio del 1904 ed elettrica. teggiamento più responsabile certo all’umanità. male che non hanno subito il barbabietole e mais si può ri- quando il Principe Piero Gi- Gli Stati Uniti sono la prima e aperto a 360 gradi e investi- Valutare le condizioni di processo di fossilizzazione; cavare etanolo o alcool etilico nori Conti sperimentò il pri- potenza nell’eolico, seguono re in maniera consapevole in produzione di energia rien- perciò i combustibili fossili, che può essere utilizzato co- mo generatore a Larderello la Germania, la Cina, L’India e studi e ricerca. tra sicuramente nel percorso quali petrolio, carbone, meta- me combustibile in sostituzio- in Toscana. la Spagna. Queste sole insie- Ilaria Parpaglioni
  • 7. Impaginato La Piazza dItalia 6-04-2011 10:55 Pagina 7 1-15/16-31 marzo 2011 Pag. 7 LA PIAZZA D’ITALIA - ATTUALITÀ La flessibilità nel mercato del lavoro non è soltanto un problema in entrata ma anche in uscita New social deal L a contrattazione aziendale deve essere mirata a mag- giore produttività e maggior zione è usata per ridurre le ore di lavoro”. E su questo, invita Marcegaglia, “si deve ri- più elevati di produttività e di salari”. Insieme ai sindacati, come parti sociali, “dobbia- vedrebbero corrispondersi un salario maggiore e le imprese otterrebbero rendimenti mag- salario. In Italia, afferma la flettere”. mo scegliere se questo per- giori ed aumenterebbero le Presidente di Confindustria, Quanto alla cassa integrazio- corso lo vogliamo subire o proprie performances produt- non esiste solo un problema ne in deroga, “è stata utile gestire”. Sacconi sottoscrive il tive. La rivisitazione di queste di flessibilità in entrata, “forse perché con la crisi non è sta- richiamo della numero uno regole comporterebbe sicura- eccessiva”, con strumenti che to possibile riformare gli am- degli industriali. “Ha ragione, mente effetti benefici a tutta vanno tarati. La flessibilità, mortizzatori sociali”. Guar- dichiara il ministro del Lavo- l’economia, innalzerebbe il per Marcegaglia, ha un corri- dando al domani, “va vista ro, quando sottolinea l’esi- potere d’acquisto delle fami- spettivo anche in termini di come uno strumento eccezio- genza di completare la rego- glie e aumenterebbe la reddi- uscita dal mercato del lavoro. nale per gestire la crisi, altri- lazione del mercato del lavo- tività aziendale. Ed è questo, un problema menti c’è il rischio che la ri- ro e dei rapporti di lavoro. Il problema in Italia è ridefini- “che prima o poi va affronta- presa arrivi e si continua a Così come fa bene, dal punto re nuove regole ossia preve- to, non possiamo continuare usarla”. Altro nodo da scio- di vista del metodo, a voler derle in un “new social deal” ad eluderlo”. Assieme al plau- gliere, secondo la presidente cercare su ciò un’intesa con (un nuovo patto sociale) sot- so del Ministro del Lavoro degli industriali, è la deroga le altre parti sociali. Si tratta toscritto da imprese e lavora- Sacconi, arriva a stretto giro la al contratto nazionale, che va dello stesso esercizio di ricer- tori nell’interesse della collet- secca replica di Susanna Ca- esplorata nella logica di “spo- ca di un avviso comune che tività. musso: “il pensiero corre im- sare con la contrattazione noi abbiamo sollecitato of- Dal punto di vista legislativo mediatamente all’articolo 18 e aziendale un maggior livello frendo la bozza di un dise- l’iter è ancora allo stato em- al tentativo, che ha in mente di produttività e pagare più gno di legge delega per un brionale, cioè esiste l’idea mento dello stesso. Chi fa seguire la direzione di Con- Sacconi, di destrutturazione salario”. Come Confindustria, moderno Statuto dei lavori ma bisogna attendere ancora impresa sa benissimo che le