Your SlideShare is downloading. ×
Cè Del Marcio A Foggia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Cè Del Marcio A Foggia

257
views

Published on

Published in: Technology, Business

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
257
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. C’È DEL MARCIO A FOGGIA di ROCCO TRIVENTI- Dannati gabbiani.Tutta colpa di quegli stupidi gabbiani! -<<< REWIND………………………………………………………………………………………E’ così che Tobia scoprì quel posto.Viaggiare per non pensare. Era il suo bisogno primario.Non quello di viaggiare… quello di non pensare.Mentre vagabondava in automobile amava cantare.Rigorosamente a finestrini chiusi.Gli dava fastidio che gli altri lo sentissero.Lui non sapeva cantare, voleva solo urlare e scappare da tutti i pensieri.In macchina aveva fisso il cd dei Clash.Il primo, quello del 1977, anche se Tobia nel 1977 non era neanche nato.Una delle sue canzoni preferita era “White Riot”, e nel ritornello urlava…Rivolta bianca… mi voglio ribellareRivolta bianca… la mia rivolta personaleRivolta bianca… mi voglio ribellareRivolta bianca… la mia rivolta personaleEra fortemente quello il suo bisogno.Non ce la faceva più. Lo ripeteva sempre.Tobia aveva 24 anni e una compagnia di amici sbarellati.Cannabis e Borghetti… era il loro menù fisso giornaliero, il corso intensivo di collettivasolitudine serale.Da un po’ di tempo però Tobia non si fidava più di nessunoEra finito in un sistema di convinzioni ossessive a tema persecutorio.Ogni giorno, prendeva un po’ di fumo e diceva ai compari…- Stasera vado in quel posto... vado lì… a “Via da me” –Ci scherzava su.D’altronde dopo che la polizia l’aveva trovato con la roba addosso gli avevano tolto la patentee adesso poteva fare solo il ciclista.Era un periodaccio, e per non pensare aveva preso questa abitudine. 1
  • 2. Usciva dopo pranzo, inforcava la vecchia Holland nera di sua sorella Elena e se ne andava ingiro.In fondo cercava solo di apprezzare il panorama che la “guanocity” Foggia poteva offrirgli perdistrarsi dalle sue paranoie.La città non era tanto grande, l’aveva esplorata quasi tutta, e così quel pomeriggio di giugnoTobia decise di spingersi oltre, di andare verso l’aperta campagna.L’aria era radiosa, appena sospinta da un sussurro di vento.Gambe rotolanti, braccia toniche e occhi socchiusi sul cerchio di fuoco spalancato di fronte.Cera il grano, tantissimo grano, un immenso mare di spighe giallo oro così intense da fareinvidia alle pubblicità della pasta Barilla.In lontananza il rintocco abulico di un campanile. Don don don don…- Un altro vecchiaccio che se ne va - beffardamente commentava.Il silenzio era rotto dal caratteristico ronzìo cicalico che veniva fuori dal pignone della ruotaposteriore tra una pedalata e l’altra.Man mano che i palazzi si perdevano dietro la sua maglietta sudata, un salutare gas verdesaliva a irrorare i turbinati ingrossati dei pensieri del giovanotto scapigliato.Tracce di voci distese e perdute, flashback ingestibili di un pasticcio espressionistapsichedelico: miraggio di uno sferzante mini tour di mezza estate.Superato il lungo viale dove si appartavano le coppiette, Tobia proseguì per una strada isolatae giunse al primo ponte fuori città.Oltrepassato il ponte, alzò gli occhi al cielo e vide uno di quelli.Un gabbiano.- Un gabbiano a Foggia?! Che ci fa un gabbiano così lontano dal mare? – Meditò.E mentre cercava di darsi una spiegazione verosimile ecco che la risposta gli apparve in tuttala sua mastodonticità.Una montagna.Non era una montagna di roccia e sassi.No.Era un enorme cumulo di rifiuti… 50, 100, forse addirittura 200 tonnellate di spazzatura apochi chilometri dal centro abitato.C’era una puzza tremenda.Si respirava a fatica, ma sulla cima di questa immonde cloaca all’aperto, noncurante delleesalazioni nocive, si faceva notare uno stormo di candidi uccelli starnazzanti.- Evidentemente i gabbiani non ce hanno proprio l’olfatto - rimuginava Tobia.Ne aveva sentito parlare al Tg.Era la discarica di Passo Breccioso, dove il Comune di Foggia depositava provvisoriamente isuoi scarti urbani in attesa di trovare un’altra mastodontica latrina da imbottire. 2
