COPIA OMAGGIO                                                                                                             ...
Pag. 2                                                                                                                    ...
1-15/16-30 aprile 2011                                                                                                    ...
Pag. 4                                                                                                                    ...
1-15/16-30 aprile 2011                                                                                                    ...
Giovanni Paolo II - 1-15/16-30 Aprile 2011 - Anno XLV - NN. 107 - 108 - 109 - 110
Giovanni Paolo II - 1-15/16-30 Aprile 2011 - Anno XLV - NN. 107 - 108 - 109 - 110
Giovanni Paolo II - 1-15/16-30 Aprile 2011 - Anno XLV - NN. 107 - 108 - 109 - 110
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Giovanni Paolo II - 1-15/16-30 Aprile 2011 - Anno XLV - NN. 107 - 108 - 109 - 110

600

Published on

Una nuova politica UE-USA - Giovanni Paolo II - Nucleare impossibile per un popolo isterico - Emergenza immigrazione - La repressione in Siria e l’Occidente - Vittorio Arrigoni - Il DEF 2011 - Modernizzazione e occupazione - La politica e l’economia globale - La combinazione vincente - Clouding e la sicurezza nel futuro - Mercato dei Credit Default Swaps - Kant e la rivoluzione morale - La via della seta - Miyazaki - Sydney Lumet

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
600
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Giovanni Paolo II - 1-15/16-30 Aprile 2011 - Anno XLV - NN. 107 - 108 - 109 - 110

  1. 1. COPIA OMAGGIO In caso di mancato recapito restituire a Poste Roma Romanina Abb. sostenitore da E 1000 - Abb. annuale E 500 - Abb. semestrale E 250 - Num. arr. doppio prezzo di copertina per la restituzione al mittente previo addebito - TAXE PERCUE tass. riscoss Roma-Italy — Fondato da Turchi — Poste Italiane SpA - Spedizione in abbonamento postale - 70% - dcb-Roma 1-15/16-30 Aprile 2011 - Anno XLV - NN. 107-108-109-110 E 0,25 (Quindicinale) Una nuova ESTERI ECONOMIA La politica LA PIAZZA D’ITALIA politica Emergenza immigrazione e l’economia globale Per la vostra pubblicità UE-USA — a pagina 3 — — a pagina 5 — telefonare allo 800.574.727 a cura di FRANZ TURCHI G li ultimi giorni sono stati frenetici e appas- sionanti, malgrado le pole- miche sterili che sono nate da alcune forze politiche di opposizione in Italia e in Germania.www.lapiazzaditalia.it La cattura di Bin Laden ha determinato un cambia- mento nella politica USA ed europea notevole nel- lapproccio al problema terroristico salafita; non è piu necessario combattere in irak, afganistan, ecc. cioè all estero ma basta in- tervenire in operazioni chi- rurgiche internazionali, con una buona relazione di intellingence internazio- nale, per avere più risulta- ti, più tranquillità naziona- le e soprattutto anche sta- bilità sui mercati globali. Se una cosa era riuscita purtroppo a Bin Laden, ol- tre il dolre e il dramma al- lucinante delle famiglie colpite negli attentati, era quello di aver innescato una crisi economica, par- tendo dagli USA, che era Beato finita poi nella recessione Giovanni Paolo II che attuamente viviamo in Occidente. A questo punto i costi del- le varie operazioni, soprat- tutto umani e poi econo- mici, possono essere por- tati gradualmente a zero, con grande gioia delle fa- miglie e dei popoli dei Paesi impegnati nelle mis- “S ei anni fa, al suo fune- rale - ha detto Ratzin- ger - noi sentivamo aleggia- uno degli uomini più impor- tanti della loro storia, appro- fittando di quello che in Po- 2005 al momento delle ese- quie. Giovanni Paolo II sarà fe- Tante le autorità presenti, ottantotto le delegazioni. In prima fila il presidente della teste coronate, capi di Stato e primi ministri. Il cardinale Bertone ha chiu- sioni di pace, perché le ri- lonia si chiama “dlugi wee- steggiato ogni anno il 22 ot- Repubblica Giorgio Napoli- so gli eventi liturgici della re il profumo della sua san- sorse saranno spese per al- tità. Per questo ho voluto, kend” – il weekend lungo. tobre, anniversario dell’ele- tano, il presidente del Con- beatificazione di Wojtyla tro (sociale, ricerca, ecc.) ma non più per le guerre. nel doveroso rispetto della Scoperto l’arcano, appare zione al pontificato. siglio Silvio Berlusconi e poi Segue a pagina 2 Infatti se per Obama la ve- normativa della Chiesa, che evidente come la scelta di Gioia e commozione per i ra spina nel fianco resta la beatificazione procedesse quel giorno e solo quello, fedeli che hanno assistito al- leconomia, soprattutto la con discreta celerità. non fosse animata dal desi- l’apoteosi di uno degli uo- Ricco, continuamente aggiornato: disoccupazione quasi al 10%, e un dollaro troppo Ed ecco che il giorno atteso derio di sfidare chissà chi o mini più grandi che abbiano arriva finalmente sul web il nuovo punto è arrivato, è arrivato presto, che cosa, di dividere, an- servito la Chiesa. debole, anche lEuropa dando a danneggiare l’altra Striscioni con frasi d’amore di riferimento per i giovani e per un non naviga in acque tran- perché così è piaciuto al Si- quille (vedi la Grecia e poi gnore: Giovanni Paolo II è manifestazione – tra l’altro per il papa polacco, bandie- nuovo modo di fare politica in Italia Spagna e Portogallo oltre lIranda dove già siamo in- beato!”. Ma torniamo al sacro. ben connotata politica- mente. re di tutte le nazioni, gente di tutte le età. www.lapiazzaditalia.it tervenuti con fondi euro- pei), ma il fatto di benefi- Alla notizia che le celebra- Si trattava semplicemente di Benedetto XVI ha ricordato Una Piazza di confronto aperta al ciare di fondi per gestire al zioni per la beatificazione di un atto dovuto. una delle frasi celebri di dibattito su tutti i temi dell’agenda meglio lattuale momento Karol Wojtyla si sarebbero La tanto attesa cerimonia di Wojtyla: politica e sociale per valorizzare nuove è una manna dal cielo. tenute in concomitanza con beatificazione di papa Gio- “Non abbiate paura! Aprite, A questo aggiungerei che vanni Paolo II si è svolta in anzi, spalancate le porte a idee e nuovi contenuti se trovassimo sul caso Li- la festa del primo maggio bia una rinnovata forza molti avevano storti il naso. una piazza San Pietro stra- Cristo!” – come recitava tra politica europea le nuove Ci si chiedeva perché. Una colma, al cospetto di circa l’altro un lungo striscione generezioni godrebbero di decisione effettivamente un milione e mezzo di fede- bianco e rosso che campeg- un periodo di stabilità po- strana perché anziché unire, li. Benedetto XVI, poco do- giava sul colonnato. litica ed economica, ma po le 10.30 ha pronunciato Giovanni Paolo, lo chiedeva divideva una serie di perso- soprattutto di una nuova ne che avrebbero potuto le parole ufficiali del rito sa- a tutti, ovunque, facendolo speranza o meglio dream, come direbbero a NY, tut- presenziare entrambi gli cro e la piazza è stata lette- per primo egli stesso. to europeo. eventi e che perciò si sono ralmente invasa da un inter- E come ha detto Ratzinger trovati costretti a scegliere. minabile applauso e in mol- “ha restituito al cristianesi- In realtà il motivo era diver- ti - fra un tripudio di ban- mo quella speranza che era so. Per l’occasione, infatti, si diere bianco e rosse - hanno stata ceduta in qualche mo- sarebbe riversata una marea gridato “Santo subito”, pro- do al marxismo e all’ideolo- di polacchi, per onorare prio come accadde l’8 aprile gia del progresso”.
