Ldb S.P.A. 13-06-2014 martinoni - fundraising per la cultura e l'archeologia

1,159 views
1,076 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,159
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
203
Actions
Shares
0
Downloads
19
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ldb S.P.A. 13-06-2014 martinoni - fundraising per la cultura e l'archeologia

  1. 1. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   1   Fundraising per la cultura Strategie di sostenibilità per le organizzazioni che operano nel settore dell’archeologia SMART PUGLIA ARCHAEOLOGY Brindisi, 13 giugno 2014 MARIANNA MARTINONI
  2. 2. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Prima di cominciare… CulturaLab      
  3. 3. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   FUNDRAISING È… É  un’a"vità  strategica  di   reperimento  di  risorse     finanziare  (denaro)   materiali  (beni  e  servizi)   umane  (tempo,  collaborazioni,   know  how)   volte  a  garan%re  la  sostenibilità     di  un’organizzazione  non  profit  e  a   promuovere  il  suo  sviluppo   costante  nel  tempo.  
  4. 4. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Fundraising  per  la  cultura:     ma  si  può  fare  davvero?   4
  5. 5. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   5   ITALIA: potenzialità e limiti Progressiva e costante diminuzione dei finanziamenti pubblici per le arti, la cultura e i beni culturali. Aumento delle organizzazioni culturali italiane che hanno sentito l’esigenza di trovare nuove forme di sostegno (realtà diverse tra loro per regime di proprietà e gestione, localizzazione geografica, settore di attività e tipologia)     ProgePo  fotografico  di  denuncia  contro  i  tagli  alla  cutlura,  realizzata  dal  musicista   Stefano  Buldrini  con  colleghi  professori  d’orchestra  
  6. 6. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   IL PESO ECONOMICO DELLA CULTURA   La   cultura   e   in   par%colare   il   sistema   delle   industrie  culturali  e  crea7ve     -­‐  fruPa   al   Paese   il   5,4%   del   Pil   sul   2011   (quasi   75   miliardi   di   euro),   5,8%   nel   2012   -­‐  dà  lavoro  a  1.4  milioni  di  persone    (5,6%  del  totale  degli  occupa%)     Estendendo  il  calcolo  dal  sistema  produYvo   culturale   privato   anche   a   quello   della   pubblica  amministrazione  e  del  no  profit,  il   valore   aggiunto   della   cultura   arriva   a   80,8   miliardi,  pari  al  5,8%  dell'economia     D A T I :   R A P P O R T O     S Y M O B O L A   UNIONCAMERE  2012/2013    
  7. 7. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Secondo  l’ul%mo  Censimento  Istat,  in  Italia  sono  54.163   (anno  2011)  le  organizzazioni  non  profit  che  si  occupano   esclusivamente  di  aYvità  culturali  ed  ar%s%che  e  possono   contare  sul  contributo  di  più  di  800.000  volontari.    
  8. 8. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   ITALIANI E CULTURA: ULTIMI DATI FEDERCULTURE Nel  2013   -­‐  39  italiani  su  100  non  hanno  partecipato  ad  alcuna  aYvità   culturale  (crisi  o  non  crisi,    il  dato  cresce  del  3,7%  sul  2012)     -­‐  aumentano  del  3%  gli  italiani  che  non  leggono  nemmeno  un   libro  l'anno     -­‐  l'indice  di  partecipazione  culturale  degli  italiani  è  pari  all'8%   (  =  8  italiani  su  100  prendono  parte  assiduamente  ad  aYvità   culturali).  In  Europa  sono  il  18%,  in  Svezia  il  43%       -­‐  il  3%  dei  musei  italiani  ha  applicazioni  per  smartphone  e   tablet,  il  6%  audioguide  per  la  visita,  il  13%  un  catalogo  online       Rapporto  Federculture   2013  
  9. 9. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   IL PANORAMA IN CUI CI MUOVIAMO Con   3.609   Musei,   5.000   si%   culturali,   46.025   beni   architePonici   vincola%,   12.609   biblioteche,   34.000   luoghi   di   spePacolo,  47  si%  UNESCO,  13  En%  Lirici,   5 4 . 1 6 3   o n p   c h e   s i   o c c u p a n o   esclusivamente   di   aYvità   culturali   ed   ar%s%che   (Istat   2011)   l’Italia   è   uno   dei   paesi   europei   che   investe   meno   in   cultura.    
  10. 10. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   8,4 8 3 1,8 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Contributi dello Stato alla Cultura in Europa in miliardi di euro, 2010 Francia Germania Gran Bretagna Italia Nel 2013 il finanziamento alla cultura in Italia è stata pari al 0,20% del PIL (in Francia è dell’1%). IL CONTESTO TAGLI  =   conseguenza  di   CRESCENTE   MARGINALITA’   DELLA  CULTURA  nel   tessuto  della  società   e  dell’economia   italiana    
  11. 11. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   11 2.399 2.708 2.479 2.584 2.405 2.408 2.227 2.230 2.116 1.808 2.102 2.241 2.115 2.116 2.197 2.201 1.860 1.987 1.719 1.425 1.687 1.547 1.937 1.795 n.d. n.d. 2.037 1.710 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Consuntivo Previsionale Il  bilancio  del  MiBAC  (milioni  di  euro)      Fonte:  da%  MiBAC     Cosa  è  cambiato   Il  budget  del  Ministero  dei  Beni  Culturali  è  calato  di  quasi  un  miliardo   di  euro  in  dieci  anni  (scendendo  a  1,5  miliardi,  lo  0,20%  del  bilancio   dello  Stato).       Per  il  triennio  2014-­‐2016  il  bilancio  del  Mibact  calerà  ancora,  arriverà   a  1,4  miliardi  (e  dovrà  occuparsi  anche  di  turismo).      
  12. 12. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   FUNDRAISING NEL SETTORE CULTURALE: UN PRIMO CONFRONTO PAESI ANGLOSASSONI (USA, UK, Australia, Canada) per le istituzioni culturali (trust o charity) attività fortemente diffusa, condotta in modo professionale, con risorse umane dedicate (aree) con investimenti importanti per l’implementazione, attraverso sensibilizzazione di tutti i “mercati” e grande trasparenza produce notevoli entrate (spesso decisive per raggiungere condizioni di efficienza e di eccellenza qualitativa) =   ITALIA attività ancora poco diffusa nel settore culturale condotta in modo discontinuo e scarsamente professionale, limitato ad occasioni ben definite (sponsorizzazioni per manifestazioni temporanee o tecniche) non percepito come funzione strategica per l’organizzazione ostacoli burocratici molto forti prevale il modello pubblico apporto ancora marginale rispetto ai finanziamenti pubblici di fatto sempre meno disponibili =  
  13. 13. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014     Megginson  parafrasando  Charles  Darwin   ‘Lessons  from  Europe  for  American  Business’  (Megginson  in  Southwestern  Social  Science  Quarterly,  1963,  p4)   13 …  “  non  è  la  più  intellePuale   delle  specie  che  sopravvive,  non   è  la  più  forte  che  sopravvive,  ma   la  specie  che  sopravvive  è  quella   che  è  in  grado  di  meglio   adaXarsi  al  mutabile  ambiente   in  cui  esso  si  trova”…   Quindi?  
  14. 14. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   La  cultura  se  vista  in  un’o"ca  “leisure  and  pleisure”  è   un  bisogno  marginale  che  non  può  che  cedere  il  passo   al  welfare.   Solo  se  il  problema  viene  riformulato  e  la  cultura  (i   beni  e  l’elaborazione  di  pensiero)  viene  messa  al   centro  di  un  progePo  di  sviluppo  in  cui  le  diverse  par%   possano  iden%ficarsi,  le  risorse  si  possono  trovare.     E  oggi  si  iniziano  finalmente  a  comprendere  i  legami   decisivi  tra  patrimonio,  produzione,  partecipazione   culturale  e  dimensioni  chiave  del  funzionamento  della   nostra  economia  e  della  nostra  società:   dall’innovazione  al  welfare,  dalla  sostenibilità  alla   coesione  sociale,  «su  cui  si  gioca  in  ul%ma  analisi  la   nostra  stabilità  macroeconomica  e  is%tuzionale».     CaXerina  Seia,  dalla  prefazione  al  X  Rapporto  Sponsor  del   Giornale  dell’Arte,  novembre  2011     ADATTAMENTO E CAMBIO DI PROSPETTIVA  
  15. 15. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Il   fundraising   è   fruPo   di   un’AZIONE   SOCIALE   E   COLLETTIVA   tesa   a   creare   un   BENEFICIO   PERCEPIBILE   da   una   intera   comunità,   di   un   gruppo   umano,   di   un   territorio         Per  questo  il  suo  successo  dipende  molto   da   quanto   l’organizzazione   culturale   partecipa  alla  soddisfazione  dei  BISOGNI   di  una  determinata  comunità   Le  organizzazioni  culturali  e  ar%s%che   dovranno  sempre  più   -­‐  essere  in  grado  di  analizzare  i   propri  valori  e  la  loro  importanza   per  l'intera  comunità,     -­‐  dimostrare  quali  risulta7   economici  e  sociali  sono  in  grado   di  generare  con  il  proprio  operato   (sviluppo  individuale  e  comunitario,   miglioramento  di  coesione  sociale,   del  livello  di  istruzione,  ad  elevare   benessere  e  la  qualità  della  vita,   aPraYvità  dei  territori)   DIMOSTRARE L’IMPATTO SULLA COMUNITA’  
  16. 16. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Il   fundraising   dipende   in   modo   direPo   dall’esistenza  o  meno  di  un  SISTEMA  di   RELAZIONI   SOCIALI   tra   l’organizzazione   culturale   e   il   suo   ambiente   di   riferimento  (comunità  locale  o  comunità   di  interesse)         Alla   base   di   una   buona   strategia   di   fundraising  ci  sono  una  buona  strategia   di   COMUNICAZIONE   e   una   aPenzione   massima   a   PUBBLCIHE   RELAZIONI   e   PROCESSI   PARTECIPATIVI   lega%   all’organizzazione  culturale   NO COMMUNITY, NO FUNDING  
  17. 17. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Il  fundraising  si  fonda  su  un  PROGETTO   DI   SVILUPPO   dell’organizzazione   culturale   e   delle   sue   aYvità   e   ha   un   valore   strategico   per   il   raggiungimento   della  mission  dell’organizzazione     E ’   s t r e P a m e n t e   l e g a t o   a l l a   PIANIFICAZIONE   STRATEGICA   e   alla   PROGRAMMAZIONE   A   MEDIO   LUNGO   TERMINE   DALL’EMERGENZA ALL’UFFICIO SVILUPPO  
  18. 18. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   18   ü Progressiva  diminuzione  e  crescente   indisponibilità  delle  fon%  di   finanziamento  pubbliche   ü Aumento  delle  organizzazioni  aYve   nel  campo  del  fundraising  in  sePori   diversi  (socio-­‐sanitario,  cooperazione,   cultura,  ambiente,  università,  poli%ca,   ecc.)   ü Ingresso  in  campo  di  nuovi  finanziatori   (imprese,  priva%  ciPadini,  fondazioni)   Ü   Necessità  di  mol%plicare  numero  e  %pologia   dei  potenziali  finanziatori,  ridurre   dipendenza  da  unica  fonte  di  entrate   Ü   Necessità  di  differenziarsi  rispePo  ad  altre   organizzazioni  (piani    fundraising  struPura%,   mirate  poli%che  comunicazione  e  marke%ng)   Ü   Necessità  di  adoPare  modalità  di   coinvolgimento  sempre  più  personalizzate  e   a  misura  di  obieYvo   CAMBIAMENTI E “RESILIENZA”
  19. 19. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   DIMINUZIONE   DEL  SOSTEGNO   PUBBLICO  AL   PATRIMONIO,   ALLE  ARTI  E  ALLE   ATTIVITA’   CULTURALI   NECESSITA’  DI   UN  NUOVO   APPROCCIO   PIU’   MANAGERIALE   E  MENO   BUROCRATICO   PIU’  RICAVI  =     MAGGIORE  EFFICACIA  NEI   CONFRONTI  DELLA  DOMANDA  =     +  MARKETING   MENO  COSTI    =    MAGGIORE  EFFICIENZA   GESTIONALE    =   +  MANAGEMENT  E   ACCOUNTABILITY   COINVOLGIMENTO  DI  NUOVE   CATEGORIE  DI  SOSTENITORI     =     +  FUNDRAISING  
  20. 20. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Altre prospettive En7   Pubblici     Individui/ Persone   fisiche   Imprese   Fondazioni   di   erogazione     Esistono  4  grandi   categorie  all’interno  delle   quali  possiamo   raggruppare  eventuali   fon%  di  finanziamento   per  le  organizzazioni  non   profit,  defini%   “merca%”della  raccolta   fondi  
  21. 21. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   QUALI ORGANIZZAZIONI SONO PRONTE A FARE FUNDRAISING ?  
