Testimonianza di Paolo Venturi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Testimonianza di Paolo Venturi

on

  • 305 views

 

Statistics

Views

Total Views
305
Views on SlideShare
250
Embed Views
55

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

2 Embeds 55

http://www.laboratoridalbasso.it 53
http://www.google.it 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Testimonianza di Paolo Venturi Testimonianza di Paolo Venturi Presentation Transcript

  • Il valore aggiunto dell’Economia Sociale 18 settembre 2013 GALATINA paolo venturi, direttore AICCON 1
  • Modello dicotomico Stato-Mercato • L’Economia Politica si è sviluppata sul fondamento del modello dicotomico di ordine sociale Stato-Mercato. • Seppure con approcci teorici molto differenti (liberista/statalista) la linea di base che rappresenta l’oggetto di studio dell’economista politico è rappresentata dallo studio dei rapporti tra Stato e Mercato
  • Necessità del superamento del modello dicotomico Stato-Mercato: la prospettiva dell’economia civile • Nella modello dicotomico, la società civile non gioca un ruolo specifico in economia • Nel prospettiva dell’economia civile, la società civile gioca un ruolo in economia rilevante, specifico e non sostituibile
  • La prospettiva dell'Economia Civile Assumere questa ipotesi ri-definisce il «senso» di alcune parole producendo un allargamento della sfera dei soggetti orientati alla produzione di utilità sociale: • Beni pubblici e Utilità sociale: produzione non solo prerogativa del pubblico ma anche dei soggetti della Economia Sociale • Politiche pubbliche: come iniziative realizzate in «sinergia» con i soggetti dell’Economia Sociale. • Sviluppo economico: non è alimentato unicamente da imprese e spesa pubblica ma è fortemente correlato alla presenza e al ruolo dei soggetti dell’economia sociale
  • La “visione” dell’Economia Civile L’adozione della “visione” dell’Economia Civile rappresenta: ¤ una “lente” capace di leggere le nuove dinamiche sociali nazionali e internazionali nel loro complesso (e non solo relativamente al Terzo Settore), ¤ una feconda prospettiva di ricerca multidisciplinare nelle scienze sociali, ¤ un approccio alla definizione di nuovi paradigmi di sviluppo economico e umano, capaci di orientare efficaci politiche di welfare, di rileggere le dinamiche produttive e di mercato, nonché di individuare percorsi di innovazione sociale. In sintesi, l’adozione della “visione” dell’Economia Civile rappresentato la possibilità di porsi come “anticipatore del cambiamento”.
  • Ipotesi assunta e conseguenze Assumere questa ipotesi ri-definisce il «senso» di alcune parole producendo un allargamento della sfera dei soggetti orientati alla produzione di utilità sociale: •Es. Beni pubblici e Utilità sociale: la cui produzione non è prerogativa solo del pubblico ma anche dei soggetti dell’ Economia Sociale •Es. Politiche pubbliche: come iniziative realizzate in «sinergia» con i soggetti dell’Economia Sociale. •Es. Sviluppo: non è l’esito della produzione di ricchezza prodotta da imprese for profit .
  • Sviluppo: diverse ricette.. Il concetto di Sviluppo è diverso dal concetto di Crescita. 1. Rilancio del ruolo dello Stato (più regolamentazione); Contenimento sistematico della spesa pubblica; 2. Aumento della Responsabilità Sociale (volontaria) delle imprese che rinunciano a parte dei propri utili; 3. Puntare sullo sviluppo di nuovi attori e di nuove forme di coordinamento (pluralismo delle forma di impresa).
  • 1 - Economia Sociale di Mercato • L'economia sociale di mercato è un modello di sviluppo dell'economia che si propone di garantire sia la libertà di mercato che la giustizia sociale; lo Stato deve intervenire laddove esse presentano i loro limiti. • L'intervento dello STATO si attiva dove il mercato stesso fallisce nella sua funzione sociale e deve fare in modo che diminuiscano il più possibile i casi di fallimento. Lo Stato rende sociale il mercato attraverso: • Regolamentazione ( Basilea III) • Redistribuzione • Politiche monetarie e fiscali espansive o restrittive