  2. 2. Pag. 2 1-15/16-30 aprile 2011 LA PIAZZA D’ITALIA - ITALIA Chernobyl e Fukushima annientano il raziocinio di un intero popolo Nucleare impossibile per un popolo istericoI l 25° anniversario della tragedia di Chernobyl haavuto la peggiore delle cele- È vero che dalle dighe che cedono non escono radia- zioni mortali ma bisogna ri- l’argomento. Nel frattempo in Svezia verrà realizzato un sito di stoccaggio 500 metri un rientro del nostro Paese nel nucleare; non saranno brevi e la decisione sul do-brazioni con l’incidente di flettere con calma e lucidità sotto terra che manterrà le ve realizzare le centrali ral-Fukushima. perché non si può lasciare scorie per 110.000 anni av- lenterà ancora di più il tutto.I due eventi sono di natura spazio alla passione quando volte nel granito. E possibile che nel frattem-profondamente diversa e si deve decidere del nostro Questione sicurezza: in po nuove tecnologie possa-anche le loro conseguenze. futuro. Francia ci sono 60 centrali no diventare più efficienti eCome dopo Chernobyl, an- Dai sondaggi la situazione è che le rendono l80% del rendere latomo meno attua-che questa volta l’Italia de- molto chiara: il 75% degli fabbisogno energetico na- le o addirittura superato.cide il suo futuro economi- italiani è contrario al nuclea- zionale, in Germania ce ne Decidere sullonda dellaco. Allora ci fu il referen- re dopo Fukushima, in sono 17, in Svizzera 5, 8 in paura con un referendum èdum che sancì l’uscita dal Giappone i contrari dopo il Spagna, Slovenia, Ungheria, come dare unarma a deinucleare. Oggi, dopo il dramma sono il 47%, prima Cechia, Slovacchia, Bulgaria bambini: il danno è assicu-progetto di rientro nel nu- erano il 32%. e Romania ne contano com- rato. Ma, si sa, la politicacleare del Governo, il fan- È evidente che qualcosa plessivamente 19. Siamo si- non bada a questa ineziatasma di un altro referen- non va nella nostra perce- tiscono l’apporto energetico del nucleare è anche quello curi che essere fuori dal nu- quando cè da far caderedum, che minaccia per i zione del problema e delle necessario allo sviluppo di delle scorie, un business cleare ci metta al riparo da lodiato nemico, poco im-fatti accaduti una valutazio- conseguenze di una decisio- un Paese moderno e l’ener- che la Russia ha fiutato da incidenti? Forse è meglio porta se in ballo cè il futurone serena dei costi e dei ne in merito. Le alternative gia derivante dai fossili, ol- tempo e che potrebbe gesti- smetterla di fare gli ipocriti. di un Paese sempre sullorlobenefici, ha imposto un ri- al momento sono poche e tre ad inquinare, è destinata re anche per noi in attesa Uniche vere incognite sono: del baratro per la cronicapensamento sui tempi non non possono essere consi- ad esaurirsi. nel prossimo futuro dai reat- quante centrali bisognereb- cecità della sua classe diri-per codardia ma perché in derate sufficienti. Le fonti al- Proprio in merito all’inqui- tori di quarta generazione be realizzare per avere un gente.ballo c’è il futuro. ternative per ora non garan- namento uno dei problemi che ridurranno quasi a zero vero beneficio e i tempi per Gabriele PolgarForse la componente parte-cipativa del nostro sistemademocratico minaccia il no-stro stesso futuro, dando, a Beatochi non capisce di un temaassai complesso come que-sto, il potere di deciderecon la sola motrice umorale.Il nostro è un popolo che Giovanni Paolo IInel suo insieme ha una Dalla primagrande propensione all’iste- con la messa di ringrazia-rismo accentuato dall’inade- mento che si è svolta sem-guatezza della stragrande pre in piazza San Pietro. Lamaggioranza della sua clas- celebrazione è stata apertase dirigente che, quando è dal cardinale Stanislao Dzi-all’opposizione, mantiene wisz, storico segretario diun atteggiamento speculati- Karol Wojtyla e oggi suovo che non mira a costruire successore nella sede dima a distruggere. Cracovia, che ha ringraziatoTroppo facile dire oggi che il nostro paese per la sim-il nucleare è pericoloso, do- patia e la cordialità con lapo un terremoto mostruoso quale anni fa ha accolto iled uno tsunami devastante. papa venuto da un PaeseSi potrebbe dire la stessa co- lontano e che per tutto ilsa delle dighe che in Giap- Pontificato è divenuto lapone hanno ceduto ma me- sua seconda Patria. Così co-diaticamente non destereb- me per molti polacchi, chebero la stessa paura. il quell’arco di tempo han- no intensificato i rapporti con l’Italia, integrandosi senza problemi, grazie an- LA PIAZZA D’ITALIA fondato da TURCHI che alla comune identità Via E. Q. Visconti, 20 cattolica. 00193 - Roma Nell’omelia il cardinal Ber- Luigi Turchi tone ha sottolineato come Direttore Giovanni Paolo II fosse un Franz Turchi autentico difensore della di- Co-Direttore gnità di ogni essere umano slogan e nulla. La verità è Giovanni Paolo II si è reca- preavviso, come un qual- vatorismo sostanziale in Lucio Vetrella Direttore Responsabile e non mero combattente che se ha ricevuto tutti que- to presso operai in rivolta, siasi fedele al muro del ambito morale (in primis la Proprietaria: Soc. EDITRICE EUROPEA s.r.l. per ideologie politico-so- sti epiteti è stato un perso- diseredati e oppressi. pianto, depositò tra le fes- condanna del preservativo) Registrato al Tribunale di Roma ciali – che pure è stato. naggio a 360 gradi, che è Chi ricorda Wojtyla non sure del muro un bigliettino – quel che è certo è che n. 9111 - 12 marzo 1963 Concessionaria esclusiva per la vendita: S.E.E. s.r.l. Per Lui ogni donna, ogni andato incontro a tutti gio- può non associare la sua di preghiere. Giovanni Paolo II rappre- Via S. Carlo da Sezze, 1 - 00178 Roma uomo, era una figlia, un fi- vani, vecchi, potenti, vicini immagine a quella di colui C’è anche chi gli ha imputa- senta una cesura sostanzia- www.lapiazzaditalia.it glio di Dio, indipendente- e lontani, rompendo una ha sempre inteso fiancheg- to errori quali le strette di le nel modo di interpretare E-mail: info@lapiazzaditalia.it mente dalla razza, dal colo- tradizione che vedeva gli giare i più deboli, gli sfrut- mano insanguinate quali il ruolo di Papa e nel modo Manoscritti e foto anche non pubblicati, e libri anchenon recensiti, non si restituiscono. Cod. ISSN 1722-120X re della pelle, dalla prove- altri recarsi con deferenza tati, i meno fortunati. quelle di Castro e Pinochet. di comunicare con i fedeli. Stampa: POKER PRINT COLOR s.r.l. nienza geografica e cultura- dal “Sommo Pontefice”. Memorabile il discorso che Ma come capo di stato e re- Una sorta di modernizza- Via Cosimo Tornabuoni, 29 - 00166 Roma le, e persino dal credo reli- Sull’esempio di Gesù Cristo, tenne in Sicilia nel ‘93 con- ligioso, un Papa ha il dove- zione della funzione che ha FINITO DI STAMPARE NEL MESE DI MARZO 2011 gioso. Il suo rapporto con egli è sceso dall’alto del tro la mafia, fra lo stupore re morale di frequentare contribuito ad avvicinare ilGARANZIA DI RISERVATEZZA PER GLI ABBONATI: L’Editoregarantisce la massima riservatezza dei