  • 3. Ogni tanto, una volta alla settimana circa, sulla cima del monte si sviluppavano degli straniincendi, l’odoraccio aumentava e una coltre di fumo nero si riversava in città.Che cosa prendeva fuoco una volta alla settimana nella discarica di Passo Breccioso?Tra gli esperti si propendeva per l’ipotesi dell’autocombustione, determinata dal forte caldo edal vento sostenuto, ma c’era anche chi pensava alla mafia che smaltiva segretamentequalche rifiuto pericoloso.Tutto ciò era molto strano però.In pochi minuti, seguendo quel gabbiano, Tobia arrivò fino alla discarica.Il luogo era desolato perché momentaneamente non in uso.Un probabile quanto inevitabile pericolo di disastro ambientale aveva convinto gli assessorifoggiani a sospendere l’attività di raccolta rifiuti.- Tutto sommato è un bel posto per farsi un cannino…- pensò.Si inerpicò sulla recinzione dondolante e con un balzo si ritrovò dentro quel postaccio fetente.Una volta dentro, il naso di Tobia si assuefò al tanfo e presto non ci fece più caso.- E’ come quando entri in una stalla, dopo un po’ ti abitui alla puzza – rilevò.Salì in alto sulla montagna, tirò fuori una cartina, un tocchetto di hashish, rullò e cominciò afumare.- Bellooo!!! È così che deve andare…- bofonchiava.La sua folle discesa nella disillusione.Seduto su uno cumulo di languidi blocchi ricoperti di plastica, respirava laria inquinata cheproveniva dal sottosuolo e guardava fisso a ovest, affascinato dalle luci della città.Ogni tanto, a scatti, come un robottino, girava il collo e scuoteva la testa.Sentiva tutte quelle voci…- Mamma, papà, Elena, la fidanzata, gli sbirri, l’università, il lavoro, il grasso, il ginocchio, lapubalgia…Lasciatemi perdere…non ce la faccio più… io sono un maniaco depressivo… e non vogliopensare a niente!Chiuse gli occhi. Sospirò.Si fece un’altra canna.- Forse sono diventato pazzo. Finalmente ci sono riuscito! – Rideva.Ma cosa vuoi fare in questa cazzo di città?!I tuoi amici sono andati a studiare fuori e tu sei rimasto solo. 3
  • 4. Scendono a Natale, ti abbracciano felici ma dopo una settimana se ne tornano su.Se ne tornano di corsa e non si fanno più sentire.Tanto tu stai nella merda. Mica loro!Se qua non ti droghi devi impazzire per forza! O no?!Tobia era poco più che adolescente ma nelle sue regolari serate di ribellione giovanile avevagià provato e mischiato di tutto: Valium, alcool, roypnol, LSD, allucinogeni, sonniferi,oppiacei…In una festa aveva sperimentato anche un malefico cocktail di sua invenzione.La miscela micidiale era composta da Vodka, Vivin C, Redbull, Ritalin, Assenzio e pistacchitritati.L’aveva chiamato il “Volgarotto”.Ora la sua mente stava tornando a chiedere il conto.Schizofrenia.No, non una comune sindrome dissociativa.No. Era proprio una delirante vena che pulsava su per il cranio.Gli sembrava di avere un gatto nel cervello.Si. Avvertiva un fastidioso stridore come se allinterno della sua scatola cranica ci fosse ungatto che generava linsopportabile verso.Tobia si era smarrito nelle stanze squilibrate dei suoi pensieri e ormai si era fatto buio.Ad un tratto gli parve di sentire una voce…Si sentì chiamare…Guardò in alto e gli sembrò che un gemito provenisse da un varco tra le immondizie.Si avvicinò alla fessura, si chinò e vide un bagliore giallo e rosso che cambiava colore.- C’è qualcuno lì? Chi c’è? -Si sentì chiamare ancora……Ehi... Tobia… Vieni… Vieni…Entrò nella cavità e si sentì invaso da una calda energia meravigliosa.- Forse dentro questa montagna di rifiuti si nascondono gli alieni, ecco perché una volta allasettimana si verificano strani incendi – ipotizzò- Forse sono venuti qui per salvarci… ci ricaricano di energia vitale… quando non ce lafacciamo più… quando siamo al limite… si… sono loro…me lo sento… –La testa ora gli sembrava vuota e leggera.Si sentiva meglio senza quelle bolle ripiene di pensieri pesanti che rimbalzavano sulle pareti.E poi era tutta un’altra cosa senza le urla di quel gatto maledetto.- Sono solo. Io ed il silenzio dei gabbiani che non ci sono più! -Finalmente niente più voci nellaria, ora non aveva più bisogno di alcool e droghe. 4
  • 5. Su di un proscenio fatto di fuliggine corrotta e infiammata da un tramonto tossico, in unsubisso di scarti e residui decomposti e ricomposti, bruciati e ricompattati, Tobia avvertivauna trascendentale sensazione di benessere che portava a termine il suo piccolo viaggio.Nella sua notte angusta, strafatto e inconsapevole, alla ricerca di un dolore perfetto, diluitonel suo abbraccio sorridente, unicamente per fermare le voci, Tobia si addormentò persalvarsi da tutti i pensieri e per ritrovare se stesso.FAST FORWARD>>>>……………………………………………………………………………………………..- Pronto… Buongiorno assessore… sono Gianni, il custode della discarica…si, volevo dirle chestamattina ho trovato un’altra bicicletta vicino la recinzione.Si… E’ la quarta questo mese… e sono tutte nuove... chi le viene a buttare deve esser proprioscemo.... Non li capisco proprio.Ah… assessore… stanotte la gente a Foggia ha sentito di nuovo quella puzza tremenda… deveessere qualche gabbiano finito nel fuoco.Vengono attirati dai colori, arrivano sulla cima, rimangono storditi dalle esalazioni e finisconobruciati vivi.E’ un peccato… sono esseri così belli, bianchi, splendenti…e invece di volare in alto nel cielovengono a morire da soli nell’immondizia…-- Dannati gabbiani!Tutta colpa di quegli stupidi gabbiani! - 5