findustria, e quella di altri dello Statuto dei lavoratori. spiega Marcegaglia, “stiamo che potrebbe realizzarsi in un po’ per vederla realizzata politiche aziendali hanno bi- paesi europei come la Ger- Questo non ha nulla a che ragionando sul tema dell’op- questa legislatura”. in un disegno di legge. Se le sogno di flessibilità in ogni mania che hanno optato per vedere con la realtà di oggi ting out”, ossia l’uscita tempo- Un nuovo patto sociale per intenzioni del Governo van- suo comparto, in modo che questo nuovo patto sociale del Paese, con i problemi che ranea di un’impresa dall’asso- regolamentare il mercato del no in questa direzione così gli indirizzi e le strategie pos- legando la produttività ai sa- dobbiamo proporci”. ciazione alla quale è iscritta lavoro, in cui vengano con- come quelle di Confindu- sano essere rimodulate a se- lari. Questa rappresenta sicu- La Presidente di Confindustria per contratti collettivi azien- templati tutti gli interessi del- stria, la concertazione sul conda delle esigenze del ramente un elemento impor- ricorda che la Germania cre- dali in deroga dei contratti la parti interessate dai lavora- piano strategico è già a buon mercato e della competitivi- tante per rilanciare il Paese sce a un ritmo del 3,6%, men- nazionali, la strada seguita da tori alle imprese, e in cui ven- punto, il vero problema è co- tà. Per poter competere con i attraverso lo stimolo delle tre l’Italia viaggia sull’1,3%e Marchionne per gli stabili- gano predefinite nuove rego- stituito dalla rappresentanza partner europei ed interna- performances delle imprese e questo perché la crisi è stato menti di Pomigliano e Mira- le magari più flessibili sia in sindacale che non vuol sape- zionali il mercato del lavoro dei lavoratori. L’unico punto fronteggiata in maniera diver- fiori. entrata sia in uscita per rag- re di flessibilità in uscita e ha bisogno di flessibilità sia di incontro tra i due soggetti sa ma anche per le differenze “Solo il 3% delle aziende usa giungere l’obiettivo comune della eventuale modifica del- dal lato della domanda che del mercato del lavoro risie- strutturali del sistema. L’Italia l’opting out, una possibilità dell’innalzamento del livello l’art. 18. Ancorare i processi della offerta altrimenti si ri- derà nei tempi di definizione ha superato la crisi ricorrendo che in Germania c’è dal 2005. di produttività legandolo ad produttivi di un’azienda alla schia di precostituire un or- di queste nuove regole che a un uso massiccio della Cig In un momento di grande di- un maggior salario. Le esigen- rigidità in uscita significa cri- dine economico poco adatto tenderanno a riequilibrare gli “usata anche per coprire la scontinuità dobbiamo avere ze delle parti interessate a stallizzare il costo del perso- al cambiamento ed alle dina- interessi coinvolti sia dal lato disoccupazione”, mentre in la capacità di concordare re- questo punto sarebbero dav- nale nel bilancio della socie- miche di crescita. della domanda che da quello Germania, “la cassa integra- gole per raggiungere livelli vero soddisfatte. I lavoratori tà a prescindere dal rendi- La volontà del Governo è di dell’offerta. Le difficoltà maggiori che incontrano le imprese italiane provengono ancora una volta dal mercato finanziario Senza nuova finanza piano risanamento aziendale I l periodo che precede la materiale presentazione del piano attestato di risana- si? E quanto aziende hanno ottenuto consulenze serie e professionali tali da definire banche. Tale valutazione verte sulla attendibilità del programmato risanamento e dei paesi aderenti dovranno classificare i propri clienti in base alla loro rischiosità, at- della banca. Il Nuovo Accor- do di Basilea si basa su tre re- quisiti