Fabiana Lotito Progetto di Brand Identity
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Fabiana Lotito Progetto di Brand Identity

on

  • 872 views

progetto di dono in dono

progetto di dono in dono

Statistics

Views

Total Views
872
Views on SlideShare
868
Embed Views
4

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

1 Embed 4

http://www.linkedin.com 4

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Fabiana Lotito Progetto di Brand Identity Fabiana Lotito Progetto di Brand Identity Presentation Transcript

  • CORSO DI GRAFICA E DESIGN PER LA COMUNICAZIONE PROF. ANTONIO ROMANO PROGETTO GRAFICO DI DONO IN DONO Simona Campana - gd Fabiana Lotito - bc Antonio Carnevale - gd Angela Iannone - pm
  • IDENTITY ANALYSIS1. VALUTAZIONE DELLE PERCEZIONI2. ANALISI DELLE IDENTITA’ PREESISTENTI3. ANALISI DEI CONCORRENTI4. RICERCHE E BRAINSTORMING
  • IDENTITY ANALYSIS STEP 1 VALUTAZIONE DELLE PERCEZIONICHE COS’È IL DONOCHE RUOLO HA IL DONO OGGI NELLA SOCIETA’CHE COSA RAPPRESENTA IL DONO NELLA VITA PERSONALE
  • IDENTITY ANALYSIS - Valutazione delle percezioni“[...] Il dono è qualcosa che si offre all’altrocon impulso immediato, per renderlo un po’felice e senza pretendere nulla in cambio”.Loretta M. – direttore Un ponte per...
  • IDENTITY ANALYSIS - Valutazione delle percezioni“Gestendo un centro di recupero perdiversamente abili, associo il concetto di donoai sorrisi, gli abbracci sinceri e spontanei cheogni giorno ricevo dai ragazzi che assisto”.Luca S. – operatore della Coop. Astrolabio
  • IDENTITY ANALYSIS - Valutazione delle percezioniNella società odierna, caratterizzataprincipalmente dal consumismo, è raro che ildono abbia ancora il suo posto come puro attodi altruismo... Siamo in un mondo sempre piùasettico, egoista, dove non si sa più darevalore alle cose.Luciano V. - Legambiente
  • IDENTITY ANALYSIS - Valutazione delle percezioniNella mia vita professionale e personale,considero dono un sorriso vero, un salutosincero oppure veder spontaneamentesoddisfatto un bisogno, la cui presenza mi fastare in pena.Vittorio C.D. – presidente Legambiente
  • IDENTITY ANALYSIS - Valutazione delle percezioniAssocio lidea di “dono” a qualcosa che non miaspetto, quindi che mi arriva con felicesorpresa, ad una bellissima fotografia, ad unaiuto inaspettato, sia materiale che disupporto...nella vita lavorativa o nelquotidiano.Flavio P. – psicologo sociale
  • STEP 2ANALISI DELLE IDENTITA’ PREESISTENTI
  • IDENTITY ANALYSIS – Analisi delle identità preesistenti
  • IDENTITY ANALYSIS – Analisi delle identità preesistenti
  • IDENTITY ANALYSIS STEP 3ANALISI DEI COMPETITORS
  • IDENTITY ANALYSIS – Analisi dei competitorsPUNTI DI FORZA:Forte identità grafica visualedell’immaginePUNTI DI DEBOLEZZA:Gli elementi confusi nellosfondo non facilitano la letturadello slogan, troppo lungo.Il layout scelto lascia insecondo piano il messaggio
  • IDENTITY ANALYSIS – Analisi dei competitorsPUNTI DI FORZA:Ogni elemento dell’identitàgrafica visuale è coerentecon il messaggio creando unrisultato di grande impattocomunicativoPUNTO DI DEBOLEZZA:Il font scelto risulta pocoleggibile
  • IDENTITY ANALYSIS – Analisi dei competitorsPUNTI DI FORZA:Popolarità del brand,immediatamente riconoscibile.Semplicità dell’identità grafica dirichiamo a sentimenti collettivie immagini universalmentericonosciute.PUNTI DI DEBOLEZZA:L’obiettivo della campagnaposizionato in fondo almanifesto e con un font ridottorisulta passare in secondo pianorispetto a tutti gli altri elementigrafici.