  • 2 «Shared Capitalism» Idea di fondo: le imprese devono farsi volontariamente carico degli effetti della loro attività, attraverso: • Potenziamento della Responsabiltà Sociale • Azioni di Welfare aziendale e contenimento dei profitti; • Azione di pressione della Società Civile/consumatori sulle imprese Paradigma economico è descritto nel: • IL CAPITALISMO È SOTTO ASSEDIO E OCCORRE REINVENTARLO. Lo sostiene, nell’ampio saggio che caratterizza il numero di gennaio 2011 di Harvard Business Review, Michael Porter (con Mark Kramer). Imprese «intrappolate in un approccio superato alla creazione del valore» che si è imposto negli ultimi trent’anni. la tesi coraggiosa di Porter è che la competitività di un’impresa e il benessere della comunità circostante sono strettamente interconnessi, non occorre solo perseguire la massimizzazione del profitto ma è necessario condividerlo con i propri stakeholder (Share value theory)
  • 3. Sviluppo di nuovi attori e diverse forme di coordinamento Idea di fondo: favorire lo sviluppo di nuovi soggetti e in particolare di nuove forme di impresa: § dotate di autonomia privata; § senza scopo di lucro; § che perseguono finalità pubbliche; al fine di: → Aumentare l’offerta di servizi di interesse generale senza aumentare la spesa pubblica grazie a: - maggior efficienza; - recupero risorse umane e imprenditoriali; - sviluppo capacità innovative (innovazione sociale). → Modificare i modelli di consumo e quindi anche i comportamenti. → Aumentare il livello di soddisfazione per i servizi (e per la vita/benessere), per maggior aderenza alla domanda.
  • Esigenza di un modello di Sviluppo diverso Necessaria una prospettiva di sviluppo che supera la dicotomia STATO (redistribuzione)-MERCATO(scambio equivalenti ) Economia Civile 1. 2. Occorre riscoprire il Co-operare (diverso dal collaborare) come capacità di tenere insieme strumenti e fini, condividendo il rischio. ( funzione obiettivo diversa massimizza valore del lavoro non del capitale) Il Mercato si può sviluppare attraverso un maggior pluralismo delle forme di impresa: nella misura in cui le cooperative (quelle vere) crescono, si producano benefici sia in termini di equità sia in termini di sviluppo. (organizzazioni inclusive ) «La distribuzione della ricchezza «è caratterizzata da un elevato grado di concentrazione»: alla fine del 2010 la metà più povera delle famiglie italiane deteneva il 9,4% della ricchezza totale, mentre il 10% più ricco deteneva il 45,9% della ricchezza complessiva» Banca d’Italia
  • Ruolo dell’Economia Sociale per il futuro «modello di welfare» Fig. 1 – Possibili modalità di sviluppo del Welfare State (alternativa 1 e 2) (ca. 2030) STATE (ca. 1980) 3rd sector STATE Alternative provision For-profit firms Democratization (ca. 2005) STATE 3rd sect. 2 alternatives STATE For-profit Firms 3rd sect. (ca. 2030) For-profit firms Rampant privatization
  • Economia Sociale : Ris. n. 2250 Parlamento Europeo approvato il 19 febbraio 2009 • L’Economia Sociale in Europa rappresenta 10% delle imprese Europee (circa 2 milioni Imprese) e 6% dell’occupazione (più stabile della media europea); la popolazione attiva interessata dall’I.S. è 4,1% in Belgio- 7,5% in Finlandia -3,1% in Francia – 3,3% in Italia e 5,7% nel Regno Unito.(CIRIEC) • La posizione del Parlamento Europeo rompe con una lunga tradizione di pensiero che ha alimentato una dicotomia fra sfera sociale ed economica assegnando alla prima dei compiti in chiave puramente distributivo-compensatrice e alla seconda compiti di produzione della ricchezza. • • • • Europa 2020 - 3 marzo 2010 Social Innovation Initiative (UE) maggio 2010 Social Business Initiative (UE) 25 ottobre 2011 Social Innovation Agenda (Italia ) MIUR marzo 2013
