Ldb S.P.A.  20-06-2014 Pellegrini - archeologia sperimentale. la fusione del bronzo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Ldb S.P.A. 20-06-2014 Pellegrini - archeologia sperimentale. la fusione del bronzo

on

  • 98 views

 

Statistics

Views

Total Views
98
Views on SlideShare
98
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Ldb S.P.A.  20-06-2014 Pellegrini - archeologia sperimentale. la fusione del bronzo Ldb S.P.A. 20-06-2014 Pellegrini - archeologia sperimentale. la fusione del bronzo Presentation Transcript

  • Claudio Cavazzuti, Luca Pellegrini “La metallurgia nell’età del bronzo” Archeologia tra sperimentazione e divulgazione S.P.A. Smart Puglia Archaeology Centro Visite della Riserva di Torre Guaceto - Borgata Serranova-Carovigno (BR) 20 agosto 2014
  • Monte Loreto (GE) 3960-3670 BC cal.
  • S. Caterina di Fiesse (BS) Remedello (Bs) Età del Rame (3300 – 2300 a.C.) Villafranca Veronese (Vr) Alba (CN)
  • Età del Rame (3300-2300 a.C.) Necropoli di Rinaldone
  • L’importanza del ruolo degli armati Masso di Cemmo, Valcamonica (BS) Statua stele, Lunigiana (SP)
  • Un ritrovamento eccezionale: l’uomo del Similaun (3300 a.C. ca.)
  • La metallurgia in Europa: l’esempio di Varna (Bulgaria)
  • Baragalla (RE) Bronzo Antico (2300 – 1700 a.C.): i ripostigli Savignano sul Panaro (MO)
  • Bronzo Antico (2300 – 1700 a.C.): i ripostigli Fraore (PR) Castione de’Marchesi (PR)
  • Bronzo antico (2300 – 1700 a.C.) Prime spade, S. Iroxi di Decimoputzu (CA)
  • Evoluzione delle forme metallurgiche dall’eneolitico alla fine del Bronzo Antico (Carancini 1997)
  • Spilloni e pendagli da Viverone (BL) Abbigliamento di giovane basato sui materiali di Viverone (BL) Bronzo Medio (1700 – 1350 a.C.) Cavigliera da Cascina Chiappona (AL)
  • Varie tipologie di spilloni da Momperone (AL) Varie tipologie di spilloni dalle terramare Bronzo Medio (1700 – 1350 a.C.)
  • Rasoio da Viverone (BL) Varie forme di rasoi dalle terramare Pettinini dalle terramare Bronzo Medio (1700 – 1350 a.C.)
  • Asce da Viverone (BL) Falcetti dalle terramare Bronzo Medio (1700 – 1350 a.C.)
  • Spade e pugnali dalle terramare Elmo da Oggiono-Ello (CO) Punte di lancia dalle terramare Spade dal Nord Italia Bronzo Medio (1700 – 1350 a.C.)
  • Sepolture e spade da Olmo di Nogara (VR) Spade da S Giulia e dal Monte Cimone (MO) Bronzo Medio (1700 – 1350 a.C.)
  • Bronzo Medio: lavorazione dell’oro Dischi aurei da Borgo Panigale (BO) Disco aureo da Redù (MO) Dischi d’oro decorati a sbalzo, Gualdo Tadino (PG) “Carro solare” di Trundholm (Danimarca)
  • Evoluzione delle forme metallurgiche nel Bronzo Medio (Carancini 1997)
  • Pila del Brancon (Vr) Spade deposte in vari punti del fiume Po Bronzo Recente (1350 – 1150 a.C.) Disco di Nebra (Sassonia, Germania)
  • Spilloni, fibule e rasoi dalle terramare Ornamenti da corredi di tombe del castelliere di Monte Orcino (Slovenia) Bronzo Recente (1350 – 1150 a.C.)
  • Asce, falcetti e scalpello dalle terramare Coltello e asce da varie località trentine Bronzo Recente (1350 – 1150 a.C.)
  • Spade da varie località della pianura Padana Coltelli, pugnali, punta di lancia, punta di freccia dalle terramare Bronzo Recente (1350 – 1150 a.C.)
  • Evoluzione delle forme metallurgiche nel Bronzo Recente (Carancini 1997)
  • Bronzo Finale (1150 – 950 a.C.)
  • Bronzo Finale (1150 – 950 a.C.)
  • Materiali da Castellace (RC) Bronzo Finale (1150 – 950 a.C.)
  • Ripostiglio di Coste del Marano (VT) Bronzo Finale (1150 – 950 a.C.)
  • Puglia e Basilicata Grotta Manaccora (FG) Trinitapoli (FG) Toppo Daguzzo (PZ) Parco dei Monaci (MT)
  • Grotta Manaccora (FG) Trinitapoli (FG) Coppa Nevigata (FG) Toppo Daguzzo (PZ)
  • Toppo Daguzzo (PZ)
  • Grotta Manaccora (FG) Coppa Nevigata (FG) Roca Vecchia (LE)
  • Roca Vecchia (LE) San Ferdinando di Puglia (FG)