  • IDENTITY ANALYSIS – Analisi dei competitorsLe campagne sono interamente incentrate sullapresentazione di un problema, la cui soluzione èdemandata al target.Poco valore viene dato all’esperienza emozionale dell’atto di donare e del ricevere.In conclusione le campagne non sembrano valorizzarel’aspetto emozionale del concetto di dono.
  • IDENTITY ANALYSIS STEP 4 RICERCHE EBRAINSTORMING
  • IDENTITY ANALYSIS – Ricerche e brainstormingCOS È IL DONO?Il dono non è una cosa, ma è un rendersi presente. (visionepsicologica).Il dono è una forma economica basata sul valore duso deglioggetti e delle azioni.(visione delleconomia del dono).M. Hénaff sdoppia il dono in: dono di un oggetto e dono comericonoscimento dell’altro, sorgente e motrice originaria delrapporto di riconoscimento che lega gli attori sociali in unacomunità.(visione filosofica).COSA CI SPINGE A DONARE?Trivers: fare qualcosa per qualcuno con laspettativa(consapevole o meno) di essere ricambiati nel momento delbisogno (visione psicologica)È lobbligo di contraccambiare il dono ricevuto che innesca cosìuna catena di scambi, quindi chi dona si attende un"controdono".Marcel Mauss (visione antropologica)
  • IDENTITY ANALYSIS – Ricerche e brainstormingCOSÈ IL DONO NELLA SOCIETÀ?E base delle relazioni tra gli uomini; Marcel Mauss (visioneantropologia).Il dono è lunico strumento onnipotente che possiamo metterein campo nei nostri rapporti con gli altri, per aprirli allagiustizia, alla vita, alla storia; Jean-Luc-Marion, (visionefilosofica).QUALE È LOBIETTIVO CHE VOGLIAMO RAGGIUNGERECON IL NOSTRO BRAND?Il fine ultimo è cercare il benessere sociale e individualeattraverso le relazioni interpersonali, piuttosto che con ilconsumo di beni (visione delleconomia del dono).Uno degli effetti più importanti sarà laumento della fiducia(economia del dono).
  • IDENTITY STRATEGY1. VALORI-ATTRIBUTI2. ASPIRAZIONI3. FILOSOFIA DEL BRAND4. POSIZIONAMENTO5. BRAND CHARACTER6. BRAND ARCHITECTURE
  • STEP 1VALORI E ATTRIBUTI
  • IDENTITY STRATEGY – Valori e attributi Donando si crea unArmonia sociale piacere ad altriEconomia sociale Lo scambio come fonteRifiuto di una concezione di relazionematerialisticaRifiuto delle regole sociali Altruismo reciprocoe rituali del dono innesta una serie di scambiDonare è piacevole persé
  • IDENTITY STRATEGY – Valori e attributiLa fiducia è aumentata Il valore d’usodall’altruismo aumenta la fiduciaCentrale è l’intenzione scavalcando il “valoredi donare monetario”Dono: non un bene Collaborazionenon un’azione, ma il Il benesseresuo valore d’uso individuale diventa collettivo Lo scambio crea fiducia
  • IDENTITY STRATEGY STEP 2ASPIRAZIONI
  • IDENTITY STRATEGY – Aspirazioni BIG IDEA, ASPIRAZIONEScambi e crei una società armoniosa
  • IDENTITY STRATEGY STEP 3FILOSOFIA DEL BRAND
  • IDENTITY STRATEGY – Filosofia del brandTrasformare il simbolo materialistico dellasocietà occidentale (il dono) nella rinascitadi una società equa che pensa al benecollettivo, come risultato del benessereindividuale.
  • IDENTITY STRATEGY – Filosofia del brandDiffondere nuovi valori di un’eticacollaborativa in cui i singoli si aiutanovicendevolmente per il piacere di farlo,non spinti da costrizioni sociali.
  • IDENTITY STRATEGY – Filosofia del brandCrediamo che sia tramontata l’epoca dellaspregiudicatezza, dell’ eccesso discaltrezza e del materialismo imperante;c’è la reale e concreta possibilità per l’uomo di ritrovare la sua umanità, per unpresente cooperativo e naturale.