essenziali: i criteri di la insufficiente liquidità gesti- ta con estrema difficoltà sino a quel momento potrebbe mento dellimpresa in crisi è un piano di risanamento at- sulla sussistenza dei requisiti traverso procedure di rating. calcolo dei requisiti patrimo- terminare anche a seguito relativo alla erogazione di tendibile per le banche e per appoggiare limpresa in Dovranno, successivamente, niali minimi; il potenziamento delle richieste dei fornitori in nuova finanza, senza la qua- quindi concretamente realiz- crisi. Inoltre, tale valutazio- accantonare delle quote di dei poteri ispettivi e discre- termini anticipati e/o diffe- le diventa davvero difficile zabile? La risposta è che solo ne, deve essere condotta at- capitale definite in base al li- zionali delle singole autorità renti rispetto al passato; il che il piano stesso possa de- una piccolissima parte delle traverso i canoni fissati dal vello di rischio dei rapporti di Vigilanza; la trasparenza mancato soddisfacimento del- collare. Questo vale sia per di credito accordati, per tute- informativa delle banche. Il le pretese dei fornitori po- il settore privato sia per il larsi dai rischi assunti. Il ra- primo requisito assume una trebbe comportare larresto settore pubblico. Per que- ting, a tutti noto, costituisce funzione predominante ri- delle forniture e la paralisi stultimo la logica sottostante linsieme di procedure di spetto agli altri due, in quan- dellattività dimpresa. al reperimento di risorse fi- analisi e di calcolo grazie al to esso presuppone la defini- Incoraggiare, dunque la ri- nanziarie è identica a quella quale viene valutato un sog- zione dei rischi che la banca strutturazione delle imprese che riguarda al settore priva- getto sia rischioso e quanto si assume che come detto in in crisi significa rimuovere to anche se gli strumenti sarà produttivo in futuro, se precedenza, sono di credito, gli ostacoli che impediscono presentano alcune sostanzia- gli venisse concesso il credi- operativo e di mercato. Il ri- laccesso ai finanziamenti; in li differenze. to che chiede; esso dovrebbe schio di credito, che si colle- mancanza, il risultato è sicu- La fase di concessione di consentire la rappresentazio- ga alla probabilità, da parte ramente una sconfitta su tut- nuovi finanziamenti è fonda- ne della "probabilità di de- della banca, di subire perdite ti i fronti: per le imprese che mentale e vitale per la so- fault" associata ad ogni clas- a seguito della incapacità del nonostante la buona volontà pravvivenza di unimpresa in se di rischio. debitore di fare fronte agli im- hanno difficoltà a ristruttu- crisi, infatti, la posizione per Il rating previsto da Basilea II pegni assunti, sia per quanto rarsi, per i creditori tutti del- quanto attiene alla domanda è improntato a una notevole riguarda la restituzione del le imprese in crisi che per- di ottenere nuova finanza flessibilità, restando però vin- capitale prestato sia per dono la possibilità di conse- nellambito della programma- imprese italiane, purtroppo, Nuovo Accordo di Basilea colato ad un controllo incro- quanto riguarda il puntuale guire un possibile maggior zione resa per ristabilire il si trovano oggi nella condi- anche detto Basile II il quale ciato di enti interni ed esterni pagamento degli interessi do- recupero del loro credito a proprio equilibrio economi- zione di poter beneficiare definisce, a livello interna- allistituto. Il fatto che le ban- vuti, è quello quantitativa- seguito della ristrutturazio- co-finanziario può costituire delle risorse necessarie al lo- zionale, i requisiti patrimo- che possano usare strumenti mente più importante per la ne, per leconomia che per- uno degli elementi cardine ro