  22. 22. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   FUNDRAISING: PROCESSO DI CRESCITA 6.  REVISIONE  DEL  CICLO   5.VALUTAZIONE  RISULTATI   Valutazione  economica  e  del  potenziale,  fidelizzazione   4.  IMPLEMENTAZIONE   Monitoraggio  e  management,  ges%one  aspeY  finanziari,  contabili,  fiscali   3.  PROGETTAZIONE  E  PIANIFICAZIONE   Definizione  piano  di  fr,  progePazione  singole  aYvità,  scelta  strumen%  di  raccolta  fondi,  piano  di  comunicazione   2.  ANALISI  DELL’ORGANIZZAZIONE   Analisi  interna(SWOT,  capitale  relazionale,  composizione  dei   fondi)   Analisi  esterna  (SWOT  e  PEST,  compe%tor,  soggeY  pubblici  e   priva%,  definizione  dei  target  del  fr)   1.  AVVIO  DELLA  STRATEGIA  DI  FUNDRAISING   Comitato  di  Fr,  Buona  Causa,  Individuazione  di  ostacoli  e  resistenze  interne,  people  raising,  formazione  dei  volontari,  formazione   dello  staff  di  fundraising    
  23. 23. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   AMBITI DI APPLICAZIONE DEL FUNDRAISING 1.  Finanziamento  dell’org.  culturale  in   sé  e/o  di  servizi  e  struPure  che   hanno  con%nuità  nel  tempo  (edifici/ uffici  e  loro  alles%mento,   conservazione,  servizi,   strumentazioni,  ecc.)   2.  Sostegno  alla  realizzazione  di   singole  inizia%ve  o  progeY  specifici   (mostra,  evento,  corso  di   formazione,  indagine,  aYvità  per  le   scuole,  ecc.)   3.  Sostegno  a  nuove  organizzazioni   I  principali  ambi%  di  applicazione  del  fundraising  sono  LEGATI  ai  DIVERSI  FABBISOGNI   ECONOMICI  dell’ORGANIZZAZIONE  CULTURALE   Ø  ANNUAL  FUNDRAISING  (donazioni  legate   al  raggiungimento  delle  finalità  generali   dell’org.,  azioni  con  donatori  già  acquisi% +  acquisizione  nuovi  donatori)   Ø  FUNDRAISING  DI   PROGETTO(finanziamen%  per  realizzare   progeY,  specifiche  inizia%ve,  campagne   straordinarie)   Ø  CAPITAL  FUNDRASING  (campagne  di   capitali,  si  parte  da  soci  o  partner   dell’organizzazione)  
  24. 24. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Risorse  da  reperire   Economiche   Individuare  il   fabbisogno   economico  annaiel,   triennale….   In  natura   Individuare  le   risorse  più  u%li  al   progePo   quan%ficandone  il   valore  economico     (materiali,   prestazioni  d’opera   a  %tolo  gratuito,   uscite  sui  media,   servizi  di  grafica,   stampa  materiale…)   Visibilità   Individuare  tuY  i   possibili   abbinamen%  del  onp   o  del  progePo    ad   even%  e  inizia%ve   varie     (abbinamento  ad   even%  locali,  invi%  a   presentare  il   progePo,  diffusione   materiali  insieme  a   mailing  di  altri  en%,   redazionali  gratui%,   disponibilità  ad   essere  tes%monial   ContaY   In  ogni  occasione  è   importante  cercare   di  raccogliere   nomina%vi  per  il   database  dell’ONP     Giornalis%,  poli%ci,   funzionari  en%   pubblici,  club   service  locali,   persone  facoltose   legate  alla  Causa,   professionis%,   persone  che   ges%scono  tan%   contaY….   Tempo   Il  tempo  dei   volontari  ha  un   valore  economico   per  l’ONP:  verificare   in  modo  par%colare   chi  ha  volglia  di   aiutare  nella   raccolta  fondi  o  che   mePono  a   disposizione  le   proprie  competenze  
  25. 25. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   PRIMA DEL FUNDRAISING La scelta di adottare strategie di fundraising da parte di un’organizzazione culturale comporta una disponibilità e un’apertura ad affrontare una serie di azioni piuttosto complesse quali: ü  Apporto di profondi cambiamenti a livello di organizzazione interna (forma giuridica e risorse umane), di strategie di comunicazione e di coinvolgimento del pubblico; ü  Analisi dell’organizzazione stessa e il contesto in cui si muove, i propri stakeholder, i pubblici di riferimento reali e potenziali; ü  Pianificazione costante di tutte le attività; ü  Messa a fuoco dell’identità e dei valori alla base dell’operare dell’organizzazione. ü  Impegno costante nel migliorare la credibilità (immagine e reputazione) e l’efficienza dell’organizzazione ü  Impegno costante nel comunicare con la massima trasparenza le proprie modalità di gestione ed uso delle risorse ricevute, oltre che i progetti e le iniziative realizzati e i risultati raggiunti.
  26. 26. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014       FUNDRAISING    =    capacità  dell’organizzazione  di  costruire  e   mantenere  nel  tempo  relazioni  di  fiducia     SOSTENITORE   COMUNICAZIONE   DIALOGO  E  CONDIVISIONE   MISSIONE   COINVOLGIMENTO   DONATORE   SODDISFAZIONE  DEI   BISOGNI  DEL  DONATORE   CREAZIONE  LEGAME  DI   FIDUCIA  
  27. 27. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   MISSION   OBIETTIVO   STRATEGICO  1   Obie"vo   opera7vo  1   AZIONE   AZIONE   Obie"vo   opera7vo  2   AZIONE   AZIONE   OBETIIVO   STRATEGICO  2   Obie"vo   opera7vo  3   AZIONE   AZIONE   Obie"vo   opera7vo  4   AZIONE   AZIONE   IL GRAPPOLO DEL FUNDRAISING:
  28. 28. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Regione   Imprese  fredde   Ar7s7   Orchestrali   En7  Pubblici   Network  nazionali  ed   internazionali   Dipenden7/collaboratori   Associazioni   Università   Banche  e  Fondazioni  Bancarie   Associazioni  di  categoria   Imprese  calde   SpePatori  non  abbona%   CDA   Studi  associa%   Fornitori   ORT   Famiglie   Abbona7   Scuole  e  insegnan7   Sindaca%   Fondazioni  d’Impresa   Professionis%   Media   LA  MAPPA  RELAZIONALE   Clien%  (teatri/comuni)   Amici   Partner  del  teatro  
  29. 29. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   POTENZIALITÀ DEL FUNDRAISING Il fundraising così inteso diventa sempre più un processo di crescita e presa di coscienza per le organizzazioni culturali, che comporta alcuni profondi cambiamenti e la scelta di destinare risorse finanziarie e umane per la sua implementazione, ma che è potenzialmente in grado di determinare in un arco di tempo medio lungo: ð  Sostenibilità dell’organizzazione ð  Fattibilità delle iniziative ð  Crescita del ruolo sociale dell’ente ð  Crescita della notorietà e “posizionamento di marca” ð  Maggiore credibilità ð  Maggiore possibilità di accesso ai media ð  Maggiori occasioni di networking e partnership con altre organizzazioni non profit ð  Maggiore sensibilità da parte del pubblico ð  Crescita del numero di volontari
  30. 30. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Decisione  condivisa  da   parte   dell’organizzazione-­‐   urgenza   Disponibilità  a  inves%re   in  risorse  umane,   tecniche  e  organizza%ve   per  la  realizzazione  del   fundraising   “Buona  Causa”  per  cui   raccogliere  fondi   QUANDO COMINCIARE A FARE FUNDRAISING
  31. 31. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   I  TEMPI  DEL  FUNDRAISING     Dallo  start  up  alla  maturità   FASE  DI  START  UP   Fase    durata  dai  2  ai  3   anni   Si  mePono  a  punto   degli  strumen%  di  base   FASE  DI  CONSOLIDAMENTO   Fase  in  cui  si  iniziano  a   mePere  in  campo   strategie  più  innova%ve   FASE  DI  MATURITA’  DEL   FUNDRAISING   Fase  della  maturità     31  
  32. 32. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   FUNDRAISING   ProgePazione   strategica   Comunicazione   e  relazioni   pubbliche     Produzione   (aYvità,   inizia%ve,   servizi)   Management   delle  risorse   chiave   Promozione  
  33. 33. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   IL  LAVORO  DEL  FUNDRAISER   25   50   75   100   0   PRIMA   Analisi  organizzazione   Pianificazione   Analisi  di  Mercato       DURANTE   Implementazione   Esecuzione  del  lavoro   DOPO   Fidelizzazione   Ringraziamento   Valutazione  dei  risulta%   VALORE  IN  TERMINI  DI  TEMPO   Linea  del   Fundraiser   preparato   Linea  del   Fundraiser   improvvisato  
  34. 34. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014    Coinvolgere  i  priva%  ciPadini.     Realtà  o  miraggio?     34
  35. 35. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   35 Fonte DOXA per il FAI, 2013   Coinvolgere  i  ciXadini  
  36. 36. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Da  cosa  parte  la  donazione?    Le  ricerche  tes%moniano  la   diminuzione  anno  dopo  anno   della  quota  di  coloro  che   elargiscono  in  modo   spontaneo,  senza  subire  alcun   condizionamento  esterno            Al  contrario  cresce  l’incidenza   percentuale  delle  donazioni   eterodireXe,  ossia  derivan%  da   molteplici  s%moli  esterni:  spePacoli   televisivi,  sollecitazioni  postali,   inizia%ve  di  vendita  di  oggeY  a   scopo  benefico,  vendite  di  piazza,   ecc.     Insomma,  il  donatore  sembra  essere  tale  in  quanto  subisce  influssi  ambientali  e   sopraPuPo  per  effePo  delle  campagne  di  sensibilizzazione  portate  avan%  dalla   grandi  organizzazioni  non  profit.    