dati forniti dagli abbona- ogni persona è sintetizzato proprio scranno, deponen- compiaciuto di molti e l’en- chiunque, dal più sinistro Sommo Pontefice alla genteti e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica o la can-cellazione scrivendo a S.E.E. s.r.l. - Via S. Carlo da Sezze, 1 -00178 Roma. Le informazioni custodite nell’archivio dell’Editore in quella stupenda frase do idealmente lo scettro e tusiasmo generale. peccatore al più probo tra e in primis a quei giovaniverranno utilizzate al solo scopo di inviare copie del giornale(Legge 675/96 tutela dati personali). La responsabilità delle opi- che scrisse: L’altro mi ap- la tiara. Così come le scuse, mai co- gli uomini. che lo vedevano comenioni espresse negli articoli firmati è degli autori. partiene’’. Anziché limitarsi a “pontifi- sì sincere per un Pontefice, Almeno per cercare di tute- un’istituzione obsoleta, lon- A ragione è stato definito in care” è sceso al livello dei per le responsabilità stori- lare quei cattolici che a tut- tana e antistorica. Per informazioni e abbonamenti veri modi: Papa dei giova- più umili per ascoltare le che dei cattolici nei con- t’oggi subiscono abusi e Grazie a Wojtyla, la Chiesa chiamare il numero verde: ni, Papa politico, Papa del- proprie ragioni e sostenerli. fronti di ebrei e musulmani, violenze a tutte le latitudini. cattolica è tornata sulla ter- la comunicazione, Papa Così come con Solidarnosc, quando nel 2000, in visita La verità è che nel bene e ra, ridiscendendo tra gli uo- viaggiatore. Ma si tratta di non si contano le volte che in Israele accostatosi senza nel male – come il conser- mini.
  3. 3. 1-15/16-30 aprile 2011 Pag. 3 LA PIAZZA D’ITALIA - ESTERI Impotenza dell’Europa non rappresentare un rischio per l’ordine pubblico e la sicu- rezza. Emergenza immigrazione Punti sacrosanti, ma sui quali ci si è chiusi a riccio anziché aprirsi al dialogo costruttivo. L’impressione è che i governi dell’Unione non solo non sap-“S e deve andare così in Eu- ropa, meglio uscirne”. Lafrase di Berlusconi detta a mar- individuale. Senza meno la dif- fidenza nei confronti dell’Unio- ne, mai scemata, cavalcata anzi conta, non c’è né ha intenzione d’esserci quando si tratta di con- dividere problemi e si defila – ché applicarsi, con mille artifizi – non ultimo il blocco dei treni provenienti da Ventimiglia di- piano, ma non vogliano parlare con una voce comune. Il punto del Trattato di Lisbonagine della vicenda sbarchi più da governi e opposizioni alla nemmeno troppo elegantemen- retti in Francia. Come giustifica- laddove si contempla la possi-che una boutade è una fotogra- bisogna, si sta radicando di te.Nè cooperazione né solida- zione si è farfugliato l’ordine bilità di recedere dall’Ue è spiafia esatta della situazione. questi tempi. rietà. pubblico. In realtà si tratta del di malessere ed impotenza.Un’istantanea che descrive sen- Ma mentre prima l’antieuropei- Controtendenza, decisamente a solito dispetto dei cugini, che Come è stato possibile osserva-za mezzi termini il fallimento smo germogliava più che altro sorpresa, la Romania ha fatto dopo aver perso un comodo al- re tutti gli atti delle singole na-dell’Europa in tutte le grandi tra i cittadini impoveriti dall’ un primo passo. Bucarest ha leato in Tunisia, vuol rifarsi con zioni chiamate in causa nellaquestioni politiche che è stata euro, ora il dissenso sta scalan- Brasile). L’Unione, alla luce dei dichiarato di farsi carico del- la Libia, senza accollarsi il mini- vicenda nordafricana e le con-chiamata ad affrontare in questi do pericolosamente la monta- fatti, sta fallendo miseramente l’accoglienza di 200 immigrati. mo costo. tuttavia, nella contro- seguenti sono stati dettati dal-anni. Dalla guerra in Iraq dove gna che porta all’establishment. in quanto ha assunto i connota- Non un granchè, ma il gesto ri- versia fra Italia e Francia sui l’agenda politica e dalla sogget-ci si divise in favorevoli all’in- I tanto decantati benefici invisi- ti di un contenitore attraverso il mane apprezzabile e potrebbe permessi di soggiorno tempo- tiva situazione politica internatervento e contrari (vecchia Eu- bili (crisi valutarie scongiurate, quale far meglio valere interes- creare un auspicabile effetto ranei per i migranti irregolari d’ogni Paese.ropa), all’emergenza immigra- stabilità, libera circolazione di si particolari, in primis quelli di domino dando perché no vita a nordafricani sbarcati a Lampe- Basti pensare alla Germania.zione che siamo chiamati a di- merci, capitali e persone) im- Francia e Germania. dei “volenterosi” – dopo le dusa prima del 5 aprile, la que- Con la Merkel in piena crisi – co-rimere oggi. pallidiscono ancor più dinanzi Parliamo di immigrazione. Per bombe – dell’ accoglienza. stione del “documento di viag- me testimoniato dall’ultima tor-Uscire o non uscire – tra l’altro ai problemi ultraconcreti senza una guerra scatenata da altri Tuttavia per ora pare che la so- gio valido” sembra essere or- nata elettorale - se ne è lavatail trattato di Lisbona contem- soluzione. (Sarkozy) ancor prima della co- lidarietà debba valere solo per mai l’unica su cui l’ interpreta- abbondantemente le mani.plerebbe anche questa possibi- Così che il punto di vista leghi- pertura NATO, si sta facendo di il nostro Paese. A carico delle zione di Parigi non coincide Tutto ciò è inammissibile e nonlità – non è però il cuore del sta del no all’Europa, tempo fa tutto affinchè il prezzo più alto regioni escluso l’Abruzzo per con quella di Roma. Non sem- depone a favore dell’Europa,problema. ritenuto macchiettistico oggi – l’effetto collaterale più sgradi- ovvi motivi. bra ci siano dubbi, infatti, sugli mai fino in fondo percepitaPiuttosto dovremmo chiederci pare avere un suo perché. to – venga pagato da comodi In Europa, regna un miope, altri requisiti stabiliti da Schen- credibile di fronte a problemiuscire da cosa? Sinora l’Europa ha vestito i terzi: noi. L’immigrazione mas- bottegaio silenzio. gen per l’attraversamento delle concreti.Qual è il bilancio di questo panni del bluff che tanto ha fat- siccia e incontrollata, infatti fa- Intanto, l’Italia può rilasciare frontiere, che i francesi annun- Se la situazione interna di ogniquasi decennio di Europa? to per la finanza – più o meno rebbe sì che qualsiasi vantaggio dei “documenti di viaggio per ciano di voler rispettare rigoro- singolo paese determinerà leSe le barriere economiche sem- creativa - e imprese in ansia da si sia andato a cercare in Libia la stranieri” ai migranti sprovvisti samente: oltre a dover esibire il relative condotte in barba allabrano ben scese giù, sono ri- delocalizzazione, ma ben poco Francia, il prezzo sociale sareb- di passaporto che siano in sog- permesso di soggiorno tempo- formula – sinora vuota – nelmaste issate ben salde quelle ha reso per i propri cittadini. be comunque più alto. Tensioni giorno temporaneo nella Peni- raneo italiano, i migranti (per “pieno spirito dell’Unione” aculturali. Le questioni