risanamento, mentre, tutte niali delle banche in relazio- analitici propri implica, chia- banca poiché è connesso allo de un patrimonio di cono- della pianificazione predispo- le altre o hanno presentato ne ai rischi assunti; introdu- ramente, la necessità di assi- svolgimento dellattività pro- scenze e di relazioni che è sta. In Italia, le imprese han- piani non credibili ed affida- ce nuove e più sofisticate curare principi di trasparenza pria della banca di concedere accorpato nella impresa oltre no redatto in sede di pro- bili o non lo hanno proprio metodologie di valutazione ed omogeneità di modo che prestiti e condiziona il rap- a dover assorbire tutte le grammazione un piano di ri- redatto. di tali rischi, raggruppabili in un sistema di rating risulta es- porto tra banche e imprese. conseguenze derivanti dalla sanamento che contempli la Considerando la minoranza tre tipologie (di credito, di sere lintero complesso di rac- Senza nuova finanza, dun- eliminazione capotica di una possibilità di ottenere nuove delle imprese che potrebbe- mercato ed operativo), al fi- colta, selezione, organizzazio- que, è difficile che il piano di potenziale attività da salva- risorse? E ci sono le condizio- ro ottenere nuova finanza, ne del calcolo del relativo ne e valutazione delle infor- risanamento decolli, e la ra- guardare quale quella di una ni vere per ottenerle al fine di questa dipende anche dalla requisito patrimoniale. mazioni sui soggetti che com- gione è evidente: non appena contrazione del mercato oc- poter risanare limpresa in cri- valutazione che operano le Secondo Basilea II le banche pongono il portafoglio crediti la crisi dimpresa si manifesta, cupazionale.
  • 8. Impaginato La Piazza dItalia 6-04-2011 10:55 Pagina 8 Pag. 8 1-15/16-31 marzo 2011 LA PIAZZA D’ITALIA - ATTUALITÀ Cipro, un’isola, una storia, un mito C ipro, terza isola per dimen- sioni del Mediterraneo è ubicata nell’estremo lembo sud- mente del mediterranee: mice- nei, egizi, fenici e greci, che vi importarono lingua, religione e un’assolata pianura centrale e una più alta catena montuosa a sud: le piogge apportate da no ad un ritmo vivace. Così ec- co servite verdure, pesce, carne, formaggi, frutta e dolci tipici sulle cui meravigliose spiagge, la leggenda vuole che qui nac- que la bella dea Afrodite, vene- dell’umanità, disseminati sulla bella catena montuosa del Troo- dos, per raggiungere nella piana orientale del Mediterraneo, di- costumi, seguiti da assiri, persia- questi rilievi assicurano la fertili- (mezè misto). Una sfilata stuzzi- rata in uno dei santuari più fa- centrale Nicosia, la capitale ta- stante 75 km dalla costa turca, ni, romani, bizantini, crociati, tà del terreno, che per latitudine cante di piatti dal gusto sempli- mosi dell’antichità; in epoca ro- gliata in due dalla linea di de- 100 dalla Siria, 400 da Rodi e templari, veneziani, turchi otto- sarebbe invece semidesertico. ce e genuino. Il tutto accompa- mana, capoluogo di Cipro, marcazione tra i due stati, dove 800 da Atene. mani ed in ultimo inglesi, che ne Il paesaggio si presenta assai gnato dalla “pitta”, un pane ospitò Cicerone e l’apostolo visitare la città vecchia racchiusa La caratteristica di quest’isola, fecero una colonia, fino all’indi- vario e sempre affascinante, con schiacciato con l’aggiunta di un Paolo: da non perdere i bei mo- dalle mura veneziane e i suoi immersa nel sole e nella mitolo- pendenza nel 1960. Con il giun- ampie spiagge, baie nascoste e pizzico di zucchero. Un men- saici delle dimore dell’epoca. ricchi musei archeologici e di ar- gia, risiede nella sua posizione gere dell’autonomia i ciprioti si promontori su un mare d’incan- zione particolare merita l’hal- Si prosegue per il monastero di te