  37. 37. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Perché  si  dona?   In  relazione  alla  frequenza  e  al  contesto  in  cui  vengono  effePuate,  le  donazioni   vengono  ricondoPe  dagli  stessi  donatori  a  tre  7pologie  principali:     1.  Donazioni  emergenziali:     sono  la  risposta  ad  un   evento  dramma7co  e   improvviso  e  nascono  dalla   partecipazione  ad  una   mobilitazione    colleYva  in   cui  la  mo%vazione  di  fondo  è   di  %po  emozionale.   2.  Donazioni  occasionali:   comprendono  adesioni  a   raccolte  di  fondi  promosse  da   trasmissioni  televisive  e   l’acquisto  di  prodoY  a   bancheY.     In  ques%  casi  la  donazione  nasce   come  risposta  spontanea  a  uno   s7molo  esterno  non   programmato  e  può  rimanere   un  gesto  isolato,  senza  tradursi   in  un  sostegno  durevole   all’associazione.   3.  Donazioni  abitudinarie:                           sono  considerate  le  “vere   donazioni”  in  quanto  nascono   da  una  scelta  meditata  e  da   una  relazione  di  fiducia   consolidata  con  le  ONP  a  cui   si  offre  il  proprio  contributo   con  regolarità.  
  38. 38. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Atto di carità verso i deboli, i poveri, i bisognosi: •  è il vissuto dominante nelle donazioni a favore di organizzazioni di carattere sociale-umanitario (in particolare quelle di natura religiosa). Atto di solidarietà verso chi è vittima di ingiustizie: •  è la versione laica dell’atto di carità e si rivolge in prevalenza alle organizzazioni pacifiste e di intervento ospedaliero che operano in Paesi devastati dalla guerra. Contributo alla soluzione di un problema: •  è un significato che si ritrova soprattutto nel supporto offerto alle associazioni che operano nel campo della ricerca medicoscientifica. Gesto di impegno civile e sociale: •  è un significato che si ritrova nel supporto offerto alle associazioni che operano per la protezione dell’ambiente o per la difesa del patrimonio culturale e artistico. DONAZIONI: MOTIVAZIONI E TIPOLOGIE Significati principali che può assumere l’atto di donazione:
  39. 39. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014  
  40. 40. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Come  scelgono  i  donatori  priva7?   ü NOTORIETÁ   a  cui  concorrono  la  visibilità  sui  grandi  mezzi  di  comunicazione,  la  presenza  sul  territorio  e   la  storicità  della  ONP.       ü VICINANZA  E  LA  POSSIBILITÀ  DI  CONTROLLO/VERIFICA   personale  del  loro  operato,  questo  vale  in  par%colar  modo  per  le  organizzazioni  che   operano  al  livello  locale     ü DIMENSIONI  DELL’ORGANIZZAZIONE   a.  Sostegno  a  grandi  organizzazioni  che  offrono  una  garanzia  di  solidità  e  di  sicurezza  e   appaiono  in  grado  di  ges%re  con  maggiore  efficacia  progeY  “importan%”.     b.  Preferenza  per  le  piccole  organizzazioni  nella  convinzione  che  aPraverso  di  loro  arrivi  a   des%nazione  una  parte  più  rilevante  dei  fondi  e  che  siano  caraPerizzate  da  una   maggiore  impegno  e  dedizione  alla  causa  (grandi  dimensioni  come  sinonimo  di   burocrazia  e  di  possibile  spreco  delle  risorse).    
  41. 41. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Le  5  richieste  dei  donatori  priva7  alle  ONP   1.  maggiore  visibilità  e  accessibilità  per  farsi   conoscere,  per  dare  visibilità  al  proprio  operato   e  al  modo  in  cui  intendono  ges%re  i  progeY;   2.  informazione  chiara  e  dePagliata  sui  risulta7   oPenu%  e  sui  proge"  futuri;   3.  trasparenza  sulla  ges%one  per  documentare  in   modo  rigoroso  come  sono  sta%  spesi  i  fondi   raccol%;   4.  concretezza  ovvero  impegno  su  proge"  precisi   e  non  generici;   5.  competenza  e  professionalità  sul  piano  della   ges%one,  dell’organizzazione  e  della   comunicazione.     Le  esperienze  di  successo,   oramai  numerose  anche   nel  nostro  paese,   dimostrano  che   coinvolgimento,   informazione  e   trasparenza  nell’u7lizzo   dei  fondi  raccol7  sono  le   chiavi  per  mantenere  il   rapporto  con  il  donatore  e   farlo  crescere  nel  tempo.    
  42. 42. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   NON PER TUTTE LE ATTIVITÀ È SENSATO E GIUSTO RACCOGLIERE FONDI LA RACCOLTA FONDI HA UN SENSO QUANDO DIETRO DI ESSA VI SONO OBIETTIVI, ESPERIENZE, RISULTATI GIÀ RAGGIUNTI O RAGIONEVOLMENTE POSSIBILI IL CUI CONSEGUIMENTO PUÒ RENDERE CHI SI LASCIA COINVOLGERE PIÙ RICCO DI ESPERIENZA, PIÙ CONSAPEVOLE, PIÙ APERTO E SENSIBILE A CIÒ CHE È ALTRO DA SÉ.
  43. 43. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Il Fund Raising comincia da un rapporto di fiducia. E’ una questione relazionale A  chi  donereste  dei  fondi?        