che si so- Anzi pochissimo. da scongiurare, visto il mucchio sola, per pemettere loro di re- lo più tunisini) dovranno giusti- più di qualche governo verrà inno succedute nel corso di que- Inoltre, da pigmeo politico e di elezioni cui sarà impegnato il carsi in altri paesi dell’area di ficare le ragioni del loro viag- mente di farsi da parte.sti anni non hanno avuto rispo- nano militare quale è, l’Europa partito di Sarkozy, in grave calo Schengen, sempre che rispetti- gio, disporre delle risorse (da Col pieno consenso della stra-ste degne rimanendo inevase? si sta tramutando anche in enti- di consensi. no anche le altre condizioni 32 a 62 euro al giorno) per po- grande maggioranza dei cittadi-L’Europa come attore geopoliti- tà economica periferica incapa- La motivazione fittizia che viene previste dal ‘Codice delle fron- tersi mantenere durante la loro ni che, diciamolo francamente,co credibile non è mai nato, ce di rispondere alla sfida indo- adotta alla questione immigra- tiere’. permanenza in Francia e per in Europa non ci sono mai en-non avendo mai superato la cinese e a quella sudamericana zione è precipuamente una: Eppure pare che la legge – in poter effettuare il viaggio di ri- trati.dialettica bene comune-bene delle potenze in ascesa (vedi quella geografica. L’Europa non questo caso – si interpreti anzi- torno, non essere segnalati o Frazcesco di Rosa La Siria è la punta di un iceberg che si sta sciogliendo La repressione in Siria e l’OccidenteI morti non sono tutti uguali. Questo è quanto ci stannoconfermando implicitamente co- i morti in Siria sono un sacrifi- cio necessario. Perché? In quell’area l’Iran sta cercando rettamente uno Stato alleato ma nche un regime come l’Arabia Saudita, soprattutto dopo la sua d’onore alle celebrazioni del 14 luglio di due anni fa, legitti- mandolo davanti al mondo (al- sia, permetterebbe all’Iran di proseguire con i suoi progetti egemonici che porteranno co- di un conflitto e tessendo reti di alleanze e connivenze più o me- no occulte ma sempre più com-loro che i sono affrettati a inter- di togliere all’Arabia Saudita la mano tesa al mondo arabo mo- tro che Berlusconi con Ghed- munque ad una guerra ma con plesse, il mondo si sta avviandovenire in Libia. leadership, questo non fa altro derato. Sarà anche difficile per dafi). altre armi, ben più pericolose, ad una resa dei conti con la suaDopo aver tentato di farci crede- che generare un instabile duali- la Signora Clinton cambiare Quindi ricapitolando: l’occiden- e comunque al suddetto blocco ipocrita e miope gestione deglire (ma a chi la raccontano?) che smo che potrebbe crearci non idea di nuovo su Assad dopo te non interviene in Siria perché delle esportazioni di greggio. equilibri che spesso prende lel’intervento in Libia ha uno sco- pochi problemi. averlo definito moderato. Ma un cambio del regime favorireb- Certo non è facile favorire uno sembianze delle Nazioni Unite,po umanitario per proteggere la Per l’Iran la Siria è l’entità da cui sarà difficile soprattutto per be un’ipotetica guerra regionale scenario o l’altro perché comun- vera sintesi delle contraddizioniribellione dal regime di Ghedda- passa tutto ciò che le sanzioni e Sarkozy (alla ricerca della che chiuderebbe i rubinetti del que vadano le cose sarà impos- di cui siamo affetti. Il problemafi, ora non si sa con quale scusa l’embargo, attuati per “arrestare” “grandeur” perduta) andare petrolio. sibile evitare un conflitto nel- per ora è solo rimandato.proveranno a farci digerire il to- il progetto nucleare, dovrebbero contro Bashar Al Assad dopo Non intervenendo però, oltre a l’area e a perdere saranno tutti .tale disinteresse per quanto sta bloccare e per cui passano gli averlo avuto come ospite manifestare la consueta ipocri- Comunque sia, rifiutando l’idea Gabriele Polgaraccadendo in Siria. approvvigionamenti di armi perIl regime di Assad sta ucciden- Hezbollah contro Israele. Èdo centinaia di manifestanti di- quindi di vitale importanza aver- Un pacifista in guerrasarmati senza alcuna pietà, il ne il controllo. Vittorio Arrigoniprezzo che quella parte del po- È interessante sottolineare che inpolo siriano sta pagando è al- Siria è al potere un’”etnia” mino-tissimo ma Obama e Sarkozy, i ritaria che crea una certa insod-più sensibili ai mali dell’Africa, disfazione nella maggior partesecondo questo nuovo trend, della popolazione, più vicina aisembrano non capire che to-gliere la Siria all’attuale regimepotrebbe significare togliere Fratelli Musulmani o a movi- menti di matrice salafita. L’alter- nativa più accreditata quindi per I l dramma di un assassinio non si può discutere, ma quando viene perpetrato dalla follia di non avere al suo interno mem- bri estremisti, di un’organizza- zione estremista) e Al Qaeda (di- L’ultima ciliegina è stata la vo- lontà espressa dalla famiglia di non far passare per il territoriouna spalla importante all’Iran sostituire il regime laico di Ba- chi non accetta uno straniero, mostrando comunque la sua israeliano il corpo di Vittoriodi Ahmadinejad che, senza che shar al-Assad è un regime inte- che appoggia una causa cara presenza nella striscia), la prima per sancire una volta di più cheormai qualcuno dica più nulla, gralista. agli stessi assassini, ma che allo cosa che è stata tentata è quella l’odio per Israele era la stellacontinua nel suo progetto nu- Questa eventualità non avrebbe stesso tempo incarna l’odiato di dare la colpa a Israele ipotiz- polare di un pensiero molto ra-cleare puntando proprio sull’ef- conseguenze solo all’interno dei occidente, è un messaggio chia- zando assurde alleanze tra sala- dicato che faceva perdere di vi-fetto distrattivo che le rivolte confini siriani ma anche fuori. ro e forte. fiti e estrema destra israeliana, in sta il fine ultimo di un pacifistastanno generando sull’opinione Quello che la Siria considera Vittorio Arrigoni, definito dai nome dell’intoccabilità dell’unità che dovrebbe essere la convi-pubblica mondiale. una sua emanazione, cioè il Li- suoi colleghi non un cooperante condo rigidi dettami ma ora si del popolo palestinese. Un atto venza civile. Il corpo dovràCerto la situazione è resa com- bano, ne farebbe subito le spese ma un attivista, aveva sposato la scopre che per alcune organiz- di debolezza e di impotenza che passare dall’Egitto con molteplicata da molti fattori tra loro vista la cronica instabilità del si- causa palestinese, viene descrit- zazioni che si trovano un po’ spiega come Hamas, da quando più difficoltà perché, udite udi-incrociati che potrebbero far di- stema politico che porterebbe to come un ultrà pacifista ma su con lei un po’ fuori, Hamas è cerca un consenso internaziona- te (è il caso di sottolinearlo perventare controproducente qual- ad un scontro tra l’ala moderata quanto fatto per la causa palesti- troppo tenera e c’è chi è più du- le, mimetizzandosi senza suc- coloro che non ricordano) ilsiasi decisione. Però mai come di Hariri ed Hezbollah. Un ipo- nese