bizantina. Ultimo giorno dedi- strategica di contatto con tutte le sono trovati davanti al conosciu- to con fondali rocciosi e coralli- loumi, un formaggio gustosissi- Geroskipou, con interessanti te- cato alla parte turca dell’isola, antiche culture mediterranee, to conflitto tra la maggioranza ni, acque calde e trasparenti, va- mo prodotto con latte di peco- stimonianze di arte bizantina, il per visitare la città portuale di tanto da subire consistenti in- greco-ortodossa e la minoranza ste foreste di pini neri e di cedri, ra, d’assaporare fresco con l’ag- castello crociato di Kolossi, bel- Famagosta, dove Shakespeare fluenze da ciascuna di esse, e al turco-musulmana, sfociata nel vigne secolari e frutta esotica: giunta di foglie di menta appe- l’esempio di architettura militare ambientò l’Otello, e Salamina, tempo stesso anche il suo limite, 1975 con l’occupazione militare decisamente varia in connessio- na raccolte oppure grigliato a gotica in mezzo ai vigneti, quin- antico centro greco e poi roma- incapace di riuscire ad esprime- turca che ha portato alla sparti- ne all’ambiente anche la vegeta- fettine. Ma è doveroso assaggia- di l’affascinante città portuale e no e oggi miglior sito archeolo- re una cultura autoctona pro- zione dell’isola ancora in atto: zione, con un gran numero di re anche halloumipitta. una tor- balneare di Limassol. gico dell’isola con l’anfiteatro ro- pria. I più antichi insediamenti dove in sostanza a nord si sono specie endemiche. Ma Cipro è ta a forma di ciambella impasta- Si passa poi nell’interno per visi- mano, in grado di contenere sono infatti villaggi neolitici vec- posizionati i turchi. anche gastronomia. E’ possibile ta con l’halloumi e la menta. tare graziosi villaggi vinicoli e quindicimila spettatori, comple- chi di 8.000 anni. Da allora si L’isola, lunga 224 km e larga ordinare un mezè, una vera e Un possibile itinerario attraver- una decina di chiese e monaste- tamente restaurato e i resti di trovano testimonianze lasciate meno di 100, presenta una bas- propria carrellata di circa trenta so la storia dell’isola parte da ri affrescati del XV secolo, di- una grande basilica bizantina. un po’ da tutti i popoli principal- sa catena montuosa a nord, pietanze locali che si susseguo- Pafos, sulla costa occidentale, chiarati dall’Unesco patrimonio Alice Lupi “L’unico vero ostacolo al tuo successo sei tu. Liberati da te stessa!” Thomas Leroy ma con un crescere progressi- vo per tutta la durata, si tesse un filo tra il successo del cigno Il cigno nero bianco e il prevalere del cigno nero. L’ansia cresce fino al confronto finale attraverso una commistione visiva che si con- cretizza nella dialettica isterica con la crescita culturale e artisti- gonista che si nasconde, in re- faccia un film su un vecchio la pelle strappata, una scheg- tra i personaggi: la madre iper- ca. Il soggetto di Black Swan in altà, dentro di lei. Lo scontro campione di wrestling interpre- gia di vetro nello stomaco, la protettiva, il coreografo lucife- Italia non avrebbe trovato qual- con il Doppelgänger è autodi- tato da un attore imbolsito o su pazzia. La filmografia di questo rino e seducente, la compagna cuno disposto a produrlo per- struttivo, ma permette all’indivi- una ballerina di danza classica regista newyorkese per ora è disinibita che libera pulsioni ché non c’è l’eterogeneità del- duo, vittima della scissione, di impersonata da un’attrice di- ridotta a 5 lungometraggi, ma erotiche e lo specchio scuro l’offerta: quando un genere ritrovare il vero se stesso. E’ qui magrita per il ruolo, la sua os- è chiaro che il tema ricorrente rappresentato da Wynona Ry- funziona lo si sfrutta fino al mi- che il regista mescola abilmen- sessione resta la