  44. 44. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Esercitazione  
  45. 45. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Il  fundraising  è  MATEMATICA   (KNOWLEDGE  +  ENGAGEMENT)  TIME  =  COMMITMENT   COMMITMENT  +  CAPACITY  =  GIFT*       ovvero   L’impegno  al  dono  da  parte  di  un  donatore  è  dato  dalla  CONOSCENZA  che  una  ONP   ha  di  quest’ul%mo  sommata  al  di  lui  GRADO  DI  COINVOLGIMENTO  alla  causa  stessa.   Il  tuPo  va  mol%plicato  per  il  TEMPO  MEDIO  che  quest’ul%mo  la  persona  impegna  al   suo  interno  o  a  promuoverla.     La  risultante  della  sommatoria  di  impegno  e  CAPACITA’  è  il  DONO.     Il  dono,  di  conseguenza,  sarà  tanto  più  grande  quanto  più  grandi  saranno  impegno  e   capacità  inves%te**     *Beth  Ann  Locke  (@FundraiserBeth)  Math  for  Fundraisers  **  E.  Zanella  
  46. 46. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Voi a chi donereste dei fondi? ü  Museo  di  arte  contemporanea   ü  Ong  che  si  occupa  di  interven%   sanitari  in  Africa   ü  Biblioteca     ü  Piccola  associazione  che  fa   volontariato  in  ospedale   ü  Scuola   ü  Onlus  che  si  occupa  di  bambini   disabili   ü  Teatro   ü  Ong  che  fa  cooperazione   internazionale  e  microcredito   nei  PVS   ü  Orchestra  sinfonica   ü  Fondazione  che  finanzia   ricerca  sul  cancro  
  47. 47. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   E così? A chi donereste? ü  Museo  dove  andate  fin  da  piccoli  che   lancia  una  campagna  di  membership  e  vi   fa  sen%re  sempre  “a  casa  vostra”   ü  Ong  che  si  occupa  di  interven%  sanitari  in   Africa   ü  Biblioteca  del  vostro  quar%ere  con   servizio  di  BIBLIOBUS  per  portare  l’amore   per  la  lePura  anche  dove  non  ci  sono   biblioteche   ü  Piccola  associazione  che  fa  volontariato   in  ospedale   ü  Scuola  dei  vostri  figli/nipo%  che  raccoglie   per  un  giardino  più  verde  dove  far   giocare  i  bambini   ü  Onlus  che  si  occupa  di  bambini  disabili   ü  Piccolo  teatro  in  cui  recitano  i  vostri   amici  e  che  raccoglie  fondi  per  dare   borse  di  studio  e  far  fare  teatro  ad   adolescen%  a  rischio   ü  Ong  che  fa  cooperazione  internazionale  e   microcredito  nei  PVS   ü  Orchestra  sinfonica  con  campagna   adoPa  un  futuro  primo  violino   ü  Fondazione  che  finanzia  ricerca  sul   cancro  
  48. 48. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Ragioni per cui si dona •  Il  donatore  ha  consapevolezza  che  esiste  la  necessità  di  sostenere   progeY  in  questo  sePore   •  Il  donatore  ha  la  sensazione  che  si  può  fare  la  differenza   •  L’en%tà  della  donazione  è  una  percentuale  rela%va  del  reddito  che   ha  a  disposizione   •  Il  donatore  possiede  valori  altruis%ci  o  pro-­‐sociali   •  Il  donatore  ha  un  desiderio  di  riconoscimento  sociale     •  Il  donatore  conosce  i  benefici  psicologici  lega%  al  dare     •  Il  donatore  è  stato  sollecitato  e  nel  modo  giusto   48  
  49. 49. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Perché sostenere le arti e la cultura? 5  mo%vazioni  principali  per  le  persone  fisiche     1.  AffePo  per  una  par%colare  forma  d'arte   2.  Opportunità  di  interagire  con  gli  ar%s%  e  le  organizzazioni   culturali   3.  Interazione  sociale   4.  Pres%gio     5.  Ar%  e  cultura  come  strumento  efficace  per  trasformare  le   comunità     Assicuratevi  di  capire  la  mo7vazione  di     ciascun  donatore.   49  
  50. 50. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Ragioni per cui non si dona •  51%  -­‐  non  piace  come  viene  faPa  la  richiesta  di  contribu%   •  48%    -­‐  si  percepisce  che  il  contributo  non  sarà  u%lizzato  in  modo  efficiente   •  47%  -­‐  si  preferisce  spendere  i  loro  soldi  in  altri  modi   •  47%    -­‐  si  vuole  risparmiare  i  soldi  per  le  proprie  esigenze  future   •  39%    -­‐  si  ha  già  dato  abbastanza  direPamente  a  chi  ha  bisogno   •  30%    -­‐  si  preferisce  donare  tempo  come  volontario,  invece  di  denaro   •  11%  -­‐  è  stato  difficile  trovare  una  causa  meritevole  di  sostegno   •  7%    -­‐  non  si  sa  come/dove  dare  un  contributo.       Hill  Strategies  Research  Inc.,  January  2004  Research  series  on  the  arts,  Vol.  2  No.  2     50  
  51. 51. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   IL “PARADOSSO” Campagna  di  raccolta  fondi  di  Fondazione  CiXaItalia  2009     § ESISTE UNA DIVERSA PROPENSIONE DEI POTENZIALI DONATORI NEI CONFRONTI DELLE CAUSE SOCIALI PIUTTOSTO CHE CULTURALI § Cause culturali ancora ritenute dal donatore potenziale medio ATTIVITÁ ELITARIE che interessano soprattutto i ceti sociali a più alto reddito § Assai tiepida disponibilità da parte del singolo cittadino a donare per il suo mantenimento o la sua valorizzazione. § Scarsa sensibilità al sostegno alle organizzazioni che si occupano di arti contemporanee o di produzioni artistica nel campo delle arti performative, di sostegno ai talenti, progettualità delle nuove “classi creative”, innovazione o di riqualificazione dei territori.
  52. 52. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   PRIVATI CITTADINI. DONARE SI PUÒ? Fonte:  lndagine  Centro  Studi  e  Ricerche  G.  Imperatori  –  Unicab,  2009   Il fundraising per la cultura non deve essere inteso solo come “colletta” per il sostegno di una singola istituzione culturale, piuttosto che per la salvaguardia di un dato bene storico artistico. Contro un pregiudizio di elitarietà che la cultura si porta dietro nel nostro Paese la chiave è la partecipazione, il legame con la comunità, la trasparenza
  53. 53. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   IL SEGRETO? COINVOLGERE! Il cittadino deve essere coinvolto in prima persona sui temi come: –  conservazione del nostro patrimonio –  sostegno ai talenti, alle progettualità delle nuove “classi creative” –  innovazione –  riqualificazione dei territori. The  Na%onal  Trust  Anuual  report  2007/2008  
  54. 54. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   54 Il  cambiamento  necessario   Il fundraising per la cultura non deve essere inteso solo come “colletta” per il sostegno di una singola istituzione culturale, piuttosto che per la salvaguardia di un dato bene storico artistico. Contro un pregiudizio di elitarietà che la cultura si porta dietro nel nostro Paese la chiave è la partecipazione, il legame con la comunità, la trasparenza
  55. 55. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014       FUNDRAISING    =    capacità  dell’organizzazione  di  costruire  e   mantenere  nel  tempo  relazioni  di  fiducia     SOSTENITORE   COMUNICAZIONE   DIALOGO  E  CONDIVISIONE   MISSIONE   COINVOLGIMENTO   DONATORE   SODDISFAZIONE  DEI   BISOGNI  DEL  DONATORE   CREAZIONE  LEGAME  DI   FIDUCIA  
  56. 56. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   56   Merca7  e   Strumen7:  come   coinvolgere  i   ciXadini     § Programmi  di  fidelizzazione/ membership   per   gli   “amici”   dell’organizzazione  culturale   § Campagne  di  Crowdfunding   § Even%  speciali   § Campagne  Mailing     § Grandi  donazioni   § Campagne  Lasci%   § Payroll  giving   §   5  per  mille    
  57. 57. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Come  li  trovo/   chi  coinvolgo?   •  Mappa  delle  relazioni   dell’organizzazione   •  Abbona%/frequentatori  fedeli   •  Appassiona%  del  sePore   •  Persone  che  già  donano  ad  altre   organizzazioni  culturali   •  …     57   hPp://www.iosostengoilpiccolo.it/   CONOSCI  I  TUOI  DONATORI   E’  importante  inves%re  del  tempo  nel   conoscere  i  propri  donatori,   piuPosto  che  sprecarlo  scrivendo   cen%naia  di  lePere.     Informa%  sui  tuoi  grandi  donatori.        
  58. 58. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Programma di membership Il  coinvolgimento  dei  ciPadini,  ancora  limitato   rispePo  a  quanto  accade  nel  mondo   anglosassone,  viene  aPuato  aPraverso   programmi  di  membership    strumento  più  diffuso   tra  quelli  funzionali  alla  ricerca  di  canali  di   finanziamento       Un  programma  di  membership  può  presentare   poli7che  più  o  meno  struXurate,  con  forme  e   livelli  di  associazioni  variabili,  con  rela%ve  quote   associa7ve  e  corrisponden%  categorie  di  benefit   ar%colate  e  diversificate.       Molto  diffuse  le  associazioni  “Amici  di  …”  che  in   alcuni  casi  affiancano  l’organizzazione  culturale   anche  nell’aYvità  di  raccolta  fondi       Creare  uno  schema  di   membership  offre  dei   vantaggi     -­‐   TANGIBILI  (aumento  entrate   e  soci)     -­‐   INTANGIBILI  (occasioni  di   advocacy,  crescita   dell’audience  e  pubbliche   relazioni  ed  altri  elemen%  di   cooperazione  e  partnership)    
  59. 59. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Mecena7  e  “grandi  donatori”     (Patrons,  major  giss)   Per  grandi  donazioni  si  intendono  donazioni  di  en%tà  estremamente   rilevante   o   donazioni   “importan%”   effePuate   periodicamente   per   numerosi   anni   che   rappresentano   una   entrata   considerevole   per   l’organizzazione   non   profit.   Di   solito   sono   effePuate   da   parte   di   donatori   abbien%   (anche   aPraverso   lasci%)   o   da   figure   poli%che   ed   imprenditoriali  di  spicco.       Le  caraPeris%che  che  ritroviamo  sono  fondamentalmente  due:     -­‐   la   possibilità   di   lasciare   un   segno   nel   lungo   termine   (di   solito   aPraverso  la  possibilità  di  nominare  un  luogo  o  una  stanza)       -­‐  la  possibilità  di  essere  coinvol7  nel  cuore  della  produzione  culturale   e  delle  scelte  dell’organizzazione.     In   entrambi   i   casi   la   grande   donazione   viene   a   premiare   in   modo   consono  un  impegno  cospicuo  da  parte  di  un  individuo  garantendo  il   riconoscimento  pubblico  e  il  coinvolgimento  del  donatore.  
  60. 60. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Mecenati, Patrons: Major gifts Molte   grandi   is%tuzioni   offrono   tra   i   vari   livelli   di   membership   alcuni   modelli   di   coinvolgimento   centra%   sulla   donazione   più   consistente  al  fine  di  creare  un  differenziale  nella  partecipazione   di  persone  più  facoltose  al  sostegno  delle  is%tuzioni.   Molto  spesso  una  organizzazione  non  profit  che  deve  affrontare   spese   straordinarie   o   sostenere   progeY   par%colarmente   impegna%vi   può   lanciare   una   campagna   per   grandi   donazioni   presso  i  suoi  sostenitori  più  abbien%.   •  Un  caso  di  studio  eccellente  è  rappresentato  dalla  Tate.        Per  acquisire  fondi  des%na%  alla  creazione  della  Tate  Gallery  of  Modern  Arts  la   Tate  nel  1999  adoPò  un  modello  americano  di  raccolta  fondi,  come  una  sorta   di  piramide  delle  donazioni.  Gli  sforzi  maggiori  si  sono  spesi  nell’oPenere  le   maggiori  “donazioni  di  rappresentanza”  a  par%re  da  1  milione  di  sterline  in  su.      Queste  grandi  donazioni  vengono  sollecitate  offrendola  possibilità  di  aPribuire   un  nome  ad  alcuni  spazi  della  nuova  galleria  
  61. 61. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Mecena7,  Patrons:  Major  giss   Quello   dei   grandi   donatori   è   un   mercato   molto   par%colare   che   richiede   un   accurato   processo   di   iden%ficazione,   coinvolgimento   e   richiesta   che   può   richiedere  anni.     Il   processo   di   ricerca   e   iden%ficazione   dei   prospect   assume  rilevanza  strategica.       Tanto  più  grande  è  l’obieYvo  finanziario  tanto  più  è   personalizzato  l’approccio  al  donatore:  è  necessario   costruire  e  mantenere  una  relazione  di  %po  personale   (one  to  one)  e  una  lunga  preparazione  del  donatore   prima  della  richiesta  di  donazione.   I   donatori   vogliono   misurare   l’impaPo   del   loro   contributo   e   del   sostegno   ad   un   progePo   specifico   (donazioni  finalizzate  a  un  progePo).  