andrebbero fatti dei distin- ro e puro. A testimonianza che cesso, ha sviluppato al suo inter- confine tra Gaza e il fratelloora è necessario il male minore. tetico regime integralista poi at- guo. Per prima cosa non è pos- la pace in quell’area non è solo no un virus che col tempo ave- Egitto è sigillato più di quelloMa perché queste differenze? taccherebbe Israele prendendo sibile legare la parola pace a chi un problema israeliano ma so- lenerà tutto ma che al momento con Israele, ma in nome dellaA parte la perenne indecisione come scusa la questione delle appoggia Hamas, un’organizza- prattutto di reale consistenza la fa apparire come il male mi- “pace” questo e altro.da parte di Obama e la sua falli- alture del Golan. zione terrorista che vuole l’an- della controparte. Fatah, Hamas, nore in quel contesto. Ed è que- Arrigoni era uno che credeva inmentare politica in medio orien- Tutto questo porterebbe l’Arabia nientamento di uno Stato e la gruppi impazziti che pretendo- sto il vero errore e problema a una causa e per questo, anchete, ci sono alcuni aspetti da ana- Saudita ad intervenire preventi- cacciata del suo popolo, nella no di contare rapendo e ucci- cui fare attenzione perché è ov- se con una visione antitetica, bi-lizzare. vamente per limitare le fazioni migliore delle ipotesi. Hamas e i dendo, sono espressione di vio che ora tutto l’apparato che sogna rendergli onore, in nomeIl primo è che quella in Siria è la più vicine all’Iran appoggiando suoi vari bracci armati sono col- troppe sfaccettature in guerra tra per un po’ era distratto da quan- della libertà, ma la sua vita è sta-prima rivolta che va contro gli pubblicamente chi le avversa, pevoli di sanguinosi omicidi di loro che renderebbero inattuabi- to sta accadendo in Africa, osan- ta strappata da quelli che lui cre-interessi iraniani e per questo c’è entrando pesantemente nelle innocenti: l’ultimo è stato lo ster- le qualsiasi accordo. nerà le gesta di un giovane uo- deva amici e oppressi. Le coseda fare molta attenzione. decisioni di un altro Stato come minio di una famiglia compresi Qualora si trovasse la strada per mo morto per un ideale (pro- purtroppo sono andate diversa-La seconda è che come per la fatto in Bahrein, dove ha inviato tre bambini di cui uno di tre me- definire lo Stato palestinese, Ha- porre il Nobel per la pace è grot- mente e tutto questo non fa al-Libia, anche per la Siria c’entra l’esercito a tutela del Governo si con conseguenti festeggia- mas contesterebbe la presenza tesco anche se dopo il conferi- tro che bene alla causa di chiil petrolio con la differenza che contro la rivolta. menti per le strade. oltre confine di uno Stato ebrai- mento ad Obama non ci sareb- non vuole il dialogo, problemamentre per la prima i paladini La conseguenza potrebbe essere Seconda cosa, sempre tenendo co (di cui vuole la distruzione) e be di che stupirisi), ma è dove- che ora, sotto gli occhi di tutti, sidella libertà si sono affrettati a a quel punto un intervento diret- presente che la vita di una per- qualche altro oltranzista conte- roso osservare che nella sostan- è spostato all’interno di quelpianificare uno sconclusionato to dell’Iran a tutela del regime di sona la si può criticare ma non sterebbe la presenza anche di za e anche nelle parole l’ideale mondo che da fuori Gaza si cre-intervento, per mettere le mani Assad, portando la tensione alle la sua morte per mano di spieta- un solo turista nel territorio che non era di pace ma di afferma- deva monolitico, sotto il control-sulle risorse energetiche, per la stelle e generando come prima ti assassini, quello che esce da dovrebbe essere solo arabo. zione di un’entità su un’altra. lo dittatoriale di Hamas e che daseconda è meglio per tutti la- conseguenza una crisi petrolife- questa drammatica storia è una L’assassinio di Arrigoni prova Come si fa altrimenti a giustifica- ragione a chi dall’altra parte at-sciare le cose come sono per ra senza precedenti. conflittualità all’interno della stri- l’impossibilità di una convivenza re quanto scritto nel suo blog? tende, rinforza i confini e nelevitare che una grave crisi av- Dall’altra parte del modo pren- scia di Gaza. Si pensava che Ha- serena perché, anche se tutti si sionisti definiti ratti e poi la do- frattempo perora la sua causa.volga l’area e blocchi i flussi di derebbe forma una certa diffi- mas controllasse il territorio pre- sono affrettati a prendere le di- manda dov’è che finisce il sioni-petrolio. È evidente quindi che coltà per Obama ad aiutare di- sidiato con il pugno di ferro, se- stanze, Hamas (facendo finta di smo e inizia l’ebraismo? Gabriele Polgar
  4. 4. Pag. 4 1-15/16-30 aprile 2011 LA PIAZZA D’ITALIA - ECONOMIA Il Cdm il 13 aprile 2011 ha deliberato il Documento di economia e finanza per l’anno 2011 Il DEF 2011I n Europa, nel corso del processo di integrazioneeconomica e sociale, sono or- ed equa, perché questa non si fa più con i deficit pubbli- ci infatti l’unico sviluppo che lastro economico dell’unione monetaria, fare un salto di qualità nel coordinamento fine, gli Stati membri parteci- panti sono pienamente impe- gnati a favore del completa- manda interna ha sostenuto la ripresa: i consumi privati e gli investimenti fissi hanno misura moderata. Le esporta- zioni continuerebbero ad espandersi, il mercato del la-mai tutti consapevoli e con- produce il deficit pubblico è delle politiche economiche, mento del mercato unico, che fornito un contributo alla cre- voro sarebbe caratterizzato davinti della essenzialità delle lo sviluppo del deficit pubbli- migliorare la competitività e, è un elemento determinante scita pari rispettivamente a un moderato recupero. A li-politiche volte alla stabilità e co. Questa è in sostanza l’im- quindi, aumentare il livello di per il miglioramento della 0,6 e 0,5 punti percentuali. Le vello territoriale permangonosolidità della finanza pubbli- postazione della politica ita- convergenza. Lo sforzo di un competitività nell’UE e nella esportazioni nette hanno in- forti differenziazioni in termi-ca, nell’ottica dello sviluppo liana di finanza pubblica, ini- più stretto coordinamento del- stessa zona euro. vece sottratto 0,4 punti per- ni di crescita del Pil e dell’oc-economico e dell’equilibrio ziata nel 2008 con la “Legge le politiche economiche per la Per raggiungere gli obiettivi centuali. Un ampio contributo cupazione.politico democratico. La crisi, Finanziaria triennale” e da al- competitività e la convergenza comunitari i singoli Stati deb- alla crescita è provenuto dal- Nei prossimi anni la strategiaanche questo ormai fatto ac- lora proseguita. Proprio in s’ispira a quattro linee guida: bono far ripartire le loro eco- la ricostituzione delle scorte del Governo è dunque rivoltaclarato, ha determinato e sta questa logica è impostato il s’iscriverà nella linea dell’at- nomie a ritmi più elevati e (0,7 punti percentuali). a un attento monitoraggiodeterminando un disegno “Programma di stabilità”. tuale