  • Roca Vecchia (LE) Roca Vecchia (LE)
  • Roca Vecchia (LE)
  • Distribuzione dei principali giacimenti di rame e stagno in Europa
  • Strumenti minerari preistorici
  • Rame Nativo (Cu) Rame nativo : Cu
  • Ossido di Rame: Cuprite (Cu2O)
  • Carbonati di Rame: Malachite e Azzurrite Azzurrite Cu3(CO3)2(OH)2 Malachite Cu2(CO3)(OH)2
  • Solfuro di Rame: Calcopirite (CuFeS2)
  • Ossido di stagno: Cassiterite (SnO)
  • Forni per l’estrazione
  • Complesso fusorio di Acquafredda, Passo del Redebus (TN) Foto, pianta e prospetto della struttura in muratura a secco contenente i forni fusori della fine dell’età del bronzo
  • Ox-hide ingots Panelle: piani discoidali a sezione piano convessa Circolazione del metallo
  • Relitto di Uluburun (Turchia, BR) 354 lingotti di Cu (10 t) 40 lingotti di Sn con Pb + avorio, ambra, vetro, oro, argento, ostriche, olio, profumi, armi (centroeuropee), etc.
  • Relitto di Capo Gelidonya (Turchia, BR) Circa 1 tonnellata di Cu (ox-hide e panelle spesso segnate con un simbolo di “proprietà”) + strumenti da lavoro (crogioli, martelli, scalpelli, palette, etc.) + pesi fenici etc.
  • Scambi Possibili elementi di bilancia dalle terramare
  • Pesi lenticolari Pesi con appiccagnolo
  • Fossa di fusione: Montale Rangone (MO)
  • Fossa di fusione: Montale Rangone (MO)
  • A B A B 1 metro US 650 Montale Scavo 1999 US 650 fossa di fusione N 57 cm 20 cm Fossa di fusione: Montale Rangone (MO)
  • Fossa di fusione: Castellaro del Vho (VR) Sezione della struttura fusoria ES 471
  • Ugelli e soffiatoi
  • 91 Castione dei Marchesi (PR), 92 Montale Rangone (MO), 93 Rovere (PC) Ugelli e soffiatoi Montale Rangone (MO)
  • Raffigurazioni su vasi attici Mantici
  • Mantici Raffigurazioni egizie
  • Crogioli Gaggio (MO) Buscoldo di Curtatone (MN) Montale Rangone (MO)
  • Crogioli Crogioli rinvenuti in area trentina
  • Forme di fusione : Oggetti da lavoro Asce FalcettoScalpelli
  • Forme di fusione : Armi Spade
  • Pugnali Spada corta Forme di fusione : Armi
  • Forme di fusione : Armi Punte di freccia Lancia
  • Forme di fusione : Oggetti di ornamento e per la cura della persona Borchie, pettinini e pendagli
  • Forme di fusione : Oggetti di ornamento e per la cura della persona Rasoio Spilloni
  • Forme di fusione in ceramica Forma di fusione in terracotta dalla terramara di Gaggio
  • Fasi della ricerca sperimentale
  • Ipotesi Ricerca bibliografica, studio dei manufatti o ecofatti originali Ricostruzione dell’apparato strumentale secondo modelli attestati archeologicamente Prove e risultati sperimentali Discussione e conclusioni Cfr. Etnografici Cfr. con altri risultati sperimentai pubblicati
  • Archeologia sperimentale: forme di fusione
  • Le forme di fusione • Che pietra veniva utilizzata? • Era diversificata per classi di oggetti? • Qual era il bacino di approvvigionamento? • Quali strumenti potevano essere utilizzati per la lavorazione della pietra e la produzione di forme di fusione? • Qual è la durata media di una forma di fusione in pietra? • Perché ne sono state trovate così poche rispetto al grande quantitativo di bronzi?
  • Le forme di fusione 1. Analisi petrografica e mineralogica dei pezzi originali per determinare il litotipo. 1 mm
  • Le forme di fusione 2. Ricerca bibliografica (carte geologiche) e ricognizione di superficie per reperire gli affioramenti nella zona di riferimento. Campionamento e verifica della compatibilità con il litotipo originale.
  • Le forme di fusione 3. Ricostruzione delle forme con strumenti ricostruiti (report dei tempi di lavorazione), con l’aiuto di tecnici esperti (es. scalpellini).
  • Le forme di fusione 4. Verifica nel tempo del numero di utilizzi possibili della forma. Calcolo della “energy expenditure” (Tainter 1980): Tempo+Materiale+Lavoro = “valore” + + =
  • Grazie dell’attenzione!