  62. 62. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Campagne lasciti Lasci%   e   testamen%   possono   rappresentare   una   importante   risorsa   per   l'organizzazione   non   profit,   una   risorsa   capace   di   garan%re   lo   sviluppo   dell'aYvità   is%tuzionale  nel  medio-­‐lungo  termine.     Si   parla   di   Campagna   lasci%   e   testamen%   (Legacy   Campaign)  quando  si  lancia  una  campagna  finalizzata  ad   informare  e  favorire  la  donazione  aPraverso  un  lascito.     La   campagna   fornisce   alle   persone   interessate   tuPe   le   informazioni   necessarie   per   donare   ad   una   organizzazione   non   profit   all’interno   del   proprio   testamento.     Diverse  organizzazioni  accePano  lasci%  di  diversa  natura:   denaro,   azioni,   %toli,   assicurazioni,   altri   valori   deposita%   in  banca,  proprietà  mobili  ed  immobili,  opere  d’arte  ed   altro.  
  63. 63. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Direct mailing Spedizione  di  lePere  ad  un  indirizzario  (data  base)  di   donatori  o  potenziali  donatori,  per  sollecitare  il   rinnovo  della  donazione,  acquisire  nuovi  membri  o   donatori,  promuovere  una                                                                                                                             nuova  campagna  di  raccolta  fondi,  segnalare   un’emergenza.              Molto  spesso  al  mailing  viene  affiancata  una   newslePer  ed  altre  informazioni  rela%ve  ai  progeY   dell’organizzazione  ed  ovviamente  una  richiesta  di   tesseramento  o  di  donazione.    
  64. 64. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Eventi di fundraising Gli  obieYvi  che  un  evento  speciale  consente  di  conseguire  sono:   ü sensibilizzare  un  vasto  pubblico  o  un  pubblico  specifico  alla  causa   dell’organizzazione  o  a  un  progePo  in  par%colare;   ü raccogliere  fondi;   ü espandere  la  rete  dei  donatori;   ü aumentare  la  notorietà  dell’organizzazione;   ü reclutare  volontari;   ü festeggiare  una  ricorrenza;   ü lanciare  una  nuova  inizia%va;   ü accreditarsi  presso  le  is%tuzioni.   Gli  even%  speciali  sono  inizia7ve  di  varia  natura,  indirizzate  a  diversi   pubblici,   con   lo   scopo   di   raccogliere   fondi   per   inizia7ve   di   u7lità   sociale.   Un   evento   speciale   è   un’operazione   a   caraXere   straordinario   e   puntuale   all’interno   della   strategia   di   raccolta   fondi   che   si   concre%zza   in   un   tempo   e   in   un   luogo   specifici   e   consente   di   raccogliere  fondi  in  virtù  dell’evento  stesso.    
  65. 65. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014       ESISTE UNA VARIETÀ INFINITA DI EVENTI §  spePacoli  teatrali   §  concer%   §  mostre   §  aste  off  e  on  line     §  even%  spor%vi   §  cene,  pranzi,  cocktail   §  manifestazioni  di  piazza   §  maratone  televisive   §  convegni,  seminari   §  anteprime  cinematografiche   §  feste  di  gala   §  LoPerie   §  Sfilate   §  open  day     FAI qualcosa a … UNA VISITA, UNA FESTA, UN FILM, UNA CENA, UN CONCERTO, UNO SPETTACOLO, UNA MOSTRA … SONO TANTE LE OPPORTUNITÀ OFFERTE DAGLI SPLENDIDI BENI FAI. SCOPRI TUTTI I CONSIGLI E LE INFORMAZIONI PER UTILIZZARLI AL MEGLIO.
  66. 66. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   ü  Il  crowdfunding  (lePeralmente   finanziamento  da  parte  della  folla)  è  il   processo  di  finanziamento  collabora%vo   tramite  cui  un  grande  numero  di   persone  ripongono  la  propria  fiducia   versando  somme  di  denaro,  piccole  o   grandi  per  supportare  progeY,   inizia%ve  o  start-­‐up,  sfruPando  le   opportunità  offerte  da  internet  per   coordinare  e  aggregare  ampi  numeri  di   persone  che  condividono  stessi   interessi,  passioni,  esigenze,  problemi.   •  Il  termine  viene  generalmente   riferito  a  campagne  di  raccolta  fondi   gesBte  aCraverso  il  web,  volte  a   supportare,  in  vari  modi,  par%colari   progeY  o  organizzazioni.   CROWDFUNDING
  67. 67. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   FUNDRAISING E CROWDFUNDING FUNDRAISING   Il  fundraising  è  strategia:  quell’insieme   di  aYvità  aPe  a  garan%re  la  sostenibilità   di  un’organizzazione  non  profit  nel   lungo  periodo.  Scopo  primario  del   fundraising  è  la  costruzione  di  relazioni   complesse  in  cui  la  raccolta  fondi  è   l’aPo  finale.     CROWDFUNDING     Il  crowdfunding  è  un  canale  di  raccolta   fondi  a  disposizione  del  professionista  e   la  piaPaforma  è  lo  strumento  aPraverso   il  quale  questa  si  aPua.   NB:  Crowdfunding  e  fundraising  non  sono  sinonimi.    
  68. 68. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   DIMENSIONI DEL FENOMENO   Oggi  si  contano  41  piaPaforme  di   crowdfunding     (Fonte:  Da%  Analisi  delle  PiaPaforme   di  Crowdfunding  -­‐  Italian   crowdfunding  network,  oPobre  2013)   Nato  nel  mondo  anglosassone  e  in   par%colare  negli  USA,  il  fenomeno  è  giunto   rapidamente  in  Italia  grazie  alle  cosiddePe   piaPaforme  di  crowdfunding,  ovvero  di  quei   si%  che  facilitano  l’incontro  tra  la  domanda   di  finanziamen%  e  l’offerta  di  denaro  da   parte  dei  potenziali  donatori.     Reso  possibile  dal  dilagare  del  SOCIAL   NETWORK  
  69. 69. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   REWARD  BASED  (modello  prevalente)   Le  persone  che  effePuano  una  donazione   per  un  progePo  ricevono  in  cambio  da  chi  ha   chiesto  il  finanziamento  un  “premio”  che   può  essere  materiale  (preordine  del   prodoPo)  o  immateriale  (ringraziamento).   SOCIAL  LENDING   Sono  piaPaforme  aPraverso  le  quali   avvengono  pres%%  peer-­‐to-­‐peer,  transazioni   di  denaro  tra  priva%  che  avvengono  senza   l’intermediazione  delle  tradizionali  is%tuzioni   finanziarie.   4 modelli di piattaforma DONATION  BASED  (2°modello  prevalente)   PiaPaforme  che  propongono  progeY   sostenu%  da  donatori  per  mo%vi  filantropici   o  di  sponsorizzazione.  Le  donazioni  sono  a   fondo  perduto,  non  è  previsto  alcun  %po  di   ritorno  materiale  per  il  donatore.  Sono  le   piaPaforme  più  u%lizzate  nel  mondo  del  non   profit   EQUITY  BASED   PiaPaforme  u%lizzate  per  finanziare  progeY   imprenditoriali.  Il  finanziatore  che  investe  il   proprio  capitale  acquista  azioni  dell’impresa,   che  cos%tuisce  così  il  proprio  capitale   aPraverso  l’aggregazione  di  un  azionariato   diffuso.   Fonte:  Analisi  delle  PiaXaforme  Italiane  di  Crowdfunding  di  D.Castrataro  e  I.  Pais,  OXobre  2013  
  70. 70. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Numeri  del  crowdfunding  italiano   Fonte:  Analisi  delle  PiaXaforme  Italiane  di  Crowdfunding  di  D.Castrataro  e  I.  Pais,  OXobre  2013  
  71. 71. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Numeri  del  crowdfunding  italiano   •  In  Italia  il  valore  complessivo  dei  proge"   finanzia7  aXraverso  le  piaXaforme   intervistate  è  pari  a  quasi  23  milioni  di   euro,  di  cui  più  di  11  milioni  sono  sta%   raccol%  negli  ul%mi  dodici  mesi  (oPobre   2012-­‐oPobre  2013)   •  Nel  2012  a  livello  mondiale  sono  sta%   raccol%  2,7  miliardi  di  dollari  aPraverso   piaPaforme  di  crowdfunding  e  si  s%ma  il   raddoppio  (5,1  miliardi)  nel  2013.     •  In  Europa  nel  2012  sono  sta%  raccol%  945   milioni  di  dollari  e  considerando  anche   l’equity,  i  progeY  pubblica%  nel  2012  sono   sta%  470mila(da%  Massolu%on).     Fonte:  Analisi  delle  PiaXaforme  Italiane  di  Crowdfunding  di  D.Castrataro  e  I.  Pais,  OXobre  2013  
  72. 72. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   5 regole per il successo 1.  Vanno  propos%  progePo  molto  finalizza7  e  con  obie"vi  specifici  in  grado  di  raggiungere  un   impaPo  verificabile  e  non  cause  sociali  generali  (obieYvi  economici  ragionevoli  tra  5.000  e   10.000  euro  commisurare  l’obieYvo  da  raggiungere).   2.  Va  preparata  una  buona  presentazione  del  progePo:  breve,  efficace,  interessante,  originale.  Il   potenziale  donatore  ha  poco  tempo  per  ascoltare  e  leggere  la  proposta,  e  lo  fa  in  un  posto   dove  ci  sono  già  mol%  compe%tor.   3.  Al  donatore  va  assicurato  un  chiaro  beneficio  in  cambio  della  sua  donazione  (non  per  forza   materiale,  anche  immateriale  o  simbolica  ma  ci  deve  essere).     4.  Si  deve  garan%re  un  o"mo  lavoro  di  networking  coinvolgendo  tuPe  le  re%  sociali  alle  quali   l’organizzazione  e  i  suoi  membri  partecipano  (re%  parentali,  amicali,  di  interesse,  di  svago…)   ONLINE  (sociale  network)  e  OFFLINE:  tuPe  vanno  poi  portate  sulla  piaPaforma.  Le  re%  sociali   se  adeguatamente  sollecitate  possono  portare  all’organizzazione  nuovi  contaY  inaspePa%.     5.  Per  il  crowdfunding  vale  il  principio  “persone  donano  alle  persone”:  la  proposta  avrà  maggiore   successo  se  ci  mePete  la  faccia,  se  vi  spendete  in  prima  persona  nell’appello,  STORY  TELLING  
  73. 73. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   “Tous Mécènes!”: campagna di crowdfunding per la Nike di Samotracia Quando:  SePembre  2013   Dove:    Louvre   Cosa:    campagna  pubblica  denominata   “TuY  Mecena%”     Per  cosa:  per  la  raccolta  di  fondi  da  des%nare   al  restauro  della  celeberrima  Nike  Alata.     ObieYvo:  1  milione  di  euro  (raggiunto   all’inizio  del  2014)   Donazioni  da  6.700  persone  da  tuPo  il   mondo     73  
  74. 74. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Un  passo  per  San  Luca   Un  passo  per  San  Luca  è   l'inizia%va  di  crowdfunding,  a   cura  di  GINGER  -­‐  Ges%one  Idee   Nuove  e  Geniali  in  Emilia  e   promossa  dal  Comune  di  Bologna   e  dal  Comitato  per  il  restauro  del   Por7co  di  San  Luca,  da  poco   lanciata  per  finanziare  i  lavori  di   tutela  dello  storico  luogo  che   conduce  al  santuario  della   Madonna  di  San  Luca  sul  Colle   della  Guardia  (a  sud-­‐ovest  del   centro  storico  della  ciPà).     74  
  75. 75. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Campagna "member get member" •  Metodo   di   promozione   e   raccolta   fondi   che   consiste   nel   coinvolgere   membri   già   a"vi   nell’organizzazione   (spesso   aPraverso   incen%vi)   nel  reclutamento  di  altri  membri.     •  I   membri   aYvi   fungono   da   tes%monial   e   da   supporto  per  la  raccolta  fondi  e  il  coinvolgimento   di  nuovi  individui.     •  È   un   metodo   u%lizzato   anche   per   allargare   la   propria  base  di  soci  o  volontari.  