governance economica quindi più soddisfacenti. La Nel 2010 però, la crisi ha con- della finanza pubblica al finenuovo delle politiche econo- L’Italia si impegna, come dell’UE e la irrobustirà, appor- crescita del prodotto in Italia tinuato a influire sul mercato di mantenere la sua evoluzio-miche. Per queste ragioni il molti altri paesi europei, ad del lavoro, seppur con segna- ne allineata al percorso diPatto pone le basi per un co- introdurre nella sua Costitu- li di miglioramento nell’ulti- rientro che sarà indicato dalleordinamento più esteso e raf- zione il vincolo della discipli- mo trimestre dell’anno. In nuove regole europee. Allaforzato delle politiche econo- na di bilancio in conformità media d’anno, l’occupazione strategia di risanamento fi-miche, con l’obiettivo di con- con le nuove regole di bilan- ha registrato una contrazione nanziario si affiancheràsolidare l’UEM attraverso cio europee. Per esempio dello 0,7% che ha interessato un’azione di riforma, destina-l’adozione a livello nazionale l’articolo 81 della Costituzio- in particolare il settore dell’in- ta a superare gli ostacoli alladi azioni coordinate e mirate ne vigente dispone che: dustria. I dipendenti si sono crescita e a innescare effettiad aumentare il grado di “Ogni altra legge che importi ridotti in misura maggiore. sinergici nel percorso di rien-competitività e convergenza, nuove o maggiori spese deve Sulle prospettive del Pil italia- tro. Il Patto di stabilità internoma sul presupposto essenzia- indicare i mezzi per farvi no, attualmente è previsto au- determina le modalità attra-le della stabilità e solidità fi- fronte”. Questo disposto non mentare dell’1,1% nel 2011, verso cui Enti locali e Regioninanziaria. ha impedito però di fare cre- ovvero 0,2% in meno rispetto concorrono al conseguimentoIl Patto vincola anche l’Italia scere in Italia il terzo, ora for- alla stima diffusa con la Deci- degli obiettivi nazionali in ter-a rafforzare le regole e le se il quarto debito pubblico sione di Finanza Pubblica. mini di bilancio pubblico e diazioni nazionali necessarie del mondo. Senza avere la tandole un valore aggiunto; si è stata piuttosto vivace nella Dopo il risultato modesto del crescita economica.per la disciplina di bilancio, terza o la quarta economia concentrerà sull’obiettivo, sarà prima parte del 2010, in linea quarto trimestre 2010, (0,1% Se la somma dei contributiin particolare per garantire il del mondo. orientato all’azione e verterà con gli sviluppi nella maggior rispetto al trimestre preceden- istituzionali va nella direzionerispetto dei vincoli sull’inde- I Capi di Stato e di Governo sui settori d’intervento priori- parte dei paesi europei. A te) è plausibile una prosecu- indicata nel programma dibitamento netto e sul rappor- della zona euro hanno appro- tari essenziali per stimolare la partire dal terzo trimestre si è zione dell’espansione. Nel stabilità, l’Italia avrà a disposi-to debito/Pil. Senza stabilità vato il Patto, cui hanno aderi- competitività e la convergen- notata una certa decelerazio- triennio 2012-2014, la crescita zione una grossa opportunità,del pubblico bilancio non to Bulgaria, Danimarca, Letto- za; ogni anno ciascun capo di ne. Nel complesso dello scor- del Pil si attesterebbe in me- quella di coniugare finalmen-possono esistere i presuppo- nia, Lituania, Polonia e Roma- Stato o di governo assumerà so anno, l’economia italiana è dia all’1,5%. I consumi privati te crescita economica e risa-sti per una crescita duratura nia, al fine di consolidare il pi- impegni nazionali concreti in- cresciuta dell’1,3%. La do- continuerebbero a crescere in namento finanziario. Disoccupazione giovanile sale al 28,6%, mentre il tasso di disoccupazione risale all’8,3% Modernizzazione e occupazioneI l tasso di disoccupazione a marzo torna a salire atte-standosi all’8,3%. Lo rileva ci sono tuttavia 141mila occu- pati in più (+0,6%). C’è da sottolineare, che dan- buzione a 105,1. Aumentano sia il saldo dei giudizi sia quello delle aspettative a bre- quantità di edifici costruiti. Perciò la domanda di qualsia- si fattore di produzione deri- vani. Se l’impresa assume un lavoratore addizionale a un tasso salariale orario di 15 eu- nel mercato del lavoro, ossia il mercato tende all’equilibrio e la quantità di occupazionel’Istat in una nota nelle stime do uno sguardo generale al- ve termine sulle vendite; cala va dalla domanda dei beni e ro, il costo addizionale per di equilibrio. È importanteprovvisorie (dati destagiona- l’economia, ad aprile l’indice quello relativo ai giudizi sulle dei servizi che quel fattore l’impresa è pari a 15 euro. Il notare che, nell’equilibrio dellizzati) sottolineando che la destagionalizzato del clima di scorte di magazzino. aiuta a produrre; per questo prodotto marginale, ossia mercato del lavoro, avrebbecrescita è stata di un decimo fiducia delle imprese sale nel Dai dati suindicati emerge un motivo la domanda di qual- l’aumento della produzione posto di lavoro chiunque de-di punto rispetto al mese pre- settore del commercio a 104,2 quadro congiunturale che ve- siasi fattore di produzione è totale determinato dal fattore sideri lavorare al salario dicedente. Su base annua si re- e, seppur in misura molto li- de le imprese fornire giudizi detta domanda derivata. È im- variabile deve comunque es- market clearing. In questogistra invece una diminuzio- mitata, anche per quelle dei positivi ed ottimistici sulla fi- portante sottolineare che le sere pari al costo sostenuto senso vi sarebbe piena occu-ne di 0,2 punti percentuali. servizi di mercato a 97,9. Sal- ducia nel business di riferi- imprese che massimizzano il per l’ora addizionale. pazione. Uno dei problemiAncora molto alto il tasso di gono anche i saldi relativi ai mento, ma al contempo un profitto hanno bisogno di una Quindi l’elemento che deter- difficili riguardo ai mercatidisoccupazione tra i giovani giudizi sull’andamento degli deterioramento delle aspetta- relazione che sia valida al- mina la domanda di lavoro del lavoro è stato quello diche si attesta al 28,6%, con un affari e dell’occupazione, di- tive sull’occupazione in coe- l’equilibrio per ogni fattore di dell’impresa è il tasso salaria- chiedersi perché quei mercatiincremento di 0,3 punti per- minuiscono quelli delle attese renza con i dati Istat sul mer- produzione impiegato. Quan- le legato ad uno specifico non funzionino nel modo in- do un fattore di produzione, prezzo del prodotto. È ormai dicato dalla semplice analisi per esempio il capitale, è fis- noto che al variare della basata sulla domanda e sul- so e un altro fattore , per quantità assunta di lavoro, va- l’offerta. L’analisi del mercato esempio il lavoro, è variabile, ria il livello di produzione. ha indicato che, quando c’è l’impresa che massimizza il Via via che il contributo addi- un eccesso di offerta di qual- profitto aumenta il livello di zionale alla produzione di- cosa, il suo prezzo dovrebbe produzione finchè l’ultima venta sempre