  • IDENTITY STRATEGY STEP 4POSIZIONAMENTO
  • IDENTITY STRATEGY – PsizionamentoL’ obiettivo è posizionare il nostro concetto didono sul versante emozionale, quindi sugliassets di mission e attitude.Donare non si esaurisce nel semplice atto,non è invogliare a comportamenti sociali, masviluppare un’attitudine, una filosofia di vitache diventa parte integrante del mood of life.
  • IDENTITY STRATEGY STEP 5BRAND CHARACTER
  • IDENTITY STRATEGY – Brand character RAISON D’ETREScambio l’altruismo e aumento la fiducia collettiva, producendo armonia sociale
  • IDENTITY STRATEGY STEP 6BRAND ARCHITECTURE
  • IDENTITY STRATEGY – Brand ArchitectureLa scelta adottata per il Brand è di tipomonolitico, ovvero il marchio verrà usato pertutte le iniziative aderenti al progetto più grande“Di dono in dono”.In questo modo alle singole iniziative i pubbliciassoceranno immediatamente valori e attitudinidel brand, facilitando il riconoscimento e lacomprensione della mission.
  • IDENTITY STRUCTURE1. BRAND IDENTITY2. DEFINIZIONE ELEMENTI DI BASE3. DEFINIZIONE DEI LINGUAGGI4. DEFINIZIONE DEL SISTEMA D’IDENTITÀDI BASE
  • IDENTITY STRUCTURE STEP 1BRAND IDENTITY
  • IDENTITY STRUCTURE – Brand identity
  • IDENTITY STRUCTURE – Brand identityPROGETTO GRAFICO
  • IDENTITY STRUCTURE – brand identityCLAIM “Fallo Sbocciare.”
  • IDENTITY STRUCTURE STEP 2DEFINIZIONE ELEMENTI DI BASE
  • IDENTITY STRUCTURE – Definizione degli elementi di baseLa mano rappresenta il prolungamento delnostro pensiero di donare, è attraverso la manoche stabiliamo il primo legame interpersonale.La posizione delle mani rivolte verso laltosimboleggiano lapertura all Alter, marimandano anche allatto di dare.Il concept che abbiamo sviluppato vuole che ildono sia pensato non come un oggetto che siscambia, ma come un rapporto, come qualcosache crea legame sociale.
  • IDENTITY STRUCTURE – Definizione degli elementi di baseLidea di usare le mani come rappresentazionedel dono parte da questo presupposto.Il concept di “dono” che abbiamo sviluppato fariferimento anche allatto attraverso cuiregalare sensazioni positive, per condividereemozioni e che risvegliano la naturalepropensione delluomo verso larmoniosorapporto con gli altri.Temi associati a questo concept sono: lanatura, il legame alla terra come legame allavita, come legame alla semplicità delle azioni.
  • IDENTITY STRUCTURE STEP 3DEFINIZIONE DEI LINGUAGGI
  • IDENTITY STRUCTURE – Definizione dei linguaggiL’ identità grafica visuale è caratterizzata da dueelementi cromatici:il verde, che richiama la natura e la speranzail bianco, come colore dell’armonia, dellasemplicità e della purezza
  • IDENTITY STRUCTURE – Definizione dei linguaggi STEP 4 DEFINIZIONE DEL SISTEMA D’ IDENTITÀ DI BASESITO WEBCARTELLONISTICABROCHUREBUSTE, CARTA INTESTATA E BIGLIETTIDA VISITAGADGET VARI
  • IDENTITY STRUCTURESITO WEB
  • IDENTITY STRUCTURE – Identità di base
  • IDENTITY STRUCTURE – Identità di base
  • IDENTITY STRUCTURE – Identità di base
  • IDENTITY STRUCTURE – Identità di base
  • IDENTITY STRUCTURE – Identità di base
  • IDENTITY STRUCTURE – Identità di base
  • IDENTITY STRUCTURE – Identità di base
  • IDENTITY STRUCTURE – Identità di base
  • IDENTITY STRUCTURE – Identità di base
  • IDENTITY STRUCTURE – Identità di base
  • CORSO DI GRAFICA E DESIGN PER LA COMUNICAZIONE PROF. ANTONIO ROMANOSimona Campana - gd Fabiana Lotito - bcAntonio Carnevale - Angela Iannone - pmgd