  76. 76. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Payroll  giving  o  “Give  as  you  earn”   I  dipenden%  di  un’impresa  donano  ogni  mese  una  piccola   quota  del  loro  s%pendio,  con  un  semplice  prelievo   automa%co  dalla  busta  paga   Questo  meccanismo  accresce  lo  spirito  di  gruppo,  di   collaborazione  fra  i  dipenden%  e  il  senso  di  appartenenza   all’azienda.   In  par%colare  in  Gran  Bretagna  questo  sistema  di  donazioni  è   stato   supportato   offrendo   incen%vi   fiscali   e   sostegno   amministra%vo   alle   imprese   che   promuovono   questo   schema  presso  i  proprio  lavoratori.     Vantaggi  per  le  organizzazioni  non  profit:     -­‐supporto  a  lungo  termine  e  con%nua%vo     -­‐  sgravi  fiscali  che  permePono  all’ente  di  u%lizzare  a  pieno  la   cifra  ricevuta  in  donazione.     Forse   è   più   sen%to   verso   le   cause   sociali   che   verso   quelle   culturali.    
  77. 77. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Donazioni e incentivi fiscali Ulteriore   incen%vazione   delle   donazioni   private   a   favore   della   cultura   potrà   seguire  ai  recen%  sviluppi  nella  norma%va  fiscale  introdoY  in  seguito  :     Ü  all’approvazione   della   cosiddePa   legge   Più   dai   meno   versi,   che   aprirà   con   grande   probabilità   la   strada   ad   un   maggiore   coinvolgimento   dei   donatori   priva%  e  in  par%colar  modo  dei  cosiddeY  “grandi  donatori”.     Ü  Dalla  legge  introdoPa  nel  2006  e  confermata  anche  per  il  2009,  che  inserisce  la   possibilità  di  des%nare  il  5‰  dell’IRPEF  per  il  sostegno  anche  di  organizzazioni   che  operano  in  campo  culturale.     E’  fondamentale  essere  in  grado  di  fornire  ai  donatori  informazioni  puntuali  sulle   norma7ve  fiscali  e  contabili,  sulle  agevolazioni  fiscali  per  persone  fisiche      
  78. 78. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   “Più dai meno versi” – L.80/05 Il  testo  di  legge  80/05  rivoluziona  il  traPamento  fiscale  delle  donazioni  liberali  alle   organizzazioni  non  profit  (anche  quelle  che  operano  nel  sePore  culturale)  e  ne   libera  il  potenziale  di  crescita,  come  avviene  nel  resto  dei  Paesi  più  avanza%.     La   legge   per   la   defiscalizzazione   rende   le   donazioni   direXamente   deducibili   dal   reddito,  nel  limite  del  10%  del  reddito  complessivo  dichiarato,  e  comunque  nella   misura  massima  di  70.000  euro  annui.     In  questo  modo  non  si  pagano  più  imposte  sulle  donazioni  effePuate  e  si  incen%va  la   crescita   delle   erogazioni   liberali   all’intero   non   profit   italiano:   la   deducibilità   direPa   dovrebbe   cos%tuire   un   forte   incen%vo   sopraPuPo   per   le   “grandi   donazioni”,  che  hanno  un  impaPo  significa%vo  nella  vita  delle  realtà  non  profit  e   che  potrebbero  cos%tuire  una  fonte  di  sostegno  assai  rilevante  anche  nel  nostro   Paese.  
  79. 79. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   “5 per mille” – L.266/05 La   legge   n.   266/2005   ha   previsto   che   il   ciPadino   possa   indirizzare  una  quota  dell’imposta  dovuta  allo  Stato  (pari  al   5‰  dell’IRPEF)  verso  le  organizzazioni  non  lucra%ve  operan%   anche  nei  sePori  della  tutela,  conservazione,  promozione  del   patrimonio  storico  ar%s%co  e  della  promozione  della  cultura,   laddove   iscriPe   nell’apposito   elenco   tenuto   dall’Agenzia   delle  Entrate.   Il   ciPadino   può   des%nare   il   5   per   mille   semplicemente   inserendo   il   codice   fiscale   dell’organizzazione   scelta   nell’apposito  spazio  del  CUD,  sul  modello  730  o  Unico  e   firmando   nel   riquadro   dedicato   alle   Associazioni   -­‐   “Sostegno   del   volontariato,   delle   organizzazioni   non   lucra7ve   di   u7lità   sociale,   delle   associazioni   di   promozione  sociale,  delle  associazioni  e  fondazioni”.  
  80. 80. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   80 Cultura  e  Aziende:     binomio  possibile?  
  81. 81. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   IMPRESE: EROGAZIONI LIBERALI (A)   L’ar%colo   38.   della   L.21   no   2000   n.342   stabilisce   la   TOTALE   DEDUCIBILITA’   delle   erogazioni   liberali   in   denaro   effePuate   da   soggeY   %tolari   di   reddito   di   impresa   a   favore   dello   STATO,   REGIONI,   ENTI   TERRITORIALI,   ENTI   O   ISTITUZIONI   PUBBLICHE,   FONDAZIONI   E   ASSOCIAZIONI   LEGALMENTE   RICONOSCIUTE,   per   lo   svolgimento   di   compi%   is%tuzionali   nei   sePori   dei   beni   culturali  e  dello  spePacolo.   Nel  2011  lieve  decremento  delle   erogazioni  liberali  da  parte  delle   imprese  e  degli  en%  commerciali,   28,67  milioni  di  euro,  -­‐10,91%   rispePo  al  2010     -­‐  40%  beni  e  aYvità  culturali/  60%   allo  spePacolo   -­‐  87,3  delle  risorse  des%nate  al   Nord,  10%  al  Centro,  2,1  %  al  Sud   Il  2005  è  l’anno  in  cui  si  è  raggiunto  il   picco  degli  aiu%  con  oltre  32  milioni  di   euro.    
  82. 82. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   IMPRESE: SPONSORIZZAZIONI (B)     Il  seXore  della  cultura  è  quello  che  ha   risen7to  maggiormente  la  crisi:   þ  -­‐26,7%  negli  ul%mi  due  anni  (-­‐9,6%   persi  nel  2012  e  -­‐8,3%  nel  2011)   þ  solo  l’11,6%  per  arte  e  cultura  nel   2012  (150  milioni  di  euro  inves%%)   þ  per  il  2013  previsto  ulteriore  –  6,4%*       Confronto  con:     -­‐  sport  (60,7%  con  782  milioni  di  euro)     -­‐  u7lità  sociale  e  solidarietà  (27,6%  con   356  milioni  di  euro),       Dras7ca  discesa  dovuta  a:   -­‐  minore  disponibilità  economica  delle   imprese   -­‐  scenario  di  incertezza     -­‐  calo  dell'intervento  pubblico  che   scoraggia  l'impegno  dei  priva%.   Le  sponsorizzazioni  private  des7nate  alla   cultura  diminuiscono  nel  2012  del  9,6%,   scendendo  a  quota  150  milioni  di  euro.  RispeXo   a  cinque  anni  fa  (2008)  le  sponsorizzazioni   culturali  crollano  del  42%.     258 221 181 166 150 0 50 100 150 200 250 300 2008 2009 2010 2011 2012 Le  sponsorizzazione  private  per  cultura  e  speXacolo  –  (milioni  di  euro)   Fonte:  elaborazione  Federculture  su  da%  ISTAT  
  83. 83. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Nella  maggior  parte  dei  casi  la  decisione  di  inves%re  in   cultura  da  parte  delle  imprese  scaturisce  più   dall’interesse  e  dalla  passione  individuale  dei  manager   piuPosto  che  da  una  precisa  strategia  territoriale   (rischio  di    precarietà  e  forte  variabilità  del  sostegno   privato  delle  imprese,  sopraPuPo  nel  caso  di  interven%   di  sostegno  episodici  e  non  ripetu%  nel  tempo).   INTERESSE PERSONALE O ELEMENTO DELLA STRATEGIA COMPETITIVA? Una   volta   compiuta   l’esperienza   competenze,   visione   strategica   e   lungimiranza   permePono  di  cogliere  le  potenzialità  della  cultura  (confronto  e  scambio  con  il  contesto   locale,   rispePo   delle   tradizioni   del   territorio   di   riferimento,   condivisione   e   coinvolgimento  direPo  dei  dipenden%  nei  progeY  culturali  dell’impresa  …)  e  le  possibili   ricadute   in   chiave   compe77va   (valorizzazione   del   brand,   ritorno   di   immagine   presso   pubblici   mira%,   consenso   sociale,   aumento   del   senso   di   appartenenza   da   parte   delle   risorse  interne,  ecc.).      