stessa: il corpo è la ricerca psicopatologica der che riflette il rischio del dollo, se ne fa un uso e abuso te gli elementi: l’attrazione per dolente, massacrato dalla pro- della perfezione. Aronofsky è proprio fallimento. Per questo eccessivo, fin quando non si ar- Lily, (per la sua sensualità pro- fessione. Il vecchio wrestler era sempre stato un amante dei ruolo Natalie Portman ha vinto riva alla più completa saturazio- rompente, che Nina non riesce tutto un taglio, ecchimosi, un film classici e in questa pellico- l’oscar come miglior attrice ne del mercato. Per fortuna a trovare) è la personificazione cerotto, un attacco di cuore. La la una delle regole fondamen- protagonista, è meritatissimo, l’America non è così, ma ciò dell’Eros, mentre l’invidia, le in- giovane ballerina ha i piedi de- tali del cinema classico è appli- questa interpretazione ha per- non toglie che quando i pro- sicurezze e il desiderio di di- formati, la schiena dolorante e cata secondo dettame: il “cli- messo di rivalutare le sue doti duttori investono su un prodot- struzione incarnano Thanatos. graffiata, le unghie sanguinanti, max” si concretizza nel finale, attoriali. N ina (Natalie Portman) è una giovane e ambiziosa to di questo tipo, cercano ga- ranzie su altri fronti, ad esem- Nina uccide Lily (o meglio lo desidera così tanto proprio a Addio Liz ballerina di New York a caccia pio la regia, affidata sempre ad causa delle sue insicurezze) e si del doppio ruolo che tutti so- autori di fama, come in questo impossessa di lei, della sua es- gnano : il cigno bianco (inno- caso, a Darren Aronofsky. senza, è l’unico modo per libe- cente e delicato) e il cigno ne- Il film è il risultato di un lavoro rarsi delle sue incertezze, dei ro, simbolo di una malvagità corale, il soggetto e la sceneg- difetti (in realtà sta uccidendo L’attrice, morta a 79 anni, ha sempre intrecciato vita privata e seducente. Nina ottiene il ruo- giatura sono importanti, ma so- proprio quella parte di sé) per pubblica. Più di 50 film, 2 Oscar, 8 matrimoni, 4 figli e 9 nipoti lo, ma non è certa di poter in- no una sola delle componenti cui di se stessa. E’ lo scontro fra carnare la parte oscura della Regina dei cigni. Mentre il suo corpo migliora sempre di più, artistiche, per cui anche se in questo film risultano piatti e po- veri di idee, grazie alla regia di Eros e Thanatos, fra l’Io e il Doppelgänger, è la riunione dell’Io scisso da troppo tempo. M uore una delle più grandi dive di Hollywood. L’ultimo prodotto del vecchio “star system” capace di plasmare una donna – attrice e la sua immagine nei minimi dettagli, in maniera così incisiva da condiziona- le fantasie, gli incubi, le gelosia Aronofsky, il film è comunque Il finale del film simboleggia il re anche la sua vita privata. che custodisce dentro se stessa, vincente. Le immagini racconta- sacrificio che l’artista fa all’Arte La coppia unica (solo nei film però) ineguagliabile in quanto a bellezza, cominciano ad affacciarsi e a di La gatta sul tetto che scotta si è riunita...lassù. Paul Newman è morto no più dei dialoghi, l’eleganza per raggiungere la perfezione, nel settembre 2008 ed ecco che anche Liz Taylor muore. La causa un’in- prendere sempre più il soprav- e originalità delle riprese infon- con una abnegazione totale che sufficienza cardiaca, era stata ricoverata a Los Angeles 6 settimane fa. Co- vento, provocando un incontro dono unità e ritmo alla narra- porta al superamento dei pro- me tutte le grandi star hollywoodiane, la sua vita pubblica è stata raggian- / scontro con una nuova arriva- zione. pri limiti, ma il prezzo da paga- te, ma nella sfera privata è sempre stata una donna alla ricerca disperata ta Lily (Mila Kunis) che rappre- La regia ci