  • Andamento di cooperative e imprese 20012011 (val. ass. e n.i. 2001=100) Cooperative +14,2% Imprese +7,7% Fonte AICCON: elaborazione Censis su dati Istat e Unioncamere
  • Il trend occupazionale nella crisi Occupazione nelle cooperative e imprese 2007-2011 (val. ass. e n.i. 2007=100) Cooperative +8% Mercato lavoro -1,2% Imprese -2,3% Fonte: elaborazione Censis su dati Istat, Unioncamere e Censis (per il 2011)
  • Settori trainanti Variazione dell’occupazione, 2007-2011 (var.%) Fonte AICCON : elaborazione Censis su dati Istat, Unioncamere e Censis (per il 2011)
  • Puglia 15.105 ONP (+24,5%) 26.446 addetti 121086 lav. Esterni 178.262 volontari
  • Coop B circa 4000 45 000 soggetti svantaggiati
  • Potenziale di imprenditorialità sociale
  • Ridefinizione dei paradigmi economici Fig.1 - Pil per abitante e livello di soddisfazione in Italia Fonte: lezione magistrale del Governatore della Banca d’Italia Draghi Ancona 5 novembre 2010
  • Benessere
  • Benessere (II)
  • Biodiversità imprenditoriale 1. 2. 3. Valore di Scambio Valore d’uso Valore di legame Senza l’ingrediente del valore di legame non si produce innovazione sociale e nel lungo periodo neanche valore economico (perché la coop sociale non è impresa orientato unicamente all’efficienza
  • Relazionalità crea vantaggio competitivo anche dal punto di vista finanziario: Internalizzare il valore fiduciario delle relazioni comunitarie (Valore di Legame), ti permette di accedere a + risorse e avere tassi di sofferenza più bassi (<1% contro il 6/7%) 25
  • L’innovazione della Cooperazione sociale L’innovazione della Cooperazione Sociale: cambiare il modo di concepire l’impresa ed il welfare: 1. Innovando il modo di fare «politiche sociali» (de-istituzionalizzandole) 2. Innovando il modo di fare «impresa» (sostituendo il pensiero unico della max profitto dei proprietari con «interesse generale» ) Innovazione più grande è aver dimostrato che i Servizi sociali cioè possono essere organizzati in maniera imprenditoriale - Privato si fa pubblico : «public» Difficoltà oggi a far percepire questo: es. dibattito sulla «social innovation» Mainstream pensa all’ IMPRESA SOCIALE (social impact or social change) «Social» è il driver ( identità, modalità di produzione e nella esternalità ) dimensione economica è strumento. Non il contrario …. Si tende arriva al sociale tramite un percorso di strumentalità ( esternalità). Coop sociale ha evidenziato come economico e sociale possano coesistere e come la dimensione imprenditoriale (industriale) non si riduca nel misurarsi con questi bisogni sociale.
  • Definizione di Innovazione Sociale “una soluzione innovativa ad un problema sociale, più efficace, efficiente, sostenibile e giusta di quelle esistenti, che produce valore per la società nel suo complesso piuttosto che per i singoli individui” Stanford University
  • Innovazione e Imprese Sociali (Aiccon – Venturi, Zandonai 2012 - Imprese sociali e innovazione sociale)
  • I principali campi di sviluppo dell’economia sociale • Sanità (assistenza domiciliare ai poliambulatori) • Green economy(efficientamento energetico, rinnovabili, biogas e biomasse) • Servizi pubblici (servizi idrici, trasporto, mobilità, gestione dei rifiuti, energetici) • Turismo (offerta inclusiva in forma cooperativa: turismo sostenibile, enogastronomia, offerta ricettiva, ecc) • Community Asset e Cooperative di Comunità 29
  • « quando il distacco fra bisogni sociali e i servizi offerti è troppo profondo si creano degli spazi per l’agire auto-organizzato di singoli o gruppi di persone..» (Young Foundation MULGAN 2006)