  84. 84. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Perché  le  aziende  for  profit  collaborano  con  le  ONP?   Fonte:  Ricerca  SDA  Bocconi  –  Mediafriends  onlus  2012   Quali  elemen7  hanno  orientato  la  scelta  dei  partner  da  parte  delle  imprese  
  85. 85. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Merca7  e   Strumen7:  come   coinvolgere  le   aziende     §   Sponsorship   §   Corporate  membership   §   Partnership   §    Coinvolgimento   esponen%   dell’impresa   in   organismi   ges%onali  dell'is%tuzione   §   Even%     §   CRM     85  
  86. 86. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Come  le  trovo/chi   coinvolgo?   •  Aziende  presen%  nella  mappa   delle  relazioni  dell’organizzazione   •  Fornitori   •  Aziende  del  territorio   •  Aziende  che  hanno  già  sostenuto   progeY  in  ambito  culturale   •  Aziende  che  hanno  un  legame  (di   prodoPo  o  di  brand)  con  il   progePo/i   •  Camera  di  Commercio   •  Guida  Monaci  –  Banca  da%  delle   imprese  del  Sistema  Italia   •  Si%  di  fiere  di  sePore   •  Si%  aziendali     •  Linkedin   •  ….   86  www.faiperleaziende.it/html/italiano/homepage.html   www.guggenheim-­‐intrapresae.it  
  87. 87. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   I  10  errori  da  non  fare  nell’approccio  con  le  imprese  profit:       Sulla  scelta  dei  partner:   1)  Non  fare  ricerche  di  mercato  (non  chiedere  sempre  ai  soli%  !!)   2)  Non  documentarsi  sulle  imprese  che  si  contaPano  (inves%re  tempo  in  questo  !!)   3)  Non  adoPare  “pensiero  laterale”  (non  proporre  sempre  le  stesse  cose,  proporre   “paccheY  mul%pli  di  progeY”)     Sulla  “ges7one”  dell’incontro:   1)  Non  studiare  le  strategie  e  gli  strumen%  di  comunicazione  dell’interlocutore     2)  Non  preparare  materiali  adegua%  per  gli  incontri   3)  Non  adoPare  un  linguaggio  adeguato  (sia  per  i  documen%  redaY  che  in  sede  di   colloquio)     Sull’aXeggiamento:   1)  Autoreferenzialità:  Noi  siamo  i  buoni,  voi  …   2)  Supporre  che  tuY  sappiano,  conoscano  …   3)  Non  sforzarsi  di  valutare  il  punto  di  vista  delle  imprese  for  profit   4)  Non  rendicontare,  non  fidelizzare,  non  presentare  risulta%  in  modo  oggeYvo     Elaborazione  da  Il  Sole24Ore  su  daR  ASSIF,  novembre  2013  
  88. 88. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   ART  BONUS     DECRETO-­‐LEGGE  31  maggio  2014,  n.  83     Disposizioni  urgen%  per  la  tutela  del   patrimonio  culturale,  lo  sviluppo  della   cultura  e  il  rilancio  del  turismo.  (14G00095)   (GU  n.125  del  31-­‐5-­‐2014  )   Entrata  in  vigore  del  provvedimento:   01/06/2014   Con  il  nuovo  Art  Bonus  sarà  infaY  detraibile   il  65%  delle  donazioni  che  le  singole   persone  e  le  imprese  faranno  in  favore  di   musei,  si%  archeologici,  archivi,  biblioteche,   teatri  e  fondazioni  lirico  sinfoniche.     88  
  89. 89. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014    FONDAZIONI DI EROGAZIONE
  90. 90. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   FONDAZIONI  DI  EROGAZIONE   Sono  organizzazioni  di  diriPo  privato  senza  finalità  di  lucro     che  perseguono  le  loro  finalità  erogando  contribu%,  di  norma  in  denaro,     ad  altre  organizzazioni  non  profit  o  a  singoli  individui.       SoggeY  quali  Fondazioni  bancarie  e  di  impresa  erogano  fondi  aPraverso  la   presentazione  di  progeY  e/o  la  partecipazione  a  bandi  in  essere.       ê     Oggi  cerchiamo  di  capire  come  individuare  quali  potrebbero  essere,  tra  le   necessità  dell’associazione,  i  proge"  più  idonei  ad  essere  finanzia7  aXraverso   queste  modalità.  
  91. 91. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Strumen7:   Fondazioni  di   erogazione   Fondazioni  bancarie   -­‐  Bandi   -­‐  ProgeY  esterni   -­‐  Coinvolgimento  in  progeY   delle  singole  fondazioni   Fondazioni  corporate   -­‐  Bandi   -­‐  Presentazione  su  call   -­‐  Coinvolgimento  in  progeY   delle  fondazioni     91  
  92. 92. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   Realtà  non  profit  nate  agli  inizi  degli  anni‘90  dalle  operazioni  di  conferimento   dell’azienda  bancaria  ai  sensi  della  Legge  Amato  (L.218/1990).     Sono  definite  –  dall’art.  2  del  D.  lgs.  153/99  –  “persone  giuridiche  private  senza   fini  di  lucro,  dotate  di  piena  autonomia  statutaria  e  ges%onale”.       Le  fondazioni  bancarie  operano  secondo  il  %pico  modello  delle  fondazioni  grant   making  (des%nando  ad  erogazioni  una  quota  dell’avanzo  di  esercizio  dopo  aver   assicurato  la  conservazione  del  valore  economico  del  patrimonio  e  l’assolvimento   degli  obblighi  previs%  dalla  legge  266/91  sul  volontariato).       In  par%colare  la  norma%va  che  regola  le  fondazioni  stabilisce  che  il  reddito   derivante  da  tale  patrimonio  debba  essere  des%nato,  dopo  una  serie  di   des%nazioni  obbligatorie  (spese  di  funzionamento,  oneri  fiscali  e  riserva   obbligatoria),  a  proge"  socialmente  u7li.     LE  FONDAZIONI  DI  ORIGINE  BANCARIA:  COSA  SONO    
  93. 93. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   LE  FONDAZIONI  BANCARIE  FINANZIANO  PROGETTI,    MA  NON  AGISCONO  COME  UNA  BANCA     La  legge  assegna  alle  Fondazioni  la  missione  di  perseguire  scopi:   Ü   perseguimento  dell’u7lità  sociale     Ü   promozione  dello  sviluppo  economico   operando   in   rapporto   prevalente   con   il   territorio   di   riferimento   e   indirizzando  la  propria  aYvità  nell’ambito  dei  seXori  ammessi.     Tali   scopi   si   esplicitano   aPraverso   il   sostegno   economico-­‐finanziario   ad   aYvità   e   progeY   promossi   da   organizzazioni   non   profit   e   da   is7tuzioni   pubbliche.     LE  FONDAZIONI  DI  ORIGINE  BANCARIA:  MISSION  
  94. 94. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014    Tale  patrimonio  è  suddiviso  tra  realtà  molto  differen%  tra  loro  per  dimensioni  e   modalità   di   intervento   sul   territorio,   ed   è   concentrato   per   circa   la   metà   nelle   prime  cinque  Fondazioni.      Le  più  importan%  sono:     1.  Fondazione  Cariplo   2.  Fondazione  Monte  dei  Paschi  di  Siena   3.  Compagnia  di  San  Paolo   4.  Fondazione  Cassa  di  Risparmio  di  Verona  Vicenza  Belluno  e  Ancona   5.  Fondazione  Cassa  di  Risparmio  di  Torino   LE  FONDAZIONI  DI  ORIGINE  BANCARIA:     QUALE  PATRIMONIO  GESTISCONO   PATRIMONIO CONTABILE COMPLESSIVO AL 31/12/2012 42,2 MILIARDI DI EURO
  95. 95. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   SONO  88  così  suddivise  per   regione     distribuite  sul  territorio  in  modo   non  uniforme     Inizialmente  erano  89*,  di  cui:   –  82  originate  da  Casse  di   Risparmio   –  6  da  Is%tu%  di  credito  di   diriPo  pubblico   –  1  da  un  Monte  di  credito   su  pegno       LE  FONDAZIONI  DI  ORIGINE  BANCARIA:     DOVE  SI  TROVANO   *Nel corso del 2004, in seguito a un processo di aggregazione che ha interessato due di esse, sono diventate 88. 12 2 6 2 3 19 3 11 6 8 5 4 2 2 1 1 1 NORD   47   CENTRO   30   SUD  E  ISOLE   11  
  96. 96. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   COME  TROVARLE   hPp://www.acri.it/3_fond/3_fond0010.asp  
  97. 97. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   MODALITÀ  TRADIZIONALI  DI  INTERVENTO     E  NUOVE  TENDENZE  IN  ATTO   • Progressivo  affinamento  delle  modalità   di  intervento:   → diminuzione  degli  interven%  a  pioggia  –   progressivo  abbandono  poli%ca  della   microerogazione   → orientamento  a  concentrare  sempre   più  le  risorse  su  inizia%ve  importanB  e  di   maggior  impaPo  sociale  per  il  territorio  di   riferimento   → processo  di  pianificazione  più  ar%colato   -­‐  orizzonte  temporale  pluriennale   → nuovi  strumen%  per  la  programmazione   dell aYvità  is%tuzionale   → propensione  verso  una  media   specializzazione  sePoriale   • Proiezione localistica e tendenza a destinare le erogazioni alla regione di appartenenza (80,6 % degli importi) • Forte vocazione nei confronti della tutela e dello sviluppo del patrimonio artistico e culturale (erogazioni al settore culturale in costante crescita nel corso di quindici anni di attività) • Forte concentrazione delle risorse su interventi di rilevante dimensione (quasi 50% delle risorse > 500 mila euro).