più piccolo diminuire finchè la quantità unità prodotta contribuisce l’impresa non trova più con- domandata non è diventata esattamente nella stessa misu- veniente assumere e quindi il uguale alla quantità offerta. ra sia al costo sia al ricavo, prodotto fisico marginale del Ciò non avviene di solito nei cioè finchè il costo marginale lavoro diminuirà. Il numero mercati del lavoro, le imprese è uguale al ricavo marginale. di persone che sono disposte generalmente non sembrano Tale equilibrio sottostante al- a lavorare costituisce le forze entusiaste di ridurre i salari l’obiettivo della massimizza- di lavoro. L’offerta di lavoro per riuscire ad assumere un zione del profitto, dovrebbe dipende da tre variabili: l’am- maggior numero di lavoratori persistere e mantenersi a ga- montare della popolazione, la ai tassi salariali più bassi, an- ranzia di un certo livello di percentuale di essa che è di- che se potrebbe sembrare occupazione. Ed è esattamen- sposta a lavorare e il numero che tale provvedimento au- te ciò che non si sta verifican- di ore lavorate da ciascun in- menti i loro profitti. Un possi- do in Italia tra il mercato del dividuo. Ciascuna di questa bile motivo è che ai datori di lavoro e quello dei beni e ser- variabili è parzialmente in- lavoro interessano la qualità e vizi. fluenzata da fattori economi- le prestazioni dei lavoratori A fronte di un costo del lavo- ci. oltre che il loro prezzo, cosic- ro crescente, le imprese non L’offerta di lavoro in pratica chè nella decisione riguardocentuali su base mensile e di sull’andamento dei prezzi di cato del lavoro. hanno convenienza ad assu- dice quanto lavoro (ore lavo- all’occupazione devono esse-1,3 punti su base annua. An- vendita, ma si deteriorano le Le imprese necessitano di fat- mere perché l’uguaglianza tra rative) viene offerto in corri- re tenute in conto le dimen-che il numero di disoccupati attese sull’occupazione. Nel tori di produzione come mez- i ricavi marginali ed i costi spondenza di ciascun tasso sioni. In questo contesto il sa-(pari a 2.071 mila), rileva an- commercio, l’indicatore del zi per produrre beni e servizi, marginali non verrebbe ga- salariale. Il punto in cui la do- lario che dà la migliore com-cora l’istituto, registra una clima di fiducia scende nella per esempio la domanda di rantita. E questa è una delle manda e l’offerta si interseca- binazione prezzo e qualitàcrescita del 2% rispetto a feb- distribuzione tradizionale a muratori e di materiali edili ragioni per le quali il tasso di no determina il salario in cor- del lavoratore è detto salariobraio (+ 40 mila unità). A 106,5, ma sale in maniera ac- aumenta e diminuisce all’au- disoccupazione continua a rispondenza del quale la do- di efficienza.marzo 2011, rispetto al 2010 centuata nella grande distri- mentare e al diminuire della crescere soprattutto tra i gio- manda assorbe tutta l’offerta Avanzino Capponi
  5. 5. 1-15/16-30 aprile 2011 Pag. 5 LA PIAZZA D’ITALIA - ECONOMIA Gli Stati nazionali al confronto con il mercato unico La politica e l’economia globaleI l decreto anti-scalate di Tremonti per difendereParmalat dalla scalata della gliarsi delle coscienze: si giunge alla consapevolezza che il mondo si può autodi- Il termine globalizzazione indica il fenomeno di cre- scita delle relazioni e degli importanza rispetto ai prota- gonisti internazionali, inoltre accade che le grandi indu- bilmente non l’unica, per- ché non sufficiente; un’altra alternativa potrebbe essere ra, per mezzo di premi, agevolazioni fiscali e credi- tizie ai produttori nazionalifrancese Lactalis e il conve- struggere e si dibatte su co- scambi a livello mondiale strie scelgono di produrre rappresentata da una rivalu- che esportano.gno sull’economia globale e me eliminare i problemi at- mirante ad una convergenza dove la manodopera costa tazione degli aiuti di stato Allora visto che i singoli sta-ruolo della politica tenutosi tuali al fine di acquisire una economica e culturale tra i meno, in zone franche ga- alle aziende o adottare mi- ti nazionali devono attener-lunedì 11 Aprile nella sala modernità responsabile che Paesi. rantite dagli stati singoli per sure protezionistiche, ma si alle decisioni europee,Gianfranco Imperatori a guardi al futuro; una società L’effetto di questo indirizzo attirare marchi transnazionali l’Europa dice no ad ogni in- l’UE dovrebbe offrire rispo-Piazza Venezia, organizzato della politica non legittima- mondiale della politica, in importanti, dove i diritti tervento di questo tipo. ste unitarie, conformi aglidal Centro Studi Cives, sono umani non sempre sono ga- L’idea di uno stato regolato- scenari internazionali e so-stati senza dubbio un otti- rantiti. re, promotore di sviluppo prattutto, dovrebbe garanti-mo spunto di riflessione Questa concorrenza spesso economico e imprenditore re una reale politica econo-sull’economia dei nostri senza regole può generare non può non tenere conto mica che regoli in manieragiorni. crisi non recuperabili per le della legislazione UE in ma- opportuna anche gli aspettiGli interventi e le “lezioni” piccole e medie imprese, teria di sostegno alle impre- più negativi della globaliz-tenute in maniera sapiente schiacciate da una concor- se; non sono previsti aiuti zazione, presentandosi condai partecipanti, hanno trac- renza non sempre leale e anche se finalizzati al man- una sola voce in capitolo,ciato le linee per una rifles- umana e da sistemi di tassa- tenimento dell’occupazione superando così, anche glisione generale sull’opportu- zioni agevolati. e del lavoro nel paese di egoismi nazionali.nità del mercato unico a Mercato ed economia si de- provenienza, perché non si Progresso e modernità nonfronte delle politiche dei vono autoregolare, questo può credere nel mercato significano sviluppo senzasingoli paesi, delle difficoltà vuole la moderna politica unico per la vendita senza regole e senza limiti; a ri-che questi ultimi possono globale. adottarlo anche per la pro- guardo le parole di Bene-incontrare nel gestire la ta, ossia le decisioni vengo- generale si concentra sul- Di fronte a questo scenario, duzione. detto XVI in occasione del-concorrenza internazionale no prese a livello globale da l’economia, dando luogo ad sono pertinenti però dubbi Il protezionismo è una pa- l’Epifania del 2008 calzanoe in ultimo, il loro rapporto attori transnazionali, senza una forte integrazione degli che chiedono una risposta e rola antiquata, che non de- a pennello: “Non si può di-con le direttive dell’Unione che la gente li abbia mai le- scambi commerciali interna- riguardano le modalità per ve essere pronunciata negli re che la globalizzazione siaEuropea. gittimati; una società dalla zionali e ad una crescente fermare le delocalizzazioni ambienti economici comu- sinonimo di ordine mondia-Il saggio di Ulrich Beck localizzazione plurale, in dipendenza dei paesi gli uni e come sostenere e stimola- nitari, perchè è una politica le, tutt’altro: i conflitti per la“Che