  • Giovani e Lavoro Rapporto Unioncamere • 675000 imprese giovanili (11% del tot) • (70.000 +10% saldo positivo ..contro +0,3% imprenditorialità) • Producono il 17,2% del PiL • Imprenditorialità straniera (18,2% del totale) • 13000 sono cooperative di giovani - 9,1% del tot. (+1200 saldo 2012 +12,2% tasso di crescita annuo)
  • n. 18 su 1078 sono società cooperative >> 1,67% 32 n.232 nei settori di attività dell'impresa sociale >> +16,6% rispetto al 24 giugno
  • Ciò che noi misuriamo influenza le nostre azioni. Se usiamo indicatori sbagliati, ci sforzeremo di raggiungere obiettivi altrettanto sbagliati. Joseph E. Stiglitz Premio Nobel per l'economia 2001
  • (II) Valore aggiunto dell’economia sociale VALORE ECONOMICO • VALORE SOCIALE VALORE CULTURALE VALORE ISTITUZIONALE apporto in termini di aumento (o non consumo) di ricchezza materiale, economica e finanziaria (investimento, risparmio), che una OTS produce attraverso la sua attività ” specifica. contributo specifico in termini di produzione di beni relazionali (dimensione relazionale interna) e creazione di capitale sociale (dimensione relazionale esterna). apporto specifico in termini di diffusione di valori (equità, tolleranza, solidarietà, mutualità), coerenti con la propria mission, nella comunità circostante apporto in termini di rafforzamento della sussidiarietà orizzontale, dei rapporti intraistituzionali e inter-istituzionali + Valore Ambientale • Capacità di valorizzare il cap. ambientale • Capacità di conservare il cap. ambientale
  • Politiche a valore aggiunto Politiche a maggiore valore aggiunto. Tali politiche si fondano su una concezione delle organizzazioni dell’economia sociale che considera la capacità di tali organizzazioni di generare sia valore strumentale – esse sono uno strumento importante per conseguire i fini che la società ritiene prioritari – sia espressivo – esse consentono alle persone di esprimere i valori, le identità e le motivazioni che orientano le opere. Ciò permette agli interventi di massimizzare non solo la dimensione produttiva ed economico-finanziaria delle organizzazioni, ma anche quella culturale, sociale ed istituzionale, con particolare riferimento alla produzione di beni relazionali.
  • Politiche a minor costo • Politiche a minore costo. In effetti la considerazione delle attività sia sotto il profilo strumentale che sotto quello espressivo, consente di definire interventi e modalità che massimizzano la capacità di soggetti di attivare risorse comunitarie(socializzare le risorse) , permettendo, fra le altre cose, di abbattere il costo economico nella erogazione di servizi di pubblica utilità. Va sottolineato che tale risparmio avviene laddove si riscontra maggiore imprenditorialità civile.
  • Politiche capacitanti • politiche capacitanti, intendendo con questo termine l’orientamento delle attività rispetto alla centralità della persona, teso non solo ad agire sulla sua condizione di vita ma cercando di migliorare le sue «capability» ossia le reali alternative di scelta possedute dai cittadini per migliorare il proprio ben-essere (Amarthia Sen)
  • «Non a scopo di lucro, non imprenditoriale, non governativo sono tutte definizioni negative, ed è impossibile definire qualcosa dicendo ciò che non è. Cosa fanno, dunque, tutte queste istituzioni? Innanzitutto, ed è una scoperta recente, hanno in comune l’obiettivo di “cambiare” gli esseri umani: il prodotto di un ospedale è un paziente curato, quello dell’Esercito della Salvezza, l’unica organizzazione che raggiunge i più poveri fra i poveri senza operare discriminazioni razziali o religiose, è un derelitto che finalmente diventa un cittadino. Il “prodotto” delle Girl Scouts è una donna matura che ha acquisito valori, capacità e rispetto per se stessa. …… Il nome più giusto per le Organizzazioni Non Profit sarebbe: istituzioni per il cambiamento umano. Peter Druker
  • Grazie! Paolo.venturi7@unibo.it @paoloventuri100