  98. 98. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   SETTORI “RILEVANTI” ü  Dall’analisi  dei  DOCUMENTI  DI  INDIRIZZO    della  fondazione  a  cui   intendiamo  rivolgerci  possiamo  capire  come  opera   ü  I  SETTORI  RILEVANTI  sono  quei  sePori  nei  quali  i  consiglieri  di  indirizzo   ritengono  sia  più  opportuno  erogare  le  risorse  a  disposizione,  per   aumentare  il  bene  comune  in  un  dato  territorio   ü  NON  POSSONO  ESSERE  +  DI  5   ü  All’interno  dei  sePori  rilevan%  può  esserci  differenza  tra     §  SETTORI  RILEVANTI  e     §  ALTRI  SETTORI  
  99. 99. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   SETTORI DI INTERVENTO, SETTORI “AMMESSI” 11. protezione dei consumatori 12. protezione civile 13. salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa 14. attività sportiva 15. prevenzione e recupero delle tossicodipendenze 16. patologie e disturbi psichici e mentali 17. ricerca scientifica e tecnologica 18. protezione e qualità ambientale 19. arte, attività e beni culturali 20. realizzazione di lavori pubblici o di pubblica utilità 1. famiglia  e  valori  connessi   2. crescita  e  formazione  giovanile   3. educazione,  istruzione  e  formazione,   incluso  l acquisto  di  prodoY  editoriali  per   la  scuola   4. volontariato,  filantropia  e  beneficenza   5. religione  e  sviluppo  spirituale   6. assistenza  agli  anziani   7. diriY  civili   8. prevenzione  della  criminalità  e  sicurezza   pubblica   9. sicurezza  alimentare  e  agricoltura  di   qualità   10.   sviluppo  locale  ed  edilizia  popolare   locale     In  tuPo  la  norma%va  prevede  i  seguen%  20  sePori  “ammessi”:  ques%  ul%mi  sono  gli  ambi7  di   intervento  esclusivi  nei  quali  le  Fondazioni  possono  operare,  e  coprono  un  ventaglio  ampio  ed   eterogeneo  di  tema%che  e  aYvità  appartenen%  alla  sfera  sociale.    
  100. 100. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014    I  SETTORI  DI  INTERVENTO   Fonte:  Acri,  2010   Fonte:  ACRI  2011     1° posto nella graduatoria degli interventi delle Fondazioni: 335,4 milioni di euro erogati 9.179 interventi (rispetto al 2010: 18,8% in meno negli importi e 4,7% in meno nel numero di iniziative).
  101. 101. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   FONDAZIONI BANCARIE: UN IMPEGNO COSTANTE PER LA CULTURA Il settore Arte e Cultura rappresenta di fatto quello a cui già a partire dal primo anno di attività delle fondazioni sono state indirizzate le risorse più ingenti. Considerando il totale delle erogazioni, la % destinata ad Arte e Cultura rappresenta, a seconda degli anni, dal 27% al 36% delle risorse complessive. Gli altri settori, e in particolare istruzione e assistenza sociale, seguono ma con significativo distacco. Finanziamen7  al  seXore  arte  e  cultura  anni  1993-­‐  2012   Fonte:  nostra  elaborazione  su  da7  Acri  
  102. 102. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   L’intervento delle fondazioni nel settore dell’Arte e attività culturali si rivolge a diversi filoni di attività: FONTE: ACRI 2010 SETTORE ARTE E ATTIVITÀ, BENI CULTURALI: FILONI DI ATTIVITÀ •  29,5  %  Conservazione  e  valorizzazione  dei   beni  architeXonici  e  archeologici:  interven%   che  puntano  ad  accrescere  fruibilità  delle   struPure,  rides%nazione  d’uso  di  edifici   storici  nei  centri  urbani,  recupero  di   tes%monianze  minori  in  forte  degrado  al  di   fuori  dei  centri  urbani   •  21,3%  Inizia7ve  a  sostegno  di  produzioni   ar7s7che  e  leXerarie  (musica,  teatro,   balleXo,  leXeratura,  cinema):  2.344   interven%  a  sostegno  di  is%tuzioni  stabili   (en%  lirici  e  teatri  stabili)  e   sovvenzionamento  di  rappresentazioni  e   concorsi.     •  17,3%  A"vità  culturali  e  ar7s7che  non   classificate:  molteplicità  di  inizia%ve  sia   tradizionali,  sia  a%piche  e  innova%ve     •  7,2%  A"vità  museali  :  sostegno  sia  a  musei   già  esisten%,  sia    a  nuove  realtà  esposi%ve   volte  ad  arricchire  l’offerta  culturale  del   territorio  di  riferimento   •  5,3%  Ar7  visive  alles%mento  di  mostre   temporanee,  interven%  di  restauro  di  opere   piPoriche  e  di  sculture.   •  2,8%  Biblioteche  e  archivi:  sostegno  ad   aYvità  di  censimento,  catalogazione  e   sistemi  di  archiviazione,  con  par%colare   aPenzione  all’u%lizzo  delle  nuove   tecnologie  digitali  e  mul%mediali.   •  1,7%  Editoria  e  altri  mezzi  di   comunicazione:  sostegno  alla  produzione  di   volumi  d’arte  e  pubblicazioni  di  qualità  
  103. 103. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   OBIETTIVI GENERALI DELLE POLITICHE CULTURALI DELLE FONDAZIONI L’intervento  delle  Fondazioni  con%nua  a   svilupparsi  lungo  diverse  direPrici:     ü   tutela  e  conservazione  dei  beni  storico-­‐ ar%s%ci  locali;   ü  realizzazione  di  interven%  catalizzatori  e   promotori  di  opportunità  di  sviluppo   turis%co-­‐  culturali;     ü  sostegno  ad  aYvità  ar%s%che  tese  per  lo   più  a  dare  impulso  alla  crea7vità   giovanile,     ü  creazione  di  sistemi  culturali  innova%vi   in  grado  di  offrire  opportunità   occupazionali,  in  par%colare  alle  nuove   generazioni.     Criteri  di  base  restano   ü  l’efficienza  ges%onale  e  la   sostenibilità,     ü  le  logiche  di  rete  sul  territorio,   ü  l’integrazione  dell’offerta   culturale  e  la  produzione  di   azioni  convergen%  al  fine  di   aPrarre  fasce  di  pubblico   sempre  più  ampie  e   diversificate.  
  104. 104. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   SOGGETTI BENEFICIARI I  beneficiari  degli  interven%   sono  is7tuzioni  pubbliche  o   en7  e  organismi  non  profit   che  operano  stabilmente  nel   territorio  per  il   perseguimento  di  finalità  di   pubblico  interesse.     • Fra   i   sogge"   priva7   si   evidenziano   le   seguen%   categorie  (des%nato  il  68%  degli  impor%  eroga%):   → Fondazioni  (27,4  %  degli  impor%);   → Altri  organismi  privaB  (16  %)  is%tuzioni  religiose   incluse   → Associazioni  (14.9  %);   → Organizzazioni  di  volontariato  (5,2  %);   → Coopera%ve  sociali  (2,1  %).     • Fra  i  sogge"  pubblici:   → En%  locali  (21,1%)   → En%  pubblici  non  territoriali  (Scuole,  Università,   StruPure   sanitarie,   Is%tu%   di   accoglienza   e   beneficenza,  ecc.)  (14,5%)   → Amministrazioni  pubbliche  centrali  (1,2%)   Fonte:  ACRI  2010  
  105. 105. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   MODALITÀ DI EROGAZIONE/ORIGINE DEI PROGETTI • Suddivisione degli importi erogati: ü 59,7 % iniziative che nascono da proposte di terzi ü 18,5 % progetti di origine interna ü 22 % erogazioni conseguenti a bando • Le erogazioni conseguenti a bando costituiscono una modalità intermedia di intervento tra l’erogazione e l’ideazione e realizzazione di progetti propri da parte delle fondazioni. Fonte:  ACRI  2010  
  106. 106. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   COME AVVICINARSI   Cura  della  relazione  creatasi     Verifica  dei  risulta7   ContaXo  direXo:  partecipazione  a  bando,  progeXo  interno,   presentazione   Elaborazione  di  un  progeXo   Analisi  dei  documen7  programma7ci  della/e  fondazione/i  selezionate   Iden7ficazioni  di  possibili  fondazioni  a  cui  rivolgersi  sul  territorio   Definizione  della  BUONA  CAUSA  
  107. 107. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   DOVE TROVARE LE INFORMAZIONI CHE CI SERVONO ü  STATUTO (nei singoli siti o nel sito dell’ACRI) Conosco organi, funzionamento, ambito territoriale dove opera la fondazione ü  PROGRAMMA DI INIDIRIZZO (dopo il 30 novembre di ogni anno) per l’anno successivo: si trova nei singoli siti ü  SITO ISTITUZIONALE: si trovano informazioni su persone in carica nei vari organi, dato fondamentale per una buona strategia di PR ü  REGOLAMENTO GENERALE
  108. 108. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   QUANDO AVVICINARSI La scadenza per presentare al Ministero dell’Economia il DOCUMENTO DI INDIRIZZO, dove sono indicate materie scelte dal consiglio di indirizzo della Fondazione per i 3 anni successivi, è il 30 novembre di ogni anno E’ bene iniziare a consultare i siti della o delle fondazioni alle quali si è interessati dopo quella data
  109. 109. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   •  L’importanza  e  la  qualità  del  progeXo   presentato   •  Il  budget  opera7vo   •  La  notorietà,  l’immagine  e  la   competenza  dell’O.N.P.   •  La  capacità  dell’organizzazione  di   u7lizzare  i  fondi  in  modo  efficace  ed   efficiente   •  Il  livello  di  beneficio  che  ne  deriverà  per   la  Fondazione  Bancaria     SU COSA SAREMO VALUTATI
  110. 110. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014    FONDAZIONI DI IMPRESA
  111. 111. @mar%nonimarian  per  #SPArcheoLab  13  giugno  2014   FONDAZIONI  DI  IMPRESA   Negli ultimi decenni si è diffuso in Italia il fenomeno delle Fondazioni di Impresa, entità autonome, nella maggior parte dei casi grantmaking. COSA SONO? Definizione convenzionale standard di una fondazione corporate (European Foundation Centre): •  fondata dall’impresa, •  risorse economiche prevalentemente derivanti da contributi annui dell’impresa, •  campo di attività affine all’area dell’impresa, •  attività prevalentemente grant-making

×