cosa è la globalizza- cui non esiste uno stato dagli altri. re la competizione naziona- opposta a quella libero- supremazia economica ezione: rischi e prospettive mondiale e le distanze ven- In questo contesto, dove le le nel mondo; forse una so- scambista, che tende a pro- l’accaparramento delle ri-della società planetaria” in- gono annullate dall’azione multinazionali spadroneggia- luzione, come quella pro- teggere le attività produtti- sorse energetiche, idriche edividua quattro possibili dei media. no, lo stato nazionale viene posta al convegno sopra ci- ve nazionali dalla concor- delle materie prime rendo-scenari di una futura globa- Riflettere sull’identità della spinto a diventare “minima- tato, che prevede la lotta al- renza di paesi esteri per no difficile il lavoro dilizzazione: una società nostra società globale del le” rispetto al potere econo- l’evasione fiscale come mezzo di interventi econo- quanti, ad ogni livello, simondiale capitalista, in cui presente può essere un mico, ovvero, si limita a ga- mezzo per incamerare risor- mici statali attraverso l’ap- sforzano di costruire unlo stato è minimale; una so- buon inizio per correggere rantire l’ordine. se da destinare all’investi- plicazione di dazi sui pro- mondo giusto e solidale”.cietà del rischio in cui la de- degli assetti e delle politi- Gli attori nazionali dunque, mento economico può esse- dotti importati o sulle mate-mocrazia è data dal risve- che eventualmente negativi. perdono progressivamente re una risposta, ma proba- rie prime esportate, o anco- Ilaria Parpaglioni Riduzione della spesa e crescita economica La combinazione vincenteL’ Italia deve ripartire dalle dichiarazioni delPresidente della Repubblica sintonia con il Presidente Giorgio Napolitano, lan- ciando un nuovo monito al valore già relativamente basso rispetto a quelli degli altri principali paesi euro- Al fine dell’attuazione piena del Patto di stabilità e cre- scita occorrerà rafforzare la al saldo primario o regola di spesa), ma dovrebbe garan- tire la disciplina di bilancioGiorgio Napolitano: “se si governo sui conti pubblici: pei”. sostenibilità delle finanze a livello sia nazionale cheassume il traguardo di un “la crisi ha peggiorato le “Il riavvio del processo di pubbliche. Il Governo pro- subnazionale.sostanziale pareggio del bi- prospettive della finanza crescita passa per un au- cederà nella sostenibilità di Il Documento di Analisi elancio nel 2014, che com- pubblica; non è più rinvia- mento dei tassi di occupa- pensioni, assistenza sanita- tendenze della finanza pub-porterà una ulteriore mano- bile un duraturo riequilibrio zione, soprattutto giovanile ria e prestazioni sociali, me- blica è stato elaborato se-vra, per il 2013-14, di ridu- dei conti pubblici; data e femminile; maggiori inve- diante una valutazione so- condo le nuove disposizionizione della spesa pubblica l’elevata pressione fiscale, è stimenti in capitale fisico; prattutto in base agli indica- di modifica della legge didi oltre 4 punti di Pil, è fa- inevitabile un significativo mercati, servizi pubblici e tori del divario di sostenibi- contabilità e finanza pubbli-cile intuire come sarà essen- contenimento della spesa”. regolamentazioni che facili- lità. Tali indicatori valute- ca (legge n. 196/2009), fina-ziale la caratterizzazione se- Secondo Draghi, “la neces- tino l’accrescimento della ranno se i livelli di debito lizzate ad assicurare il coor-condo ben ponderate prio- sità di procedere nel conso- produttività” conclude Dra- saranno sostenibili sulla ba- dinamento tra la program-rità di tale manovra, e quin- lidamento dei conti pubblici croeconomico del Docu- ghi. se delle politiche in corso mazione di bilancio nazio-di la combinazione tra que- impone scelte fondate su un mento di Economia e Finan- In sintesi la crescita italiana tenendo conto dei fattori nale e quella comunitaria.sta e le azioni volte a raffor- vincolo di bilancio plurien- za del 2011, il tasso di cre- è insoddisfacente e il riequi- demografici. Gli Stati mem- Nel dettaglio, il Documentozare il potenziale di crescita nale e su una sistematica scita del Pil è previsto salire librio sui conti pubblici non bri partecipanti si impegne- fornisce dati consuntivi sul-dell’economia e dell’occu- comparazione dei costi e gradualmente dall’1,1%, at- è più rinviabile. Questi so- ranno a recepire nella legi- la spessa pubblica sostenutapazione”. dei benefici di progetti al- teso per quest’anno all’1,6% no i due grandi problemi slazione nazionale le regole nel 2010, e dati previsionaliL’indirizzo sulla politica dei ternativi”. In questo senso, nel 2014, ricorda il Gover- che il Governo dovrà af- di bilancio dell’UE fissate per il 2011 e per il biennioconti pubblici lanciato da sottolinea, “non c’è altra so- natore. “Il tasso di crescita frontare nel breve periodo. nel patto di stabilità e cre- 2012-2014.Napolitano è confermato luzione che innalzare l’effi- del Pil potenziale passereb- Il Consiglio dei Ministri del scita. Gli Stati membri man- Il fabbisogno del settoredal Presidente di Bankitalia cienza della spesa, miglio- be dallo 0,3% del 2011 allo 13 aprile ha deliberato il terranno la facoltà di sce- pubblico si è attestato nelMario Draghi, secondo il rando le procedure che la 0,8% del 2014. Quest’ultimo Documento di economia e gliere lo specifico strumen- 2010 a 67.727 milioniquale per il pareggio di bi- governano”. dato rifletterebbe modesti finanza 2011. Tale docu- to giuridico nazionale cui ri- (-4,4% del Pil), in riduzionelancio nel 2014 serve”una “Da vari anni l’Italia cresce aumenti del fattore lavoro, mento è articolato in tre se- correre ma faranno sì che rispetto al 2009 di 21.279correzione effettuata solo a un ritmo insoddisfacente, della disponibilità di capita- zioni: Programma di Stabili- abbia una natura vincolante milioni. Nel 2010 si è regi-dal lato delle spese, che im- che si riflette in redditi sta- le e della produttività totale tà dell’Italia; Analisi e ten- e sostenibile sufficiente- strato un avanzo primario diplica una loro riduzione del gnanti, problemi occupazio- dei fattori. Si configura il ri- denze della Finanza pubbli- mente forte, anche l’esatta 4.040 milioni, contro un di-7% in termini reali. L’obiet- nali, maggiori difficoltà a schio che la crisi incida a ca (con Nota Metodologica forma della regola sarà de- savanzo di 14.980 del 2009,tivo è conseguibile solo se gestire la finanza pubblica. lungo sul tasso di crescita sui criteri di formulazione cisa da ciascun paese (ad con un miglioramento divi concorreranno tutte le La ripresa dopo la crisi ap- potenziale dell’economia delle previsioni tendenziali) esempio potrebbe assumere 19.020 milioni.principali voci di spesa”. pare lenta”, sottolinea il go- italiana, che nel 2007 veniva ed il Programma Nazionale la forma di “freno all’indebi-Draghi, dunque, è in piena vernatore. Nel quadro ma- indicato attorno all’1,5%, un di Riforma. tamento”, regola collegata Avanzino Capponi

×