mostra fin dalle pri- re è la distruzione di ciò che si di affetto e sicurezza. Lo dimostra il fatto che nel corso della sua vita si è sposata ben 8 volte. Due senta una pericolosa rivale. Ni- me immagini il profilo psicotico è. Le trasformazioni fisiche che sono le facce di Liz Taylor: la prima è la bellissima, carismatica, attrice dagli occhi di un rarissimo na in poco tempo si cala nel (sul filo della schizofrenia) del- Nina subisce sono significative: color viola, due volte premio Oscar (Venere in visone 1960, Chi ha paura di Virginia Woolf?) inter- ruolo del malvagio cigno ne- la protagonista: non c’è una so- il suo corpo è materia grezza prete di numerosi melodrammi anni ‘50. La seconda è la protagonista dei gossip delle cronache rosa, coinvolta in amori folli (Richard Bur- ro... la scena in cui Nina non sia in- che deve trasformarsi in bellez- ton) e per l’attiva partecipazione a iniziative benefiche. Per quale delle due facce sarà ricordata Da questa sinossi si intuisce quadrata con la propria imma- za e perfezione. Nietzsche dice non è dato saperlo, probabilmente per entrambe perché non poteva esserci la seconda senza la che il film cela dietro una co- gine riflessa in uno specchio o che per poter creare, prima si prima. Nel momento di massimo splendore di certo cinema americano, il classico hollywoodiano struzione lineare, una storia ar- in un’altra superficie riflettente. deve distruggere; in questo mo- che include l’esplosione del melodramma, Elizabeth è una diva all’apice del successo che lavora ticolata nella quale è possibile In questo modo lo spettatore do l’essere umano (che è pietra con partner bravi e affascinanti quanto lei. Film come Un posto al sole (1951) con Montgomery perdersi. La sceneggiatura può percepisce in modo chiaro la grezza) si può trasformare nel- Clift, L’ultima volta che vidi Parigi (1954) Il Gigante (1955) con Rock Hudson e James Dean, L’al- apparire un po’ scolastica e su- scissione dell’io della protago- l’Oltreuomo che è Arte. Alla bero della vita (1957) di nuovo con Clift , il già citato La gatta sul tetto che scotta (1958) con Paul perficiale, ma oltre ad essere ri- Newman e Improvvisamente l’estate scorsa (1959) tratto da un testo di Tennesse Williams. Nata il nista e i due aspetti caratteriali morte segue una rinascita, tema 17 febbraio 1932 la sua carriera inizia presto. Il suo debutto al cinema avviene a 10 anni in The- scattata dalla dimensione artisti- antagonisti che vivono in lei. ricorrente nella filmografia di re’s one born in every minute, l’exploit un anno dopo con Torna a casa Lassie. Nel 1949 parteci- ca che offre un prodotto ele- Restando fedele a “Il lago dei Aronofsky. La regia è dinamica pa a Piccole donne nella parte di Amy e l’anno successivo entra a far parte dell’Olimpo delle star gante sul piano visivo grazie al- cigni”, Aranofsky descrive il soprattutto nelle riprese delle recitando accanto al mostro sacro Spencer Tracy, nella commedia Il padre della sposa. la qualità della regia, trova una doppio di Nina tramite la figura scene di danza, per un miglior Ma non è nelle commedie che il suo talento si esprime al meglio: con lo sguardo intenso e l’aria spiegazione fondata nella gio- del Doppelgänger tipica della risultato il film è stato girato in da sventurata eroina, è il dramma il suo habitat naturale. Come la grande stagione degli anni ‘50 vane età degli sceneggiatori, i narrativa gotica, così che l’asse 16 mm e poi riversato su 35 dimostra. La Liz numero due e altrettanto protagonista delle cronache rosa e della vita sentimen- cui nomi Andrés Heinz, Mark tale mai stantia. Dopo i matrimoni falliti con il magnate rampollo Conrad Hilton junior, con il col- narrativo si sposta dal dramma perché le macchine da presa lega Michael Wilding e il produttore Mike Todd, la diva si innamora di un altro attore Eddie Fi- Heyman e John McLaughlin al thriller con spunti horror e la super 16 sono più maneggevo- scher sposato con Debbie Reynolds. Lui lascia la moglie e la sposa. E’ scandalo, ma anche questo non dicono niente in quanto regia adotta, in alcuni casi, l’ot- li e permettono grande dinami- matrimonio è destinato a fallire, anche perché Liz incontra il vero uomo e amore della sua vita, esordienti. Gli Stati Uniti sono tica e lo stile della filmografia cità delle riprese. Il risultato vi- l’attore inglese Richard Burton. Lavorano insieme nel super kolossal Cleopatra (1963), in La bisbe- terra di opportunità, sono un orrorifica. Il tutto sostenuto dal- sivo è di grande eleganza. tica domata nel 1967. La coppia d’oro tutta genio e sregolatezza si sposa, divorzia e si risposa. Re- paese dove il cinema è arte, ma la fotografia e le scenografie. Durante il balletto finale Nina si citano di nuovo insieme in Chi ha paura di Virginia Woolf (1966), performance a metà tra fantasia anche business. Per quest’ulti- Non ci sono due Nina distinti, riunisce al proprio doppio e si cinematografica e realtà del loro rapporto tormentato che frutta alla Taylor il suo secondo Oscar. ma ragione i produttori svolgo- ma una sola che odia il proprio può notare che nell’ultimo atto Dopo la fine definitiva della loro relazione si sposa altre due volte: con il senatore John Warner no davvero il loro mestiere in- nel 1976 e con Larry Fortenosky nel 1991 da cui si separa nel 1996. corpo e quella parte di se stes- della danza non si riflette mai, Ciò che rende intensa la vita di Liz non è solo il lavoro e la movimentata vita sentimentale, ma an- vestendo sulla bontà di un pro- sa che vive come proiezione né in specchi, né in altro. Di- che i problemi di sovrappeso, l’alcolismo e il generale alone di drammaticità ha sempre ricoperto dotto, secondo le loro convin- del Super – io materno, il qua- versamente accade nella scena la sua vita. Nel piatto “positivo” della bilancia c’è l’intensa amicizia con Michael Jackson che lei ha zioni e valutando i movimenti le proietta su di lei le proprie iniziale, durante gli altri balletti sempre difeso soprattutto nel periodo delle accuse di pedofilia e il grande impegno pubblico per di mercato e l’eterogeneità del- speranze e le imputa i propri e per l’intero sviluppo del film la lotta all’Aids, malattia che le aveva portato via il suo amico Rock Hudson e nel giorno in cui an- l’offerta. Cercano di soddisfare fallimenti. Allo stesso tempo in cui si nota un continuo riflet- che lei ha raggiunto la sua pace, la famiglia dichiara di non inviare fiori, ma dare contributi alla tutte le fasce di pubblico pro- l’invidia e desiderio di essere tersi: sul pavimento lucido, in battaglia sull’hiv. ducendo film di solo e puro in- Nella sua vita ha incontrato ostacoli quali la diagnosi della disfunzione cardiaca che l’ha portata al- Beth (rubandole l’uomo, il ruo- uno specchio, nel riflesso dei la morte, il cancro alla pelle e 2 polmoniti. A queste disavventure sempre ha reagito con estrema trattenimento per le grandi lo, l’oggetto) sono la leva che vetri della metropolitana. forza e una buona dose di leggerezza che tutti dovremmo avare, tant’è che lei stessa dichiarava di masse, e film autoriali / di nic- spinge Nina a proiettare le stes- Darren Aronofsky ha 41 anni, non essersi mai presa sul molto sul serio. Anche per questo la ragazza dagli occhi viola. chia con l’obiettivo di coniuga- se meschinità su Lily, andando- lo caratterizza un pallore tipico Raffaella Borgese re le esigenze del guadagno la a identificare con quell’anta- da tormento esistenziale, che